Skip to main content

Full text of "Spicilegium romanum .."

See other formats


10 






FICILiEeiU 



R O M A ]\ U M 



Digitized by the Internet Archive 

in 2011 with funding from 

University of Toronto 



http://www.archive.org/details/spicilegiumroman01maia 



S P I C I L E G I U M 

B, O iX ^ M W M. 

T O M U S I. 

* 

VIRORUM ILLUSTRIUM CIII 

QLI SAECULO XV. EXTITERUNT 
V I T A E 

AUGTOHE COAEVO 
VESPASLirVO FLORE.>'TLW. 



PRAEIT BERNARDINI BALBl DE SCRIBEIVDA IIISToniV 

^ > V 

TRACTATVS»^ \ 




ROMAE 

T Y P 1 S C O L L E G 1 1 U R B A N I 
M, DCCC. XXXIX. 




/SM 



EDITORIS PRAEFATIO. 

I. V^uandoquideni niliil in orbc terrarum splen- 
ilidius lucet , niliil uberiorcs adfert homIni!)US uli- 
lilatcs , quam virtus atquc doclrina , idcirco iis po- 
tissimum scriplis dclectari acquum cst , caque iu 
publicam luccm libenlius adducere , quac virtutcm 
suadent ct doctrinam augcnt ; id quod nobis in his 
vulgandis Spicilegii romani voluminibus , adiutorc 
Dco , propositum est. Quia vcro ad recte mores in- 
stilucndos 5 et ad suscipiendum sapientiae studlum , 
nos prae ccteris stimulis permovere clarorum in 
utraque laude virorum exempla solcnt , ab his vi- 
delicct proponcndis inchoandum esse videtur. Quid 
cnim , V. gr. utilius apud Graecos Plutarchi vitis 
parallclis , apud Latinos autcm Ncpotis imperato- 
ribus , Svetonii Spartiani et Capilolini Cacsaribus , 
deraptis tanien vitiorum portentls , Valerii Maximi 
dictis ac factis mcmorabllibus ? Tum si unius homi- 
nis historiam spcctcmus, xcnophontea Cyri instltulio 
pcrfeclura rcgcm creat , Taclti de Agricola commcn- 
tarius civcm optimum fingit , Curtli hlstoria Impe- 
ratorein maximum exhibet. Mitio iam rcllquos ethni- 
corum biographos Lacrtium , Philostratum , Euna- 
pium , Limblichum , Porphyrium , Marinum , re- 
liquos , qulbus tamquam pabulo crudlti fruuntur. 
Enimvcro quera nos sumus in hoc llbro biographum 
dcscrlpturl , cum ncquc fama cum prlscis , neque 
scribendi facultate comparandum esse fatemur. Quod 
tamcn ad complures eorum adtinet , quorum vilas 



Vr EDITORIS 

scrihlt , ii tol taniquc oxcellentiiim virtiitiun orna- 
nientis enitent , ul quosvis priscos a nostris sacris 
alienos necessario siiperent , doctrina etiani interduni 
prope aecjuiperent. Atque ut exeniplorum vis latius 
pateret , varias illustrium liominum classes comple- 
xus est auctor , ita ut Pontifices niaximi , S. R. E. 
Cardinales , Episcopi , Reges ac Principes et bello- 
rum' duces , rerum publicarum adminislralores seu 
pragmatlci , honarnm denique doctrinarum cultores, 
ad imitandnm propositi sinl. Neque hi longe a nar- 
rantis aetate aut cognitione remoti , sed qui uno eo- 
demque aevo vixerunt , plerique immo scrihenti noli 
ac familiares , ita ut rerum fides numquam nutel. 
Et Eugenii quidem ac Nlcolai PP. gesla facile de- 
monslrant nusquam magis aut pronius quam apud 
romanos Pontifices doctrinae patrocinlum ac praemia 
fuisse ; quod in Pogii vita p. 547« disertis etiam ver- 
bis adfirmatur. Pone sequuntur rex AlphonsLis , dux 
Federicus , et Cosmus Mediceus. Florentinae vero 
urbi , unde orius est Vespasianus , et politissimae 
genti etruscae , ex qua multos egregios viros com- 
jnendat , novum hinc decus accedit. Quanta enim 
fuerit politicorum negotiorum in florentina repubiica 
scientia, quanlus fervor liberaiium studiorum, quan- 
ta humanitas atque civih*las , quantum ea tempora 
unius civitatis industriae exemploque debuerint , 
quantus potissimum religionis christianae cultus 
amorque ibi extiterit , e'x his vitis hiculenter cogno- 
scitur. Sed ad llbri descriplionem progrediamur. 

II. Anle hos annos in abundantissuna vatlcanl 
palalii bibliothec-i codicem videram tres supra cen- 



PRAEFATIO. VII 

liiiii M'roruni lllustrium vl(as ooriliiiontcin , italico 
sennono puro , aucloro Vospasiano florcntino , qui 
suain onmem iucubrationom inlra saeculi quinti de- 
eimi Hnes concludil. Ilas ogo vilas quum idemticlom 
lectiiarem , mirabar ingenuam orationis simplicita- 
lem , veritatom rerum , recle factorum diclorumque 
multitudinem , ipsiu.s donique historiae gratam sae- 
penumcro novitatem. Et Vespasianus quidem olim 
in litteraria republica propomodum ignorabatur ; vc- 
rumtamcn post edilam eius nolitiam in praefatione 
florontina an. 1734. ad Pandolpbinii do rogiminc 
famih*ae tractatum , multoque magis post curiosio- 
rem de Vespasiano eiusque scriplis indaginem a cl. 
iMehusio institutam in praefatione et vita Ambrosii 
camaldulonsis , modeslus hic et probus veraxque in 
primis historicus satis innotuit. Quam ogo nolitiam 
ut compendio roferam , exploratum est Vespasianum 
fuisso Philippi filium , civem florentinum ; nam I3i- 
sticcii , cou gontis suao vel patriac nomon a non- 
nulHs ipsi adfixum , fabulosum Mehusio est. Js ar- 
tom quidem iibrariara professus fuit, sic tamen hanc 
raorcaturam exercuit , ut manuscriptoruin librorum 
diligentissimus investigator et iudex in florentinis 
monumontis dicatur : quare ad cuiii niultae scriplao 
fuerunt a lan. Manelto , lac. Acciaiolio , et Nic. IV 
rotto aliisquo do librorum conquisitiono ct einplione 
iitterao. Cosmus autem sonior Mediceus oodom uto- 
balur ad instruendas quas Florentiae moliobatur bi- 
bliotliocas ; quam ob rera ad diversas quoque Etru- 
riae urbos Vospasianum librorum mangonera dimit- 
tebat. Idem insuper in Aleandri Cardiualis epistolis 



VIH EDTTORIS 

hihliopola Nicolai 'V* PP. (licitiir. Denlque et bi- 
(lelli litulo quandoque appellalur , quod erat utile 
ut puto in florentlna republica oDficium. ITaec fere 
Mebuslus , qui mulla ctiara ex Yespasiani scriptis 
(lecerpta fragnienta sparslm recltat. 

U\. Sed enim qula nos Vespasianum nunc tan- 
dem luce Jonamus , sane par est ut eiusdem noti- 
llam ab Ipso , id est a nostra cdillone , in primis 
liauriamus. h erat Florenllae puer p. 174. quo tem- 
pore Ycrsabalur ibi Card. Caesarinus , qui baud ante 
annum t4-'0. purpuram sumpsit , et anno .i444. ii^ 
llungarla caesus interiit ; a quo rogatus num dare 
sacerdolali mlilliae nomen vellet , negavit modeste 
Vespasianus. Illo Item tempore Eugenium papam se 
FJorenliae viJIsse aifirraat p. 18. Jam Tboraara sar- 
zancnsem, postea iMcolaura 'V* , eadera in urbe non 
semel couvcnit , elque etiam pecuniara a Cosmo Me- 
dlceo impetravit p. 36. 38. 348. llursus eundera ]Ni- 
colaum vix adiio pontilicatu Horaae adoravlt , a quo 
proprio norainc blande compellalus , hospitio exce- 
ptus , mensae adhibitus , familiari araicoque collo- 
quio recreatus est p. 4^- -43. Sine dubio auteili bi- 
l)liotheca illa maxima , quam Nlcolaus in vaticano 
palatlo condere coepit p. 49 ? adiutorcm collatorem- 
que habuit Vespaslanum , siquidem ut nuper dixi- 
mus , hic Nicolai bibliopola erat. Quarc et dolorem 
suum Vespasianus de dislractis postea per CaHistum 
PP. , ut fando audlii , -vaticanis codicibus , dissi- 
raulare nequivit p. 284- Urhlnati se certe blblio- 
thecae creandae interfulsse , ipsemet dicit p. 129. 
Ouod idem de fJorentina PP. Praedicatorura ad divi 



PRAEFATIO. IX 

Marci Fabronins tcstalur in Cosmi vita p. i35. Po- 
strcmo de amplissima laurentiana discrtis verbis Ye- 
spasianus confirmat apud nos p. 33!5, ciiius instruea- 
dac impcnsis maximis quum in eiim curam oinnem 
Cosmus transtulisset 5 ipse 'XLV' simul lihrarios scri- 
bendo festinandoque opcri adhibuit p. 335. Nec du- 
bito quin pisaurensem quoque Alcxandri principis 
bibliothccam iuvcrit p. i^S. Denique bibliothecis 
episcoporum quinquccclcsicnsis , strigonicnsis , colo- 
censis , elyensis , Cardinalium quoquc Brandae , 
Mcndozac, ac Lusitani, nec non wigorniensis ducis, 
ct Olsii angli protonotarii , et Gusmani bispanici , 
symbolas eum contulisse , cx ipsorum vitis satls ar- 
guitur. Hinc Vespasianus titulo providi in codicibus 
aliquot insignitus legitur , teste Melmsio pracf. p. 96 , 
quia scilicet ditandis libraria supellcctile bibliothecis 
providam operam impendebat. Peregrini pracsertim 
locupletes homincs , qui Florcntiam studiorum causa 
vel visendae urbis pulcherrimae adibant, Vespasiani 
industria ob describendos comparandosque libros uti 
solebant , qui humanilalem suam deducendis quo- 
que pcr urbem advenis , concihandis amiciliis , ope 
etiam quandoque iuvandis cxpromebat p. 212. Soy. 
3i6. 525. 568. Puirimoium ergo gratia et fami- 
liarltate floruit , puta NicoJai -V* , Federlci Urbina- 
tium dueis , cuius , nec non Cardinalis kisitani , do- 
mesticarum virlutum testem se ocularcm fuisse ait 
p. 94. 1^5. 206 ; Cosmi item Medicei famiharis fuit , 
et lannotii Manetti , a quo lltteras his verbis acce- 
pit ( apud Mchusium p. 372.) tibi egregio et pe- 
culiari amico fios/ro ; nec non Leonardi aretini , 



X EDrroRis 

Amlnosli camaklulonsis , Sozomeni pislorlensis , ut 
satis conslat , ct bonorum aliorum Floronliae civiiim 
Jitleralorum. Cum Sacchetto quidem iuniore versa- 
tum se convivamque fuisse , nobis significat p. 63i. 
Victorinum quo<:jue feltrensem Florentiae vidit et 
saepe alloculus est p. 6^6. Multoties dcnique adfir- 
mat , SG quas rcs et bomines coramentariis suis com- 
ple^titur , plerumque vidisse , parlim Tcro a relato- 
ribus fide dignis accepisse , veluti Alphonsi regis 
piissimum obitum ab cius qui interfuerat confessa- 
rio , et alia huiusmodi. 

IV. Sed quia iam inltio innui , me Vespasiani 
cditionera , \irtulis praescrtlm amore suscepisse , se- 
quitur ut breviter de raoralibus ornamentis ipsius 
auctoris et operis diccndum esse yideatur. Profecto 
Vespasiani rcligio surama et honesti mores ex bis 
scriptis undlquc eluccnt. Atquc banc laudcm lan. 
Manettus apud Mehusluni p. 872. iamdlu nostro , 
laico licet bomini , dedit , ncrape eum habuisse sin- 
gularem quendam et praecipuum divinarum re- 
rum gustum, A novo amicoque ponliSce Nicolao 
nihil , etsi obiatum , ob suam modestiam recepisse , 
ipseraet Iradil p. A3. Quantopere vero abstinentiam in 
maglstratibus adaraarct , vita Phllippi ab eo scripla 
denotat p. D08. Suum denique erga patriam patrias- 
que institutlones araorera in quarta vitarum classe lu- 
culenter Jemonstrat. Sed enim sini infinltus , si forle 
velim honcslatls eius docmnenta atque indlcla, quae 
pluriraa sunt , tx his scrlptis sedulo excerpere. Quip- 
pe forma narrandi ac iudicandi , haud raro aucto- 
ris iraago est. Quld crgo apud Vespasianum passim 



PRAEl ATIO. XI 

laiKlatiir? Nempe iiistitia , dignitas , splendor nio- 
riim , ac munificentia in Pontificibus ac Princij)Ibus 
seu ecclesiasticis seu saecularibus ; gravitas , labor , 
eruditio , humanitas in praelatis ceteris ; civilitas , ae- 
quitas , patriae sludium , prudcnlia ac liberalilas ia 
magistratibus ac locupletibus ; industria , modeslia , 
cbaritas , rectitudo et sanitas dogmatum , vilaeque 
simplicilas , in bominibus doclis ; quorum tamen 
quotquot sua aetate efTrcnato more ingenioque ac 
lingua fuerunt , aut prudentcr vitia dissimulat , aut 
pie non tam increpat quam deplorat , et quidem ex- 
iinctorum aliquando, vivorum numquam. Multa quo- 
que apud eum commendatio est piarum ad Deum 
precum , ieiuniorum , eleemosynarum oblivionis in- 
iuriarum , pudicitiae , contemptus honorura mun- 
danorum. Fortunae inconstantiam saepe ob oculos 
ponit , gravia monita vitae agendae suggerit , pias 
vero ac beatas multorum mortes grapbice narrat , 
veluti duorum Pontificum , et Alphonsi regis , A. 
Acciaiolii, Pbilippi ab Hugolino dicti , Nic. Nicoli , 
et Velasci lusitani. Atque ut felices dilaudat o])itus , 
sic dubiae spei atque eventus incerti mortes sura- 
mopere extimescendas depraedicat. Quis rigidas vir- 
tutes Cardinalium Albergati , Caesarini , Caprani- 
cae , ac Lusitani non admiratur ? alque insuper sae- 
cularium hominum Donati Acciaiolii , Victorini fcl- 
trensis , Pauli magistri ? Lepiduni quoque aliquando 
stilum non insuaviter adbibet , veluti in illa de le- 
gatis senensibus narratione p. 79. et 80. Omnino 
qui sex Principum vitas prima operis parte scri- 
ptas , ac deinde in partibus reliquis gesta sanctorum 



XTI EDITOmS 

Anlonini et nernardini , civium clarorum Cosmi Mc- 
(licei , Pallanlis Slrotii , Angeli Panclolphinii , lac. 
Manctti , ct similium aliquot , attente legerit , non 
indignum boni liislorici laude ac nomine Vespasia- 
num iudicabit. 

V. Etsi bactcnus hunc auctorem non immcrilo 
ut spcro laudavi , poslulat lamen veritas , ne stili 
eius ruditatem ac cetera componendi scribcndique 
vilia rcticeam. Ipse in primis , utpote bomo profes- 
sione et arte Jibrarius , imparem se componendis , 
prout suae aetatis docti faciebant operibus , sponte 
fatetur p. 4. hene che ( lo scrivere ) sia alieno 
dalla mia professione ; quam cetcroquin cius mo- 
desliam lan. Manettus epistola ad ipsum dala , apud 
Mebusiuju p. ^72, ita refelnt : sei dotato dibuono 
ingegno piii che non si richiede alV arfe, In pri- 
mis certe reconditam illam exactamque litteraturae 
philosopbiaeque scientiam in boc bomine desiderari 
non est mirum , qui septenarium , ut ipse loquitur , 
liberaliam artium stadium in pueritia fortasse non 
decurrit , ac rei ut opinor familiaris penuria char- 
tariam inter amanuenses artem codicumque mer- 
cimonium egit , homoque bumilis et officiosus po- 
tentioribiis quotidie obsequendo tempus trivit. Est 
igi(ur eius elocutio in codicibus horridiuscula oppi- 
c!o et incomposita , omni scbolae artificio carens , 
tiifficih*s quandoque et confusa , nec cum gramma- 
ticae canonibus ubique consentiens : frequens etiam 
rerum verborumque epiihetorum praesertim iteratio , 
coior idem sonitusque idem imaginum ae sententia- 
rum ,• relativa particula 6'//^ passim neglecla ( quod 



pRAErATio. xm 

et alii illiiis ae\i faciiinl ) , niilla fcrc orlhographla , 
rara intcrpunclio , propria vero noinina saepe cor- 
rupta , non mcdiocris donique copia soloecisniorum. 
Nihilo lamcn minus , ulpotc civis flon^nlinus , cl 
suae patriac venustate naturalitcr inibutus , lcctioni 
eliam scriplionique bonorum auctorum artis suae 
gratia assuctus , vocabulis ubique puris utitur, phra- 
siquc paritcr ad rectam Etruriae consuetudinem sem- 
per exacta. Itaque et hunc glossographi inlcr pro- 
batos nostrae linguac auctorcs , ut puto , rcponent. 
Ne temporum quidem ordinem in narrando sequi- 
tur ; ncque ortus obitusque hominum , de quibus 
scribit , epochas adnotat ; quod sane molcstum iii 
historia vitium est. Mihi cerle ut Vespasianum mul- 
tis scripturae mendis purgarem , ct paulo comptio- 
rem lcctoribus exhibcrem , valdc fuit iaborandum ; 
sine qua cura nec iucundus futunis erat , interdum 
vcro neque tolcrabilis. Immo et illud moneo , cen- 
sorlam quoque notam Vespasiano aliquando fuisse 
adfigendam : honesto enim et pio ceteroqui viro , 
pauca quaedam et rara vel incaute vel ob acerbas 
iilorura temporum inimicitias et bclla exciderunt ; 
quae nunc praeteriri satius fuit , cum christianorum 
paci , et finitimorum amicitiae appuime studemus , 
famae deniquc summorum virorum , reverentiac 
causa et civilitatis , parcendum putamus. Quamquam 
autcm Vespasianus in libro suo dignitatibus homi- 
num priorcs sedes plerumque attribuit , ipsam qui- 
dem operis in quinque partes divisionem ac distri- 
butionem nos curavimus , qui tamcn in quarla quln- 
taquc classe non scmcl dubitavimus , quia idem in- 



XIV EDlTOmS 

lerdum liomo liim ad politicani pertlncbat Gonditlo- 
ncm liim etiam ad lilterariain. 

VI. Age iam doclos homincs , qui Vespasiani 
memincrunt , non omnes quidem scd praecipuos no- 
minenuis. Sunt autcm fere hi i. Panvinius in ca- 
talogo auclorum quibus usus est ad fastos vitasque 
Pontificum adornandas. 2. Bern. Baldus in catalogo 
item auclorum quorum scripta legit ob componen- 
dam Federici urhinatis vitam. 3. Ugheliius in epi- 
scopis llorenlinis , fesulanis , senensibus , grossetanis , 
voLiterranis , patavinis , qui veracem sincerumque 
historicum dicit. 4- Niger in scriptoribus florent. qui 
de eo parum emendate loquitur , Vespaslanum Stro- 
tium , virura nobilem ac poetam , cum biographo 
nostro confnndens. 5. Conslantinus Rogerius ia syl- 
loge testimonlorum de B. Nic. Albergato. 6. Augu- 
stinius in scriptoribus venelis T. I. p. 2i4. 7. Fa- 
bronius in vita Cosmi Medicei p. i35. 8. Bandinius 
specira. litt. fior. p. 71. cura Vespasiani parlicula ; 
nam Pandolphinii florcntinum editorem , et Laur. 
Jlehusiura , diu de Vespasiano loquentes iam memo- 
ravimus. Sed duo Vespasiani elogia sunt praestantis- 
sima , quae licet in iibris cognita , heic tamen ut 
proprio in loco suoque terapore , dum eius prae- 
cipuum opus vulgamus , recitari omnino debent. 
Unum est Sozoraeni pisloriensis , quem noster Zem- 
binum vocitat , praeclarum testiraonium ex eius ms. 
chronico a Mabillonio in itin. ital. p. 172. decer- 
ptum , quod ila se habet. cc Haud te , Vespasiane 
» Hbrarie , urbisque florentinae civis , silcntio prae- 
)) terire in huius piimi volurainis calce mihi est 



PRAEFATIO. XV 

)) coiisilium. iSaiiujiie si Cicoronis coactaiuuis fuis- 
)) scs , te peroptime tli^^nmn suis aureis litleraruni 
) monumcniis decorasset , immortalemque lccisset. 
)) Tu profecto in lioc nostro dcteriori saeculo lie- 
:d braicae graecae atque latinae linguarum , omnium 
)) voluminum dignorum memoratu nolitiara , corum- 
)) que auctores mcmoriae tradidisli. Quam ob rem 
y> ad te utique omnes romanae atque aliarum ec- 
)) clesiarum pontifices , reges , principes , aliique 
)) triuni linguarum erudili , si humanitalis eogni- 
)), tionem cupiunt , grcssus suos dirigunt. Ego au- 
)) tem ipse , ut pro veritate loquar , auxilio tuo in 
y> doctorum virorum documentis ab cis relictis po- 
)) iissimum usus sum ; quorum multa mihi a ie de- 
)) monstrala, ac dcinde diligenter perquisita , in hoc 
» primo nostro volumine conserui. Esto ergo im- 
)) mortalis , ut ita dixerim ; dummodo haec mea 
)) scripta , satis inepte pro ingenioli mei facullate 
)) prolaia , tu etiam pcrmanebis. j) Dicet aliquis So- 
zomeiium \espasiani amantissimum , cui petenti 
cbronici quoque sui inedilum exemplar concessit , 
gratiae et amicitiae viventis viri paulo abundantius 
litavisse. Sed ecce nunc Muratorius ( a quo iam lau- 
dato viro laudari perpulcrum cst ) trihus fere post 
Yespasiani obiium saeculis , dum duabus , ut infra 
dicemus, vitis praefaretur R. I. S. T. XXV. p. 25r. 
ita locutus est. (c Harum vitarum auctor Yespasia- 
)) nus , de solo nomine nobis notus. Omnia haec 
)) multa cum simphcitate scripta , seJ quae magni- 
)) ficam aliorum eloquenliam pretio superent. Jirat 
:>) enim auclor non tantum synchronus ., sed et eo- 



XVI EDITORIS 

> riini quae narrat salis conscius , ita ut colorem 
)) veritalis ubique eius verba prae se ferant. Equi- 
)) dem haec legens , et certe non sine voluptate , 
2 unum tamen dolui , nempe breviorem esse nar- 
:s) ralionem quam vellem , et excidisse vitam Al- 
:d phonsi •!• Siciliae et Neapolis regis , cuius itidcm 



D a se compositae auctor ipse meminit ; nam prae- 
)) stitisset eam accipere ab homine , qui iustum pre- 
)) tium rebus statuere videtur. Sed quando iacturam 
)) eiusmodi reparare non licet , hisce paucis saltem 
)) lector fruatur. )) Haec Muratorius , qui alphon- 
slanae quidem vitae iacturam frustra lugebat, quara 
nos inventam cum ceteris luce donamus. 

VII. Sed iam tempus est ut de codice valicano 
et de editione nostra dicamus. Etenim primo con- 
stltueram , modicam illam vitarum parlem omittere 
quam alii ante me vulgaverant : verumtamen quum 
ex tribus supra centum vitis , sex tantummodo edi- 
tas comperissem , consultius visum est cunctas simul 
libro meo comprehendere. Sunt igitur vitae antea 
editae I. Eugenii PP. a Muratorio , suppeditante 
Mehuslo , R. I. S. T. XXV. p. 25i. II. Nicolai PP. 
ab eodem tom. cit. p. 267. III. Gard. Cesarini ab 
Ugheliio inter episcopos grossetanos , quae falso in 
florentina ad Pandolfmium praefatlone , dicitur ab 
Ughelllo facla latlna. IV. B. Nic Albergati in syl- 
loge testimoniorum de beato viro apud Bened. XIV. 
de canon. SS. T. VI.- p. i65'. V. A. Pandolfinii 
quae fuit praeposita praedicti Pandolphinii operi de 
famlliae reglmine. VI. F. Phllelphi in brevi libello 
Romae an. 1775. Nam quod Laurentius Cardella in 



PRAEFATIO. XVII 

commcnlarlls de S. R. E. Cardinalibus T. III. p. i3. 
ait vilani quoquc Card. iJrandae a Mchuslo fuissc 
editani , vldclur mlhi intclllgcndum dc illls lanlum 
parliculls , quas idem Mchusius pracfatloni ad vVin- 
brosium camaUlulcnscm sparsim inlcrscruit. Erant 
igilur adhuc incditac , quantum cgo scio , vitac 
prorsus •XCVII" Porro quam rccte vcl secus scx 
illae apud pracdiclos edilorcs imprcssac-exlcnt , no- 
lo iudicare , quum eac In omniuin conspcctu sint. 
Ccrte codices non parum inter se variant , id quod 
cgo ex cditione pracscvtlm florentina vitac Pandol- 
phinii cum romano codice conlata cognovl. Quam- 
quam vcro vatlcanus prae ceteris cst plcnissimus , 
unam ccrtc desiderat vitam Bartholomaci Forlinii 
quae in florcntinls codlclbus supcrest , ut pracfatio- 
ncs tartinlana mehuslanaque p. 22. ct 99. docent. 
Nec miror ; etenim quas narrat Mchusius p. 97-99. 
collectioncs manuscriptas quatuor , cac vitarum nu- 
mero intcr se] differunt. Quin ctiam in vaiicana bi- 
hliotheca alterum ego nactus sura codiccm Vcspa- 
siani , qui nihll allud quam sex S. R. E. Cardlna- 
lium vitas contlnct. In praefationc quoquc tarlinlanl 
libri , codlccs aliquot imperfccti numerantur , nec 
non duo prologi ad Nicolaum Pandolphlnlum episco- 
pum pistorlcnsem , et ad Lucam Albitlum , quorum 
postrcmus apud Muratorium tom. cit. extat ; in va- 
ticano codice non. itcin , sed allus paulo iongior , 
quem nos edidlmus. Scntcnlia quidcm uhiusque pro- 
logi cadem fere est , verumtamen prologus ad Al- 
bitium recentior est , quia vitam quoque Eugenii PP, 
et quidem primo loco se pone e ibidcm dlcit auctor. 

b 



X ^ III KDrTOlUS 

Quae auteni ijcculiaritei- iii boc ad Albilium proloi^o 
(licit, liacc (anUimmodo suiit. Posto cK ehbi Jine 
alle deile vile , pensri a chi io lc dovessi indiriz- 
zarc . clie avesse Lanto fjiudizio , e che (justasse 
ianta falica, ^on. irovui niano , nel quale fussino 
tunle laudahili ( ondizioni (/uctnte sono in te, In 
prinia per essers lu naio di nohilissinii parenti , 
cjumii sietw staii^ e sieno in Firenze. /Ujyiucjaesi 
r esser iu non meno nohile di costuni e d' injiniie 
virtii , che s acjijiwjne alla nGhiltii delia casa iua , 
conie c dcito ; e come si vede , la casa tua ii 
slatci quella clic sempre lia aiteso a conservarc 
il huono siaio della sua ciiici. Deiie vite non diro 
nulla . perchii legyendo (juellc , conoscerai (juanta 
forza ahhino avuio le loro sinjulari viriii. Si clic 
adwKjue ccn huono e lieio animo riceverai (jue- 
sto mio picciol dono , ii (juale henchc in veriid 
sia jnccoiissinio , iu dehhi riceverlo aliejramenie , 
perchii dal iuo puro e vero antico ( e siaio man- 
daio. Quarlus prologus ad Fcderiei ducis vitain ia 
maiore couice vaticano decsl ; invenlus cst lanien 
in minorc quodam urbinate , (]ui vilam illam unice 
coiiliiict , (juia nempe esl ipsum exemplar quod Ve- 
.'•pasianus auelor ad Guidum Fc lerici filium misit. 
(Juintus denique j)iologus memoralur iii tartiniano 
libro el a jlebusio p. 20, ad Laurentium Carduc- 
cium a Vespasiano scriptum die 10. iulii an. i-i^S; 
quae scriptura est apprime nolabilis , quia demon- 
slrat , historicum nostrum usque ad illum certe an- 
num viUim prorogasse ; iam tanien scnem : namque 
ex iis quae ipse dicit de pueritia sua in G:trd. Gae- 



'•nA,,K,r.a 



sari.u vila , co.ueciare licel , pu.lo fo.-lasso po.t'.r,. 
'Him 14.20. fu.Vsc ,ia[uin. 

Vflf N..nc dice:idum sapc.-es , i„ vatica.iis co- 
dcbu. des.clera.i, c,uanlu,„ hac(e„us viJi , libelUuu 
alleru.„ Ve.pasiani , ..alico aeque s.r,„oae coavK, . 
um , de dla,lnbus seu luude di^nisfimin^s , „ue;a 
lari.n.ana praefalio „ec „oa Jl.husius p gg Fi> 
.enl.ae inter codices .•icca.lianos conserva.faiu"; 
ac reapse a.„.a„as calalogus p. 3^.. sub no.is S 

dica.„ dc fe™ina,.u,„ Vetera: W Lt ^i^r' 
et nl,a,-u,„ e,b„ica.-ua, , ,,as hauJ scl ... 2^ 
b'l'. H.d.c,o ct cxpiorala scienlia Vcsoasi-m„ 
>^cr.pser.l, flore„,i„as certe feminas. cT o evr.d""' 
- ; ..pnncipes iUas Paula.„ 3Iala,csta::,1 !,; t; 

perbene ipsu,„ il!usl,.a4 ^i' ii^br"'""?' ' 
Fopriu.„ ac p..ope Ingc„ilu.„ v:;;;^ '"7^- 
sl.an.s do,„esticiscjue vi,.;„hbus e.po..c-"dis n. 

anno 1I80 . r.. • ' %'J''";""m urbein 

,ZJ,n 1 "P"§"ata.„. .\u„c ut ad huo. 

a la„c . prope..c.„, cxcusatum ,„e a ben.gni. lecto 

o i o t"v,,rr ^^^ "p"^ -n,„:„ta,: i . 

or.co cf pn.iolog.co i,o„„isi raro sh„ coaiitatus 

er::";;^!^'^'*f"'^^-'--ided,fd^^^^^^^^^^^^^^ 

, qma pe, ..ugulas prope paginas.nnler/a.^ a„- 



KX EDITORIS 

sainque scholiis Vespasianus praebcbat. Milto Euge- 
nium ponlificeni quem a gravitale morum et saii- 
ctilale biograpluis noster competenter commenclat : 
quamquam cius ponliflcatiis magnis tum civilibus 
lum ecclesiaslicis molibus agilatus pleniorem hislo- 
riam postularct. De Nicohio -V* PP. multi sane mul- 
ta commcntati sunt , praecipuc Manettus , Platina , 
Rubeus , atque Georgius , qui postremus quamquam 
plurima ex: vaticanis monumentis hausit , haud pau- 
ca tamen indicta , ut reor . rcliquit , quae diligen- 
tiore adhuc commentarlo exponenda forent , ope 
pracsertim tol incdilarum NicoL^i littcrarum quae 
lum in bibHolheca tum in aichio vaticano servanlur. 
Enimvero pontifex tantus Nicolaus extitit , ut sem- 
piterno exemplo fLiturus sit : vir moie simplici ac 
puro , ingenioque clemente praedilus ( quod est ho- 
minis maxime proprium ) beneficiorum memor , in- 
iuriarum obliviosus , bonorum studiorum amore in- 
flammatus , sapientiae omnigenae cinnus, liberalis , 
magnanimus , virtutis atque doctrinae patronus uni- 
versahs. Merito igitur ad hunc Pontificem opus suum 
misit Timotheus veronensis , editione non indignura , 
quod inscril)itur : in sancUun ruslicitaieni liltcras 
impugnaniejn, Cui sententiae adstipulantur antiqui 
canoncs , qui a nobis in sexto Spicilegii voluminc 
p. 4^1 4. ex nobiU vaticano codice depromendi sunt. 
Is denique est tranquiiUssiinus Pontifex qui pacem 
italicam diu firmavit , ad quam inagnis sacramcntis 
cunctos principes civilate^que comj)ulit , atque ab 
ortu pontificatus nulh*s se uimjuam armis , praetcr 
quain Domini sui cruce , usurum dcclaravit. Idem 



PTIAEFATIO. 



frionc v.gcns susluht , ^^ *''"",. ^,^„, ,ationc in 
-cordata elcctlonum ^^^^.^ ^^ 

libris aiviliis cumulav.t , ''.'Sn^ ^^ l 
loli orbi rcvcrcndissu.am su.s >- uUk. c 

Alphonsi rcgis vitam ^'«--'^^nis tlmn potissi- 
stro P-bcne -f ^,;,^;;!: ^^^t rspl™'. Scd 
mum monumcntis lUustia.um ir , i^g 

enim Fcdcricum Urbmi pr.ncpc™ , ^^ °^^ ,^,,^,, 

^"-''^-^tfnr2r-:tLct.Quoa 

testimomis rcferta , nobis udc cniscopo , 

HgX a Ycspasiano , strictc vero a WWrn^B 
Facio in clogiis , cloquentcr dcn.que e cop.osc 
Fabronio soUemni volumine commcndatus fm . b 
cr^o ad hos vel hulusmodi locos co.nmentarL vo 
luLcm duo tum demum vilarum harum , pro uno , 
Xina confccissem ; quod Mchusio reapse acc 
dit qui dum Ambrosio camaldulcnsi laxatis mgcmo 
habcnis praefatur , opus dupUcavit. Q"^^"-^;- 
facile tanlo viro veniam damus , vcl po ...s plunmas 
srallas agimus , qul pretlosissimam histor.arum con- 
^ericm et inQnitam notltiam codicum , patriae suae 
cunctisquc doctis utcndam ol)tuUt. Schoiiorum ergo 
nostrorum defeclus id saUem hai^ebit commodi, quod 
hae vitae multo expeditius ab occupat.s etiam lecto- 



XX n EDiTonis 

nbiis , nulJis Cere interieclis salehris aiit diverticiilis 
percurrontur. 

JX. UiuuTi (ainon praecijuie comnieinorabo ha- 
rum vitarum locum , in quem conmiodissime com- 
menfari licebal. ]\am(pje in hrevi Henochi asculani 
vila narrat A espasianus iavenlos ab illo fuisse Api- 
cimTi ac I^orphyrionem , fjuam notltiam nemo qui 
postea de Hep.Gcho loculus est , rcticuit ; quamquam 
eam iiiiscrc i:i Nicolai PP. vita n. 20. corrupit lo- 
seplius rialus , qui Apicinm ab Ilcnocho non re- 
pertum sed in Lilinum cpnversum dixit ; quasi vero 
Apicius barbarus aliquis aut graecus fuerit. Sed enim 
(^go Jiediolani triginta prope abhinc annis in am- 
brosiano codice 0. 74- part. sup. , ubi sunt etiam 
Virgilio adscripta poematia , vidi Orestis fabulam 
longo kcxamciro scriptam , qii:ie ab Ilenocho 
asculano reperUi dicebaiur, Kihil tum mihi exscri- 
psi , titulum carminis lantummodu nomenque in- 
ventoris adnolavi , ei codicem retractare proposui , 
quem dolenda postea oblivione neglexi. lam vero de 
inveiuo lioc ab Henocho carmine. nihil omnino re- 
sciverunt quicumque haclenus hunc hominem com- 
incmorarunl, veluli Vespasianus noster vil. 92. , i'hi- 
lelphiis ep. lib. _\ill. i. , PLilina et Gcorgius in Ni- 
colai Y. PP. vila , Fabricius bibliolh. lat.in Api- 
cio^ Tiraboschius (i) hist. litt. Jtal. T. YI. lib. I. 

(i) Holc ohlfcr inoneo , inlcr eo5 qtil aliquid dc Vespa- 
siauo fIoren[iiio dixeruTit ponendos csse ajuul nos ( p. XIV. ) 
Tira])osch*uni loc. cit. , Oldolnuin ad vit. Pont. , atquc Gcor- 
t;ij!m loc. cit. Et qiiideni a Tiraboschio disclmus , Borsuni 
♦ llam Feirariac priijcipenr , dutn .<5uam Ijibliolliecani iiistrue- 
1 ct , ab codem Vespnsiano codlccs repenso pretlo acccpisse. 



PUAEFATIO. XXIII 

cup. IV. 17. , Mazzudiellius Script. Ual. i. {. part. 
'A. p. 1107 , ilenalius iii gj'iunasii romarii hisloria 
T. 1. p. i()i. j et denique iiupcrus Carbonius de 
crudilis asculanis p. gS. Vir sane clarus suo lem- 
])ore fuit llonochus , qui cum magistruni Florenliae 
Pliilelphuni audissct , rhctoricam deinde ipse ac poe- 
sim a Nicolao PP. invitaius Romae docuit ; quo iu- 
benle iter quoque ad borealcs Europae regioncs su- 
jscepit , prisccs codices quaesiturus , non sine bono 
succcssu , ul diximus. Quum igilur pauca illa Ye- 
spasiani vcrba rccolerem , vidercnique ab eo de ivx- 
ventorum libroium paucilatc reprchensum , quia 
brevi auclorum nolilia instruclus fuissct , venit mihi 
in menlem illius codicis raediolanensis , de quo di- 
cebam ; scripsique iilico ad virura nobilem amicum 
mtum Carolum Caslillionacum , qui bcnigne mihi 
cx mille circiter , qiiibus poema illud constat ver- 
sibus , speciminis ergo quinquagiiita cxscripsit ac 
misit , quos ego nunc cum lectoribus mcis lubens 
comraunico. lam vero utrum revera priscum ac ge- 
nuinura sit opus , an ab llenocbo polius confictum , 
vel ab aliis huic supposiium , id ii dcmum certius 
definient qui carmen universum Mediolani inspi- 
ciunt : etenim in poemalio non brevi talia inesse in- 
dicia par est , quae omnem dubitationem ut puto 
dispellent. Sedemne igitur aliquando novus Orestes 
(cuius auctoreni hactcnus ignoramus ) inlcr Werns- 
dorlii poelas minorcs occupabit ? Nam ccrte de ficta 
Iragoedia Oreste callidam fraudem scimus , quae iii 
diario doctorum Italiae T. X. p. 482. narratur liis 
verljis. (c Angelo Vergerio da Reiimo di Candia 



XXrv EDITORIS 

)) mando con imposlura al SaheUieo una irage- 
:) dia latina inlilolata Oresles, conie lavoro di ma- 
)) no aniiea trovaio (jia 60, anni nella Transilva- 
)) nia ira alcnni scriiii anlichissinii di Romani. 
)) 11 Sabellico , uomo di acuio odorato , esaminb 
)) ben bene la cosa , e poi rescrisse al Vergerio 
)) in ial guisa : alTirmare possiim , aut ex reccntio- 
)) ribus allquem extitissc aliquando , qui multo si- 
Ji milior vcieribiis fucrit , quam iis cum quibus vi- 
)) xit ; aut si priscorum unus fuit , is certe habcndus 
)) cst , qui ex hoc ipso sit carmine poelicen auspi- 
)) calus. )) iSunc oreslei poematis initium reeitemus. 

ORESTIS FABULA 

AB HE-NOCHO ASCULA>0 REPERTA I.NCIPIT. 



G, 



audia moesla canam , detestandosqiie trlumphos , 
yictoris pro laude nccein , fesliva cruenta , 
Funeris afFectus , et lamental)ile volum 
Coniugis iliacae (i), non [a) quae iugularat Atrideiu , 
Aurea regali rutilantia serta cruore , 
Et diadema ducis foedatum tabe cerebri , 
Malrls iu exitiuin niemorem oblitumque parentls , 
Impietale pium , reprobae probitatis Orestem. 
Tniustos scd iurc Deos ratione moveri ih) , 
Insontemque reum purganlia templa sororum [c) , 
Tliracia virginitas cui dat de clade salutem. 

(a) In cod. no. (i) Ccd. videcur habere variam lectionem fe-. 
rocli, (c) In codice est glossa fnrlaruni. 

(i) Cassandram intelligit , quam sibi nuplialiler cupulaverat 
Agameranon reiliix. Eius vaticiuium de proxima Agamemnonis 
caode recitant Acschvlus ct Seneca in A^amemnonc. 



PllAEFATIO. XXV 

Tc rogo , Mclpomene, traglcis desceiide colluirnis , 

Et pede dactylico resonaTile quiescat iambus (i). 

Da valeani nieniorare nefas laudabile nati , 

Qneni dolor accendll , pudor excllat , eriglt ira , 

McJis labat , altoUunt anlmi , bonus impelus urguet , 

Dat furor arma plus , pietas dat noxia ferrum , 

Et medicinales quatiunt sanare furorcs , 

Extinctos tltulos , viclriciaque arma sepulta , 

Criminis ultorem duin criminls ampulat auclor , 

Et ihalaml vindex' thalamo seclanle necatur. 

Anle toros iacet ille tori genialls amalor. 

Ductorum ductor , regum rex , dux Agamemnon , 

Post duo luslra rcdux , et post duo bclla triumplians , 

Martia bulb'potcns referebat classica princeps , 

Puppibus argolicis rex Pergama victa reportans , 

lb'acasque nurus , et troica germina malrum. 

Divitias Asiae rex censens corde silenti , 

Maxlma fulmlneo ductal)at dona Tonanti ; 

Optima lunonl scribebat munera magnae , 

Atque mincrvales donls addebat Athenas , 

Omnibus et Superis , Danals qulcumque favebant. 

Nescius uxoris , scelerisqne ignarus Egislhi , 

Dona Glytemneslrae non dlgnae multa parabat. 

Plurlma subrldens genilor dlsponit Oresli , 

Quae aptabat pielatis araor vel origo parenti. 

Non tamen aequa suls meritis animisque fuluris 

Dona verecundae servabat pulchra puellae. 

Interea findebat iler per coerula ponti 

Irato tranqullla Deo , recldentibus euris , 

Candlda fluclivagl tendebant carbasa venti , 

Quo non cursus erat , sed quo dux impulit aether. 

Taurica perducunt ad llitora castra Pclasgl. 

Imperat indomitus praedam praeire Mycenls , 

Ipse secuturus post vota soluta Dianae. 

(i) Dlcit argumentum Orcstis iarablco vcrsii agi solltum , nt 
fit in tragoediis, nunc lieroico fore (ractandum. Virg. aen. IV. 47^- 
Aiit agamemnonius scaenis agitatiis Oresles. 



XXVI EDH oais 

Tnijrcflilii; teitjplinn .supplex ,• ventratjler iKloiat 
Nuoiiiia casta De;ie. Duin fenet inuiuis ad arnm , 
St;nnlna purpureum pingebant serica vellus , 
Pepla coruscahaijt variis geinmata Japillis. 
Vidit Iphigeniam lliuribula sero ferentcm , 
Haeret , et altonitos oculos in virgine figit. 

Et relicjiia. 

X. rSoiinulla sunt doclorum hoiniiiuin aiinutiora 

.scripta , quorum edenclonni") occasio proiit sors tii- 

lerit arripienda est. Bcrnardini Baldi urbinatis , ca- 

ius quantuni et quam nobile ingenium fuerit nemo 

ignorat , commentarioium de componendae legen- 

daeqnc historiae ratione , manu aucloris subscriptum , 

inter codices lubinates bibliothecae pontificiae iam- 

diu videram , Francisco Mariae iuniori , Lrbini duci 

posiremo , inscriptum , quod Yespasiani operi hi- 

storico nunc haud absurde praeponi posse arbitratus 

sum : etenim ceu iaeditum ab Ireuaeo Afib in ca- 

talogo operum ( vit. B. B. lib. iV. ii. 83. ) ponitur , 

neque postea typis impressum , quod ego sciam , 

fuit. Age vero historicam Bernardini Baidi faculta- 

lem valde demonstrant vitae ab eo scriptae Federici 

Commandini , et plurimorum malhematicorum , vi- 

tae quoque insignes Federici m.agni Lrbinatium du- 

cis , Guidique Ubaldi filii ac successoris , denique 

historia A astallae oppidi ^ in quo pingue sacerdo- 

lium Bernardinus obtinuit: quae opera paene omnia 

confecerat ante quam manum scribendis historiac 

praeceptis admoveret. Ergo cognitum. sibi arguraeri- 

tum et diu cura gloria exercitum , in hac elegante 

opella tractavit ; quam taraen cum. Jlorhoilii , paris 

quideni fere iituli , sed longe maioris ponderis ct 



PBAtFATIO. XXVIt 

doctrifiae , clisscilaliono coiiiparaie iiolo. Sequitiir iii 
codice iudiciiim 15enumlini cle iionnullis Guicciar- 
(linii liistorici dictis circa Francisci Mariae senioris 
Urbinatiuni ducis consilia et res geslas bello ilalico : 
quod iudicium quia paulo piolixius tenditur propter 
insertos ipsius Guicciardiiiii lccos , et Dornardini n > 
sti-i Frnncisco patrocinanfis (lefensioneiu , sou cerle 
benignam inierprctntioncm , yh dimidiaium dabo. 

Ohscrvnlicincs Bliquol cl cmcna^ i„r,cs :ul volHmti,. 

Pag. ^o. V. 17. ,/„ On„n,o , Cun- nrl Oronzio , qnod facicn- 
(lun, p. 6j.,.-,am monni. Kodem croic lal.orat codcv flor. anud 
MehuMum praef. ad Amb.-os. p. 4^6. Pag. 3.,. v. ,5. Fu moho 
.n/jerenle ■ ,la rcapsc inlerpnngluu- in codicc , vocabulun, aulcn 
<Werente y.\ cerlc differen.a , nsurpari 3olct a Vespasiano pro 
m»„,co vel m,m,cil,a. A»n,ncn malim „unc inle,-pungcre post dif- 
ferenle Pag. ..3. v. ,. E. codd. Hor. facienda addt.io Amln-ofii 
camald. .ntcrprctalionibus c. gracco : luile l' opere di Dionisio 
ureopns.ia coUe ,,istole. Id enim Jecst in co.l. val. Pa. 36o 
Codcx pnmo loco habet Gio.anni d' Imola , sccnndo loco Gio- 
^an,n Damola I„ Ambrosri c,,mald. epislolarum libro xx.v. 
ep. 6.. leg„nr lohannes Lamoia. Vcrnmtamen <,uis i8no,al /„- 
hanne.n de l,nola , clarum pcr ca tempora i.u-i s anlc^cssorem 
'i..e.n .„ suo v,rorum illus.rium catalogo B. Rncius nuoque eius 
«lal,s scnptor posuit ? Esl igilur nos.ra lcctio veri.ssim,. Pa. US 

mo.o L,,,a,-atu ; ,|a,p,c pe.-peram e..scriplum fuit Libe,-ata ■ di- 
«ndum es. en.m Hiparata. Pag. 5=.f v. .0. Jro,-cestri ■ nje 
'!a scr.pscr.m, i„ scholio docu.. Ccleronui codev vm l' ^ ■ 
vita l,al...i /■•.,., - ■ r-, «--cieroqui cocte.v lol. .n Leonardi 

..a haba 6. ,««^,.,. Florcnt.ni aulem codic« Vieestri et D.d- 
el,- .n lort.n. praef. el „pud Mehnsiu.n p. 98. ,„; „. ,„ ;, . 
-e l.g.t Gioucester. P„.. 560. v. . ;..„,,„': f ,.,„,. rcndn,: . 
".agmen.um quod ex ood. llor. rccilal Mehusius p.-acf p. ,6 p" 
-66. nol. v. .. „„ eo,!ice , corrl^c „„„ ,-accoL ' "' 



?.xvin 



1M\EVE TRATTATO DELL' ISTORTA 

DI 

BERNARDINO BALDJ DA LRBINO, 



AL SEREMSSIMO SIGNOEE 

IL SIGNOR DUGA D' URBINO. 

i^ronilsi alT A. V un mio tratUtello cleH' istoria. Attendo 
la proniessa , ne mi sgomenta la plcciolezza dell' opera , sa- 
pendo io clie i principi grandi , occupatissimi sempre intorno 
maneggi importanti e gravi , uon possono spendere comoda- 
mente il tempo , compagno indivislbile delle azioni , in cose 
di minor peso. Vedra iu una occhiata poclie cose ; ma di 
qualche momento , secondo me , in questa materia. So che la 
J^revita non oscura nou puo dispiacere agl' ingegni migh'ori ; 
fra' quali esscndo ottirno quello delT A. V. , mi confido che 
questa mia fatichetta uon sia per esserle noiosa. Leggala , e 
nella sua lezionc riconosca la mia devozione. 
Urbino a di i6. glugno 1611. 
Deir A. V. Serenissima 

devotissiino servitore 

BERNARDINO BALDI. 

Capitolo I. Deir origine dell' istoria , delle cause , aulori , 
augumento e discrescimento di quella. 



E 



bbe origine t' istoria dall' appetito che hanno gT uomiui 
deir immortalita , ed acciocche passasse a' posteri la memoria 
dclle cose da loro gloriosamente operale. Prima furono le 
narrazioni in voce , dopo trovale le Ictteie , succedeltero le 
bcriite. Antichissimi -istorici furcno fra gli Ebrei Mose , fra' 
Greci Cadmo. L' isloria scritta da principio fu rozza ed in- 
culta , poi coltivossi , e dl mano in mano vennc acquistando 
perfezione. PVa' Greci arrivo 1' eccellenza al suo colmo in Tu- 



BEKS. B.VLW TBATTATO DELl' ISTOHIA. XXIi 

ciaidc. in Fillslo, ia Polibio , ed ia Senofonte ; f.a' Lali«l 
^'Ustio, cd i„ Livio. Manca..ono i 1--" .sjo.^ <^ 

j • ,1 .• Kniliarl che coiruppeio tullc 1 ai li i>eiit, 

1 inondazHiue <lo )>aiDari uiii- ^ ii 

11 ,1M', ru"eine loro. Ne' te.up. nosln avendo U 
aspersendole clel.a lu^^iue .u i ,■,.;,.„ 

1 ° . •• ,„1,; ,,1> iu<'e"m , «; toruata di nuovo a liouie 
pacc rcsi piu culli gt iUo<-o'" ' 

Cap. 2. Della dlfliuizione dell' istoria , 
e dcUe sue parli o for.ue. 
Come ogni sostanza sensltiva e anl.nale , cosi ogni vc.-a 
n;.rrazio„e e istoria ; ma come ogni sensltivo non e pcrfc to 
anlmalc, cosl non c ciualslvoglia vera narrazione perfelta isto- 
21 dunquc, se vogliamo chiuderla fra' term.ni strett. della 
sua diffinizione , U perfctta istorla una narraz.one vera or- 
nata c culta , di qualche cosa in qualsivoglia tempo latta o 
delupci i.np;imer'e la cogulzione di que.la nclla mcnte , c 
farla vivere nella memoria degV uomlni. La favola e narra- 
,ione dl cosa falsa ; 1' argomen.o di cosa falsa m. s.mile al 
vero; 1' istoiia , di cosa al tu.lo vera. Part. dell isloria o 
specie di quella , sono gli apoftegml che sono «na succ.nt.-. 
relazlone d' un dctto o d' u„ fatto , appo.-^.to mvece d esem- 
pio , c questl nel fine pare che slano dlfrerent, da I ■sloria. 
Le parti o spccie della gli dlffiulta , differenti fra loro come 
il me„ pcrfetto dal piu pcrfetto , sono la cron.ca dctta cosi 
pcr csserc narrazione dlstlnta per tempi. La cronolog.a la il 
mcdcsimo , ma con modo conclsissimo accennando appena le 
cose , come fece Euschio ed altri che lo segu.ro^o. II com- 
mentarlo raccoglie e narra per capi le cose da steuders. po. 
con r Istorla dlffusa , e tali sono qucUi di Cesare. Gli aunal. 
coutengono cose succedute d' a„„o In au„o , ancorche questo 
nome s' i„le„da per qualsivogha istoria tanto e quanto d.f- 
fusa. I dlarli o efe.nerldl , che noi potremmo d.re gioruaU , 
contengono le cose succedute dl giorno in giorno. Le v.te poi 
sono „arrazloni di fatti appartenentl a persone part.colar.. 

Cap. 3. Se fiue dell' islorla sia 11 farc chi la legge 
prudente e politico. 

Vogliono alcuni che I' istoria sla comc uua inaestra che 
guidl yh uomini con gli esempi dellc cosc passatc aila vlKii , 



XXX BER>'. BALDl 

cd in cotisegucnza alla fellcila civilo. Ma iiiiino e , sccouclo 
ine , clie iion veggia questo fino esscr Itoppo largo , ed ar- 
chitcltonico ; perciocclie siccome non c riuc proprio cd in- 
triiiseco dcU' arte del legaiaiuolo , il servire nl coinodo vi- 
verc , nia il labricarc sccondo la rella rai^ione lc cose clie le 
appartengono , cosi il line proprio deil' istoria e non i' am- 
niaeslrare , cosa clic s' aspctta alla filosofia morale , nia rap- 
presentarc atlamcnlc , c sccondo Je icggi sue , la vcrita delle 
cose succcdulc. 

Cap. 4. Sc i suggclli clie non cadono sollo i! genere 
nioralc siano cotivctjicnte inatcria dcU' isloria. 

Se ogni narrazionc di cozd vera c istoria , pare che il 
trallalo d' Arislolelc degii aniinali , di Teofraslo e Dioscoride 
delie piante , c l' opera di Piiuio delle cose nalurali , ed alti^e 
siniih' , non al)biano da cscludersi dal gencre istorico. Non- 
dimeno versando queste non inlorno a cose agibili c variabiii , 
nia in qualche modo eleinc ed incorruttibiii , parc che nou 
caco-iano nella "ia data difllni/Jnuc. Ma io tcrrei certo che il 
genere istorico si divldesse in due specie principali ed uui- 
vochc , r una dellc quali sl stendesse intorno al!e cose agi- 
bili che servono alia felicita atliva , e i' altra alle scibili che 
servono alla conlempialiva. E nou sono queste diiTcrcnti fra 
loro nel linc ; poiclie si I' uua come 1' altra ci narra la verita : 
ove V esscr utile alla prudcnza civile e nioraic , c fine remoto , 
e iion proprio nc intrinseco , secondo che abbiamo dctto , 
deli' istoria. 

Cap. 5. De' priini c piii comuni piccclti 
dcllo scriverc ic istorle. 

Due sonu i primi e principali prccctli deilo scrivere Ic 
istorie , 1' elezioue deilc cose da scrlv-^rsi , la d)>posizionc c 
i' ornamento dcHe cose cicttc Si riprovano cuJoro i quali 
vo^liono che siano da elcggersi solamente cose piaccvoii e 
grate a clil legge , come gia lcce fra' Greci Krodoto. Tnltc Ic 
cose possono csscrc clctle , ma non deve narrarsl di qucilc 
se non cose gravi , magnifiche , ornale , utili , c degne d' esser 
lctlc d.j uoniini gludicioiu e di g.'nbo. Devc fuggirsi ii me- 



TRATTATO DLLL* ISTORlA. XXXf 

scolarvi cosc iavolose, c troppo lontaiic dal vcro ; e se sa- 
rnnno verc , non verisitniii , proporle nllrul pcr tali ; e sopra 
tutlo guardarsi dali' arnrjro , dali' odio , d.illa paura , e dail' 
luluiazione , esscndo ii vcro , conie c deUo , la forrna propria 
«; 1' aninia , pcr dir cosi , deil' istorla. Devono tiatLarvisi cau- 
tainente , quando pure \\ verita voglla clie si iKirrlno , le cose 
brutte , disonesle , e quello clie possono partorire caitlvl ef- 
fetti , ed ofTendor 1' anlnio dl clii ieggc. Ulili sono le cosc 
oneste , verc , piene d' arnmaeslronicnli. Piacevoli qucllc chc 
allettano la pcisona clie icggc ; rna la piacevolezza devc ser- 
vire all'utile, e notj per lo conlrario. 

Cap. 6. Goinc de})hano disporsi ed ordinarsl 
le cose rleltc e trovatc. 

Eletta la inalcria gencrale dl cul deve scriversi , in di 
nieslierl dividcrla nelle sue parti le quali priuia che s' orni- 
no e sl veslano con V eloqnenza , devcno disporsi secondo 
r ordinc dcl tempo , il qualc e proprio e peculiare deli' isto- 
ria. Non deve pero con troppa nn'uula accuratezza distln- 
gucrsi per annl , o mcsl , o glorni , se non 6 una delle specie 
che cio richicdono. Neil' isloria picna , il lempo devc .servifje 
alic cose , in quellc allre le cose al tempo. 

Cap. r. Della descrizione de'luoghI. 

Deve r islorico csser buon cosrnografo , ed aver picna 
cogniziouG del sllo unlversale della terra , ed anche esser in- 
forniato de' luoghl particolari , come sono mari , monli , fiu- 
mi , laghi , clltadi , isolc , porti , e cosc taii per servii scnc 
venendogline 1' occasione al suo proposllo. 

Cap. 8. De' corrslgli , e delle causc deiic cosc 
che sl narrano nell' istoria. 

Devono neir Istoria cspoisi i tonsigii, e le cagioni dclle 
cose chc si nnn-ino , per aver quesli grandi5r,ima conuessidne 
con le cose inedeslme. Le causc sono diirercnli da' conjigli , 
perciocche le cause tenendo luogo di principlo e di iine , in- 
ducono 1' uomo a operar qualche cosa. I consigli si prendono 
ncilc dclihcrazioni , c con qucr.tl le cose si ammirjijtrano. 



XXXII BERNt BALbl 

Preccde per laiito la causa il conslglio , perciocchc l.t caiisa 
porge r occasione ) e qiiasl soiuminislra la maleria. II consl- 
glio pol dellhcra inlorno T occasione , c la matcria ofTerla. 
Le canse pendendo dalla volonta degl' uomini , c dalla fbr- 
luna , sono infinite e varle , o la cupldila del dominare , o il 
desiderio della vendetta. Ma nci ncgozl clvili , o Ic mutazioni 
delle Icggi , o le sedizioui , o Je inimlcizle de' cilladlni , i do- 
minii , i maglstrall , le navigazionl nuove , ed allre cose lall , 
clie occorrono alla gioroata. Devono le cause uariarsl non 
Degllgcntemenle o falsamente, ma con vcrii;\ ed accuralezza ; 
nc quclle solo , ma lc cosc antecedenli , le susseguenli , le 
counesse , e lo passale , c talora tirarle da prlncipll lonlani, 

Gap. Q. Degli apparatl. 

Dopo le cause ed i consigll, da'quali dipendono le delibe- 
razlonl , hisogna narrare gll apparccchi che si fanno per porle 
in esecuzione , i provedlmentl , 1' astuzle , 1' arme , gll ordini 
dali , e cose lall , come le provlsionl de'soIdali e le qualita 
loro , le fortiricazloni , gll alloggiamenti , Ic guardle , gl* istru- 
mentl da guerra , i carrlaggi , ed altre cose dl questa sorte- 

Cap. 10. Come 1' Istorlco abhia da interporre 
il suo giudicio nclle cose. 

Neir csporre i consigli dcve 1* istoilco dar il suo giudicio 
non solo In universale , ma scendcre a' parlicolarl , e dlre cio 
che lodi , e cio che vlluperl ; perclocche 11 narrar le cose 
nude , e non dirne cio chc altri ne senta , e cosa du uomo 
che non dlscerna 11 bene dal male. Avvertendosl tuttavla , cio 
dover farsi cosi dlscreiamente , che altri non geneii nell' anl- 
mo dl chl lcgge , opinlone dl se d' uomo che oslenll , o che 
soverchlamente s' arroghi. Potra dunque V istorico , quando 
venga proposta cosa , nella. quale possano cadere piu pareri , 
e varle opinioni , giudicar qual sla piu vera , e conprovarla ; 
e qual sia piii falsa , e confutarla ; dannar le scntenze dei 
volgo , ed anche degl' altri istorlcl ed uominl grandi , potendo 
farlo con ragioni gagliardc e apparenli. Giudicansi i falli , e 
i conslgli onde le cose sl fanno , polendo in questi cd in quelU 
cadere Ic lodi ed il vilupero 



TRATTATO DELL' ISTORIA. XXXIII 

Cap. II. Come (ichl)ano naiTarsl i falli. 

Devono i fatli nnirnrsi con qucll' ordine col qnalc sono 
succeduti , osserviindosi cio chc sia fatto , c come , e clove 
pcr cscnipio nel descrivcrc un fatto d' arnjc dirc , quando , 
qual sia stato , ovc , fra' quali capitani , con quali soldali , co- 
me schierati , come ordinati , come afiVontatL con qual' animo, 
con quali grida , con qual impcto , qua!e fosse 1' animo de* ca- 
pitani, raspetto , l' arme , la diligenza , le concioni , c T esor- 
tazioni a'soIdati, il valorc c la vilta degl' uni e degl' allri , 
i consigli , lc prove , e in somina le lodi e i vituperi , scnza 
alcuna passione. II mcdesimo nollc espugnazioni c iiegli as- 
salti , o murali o navali. A questo s' aggiungano gli cvenli 
felici o infelici all' una e airaltra partc , Ic cose o diligenlc- 
inente , o pigramente operote , le colpc , i difclli , le induslrie , 
e cio che di meglio o di peggio sarebbe succcduto , se cosi 
o cosi si fosse fatto. Similmcnte nellc flzioui civili , prinia de- 
vono narrarsi i preparamenli , c poi come sia passato il fatto 
e le Gose seguile da quello. 

Cap. iQ. Comc debbono esser notali gli evenli 
delle cose che caggiano ncll' istoria. 

Da' fatli che principalmente si narrano , nasce un ordine 
secondo di cose , come sono i varii casi e gli avvenimenti che 
vi succedono. Eventi si dicouo le cose chc nascono dalle azio- 
ni , o dipendono da quelle , comc le stragi degli escrclli, il 
rendersi de' luoghi , i sacchi , le prigionJe , le ruiiie , lc fu- 
ghe , le persecuzioni , i trionfi , i trofei , i prenn'i , e gli onori 
dali da' capitani a' soldati , i gastighi dc' delinqucnli , le mu- 
tazioni degli slati , le ragioni della guerra osscrvale dalle parti 
o dair una neglettc , le diligenze , le ncgligenze , gli errori , 
i portenli dclle cosc fulure , le descrizioni delle personc , dcllc 
nature , de' costumi , della fama , del nome dellc famiglic , ed 
ailre cose tali , che Iralasciate rendono 1' isloria digiuua , ari 
da , senza diletlo e inutile. Nella nnrrazione degli augurii , c 
de' prodigi , devc I' islorico mostrarsi piu losto nimico della 
curiosita , che curioso , c dirc d' aver udilo da allri , o nou 
gli affermare afialto per veri , ma lasciarne la fcdo agli aulori. 

c 



XXXIV BARN. BALDI 

Cap. i3. DelLi disposizione della narraz'one istorica , 
e prinia dell' esordio , e dcllc sue forme. 

Disporre non e altro che il locare nell' orazione le cose 

ove vanno a proposito e con garbo ; e tante sono le forme 

del locare , quanle sono le parti della orazione. lie parti della 

disposizione sono tre , esordio , continuazioue , e couclusioue. 

Esordio istorico non fa attento ne istruisce il leltore o 1' au- 

dilore come il rettorico ma s' unisce con la narrazione , e 

non si fa per caltar benevolenza , ma acciocclie Tistoria non 

cominci a sproposito , e senza introduzione. E dunque come 

un adito o porta a tutto il corpo dell' isloria j e percio e da 

fugglrsi il cattar manifestamente benevoleuza , salvo se non 

si toccasse sobriamente 1' utilita delle cose clie sono per nar- 

rarsi. E se pure altri vuol usar il proemio , deve contenere 

r utilita , la grandezza , la rarita , e le allrc cose clie sogliono 

aliettare chi legge. Puossi anche dir qualche cosa di se me- 

desimo da chi scrive , delle cagioni che lo muovono , degli 

autori della cosa che si scrive , dell' ignoranza e della rarita 

loro. Si possono eziandio narrare 1' utilita , 1' uso , il fine 

dell' istoria , e tutto cio senza prolissila o sospelto di cosa fin- 

la , avvertendosi che ne' prefazi si fugga I' ambizione , 1' amo- 

re , la cupidita , 1' odio , 1' ostcutazione , e la leggerezza ; pe- 

rocche leva la fcde alla verlta dell' isloria , e le loglie della 

dignita , scoprendosi che altri scriva a fine di gloria o di gua- 

daguo; ed il mostrarsi troppo afTezionato alla patria ed a'suoi, 

e odiato dagli alieni. Deve dunque farsi professione d' araar 

il vero , muoversi per amor di quello , per V util publico , e 

nou per eomodo particolarc. Lo stile de'prefazi non deve es- 

sere ne gonfio ne tenue , ma grave , pieno , e ornato. E li- 

bero anche il cominciar 1' isloria dalla narrazione , avendose-- 

ne esempio d' istorici buoui , fra' quali sono Cesare c Tacito. 

I luoghi corauni da servirsene negli esordii , sono le cause 

e i consigli delle cose fatte , le descrizioui de' luoglii ove souo 

avvenute , 1' araplificazione della cosa medesinia che si pro- 

pone , la persona di cui principalmente deve trattarsi il tempo 

nel quale il fatto avvenne , col qudle sara conglunta 1' occa- 

sione ; o dalla ripetizione o cominemorazlone dclle cose dalle 



TRATTATO DELL ISTORIA. XXXV 

quali qiiellc clie soiio da narrarsi dipendono. Fn somma siasi 
r csordio da qualsivoglia principio , devc aver grandissima 
connessione con le cose che sono da dirsi , o piu tosto pcnder 
da quelle , e non d* altrondc. II piu degl' istorici suol comln- 
ciar da una brevc e concisa proposizione delle cose da dirsi , 
coa la quale rendono docilc cd atlento il lcttorc. 

Cap. 14. Della narrazione o continuazione istorica. 

Deve la narrazione esser di maniera conlinuata con Tesor- 
dio che paja , che quello sia nato da questa , e questa non 
sia disgiunta da quello , e cio deve osservarsi iu tutla Tislo- 
ria , cioe che le cose pendano 1' uua dall' altra , e siano otti- 
niamente concatenate insieinc ; il che si fa bene da chi con- 
sidera le cause e i consigli delle cose , e cosi le narra come 
sono accadute. Le digreisioni vogliono esscr brevi , c non a 
sproposito alla cosa di che si scrive , nc troppo lontane , ma 
unite , e quasi nate da quella. Una sortc di digrcssione e 
fondata sulla collazione de' tempi , narrandosi cio che in quel 
tempo medesimo siasi fatto da altri e altrove; ed in questo 
si deve avere il medesimo avvertiraento. 

Cap. i5. Della descrizione delle persone 
deir istoria. 

Non deve 1' istoria essere mutola , n^ mancar di lode o 
di biasimo , o di censura alle persone introdolte. Debbono 
dunque descriversi quelle persone che vi fanno qualche cosa 
memorabilc , ogni volta che sara da farsi menzione della pru- 
denza , deJIa fortezza , della gravita , dclla giustizia loro , e 
cose simili , ovvero de' vizi contrari a questc virlii. Nella de- 
scrizione che dician>o , puo 1' istorico interporre il suo giu- 
dicio, o laudando , o vituperando , il tutto pero senza pas- 
sione o afFetto , ma vestendo persona di giudice incorrotto e 
sincero. Ne deve descriversi qualsivoglia persona privata , se 
pero non avesse fatto qualche cosa di grandc e di eccellen- 
te , onde nc meritasse di esser commemorata con gli uomini 
non ordinarii. 



XXXVI EEr.N. BALDI 

Cap. 16. Dellc couclonl , c dcl decoro da servarvisi- 

Le concloni o pnrlamcnll , cosi rettl comc o])llqul , avuti 
o al popolo o a' soldatl , per esortare o dlssuadere, per con- 
snltare , o dlr In sua oplnlone , clie da alcunl forse con troppa 
rlgldczza sl rlfiutano , cosi le lctterc scritle, le capltolazloni 
dclle Icglic , ed nltre cose tali , che cagglono nelle Istorle 
mollo frequentemente , dcvono occorrcndo stcndersl dl ma- 
ijicra , clic sopratutto s' abbla I' occhlo al decoro della pcr- 
sona che raglona : perciocchc se e parlamento di capltano 
n'soidatI, devc essere prudcnte , grave , ed anlmoso ; ma sc 
dissuade 11 combattcre , timldo ; e deve proporre i pericoli e 
toc^lier loro 1' anlmo c 1' ardlre. Se si fa consultare di qualche 
cosa , devc esscre prudcnte c grave ; ma sopratutto aver rl- 
cuardo a' costuml della persoua che s' Inlroduce a parlarc , 
perclocche altraraente ragiona un soldato prlvato , ed altra- 
mcntc nn capltano , altraraealc ua amico , ed altraaientc un 
nlmico ; onde alfrl parlera umlle , altri superbo , altrl gra- 
vemente , aUrl con minaccie , ed 11 tulto secondo le occasloni. 
La brevlta c la lunghezza dl questl raglonamenll non si rai- 
sura , tuttavia pare che dcbba adatlarsi alla materia , ed es- 
scrc proporzionata alla qiialila dell' istorla che si scrlve. 

Cap. 17. Del chludorc la narrazlone. 

?ion si dcve chiudcic la nr.rrazlonc con altra raglonc 
che con quella che nasce dal finc , e dall' esito delie cosc , 
perclocche non v' ha bisogno di perorazlone. Alcunl al finc 
de' librl antecedeuli hanno raccolto brevcmente 1' argomcnto 
de' seguenti. Allri hanno toccato lo spazio del tempo nel quale 
le cose narrnte souo accadute , ma clo non e sempre ncccs- 
sario. Della concludone dell' istoria , ch' t: la terza parlc , non 
se ne da precetto , per non esscr nccessarlo , esseudo la cosa 
per sc stessa assai chiara e faclle. 

Cap. 18 Quale stilc sid atto alT istoria. 

Uno c 11 parlarc , ma si divcrsifica da' soggettl , pcrcioc- 
che o e favoloso , o filosofico , o cunlcnzioso , o volgarc e 
popolarc , poctico , istorico Convengono qucstl ncll' cs- 



TnATTATO D,ELL' ISTOHIA. XXXVII 

serc orazioiii , e slginTicare i concclti dcW aniino ; sono diflc- 
rcnti nclla fornia dcH' cspriincre \c cosc , allc quali s* atlallano. 
11 parlar filosofico c aiislero , gravc , ccl inlcnso. II poelico 
<lolcc , dilcttcvolc , e fiorilo. L' istorico in niezzo a questi , 
gravc , niodcrato , c ncrvoso , pcrcio ha dal filosofico il dolcc , 
i'allo e vago dal poelico. Deve dunquc il parlar dcH' istorlco 
esser gravc c cbiaro. La gravlta nasce dalle cosc , c dalla 
fornia del dirc. La cliiarczza dallo sllle apcrlo , c dallc pa- 
role splcndidc , e dalT ordinc delle cose atto e dlstlnlo. TjO 
slilc e Un Iratto , o corso di lulla una orazionc legala inslc- 
inc , e consistc in trc cosc : pnrolc , connessione , c continua- 
^'one. Le parole devono csscr propric , elettc , usitatc , c so- 
iiore , non nuove , non ranclde. La conncsslonc , che si dlce 
giro dl parole , pcrlodo , e clrculto , devc csserc pura , tersa , 
purgata , senipre slmllc all' oratorla , e talora anche alla poe- 
lica , ma ci6 niollo di rado. Devc anchc lo slile esscre so- 
noro e numcroso , ma di numero convenicnte al dlre istori- 
co , e non a qucllo onde sl trattano i giudlcll c le dispute , 
pcrclocch^ non deve cssere tronco , ma pieno , correnle , sen- 
tenzioso , nnmeroso , cd elegante. Lo slile tenue ed umlle , 
appartiene alla comedla , ed a' ragionamcnti famlgllarl. 11 su- 
perbo c nervoso , alle contenzionl de'giudlcii. II mediocre pro- 
priamenle alT istoria. Alcuni , comc Sallustlo e Taclto , ama- 
rono lo stilc secco , scntenzloso , cd arguto. Llvlo lo steso e 
coploso , ed e questo secondo plu lodevolc per i' istorlco ; se 
l)ene anche il primo , secondo 1' occasloni , ha il suo luogo. 
Oltlma cosa sarebbc secondo nie 11 tempcrar questi due stlli , 
c farne un terzo. Alcunl hanno scritto con frasl poetiche c 
troppo ornale , fra' quali c Erodoto , e questo c vizio grande , 
f oiche dannabilisslina c 1' nffeltazlone. Ma se lo stlle poetico 
ha parte ncll' istoria , puo scrvlre allc descrizlonl de' luoghl 
o delle battagllc le quali anmietlono qualche ornamcnto stra- 
nlero. II che dcve pcro farsi cosi destramente che appena si 
scopra r artificlo anchc da colul chc minutamenle 1' osserva. 
Ve chl dublta , se 1' istorla possa scrlversi in versi , e nou 
si niega , non appartencndo cio alla sostanza ed alla forma 
sua. Tuttavia teniamo cio essere da fnggirsl pcr non vestlr 
malerla grave con vesle leggiera e non proporzlonata alla 
cosa di che si scrive. 



XXXYIII BERTf. BALDI 

Cap. 19. De" vizi da fuggirsi nell' istoria. 

Devc ollre le cose gia detle , fuggirsi dall' istorico la fal- 
sita , la confusione , il non sciegliere le cose buone dalle cat- 
tive , il tacerc i conslgli e le cagioni , 1' inserirvi senza ne- 
cessit^ e giudicio cose brutte e di caltivo esempio , il far si 
che r istoria sia sempre eguale a se stessa , e non distinta e 
varia , fredda , insipida , digluna , sterile , umile , senza pu- 
rita di orazione , con gli esordii lontani , lunghi , sgarbati , 
piena di narrazioni mostruose , che le parti dell' orazione non 
siauo collegate fra loro , che erri ne' nomi degl' uomini , nelle 
descrizioni de'Iuoghi, che si ferrai troppo intorno le cose 
frivole , pretermettendosi le importanti , e che cerchi e trovi 
titoli lunghi , spcciosi , e soverchiamente esquisiti. 

Cap. 20. Tipo ed idea dell' istorico. 

Deve r istorico esser prudenlissimo , integerrimo , ed or- 
natissimo di tuUe le virtu al possibile , privo d' afFetti e di 
passioui , libero , e tale che non laceia il vero , ne per tiniore 
ne per avari/.ia , the uon dica nulla in grazia , ne per adu- 
lazione : sia simile nel dire il suo parere a uu giudice sia- 
cerissimo ed incorrotto. Deve essere di vedere acutissimo , 
nel discernere i vizi e le virtu in allrul , i costumi , le in- 
clinazioni , lc passioni , i fini , i disegni. Deve cssere orato- 
rc , dialettlco , fisico , ed anche filosofo morale ; ha bisogno 
della coguizione delle matematiche , e della notizia delle leggi 
divine ed umane. Deve essere geografo , astrologo , perito di 
molte cose delT antichita , degli esempi , de' detti , dc' fatti , 
de'costumi di varie geuti , aver peregrinato varii paesi , aver 
avuto parte ne' maneggi publici , cosi di guerra come di pace , 
civili e citladineschi. Deve sapere le cose appartenenti a' prin- 
cipi , a' capilani , a' soldall , e non starsl alle relazioni altrui , 
ma se e possibile vedere piu che puo le cose con 1' occhio 
proprlo. Deve essere eloquerfle , pronto al dirc ed allo scri- 
vere , in somma deve esser nato ed allevalo in guisa che sl 
renda alto ad esercilare perfeltamente quest' arte. Dalle quali 
cose minutameule considerate si puo raccogliere , quanlo po- 
chi siano coloro , che si trovino alli a scrivcre in questo ge- 
nere , senza riprensione. 



TUATTATO DELl' ISTOHIA. XXXIX 



Cap. 21. Conie clebbnno loggcrsi ulilmente T istorie. 

Deve r istorin lcggcrsi con giuflicio , non tnnlo naturalc , 
qiianto acquistato da personc di non volgare iic di mcdio- 
cre doltrina , osscrvarsi Je cose Ictlc con giudicio ed accura- 
tezza grandissima , Irarne i precetti del vivere , del fare , del 
dire , e gli esempi utili alla vita umana , i detli , i falli , i 
consigli , i casi diversi , la notizia de' luoglii , delle getiti , i 
costumi de'popoli, Ic forme dclle rcpubliche , dclle Icggi i 
degl' ordini de' tempi , e finalmente 1' escmpio di tutto il corso 
della vita umana , considcrar le cose cattive per fuggirle , le 
buone per seguirle, osservarvi Ic formc dcllc citta , delle for- 
tificazioni , gl' isti umenli , Ic macbine , gli stralngcnmii ed al- 
tre cose tali. " 

Cap. 22. Del diletto cbe si cava dalT istoria. 

Diletta nell' istoria la varicta delle cose , la novita , la 
cognizione de' costumi , la notizia de' luogbi , e dc' tcmpi , la 
memoria delle cose anticbc , i detti ed i fatli egregi di molli. 

Cap. 24. Deir ordinc del leggerc 1' istorie. 

Devesi da chi vuol leggcre ordinatanienle 1' istorie , e 
trarne utile, considcrar T ordine de' tempi , cioe queilo cbe 
sia falto ai tempo dcgli Ebrei , de' Troiani , de' Greci , de' 
Romani , si nci loro paesi , come nell' Europa , neH' Africa , 
e nell' Asia , in questa ed in quella provlncia , cio cbe sia 
accaduto nelle seguenti eta infino alla nostra , per acquistare 
la cognizione delle cose del mondo , per dir cosi , fin dalla 
infanzia sua. Osservare le mulazioni de' popoli e de' regni , 
le citta fabricate o distrutte , i siti , le nature de' luogbi , ed 
altre cosc degne di cognizione , l' opere fatle da' re , da' po- 
poli , dalle nazioni , ed ancbe dagl' uomini privati , posto cbe 
lo meritino , cosi in pace come in gucrra- Osservare il giu- 
dicio , ringcgno, la diligenza , 1' eloquenza , e 1' ordine deU* 
istorico , e gli altri vizi o virtu del medesimo per fuggirle , 
o seguirlc. E tanto basti per un breve compendio di quanto 
fu promesso nel principio , rimettex»do cbi piu ne vuole a 
coloro ;cbc n'banno scritto grandissimi e doltissimi volumf. 



XL 

DI DERNARDINO BALDl 

ESAME DI ALCUNI LUOGHI DEL GUICCIARDINI GHE RISGUARDAXO 
rHANCESCO MARIA I. DUCA d' URBINO. « 



X I 



ra molti e molli che s' afFaticano per giovare al mondo 

con gli scritti loro , grantle obligazionc avcr si deve agristo- 

rici , c massimamente a qiielli i quali con bene ordinato e 

ornato stile , c con narrazioni fntiere e vere raccdntano le 

azioni ed i fatti altrui j perche dalle istorie , oltre al piacere 

e diJelto che si prende in leggcrle , si occendono sopra modo 

gli animi all' opcrar virtuosamente , c puossi per mezzo di 

esse divenire molto prudente e accorlo. Pero 1' aver sentito 

celebrar e coinmendare straordinariamente le istorie di Fran- 

cesco Guicciardini , fu cagione che deliberai di Icggerle , cd 

avendole vedute tutte , concorsi subilo nell' universalc opi- 

Jiione. Solamente nelle narrazioiie dei falti di Francesco Ma- 

rla della Rovere duca d' Urbino , reslai e sono di contrario 

parere a molli che V intendono in disonore e vergogna sua , 

dove io tengo che le parole del Guicciardini mostrino , egli 

essere slato valoroso capitana e generoso prlncipe ; la quale 

diversita d" interpretare iion procede da altro , saivo che 

questi tali nel far giudizio dello azioni di Francesco Maria , 

hanno avuto risguardo solamente agli effetti , ed io ho con- 

sidcrato principahnente le cause delle sue deliberazioni c ri- 

soluzioni , parendomi che questa sia la vera strada ed il vero 

modo del far giudlzio di qualsivoglia azionc , siccome pro- 

vero di sotto con autorila e con esempi del Gulcclardini , 

da' quali apparlra chiaramente che le sue azioni mcritano di 

esser sopra modo lodate ed ammirate , e non biasmate e ri- 

prese. Pero ini sono risoluto di porre in iscritlure il mio 

parere , acciocchc essendo vero , non sia lacerata a torto c 

contro il dovere la fama e. la gloria d' un tal capitano. Ed 

afline che coloro clie credono il contrario , restino di maniera 

appagali e quieli , che si mutino di proposito , e non abbino 

occasione di contradire , ho deliberato di non volcr provarc 

c sostentav la mia opinione con altri mezzi e fondamcuti , che 

con parole ed aulorita proprie del Guicciardini. 



BERN. BALDI ESAME CCC ^I-I 

Or essendo ncccssario pcr csecuzione di qiicslo inio pro- 
ponimenlo di csaniinarc minulamcnle le azioni di Francesco 
Maria, ho raccolto e mcsso insicme lulll i luoi^dii dol Guic- 
clardini , clie fanno menzioire di lui , e gli bo posti ed in- 
seriti qui sotto con lc sue mcdesiine formali parolc , c mas- 
simamente quclle che hanno forza di potcr slgnincarc hlasmo 
o lode , acclocchc possa ciascuno averne facihncnte informa- 
zione, senza falicarsi di cercare in varii e diversi hioghi 
deir opera. Cominciero dunque a scrlvere le narrazioni del 
Guicciardini , c poi finite altendcro a esaminarlc 

Qul e laguna nel mauoscritto. 

Essendo qucsto il fine dl tutti i hioghi del Gulccinr(h- 
ni , che fanno menzione di Franccsco Maria , scguitcro or-i 
a esaminarli , ed a dar principio al mio dlscorso , il quale 
dividero in due parti principah ; neUa prinia alleghero lutte 
le autorila che hanno forza cd efficacia di provare che Fran- 
cesco Maria fosse dotato di quelle qualita e parti , che si ri- 
chiedono a gran capitano ; e questo lo faro in due modi ; il 
primo sara con le mcdesime parole del Guicclardlni ; 1' allro 
cou alcune ragloni e considerazioni irattc slinllmente dalle 
sue parole e uarrazioni. La scconda ed ullima parte versera 
clrca quei luoghi del secondo volumc , dove si racconta 1' im- 
presa di soccorrere il castello di Milano , e d' impedir i pro- 
gressi di Borbone. Da questi luoghi e principalmente nala 
ncU' anlmo di mohi brutla c siuistra opinione di Francesco 
Maria. Pero tutto il mio ragionamento si ristringera quivi 
per mostrare che da quelle azioni egli non puo merilar im- 
pulazione e biasmo alcuno ; il che faccndo , sara poi facil 
cosa far giudizio degh altri hioghi. E non volcndo dir altro 
per far nota 1' inlenzionc dl qucsto mio pensiero , vengo alla 
prima parlc. 

Dopo molte parole del Guicciardini e suc , 
prosegue il Baidi. 

Si possono anche considerar molti allri ciTetti di Fran- 
cesco Maria, che arrecano non mediocre ammirazione , come 
e : che meltesse insicme eserclli di soldati senza danari , che 



XLII BERIV. BALDI 

ardentemeMlc combaltessero , c si espoiiesseio a' pericoli pre- 
stameute , ai disagi , alle latiche dc' viaggi , e ad ogni sorte di 
travagllo. Clie per scrvizio suo combattessero i suddili conlra 
i prnprli signori ; clie i soldall abbandonassero i proprii ca- 
pltani , c lasciassero gb' slipen(^j certi per andar a servir lui , 
sebben sapcano cbe noii aveva danari. Cbe avesse esercito 
di dlverse nazloui , di conlrarie nature ed animi , e mante- 
nesse dl conllnuo tra loro unione e concordla grandissima. 
Le quali oporazioni , siccome i successi e le qualila naturali 
ebbero tanta slmilitudine con quellc di Annibale cartaginese , 
che facllinente si potra far paragone tra questi due capitanl. 

Se Annibale cbbe prudenza e prontezza In saper pigliare 
i partiti , velocita e prestezza in metterli ad esecuzione , in- 
duslria , vigilanza , astuzia militare ed ingegno perspicace ed 
aculo , fu aucbe in queste parti mollo eccellente Francesco 
Maria , come appare per 1' autorlta del Guicciardini , cbe per 
tale efTetto bo allegalo di sopra. Ebbe F uno e 1' altro animo 
ed ardirje generoso in tenlare imprese grandi. Annibale fa- 
cendo guerra contra i Romani in Ispagna , determino assal- 
targli nolla casa propria , sebbeii conosceva essersi proposto 
una imprcsa plena di dlfEcolta , di pericoll , e d' impedimonto 
grande pcr la lungbezza del cammino , per aver a passare 
per paesi neinlci , e pcr aver a combaltere con una republlca 
potentissima e copiosissima di capitaui e soldati valorosi. Ri- 
soluzione certo magnanima e grande ! Se si couslderino bene 
i parllcolari , fu maggiore quclla di Francesco Marla. 

Era Anuibale capilano della republica cartaglncse, e da 
essa mantenuto cd ajutalo ; aveva un' esercito potente di sol- 
dati suddlli della sua nazione e pagati. Era provislo di tutte 
le cose nccessarle ad un eserclto , ed aveva provala assai be- 
nigna la fortuna in le guerre. Era pcr contra Francesco Maria 
signore povero , cacclato dl stato , scnza danari , e senza aver 
modo alcuno da poter provedere nlle cose cbe facean blsogno 
ad un' eserclto , avenclo oltre'cI6 provata sempre la fortuna 
conlraria. E pero ogni volta clie volse far gucrra , gli fu ne- 
cessario di metter insieme i soldatl , e mantenerli con la pro- 
pria industrla c virlii , per non avcr voluto ricorrer per aiuto 
a principe alcuno. Kbbe 1' uuo e raliro di loro lanla autorlta 



esame ccc. xliii 

mililare , che avevano concorso grnnde di soldati volontarii , 
che loro moslravano fedella , ubbidienza , e soggezione straor- 
dinaria ed inaudita in servirb'. A questi efTctti ( che non po- 
teano procedere da altro chc da eccellenti virtu c quahta 
miUtari ) se si vorra aver risguardo , si fara giudizio essere 
stala magglore appresso a'soldali Tautorita di Francesco Ma- 
ria che quclla di Annibale. 

Quando Annibale fu seguitato da soldaii volontarii , cgli 
allora aveva potentissimo esercito , il quale con grande ar- 
dire andava per distruggere 1' imperio romano , ed andando 
iu paesi opulenli e ricchi de' nemici poteano sperare grandi 
guadagni nel predare e ncl saccheggiarc ; efTotti che quasi 
sempre sogb"ono avvenir a escrciti grandi. Da queste cause 
non si pu6 dire che nascesse il concorso de' soldati ch' ehbe 
Francesco Maria , raa si bene da affezione e da riverenza che 
portassero al valore ed alle rare sue virtu militari , e da de- 
siderio di acquistar norae e faraa di soldati valorosi col nn- 
lilare sotlo tal capitano per causa generosa e giusta. Non si 
puo quasi afFermare che procedesse da altro , se si conside- 
rano i raodi cd i tempi , nei- quali fu seguitato da' soldati. 
A Verona , a Parraa , ed altrove senza pagar danari c senza 
speranze di darne , o che ne potessero guadagnare , messe 
insieme eserciti di soldati , che non erano no suoi suddili 
ne de1la sua nazione , e che non avevano ue cognizione nd 
obligazione alcuna con lui. Non e da credere che quei sol- 
dati peritissirai della guerra lo seguitassero con speranza dl 
predare , poiche erano certi d' aver a corabattere con nemici 
che avevano forze maggiori ; e molto piii anco per non avere 
raunizioni ne artigiierie da potere sforzar le lerre ; ne altre 
provisioni necessarie a nn' esercito , anzi avevano piu tosto 
da temer disagi travagli e pericoli ecc. 

Aveva Annibale un esercito di gente africana e spagnuo- 
la , onde questi soldati servivano per inclinazlone , per obli- 
go , e per tiraore del castigo e della pena ; e pcro Annibale 
potendo confidarsi e promettersi pronlamente dell' opera loro , 
potea lener in timore i soldali venturieri che lo segultavano , 
e castigarli scnza rispetto alcuno ogni volla che avesscro 
coramesso discordia , disordine , ammutinamento , Iradimcnti 



Xnv BEP.N. BALDI ESA>JE CCC. 

e siinili ecocssi. Di coiitrni ie qualila era composto J' esercilo 
<li Francesco Maria , il ncrvo del quale erano solclali tulti 
non pagali , non suddili a lui , ne di una sola nazione , raa 
di quatlro nazioni diverse che sono non solo dilTerenti di 
lingue , cii nalure , e di cosluini , ma ci e quasi per 1' ordi- 
nario i«iiniciz,ia Ira loro ecc. 

Seguitero ora a far discorso sopra i luoglii del secondo 
voluine , con intenzione di provare che da quelle azioni non 
si puo con ragione atlribuir iinputazione e biasrao alcuno a 
Franccsco Maria , il qual niio proponimento sara tutto fon~ 
dalo sopra qncsta proposizione. Dico che per giudicar qual 
si voglia azione o operazione degli uomini se sia buona o 
catliva , se merita lode o liiasmo , si puo aver risguardo e 
considerazione a duc cose , alle cause ed agli efTetti , o ad 
amendue insieme. Di questi due modi il giudizio vero , retto , 
e certo nasce dalle cause , perche naturalmente gli efTetti 
ritengono le proprieta dclle cause e partecipano di quellc. 
Ma essendo ordinariamente le cause di tutte le cose astruse , 
occullc , c secrcte , avviene che ricercano o dottrina , scien- 
za , studio , o meditazione , ovvero iugegno perspicace , o giu- 
dizio e discorso jjerfetto , o isperienza , fatica , o simili altre 
qualita , che hanno dlfficolta , e patiscono mancameuto per 
alcuna delle dette causc ; onde pochi hanno notizia e cogni- 
zione delle causo , e non possono pcr mczzo di esse farne 
giudizio. Per conlrario essendo gli efTetti apparenti , noti , c 
manifesti a ciascuno , la maggior parte delle persone subito 
risguardano a questi ; c massimamente quelli che non hanno 
modo di potcr fare altramcntc 3 c secondo quesii dicono csser 
buoue o cattive , ovvero nicrllar lode o biasmo le operazioni 
d' una persona. Ma quanlo sia fallacc , inccrto , e di poco 
conto questo modo di giudicare dagli cfTctti , facilmente si 
puo conosccre in considcrar diverse sorti dl operazioni ccc. 



XLV 

CATALOGO DELLE VITE 
1)1 VESPASIANO. 



PARTE I» PONTEFICI , RE , PRINCIPI SOVRANI» 

1. Eiigcuio IV* P^§' ^ 

2. • Nicola V» ^-24 

3. ydlfonso re di Napoli • G2 

4. Federico dnca d"* Urhino • " r)4 

5. Alessandro Sforza ' \f\S 

6. Goslanzo Sforza 1 53 

PARTE II* CARIHNALI* 



7. Brauda j 55 

8. Z>e' Corrcri 1 58 

9. ^Alhergali 161 

o. Cesarini 1 66 

!• Caprauica. i85 

2. Bcssarionc iqi 

3. Rovcrella • . • 105 

4» Z>/ Portogallo ... 200 

5. Z)e' Marglieriti 207 

6. Z)i Ricti 210 

7. /)/ Spoleto • • 220 

8. Di 6'. Marccllo 221 

9. Di S, Sisto • 22r 

20. Dc 3/ella 



222 

2 1 . Di Mendoza • • 222 

22. Cusano •• 223 



XLVI 

PABTE III» ARCIVESCOVI , VESCOVI , 
PRELATI i E BELIGIOSI. 

•23, S. Antonino dl Firenze 224 

2|. S. Bernardino da Massa 244 

2 5. Orlando Bonarli 253 

a6. Francesco de Lignaniine • 255 

27. Ermolao Barharo 2^7 

28. Pietro Donati -2 58 

29. lacopo Zeno 260 

30. Pietro da Blonte 261 

3i. Domenico de Dominicis 263 

32. Biagio Midino • • -264 

33. Timoteo de' Maffei -265 

34. Guglielmo Bechi 267 

35. Bartolomeo Lapacci 269 

36. Francesco Bertini 270 

37. Gasparre da Bologna . . • 271 

38. Roherto Cavalcanti • • • • 272 

39. Antonio degV Agli • 278 

40. Lionardo Dati ...•••.. 274 

41. Nicolb Perotto 276 

42. Guglielmo Gi^aim 280 

43. Cosimo Vicense 283 

44» Giovanni di Strigonia • • 286 

45. Gioi'anni di Cinquechiese .'..•• 292 

^6. Giorgio Colocense ^oo 

47. Narciso Miletense 3o6 

48. Alfonso di Portogallo 3 09 

49. Gregorio di Corero • • • ^ 1 1 

00. Andrea Ols • 3i4 

5i. Amhrosio camaldolese .3(6 



XLVII 

PARTE /r. UOMINI DI STATO* 

62. Cositno de Mcclici Z'i\ 

53. Palla Slrozzi 358 

54« Matteo Strozzi 3j7 

55. ^gjiolo Pandolfini 379 

56. Pandolfo Pandolfini ^o i 

5^. Piero j4cciajuoli • 4^0 

58. Donato Acciajuoli • - 4^4 

5g» Agnolo Acciajuoli ' • '4^9 

60. Agnolo Majietti 4^6 

6r. Piero de^ Pazzi ^%5 

62. Lorenzo Ridolfi ^c^^^ 

63. Ser Filippo di ser Ugolino 49^ 

Q^. Bernardo Giugni • • 5 1 o 

65. Conte Caniarlingo 517 

^^Q. Michele Feriero 5iq 

67. Matteo Malferito • 021 

68. Francesco del Bennino 5^3 

69. Duca di IVorcestri 5i^ 

70. Alvaro di Luna 628 

71. Antonio Cincinelio 53 o 

PARTE V* LETTERATI, 

72. Poggio fiorentino • • 5^7 

73. Lionardo d' Arezzo 556 

74» Carlo d' Arezzo • • 572 

75. Benedetto cV Arezzo • • • 5^5 

76. Giannozzo Manetti 678 

77. Nicolao Nicoli • • • • 616 

78. Franco Sacchetti giuniore 628 

79. Giorgio Trahisonda 633 



XLVUI 

80. Fmncesco Filclfo • ' ^^^ 

81. Fittorino da Feltre .....••• 6^0 

82. Guerino veronese • ^4^ 

83. Biondo da Forli - ..••••••• 648 

84. 3Ia[tco Palmicri • ^^^ 

85. Maffco Fegio ' ' ' ' ^.^t 

86. Zcmhino pistoiese ....••••• oo5 

87. Giovanni Tortello ^^^ 

88. Maestro Pagolo fiorentino 660 

89. Lapo di Castiglionchi ^G3 

qo. Laiiro Qnirino ^^4 

91. Malraso siciliano ^^^ 

02. Enoche d' Jscoli-. ^^^ 

93. Lucio cla Spoleto ^^^ 

94. Lionardo del Bennino ^^7 

95. Cipriano Bucellai ^^9 

96. Nicolo della Luna ^^9 

97. Feji Sah>iati ^7® 

98. Francesco di Lapacino ^7^ 

99. Giovanni da Milcs ^7^ 

\oo. Antonio Caffarclli • • ^T' 

\o\.Cencio romano -072 

\oi.Nugno Gusmano ^7^ 

\o^.Felasco portoghcse ^77 



i 



2 



1 

VITE Dl UOMINI ILLUSTRI 

DEL SECOLO XV. 

S G R I T T E 

DA VESPASIANO FIOKENTIJNO 

CONTEMPORANEO. 

PARTE I. 

l»ONTEFICI , RE , E PRINCIPI SO\l\AM. 

DISGORSO DELL' AUTORE, 

I. xlo io piii vOite oonsidcrato mcco niedesinio di 
quanto lunie sieno stati gli sciittovi appresso degl' an- 
liclii e de' moderni , per avcTe illiistrate 1' opere degl' 
iiomini singulari ; e di molti uomini degni essere peri- 
ta la fama , per non c' essere clii abLia mandato a me- 
moria delle lcttere 1' opere loro : e cbe se al lempo di 
Scipione Africauo non fusse istato Livio e Salustio (i) 
ed altri degni iscrittori , periva la fama di un tanto 
uomo insieme eon lui. Ne sarebbe memoria di Metel- 
lo , ne di Licurgo , ne di Catone . ne di Epaminonda 
tebano , ne d' infiniti uomini cbe banno avuio i Grcci 
e Laiini : ma per essere slati degnissimi iscrittori ap- 
presso delle dette nazioni , banno fatto 1' opere loro 

(i) Livio e Salustio sono stall hen posteiiori alla ela tli Sci- 
pione Africano. Si coadoni a Vespasiino qiicsto brevc crrorc. 

I 



cij). S 



cliiaie e iiotc , come se fiissiiio sUite i]jl lcnipo pic- 
soiile , le qiiali fuiono aniii milie o piu. Possonsi dun- 
(jue dolcre gli uomiiii singulaii , quando ne' leinpi lo- 
ro non sono iscrittori , clie ne iscrivano V opcrc. 

2. Quanto alla origine di Fircnze , e comune opi- 
nionc di messer Lionardo c d' altri dotti , clie voglio- 
no che i Fiorcntini avessino origine da' cavalieri sil- 
lani ; hene clie questa opinione sia molto oscura ; e 

»!)• 3. Pliiiio * ancora pare chc voglia clie sia slala assai an- 
tica , scriveudo clie i Fiorentini si cliiamavano Fluen- 
tiui , per esscr la citta posta in mezzo de' dua fiumi 
Arno e Mugnonc ; c per essere in mezzo de' detti fiu- 
mi , la chiaraorono Flucntia. Qucsto e graiide testimo- 
nio della sua antichita. E aggiugnesi a provare questo 
medesimo la forma del teatro che si vcde , e il tem- 
pio di Marte ch' e santo Giovanui , che si vede esser 
cosa antichissima ; e certi acquedotti che sono parte iu 
pie : e a tutte queste cose bisogna audare per conget- 
lure , per non esser suti iscrittori che 1' abhino man- 
date a memoria dclle lettere. E pcr questo bisogno a 
messer Lionardo , avendo a scrivere la storia fiorcu- 
tina , durare una grandissima fatica , nou ne Irovando 
notizia ignuna , se none d' anni circa cento cinquau- 
ta : del resto bisogno sopperire con 1' autorita di que- 
ste cose nominate di sopra. 

3. Vedesi che dal principio della citta di Firenze 
a Dante , non furoiio iscrittori , che sono piii d' auni 
mille. Seguito il Petrarca , e di poi il Boccaccio , che 
scrissono ; ma dell' origine della citta non ne fanno 
menzione ignuna , per non ne avere notizia. Furono 
dopo Dante i dua altri poeti messer Goluccio , e in 
teologia maestro Luigi Marsigli , uomo dottissimo , ed 
ii similc in ahre faculta , couie in astrologia , geome- 



DELL AUTORE. O 

iria , aritmctica ; e di questi ancora non e fatta alcu- 
na menzione particulare della vita loro , ma universalc 
da alcuno iscrittorc. La prcscnte ela lia fiorito iu ogni 
faculta d' uomini singftlarissimi , se lc vite loro fussino 
inandate a mcmoria dcUe leltcre , come degli antichi , 
per esscrvi slati infiniti iscrirtori. In qucsla eta hanuo 
fiorite tuttc e sette l' arti liberali d' uomiui cccellcn - 
tissimi , c non solo nella lingua latina ma nell' ebrea 
e nella greca dottissimi cd cloqucntissimi , uou infe- 
riori a' passati. Veucndo dipoi alla pittura , scoltura , 
architettura , sono state tutte cjucste arli in sommo gra- 
do ; comc si vcde per 1' opere loro che hanno fatte. 
E di questi se ne potrcbbe nominan* infiuiti , de' quali 
e mancata la fama , solo per noa avcre chi abbi scrit- 
to di loro. E non e mancato per non esserci iscrittori , 
che ci sono slati eloquentissimi e dottissimi , ma non 
banno voluto pigliare questa tanta fatica , conoscendo 
non essere chi la gusti , ne chi la stimi come merita, 
4. E si vede nel tempo della felice memoria di pa- 
pa jNicola, e del re Alfonso , perche erano premiati e 
avuti in sommo grado , quanti degni iscrittori furono , 
e quante degne opere furono e tradotte e composte , 
mediante i premi dati da si liberali principi, quanto fu- 
rono i dua nominati , la fama de' quali e rimasta eter- 
na ; e non solo i premi , ma 1* onorargli e tencrgli iu 
sommo grado. Era rimasto dopo questi dua priucipi 
uno degnissimo successore , il quale fu il Duca d' Ur- 
bino , che avendo imitati questi dua si degni principi 
d' onorare e di premiare gli uomini letterati , e aver- 
gli in sommo grado , fu loro protettore in ogni cosa , 
e a hii ogni uomo singulare aveva ricorso in ogni suo 
bisogno ; pcrche a fine ch' e' traduccssino e compones- 
sino, detle loro grandissimi premi di plii opere che 



4 DISCORSO DET'.L AUTOilE. 

Iradiissoiio c composoiio; iri niodo clic icciouo pcr nic/>- 
zo (lcilc lcllcrc la sna nicrnoria ctcrna. Mancalo il dnca 
d' IJrl)iijo , iion csscndo piii iii corlc di Rorna , nc in 
corLc di principe ignnno , chi prcsli loro favorc , nc 
clil gli stirni piii ; indl e scgnito clic lc lctt(^rc sono 
pcritc , c ognnno s' c liralo in diclro , v(;dnto csscrc 
loro mancato il prcniio , conic c dctlo, 

5. Scndo io stato in qin^sta clri , (i avcndo vcdnto 
lanti singulari uomini , d(;' quali io lio a\iito assai no- 
tizia , a finc clic Ja fama loro iion pcrisca ; l)cue clie 
sia alicno dalla mia profcssionc , lio fatto mcnioria di 
tutti ^li uomini doiti , clic ho conosciuti in questaeta , 
pcr via d' uno hrcv(i comcntario. Pcr dua cagioni mi 
souo mosso ; la prima , a flnc chc Li fama di si vah-nti 
uoniini non p^nisca ; la scconda , a finc chc sc alcuno 
si volcsse affaticarc a far Jatine qucste vite , cgl' al)l)ia 
innanzi il mczzo col quale cgli lo possa farc. Ed ac- 
ciocche tutti (|uesti uomini singulari ahhino uno dcgno 
capitano , il (^ualc c' possino imitarc ; c pcicljc Jo spi- 
rituale dehbe tencre il principato in ogni cosa , mct- 
tero papa Nicola (i) comc capo c guida di tutti , c nar- 
rcro tutte ie cose a dare notizia dcUa sua Santita, con 
piii brevitk cIk^ sia possiljilc , pcr tanlc sua laudahili 
condizioni ; chc sc fosse stato al tempo dcgli antichi , 
1' archhono illustrato cou le lettere loro. Vcdrassi nella 
vita di 51 dcgno Pontefice quanta forza ahbino avulo 
le virtii , perche si conoscera non essere venulo a quc- 
sla dcgnita , se uonc con questo mczzo. 



(i) Coai fece veratnenle Vespasiano ; se non che pensb di poi 

sciiveie anche la vila di papa Eugenio , che dallo scrillorc del 

codicc , c da noi alUesi nella prescntc cdizioue , pcr 1' orduic dc' 
lcinpi , c stata prcposla a f|uclla di papa iNicola. 



i. EUGENIO IV. PAPA. 



.. M 



t sscro Gabriello Condulnirri , clie fii dlpoi 
papn Eugrnio quarto , di nazione viniziano , e slato 
uomo di santissima vita e costuml. Mori il padre , sen- 
do lui molto giovane , e lasciollo molto ricco di beni 
lemporali ; in modo che conosciuta a buon' ora la mi- 
seria di qnrsta vita , volle solvere i tenaci legami de' 
beni teniporali deUe ricchezze di questo iufelice mon- 
do , e dette per amor di Dio ducati venti mila. Dispen- 
sati i beni temporali , determino volere essere erede di 
beni etcrnali : e perche questo efTetto seguitasse, sendo 
usato con messer Antonio viniziaiio della casa de' Core- 
• ri , gentil' iiomo , e di grandissima riputazione in fino 
dalla sua puerizia , che fu di poi Cardinale di Bologna , 
insieme eon messer Gabriello determiuarono di rinun- 
ziare al mondo ed alla sua pompa , vollono entrare 
sotto il griosro delP ubbidienza , e fecionsi frati di santo 
Glorgio d' Alga , che sono quelli che portano 1' abito 
azzurro. Entrati in questo luogo , attesono a farsi per- 
felti nella vita spirituale , mettendosi a fare ogni cosa 
come gl' ahri con grandissima umiha. Aveva papa Eu- 
genio buonissiraa notizia della lingua latlna , e messer 
Antonio il simile ; ed andando a tutte 1' ore di di e 
di notte , non perdeva mai puuto di tempo , o dire 
r ufficio o h^ggere o orare o scrivere , sendo buono 
scrittore , per occupare il tempo quanto egli poteva. 
Iscrisse di sua mano uuo breviario , iu sul quale di- 
ceva r ufBcio di poi che fu Pontefice. 

2. Istavano a questo modo in questo monlstero di 
santo Glorgio , ed usciva ogni di la fama delle loro 
singulari vivtii. In ogni monistero di osservanti sempre 



6 ELGENIO IV. 

isla , olirt' al portlnaio , iino tle' frali , secondo Ir lora 
constltuzioni , chi uno di , e di quelli luoglii ci sono 
che vi stanno una settimana , per rispondere a' fore- 
stieri che vengono al monistero , e ricevergli. Sendo 
niesser Gabriello alla porta del monistero , per quello 
che gli loccava a stare , venne a picchiare V uscio uno 
religioso con abito come d.' uno eremita. Entrato nel 
chioslro , messer Gabriello secondo la consuetudine lo 
prese per la mano , e ricevello con grandissima carita ; 
ed andorono secondo la consuetudine loro in chiesa a 
fare orazione. Tornati di chiesa , ed andando per lo 
chioslro , questo eremita si volse a messer Gabriello , 
e predissegli L^i elezione del pontificato. Di poi ch' eb- 
bono parlato alquanto insieme , gli disse : voi sarete 
fatto Cardinale , e di poi Papa , e nel vostro pontifi- 
cato arete di molle avversita : seguiterete il declmo ot- 
tavo anno del vostro pontificato ; di poi vi morrete. 
Detto questo , prese licenza da messer Gabriello , e par- 
tissi , e mai piii lo rivide , ne seppe chi egli si fusse. 
3. Qnesto diceva spesso papa Eugenio a chi lo vo- 
leva udire ; e pcr dar fede a questo indovino , nel con- 
cilio di Basilea fu uno degli arlicoli che gli furono 
contro. Non passo molto terapo che fu fatto Papa Gre- 
gorio della casa de* Coreri vinizlano , uomo di gran- 
dissima autorita , e zio di messer Antonio compagno 
di messer Gabriello. Fatto Papa , subito fece pensiero , 
volere che messer Antonio suo nipote fusse Cardinale , 
ch' era come e detto in santo Giorgio d* Alga. Richie- 
dendolo il Papa per volerlo far Cardinale , disse non 
volere essere , se la sua Santita non faceva messer Ga- 
briello , col quale egli s' era allevato e fattosi religio- 
so. Fu contento papa Gregorio che fusse insieme con 
messer Antonio. E cosi fu fatto Cardinale da papa Gre- 



P A P A. i 

i^^orlo. Fatlo Cardinalc, islctu* papa Grrgoi'io iioii nioJ- 
to nel pontificato , o vcnno papa Al('ssan(lro ; (^ di poi 
papa Tanni ; sopruito Martino. Non passo molto t( mpo 
clio mcsser Ga])rl(01o fu fatlo lcgato di Bologna , dovc 
s\ porto bcnissimo. 

4* Morto di poi papa INIartino , avendosi a elcgge- 
rc nuovo Pontefice , fu eletto Papa Engcnio ; ed ebbe 
eo' Piomani , cbe sono uomini iscandalosi (i ) , diffcren- 
za. E non cra de' priml Pontefici , a' quali cgllno avc- 
vano fatlo il simile : vennono in tanta inlquita , cbe gli 
yollono mctlere le mani addosso cd incarcerarbi, Aven- 
do intcso questo da' sul amicl , si cavo 1' abilo ponti- 
ficale , c misesi indosso una cappa d' uno frate , ed an- 
dandosene a uno porto , cbe lo cbiamano Ripa , entro 
in sur uno lcgno , c fcssi coprirc co' targoni , percbe i 
Romani non lo conoscessino. Vcnnono in lanta inlqui- 
la cbe lo scguitorono ; e non potcndo pigliarlo comc 
volevano , saetlovono ncUa galca ; c se non fusse cbe , 
comc <3 detto , 1' avevano coperto , 1' arcbbono morto. 
Vobnidosi fugglre il vicecanccllicre suo nlpote , lo pre- 
sono e messonlo in priglone , dove lo tenuono circa dl 
dua annl. Montato papa Eugenio in su questo legno , 
se ne venne in porto plsano sauza nulla , se non la sua 
persona propria. Glunto a Pisa , si rivesti , e misesi in 
punio , e da' Fiorentlni gli fu fatto grandlssimo onorc , 
e determino vcnire a starsi a Flrenze , parendogli luogo 
accomodatlssimo per la corte. Vennevi nell' anno mllle 
quattrocenlo trentatre : entro in Firenze del mese di 
giugno del detto anno : tutti i prlncipali dclla citta gli 
andorono incontro parle a Pisa , ed altri per la via. 

(i) Cioe rlssosi o yaziosi. Cosi piu sotto si dicc che vi fu 
scandalo tra papa Eugenio ed i Fiorentini , cioe contesa o cli- 
sgiisto , comc e chiaro dal conteslo. 



(S EUGENIO IV. 

Veiieiulo da Plsa , si poso al luogo d' Agiiolo di Fi- 
lippo Pandolfini , c stetle (jnivi tanto cbe s\ mettcssc 
in punto 1' onoranza siia , clie Cn cosa niirabilc a ve- 
dere : tutti i cavalicri principali della citta andorono 
di poi a Signa , ed accompagnoronlo in sino a Firenze 
con tutta la pompa ecclesiastica sccondo il costume dc' 
Pontefici , e piii se piii si poteva. Era la cilta in que- 
sto tempo copiosa d' assai cittadini di riputazione, 

5. Venuto il Papa in Firenze , gli fu dato stanza 
in santa Maria novella, ornatissima quanto dire si pos- 
sa. Aveva in questo tempo perduto gran parte dello 
stato della Cbicsa , il quale in breve poi lo racquisto. 
Sendo in F^irenze in questo anno del irentatre , ven- 
ne ii trentaquattro del mcse di settcmbre. A di otto si 
prese 1' arme per i principali della citta , dubitando 
cbe i signori cb' erano non mutassino lo stato. Sendo 
venuti in piazza , e presala , papa Eugenio come signo- 
re cbe volcntieri entrava di mezzo tra i difFerenti , co- 
me era suo ufficio ; sendo ancora prcgato c dalla si- 
gnoria e da altri cittadinl cbe desideravano cbe V ar- 
me si posasse sanza scandalo , mando pcr questo il pa- 
triarca de' ^itellescbi Cardinale , cbe per sua parte 
dicesse a quelli capi principali cbe andassino al Papa , 
cb' egli acconcerebl)e le loro difFerenze. Andando a 
buona fede il Papa , e cbi aveva 1' arme nelle mani , 
posono giii r ai-mi , e rimisonsi nelle sue mani. Mcn- 
tre cbe il Papa praticava 1' accordo , i signorl cb' era- 
no allora , confinorono messcr liinaldo deoli Albizi ed 
i figliuoli , e mcsser Riddlfo Peruzzi ed altrl ciltadini , 
e rivocorono Cosimo de' Medici cb' era stato confinato 
r anno innanzi. Veduto questo , il Papa prcsc grandis- 
simo sdegno , parendogli cbe sotto la fedc dcila sua 
Santita fussino confinati. ^on si ^ote mai placare La 



P A P A. 9 

monte Jella Santita sua , rd arcbbc fatto ogni cosa per 
fare clic fussino restituiti nclla patria , conie si vede 
nella dimostrazionc che foce di poi. 

6. Istando la siia Santita a Firenze in qucsto mo- 
do , attendeva con ogni dillgenza a riformare la cliie- 
sa , e fare cbe i religiosi stessino a" tcrmini loro , e 
di conventuali fargli osservanti , giusto alla possa sua, 
Venendo a piu luogbi di religiosi , riformo la sua San- 
tita santo Marco di Firenzo , scndo di frati conven- 
tuali non dell' ordine di santo Domenico , ma dell' al- 
tro ordine ; e standovi dentro dieci o dodici frati , pa- 
pa Eugenio lo riformo , e voUe clie Cosimo acconciasse 
quello luogo per i frati dell' osservanza di santo Do- 
menico , a' quali il Papa 1' aveva dato. Promise Gosi- 
mo alla sua Santita ispendervi denlro ducati dieci mi- 
]a , ed ando a quaranta mila. E riformo la Badia di 
Firenze ,* bencb^ ella fusse d' osservanza , nientedime- 
no aveva abbate perpetuo : e dubitando la sua Santita , 
cbe la Badla vacando a tempo d' un' altro Pontefice , 
non andasse in commenda , dette a quello abbate , cbe 
era portogalese una Badia in Portogallo , e sottomise 
Ja Badia di Firenze alla congfre^razione di santa Giu- 
stina , e volle cbe si facessino abbati aunuali , come si 
fanno sino al presente di. Mise 1' osservanza nel mo- 
nistero di santo Salvi dell' ordine di santo Giovanni 
Gualberto , ed ordino abbati al medesimo modo della 
Badia : e fece venire d' Arezzo uno fratello d' Alaman- 
no Salviati , uomo di santissima vita , e uno de' Nico- 
lini d' Arezzo , e col mezzo di questi dua religiosi ri- 
formo questo monistero. II fralello d' Alamanno era 
stato grandissimo mercadante , e torno a Fii^nze mol- 
to ricco , ed avendo vedulo pruova delle fallacie del 
mondo , rcstitui qucllo cbe gli parve averc sopra co- 



iO EUGENIO IV. 

.sciciiz.i , cd il iTstn di giusto cd oncsto guadngno d(!t- 
tc pcr r amorc di Dio , e fatto qucsto sc nc ando al 
lutisslmo nido dcUa religione. 

7. Bitornando a papa Eugenio , Settlmo Badla aii- 
tlchisslma dell'ordinc di santo Bernardo di Cestello , 
sendo istata parte in commenda , parte in mano d' uno 
abbate che 1' aveva guasta , e i poderi venduti , c dove 
solevano istare quaranta cinquanta monaci , era ri- 
dotta a dua. Vedendo questo papa Eugenio , la dette 
al Cardinale di Fermo uomo santlssimo , acciocclie lui 
la riformasse , e cavasse molti poderi di mano di certi 
potenti colla autorita apostolica. Datala al Cardinale, 
prese certi monaci dcUa Badia di Firenze , e feceli en- 
trare in questa Badia , e pigliare V abito di santo Ber- 
nardo : e parte dell' entFflte si serbo il Cardinale a se , 
e parte ne dette a' monaci , ed altese a rlaverc posses- 
sioni , e mettere in punto il raonistero , ed ogni di ria- 
veva uno podere. In brieve tempo vennono in nume- 
jo di monaci piii di quaranta. II Cardinale sendo uo- 
mo santissimo non atlendeva ad altro , se non a fare 
restituire possessioni , ed ordino nclla sua vita che la 
Badia rimanesse libera dopo la raorte sua. Morto il 
Cardinale , lascio la Badia libera a' frati , e fu piu as- 
sai quello vi mise del suo , che quello ne cavo. Dette 
loro papa Eugenio Cestello , che era uno monistero di 
monacbe. Seudo papa Eugenio in Firenze , vi mando 
a ore strane dua Cardinaii, Piacenza , e F^rrao; ed en- 
trati dentro con certi mandaii apostolici , ordinorono , 
che quelle , che vollono andare a uno altro moaistero 
di santo Donato in Polverosa , vi andassino : e quelle 
che non vi voUono andare , le renderono a' padri loro» 
8. Riformo il monistero di santo Donato con gran- 
disslma difficulta , e dette Cestello a frati , e cosi piii 



P A P A. 11 

monisteri cli' erano pev la terra iu varii liioghi , che 
non si potevano riducere , gli disfece , come e santa 
Maria della neve , santo Silvestro , e piii altri moni- 
slerir Dove pole riducerli a vivcre Lene , lo fece ; do- 
ve non pote, gli disfece, per levar via gl' inconvenien- 
ti che vi si facevano. Era la Badia di Fiesole in mano 
d' uno abbate , che vi teneva uno o dua cappellani ; 
Eugenio glie la tolse , e misevi i canonici regulari di 
santo Agostino : di poi Gosimo de' Medici vi fece la 
muraglia che v' e al presente , e deite a' delti frati san- 
la Maria della neve , che era un monistero di mona- 
che , e disfello ; a fine che quando venissino a Firen- 
ze , avessino dove posarsi. Mise 1' osservanza ne' Ser- 
vi , la quale vi stette per alquanto tempo. Di poi par- 
tito il Papa , ne gli cavarono. Attendeva , quant' egli 
poleva , a riducere luoghi in osservanza , e suo pensie- 
ro era di disfi^re tutti i conventuali , e fare ogni cosa 
osservanza : ed usava dire , che se Iddio gli desse tanta 
grazia , che potesse , tutle le religioni riducerebbe ad 
osservanza , e fenne quello che pote , ma fu impedito. 
9. Era il luogo dell' Alvernia in mano di conven- 
tuali , c ridusselo in osservanza , e rendello a questi 
frati deir osservanza di santo Francesco. A fine che 
non fussino impediti , pregato da santo Bernardino , 
ispicco questo membro degli osservanti dal Generale , 
e questo vicario solo resta nella giurisdizione del Ge- 
nerale : e feciono ch' eglino avessino uno vicario da 
loro , il quale avesse giurisdizione solo sopra gl* os- 
servanti , e stesse dua o infino in tre anni : ed il si- 
mile fece a' frati di santo Domenico. In tutla la ter- 
ra della Ghiesa , dove egli pote , mise 1' osservanza : 
iu Roma a santa Maria Ara-Caeli , dove era il con- 
yento di santo Francesco , vi mise 1* osscrvauza , e cosi 



12 EUGENIO IV. 

jii tutti i luoglii , clie pote, Fece visitaie a papa Ni- 
cola , che era allora soddiacono apostolico , santo Gio- 
vanni Laterano , che era in mano di prcti seculari , 
e trovo ch' egl' era siato anni quattrocento successive 
in mano de' canonici regulari di santo Agostino , o per 
questo lo restitui loro ; e fevvi murare uno grandis- 
simo luogo alla sua ispesa a uso di religiosl , ed isla- 
vanvi cinquanta o sessanta monaci. Mentre visse papa 
Eugenio , attese , come e detto , a riformare luoghi cosi 
d' uomini , come di donne. Scopelo fuori della porla 
a santo Pletro Gatolini lo riformo , ed univvi alcuui 
luoghi , uno monislero di donne , e altri beneficj , a 
fine che vi potesse istare uno convento, come ista oggi. 
II Paradiso era poverissimo , ed il simile vi uni una 
Badia , ed altri luoghi , in modo che vi potessino stare. 
lo. Erano in lui molte laudabili condizioni , che 
se saranno iscritte , non sara inferiore a ignuno degH 
altri Pontefici che sono suti pe' tempi. Consagro in Fi- 
renze con grandissima pompa ]a chiesa di santa Ma- 
ria del fiore. II ponte era coperlo di sopra di panni 
azzurri e bianchi , che era 1' arme del Papa : i legni 
che reggevano questi panni , erano tutti coperti di 
mortine e d' alloro e d' abete e d' arcipressi : appiccati 
i panni dali' uno lato e dall' altro , erano drappelloni 
dall' una chiesa all' altra : erano pancali nel medesirao 
modo dair uno Jato alT altro : in sul palco erano tap- 
peti coperti dall' una chiesa all' altra , che era cosa 
mirabile a vedere. Su por questo palco venue il Pon- 
lefice , con tutti i Cardiiiali , e tutta la corte di Ro- 
ma : il Papa parato in pontificale con la mitera , e tutti 
i Cardinali co' piviali ricchisslmi , e Vescovi e Cardi- 
nali con le mitere di damaschino , e Vescovi di bocca- 
cino bianco , e la croce innahzi al raodo pontificale , e 



P A P A. 13 

co' socldiaconi aposiolici a posto loro co' camici, secoii- 
do la coosucludiiio , c la corle di Boma parata secondo 
la loro degnila. Era in quello tenipo in Firenze una 
Lellisslnia cortc di Prclati e d" Ambasciadori d' ogni 
Juogo : in modo clie andavano il Pontefice , e tutta la 
corte di Uoma su per quello palchetto , e tutti i po- 
poli a ple , clie cra uno concorso generale d' intorno 
e discosto , de' sudditi de' Fiorentini. Venuti in santa 
Maria deJ fiore il Pontefice con tutla la corte , la chie- 
sa era ornatissima , e piena d' ornamenti e di panni e 
d' altre cose usitate a una simile solennita. Era fatto 
alP altare nno degnisslmo piano , tutto coperto di tap- 
peti , dove stava il collegio de' Gardlnali , e Prelatl , 
e '1 Papa in nna sedla coperta tutta di damaschino 
bianco e oro , ed eranvi intorno panche dove stavano 
i Cardinali. Era la sedia del Papa dal lato dove si dice 
11 vangelo , e dall' altro lato istavano i cantori : intor- 
no al Papa era il coUegio de' Cardinali , c dall' altra 
mano Veseovi , ed Arcivescovi , e Prelati , e gli Am- 
bascladori ritti presso al Papa secondo le loro degnita. 
Canto la mattiiia il Papa la messa pontificale > secondo 
la loro consnetudine. Fu questa delle degne cerimonie 
che fusse fatta gia ^ lunghissimo tempo. Consagro san- 
to Marco di Firenze , dove intervenne tutta la corte 
di Roma nel medesimo modo. 

I I. Istato papa Eugenio per alquanto tempo in Fi« 
renze , si parti , e andonne a Bologaa. Istato a Bolo- 
gna , n' ando a Ferrara. Essendo istata gran tempo la 
disunione della chiesa romana colla greca , penso papa 
Eugenlo volergli fare passare in Italia alle sue ispese , 
a iine chc s' unissino colla chiesa romana. Passo lo 'm- 
peradore di Gostantinopoii , ed il Patriarca , e tutti i 
Prelati degni che aveva quella nazione. Vennono a 



1 K EUGENIO IV. 

Ferrara^^tutti alle ispcse dal Papa , graiidlssimo nume- 
ro. Cominciaudo il morbo a Ferrara , il Papa se ne 
venne a Firenzc , e quivi apparecchio i luoghi pe* 
Greci , ed ordino la provisione mese per mese. Venuli 
a Firenze , per consiglio di molti singulari nomini che 
erano in corte di Roma , si fece in santa Maria no« 
vella uno bellissimo apparato di panchc e luoghi da 
sedere , e chiamaronlo il concilio de' Greci. Perche in 
Basilea s' era fatto uno concilio contro a papa Euge- 
nio , e da principio ebbe grandissimo favore , e fu- 
ronvi i Cardlnali , e di tutte le nazioni del mondo 
Ambasciadori ; ma comincioronsi a partire tutti i Car- 
dinali che v' erano , e massime santo Agnolo , che era 
presidente del concilio. Fatto cjuesto concilio de' Greci 
in Firenze , per consiglio de' degnissimi Cardiuali che 
erano in coite , e massime di Piacenza uomo di gran- 
dissima autorila , feciono citare quello di Basilea. Isde- 
gnati feciono tra loro uno Papa di poca autorita , e 
fu papa Felice duca di Savoia , che piii tempo innan- 
zi aveva lasciato lo stato , ed erasi dato a vita eremiti- 
ca. Fattolo Papa , non ebbe ubbidienza di Juogo ignu- 
no se non dallo stato suo : ma non passo molto lem- 
po , che fu contento di rinunziare al Papato , e rima- 
nere Cardinale , e Legato solo in quello stato che ave- 
va. II concilio di Basilea in poco tempo ridussesi a 
nulla col mezzo di questo concilio de' Greci. 

la. Vennono in questo tempo Arraeni , c lacopiti , 
ed Etiopi dal Pretejanni mandati al Pontefice roma- 
no , ed a tutti faceva ii Papa le spese. Fece venire papa 
Eugenio tutti li dotti uomini che erano in Italia e fuo- 
ri. Ed avendone la sua Santita in corte assai , venivano 
quindi presente il Pontefice e tutta la corte di Roma , 
a dispulare di queste difFerenze , che erano Ira V una 



PAPA. 15 

chicsa e V altra ; cd era la prlncipale , e di piii im- 
porlaiiza , clie volevano the lo Spirito sanlo procedes- 
se dal Padre , e nou dal Figliuolo , e la chiesa ro- 
mana vuole cb' e' proceda e dall' uno e dall' ahro. In 
line i Grt^ci conseniirono alla chiesa romana. Era iu 
questo tenipo in'corte di Pvoma , corae abbiamo detlo 
inahro luogo , Nicolo Secondino da Ncgroponte , in- 
lerprete tra i Greci e i Latini , ch' era cosa mirahile 
a vedere di trasferire dalP una lingua neli' altra , di 
greco in latino quaudo i Greci parlavano , e di latino 
iu greco. Dipoi piii lunghe disputazioui , cedettono i 
Greci a' Latiui iu tutte le cose iu cui discordavauo , 
e gli lacopiti , e gl' Armeui , e quegli di Pretejauui. 
i3. E uu di soleuue venne il Pontefice con tutta 
la corte di Piouia , e collo 'mperadore de' Greci , e tut- 
ti Vescovi e Prelati latini iu sauta Maria del fiore , 
dove era faito uuo degno apparato , ed ordinato il mo- 
do ch' avevauo a istare a sedere i Prelati dell' una 
chiesa e dell' altra. Istava il Papa dal luogo dove si 
diceva il vangelo , e Cardinali , e Prelati della chiesa 
romana : dalP altro lato istava lo 'mperadore di Co- 
slantinopoli cou tutti i Vescovi e Arcivescovi greci : 
il Papa era parato iu poutificale , e tutti i Cardiuali 
co' piviali , e i vescovi Cardiuali colle mitere di da- 
maschino biauco , e tutti i Vescovi cosi greci come la- 
tini co' piviali , i Greci cou abiti di seta al modo gre- 
co molto ricchi ; e la mauiera degli abiti greci pare- 
va assai piii grave , e piii degua che quella de' Pre- 
iati latiui. Cauto il Papa una messa solenue , e infra 
la messa si lessono i privilegi fatti delP unioue de' 
Greci cou graudissima solennita , e quivi promisono 
in futuro uon discordarsi della chiesa romana , come 
avevano fatto per lo passato , e soscrissesi in su que- 



4G EUGENIO IV, 

sti privilegi lo 'inperadorc , c tutti i principali cli' era- 
no tra loro : non vl sl trovo il Patriarca loro , per- 
clie s'jnclo rlmasti gia d' accordo , e avendo consenli- 
to , ammalo , e in pochi di si mori riconciliato con la 
chlesa romana. 

i.f' 11 luogo dello 'mperadore era in questa solen- 
nita dove si canla la epistola all' altare maggiore , ed 
in qnello medeslmo luogo , come e detto , erano tutti 
i Prelati greci. Era concorso tutto il mondo in Firen- 
ze per vedere quello atto si degno. Era una sedia al 
dirimpetto a quella del Papa dall' altro lato ornata di 
-drappo di seta , e lo 'mperadore con una vesta alla gre- 
ca di broccato damaschino molto ricca , con uno cap- 
pelletto alla greca , che v' era iu sulla punta una bel- 
lissima cjioia : era uno bellissimo uomo colla barba al 
modo iireco , e d' intorno alla sedla sua erano molti 
gentili uomini che aveva in sua compaguia , vestiti 
pure ajla greca molto riccamente , sendo gli abiti loro 
pleni di gravita , cosi quegli de' Prelati , come de' se- 
culari. Mirablle cosa era a vedere ben raolte degne 
cerimonie , e i vangeli che si dicevano in tutte dua le 
lingue greca e latina , come s' usa la notle di pasqua 
e di natale in corte di Roma. Non passero che io non 
dica qui una singulare loda de' Greci. I Greci in anni 
mille cinquecento o piii , non hanno mai mutato abi- 
to ,* quello medesimo abito avevano in quello tempo , 
ch' eglino avevano avuto nel tempo detto ; come si ve- 
de ancora in Grecia nel luogo che si chiama i campi 
Filippi , dove sono raolte storie di marmo , drenlovi 
uomini vestiti alla greca nel modo che erano allora. 

i5. Ritornando , dove noi abbiamo lasciato , alla 
solennita dell' unione de' Greci , nella medesima mat- 
tina si fece 1' unione degli Armeni , e delli lacopiti , 



P A P A. 1 T 

e dl (]uc41i dcl Prelejaniu , e d' allri cir eiano venuii 
per unirsi colla chiesa di Dio. E di liilla qucsta so- 
lenriita le scritLure avenJole ordinate tulte il Cardi- 
nale di santo Agnolo Cesarini , sendosi fattc in Fi- 
renze , volle il Cardinale pcr la mcnioria di si degno 
atto cli' elle vi riniancssino ; c per questo volle , chc 
tutti gli originali di quesla unione fussino in palazzo 
<le' signori ad perpctuam rei inemoriam, Fatla qucsla 
unione , fece papa Eugenio in Firenze diciolto Cardi- 
nali , e publicogli tutti in uno medesimo di , fra' quali 
furono dua greci , Niceno , e Ruteno , e papa Pagolo. 
E volendo papa Eugcnio conq)iaccre a' Fiorentini di 
dua o tre Cardinali , sl fece fare una nota , e cono- 
scendoli lutti , e' fu se non uno ch' egP approvasse , e 
qucllo fu il Cardinalc degli Alberti vescovo di Came- 
rino , uomo di grandissima bonta e di buona casa. 

16. Istato papa Eugenio per piii anni in Firenze , 
nacque qualche iscandalo (1) tra lui , e quelli chc go- 
vernavano , in modo che voiendosi partire per andare 
a Siena , e di poi a Koma , conoscendo che non si 
partiva niolto amico della citta , si stette alquanto so- 
speso della sua pai'tita , e massinie perche i Viniziani 
per letter^e scritte , e per 1' ambasciadore , ch' era in 
Firenze , confortavano i Fiorentini a non lo lasciare 
partire, Ebbesene consiglio di pi ii cittadini , e per i 
pivi savi si consiglio che per nulla si ritenesse , ma 
lasciasscsi andare a sua posta , perche i Viniziani con- 
sigliavano di quello che non arebbono fatto loro. Au- 
tore di questo consiglio di lasciarlo andare , mostran- 
dolo per inflnitc ragioni , fu messer Lionardo d' Arez- 
zo , e cosi si consiglio per tutti , e mandossegli a dire 

^- (1) Cioe contesa. Vcdi la nota alla p. 7. 

:2 



1 8 EUGENIO IV. 

per mcsscr Agiiolo Acciajoli , chc a ogni saa posta ati- 
dassc dove egli voleva , e cosi si pnrii 11 medesimo di , 
e and6 alla via dl Sicna. 

I j. Non passero qui clic io non dica delle con- 
dizioni di papa Engenio , di grandissima autorila. In 
lirjma egli ei'a grandc della persona , di bellissimo 
aspctlo , macll{Milo e grave , e di grandissima riveren- 
za a vederlo , in modo clie non era ignuno che per la 
grande aatorita clie egli aveva in se , lo potesse gua- 
tare. Serhava maravigliosamcnte 1' aiitorita del Ponte- 
ficc. Ncl tempo ch' egli stette in Flrenze , mai si la- 
sciava vedere , n^ usciva di casa dov' egli ahitava che 
era a santa Maria novella , se non per le pasque , e 
per le feste solenni deH' anno ; ed era tanta la devo- 
zionc ch' egP era a vederlo , che pochi lo guatavano , 
che potessino conten(H'e le lagrime. Intervcnne una 
sera che andando uno uomo d' autorila a parlargli , 
istava col capo basso , e non lo pote mai gaatare in 
viso , in modo che 'I Papa se ne avvide , e si gli disse : 
perch^ tcneva la testa cosi bassa ? Rispose egli subito , 
ch' egP aveva un aspetto di natara , che per nulla non 
lo poteva guatare. Ricordomi piii volte essere il Papa 
co' Gardinali in sur uno palchetto presso alla porta 
che entra nel chlostro di sanla Marla novella , ed era 
la piazza di santa Maria novella piena non solo essa 
ma tutte le vie che vengouo in detta piazza , cd era 
lanta la devozione de' popoli che vennono , ch' egP 
istavano istupefaiti a vederlo , che non si sentiva per- 
sona che parlasse , ma ognuno era volto verso 11 Pon- 
lefice : e quando egli comineiava secondo la consaetu- 
dine del Pontefice a dlre adiulovium nostrum in no- 
mine Domini , si sentiva la piazza tulta piena di planli 
e lamenti , chlamando a Dio mlsericordia , pcr la gran- 



P A P A . 19 

do devozioiie clje avovauo a vedere la siia Sanliia : non 
solo pareva , elie quegli popoli vedessiuo il vieario di 
Cristo in tcrra , nia la sua Divinila. Islava la sua San- 
tita con graudissima devozione , e il siniile tutti i Gar- 
diuali clie gli erano appresso , tutii uoinini di gran- 
dissima autorita. Veramcute in quosto tcmpo egli pa- 
reva quello che rappresentava. 

1 8. Vencndo ora alla vita sua , cgl' era stato piii 
lempo che non aveva mai bevuto vino , ma acqua fatta 
con zuccaro , e un poco di caunella solo , e nou al- 
tro. De' ciLi non voleva se non una vivanda sola , ed 
il forte era lesso , e mangiava sccondo n" aveva voglia ; 
c per qucsto termiue avcvano scmpre parato in cuci- 
na d' una vivanda sola , a fiue clic fusse apparecchia- 
to quando volesse mangiare ; e mai gT avanzava tem- 
po ; mangiava volentieri frutti cd erbc. Dava udienza 
a chi la voleva , passato il tempo delle sue oecupazlo- 
ni , e massime a' servi di Dio , ed a quegli che sapeva 
ch' erano buoni. Era libcralissimo e grandissimo da- 
tore di limosine , che nc dava a chi glicnc domanda- 
va , non faceva munizit)ue di danari , ne gli stimava : 
sempre aveva debito , perche non serbava nulla. Avc- 
va in casa molti gentili uomini , e del rcanie di Na- 
poli , e d' altri luoghi , a' quali dava provisione, e te- 
nevali in casa per 1' amore di Dio. Aveva alcuni ne- 
poii seculari i quali istavano in casa del Papa nel mc- 
desimo modo. Dello stato temporale dcUa Chiesa nou 
volle mai che n' avcssino nidla , parcudogli non po- 
tere dare quello che non cra suo. Dellc limosinc , co- 
me e detto , ne dava a chi gliene domandava. 

19. Un di un nostro citladiuo , il qualc si chiamo 
Felice Brancacci , sendo in esiglio e povero , c fuori 
della patria , ando alla sua Santita a dlmaudargli chc 



20 pUGEMO IV. 

lo sovvculsso nclla siia ncccsslla. II P.ipa fcce aiTccnrt^ 
iina borsa chc avcva pi(Mia cli fioiini , c fattala aprirc , 
dissciili nc pl^rliassc qucllo clic volcva. Fcllcc , comc 
vcr£20i2iioso , mctlcva la mano tlmidamcntc ; cd il Papa 
lidcndo sc gli volsc , c si gli dissc : mcttctc lc mani 
libcramcnie , clie io vc gli do volcnticri ; nc prcsc 
quanl* cgli pote sanza annoverargli. Non tCneva mai 
numizione in casa di daujjri : comc gP aveva , suLito 
eli dispcnsava. l'n di scndogli arrccati da quattro o 
cinque mlgliaia di fiorini , disse a messcr Bartolomco 
Pvovarclla , clie slava in camcra con lui , clic gli ripo- 
nessc. Avendo occupazione , gli misc sotto la matcrassa 
del Ictto dcl Papa , e qulvi istcttono parcccbi di. Un 
di sendo 11 Papa in camcra , c volcndo farc darc da- 
nari a uno , dlsse a messcr Bartolomco clic ari-ecasse 
qucllo saccbctto. Messcr Bartolomco sapplcndo cbc il 
Papa arcbbc avuto pcr malc cbe gli avesse mcssi ncl 
ieUo , istava sospeso di torgli. SoHccitando il Papa cbe 
gli arrccassc , fu nccessario cbc gli cavasse d' ondc gli 
avcva mcssi , alla prcscnza del Papa cavandogli del let- 
to. 11 Papa ne prcse grandisslmo isdcgno , e si se gli 
volse , c ripresclo cbe gl' avcva messi ncl Ictto , come 
se egll gli stlmasse moUo , e comandogli cbe un' altra 
volta c^li non facx^sse uno simile erjorc , a dimostra- 
re cbe danari nou sl debI>ono istimarc. 

2o. Avcva al sno gx)verno in camcra sua quattro 
rellgiosi , dua dell' ordinc di santa Giustina , cbc e la 
Badia di Firenze , e dua degl' azzurrini di quello or- 
dine fu papa Eugenio. Avcvavi uno secolare prcte , 
tutte degne persone. Con questi quattro diccva 1' uf- 
frclo c il di e la nottc ; scmprc si lcvava in pi^ a di- 
re malutlno , non mancava mai. Dormiva vestito con 
una camiccia di rasaccia , ed avcva per ordine cbc sem- 



P A P A. 21 

prc istavano dosll diia in camera siia , o mulavansi di 
tre ore in trc oro. Qiiando il Papa si fnssc desto , 
quivi appresso ;d h^lto crano Iil)ri clie volc\a lcggcre ; 
aecennava a coloro cli' crano alla guardia , e rizzavasi 
a sederc , cd (^glino mettevano uno guancialc con uiio 
libro , c dua candelc acccse : leggcva quando nna ora , 
e quando dua , sccondo gli pareva : quando non vo- 
Icna piii leggere , accennava , e qucgli lcvavano il li- 
ln'o e i lumi , e cosi continovava sccondo qucst' ordine. 
Era di tanta riverenza , che tutti qucgli clic conver- 
savano con lui, non avevano ardlre di parlargli : 1' 
nspctto suo era di natura , che arrecava seco tanta ri- 
vcrenza , come e detto , che non era ignuno che non 
si mutasse quando gli veniva innanzi. Aveva questa 
dote mlrabiie della natura , di poi vi si aggiugneva la 
santita della vita , e la dcgnita pontificale. Gonservo 
alla chiesa di Dio grandissima autorita , che ne re ne 
principe di qucllo che s' apparteneva alla degnila del- 
la chiesa lo potc mai mutare. II Re di Francla non 
volendo osservare alcune cose appartcnenti alla chie- 
sa di Dio , e volendo che il Papa gliele concedesse , 
sc non , che non gll darebbe 1' ubbidienza , in fine V 
ottenne. Co' Viniziani ebbe difFerenza , per volere fare 
dclle cose che non s' appartenevano a loro contro alla 
degnita della chicsa. 

2 1. Ritornando d' onde abbiarao lasciato , partitosi 
papa Eugenio da Firenze , se n' ando a Slena , per- 
che mal volentieri tornava a Koma per i loro porta- 
menti fatti vcrso 1' onore di Dio , e invcrso la chiesa. 
Istata alquanto tempo a Sicna , innanzi che tornasse a 
Roma , volle intendere da' Romani le condizioni co- 
me v' aveva a tornare. Era tornata Roma per 1' asseu- 
za del Papa comc una terra di vaccai, perche si te^ 



22 ELGENIO IV. 

iHvano lc pccore c lo vacclie iii sino dovc sono oggl 
i banchi dc' mcrcatnnti , c tutli crano in capperone cd 
in Islivali , pcr cssere islati tanti anni sanza la corte , 
c pcr le guerrc avulc. Ritornando dl poi. il Ponlefice 
con una bclla cortc , si rlvcstirono e rasscttorono la 
maggior partc , cd cbbono piii riverenza alla sua San- 
tila che non avcvano avuto pcr lo passato. Ritornato 
a Roma , mando messcr Tomaso da Serezana oltre a' 
montl , insieme con messer Giovanni Carvagialle audi- 
torc di ruota ; ed avendo faito tutto quello clie fu com- 
messo loro coii grandlsslma diligenza , iiel tovnare a 
Roma , papa Eugcnio raando loro a Viterbo dua cap- 
pelH rossl , e furono gl' ultimi Gardlnall cbe facesse 
nel suo pontificato* Giunti a Roma con grandissima 
pompa , ed andando a visllare 11 Pontefice per slgni- 
ficargli quello cbe avevano fatto nclla loro legazione , 
papa Eugenlo disse a maestro Tomaso : tu sarai mlo 
successore. 

2'2. Sendo istato ncl pontlficalo anni dlclotto , una 
notte scndosi levato a dire nialutino , cominclo a so- 
spirare , e prese il breviario cbe aveva in mano , e po- 
sollo. Quegli quaitro religiosi per la grande riveren- 
za cbe gli portavano , non fu ignuno cbe avcsse ar- 
dire a domandarlo quello cb' egl' avessc. Papa Euge- 
nlo torno a se , e volsesi a qu(^gli religiosl , e disse : 
cfuando 1' ufficio sia finito , domandatemi quello cbe io 
bo , ed io ve lo diro. Ricomincio a segullare II suo 
ufficio , e finitolo , questl religlosi dcsiderando sapere 
quello cbe avesse , lo domandorono quello cbe ebbe , 
quaudo sospiro. Disse loro : egli s' apprcssa 11 fine del- 
la vita mia ; imperoccbe quello crcmila mi disse al mo- 
nistero di santo Giorgio , dove io era monaco , cbe io 
sarei Cardinale , e di poi Papa , e cbe io seguirei il de- 



P A P A. 23 

cimo oltavo anno dcl mlo pontlficato , di pol mi mor- 
rci ; ora io vi sono , c conosco clio poco mi rcsla dcl- 
la mia vita , c pcrtanto se ognuno vuolc nuUa da mc , 
domandatcmclo innanzi chc io mi parta di qucsta vi- 
ta , clic poco me nc rcsta. Tutti cominciorono a so- 
spirarc c piangcrc. Fatto qucsto , il segucntc di fcce 
scrrarc la porta di santo Pictro , c v' ando insicme co* 
sna di casa , c giunto prcsso alla tcrza porta , clie va 
fuora , vidc uno lapide dl marmo dov' era iscritto eu- 
GENio PAPA TERzo , chc fu dlsccpolo di sauto Bernardo ; 
cd cgli si volsc a qucgli ch' crano con lui , e si disse : 
qui voglio , che sia una scpoltura allato a questa , che 
dica EUGENio QUARTo. Tomato nelle sua stanze , non 
passo molto tcmpo ch' egli s' ammalo. Sendo malato , 
si conobbe morire , e attese a tutte quelle cose a che 
attcnde uno fcdelissimo cristiano come lui, Sendogli 
intorno gli prelati e quogli religiosi chc stavano ap- 
presso di lui , si volsc loro e sospirando disse : o Ga- 
LrioUo , ch' ora il nomo suo , quanto sarobbe suto me- 
gllo per la salute dell' aniraa tua , che tn non fussi mai 
suto no Papa ne Cardinalc , ma fussiti morto nella tua 
rellgione ! Oh miseri a noi tutti ! ci conosciamo alja 
iine nostra. Presi tutti i sacramenti dolla chiesa , rcnde 
lo splrito al suo E.edentore santissimamente , com' era 
vlvuto. E questa fu la fine di si degno Pontefice , lurae 
e ornamento dcUa chiesa di Dio. None avendo fatto 
questa sua vita , sc none secondo uno brieve comen- 
tario , saranno tante cose degne da scrivere della sua 
Santita , chc se ne sarebbe fatto uno libro. Basta que- 
sto pcr la via d' uno brieve ricordo. 



24 

2. NIGOLA V. PAPA. 

I. iTXaeslvo Toniaso da Serezaiia , clie di poi fu 
papa Nicola quinlo , nacqiie a Pisa d' nmili par( nti. 
Di poi p<'r le discordie civiii fu confinato il padrc , e 
ando per istanza a Serezana , e ne' teneri aniii fe' dare 
al figliuolo opera a grammatica , la quale pcr la pre- 
stanza del suo ingegno la 'mparo presto. Mori il padre 
sendo maeslro Tomaso d* etk d' anni nove , e lascio de' 
masclii lui , c messer Filippo , clie di poi fu Cardinale 
di Bologna- Ammalo macstro Tomaso di morbo nella 
detta eia. Yedutolo ia madre ammaiato , sendo vedova , 
ed avendo in questi figliuoli grandissima isperanza , 
istava in grandissima ansicla e dolore , e pregava Iddio 
con assidue orazioni , clie le iiljcrasse qucsto figliuoio. 
Istando in queste assidue orazioni , duijilando ciie il 
figliuolo non si morisse ; sendo andata a dormire , cir- 
ca al fare dei di , non le parendo dormire , fu ciiia- 
mata per nome , e dettole : Andreoia , ciie cosi era il 
suo nome , non dui^itare clie il tuo figiiuoio sara iibe- 
ro : e parcvale in quelia visione clie al figiiuolo fus- 
sino messi in dosso gii aijiti pontilicaii , e dettole clie 
'1 figiiuoio sarebbe Ponlefice , e ciie eiia istesse con fer- 
ma isperanza , ciie questo ciie gii diceva , sarel)be. Ri- 
senlendosi dal sonno , subito ando a vedere il figliuolo 
e trovoilo assai migliorato , e a tulli quegii di casa dis- 
se la visione ciie aveva avuta. 

2. Liberato il fanciuiio , ia madre per la ferma 
isperanza clie aveva nella \isione, subilo soJlecilava 
il fanciuilo , cbe seguitasse ne' sua istudii ,* con futto 
che non bisogna^a, percbe di sua natura v' era sol- 
lecitissimo. Seguifu in modo , cbe in eta d' auui se- 



NICOLA V. PAPA. 25 

(llci aveva biionissima notizia della grammatlca , c udl- 
to e veduto assai cosc dalla lingua latina , e comincla 
in questa cta a dare opera a loica , per vcnire di poi 
a filosofia , ed a teologia. Partissi da Serezana , e an- 
donne a Bologna per poiere soguitare ne' sua istudii , 
leogendovisi in ogni faculta. Seguito a Bologna in loi- 
ca , ed in filosofia , dove fece grandlssimo frutto. In 
brieve tempo divento dotto in lutte sette 1' arti lILerali. 
Istato a Bologna sino alP eta d' anni diciotto, fatto mae- 
stro neir arti , sendogli mancati danari , gli fu neees- 
sario andarsene a Serezana alla madre , che s' era ri- 
maritata , per avere danari per sopperire alle spese. 
* La madre era povera , e '1 marito non molto ricco ; 
di poi non gli era figliuolo , ma figliastro , non pote 
ottenere d' avere da loro danari. Determino di segui- 
tare gli studii ; fece pensiero venire a Firenze madre 
dcgli studii e d' ogni virtii in qucllo tempo. Subito 
giunto a Firenze , trovo messer Rinaldo degl' Albizi 
uomo singularissimo , clie lo tolse per insegnare a' fi- 
gliuoli con buono salario , come giovane d' assai virtu. 
Finito r anno con messer Einaldo , si parii da Firen- 
ze messer Rinaldo , e per volcre istare nella cltta s' 
acconcio maestro Tomaso con messer Palla di Nofri 
Strozzi , e da lui ebbe buonissimo salarlo. Ed il si- 
mile da messer Palla in casa sua fu molto onorato per 
la sua virtii , accioccbe i figliuoli 1' avessino in rlve- 
rcnza. Finito T anno aveva guadagnato tanto con que^ 
sti dua cittadini , che gli bastava a ritornarsi in Bo- 
logna a' sua istudii ; benche in Firenze non perdesse 
lempo , che si leggeva in ogni faculla. 

3. Si parti dunque da Firenze , e andossene a Bo- 
logna per seguitare ne' sua istudii , e cosi fece per 
venire dov' cgli desiderava, ch' era Ja leologia. In brie- 



26 NiCOLA V. 

vo tempo , seijclo dottissimo in filosofia e maestro dcW 
arti , si dottoro iii teologia nel vigesimo secondo anno. 
Fu ricliiesto da mcsser Nicolao degl' Allxergati vesco- 
vo di Bologna deU' ordine de' frati di Certosa , di poi 
Cardinale di santa Croce , clie andasse a stare con esso 
liii. Andato , e conosciuta la sua virtii , gli dette tiuto 
il governo di casa sna. Avendo preso questo governo , 
non perdeva uir ora di tempo , seguitava nellc dispu- 
tazioni ne' circoli. Sendo maestro in teologia , come 
da lui udii , vide tutto il maestro delle sentenze , con 
lutti quegli cVie V avevano comeutato , perclie dove 
mancava 1' uno , sopperiva V altro. Aveva non solo no- 
tizia de' dottori moderni ma di tutti gl' anticlii come 
greci , cosi latini , ed erano pocbl iscrittori nclla lin- 
gua greca o lalina in ogni faculta , cli' egll non aves- 
se veduto 1' opere loro ; e la Li])bia tutta aveva a men- 
te , e sempre a suo proposito T allegava. Feciongli que- 
sti testi della scrittura santa grandissimo onore nel suo 
pontificato nelle risposte clie aveva a fare. In eta d' 
anni venticinque si fece sacerdote per le mani del Car- 
dinale di santa Croce. iNon passo molto tcmpo , cbe 
sentendo papa Martino la buona fama del Vescovo di 
Bologna , lo fece motu proprio Cardinale , e fu tito- 
lato in santa Croce di lerusalcm , e bisogno cbe an- 
dasse a slare a Boma. Maestro Tomaso sendo con lui , 
n' ando a Roma . dove erano infiniti singulari uomi- 
ni , co' quali maestro Tomaso del continovo quando 
gli avanzava tempo era in disputazioni o di teologia 
o di filosofia. E per non lasciare delP universale noti- 
zia , cbe io gli udii dire , cbe aveva trovato per piii 
iscrlttori , cbc Italia era stata in mano di barbari tra 
Goti , Vandali , Geti , Unni , Longobardi , Eruli , cbe 
r avevano tenuta occupata auni qualtrocento cinquan- 



P A P A. 27 

ta , cli' cra maravlglia , come c' ora rimasto llbri , o 
cosa alciina dogna, 

4» Slando macstro Tomaso a questo modo in Ro- 
ma , papa Eugonio uomo santissimo ponso di volere 
fare 1' accordo tra il rc di Francia ed il re d' Ingliil- 
terra ed il duca di Borgogna. Conoscondo la integrita 
e fede che avova il Cardinale di santa Crocc , dotor- 
mini) mandarlo logato od in Francia ed in Ingbiltorra 
ed al duca di Borgogna , dovc fu grandomente istima- 
ta; c dimostro maestro Tomaso in quosta legazione as- 
sai dolla sua virlii , ed acquistonne di molto od in cor- 
te , c dove era il Cardinale b^gato. Fu cagione di gran- 
dissimo bene il Cardinale col favore e diligenza di 
macstro Tomaso in comporre quoste parti tra il re di 
Francia e il duea di Borgogna od il re d' Ingbilterra. 
Levo via assai guerre e dissonsioni cb' orano in que- 
gli paesi. Tornato il Cardinale a P^oma colla conclu- 
sione di questa pace , piacque assai al Pontefice V opc- 
ra sua ; e conoscendo ba sua disposiziono attissima a 
simili cose , lo mando nolla Magna per molto discor- 
die che v' erano tra quegli principi , e stettevi uno 
anno , e tutte o !a maggiore parte composo ; e tutto si 
fece parte colla fede e bonta del Gardinalo , parte col- 
la sollecitudine e diligenza di maestro Tomaso ; ma 
durovvisi drento grandissima falica per la durezza di 
quegli uomini che hanno del barbaro. Tornato a Ro- 
ma , lo mando a Ferrara , dove si praticava pace tra 
il duca Filippo ed i Viniziani e Fiorentini» In quosto 
luogo ancora s' afFatico assai il Cardinale e maostro 
Tomaso di fare questa pace ; e non restorono mai , che 
la conchiusono ; che fu cagionc di grandissimo bene , 
che scndo tutla Italia oppressata dalla guerra e per- 
lurbazione di gente d' arme , levoronsi via tutti questi 



28 NICOLA V. 

iscaiiJall. Iii tuUe queste legazioni , oltre alla siia dl- 
ligcnza clic aveva avuta il Cardinale , v' era quella di 
maestro Tomaso in ajulare a conducere questi accor- 
di ,* e v' cra I' universale cura del Gardinale , clic cra 
nioho infcrmo e di male di pietra c d' altre inCrmita. 
E d' ogni cosa univcrsalmente cosi della persona dcl 
Cardinale , come di lutta la casa , e dellc cose appar- 
tcnenti a questc pratichc ;, era tutta la cura in mae- 
stro Tomaso. 

5. Partitosi papa Eugcnio da Roma pcr certe in- 
sidie , clie gli avevano fatto contro i Romani , ne ven- 
ne a Fircnzc , e con lui il Cardinale di santa Croce , 
c maestro Tomaso vcnuc a Fircnze , dov' erano in quc- 
sto tempo mohi singulari uomini , cd il similc in cor- 
te. E pcrchc mcsser Lionardo d' Arezzo , messer Gian- 
iiozzo Manetti , mcsscr Poggio , mcsscr Carlo d' Arez- 
zo , messer Giovanni Aurispa , macstro Gasparo da Bo- 
logna uomo dottissimo , cd inflniti ahri dotti veniva- 
110 ogni sera ed ogni mattina sul canto del palazzo , 
dove disputavano e confcrivano di varie cose , macstro 
Tomaso suhito che accompagnato aveva il Cardinale a 
palazzo , sc iie vcniva in sur una mula , cou dua fa-. 
raigli a pic , cd ii piii delle volte era vcstito d' azzur- 
ro , ed i famigli con gli ahiti di moscavolicrc o d' az- 
zurro chiuso hinghi , con la heretla di preti in capo. 
Non erano lc pompe in corte di Roma , come sono al 
presente. Era dcl contiuovo nel luogo dctto di sopra 
a dispulare , o in corte di Pioma a confcrire ed a di- 
sputare , ch' era vementissimo disputatore. Partendosi 
papa Eugenio da Firenze , n' ando di poi a Bologna , 
ed il Cardinale ch' era vescovo di Bologua. Istava la 
casa del vescovado male a ordiiie ; giunto maestro To- 
maso a Bologna , il Cardinalc comincio a ragionarc cou 



P A P A. 29 

lul dcllo (Mlincare quclla casa del vescovado , e dette 
comiTKS.sione a mnestro Tomaso , che facesse liii. Iii 
brievissimo tempo fece ricdifieare la rasa del vescova- 
do tiUta di nnovo. 

6. Partito di poi il Papa da Bologna , n' ando a 
Ferrara , dove papa Eugcnio ccTcava clie i Greci ve- 
nissino ^lla unione delJa chiesa romana ; e per quc- 
sto mando in Grecia , e fece in modo che furono con- 
lenti venire tutti i principali di quc^Ua nazione a Fer- 
rara ; ed il Papa fu contento per riducergli al vero 
cuho della cliiesa , di pagare 1-e spese a tutti cosi delle 
loro ahitazioni , come il biso^no loro delle cose ne- 
cessarie. Venne lo 'mperadore in persona ed il patriar^ 
ca de' Greci , dua principali di quella religione, e con 
loro vennono lutti i piii dotti che erano in tutta Grc- 
cia. Istati per alcun tempo a Ferrara , sendovi comin- 
ciata Li peste , fu necessario che la eorte si partisse da 
Ferrara , e torno a Firenze , e feciono torre case pe' 
Greci , cli' erano circa a cinquecento Ira vescovi ed ar- 
civescovi ed ahri prelati. Aveva falto venire papa Eu- 
genio in corte tutti i dotti e frati e preti e seculari 
chc aveva potuti avere ; e fece ancora in santa Maria 
novella le panche pel loro concilio , e per consiglio d' 
alcuni savi Cardinali lo chiamo il concilio de' Greci , 
e richiesont) il eoncilio di Basilca che venisse a que- 
sto concilio ; e con questo raodo solvettono il concilio 
di Basilca , e tolsongli T autorita. Noti ognuno quello 
che fanno i savi nomini nelle cose d' importanza com' 
era questa. Ora in questo concilio ogni mattina ed ogni 
di innanzi al Papa ed al collegio de' Cardinali e di 
tulta la Corte di Roma si disputava dai Latini insie- 
me co' Greci di questo loro errore , che volevano che 
lo Spirito saiito procedesse dal Padre solo e nou dal 



30 NICOLA V. 

Flpliuolo. 1 Lalini per la vera sentenza della fede vO- 
pliono clie procetla dal Padre e dal Figliuolo. Eravi 
tra ahri uno da Negroponte , che si chiamava Nicolo 
Secondino , ch' era cosa mirabile a iidire quello che 
faceva , perche quando i Greci parlavano e facevano 
pli argomenti a provare le loro opinioni , parlalo che 
avevano i Greci , Nicolo Secondino isponeva in iatino 
de verbo ad verbum ogni cosa. Parlavano di poi i La- 
tini e rispondevano agli argomenti de' Greci , e Nicolo 
trasferiva in greco. Trovavansi maestro Tomaso in lut- 
te questc disputazioni per la parte de' Latini ; era de' 
primi , ed il piii stimato , per la universale notizia clie 
aveva della scrittura santa , e de' dottori cosi antichi 
come de' moderni , e cosi dt*' Greci come de' Latini. 
Aveva papa Eugenio del continovo cerco di levare di 
tutto il mondo 1' eresie. Erano venuti iu Firenze alcuni 
Etiopi , ed Armeni , e lacobiti che sono cristiani , ed 
avevano alcuna eresia ; e per qucsto mandorono alcuno 
dotto uomo in quella lingua , fra' quali erano certi fra- 
ti di santo Antonio , di quegli veri frati vestiti vilis- 
simamente , iscalzi col cilicio in suUe carni , e che non 
mangiavano carne ne pesce che avesse sangue. Fu com- 
messo a maestro Tomaso da papa Eugenio , che fusse 
quello che disputasse con quelle tre nazioni ; e lo in- 
terprete era uno viniziano che sapeva bene venti lin- 
guaggi ,* ed ogni di dua volte maestro Tomaso era a 
disputare con queste tre nazioni per mezzo di quello 
interprete. Dopo piii tempo , fatte queste disputazioni , 
questi Etiopi , Armeni , e lacobiti vennono per mez- 
zo di maestro Tomaso alP unione deila chiesa roma- 
na ; della quale unione ne sono privilegi puldici su 
in paiazzo de' Signori , insiemc con quegii de' Gre- 
ci ciie ancora s' unirono aila cliiesa in buona parte. 



P A P A. 31 

Vj clc' Grcci di qiieste Ire Setlo se n' adopero assai 
maestro Tomaso. 

y, In ogni cosa si dimostrav.i la siia virtii , e non 
ostante le Luidabili condizioni , aveva hnonissima ma- 
niera con lutti quegli clie lo conoscevano. Era face- 
tissimo ; mai faceva se non dire cose gratissime con 
oguuno , c pochi gli parlavano clie non rimanessino 
sua partigiani per i sua ottimi coslumi e per la sua 
mirabile natura. Facevagli onore la pratica che aveva 
avuta in corte con tvitte le nazioni del mondo , e sem- 
pre praticato con uomini grandi e degni. Era di na- 
tura liberalissimo con ognuno , e quello che aveva , 
non era suo : 1' avarizia non Li conobbe mai , perche 
da hii non aveva se non chi non gli domandava. Ispen- 
deva piii che non poteva ; perche in questo tempo ave- 
va piii iscrittori de' piii degni che poteva avere , e non 
gnardava in prezzo. Fidavasi nelLi sua virtii , sap- 
picndo chc non gli poteva mancare nulla. Usava dire 
che dua cose farebbe , s' egli potesse mai spendere , 
ch' cra in libri e murare ; e 1' una e 1' altra fece nel 
suo pontificato. E bene che in questo tempo cgli fusse 
povero , nicnte di meno i libri che faceva fare , tutti 
voleva che fussino bellissimi in tutle le condizioni. 
Aveva libri in ogni faculta , in fra gli altri opere di 
santo Agostino in dodici bellissimi volumi tutti fatti 
di nuovo con grandissimo ordine. II siniile 1' opere de' 
dottori antichi e di quelli moderni ; ogni cosa che po- 
teva avere , ispendeva in libri. Aveva pochi libri ch' 
egli non istudiasse e postillasse di sua mano , ch' era 
bellissimo scrittore di lettera Ira 1' antica e moderna ; 
in su quali libri faceva la memoria quando voleva tro- 
vare nulla. Ed ancora oggi in santo Spirito in una li- 
braria che si chiama del Boccaccio , la quale e di la 



32 NICOLA V. 

dalla libraiia dc' frati , cbe la fccc fare Nicolao Ni- 
coli , e fccevi raettere i libri del Boccaccio , accioccbe 
non si perdessino ; in questa libraria c uno libro cbe 
dono a' frati cbe e santo Agostino contra Iidianum 
pelagianistam e contro altri «retici , ed e questo li- 
J>ro tutto postillato di sua mano di quella lettera cbe 
io dico. Non ando mai fuori d' Italia in quelle lega- 
zioni €ol suo Cardinale , ch' egli non portasse qualcbe 
opera nuova clie non era in Italia , fra le quali fu- 
rono i sermoni di Lione papa , e la postilla di santo 
Tomaso sopm santo Matteo , opere degnissime cbe pri- 
ma non erano in Italia (i) e piii altre opere nuove. 
Non era iscrittore ignuno nella Hngua latina , del qua- 
le egli non avesse notizia in ogni faculta , in modo 
di sapere tutti gli scrittori cosi greci come latini. Ed 
avendo avuto a ordinare una libraria in tutte le facul- 
ta , non era cbi n' avcsse notizia se non maestro To- 
maso. E per questo Cosimo de' Medici avendo a or- 
dinare la libraria di santo Marco , iscrisse a maestro 
Tomaso cbe gli piacesse fargli una nota come aveva 
a stare una libraria. E cbi non ba avuto quella in- 
nanzi , per essere con grandissimo ordine ? E scrissela 
di sua mano e mandolla a Cosimo. E cosi seguito 1' 
ordine suo in queste dua librarie di santo Marco e 
della Badia di Fiesole ,* ed il simile si seguilo in quel- 
la del duca d' Urbino , ed in quella del signor Ales- 
sandro Sforza. E cbi ark pe' lempi a fare libraria , 
non potra fare sanza questo inventario. 

8. Grande obligo banno tutti i letterati a papa Ni- 
cola per lo favore cbe ba dato loro , e per avere data 
tauta riputazione a' libri cd a tutti gli scrittoi*i. In- 

(i) rs'on credo io cio , almcno delle opere di S. Lconc. 



1 



P A P A. 33 

lorvoiino piii voltc a iiiru\slro ToLii.iso iiou avcro da- 
nari , comprarc libri a crcJcuza , c pcr pagarc iscril- 
lori o miiiiatori gli accallava , tanto clic (li poi potc- 
va soppcrire. EI)h(; naturale 1' csscrc libcrale c iion mi- 
sero. Ed c qiicsta dclla lil^cralilii una bcncdclta nalu- 
la , e r opposito nialcdcita quclla dell' avaro ; pcrclic 
santo Giovanni Grisostomo dicc clic sc tutto il mon- 
do divcntasse oro innanzi a un avaro , c tanlo insa- 
ziabilc chc mai si contcntercbbc ; e sarcbbc pii.i facilc 
cosa a uno uomo volarc pcr aria , che uno avaro di- 
ventasse liberalc. L' avarizia c pcr csprcsso conlro a 
natura. Avcva macstro Tomaso una notizia univcrsale 
d' ogni cosa , ed oltre alle selte arti liberali , dc' go- 
verni dcgli stati era suprcmo , comc sc mai non avesse 
attcso ad altro , bene chc sempre s' cra allevato a pra- 
tichc di cose grandi , dclle quali aveva mirabile giu-' 
dizio. Con tutti quegli con i quali parlava d' ogni fa- 
culta , parcva che non avesse mai fatto altro chc qucl- 
lo di chc egli ragionava. Divino cra lo "ngegno , e di- 
vina la memoria d' ogni cosa. Era uno uomo apcrto , 
largo , sanza sapere fingcre o simularc , c nemico di 
tutti quegli <ihe simulavano o fingevano. 

€), Era «imlco di cerimonie e d' adnlazioni , con 
ognun© usava grandissima domeslichczz^. In tutte le 
sua degnita o di vescovo o d' ambasciadorc , chi T an- 
dava a visiiare, tutti gli onorava , e voleva che chi gli 
volesse parlare , gli sedesse allato , e mcttcsscsi in ca- 
po ; e quando non voleva, lo pigliava per uno braccio , 
e bisognava che sedesse , o volessc egli o no. S' c^V 
erano uomini di condizione , gli accompagnava insino 
fuori della camera ed insino alla scala. Fu uno di chc 
messcr Giannozzo Manctti 1' ando a visitarc, ch' era 
in Fircnzc , cd andava ambasciadorc in Francia man- 



34 NICOLA V. 

clalo Ja papa Eiigenio ; o perclKj c^ii 1' avtrva iii graii- 
dissiiiia rivercnza , gli fece grandissimo onore ; ed isla- 
to con maestro Tomaso per alqiianto tempo in came- 
ra , di poi nel partire nsci di camera , e fegli compa- 
giiia contro a sua voglia infino in sala , ed infino alld 
scala , ed andava giii in terreno. Istando fermo , e non 
volendo cli' egli andasse piii giii , Lisogno ch' egli aves,- 
sc pazienza , sendo neH' osteria del lione , clie non solo 
volle andare infin giii , ma sino clie fu fuori dell' uscio 
deir albergo , sendo ambasciadore di papa Eugenio , 
com' e delto. Fatto questo atto , si volse ad alcuni che 
v' erano , e disse molte lodi di messer Giannozzo ; in- 
fra r ahre lodi che disse di lui , furono ch' egl' era 
cosi degno cittadino, che non sarebbe inferiore a ignu- 
no che n' avesse avuto la romana republica quand' ella 
fu nel piii chiaro stato ch' ella fusse mai. 

lo. Fu di natura sua con quegli , con chi aveva 
conversazione di casa sua , modestissimo. Vero e che 
voleva essere inteso a uno cenno ; tanto era diligenle 
in tutte le cose che aveva a fare .' cosi voleva che fus- 
sino i sua. Era di natura collerico , ma la sapeva tem- 
perare benissimo colla sua prudcuza. De' famigli che 
aveva al suo servizio , non avc\a ignuno italiano ; tutti 
erano o tedeschi o franciosi. Sendo uno di domandato 
perche non teneva italiani, rispuose , perch' egl' hanno 
i' animo troppo grande , e tuttavia vorrebbono andare 
piii ahi ; e 'I francioso o il tedesco a ogni esercizio 
che tu lo metti , pare ch' egl' abbia il suo bisogno , 
isla contento , e nou vuole andare piu alto si sia ; e 
mettilo a che vile esercizio tu vogli , che sono fede- 
lissimi. Istette piii tempo maestro Tomaso sanza be- 
neflzj , perche non si davano come si fa oggi a ognu- 
no. 11 primo ufFicio ch' egl' ebbe , fu che sendo in Fi- 



p \ p A. 35 

renze papa Kugeiiio , lo ivcr soddincono aposlolico , 
clie soDO ({ucgli clie porfano la crocc innan/i alPa- 
pa , cd alla uics.sa I' aniniinislraiif) ; cd iino di loro di- 
ce Ja oplslola ncllo mcsse p.ipali. Sono quesli soddia- 
coni di dua ra^ioni , nunicrarii c non nuinoraiii ; han- 
no uno C(M'to cnioluinento clie nionla Tanno ducali tre- 
cento. Di qucsti numerarii era maestro Tomaso. Ave- 
va avuto ancora uno arcidiaconato in Francia , clT 6 
sanza cura d' anime ; altri benefizj non aveva in que- 
slo tempo. 

if. Partendosi di poi pnpa Euqenio da Firenze , 
se n' ando a Siena ; ed il Cardiiiale , c macslro To- 
maso con lui. Ammalo il Cardinale gravissimamenie 
di male di pietra , c mori , e fece lestamento con li- 
cenza dcl Papa , e lascio molte cose a cause pie , e tutto 
lascic) a macstro Tomaso clie eseguisse lui ; tanta fedc 
avcva in lui , d.' anni venll clic 1' aveva servito I INIorto 
il Cardinale , fngli cavata di corpo una pietra grossa 
come uno uovo d' oca , clie peso oncie diciotto. Papa 
Eugenio motu proprio dctte a maestro Tomaso il ve- 
scovado di Bologna. Non passo molto tcmpo clie papa 
Eugenio n' ando a Roma ; e giunto a Roma , e cono- 
scendo la virtii di maestro Tomaso , lo mando amba- 
sciadore a Firenze per cose di grandissima importan- 
za. Era papa Eugenio in questo tcmpo mollo alterato 
co' Fiorentini» Sendo una sera colla sua Signoria , se 
ne dolse deile diflcrenze cbc avcvano col Papa , e disse 
cbe per queslo isdegno aveva fatto b'ga piu tempo fa 
col re Alfonso c col duca Filippo , conie appresso si 
vede. Istato alquanto a Firenze, e compiuta bi sua coin- 
missione , si rilorno a Roma ; ed il Papa di nuovo lo 
mando ambasciadore al re Alfonso por cose importan- 
tissime appartcncnti a questa indignazionc del Papji 



3G 



NICOLA V. 



LOiilro a^Fiorciiliui. IbUao a j\'npoli c iiniLa la sua coni- 
inissionc , sc nc toriio a Pvonia. \ ccluto conic eoli s' 
crn portato in qncstc dua lej^azioJii , lo manJo amba- 
sciadorc in Francia c uclla Magna per cose importan- 
lissinic , c fccc qndlo nicdesimo clic aveva fatto iu quc- 
stc dna lcirazioiii. 

12. riitornalo a Roma , lo rimando papa Eugenio 
Jui c messer Giovanni Gar^agiallc ispagnuolo audito- 
jc di ruota , noiuo singularissimo , in Franeia e nel- 
la ]Magna. Passorono da Fircnzc ; cd avcndo avuto il 
vescovado di Bologna , c lasciato i dua benefizi cIk; 
aveva , cli' crano il soddiaconato e V arcidiaconato ; e 
non ubbidendo Bologna alla Ghicsa , non avova cntra- 
ta ignuna ; e pcr quc^sto papa Engenio lo fccc vcce- 
camcrlinsro. Ma Boloirna nou dando ubbidieiiza al Pa- 
da , ritcneva 1' cntralc dcl vcscovado. Lc prime parolc 
cbc n\ uso in Fircuzc , quando gli parlai , furono che 
papa Eugcnio cra povero , e lui povcrissimo , perche 
ijon avcva altre cntrate che qucllc dcl vcscovado , e 
dal quale non riccveva nulla ; c chc papa Engcnio ch' 
ci'a liberalissimo , non avendo danari , non gli avcva 
potuto darc tanto ch' egli si conducesse a fatica in Fran- 
cia. E poi mi si volsc c disse , c' bisogna chc tu vadi 
a Gosimo , e preghilo che mi scrva di ccnto ducati per 
di qui alla tornala , c digli la cagione. Andai a Go- 
simo , e disse , io voglio fare meglio che quello chc 
mi domanda ,* c suljito mando Koberto Martclli a lui , 
c dissc avcre commissione da Gosimo de' Medici di far- 
gli una IcLtcra generalc a tuLtc Ic compagnie c corri- 
spnndenli cbc pagassino quella somma che maeslro 
Toniaso volessc. Parve a maestro Tomaso Iroppo gran- 
dc liberalita , c disse a Pioberto chc ringraziasse Go- 
simo per sua partc. Usogli Roberto mollo umanc pa- 



P A P A. 37 

rolc , dirnostraiuloi^li la huoiia disposlzionc di Cosinio 
iiivcrso la sna Signorin. 

i3. Diro qul ({ucllo clic iiiicrvcnno nna maliina 
innanzi clie partissc. Invito V anil^asciaJorc di Bologna 
a dcsinarc , cU' cra in Firenzc , c questa maltina mi vi 
trovai ancnra io. Era in qucslo lcuipo V avvcnto , c 
maestro Tomaso lo digluiiava , c faccva quaresima , 
bcnclie fussii in canimino. Fccc provcdere allo amba- 
sciadorc deguamentc. Posto a tavola , innanzi cbe co- 
minciassc a dcsinarc , piglio in niano lc collazioni di 
santo Giovanni Cassiano , c dissc : la mia consnetndi- 
nc c scmprc o in cammino , o dov' io mi trovo , di 
icqgcre ncl principio dcl mangiarc. Avcva sccondo la 
sua consuetudinc in tavola dua guastaduccie , cbc te- 
ncvano dua biccbicri per una , V una picua di vcrmi- 
glio c 1' altra di bianco cd innacquato molto bcnc , cd 
appcna cbc lc finisse di berc Qucsta parte bo io po- 
sta pcr alcuni malivoli ed invidi cbc T banno vohito 
calunniare dcl bcrc , non lo conosccndo ; percbc ncl 
suo ponilficato faccva venire alcuno vino cbe fussc buo- 
no , non lo faceva per se , ma solo per ccrti prclati c 
signori o di Fraucia o della Magna o d' Ingbilterra , 
dov' cgP cra istato , ed avcvane grandissima cognizio- 
ne ; e quando venivano a Pvoma , gli faccva presenta- 
rc ; questa cra la cagione dcl vino. Sendo la mattina 
a tavola , si volsc allo ambascladore bologncse , c si gli 
disse : c' mi duolc bene cbe per non mi avcre data 1' 
entrata del vescovado di Bologna , voi m' avcte coii-» 
dotto , cbe se io bo voluto vivere , m' c convenuto ven- 
dere dcllc piii care cose cbe io avessi , cbe sono i li- 
bri ; ma piii mi dispiace ancora cbc il vescovado , cbc 
e casa di Dio , voi 1' abbiate fatta casa di saccomanni • 
e tuiti qucgli cbe vi vengono , gli mandate al vesco- 



3S NFCOLl V. 

vado. Sia coii DIo ; qiialclie volla vi riconosceretc voi 
d«*' vostii errori. 

i /l, rartiiosi da Flrenze , se n* ajidoroiio gT ain- 
basciadori ed iii Fraiicia e nella Magna. E dlro qui 
qiiello clie m\ disse di qiiesta legazioiie. Dice , che per 
tutta la Magiia , seiido legati apostolici , quand' egli- 
no passavano per la vin , tulti quegli popoli s' inginoc- 
chiavano in terra ; e fu fatto ioro grandissinio onore 
per tutto , per essere legaii apostolici. Dicc die duro 
loro questo tanto onore infiuo a Padova ; dove comin- 
ciorono a niancare assai di quello eh' era fatto loro ol- 
tranionti. Feciono moltissime paci tra colla prudenza 
di dua Si singulari uomini , accompagnala colla inte- 
giita della vita. Ando questa fama insino a Roma di 
quello che avevano fatto , ch' era tl' avere adempiuta 
la loro conimessione. II Pontefice vedute tanie buone 
e laudabili opere di maestro Tomaso , fece pensiero 
di lemunerarlo. Tornando i dua legati in Firenze , 
subito che fu giunlo maestro Tomaso , andai dalla sua 
Signoria , e come mi vide , comincio a ridere , e si mi 
disse : io ho preso in sulla lettera generale di Cosimo 
dugento fioriui , e blsogna clie me ne presti cento in- 
tino a tanlo ch' io mi conduca a Koraa. Disse : andia- 
mo insino a santo Giovanni , che v' era il perdono , e 
di poi andremo a casa Cosimo. Dlssigli che non biso- 
gnava , chc io lo farei io. Ando al perdono , e uscen- 
do di chiesa , trovo Gosimo iii sulla piazza di santo 
Giovanni , e dissegli de' cento fiorini che voleva , ol- 
tre a' dugento che aveva avuti in su la lettera gene- 
rale. Rispuosegli , e cento e tutta quella somma che 
voi volete , saranno al piacere vostro. E poi.gli disse : 
verrk a voi Roberto Marlelli , e daravvi quella som- 
ma che voi vorrete. Venne subito Roberto a lui con 



P A P A. 30 

coniin(!Ssi()iie cln,' gli (lessc qiiogli d.inari cho volcssc. 
Non volle piii di ccnto fiorini. 

! 5. Avuti qucsti danari , 1' nlti'a nialtina nionto a 
cavallo , c ando alla via di Roma con grandissima ri- 
putazionc pcr quello clie avevano falto in qucsta loro 
legazionc. Giunti a Vilerl)o , sanza clie ignuno di loro 
dua ne sapcssc nulla , mando loro papa Eugcnio dua 
cnppclli rossi , a macstro Tomaso da Screzana ed a 
messer Giovanni Garvagialle ispagnuolo titulato Cardi- 
nale di santo Agnolo ; e molti uomini di condizione 
vcnnouo loro incontro. Giunti presso a Roma , tulto 
il collciiio d(,'' Gardinali con tutta la corle di Roma ed 
am])asciadori vcnnono loro incontro , che fu grandissi- 
ma pompa V cntrata loro. Giunli a Roma , andorono 
a' picdi della santita di papa Eug(}nio , ed isposono la 
commessione data dalla sua Santita , e quello che ave- 
vano falto dal di che s' crano partiti insino a quello di« 
Dipoi maestro Tomaso fcce una degnissima orazione al 
Ponteficc , e ringraziollo dcl honcfizio che gli avcva 
fatto dcUa degnita del cappello che aveva data loro , 
referendone infinite grazie alla sua Santita ed al col- 
legio de' Gardiuali con parole molto ornate , secondo 
la sua consuetudine. Fatto questo , i dua Gardinali si 
partirono dalla sua Santita accompagnati alle case loro 
da tutti i Gardinali ed ambasciadori che v' erano , con 
quegli medesimi che gl' avevano accompagnati all' en- 
Irare in Roma. 

i6. Istando a questo modo , passorono pochi mesi , 
clie papa Eugenio aramalo d' una grave infirmita , in 
modo dic in brievi di passo di questa presente vita 
santissimamente come era vivuto. Fu la vita di papa 
Eugenio di grandissimo escmpio d' osservanza di de- 
gnissimi costumi, Morto papa Eugeuio , avendosi a fa- 



40 MCOLA V. 

rc secoiulo la consucliuline T csequic sua dl iiu\e cli y 
perclie e usanza cll faic una oiazionc funcLre nella 
sua niorte , fii commessa a maestro Tomaso cardinalc 
e \cscovo (li Bologna. I u rccitata tanto degnamente e 
con lanta cloqucnza , e soddisfccc in modo a tutto il 
cidlegio de' Cardinali , ed a quegli che vi si irovava- 
iio , clie oltre alla sua singular virtii , sendo nuovo in 
cjucsto collegio , qnesta orazione mosse i Cardinali a 
farlo Papa ; ed udii da' prlmi di quello collegio , clie 
i piii r avevano fatto Papa , aggiunla questa degna ora- 
zione ali'' altre sua virtu. Conosca ognuno quanta for- 
za lianno avuto le virtii di cpiesla natura. Entrorono 
iii conclavc alla Minerva tutti i Cardinali sauza setta 
o intclligenza ignuna , ognuuo alle camcre sua. Era 
in cjuesto tempo uno dcgnissimo e santisslmo collegio 
di Cardinali. 

17. Interveunc a maestro Tomaso la prlma noite 
seado n( I conclave una mirabile visione , clie dormen- 
do nella camera sua , e pensando della elezione de\ 
nuovo Pontefice chi eglino avessino a eleggere , dor- 
mendo in cjuesla fantasia , gli parve che papa Euge- 
nio gV apparifse con tutti gl' ahiti pontificali indosso , 
e pareva chc ii volesse mettere indosso a lui , cd egli 
gli ricusava mettere. Domandandolo macstro Toraaso 
perche cgli gli volcva mettere c]uesti ahitl pontiOcall , 
rispuose , perchc tu sarai mlo successore. Misell tutti 
(juesll ahiti ponlificali , eccetto la mltera. Risrutcndosi 
da quello sonno , comlnclo a rldere , e volsesl a cjue- 
^li ch' erauo in sua compngnia , ch' erano dua ; e do- 
mandandolo di cjuello ciie rideva , disse loro la visio- 
ne che aveva avula , non istimando che poiessc avcre 
efTelto , sendo nuovo Cardinale isiato circa sci mesi , 
sendo di bassa condizione, non si sendo mai fatla meu- 



P A P A. A\ 

zione igiiiina tli lui , ne si pcnsava di potcrvi venirc. 
Solo v' crano la sna mirabilc virtii , c V opcre faltc per 
liii nc' Inoglii dov' cra andato per anibasciadorc , e d' 
csscre antico cortigiano , islato in cort(; di Roma piii 
d' anni vcnti , molto noto a tnlti ^i' uoniini dcgni pcr 
la sua virth. Vegncndo alla elezione dcl Pontcficc san- 
za intclligcnza o altro , il secondo di lo feciono tutti 
d' accordo sommo Pontefice. Prcso c nicsso in su la 
sedia , come si fa , istette per lungo spazio quasi ismar- 
rito , scndogli vcnuto improviso clie non lo aspctlava : 
c puossi dire csscre stato fatto miracolosamcnte , in di- 
ciotto mesi esserc istato fatto \ cscovo , Cardinalc , e 
Papa , c veramentc pcr sua laudabili portamcnti. 

i8. Nel suo pontificato dimostro esscrc istato fatto 
per divina miscricordia , per posare Italia ch' era in 
lante gucrre ed affanni piii anni , come si vcdra che 
fece. Non molto di poi che fu i^itto Pontcfice , sendo io 
andato a visitare la sua Santita , andai uno venerdi se- 
]'a , dando udienza publica , come faccva una volla la 
scttimana ; qucsto cra uno di quegli di. Entrando nel- 
la sala dov' eoli dava udicnza , che era circa una ora 
di notte , subito entrato mi vide , e si mi disse ad alta 
voce ch' io fossi il ben venuto , e ch' io avessi pazien- 
za , che voleva essere meco solo. Non passo molto che 
mi fu detto ch' io andassi alla sua Santita. Andai , e 
sccondo la consu^ludine gli baciai i pie ; di poi mi 
disse che io mi levassi ; e levossi da sedcrc , e dctle 
liccnza a ognuno , dicendo che non voleva darc piii 
udienza. Ando in una parte segreta allato a uno uscio 
che andava in sur uno veronc d' uno orto. Sendovi 
forse venti doppieri accesi , s' erano accostati quattro 
dov' cra la sua Santita ; accenno che si discoslassino , 
e rimosso ognuno , comincio a riderc , e si mi disse : a 



42 NICOLA V. 

confusione tli molli siiperLi , Vespasiano , arcbbe cre- 
fliito il popf)lo di Flreiize che uno pretc da suonare 
canipanc , fusse islaio lauo sommo Ponlefice ? Rispuosi 
cli' p^r arobbe credulo cbe Li sua Santita fusse islata 
assuiila in('diaule la sua virtii , e mclterebbe Italia in 
pacc. A questa parte rispuose , e disse : io prego Dio 
clic mi dia grazia cbc io possa mettcu^e in opera qucllo 
c]r io bo lulJa incnte , cbe e di fare cotcsto efFelto , e 
non *usare altra arme ncl mio pontificato , cbc quclbi 
clie m' ba dala Cristo per mia dlfesa , cbc e ba croce 
sua , (' questa usero in tutto il mio pontificato. 

19. Di poi mi si vols(^ e disse : tu sai quanti bene- 
fizi m' bn falio Cosinio de' jMedici ne' mla blsogni , e 
pcro nc lo voglio reniunerare , e domattina lo faro mio 
dcpositarlo. Non si puo crrare cssere liberalc inverso 
gli nomini grati. Fu volta cbe il banco de' Medici nel 
giubilco ebbe della Cbiesa nelle mani piii di cento mi- 
gllaja di fiorini , sccondo cbe io ho udito da persone 
degne dl fedc che istavano con loro. Dissemi poi : io 
voglio fare uno grande onore a' Fiorentini ; domaltina 
daro loro udlcnza in concistoro publlco , dove si da 
a' rc cd agl' imperadori , per dare loro questo princi- 
plo , c fare loro queslo onore. E mi disse poi : sarebbe 
bcnc fare rivocare ser Filippo (i) dallo esigllo. Gon- 
fortallo cbe lo facesse ; disse domandarlo di grazia , e 
cosi fece. Dipoi gli raccomandai messer Piero degli 
Strozzi di dargli qualche benefizio. Dlsse , che 'I pri- 
mo che vacasse glie lo darebbe. E cosi fece , cbe va- 
cando immediate la pieve di Ripoli , sendogli portata 
la supplicazione innanzi , si ricordo della promessa , e 
scgnolla motu proprlo \ie.T messer Piero. Dissemi piii 

(i) Credo scr Filippo di ser Usjalino , di cui vedi la vita. 



P A P A. A3 

volfc che io (Joiuandnssi qucllo chc volcvo dalla sua 
Santita ; corne incspcrto non gli domandai nuUa. Istato 
pcr lungo spazio , mi dlssc , istatc qui questa scra , c 
chiamo messcr Plcro da Noccto , e dissc , domattina 
dcsiner^ne con csso noi. In pcrsona vcnnc alla camcra 
che cra allalo alla camera dclla sua Santita , e disse , 
istatc qni istanotte , c fece arrecarc , ch' era di qiiare- 
sima , da fare colazione. Dolscsi mcco chc la casa di 
papa Engcnio cra stata tutta ruhala , c che i Ictti della 
famiolia aveva tutti accattati. Disse molte cose , che 
avendo a scrivcre i comeutarii dclia sua vita , Ic la- 
sciero stare , pcr uon parerc chc vogli parlare di me , 
avendo a parlare di papa Nicola. 

20. Entro in questo suo pontificato con moltis- 
sima grazia di lutti qucgli che lo conoscevano , ed 
acquistonnc la scdia apostolica grandissima riputazio- 
ne pcr lutto il mondo , veduta qucsta degna elezione 
fatta per la sua propria virtu. Tutti gli uomini dotti 
dcl mondo vennono in corte di Roma di loro propria 
volunta; parle mando papa Nicola per loro , pcrche 
voleva che istessino in corte di Roma. Ragunovvisi 
grandissimo numcro d' uomini singulari. Comincio a 
dare udienza in concistoro publico ; e dc' primi am- 
basciadori d' Italia d' uomini d' autorita furono i Fio- 
rentini. La mattina che dette loro udicnza in conci- 
storo publico, eranvi venuti assai forestieri , uomini 
dotti e di condizionc , e molti ve ne vennono ancora 
raossi dalla fama di messer Giannozzo Manetti , ch' 
era uno de' sei ambasciadori , che furono messer Agno- 
lo Acclajuoli , messer Giannozzo Pitti , messer Ales- 
sandro degl' Alcssandri , Ncri di Gino , messcr Gian- 
nozzo Manclti che in questo tempo non (ra cavalie- 
re , Piero di Cosimo de' Mcdici. Vennono con cento 



h^ NICOLA V. 

vcnti cavalli , eiUrorono con grandissima pompa ac- 
compagiiali da rutta In corto di Pioma , da' Cardinali 
in i\iori ; c venno ognuiio , clic fu cOsa mlrabilc , a vc- 
dcre al' ambasciadori vcstiti tutti a uno medcsimo mo- 
do , con sei vestc di cbcrmisi riccbissime alto e basso , 
colJe manicbe apcrte foderate di dossi ; e dodici gio- 
vani con vcste a nno medcsimo modo di damasco cber- 
misi fodeiate di dossi. La mattina cb* cl)bono udienza , 
Ja sala era tutta piena d' uomini dcgnissimi. Eravi uno 
coUeglo di Gardinali , tutti uomlni di laudabili condi- 
zioni , vd amljascladori di tutto 11 mondo. Fcce messer 
Giannozzo una degnissima orazionc , cbe duro un' ora 
ed un quarto , c fu nuovo modo d' orare , cb' era stato 
piii tempo cbe non s' era usato ; fu udlto con gran- 
dissima aitenzione - di natura cbe non fu mai perso- 
na chc si muovesse. II Pontefice stava con grandissi- 
nia attenzione , ed in modo coH' animo sospeso cbe pa- 
rcva clie dormisse ; c uno di qnegli cbe gli stavano 
apprcsso cd amministravalo , gli tocco il braccio al- 
cuna volla , accioccb' cgli stesse fermo. Finita 1' ora- 
zione cb' cra divisa in trc parti , papa Nicobi pareva 
cbe r avesse a mente , e ripiglio le parti , ed a parte 
a parte rispuose maravigliosameente. Acquistossi quc- 
sta mattina e la Santita di nostro Signore grandissi- 
ma riputazione , ed il slmile acquisto V ambasciadore. 
In tutte Je sua risposte papa Nicola ebbe grandissimo 
onore ; tanto rispondeva bene , e mandavane ognuno 
contento \ 

21. Attese sublto cbe fu assunto a questa degnita 
a levare via iscandali dov' egli pot^. Sendo suto fatto 
il duca di Savoia \eccbio , cbe si cbiamo Amadeo , dal 
concilio di Basilca Papa ; ( costui di duca , erasi fatto 
romito, e slava in Savoia in uno romitorio cbe aveva 



P A P A . 



/|5 



ratto ) ; .'ondo qnash rcsolulo il roiicllio tli Basiica , o 
partiti.si molii noioijii dal^beix' clic v"' crano , non vi 
riniasc pcrsona di coiidizionc , ik^' tcnipi d' Kngrnio ; 
coslui chhc mczzo , c fcccsi vlc^f^r.vr Papa , r privair. 
Engcnio ; c pcrclic qucsta priva/ionc fu di natura clic 
non cra d* aulorita ne con ra.^ionc ignuna , non cLhc 
nl)])idicnza sc non dal suo pacsc Entrafo papa Nicola , 
.su])ito attcsc a unlrc la cliicsa , c lcvare via gli scanda- 
li , (.' pcr qucsto fccc praticarc con papa Eclicc cli' cgli 
rinuiKiiassc al pontificato , c rcstassc Cardinal(! c Lc- 
gato d(?l suo pacse , con pi(!na autorila come hanno i 
Lcgati ; cosi fu contcnto rinunciarc al pontificato colle 
condizioni dctte , c levo lo scisma dalla chicsa In quc- 
sto raodo. Nel primo anno del suo ponlificato non pen- 
sava mal se non a farc paci ccl unionl , c posare Ita- 
lia in pac(^ ^ c €Osi oH i-iusci ogni cosa ,* fcce pnce tra 
tuttc lc pntcnze d' Italia , uniti c d' accordo con una 
l(*ga tra tutli pcr anni vcnticinquc con bollc apostoH- 
chc , c con molti ob]i<2hi a chi non 1' osscrvasse ; c 
volle (^sscr giudicc Ja sua Santila cd i sua Succcssorl 
di tutte lc difTcrenze chc nasccsslno tra lc parti ; e bc- 
iK^dissc la pacc e lcga , ed il similc clii 1' osservasse ; 
cd i contumaci , e quelli che non la osscrvassino , gli 
malcdisse. Fccc in modo chc ncl princlpio dcl suo pon- 
tificato sendo tutta Iialia In guerra , la ridusse in pace. 
Paclfico la chlcsa , dipoi pacific() llalia , levo via iu tut- 
to la simonia chc non vollc ch' clla s' usassc ; ma cgli 
iion era uomo che avcsse avuto ardlre di nominarla. 
2 2. Grcbbe tanto la fama dclla sua virtii per tut- 
to 11 mondo , che oguuno o egli veniva o cgli man- 
dava in cortc di Ronia ; c moltc tcrre , che avcva per- 
dute la chlcsa , sanza arme c saiiza alcuno tumulto per 
ia sua inaudila fcdc c bonlii tutte furoiio restituitc alla 



46 NICOLA V. 

cliiesa voluntariamente. SenJo faila la p.ice e la lega , 
il re A]fonso n' era stato lasciato fuori da' Viniziani. 
Ora perclie ogni cosa posasse , avendo lasciato i \ i- 
niziani il luogo al P\e , con grandissimo suo carico , 
dovendo essere nella lega come principale, sendo in 
lega con loro , papa Nicola mando a Napoli il Gardi- 
nale di Fermo , uomo santissimo e di giande autorita , 
e tutte le potenze d' Icalia ambasciadori ; in modo che 
il re Alfonso per i preglil di papa Nicola , e per le 
persuasioni dcl Cardinale di Fcrmo , fu contento ; e 
cosi pacifico tntla Italia. Ogni cosa parve clie facesse 
per autorita dello Spirito santo ; e veramenle osservo 
in ogni cosa quello clie aveva detto nel principio del 
suo pontificato , di volere la croce di Cristo per sua 
difesa , e cosi sempre 1' uso. 

28. Creo otto Cardinali , tutti uomini singulari , 
eccetto clie il suo fratello di madre e non di padre , 
clie si cliiamo mcsser Filippo , che s' intitulo dipoi 
Cardinalo di Bologna. Non gli pareva, avendo fatti set- 
te Cardinali , uomini si singulari , fare il fratello. Ve- 
duto questo , il coliegio de' Cardinali lo pregorono tan- 
to , che con diihculta fu coutento di consentire di far- 
lo Cardinale. Di poi nella publicazione de' Cardinali , 
a tutti diede le lodi convenienti ; a messer Filippo dis- 
se : sollecitato da alcuno de' vostri frategli Cardinali , 
eleggiamo Filippo in Cardinale ; sanza dargli o lode 
o dire altro di Jui. Era uomo interissimo , e non vo- 
leva dire le cose se none secondo che 1' erano , e non 
alirimenti. I Cardinali che fece in compagnia del fra- 
tello furono i nominati da pie ; messer Latino Orsini 
antico cortigiano e di nobillssiraa casa ; raesser Anto- 
nio Cerdauo grandissimo filosofo e teologo , che po- 
chi n' aveva la sua eta ; messcr Nicolo chiamato di Cu- 



P A P A. 4^ 

six 5 doltlsslnio iii lullc settc V arti libciali , e graudis- 
siiiio loologo , uomo di grandissiiua autorilu , todesco 
di uaziouc uia uou di costumi ,* racsscr Alauo Cardi- 
nale d' Aviguone , uomo sccoudo la palria assai dolto 
cd uuiversale ; mcsser Giovauui PJ^oraceuse , uonio di 
rnoltissima aulorita ; Sbiguco cracovicusc , uomo sin- 
gnlarissimo ; un' altro Cardinalc distiutissimo cbiama- 
to uicsser Giovauui Cardiualc Edueuse borgognoue ; 
lutti qucsti Cardinali furouo uomini fatti pcr propria 
virtii ; altrimeule non gl' are]>bc fatti , si pcr la sua 
natura , il similc ancora pcrcbe aveva la Cbiesa di 
Dio pocbi prelati di condiziouc cbe la sua Santita non 
conoscesse. 

24«'^ Venne in questo tempo 1' anno del giubileo , 
che sendo vero giubilco iu fine d' anni cinquanta se- 
condo r ordinazione della Cbiesa , fii a Roma uuo con- 
corso si grande , cbe non e ignnuo cbe lo ricordi mai 
piii. Era cosa mirabile a vedere il grande concorso de' 
popoli cbe veuivano. Erano le strade di Roma a Fi- 
rcnze picnc in modo , cbe parcvano formicbe a vede- 
re lanti i popoli cbe v' erano ; di nalura che al ponle 
a santo Agnolo fu uno concorso di tanta gente di piii 
generazioni , cb' erano fermi e non potevano andare 
ne qua ne \h ; in modo cbe volendo andai^e oguuno 
alle sua indulgenze , fu lanto il dibattimonto tra quc- 
gli cbc vcnivauo e queili che v' erano , cbe vi niori- 
rono piu di ducento persoue tra mascbi e femine ; on- 
de sentendolo papa NicoLa cb' cra piatosissimo , gli di- 
spiacquc assai , e provide in modo cbe quello caso non 
pote piii avvenire, e fece fare in pie del ponte dua 
chiese piccole in memoria di tanta strage , quanta fu 
la mortc di tanti uomini di questo giubileo , e fecegli 
seppellirc tutti. 



48 NICOLA V. 

2 5. Venne alla seclia apostolJca grandlssimo nume- 
ro di danari , e per qiiesto comincio il Papa a cdificare 
in piii luoglji , e mandarc per lil)ri e grcci e lalinl iii 
ogni luogo donde ne pote av ere , non guardando a 
prczzo ignuno. Gondusse moltissimi iscrittori de' piii 
dogni clie poteva avere, a' quali dava a sciivere di con- 
tinovo Gondusse moltissimi uomini dotti , ed a com- 
porre opere di nuovo , ed a tradurrc de' lihri clie non 
ci fnssino , dando loro grandissime provisioni , si pro- 
visionl ordinarie e il simile istraordinarie ; e tradotle 
r opoi'e , quando glie le portavano , dava loro Luona 
quantiia di danari , acciocche facessino piii volentierl 
qucllo che avevano a fare. Dava assai provisioni a uo- 
mini doitl. Gongrcgo grandissima quantita di llLri in 
ogni faculta cosi greci comc latini , in numero di vo- 
lumi cinque mila. Gosi nelJa fine sua sl trovo per in- 
ventario clie da Tolomeo in qna non sl venne mai alla 
mela di tanta copia di libri d' ogui faculta. Tutti gli 
fece iscrivere , non avendo rispotlo a prezzo clie co- 
stassino ; e pochi luoghi erano dove la sua Santlta non 
avesse iscrittori. Ghe se lihri non trovava , ne per a!- 
tra via gli poteva avere , gli fiiccva iscrivere. Avendo 
condotto a Koma , comc innanzi s' e dvuo , molti uo- 
mini dotti con grandissimi salarii , iscrisse a Firenze 
a messer Giannozzo Manetti che venisse a Pioma per 
tradurre e comporre. E partito da Pirenze e giunto a 
Pvoma , fu ricevuto dal Ponteflce secondo la sua con- 
suetudine onoratamente , e assegnolli , oltre alP ufficio 
suo di segrctario , ducati secento , confortandolo alla 
traduzione de' libri della bibbia e d' Aristotele , cd a 
linire il libro da lui cominclato conLra Iiidacos et 
gentes , opcra mirabile s' ella si fusse finita , che fini 
insino a Jibrl dicci , e tradusse il Teslamcnto nuovo 



1> A P A. A9 

ed il Saltcio dc licbraica vcritatc (i) , coii ciiiqiie libii 
apoloi^elici iii difciisioiic di qucsto JSaliero , moslran- 
do clic nella Scrittnra santa non c una sillal)a sanza 
grandissimo mlstcrio. 

26. L' intcn^ione di papa Nicola era di fare una 
libraria in saiilo Picro pcr comune uso di tulta la cor- 
tc di llonia , clic sarcbbc suta cosa niirabilc , sc si po- 
leva conducerc , nia prevenuio dalla niortc non si potc 
finirc. Allumino la Scriltura sauta d' infiniti libri , i 
quali fecc tradurre ,* ed il similc de' gentili , cd alcuni 
in grammatica necessarii alla lingua latina. L' ortogra- 
lia di mcsscr Giovanni TortcUo clie slctte colla sua 
Santita , e fcUo sopra la libraria; questo e uiio degno 
ed utile libro apprcsso de'grammatici. L'iliade d' Ome- 
ro. Strabone de sitii oihis fece tradurrc a Guerrino , 
e davagli d' ogni parte cinqueccnto fiorini , cb' cra 1' 
Asia , 1' Africa , e T Europa , ch' erano mille ciuque- 
cento fiorini. Erodoto e Tueidide fc' tradurre a mcs- 
ser Lorenzo \ alla con grandissimo premio dclla sua 
fatica. Senofonte c Diodoro a messer Poggio , Polibio 
a Nicolo Pcrotto , clie quaudo glie lo presenlo , gli 
dono ducati cinqucccnto papali tuiti nuovi in uua bor- 
sa , e si gli disse : cbc quello non era qucUo clie me- 
ritava , ma col tempo farebbe in modo clie sarcbbe 
contcnto. L' opere di Filone ebreo , libro dcgnissimo , 
di clie la lingua latina non aveva notizia. Teofrasto 
de plautis , questa e degnissima opera. Prohlcinala 
jdristotelis, Questi dua tradusse Tcodovo greco , uu- 

(i) Amendue qiieste operc sono nei coJici valicani ; conie an- 
cora vi si vcclono molli originali clelle sussegncnti opetc , con I0 
stemma di INicola V , prcsentale a lui dagli aulori o tradutlori. 
II Papa stcsso e dipinto in una sala della Bibliotcca in atto di rac- 
cogliere lihri. 



50 NICOLA V. 

nio (lottissimo ed cloqiicntissimo. La republica cli Pla- 
lotic , c le sua ^cggi. Le postcriora , V etica , e fisica , 
inagiia mornlia , e metnfisiea , rctorica la maggiore , 
il Trabisoiula. De anuualibiis di Aristotele da Teo- 
doro , opera degnissima. Opere sacrc , V opere di Dio- 
nisio areopagita , libro mirabile tradotlo da frate Am- 
brogio. Eranvi prima piii traduzioni tutte barbare. 
Udii da papa Nicola che qnesta traduzione cra cosi 
degna , cbc lo s' intendeva meglio in questo testo sim- 
pbce , cbc non s' iniendevano gl' altri con infiniti co- 
mcnli cbe v' erano. 11 mirabile libro de praeparatio- 
ne e^an^elica d* Eusebio Pamiilo , iibro di grandissi- 
ma cognizione. INIolie opcire di santo Basilio , di santo 
Gregorio nnzianzeno , Grisostomo sopra santo JNIatteo 
circa omilie oitanta , cb' era slato anni cinquecento o 
piii perduto ; percbe erano tradotte omelie venticin- 
que da Oronzio gia sono d' anni piii di cinquecento , 
(;d era questa opcra assai desiderata e dagP anticbi e 
da' mod(^rni ; p(ucbe e serilto , cbe andando santo To- 
maso d' Aquino a Parigi , innanzi cbe vi giugn(isse , 
sendogli mostro , disse : io vorrei piii presto santo Gio- 
vanni Grisostomo sopra saiito ?>Jatteo, cbe Parigi. Ave- 
valo in tanla riputazione I Questo tradusse il Trabison- 
da. Cirillo sopra la Genesi , e sopra santo Giovanni , 
opore degnissime. IMoke aJlre opere tradotle o compo- 
ste , alla petizione delLi sua Snntita , delle ([uali io non 
bo uotizia ; bo scriito solo qucHo di cbe io bo notizia. 
2j. Fu lume ed ornamento papa Nicola delle Jet- 
lerc e de' b'tterati ; e se veniva uno altro Pontefice 
dopo di bii , c.be avesse seguitato , le lcttere andavano 
;i niKj dc^guissimo grado ; di poi semp)'c sono andale 
ia peggio , non avendo premio. La liberalita di papa 
?si<:o!a e ia sua imilazione fece cbe nioili vi si volso- 



V X P A. 5 1 

no , clio non vi si sar(^])l)oiio volll. Tii oe^ni Iuojjo dov' 
ogli polcva ouorare i littcrali , lo faccva , e noii la- 
sciava a fare nulla. Andando mcsser Francesco Filclfo 
a Napoli , e passando da Roma , non avendo visitaio 
papa Nicola , scndogli detto com' egli v' era , gli fec(^ 
dire clie V andasse a visitarc. Andandovi , gli dissc : 
messcr Francesco , noi ci siamo maravigliati , cIjc sgii- 
do voi in Roma , non ci avcte visltati. Messer Fran- 
cesco gli rispuose , clie portava certa sua opcra a Na- 
poli al re Alfonso , ed alla tornata aveva fatto pensic- 
ro di visitarlo. 11 Papa aveva in una scarsella , clie 
portava allato , uno legato dove erano fiorini cinquc- 
ccnto , e si se lo cav() della scarsella , e dissci;li , to- 
glicte questi danari per fare le sp(^se per la via. Quc- 
sti si chiamano liberali ! Aveva nna scarsella allato , 
dove erano sempre parecchi centinaja di fiorini , e da- 
vagli per amore di Dio ed a persone d(^gne ; a ma- 
nate se gli cavava della scarsclla c davagli loro. La 
libcralita e negl' uomini naturale , e non viene da no- 
bilta ne da gentilczza , perclic d' ogni generazione s' t; 
veduto e liberalissimi cd avarisslmi# Fece murare papa 
Nicola in Roma in piii cbicse , e principio quello nii- 
rabile edificio , il quale faceva fare a santo Picro , do- 
vc poteva istare lutta la corte di E^oma. IVluro in tutte 
le cliicse dclla terra Jiiaravigliosi cdiflcj , sccondo che 
scrive mc^scr Giannozzo Manetti nclla vita sua (i). Edi- 
fico qucllo edificio clie sarebbe basiato a nno di quc- 
gli impcradori romani che domorono tutto il mondo , 
non chc a nno Ponteficc ; oltrc agi' cdilicj , gl' orna- 
menti che fece al culto divino chc costorono uno le- 
soro. Faceva uno bcne clf cgli spcndeva , c non ra- 

(i) E slauipata nul tomo lll. parl. 2. S. R. I. tlcl JMuialuii. 



52 NICOLA. V, 

ounava i dauari , come Imiino falto infiuiLi (lef»!' altri» 
L' auno (lel ciu^>iloo canonizzo santo Bernardino da 
Massa , co' solenni atti clic si fanno in siinili ccrimo- 
iiie , e miselo ncl catalogo dc^' santi per infiniti sua 
miracoli , c pcr la mirabile siia vita. 

28, Scndo il Papa in tanta gloria e riputazione , 
si d' infiniti ediiicj che si faccvano fare per la sua San- 
tita in piii luoglii , il simile in fare tradurre piii li- 
bri a' piii traduttori , in farne iscrivere cd in Roma 
ed in piii altri kioglii ; in qucsta tanta sua riputazio- 
ne c gloria , corae fa V onnipotente Dio clie vuole che 
noi conosciamo essere uomini , c per questo alle vol- 
te ci percuote ,* vcnne in uno istante in Pvoma e per 
tutto^ una crudelissima pcste , clic insino a de' fami- 
gliari del Papa ammalarono c morirono , di natura che 
il Pontcfice comincio a tcmere assai ; cd intervenne- 
gli qucllo cLc dice santo Pagolo ; accio che per tanta 
gloria e magnificeiiza cgli non si estollesse , ad Co- 
rinthios dice : e' ni^ e dato lo stimolo della carne mia 
atigelus Satanac qui me colaphizct ; pvopter quocl ter 
Doniinum ros^avi ut discederct a me ; et dixit mihi , 
su^cit tihi ^ratia mea , iiani i'irtus in infirmitate per- 
fcitur, Udendo il Papa ia pesle multiplicare a qucsto 
modo , si parti da Pioma per andare a Fabriano. An- 
dando a Fabriano , a Tolentino ammalo , di natura che 
credette macstro Bavera siio medico ch' egli si raorisse ; 
in modo lo vide gravato : La notte gli parve che gP ap- 
parisse papa Eugenio , e diccsscgb* chc non dubitassc , 
che di quella iufirmita non perirebbe , e ch' egli vi- 
vrobbe insino all' ottavo anno del suo pontificato. La 
luaiuna andando maestro Bavcra a lui , lo trovo rai- 
gliorato assai , e dissegli quello che gl' cra intervenuto 
ia iiouc. In bricvi di fu liberato , e ando a Fabriano. 



P A P A. 53 

Ed in qucsla siia staiiza cli Faluiauo non intermiso nu 
gl' cdificj , ne gli scrittori clic non scgnitassiuo , (" cosi 
i traduttori. Dcl continovo si scguitavano tuttc lc opcre 
da lui cominciatc. 

29, Ritornato a Roma , vennono ambasciadori del- 

la Magna dallo 'mperadorc Fcderigo , nuovo eletto all' 

impcrio , a impctrare grazia d' esscre dalla sua San- 

tit.i coronato. Fu contento cli' cgli vcnisse a pigliarc la 

corona ; e cosi si parti dalla Magna , c venne in Italia 

con grandissima pompa di piii baroni e signori , coii 

maravigliosi ornamcnti cosi de'cavalli come de'signori. 

Era con lui il re d' Ungaria d' eta d' anni qnattordici , 

ed il duca di Baviera , e molti altri signori. Venne in 

questo medesimo tempo la donna sua , nata dalla 110- 

bilissima casa di Portogallo , chiamata Lionora. Erano 

in sua compagnia molti nobili di Portogallo. Accoz- 

zati dipoi a Roma con quegli cb' crano collo 'mpcra- 

dore , fu mirabile cosa a vedcre tanti signori e si mira- 

bilmente ornati di tutto quello cbe si ricbiedeva a uno 

degno atto come quello. Entrati in Roma lo 'mpera- 

dore e la 'mperadrice accompagnati da tutto il colle- 

gio dc" Gardinali e da tutta la corte di Roma e da in-* 

liniti signori spirituali c temporali cbe v' erano , cbe 

fu grandissima pompa , dette il Papa loro dua bellis- 

sime istanze parate , una allo 'mperadore , ed una alla 

'mperadrice , oguuno di per se. Erano in qucsto tem- 

po a Roma ambasciadori quasi di tutto il mondo. 

3o. Del coronare uno imperadore dal Papa , cbe 6 
cosa inusitata , ne diro qui alcuna cosa udita da chi vi 
e stato prcsente , e massime a qucsta, Era il Papa a 
sedcre nella sua sedla , dov* cra tutto il collcgio dc' 
Cardiuali , e tutta la corte di Roma , e tutti i legati 
che v' erano. Istando il Papa a sedere venne lo 'mpe- 



54 NICOLA. V. 

r«(lorc ue\ cospelto dcl Papa , suhito s' ingiiiocclilo \n 
lcrra : vciicndo iniianzi al Pontefice , gli l)aci6 il pie 
deslro c la mano desrra : dipoi il Papa si cliino e ba- 
ciollo dal lato dritlo. Fatto qnesto , lo 'nipcradore fecc 
una orazione piccola di preghi e snpplicazioni clie gli 
dovcsse dare la corona. Fatto questo , il Ponlefice gli 
rispuosrj graiissiniamenie secondo il costume suo. Fatto 
questo , si partirono e torno alla sua abltazione. L' al- 
Iro di dlpoi venne la 'mperadrlce , e fece il medesimo 
atto al Papa di Laciargli 11 pie e la mano. Passati al- 
cunl di , vcnne U Pontefice in santo Piero ncl mede- 
slmo modo ed ordine. Venuto e posto a scdere , veu- 
ne lo 'mperadore e la 'mperadrice pcr pigliare la co- 
rona. Giuntl , si comincio la messa solenne pcr lo Pon- 
tefice , e nella mcssa sl dissono dal Papa ccrte orazlo- 
ni per lo 'mperadore ; il quale s' inginocchio alla pre- 
della deir altare , ed 11 Papa gli cinse una spada for- 
nila d' oro ; dl poi gli dette nella mano destra lo scet- 
tro rcgale ; di poi gll mlse nella mano sua sinistra una 
palla d' oro ; una corona ricchissima d' oro piena di 
gemme si la mise in capo allo 'mperadore. Fatto que- 
sto , isteltc per alquanto spazio , e si giunse le mani 
il Papa , c fe' questa orazlone a Dio in questa forma. 
" Omnipotens sempitcrMC Deus , qui ad pracdlcandum 
55 aelernl regni evangelium , romanum Imperium prae- 
,, parastl , praosta quaesumus hulc Federico tertio no- 
;, vello imperatori fidell famulo tuo arma caclestia , ut 
,, superatis harl aris et iidiumanis gentihus ac catholi- 
,, cae fidei inlmicls pacls , secura et.intrcpida tibi ser- 
,> viat libertate ,,. Detta questa orazlone , Fedcrigo ri- 
spuose In questo modo. '^ Exaudi , quaesumus , omni- 
,, poiens et sempitcrne Deus , pias et devolas preccs 
,, Nicolal tui summi pontlficls , ut cunctl cccleslastici , 



P A P A. 55 



„ ct saecularcs populi , praclati , rcspuljlicac , ct prin- 
,, clpcs , omniI)us clirisllanac fid(M liostij)us penitus 
„ al)oIitis , atquc acl ultimain intcrnicionem nsquc dc- 
„ letis , libcriu.s servire atque cflicacius famulari va- 
„ lcant , ct per hunc certum ac securum omnium fido 
,, lium nnstrarum j^cntium famulatum , cuncti christia- 
„ ni homincs digna utriusque ct praeseniis ct futurae 
,, vitae praemia conscqui mercantur ,,. Goronato lo 'm- 
peradorc in qucsto modo , corono scmplicemcntc la 'm- 
peradrice sanza fare altro atto se non solo con porle 
la corona in testa. Goronati , sl partirono da Roma , e 
lo 'mperadore e la 'mperadrice andorono a Napoli a 
visltare il re Alfonso , dove fece loro si grande c son- 
tuoso onore , che nou lio udito in questa cta una pom- 
pa simile a questa. 

3i. Sendo partito lo 'mperadore e la 'mperadrice 
da Pvoma , ed andati alla via di Napoli , non passo mol- 
to tempo che , non ostante tutti i beneficj clie aveva 
fatto papa Nicola al popolo di Roma in universale , e 
in particularc a piii cittadini , di natura ch' cra suto 
lunghissimo tempo , che non era suto Pontcfice che 
avesse tanto bcneficato i Romani , quanto aveva fatto 
papa Nicola ; non ostante questo , certi ribaldi cospl- 
rorno contro il Pontefice d' ammazzarlo , e d' occupa- 
re Roma per loro. L' onnipotente Dio che non abban- 
dona chi si fida in lui , non volle che tanto male aves- 
se luogo , e per questo si scoperse qucsta congiura , 
che n' era autore e capo messcr Istefano Porcari (i), 
uomo iscelesto ; c fu preso , e dato al giudice ordinario 
fu impiccato : e bene che molti fussino nella congiu- 
ra , lui solo peri. II Papa ch' era clementissimo per- 

(i) Di costui si leggouo nei codici vaticani Jiverse tirringlie 
in lingua volgarc. 



50 NICOLA V. 

tlono a lutti »1' altri la vila. Qnesto Stefaiia Porcari 
imianzi clie vcnissc il caso , apparve mia iiotte a papa 
iN^icola , e parevagli /// soTiinis , secondo clie disse poi , 
clie costui gli volesse torre lo stato e privarlo della 
^ita. Grande grazia gli fece Iddio di rivelargli i piu 
de' suoi casi prosperi come avversi ; innanzi che fus- 
sino , tutti furono antiveduti per queste sua visioni , 
cLe cosi si possono chiamai*e , sendo tutte seguite co- 
me e detto. Non e si gran felicita in questa vita , che 
gl' uomini grandi , quando tornano a loro pensandola 
bene , non conoscano essere in una strema miseria. 

32. Avendo mandato papa Nicola alla Certosa di 
Firenze per uno dou Nicolo da Cortona , uomo san- 
tissimo , e per don Lorenzo da Mantova priore di Pi- 
sa , il simile uno di santissima vita , vennono questi 
dua a Roma chiamali dal Poi^tefice non molto tempo 
innanzi alla sua morte. Sendo giunti a Roma , ed an- 
dati a visilare il Papa , volle ch' istessino in una ca- 
mera allato alla sua , per potert? essere con loro a ogni 
sua voKnita , perche gli aveva in grandissima riveren- 
za , si per la santita deila vita come per la moltissima 
prudenza che conosceva in loro. E da don Nicolo prio- 
re detto udii come una sera il Papa venne solo aila ca- 
raera loro , e trovo i frati che si slavano a sedere a 
ragionare insieme. Giugnendo il Papa in camera loro , 
si vollono h^vare da scdere ,* non gli lascio , e coman- 
do loro che si stessino fermi , e misesi a sedere loro 
in mezzo ; e delle prime cose che comincio a dire , si 
fu di domandare se nel mondo era il piu misero ed 
infelice uomo di lui ; ed infra P altre infelicita , ch' 
egl' aveva , si era che dentro P uscio della camera sua 
non vi entrava persona che gli dicesse il vero , di co- 
sa ch' egl' inteudesse ; e ch' egP era in tanta perturha^ 



P A P A. 57 

zioiic d' animo , clio sc 1' oncsta lo patisse , egli arel)- 
he volcntieri rlniinziato al pontificato , e tornatosene 
niaestro Tomaso da Serezana , comc cgli s' era; cd ave- 
va piii contcntamento in nno di , ch' cgli non aveva 
qui in nno anno ; e dolsesi con loro iiifinitamentc , in- 
fino qnasi che ne venivano le lagrlmc. Conosca ognn- 
no chc dovc si stima che sla nna gran fclicita , v' e 
nna gran miscria- II piii felicc Pontcficc che fusse suto 
nella cliiesa di Dio gla e lungo tempo , era suto papa 
Nicola ; niente di mcno si chiamava il piii misero cd 
il piii infehce. 

33. Stando a questo modo il Pontcficc , soguitava 
ogni di nel suo governo di bene in meglio , cd a ignu- 
no suo parente o congiunto volle mai dare istato o 
signoria ignuna , se non ufEcj a tempo , di quegli che 
da il pontificato , co' salarii ordinarii , secondo era usi- 
tato darc. Gardinali non fe' nel suo pontificato sc non 
que' primi , avendo rispetto a qucUa dcgnita di man- 
tcnerla nclla sua riputazione , dandola a uomini dcgni 
e non ahrimentl. Lo stare fermo , le continove occu- 
pazioni , lo frciono infermare e di gotta e d' altre in- 
firmita ; in modo che 1' ottavo anno del suo pontifi- 
cato , avendo lui mandato innanzi piii mesi per gli 
dua frati di Certosa nominati di sopra , cioe don Ni- 
colo da Cortona , e don Lorenzo da Mantova , che pro- 
vide r onnipotente Dio , che nel tempo di tanta ne- 
cessita , dove si dlsputa della salute delP anima , cgli 
avesse dua padri si degni e si santi come erano que- 
sti ; sendo gravato d' intensisslmi dolori corporali , era 
tanta la sua costanza e virilita dell' animo suo , che 
non era persona che lo sentisse ne gridare ne dole- 
re ; sempre istava con uno animo costantissimo ; can- 
tava o faceva cantare innanzi di se i salmi cd iuni ed 



58 NJCOLA V. 

orazioni innanzi al cospetlo di Dio ; c coii questi inni 
canii ed oraziooi pregava a Dio , clie gli dessc pazien- 
za , c che gli perdonasse i sua peccali ; e questo fa- 
ceva devolissimamente. Erano intorno alla sua Santitii 
i dua santissimi frati di Gertosa , e molti uornini de- 
gui , i quali in questi sua si gravi dolori lo consola- 
vano , e lui umilissimamente a tutti rlspondeva. Fece 
molte degne risposte in questa infirmita , che duro piii 
di ; e di molte che fece , ne mettero solo una ad Atre- 
Lalense (i) cli' era appoggiato a pie del letto e lagrima- 
vn. Atrebatense era uomo dotiissimo in teoloi>ia ed iii 
tulte sette V arli liherali , ed eloquentissimo , come lo 
Jimostro per piii sua orazioni fatte in publico. II Pa- 
pa avendo i sua occhi fissi e volti inverso Atrebaten- 
se , e vedendolo pieno di lagrime , sc gli volse con 
iimanissime parole , e disse : Atrebatense mio , queste 
tua lagrime volgile all' onnipotente Iddio, e pregalo 
per me con umili e devotissime orazioni che mi per- 
doni i mia peccati. Dipoi se gli volse e disse : ma io 
ti ricordo bene , che ti muore Nicola pontefice , tuo 
vero e buono amico. E dette questc parole , volse gli 
occhi verso Atrebatense. Oofnuno istimi s' eo^li si do- 

o o 

veva dolere , amandolo come faceva. Dette che ebbe 
queste parole , fu tanta 1' abbondanza delle lagrime e 
singhiozzi che gli vennono , che fu necessario si par- 
ti sse , e non vi pote istare. 

34» Erano continovamente appresso di lui i dua re- 
ligiosi di Certosa , i quali gT amministrorono i sagra- 
menti , e mai nella sua infirmita V abbandonorono ne 
il di ne la uotte. Intervenne alla sua Sanlila quello 
che interviene a pocbi , d' cssergli ammiaistralo tutto 

(i( Monsignor Giovaniu vcscovo lU Arras, 



P A P A. 59 

cjncllo che gli I)isognava ; e per lo corporalc c pcr lo 
spiritiialc iioii t;li niancava mai nulla ; c fuil fine si- 
milc alla viia, Utlii gia dire da papa iNicola in lode di 
frate Nicolo da Cortona , cLe non conosccva religioso 
similc a lui. Pcrclie andando col Cardinalc di santa 
Crocc in Francla ed iu Ingliiherra , istcttc con loro 
uno anno , clie non sapeva conosccre s' egl' cra com- 
posto d' anima e di corpo , ovvero sanza ignuno senso 
cliii gli desse noia ; perclie dicc non averc niai vcduta 
in lui ignuna mutazione ; che lo stimava piii losto co- 
sa divina che umana. Pcr qucsle sua inaudite virtu gl' 
aveva posto lanto amore ; ed arcbbclo fatto Cardinale , 
se non che non volle mai acconscntirlo , allegando chc 
non si voleva metterc a si grande pericolo ; c che quel- 
lo che isperava avere chiaro , non lo voleva raettere in 
dubbio ; e cosi si resto sanza volere ignuna dcgnita. 
35. Vedendo appressare 1' ora della sua morte , 
seudo niente di meno d' uno fortissimo animo , fece 
chiamare a sc tutto il collegio de' Cardinali , ed eranvi 
ancora molti prcLiti , e comincio a parlarc in qiiesta 
forma , secondo che fu notato da chi si trovo prescn- 
te , ed e scritto da mcsser Giannozzo Manetti uomo di 
grandissima autorita. Parlo in questa forma. - Cono- 
noscendo , dilettissimi frategli , appropinquarsi 1' ora 
della morte mia , per maggiore degnita ed autorita dcl- 
la sedia apostolica , io voglio fare uno grave ed im- 
portante testamento , non mandato a memoria delle let- 
tere , uon iscritto in tavole ne in membrane , ma a 
viva voce per piii autorita ve lo voglio dire. Udite , 
e pregovi , papa INicola posto nello articolo della mor- 
te a fare il suo testaniento innanzi a voi , frategli mia. 
lu prima io rendo grazie alP altissimo Dio di tanti 
ismisurali bencflcj , quanti ho avuti , cominciando dal 



60 NICOLA V. 

tli della niia natlviia infiuo al presente di dalla sua 
infinita niisericordia. Ora qiiesta isposa di Cristo tanto 
ornata , io ve Ja raccomando , la quale in tiitto quello 
che ho potuto 1' ho esaltata e magnificata , come ognu- 
no di voi manifestamente conosce , sappiendo cosi es- 
sere 1' onore di Dio , per tante deguita quante sono in 
]ei , e per tanti privilegi quant' ella ha e si degni o 
da si degno autore che e il creatore dell* universo. 
Avendo iatto quello che si richiede a ogui cristiano e 
massime al pastore della chiesa , di essermi confessato 
sano della mente e dello intelletto , e dipoi preso il 
santissimo corpo di Cristo colla penitenza , e presa la 
lavola sua con tutte a dua le manl , pregaudo ronnipo- 
tente Iddio che mi perdoni i mia peccati ; avuti questi 
sagramenti sono venuto alla estrema unzione , il quale 
e r ultimo sagramento che e per rimedio dell' anima 
mia. Di nuovo la romana chiesa quanto lo posso ve 
]a raccomando , non ostante che di sopra io V ahhia 
fatto ; ma parendomi questo degl' importanti casi clie 
ahbiate a soddistlire nel cospetto di Dio e de^V uomi- 
ni' Questa e quella vera isposa di Cristo la quale egli 
col suo proprio sangue la ricompro ; e tutta 1' umana 
generazione per li meriti sua voUe che ne participas- 
sino ,' sendo tutto il mondo per lo peccato d' Adamo 
perito , lo voUe ricomperare del suo preziosissimo san- 
gue. Questa e quella tunica inconsutile , La quale gl' 
impii Giudei vollono partire , e non potcrouo. Questa 
e quella navlcella di santo Piero apostolo prencipe de- 
gli apostoli da varie fort-une di venti agitata , e niente 
di meno turbata ; da tanta varieta agltata T onnlpoten- 
te Dio r ha sostenuta , chc non c sommersa ne anue- 
gata. Questa con tutte le forze dell' animo vostro so- 
stentate e reggete ; questa bisogna che sia aiulata con 



P A P A. Gi 

1(* ])iionc op(nc vostre , iiiostrando biiono cseniplo e 
dclla vita vostra e de' vostri costumi. Sc voi con tnttc 
le forze vostre V osserverete cd amerele , da Dio nc 
sarete remnnerati nella presente vita ^ e nella fiitnra 
arete premii sempitcrni. E di questo quanto piii pos- 
siamo ^ ve ne pregliiamo clie lo facciate , dijettisslmi in 
Gristo frategli. 

36. Parlato cli' ebbe in quesla forma , levo le ma- 
ni al cielo e disse : oniiipotente Iddio, concedi alla 
santissima cbiesa ed a questi padri uno pastore , che la 
conservi , e ebe 1' accresca , clie regga e governi la tua 
greggia. E pregovi e confortovi ed esortovi , quanto 
so o posso , cbe vi piaecia pregare Iddio per me nella 
vostre orazloni. Finito cb' ebbe il suo parlare , alzo il 
braccio ritto ? e con uno animo generoso disse : hene- 
dicat vos Dcits pater et filius et spiritus safictns^ Par- 
16 con la voce alta e grave in modo pontificale. I Car- 
dinali tulti avevano volti gl' occbi a lui ,* e non molto 
dipoi , avendo innanzi agl' occlii sua una croce , ed i 
dctti religlosi , la sanlissima anima con orazioni e prie- 
^bi di quegli passo della presente vita. Sempre alla 
sua presenza , infino a tanto cbe passo , vi furono que- 
gli santissiml religiosi e Gardinali ed altri prelali. Da 
lungbissimo lempo non fu Pontefiee cbe morisse nella 
forraa cbe mori papa Nicola ; e fu cosa mlraeolosa cbe 
infino air ultlnio punto non gli manco mai ne la fa- 
vella ne la virilita dello animo. Gosi mori papa Nico- 
la , lume ed ornamento delia i^biesa di Dio e de' se- 



coli sua. 



♦ 



Nel codice vat. i8ii, in iin ovatino mlnialo , e il rilratto 
(li Nicola V, col Pogglo dirirapelto che gli presenta la sua tra- 
duzione di Diodoro siciliano , clic e nel detto codice con la lel- 
tera di dedica. 



62 



3. ALFONSO RE DI NAPOLT. 



, L 



L RE ALFONSo fu degnissiino prencipe; c benclii 

]a vila sua sia iscritta in dieci libri da messer Bartolo- 

meo Fazi (i) , uomo dottissimo ed eloquentissimo , egli 

prese solo a scrivere i fatti dell' arme , cominciando da 

papa Martino , e scrive in forma di storia ; de' sua co- 

stumi domestici non ne scrive nulla. Per questo bo 

scritte quellc cose , le quali egli ha lasciate attenden- 

do solo alle cose grandi. Nientedimeno sendo sute no- 

te a molti di quegli clie furono appresso di lui , diro 

alcune cose udlte da uomini degni dl fede istati a ser- 

vigi di sua Maesla. Egli fu litterato , e molto si dilet- 

to delle scrltture sanie , e massime della bibbla , clie 

r aveva quasi lutta a mente. Udii da messer Giannoz- 

zo Manetti , ch' era assai noto della sua IMaesta , che 

sempre allegava la bibbia , e la sposizione di Nicolo 

di Lira. Maravigliandosi messer Giannozzo d' averla 

cosi a menle , un di ne domando la sua Maesta ; ed 

egli gli disse che Taveva letta piii volte col comen- 

to di Nicolo di Lira. Avcva questo , d' essere volto in 

ogni suo atto a farc tutte quelle cose , che s' appar- 

tengono a ogni buono cristiano ; in prima , d' essere 

piatosissimo inverso de' poveri , religiosissimo in Lidire 

ogni di tre messe ; e questo non mancava mai , dua 

piane , ed una cantando : ed osservava questo costumc 

delPudire queste messe, in forma che pei' nulla l'areb- 

bo mai lasciato. Intervenne un di nella pasqua di na- 

tale , che scndo a udire messa gli ftt detto che si le- 

vasse subito , che veniva messer Giovanni Vitellesco 

(t) E inscrita anche nel tesoro Jcl Burmanno T. IX.. parl. 5. 



ALFONSO RE DI NAPOLI. 



G3 



Cardlnale colle genli delT armc inaspetlntamenle per 
fai"<^]i villania (i). Udito (juesto , la maesta del Re dis- 
se , non fiisse ignuno che si movesse , e elie stessino 
fermi tanto clie la messa fusse delta , e non dul)itas- 
sino elie sperava in Dio ; e stettono fermi tanlo cli' 
ella fu finiia ; e finita , il Re si parli ; e non s' ave- 
va a fatica sparecchiato V allare , che giunse il Paiiiar- 
ca , e non vi irovando il Re , se n' ando alla via della 
marina. Ma s' egli non avesse avuto i legni in punlo , 
come gli ehbe , che lo levorono , la penitenza veniva 
drieto alla sua iufitlclla : perchtf avendo rimasto d" ac- 
cordo il Re col Patriarca sotio fcde , (juesi' ultimn ri- 
maneva suo prigione ; e s' egli lo poteva avere , e' lo 
faceva capitar male. La fede e speranza che ebbe il re 
Alfonso ne' sacramenti , fu quella che lo scamp^i ('2]. 
2. DelLi sua reh*gione e riverenza chc aveva al cul- 
to diviuo , e' mi disse messer Giannozzo Manetti , che 
sendo amhasciadore a Kapoli pc' Fiorontini , ]a sua 
Maesta lo fece invilare la notte di pasqua di natale 
.1II' uflicio , ed andando alla cappella del Re ch' era 
nn' ora di notte , trovo ]a sua Afaesta ginoccliioni a 
udire I' ufficio clie gia era inconn*nciato , ed aveva in- 
uanzi la bibbia aperta , dove egli Icggcva del conlino- 
vo, ed istava fcrmissimo sanza muoversi. Fu tanta la 
costanza del re Alfonso , che dall' una ora di notle in- 

(i) K fsasc tli Vespaslano qui ed allrovc pcr Jire impadro- 
jiirsi tV alcuuo e torgli la liberta. 

(2) Di rpicslo faUo, clie accadde nelle vicinanze di Napoli , 
gucrreggianJo il re Alfonso col palriarca Vilellcsclii , ma in tempo 
d' armistizio , vedasi la sloria Lntina del Fazi lib. V. n. i3i-i52. 
Giuslaraenle poi ii Giovio negli elogj scrive che il fatto del Vi- 
tcllesclii dispiacquc al Ponfeficc cd al collegio de' Cardinali : id 
Jacinus ingralum Ponlffici odiosunique sacralo Ordini , vehe' 
menler Fitellti existimntioncni labcfecit. 



G4 ALFONSO II E 

fuio a ore quattordici mai si mossc di ginocchioiii saii* 
za niilla in capo ; in modo clie ne signori ne amba- 
.sciadori non fu persona che vi potesse reggere a lan- 
10 disa^io. Era molto diligenle in qucste cose apparte* 
nenii al divino culto. II giovedi santo lavava i piedi 
a tanti poveri quant' egli aveva anni ^ c lavavagli co- 
me si debbe , e dipoi gl' asciugava , cd a tutti dava 
una vesta bianca , ed un paio di caize , cd uno alfon- 
sino , ed uno carlino , e non so cbe altra moiieta. Di- 
poi il giovedi medesimo faceva ordinare una cena , e 
porre a sedere tutti questi poveri , ed ordinato la cu- 
cina quello cbe avessino a mangiare , il Re stava ritto 
intorno alla lavol^ con una tovagliuola al collo , ed 
una cinta , e le vivande cbe venivano dalla cucina , ba 
maesta del Re le pigliava , c mcttevale loro iunanzi , 
e con il vino , e quello cbc avcvano di bisogno , con 
grandissima umilta , e non voleva cbe pcrsona porges- 
se loro nulla , se non la sua Maesta di sua mano. Di- 
ccva ogni di del continovo T ufficio del Signore , ad- 
dimostrando una divotissima mcnte ; ed ogni notte non 
mancava mai cbe non si levasse a dire T ufficio , ed 
istava ginoccbioni per lungo spazio ; e questo osservo 
s€mpre tutto il tempo cbe visse. Aggiuguesi a tutte 
queste cose , cbe digiunava tutte le vigilie comandate , 
e le vigilie delle feste di Gristo e della gloriosissima 
vergine Maria , e tutti i venerdi dell' anno digiunava 
in pane e in acqua , e non gli lasciava mai ; e quan- 
do era infermo bene grave , non gli voleva lasciarc. 
Quando il corpo di Cristo andava a qualcbe infermo , 
ed egli passasse dove era il Re , cb' egli lo sentissc , 
sempre usciva di casa , e accompaguavalo infino al 
luogo dov' egli andava , con pareccbi doppieri accesi ; 
dipoi si ritornava a casa. L' anno , quando si faceva 



Dl NAPOLI. 65 

la fe-ila dcl corpo cli Crlslo , la sua INfaesia v' aiidava , 
e invitava nilli gl' anibasciadori e signori cho v'cr<{- 
no , e porlava iina mazza del baldaccliino , clic v' e 
sopra il corpo di Cristo , la prinia , ed andava scal/.o 
e sanza n\dla in tcsta. Tntti gli atti o niodl siia invei"- 
so il culto divino , erano pieni di rcligione. 

3. Usava per sua umanita andare alle volte a qual ■ 
cuno infermo di grave inrermita. Fu uno giovane na- 
to di nobilissima istirp(; , nel fiore della ctb , il (juale 
era stato a' scrvigi dcl Jle , e per la sua virtii V ania- 
va assai. Sendo isfidato da* medici , il rc Alfonso lo 
'ntesc , e andovviin pcrsona in casa siia. II nome di 
questo giovane si chiamava Gabrielletlo. Giunto al let- 
to suo , lo comincio a confortare ad avcrc pazicnza in 
questa si grave infermita. Di poi sc gli volse , e si gli 
disse, ch' egl' era volunta di Dio di chiamarlo a se , 
e che in si accrbo caso quant' cra queslo che quella 
anima s' avesse a separare da quello corpo , bisognaya 
che ancora egli s' accordasse colla volunia di Dio , e 
pregasselo umilissimamente che gli perdonasse i sua 
peccati ; e di questo nc lo pregava (^uanto piii pote- 
va , che fusse cont^mto d' accordarsi colla volunta di 
Dio , e che conoscosse questa misera ed infelicc vila 
essere momentata c caduca , e che preslo viene meno, 
e che poco si puo sperare in cosa alcuna , perche tutie 
sono caduche. Tutto queste cose dovevano esscre ca- 
gione che egli pigliasse partito , ed avesse pazienza in 
si acerbo caso , quant' cra V avorsi a partire di quesla 
misera vita. E secondo che iscrive messer Antonio Pa- 
iiormita , che si trovo presente a qucsta esortazione , 
le parole dolla sua Maesta ebbono tanta forza , ch' egli 
poso r animo sao in pnce , e fu contento accordarsi 
colla volunta di Dio. Faceva assai di questi atti pia- 

5 



G6 ALF0N60 RE 

losi c vohl alla rcliglonc , chc tulti eraiio di Iniouo 
esciiiplo. 

4. La criidcha iii tntto era alieiia da lui , raa era 
piatosissimo e elcmenlissimo. Iiitervenne una voha clic 
r armata de' Gcnovesi venne in sul molo di Napoli , 
di natura che sua jNlaesta nc stava con grandissima 
passlone. Eia iii (jucl tempo a Napoli uno ingegniere 
c macstro di fucchi lavorati ; c h'cc vedcrc al Re , che 
s* egli volcva, ardcrehhe tutta queH' armata cogl' uo- 
mini che v' erano suso , e feeene tale espcrienza , che 
il Re fu chiaro chc riuscirchhe. II Ke quando 1' ehbe 
veduto , si volsc a quello ingegniere ed a' piii che ave- 
va intorno , e disse : nc piaccia Dio che io voglia es- 
sere cagionc che tanti uomini pcriscano : ])iu losto vor- 
rei pcrdcre lo stato , ch' csscrc cagionc di lanio mah;. 
E per questo liccnzio il maestro , cd avendo armati al- 
cuni legni , dissc a ccrti signori che vi salissino suso. 
Istettono sosp('si per lo pericolo a farlo. Di poi si volse 
a don Ferrando suo figliuolo che vi montassc suso , e 
cosi fece. \ eduto questi signori (]uesto atto , lulli vi 
montarono suso V uno pcr T ahro. E questo fu gran- 
dissimo segno di piaia e di miscricordia. 

5. Fu molto perdonatorc dclle iijgiurie a tutti qucl- 
li ch(i r offcndevano. Era iu Francia uno gentiluomo 
francioso ii qual(,> aveva molio isparlalo ed isparlava 
dcl re Alfonso , e non tornava ignuno di Francia che 
non dicesse al re. Alfonso (juello che diceva questo 
gentiluomo francioso dtdla sua Macsla. Era appresso 
del re Alfonso uno gentiluomo , che molto era isdc- 
gnato dclla presunzionc di (jucsto francioso , e ditcr- 
miuo d' andarc dov' cra , c vedere di punirlo di qucllo 
che aveva fatto e faccva contro al lle. Parlissi da Na- 
poli ed andonue in Francia con cavalli c famigli , c 



DI NAPOLK 67 

giuiilo nella leiTa dov' ora qucsto fraucioso , el>bc uia- 
iiiei'a (li piirliar pralica cou lui , di natura clie anda- 
\a a desinare etl a ceiiare con lui , e 1' uno coll' allro. 
Lscadde alcuna volla , clie avendo una stanza fuori del 
la terra con possessioni , egli nieuava questo gcMitiluo- 
nio clie slava col re Alfonso. Istato (juesto gentiluonio 
per ali(|u?»nlo teinpo in questa tcrra , ditormino di ven- 
dicare il He clella ingiuvia clie aveva fatta costui. Ed 
un di sendo andato fuoi"i della terra a quello luogo , 
ordino co" famigli di mettergli le mani addosso , e me- 
narlo a Napoli , ed imbarcoronlo , e feciorio in modo 
cne lo condussono fuori di qurgli paesi , e uKMioronlo 
innanzi al re Alfonso. Giunto alla sua presenza (jue- 
sto gentiluomo con qucsto francioso , gli disse : sacra 
Maesta , io aveva diterminato di non tornare innanzi 
alla vostra Maesta , cbe io non conducessi qucsto ran- 
cioso, Quando il re Alfonso lo vide , gli disse : io li 
per(iono liberalmente ; ma de' principi grandi non dire 
mai niale , percbe eglino banno le braccia molto lua- 
gbe , e possonsi valere in ogni luogo ; si cbe per i' av- 
venire sia piii savio e piii cauto cbe tu non sei istato 
per lo tempo passato. E detto qucsto , lo licenzio. II 
francioso rimase ismarrito , cbe dubitava a quello cbe 
aveva detto del Rc , cb" egli non lo facesse male ca- 
pitare. Veduta tanta clemenza , lo confuse in modo , 
cbe egli faceva 1' opposito di qucllo cbe aveva fatto , 
e non si poteva saziare di lodare la sua Maesta e com- 
mendarla. Di questi atti ne fece infiniti , percbe v' era 
volto assai. 

6. Fu liberaiissimo in infinito , e dava a oanuno 
sanza rispetto ignuno. Dironne alcune d' infinite sua 
liberaiita. La prima si era cb' egli usava dire , c cosi 
era il vero , cbe inai nelia sua vita porto danari ad- 



G8 ALFONSO PxE 

tlosso , lic ijc !(Miiie sotto ]^ cura siia. AvciiJo lino dc' 

sua di (jiiegli che i'iscuotono i daiiari dc' fuoclii , re- 

caii diccimila fioriiii , v. mt^ssigii in camera sua iu sur 

nn.\ tavola dov* eia il Ee , tanlo clie venisse il teso- 

i"iero , cra in camcra di sua Maesta iino giovane di 

buonlssima istirpe clie stava col Re , e gnatava quesli 

danari con uno smisurato dcsiderio. 11 Re se Ji' avvi- 

dc , e domandollo quello che cgli guatava. ixispuose 

che guatava qucgli danari ; che s' egli gl' avesse , egli 

sarebhe heato c felice. Inteso questo il re Alfonso , se 

gli volse, e mise lc mani in su qnegli danari , e si gli 

disse : sia heato c fclice , che io ti fo ; e si gli dono 

tutti quegli danari , a dimostrare dua cose ; la prima , 

clie non gli slimava ; la scconda , che se la hcatitudi- 

iie e la leliciia cra ne' dajiari , che non era cgli che 

Ja faceva. I aceva assai di queste liheralila. Egli aveva 

appresso di se moltissimi uomini dotti in ogni faculta , 

iii modo che dava di provisione 1* anno che mori du- 

cati ventimila a uomini littci'ati. 

^. Ora dava a messer Bartolomeo Fazi di Genova 
provisionc ducati cinqueccnio , che attendeva a com- 
porre la storia del re Alfonso , nella quale peno piii 
anni , e finilla in dieci lihri , opera molto dcgna ; fini- 
la , niente di manco correva la sua provisionc. Fini- 
ta che V ehhe , desiderava d' avere ducento o treccnto 
fiorini , oltre a quello che aveva per V oi-dinario. Par- 
lonne col Panorniita e coji messer Matteo Malfcrito. 
Ordinorono che una mattina egli arrecasse questa isto^ 
ria alla maesta del Pie , e furonvi e messer Antonio e 
messer Malteo presenti quaudo P arreco. Presentando- 
la al lie , la prese e lesse una espugnazione d' uno ca- 
stello , e piacquegli maravigliosamente , iu niodo che 
pareva che vi fusse istato preseute. Lctta qucsta espu- 



DI NAPOLF. G9 

jrnaziono , si volso a mosscr Aiitoiiio cd a mcsscr Mat- 
teo , e lodolla molto. Mcsser AiUoiiio fece venire drcn- 
to mcsser Bartolomco , ch' era fiiori all' uscio c aspct- 
tava , e volsonsi mcsscr Antonio e messer Matteo alla 
maesta del Rc , e si dissono , come messer Bartolomco 
domandava alla sua Maesta che gli donassc quello ehe 
gli parcva oltre alla sua provisione. Chiamo uno suo 
camarlingo , e si gli disse che gli portasse mille cin- 
quecento (ioriui in una horsa. Portatogli , gli fe' do- 
nare a mcsscr Bartolomeo ; e di poi se gli volse e rin- 
graziollo dcH' opera che avcva faLta. Di poi gli disse : 
io vi dono mille cinquccento iiorini non per pagamen- 
to dcir opcra che avete fatta , perche questa vostra ope- 
j-a non si puo pagare per prezzo ignuno ; e quando io 
vi donassi una dclle migliori tcrrc , che io ho , non vi 
potrci soddisfarc ; ma col tempo io faro in modo clie 
voi sarete contento. Messer Bartolomeo chc si stimava 
avere dugento o trecento fiorini , veduti niille einque- 
ccnto , rimase ismarrito , che non sapeva dov' cgli si 
fusse , sendo di natura alquanto timido. Messer An- 
tonio e messer Matteo sopperirono per lui in ringra- 
ziare la maesla del Ee. 

8. Intervenne ne' tempi di papa Gallisto , che uno 
giovane fiorcntino (i), che istava con messer Gian- 
nozzo Manetti , aveva cavato piii volte oro del regno , 
contro alla legge che v' era solto pena della vita e del- 
la rohba. Sendo questo giovane accusato da uno della 
patria medesima , fu ritrovato essere vero. Fu preso 
lui , e toltogli tutto quello che aveva , e le scritlure. 
Sentendolo messer Giaunozzo ch' era a Roma , subito 

(i) Si replica questo racconto nella vita di G. Manelti. Noi 
non volendo ripelerlo , abbiamo di la prese alcune particelle di 
giunta , per tralasciare poi tulta la narrazione in quell' altro luogo. 



7 ALFONSO RE 

so 11" aiido dai Papa , uarrogli il caso. II Papa sii- 
l)ito fccc ispacciare iino J)rieve al rc Alfonso, pregan- 
(I0I0 dclla rcslituzionc (lclle dclfe cosc. Avuto il bric- 
vc , vcnne a Napoli c giunto , ando alla maesta del Re , 
c preseiilogli il l)ricve. 11 Re letto clie P cLbe , se gli 
Yolse , e si gli disse : t: questa la (ede che voi avete in 
me di farmi iscrivere da papa Callisto ? Messer Gian- 
iiozzo subito gli rispuose , e disse : non fu questo , per- 
clie tutta la mia fede non fusse nella vostra Maesta , 
rua domandando licenza alla sua Sanlita , e narrando- 
oli il caso . disse : io vn^lio fare scrivere uno brieve 
alla sua Maestii , e raccomandargli il caso vostro. E 
questa fu la cagione del bricve , non percb^ io non 
credessi potere (Utenere dalla Maesta vostra ogni gra- 
zia. L Jito queslo , la sua Maesta se gli volse , e si gli 
disse : messer Giannozzo , quesia robba e la voslra ? 
Rispuosc di si. Ridomandollo la maesta del Re un' al- 
Ira volta , e dissegli quello medesimo se le robbe era- 
no sue ? Replico dl si. l>a sua ]\Jaesta si volse a mes- 
ser Giannozzo , e si gli disse : io vi dono il giovane 
Yostro e tutta la rol)ba , cbe di ragione ogni cosa cra 
niio ; al giovane n' andava la vila ; cd io sono conten- 
to di donarvi ogni cosa liberalmente. E subito cbia- 
ruo uno de' sua , e fece cavare il giovane di prigione , 
e restituiroli ogni eosa sanza alcuna opposizione. A 
questo modo fauno i principi cbe sono liberali ! 

q. Vennono in quesfo tempo a Napoli cerli conta- 
dini barzalonesi , cbe avevano differenza con quegli 
ciltadini della lerra di Earzalona , ed erano ricorsi alla 
sua iSIaesta. E percb' eglino avevano a stare in Napoli 
lanto cbe la maesta dcl Rc polesse intendere le loro 
ragioni , fece dare loro per le spese mille ducati. Uno 
de' sua . parendogli cbe fussino troppi danari . se gli 



Dl NAPOLI. 71 

volse e disso : sncra Mnost;i , qncstl sono contadini ; 
volendo non dcsse loro lanto. fl Ro por mostrarc a 
cjucllo suo la sua ignoranza , parlo in catalano , c si 
gli disse , e' sono pochi millc ducati ; datene loro milie 
cinquecento. E cosi ebbono quegli contadini , clie non 
avevano veduti mai a" loro di quaiiti questi erano du- 
cati. Mostro qui la sua Maesla la sua inaudila libera- 
lita , e la ignoranza de' sua clie gli volevano insegna- 
re e rispondere. Un di ando la sua Maesta fuori di 
Napoli. Girca il flume del Garlgliano passando da uno 
ponte , vide una povera donna piangere. II Ke ch' era 
nmanissimo e piatosissimo disse , che gli fusse fatta 
venire innanzi. Venendo innanzi alla sua Maesta , la 
domando qucllo che aveva. Ella disse : io avevo nno 
hue , e facevo compagnia con questa mia vicina , e la- 
voravamo le terre nostre con questi dua buoi : ora in- 
felice a me , il mio bue e caduto a terra di questo 
ponle , ed cssi morto , e non potro lavorare le lerre , 
e morrommi di fame con parecchi figliuoli che io ho. 
La sua INIaesta , dove questa povera donna aveva uno 
bue , innanzi che si partisse gliene fece comprare uno 
paio , ed a quella altra che aveva uno bue , e non piii , 
le fece comprare uno compagno a quello , accioche 
ognuno potesse lavorare le sua terre sanza avere bi- 
sogno 1' uno dell' altro. Notansi in questo caso dua 
cose , r una la sua inaudita e piata ed umanita , in- 
sieme unita con una grande liberalita ; 1' altra la sua 
integrita e giustizia ch' egl' usava inverso tutti i sua 
cosi a' piccoli come a' grandi. 

lo. Era in Napoli uno giovane nato di slirpe reale 
assai aniato e stlniato dalla sua Maesta , perche aveva 
con lui qualche pai-entado. Erano in questo giovane 
molte laudabili condizioni , ed era molto laudato cd 



72 ALFONSO RE 

anialo da liiUa la sua corte. 11 giovane prr sua devo- 

zionc era anclatt) in leria santa , c, nella sua tornata 

la niaesta dcl Re 1* amava tanto , clie in persona gT an- 

db incontro parecclii miglia quando venne a Napoli. 

Enlrafo in Napoli , eome fa il nemico cleir umana na- 

tnra , un di andanclo a spasso per la citia , egll vicle 

una bellissima giovane vana , la quale senclo costui in 

ela d' anni trenta o meno , comincit) a gnatarlo , ed 

egli lei , in modo clie piu volte passo per quella via , 

come ella si afl*acciasse. Istando il marito a' servigi del 

re Alfonso , una sera clla ordino che cjuesto infeliee 

friovane venisse a casa , in queslo lempo clie il marito 

era a corte andato. Questo giovane secondo 1* ordine 

dato istette con lei piii clie non Lisognava ; in modo 

elie tornando il marito a casa , che aveva la chiave 

deir uscio , lo irovo che voleva iseendere la seala. Ve- 

dendo questo , gT uso certe parole dolejidosi della in- 

criuria che gl' aveva fatta ; di poi si cavo uno collello 

dal lato , c girogli uno colpo nella poppa manca , in 

modo che casco lo infelice giovane morto. Veduto que- 

sto gentile uomo quello che aveva fatto in su quella 

furia , eonoscendo costui essere parente del Re , ed es- 

sergli grato ed accetto assai , gli parve essere condot- 

10 in cattivo luogo ; andava pensando se vi fusse ignu- 

no rimedio ; penso , la maesta del Re cssere clemeii- 

tissimo , e se ignuna speranza v" era , era ricorrere alla 

sua Maesta. E fatto il pensiero , sendo ore sei di notto 

o piii , e cjuello gentile uomo morto eutro la sala , si 

parti ed ando al castello dove istava il Re ; e picchian- 

do 1' uscio , venne uno di quegli clie slavano alla porta 

e si gli disse , fjuello che \oIeva. Rispuose-, clie per 

cosa importantissima Lisognava ch' c^gli parlasse al Re. 

Inteso cjuesto , comando che venisse da sua ]VJaesta. 



DI NAPOLF. 73 

riinnto, dissn volergli parlare di sccreto. Fecc^ levarc 
ognnno. Fatto qucsto , il gcntilc uomo narro al Rc il 
caso chc gl' cra intcrvennto. Intcso , la sua Maesta se 
gli volse e dissc : guarda clic tu mi dica il vcro. Quc- 
slo gcnlilc uomo parlo in niodo clic il Re intcse clic 
diccva il vci-o. Volsesi al gentilc uomo c si gH disse : 
va , cd attcndi a fare bene come liai fatto in llno a 
ora , e non dubitare ne di fratogli nc di persona , che 
a ora cbe sara fatta alcuna violcnza alla lua pcrsona , 
ella sia fatta alla mia ; e non dubitare di nulla , che 
io ordincro in modo cbe seguira 1" cffctto di quello chc 
t' ho detto. Di poi questa notte medcsima mando pe' 
fratcgli sua , e narro loro il caso , e dissc che qucsto 
gentile uomo gl' aveva fatto queilo che si conveniva , 
c che eglino mandassino per quello corpo , e faccssinlo 
seppellirc , e cbe facessino cbe a questo gentile uomo 
non gli torcessino uno capcllo in capo , sotto la sua 
disgrazia. Osservorono tanto quanto gli disse la mae- 
sta del Re , ed il gentilc uomo si stette a Napoli , e 
non fu raai ignuno cbe fusse tanto ardito cbe gli di- 
ccsse nulla. Queste sono le giustizie che s' aspettano 
di fare ai principi ! 

I I. Aveva dato la maesta del Re rappresaglia a Ge- 
rardo Gambacorti sopra la robba de' Fiorentini , per- 
che questo Gerardo aveva perduto Bagno ed altri luo- 
ghi per le sua cagioni , ed avevavi perduto la robba. 
Oiidc non scndo la maesta del Re a Napoli , Gerardo 
ebbe mezzo cou certi cortigiani , e fece torre tanli 
drappi e panni di robbe fiorentine che valevano du- 
cati quaranta mila ; e tolte , subito le fece mettere all' 
incauto e vendellc. I mercadanti florcntini ricorsono 
a mcsser Giannozzo che si trovava a Napoli , e pre- 
goronlo ch' egli andasse alla maesta del Rc a Foggia 



74 ALFONSO RE 

m Piigli 1 , ' l1 operasse clie non pcrdessino qiiesle rol)- 
he. INIonto subito a ravallo , e o^iiinto a Fofifsfia , sna 
jSIaesfa non v' era ancora tornato ; aspettollo nella sua 
aLitazlone in nna sal.i , cd andava in sii in giii tanto 
clie tornasse. roruato , vide messer Giannozzo innan- 
zi clip Acdesse Jni , e misegli la mano in su la spalla , 
e disse : messer Giannozzo , che andate voi facendo , 
gingnendo cosi improviso ? Si volle incliinare e ba- 
ciargli la mano ; il R-e non lo lascio , mc^ domandollo 
quello che voleva. Narrogli il caso. La sua jNIaesta se 
c;Ii volse , c. si comando clie fusse alloairiato , e la mat- 
liiia lo spaccierebbe. In ogni modo la mattina innanzi 
di si parti, cbe messer Giannozzo nou io seppe. Uscen- 
do tli camera v' aveva lasciato uno con piena commes- 
sioiie , cbe fusse ispacciato secondo cbe domandava , 
cbe ogui cosa fnsse restituita. Oia clii aveva a fare la 
lettera , non la voleva fare piena a suo modo. Aspetto 
cbe la sua Maesta tornasse la sera ; e tornato , nomi- 
natamentc connnesse a messer jSiartorella clie facesse 
]a lettera cbe ogni cosa fnsse soddisfatta a di cbe ell' 
erano o venduie o non \endute. Partissi messer iNIar- 
lorella e messer Giannozzo dalla maesta dcl Re per 
fare la iettera. Nel farla messer INIartorella disse a mes- 
ser Giannozzo t la maesla del Be parla ispagnuoio , voi 
non io avete bene inteso. Messer Giannozzo , cb' era 
nomo vivo e da falti , disse : io intendo ispagnuolo , ed 
bo moito bene inteso la sua IMaesta ; se voi mi volete 
fare la lettera sccondo I' ordine di sua Maesta , io so- 
no contento ; se none , io ritornero aiia Maesta sua. 
Mcsser Martoreiia conosciutci la natura di messer Gian- 
nozzo , e i' amore clie gli portava ii Re , disse : e' non 
ijisogna ciie voi andiate a sua Maesta , io faro ia let- 
tera come v(»i vorrelc ; c cosi fec(! picna quanto fu 



I 



DI NAPOLI. 75 

possibilc , c fcco rcstituirc infmo a ogni minima cosn. 
Qiieste sono dclle liberalita del rc Alfonso , c dcllc 
csecuzioni cbe fccc per gl' amici sua , avendo ragione I 
12. Tn ogni cosa dimostro la sua Macsta c la viri- 
lila deir animo suo , e la sua innata bonta. Usava dirc 
ispesso a dannare il giuoco , ([uanto cgli e pcrnizioso 
e da essere detcstato e dannato. Narrava cbe scndo in 
cta d' anni diciotto a Barzalona per le feste di pasqua 
di natab^ , giucando una sera aveva pcrduti circa a 
cinquc mila fiorini. Avendogli pcrduti , cbiamo uno 
suo cameriere , e disse cbe gli portasse danari. Porton- 
ne , e giucando comincio a rivincerc , e riviiiti lulti 
quelli cbe aveva perduti , e lutti quelii cbe avevano 
coloro cbe giucavano , avcndo il Ke qucsto monle di 
fiorini innanzi , disse cbe ognuno istesse fcrmo ; dipoi 
disse al cameriere cbe gl' arrecasse il libricciuolo di 
nostra Donna , ed arrecatob) , lo fcce aprire ; di poi vi 
giuro suso con tutte a dua le mani , giurando e pro- 
mcttendo a Dio ed alla vcrgine Maria , cbe mai piii 
giucbcrcbbe. E cosi osservo insino al di cbe mori. Di 
poi si volse , e disse a qucgli cbc v' erano prcsenti : 
acciocbe ignuno di voi creda cbe questo io lo facci per 
avarizia , comincio a pigb*are quegli fiorini colle mani , 
e dargli intorno a tutti quegli cbe avevano giucato coii 
lai , in modo cbe gli distribui tutti. Fatto questo atto 
si generoso , disse a tutti qucgli cbe v' crano : io cono- 
scevo , cbe se io m' avevo a awilupparc in questo giuo- 
co , egl' era cagione d' impedirmi lo 'ntelletto , e non 
potere pensarc a cosa ignuna cbe fusse degna ; tanto 
era lo 'mpedimento cbe mi dava , e per qucsto mai sa- 
ra iiomo cbe mi vcgga giucare. Questi sono i principi 
degni , ne' qnaH sono tante laudabili condizioni ! 
i3. Amava assai i liiterati , come e dctto , e sempre 



76 ALFONSO RE 

meiitre clu,' istava a Napoli , ogni di si faceva leggere 
a messer Antuiiio Panormita le decLe di Livio , alle 
quali Iczioni anda^ano molti signori. Facevasi leggere 
alti-e Jezioni della sciitlura santa , ed opere di Seueca , 
e di filosolia. Poco lcmpo gli reslava cli' egli non lo 
consumasse degnamente. Sendo nella Marca con gl' 
cserciti per ricuperarla alla cliiesa , che la teneva \[ 
duca Francesco ne'' tempi di papa Eugenio , tra Ja ^en- 
le di sua jNJaesta , e la autorita sua d' esservi in per- 
sona , e Nieolo Piccinino clie v' era mandato dal duca 
Filippo , feeiono in modo che in briove tempo riebbe 
la chiesa ogni cosa , che fu tenuta cosa maravigliosa. 
In queslo tempo , sendo di state , ogni di si leggeva 
una lezione di Livio per lo Panormita, ed andavauvi 
lutti quegli signori che aveva seco , ch' era cosa degna 
a vedere , che in luogo dove molti perderebbono tem- 
po in giucare , sjia Maesta lo spendeva in queste le- 
zioni. Aveva seco maestri in teologia c OIosoGa sin- 
gularissimi. Eranvi in fra gl' altri dua eccellcntissimi 
uomini , uno si chiamava maeslro Sogliera , al quale 
dettc il vescovado di Barzalona ; cravene un' altro che 
si chiamava messer Ferrando , uomo maraviglioso , e 
grandissimo teologo e filosofo. Questo fu di tanta san- 
tita di vita , che il Re per la riverenza che aveva iii 
lui , non solo Jo aveva iu grandissima riputazione , ma 
egli lo temeva assai , perclie quand' egJi udiva cosa al- 
cuna che sua Maesta avesse fatto , che non fusse giu- 
sta e onesta , cgli lo riprendcva. Era ispesso con que- 
sti macstri in teologia , o a domandare di dublDJ , o 
fargli disputare di varie cose. 

i/\, Era affezionato agP uomini dotti , che quanti 
ne pole avere a provisione , gli toglieva. Dopo la mor- 
te di papa Nicola , col quale istava messer Giannozzo 



DI NAPOLI. 77 

Manetti a pvovisionc di diicali seccnio P anno , sendo 
andato messer Giannozzo a Napoli per lo suo caso di 
quello garzonc nel primo anno del pontificato di papa 
Callisto , iJ rc Alfonso lo richiese che andasse a stare 
con lui che V aveva in grandissinia lipntazione , sendo 
istato piii vohc amhasciadorc a siia Macsta , ed avcn- 
dolo vohito provarc a farlo disputare in tuttc a scttc 
r arti liherali. Andato messcr Giannozzo per comporre 
certe sua cose , ritorno a Napoli , c dalla maesta dcl 
Ke fuqli fatto grandissimo onore e proferte , in modo 
clie gli commise farc il suo privilcgio , e che lui lo 
scgncrchhe , e chc 1' asscgnamento lo pigliassc in sulle 
piii vivc entrate che lui avessc , ch' crano i sali. Fallo 
mcsser Giannozzo il privilegio , la maesta del Pvc se 
lo fece arrecare pcr scgnarlo di sua mano e farc la 
provisione. Portatolo , segno ducati novecenlo di car- 
lini , assegnamento in sn sali , e fccelo del suo consi- 
glio e presidcnte dclla sommaria. E fatto ^he V ehhc , 
gP uso moho umane parole , dicendo a messer Gian- 
nozzo che si desse di huona vogh'a , che s' egli non 
avesse se non uno pane solo , glie lo dividerehhe» Di 
poi soggiunse, e disse : messer Giannozzo, i vostri pari 
istimano il tempo assai , e 1' andare di'icto alle corli , 
se ne pcrde assai ; e pertanto attendete a' vostri istu- 
dii , non hisogna che voi vcgniate a corte : quando noi 
vi vorremo , mandcremo per voi : assai onore e ripu- 
tazione si fia , quando s' iutcndera che voi siate appres- 
so di noi. Avcva in tanta riputaziane e stima i litte- 
rati , che come e detto dava di provisione ordinaria 
agl' uomini dotti , che aveva nclla sua corte , fiorini 
vcntimila 1' anno , pcr mantenergli onorargli e soste- 
ncrirli. Avevano i secoli d' allora dua sinsfulari hcnc- 
fattori , che 1' uno era papa Nicola quinto , 1' altro era 



78 ALFONSO RE 

il re Alfoiiso. Clie se avessino scguito conic avcvaiio 
comiricinto qiiesti dna singulari principi , ne sarebbo- 
Tio assai piii cbe non sono iu tenipl nostri , e sareb- 
Lono in piu riputazione e piii stimati cbe non sono. 
Mancaiido cbl gl' onori , e necessario cbe mancbino gl' 
nomini cbe non si veggono istimati e riputati per le 
loro faticbc. uMolto furono obligati quogli secoli a qne- 
sii dua singulari lumi cbe alluminarono le lettere ed 
in faro tradurre e comporre piii opere degne , couie 
si tradussono e composono ne' tempi loro. 

1 5. Non solo amava i litterati , ma i buoni e quelli 
cbe conosceva aver qualcbe virtii ; ed era umanissiino 
con ognuno. E veramente i signori di noblle istirpe e 
sangue sono d' altra natura cbe non sono quegli cbe 
vogliono usurparc la nobilta , non sendo loro ; ma gl' 
atti e costumi loro di poi lo dimostrano. latervenue 
uno di cbe seudo il lle a una caccia , delle quali si 
dilettava assai , andando drieto a una fiera , si ismarri 
dalla moltitudine , e ridussesi fuora degl' altri. Andan- 
do cavalcando a questo modo, trovo uno povero uomo , 
cbe gl' era caduto uno asino carico di farina. II conta- 
dino cbe non conosceva cbe fusse il Re , disse : o gen- 
tile uomo , io ti priego che tu m' ajuti rizzare questo 
asino. II Re smonto da cavallo , e raisc lc mani alle 
sacca insieme col povero uomo. Avendo ritto 1' asino , 
subito giunseno i signori e gentili uomini , e feciongli 
riverenza. II povero uomo conoscendo avcre mal fat- 
to , inginoccbiossi a. domandargli perdono. II Ile co- 
mincio a ridere , e disse cb' egli istesse suso ; di poi 
ordino cbe venisse a Napoli , e fecegli donare alcune 
cose per suo bisogno. 

i6. Alle volte la maesta del Ke sl diletlava di pi- 
gliare qualcbe onesto ispasso o diletto. Era a Napoli 



DI NAPULI. 79 

mio aiHhasciadore saiieso dolla loro nalii,ra niolto bo- 
rioso. La macsta dcl Ro il piii dclle volte vcstiva di 
nero con qualclie fermnolio nel cappello , o qiialclie 
catena d' oro al collo ; i l)i'occati e vestiti di sela poco 
gl' usava. Questo ambasciadore vestiva di broccato d' 
oro molto ricco , e sempre quando veniva al Ke , ave- 
va qucsto broccato d' oro. II Ke piii volte con quegli 
sua domestici se ne rideva di questo vestire di ])roc- 
cato. Uno di ridendo disse a uno de' sua : per certo io 
voglio cbe noi facciamo cbe questo broccato muti co- 
jore ; e per questa ordino una mattina di dare udien- 
za in uno luogo molto misero , e fece cbiamare tutti 
gl' ambasciadori , ed ordino con alcuni de' sua che la 
mattina in quclla calca ognuno si stropicciasse addos- 
so allo ambasciadore sancse , e slropicciassino quello 
broccato. La maltina non solo dagl' ambasciadori ma 
dalla maesla del P\e era pinto e stropicciato in modo 
quello broccato , cbe uscendo di corte cbi sapeva que- 
sta novella , non era uomo cbe potesse tenere le risa , 
vedendo quello broccato cb' era di cbermisi col pelo 
allucignolato , e cascatonc 1' oro, c rimasla la seta gial- 
la , clie pareva la plii brutta cosa del mondo. A ve- 
derlo la macsla del Ke uscir della sala col broccato 
tulto avviluppato e guasto , non poteva tenere le risa , 
e slctte parccclii di cbe mai fece altro cbe ridei^e di 
quesla novella di questo ambasciadore sanese , e lui 
mai s' avvide quello cbe gl' era suto fatto. 

I ^. Uno altro ambasciadore sancse era venuto a 
Napoli , ed aveva arrccaia una covertina con frastagli 
lungbi , come si soleva usare all' antica. II Re veden- 
dolo non poteva tenere le risa. Ditcrmino uuo di , vo- 
lendo andaie a caccia , passare da casa Tambasciadore , 
e farlo cbiamare in furia. Giunto uno mandatario all' 



t 



80 ALFONSO RE 

uscio suo , lo foce chlamare subito clie veiiisse clie la 

sua Maosta \o voleva. Subito fece sellare i cavalli , o 

raessosi in punto , e nionto a cavallo in calze solate con 

una vesta lunga e con quella covertina con frastagli, 

La mattiiia la niaesla clel Re non lascio siepe in qne- 

sta caccia clie non andasse ritrovando , in modo clie 

quella covertina ebbe fortuna clie dove nc rimase nno 

pezzo , e dove un' altro , in modo che tutti i frasta- 

gli , e la maggior parte di quella covertina rimasono 

in quelle siepi , e qualche parte di quella veste cbe 

aveva in dosso. Era la maltina piovuto e del contino- 

vo pioveva certc iscosse , e la maesta d(d Re si mct- 

leva in uno iscoperto a parlare con questo ambascia- J 

dore , in modo che s" immollava la Maosta s\ia per fa- I 

re immollare questo ambasciadore. L' ambasciadore la 

sera nella tornata in Napoli era molle Infino alla pun- 

ta de' piedi , c le calze solate crano fresche , la cover- 

lina era rimasta in quelle siepi , in modo che 1' era 

trovata al pari della sella del cavalio , e tutti i frasta- 

gli erano ili per lerra che non pareva che vi fussino 

suti. L' ambasciadore sanza mantello , in cappa e calze 

solate , e molle come si debbe istimare , pareva la piii 

strana cosa del mondo a vederlo. La maesta del Re si 

rise di quello del broccato ; di questo , parecchi di ne 

stette tutta la corte a sollazzo , e nou vi si faceva al- 

tro che ridere di questa novella che era nola a tulti 

quegli signori e grandi maestri. Per le molte e varie 

occupazioni che hanno i re , e necessario che qualche 

volta si piglino qualche onesto piacere ; che sono tanti 

i dispiaceri ch' cgi' anno ogni di , che se non piglias- 

sino qualche ricreazione , non potrebbono reggere. 

18. Avendo narrato alcuni piaceri ouesti presi dal- 
la sua Macsta , iscrivero ora alcuni che sono V oppo- 



Dr ^APOLI. 81 

sito , come occorre ogni di a' signori. Era una sera ore 
sei di notto , e la maesta del Re erasi inesso in punto 
per andarc a letto. Sendo gia in cani(^ra per ispogliar- 
si , vennc il scgretario con uno monte di lettere clie 
bisognava che il Re leggesse , e segnasse innanzi clic 
andasse a letto. Quando la sua Macsta vide quclle let- 
tere, si volso a quelli clie 1' erano d' intorno , e dis- 
se ! e egli al mondo il piu raisero o il piii infelice 
uomo di mc ? e egli iscudiere in questa corte , che non 
sia ora a dormlre c riposarsi ? ed a me conviene ista- 
re a leggere ed a segnare queste lettere , innanzi che 
10 vada o possi dormire. Furono alcuni di loro che si 
gli dissono : sacra Maesta egl' e iina bella cosa esserc 
re come e la Maesla vostra , e nelle condizioni che 
siete voi II Re si rivolse loro e si disse: che cono- 
sceva molto bene quali erano le sua condizioni , che 
non potevano essere piii misere ne piu infelici ch' eU' 
erano , e che non era al mondo il piii infelice uoino 
di lui ne il piu misero ; che molti che si reputano che 
siano felici , sono miseri ; nel qual numero si riputa- 
va es&ere lui ; e pero si puo male o diiTicilmente giu- 
dicare di quelle cose che non sappiamo. Usava dire il 
re Alfonso , che se la camiccia , ch' egl' aveva indosso , 
sapesse i secreti sua , e quello che si pcnsasse drento 
da lui , egli la gitterebbe in sul fuoco. Era molto se- 
creto nclle cose importanti che aveva a fare , e non 
voleva essere consigliaio , parendogli essere,suliicienle 
per se a sapersi consigliare ; benche questa condizionc 
i piii biasimerebbono , che ognuno per graude che sia 
ha bisogno d' essere consigliato. Bisognava in alcuna 
cosa , chi lo voleva consigliare , farsi dalla lunga. Ben- 
chc in ogni cosa fusse umanissimo , come e detto y ma 
in questa parte dello inleudcre , che e proprio delT 

6 



82 ALFO.NSO RE 

uomo , non gli pareva clie persoua gli dovesse aaJa- 
re innanzi. 

19. Avendo governato quaranta anni tanti regni (.1) 
c si degnamente come aveva , intervenne ne' tempi di 
papa Nicola , che aveva graudissima fede nel re AI- 
fonso , sendo la chiesa e tutta Italla in pace , cl)' egl* 
era qualche signore in Italia che desiderava T oppo- 
sito , ed arebhe voluto che pnpa Nicola fusse quello 
che la rompesse lui ; e per questo dette fama di vo- 
lere mandare gente d' arme in quello di Perugia , per 
fare novita alla chicsa. Inteso , papa Nicoia ne duhilo 
assai , e suhito mando per messer Giovanni Margariti , 
cir era catalano , dipoi vescovo di Girona e fatto Car- 
dinale da Sisto papa , uomo di gentilissiino sangue e 
di huonissimo giudizio , e dissegli che suhito audasse 
a Napoli alla macsta del E.e , e richiedesselo di dua 
mila cavalli hisoguando , per rispetto ch' egli duhitava 
che non gli fusse fatta guerra in quello di Perngia. 
Avuta la commessione , suhito n' ando al re Alfonso , 
e sposegli quauto gT aveva couimesso la Sautita di no- 
stro Siguore. Ispostagli T amhasciata , istette sopra di 
se ii Re , e di poi gli rispuose : tornerete dalla Sautita 
di nostro Signore , e si gli diretc : clie io uon ne vo- 
glio fare nuila , perche io non voglio che sia il primo 
clie rompa la guerra in Italia ; che chi dice di volere 
mandare le genti in queilo di Perugia , non ve le man- 
dera ; ma soio io dice a fiue ciie ia sua Santita mandi 
Je geuti deiP arme iui-, per essere poi piii giustificato 
a polerc rompcre la pace iui ; e questa e ia caglone 

(i) Regni (liversi di Spagna e d' Italia c d' Isole , come e 
iiolo. II segueiUe fatlo si ripele Ja Yespasiano nella vila del Card. 
Margheriti , ina noi ivi lo Iralasceremo , conlenll d' inserirne qni 
alcune ijailicelle. 



DI NAPOLf. 83 

pLMclic io non lo voglio lare. fntcsa niesser Giovanni 
la volunth cl''I Rc , c I(* ca«^ioni che lo muovcvano , vo- 
iioscendo esscrc il vcro , prese liccnza dalla sua Mae- 
sta , e tornossi a papa Nicola , ed is[)0scgli quanto la 
macsla dcl re Alfonso gl* avcva dctto. 

20. 11 Papa cl)c non intcndcva qualc si fussc la 
volunia d(d Re , nc pcrclnj lo facesse , scmkIo anclie di 
iiatnra c()I1(M'1co , si coniincio a turbarc , c dire clie 
qucsta non cra la spcranza clic avcva nclla sua INIae- 
sta , e cli* egli isperava in ogni suo bisogno potcrsi va- 
lere col favorc dcl Re , e che gT osservassc ([u^^llo chc 
gl' aveva promesso* Scndo turbato ed nIt<!ralo in sii 
questa rlsposta del Re , istando messer (jiovanni tanto 
che [^osassc T animo suo , e non si dolesse piii , vedu- 
lolo posato , disse : lia dctto la Santilii vostra (|uello 
ch' clla vuolc ? Rispuose di si. Dlsse : udite ora lc ca- 
gioni che muovono la sua JNIacsta a non lo fare , che 
sono qucste , che di presentc vi dlro : la prima , per- 
ch(* la sua jNIaesla dice non volcre che la Santila vo- 
stra sia la prima che rompa la pace d' Italia ; e che 
chi dice di mandare le genti d' arme in quello di Pe- 
rugia , non lo vuolc farc , come per espericnza vedra 
la Santita vostra sc vi mandassc la gcnte d' arme e 
rompesse la gucrra , per esscre di poi giustificato lui 
a romperla , inducendo la vostra Saiuita pcr autore 
d' avcre rotta la pacc d' Italia voi , e darvi questo ca- 
rico. Udite papa Nicola qucste ragioui , si volse a mes- 
ser Giovanni , e si gli disse : per le rngioni dette non 
ced' io , ne mi sarei mutato , ma solo una cosa e qu(^lla 
che mi fa averc pazicnza , e quesla c che avcndo la 
maesta del Re goveruato anni {juaranta e piii gli sta- 
li , io dcbbo piii tosto crcdcrc a lui pcr la sua lunga 
espericnza chc a mc chc sono uuovo ncl govcrno ; e 



84 ALFO:<SO RE 

cosi poso 1* aninio siiu. Noii passo uiio niese ch' egli s! 
\eriiic() qnello clic aveva dello il rc Aifonso , e messcr 
Ciiovanni lo ricordo a papa Nicola , ed egli rispuosc 
ch' egli aveva ragione , c clie la raaesla dcl rc Alfonso 
r avcva intesa benissimo dove qucUo signore andava. 
2 1. lu Ofrni cosa la sna Maesta era di prestantis- 
simo giudizio ; era intero e buono sanza dolo o dupli- 
citk ; il fingere o il siniularc cra molto alicno da lui , 
ma spesso biasimava gl' Iialiani che V avevano ingan- 
nato dimostrando una cosa per una altra , ch' cra mol- 
to alieno dalla sua natura reale ed aperta. Sonci molte 
cose mcmorabili dello andare contro ngr inhdcli (i), 
e deir acquisto che fccc dcl rcame di ^apoli, e dello 
assedio della citla di INapoli , del trionfo fattogli all' 
entrare in quclla come trionfante a modo dcgli an- 
lichi per 1' acquisto di si degna patria (2). Tutte qucste 
cose sono iscritte nclla storia sua iatta da messer Bar- 
lolomeo Fazi. Ne narrero quello che fece nella venu- 
ta dcllo 'mperadorc a N^poli , quando venne a visi- 
tare la maesta del Pxc con tanti signori e con lanto 
degno apparalo. Fu l* onore che fece il re Alfonso nel- 
la sua venuta a Napoli cosa non fatta mai piii da' mo- 
derni ; c non sarebbe istato queilo che fcce il re AI- 
fonso indegno a uno d\ qucgli imperadori antichi , che 
chi lo scrive nen puo tauto maravigliarsi , quant' egli 
si maraviglia piii , di tanto supremo onore in tutle le 
condizioni chc si possono imaginare. Coslo questo ono- 

(i) Ncl codice vaf. tlella regina di Svezia 8i3. f. 99-102. 
si coiiscrva : AlpUonsi Aragonwa regis oratio de expeditione 
conlra Turcas. E seguita ivi : eiusdem regis triuniplius a Bc' 
ncdicto Salato amalphitano descriptus. 

{1) L' arco mavmoreo trionfalc del re Alfonap si ammira ari- 
v,<.Ha mli" inlcrno del Caslcllo nuovo in jNapoii. 



ni NAPOLi. 85 

rc clic i\^cc II ic Alfouso allo 'inpcradorc piii (.11 ccn- 

tocinqnanta ml^llaia di fiovini. Fcoc nna caccia dove 

i\\ nnmcro ifilinito dl signovi c di g(;ntili nomini san- 

za niimcro. Fevvisi uno dcsiuarc , clie nclla principal 

citla d' Italia non si sarcbbc poiuto fare : in ogui luo- 

go dovc sl mangiava, ch' crano lufiuiti luoghi, si man- 

giava in arlento , lc vivandc isplendidissime , confctli 

non solo n' aveva clii ne voleva , ma cgli si gittavano 

via d' ogul ispccie chc si possono pensarc. Eranvi piii 

fonlane pcr fpiella campagna ordlnatc che glttavano 

chi greco chi moscatello e chi vcrmigllo d' ogni ragio- 

nc , c tutti vinl soleunl ; cd erano a ogul fontc tazze 

d* ariento , e uomlni vi stavano, e audavanvi a bcre chi 

voleva ; qucgli tedeschi sc ne fornivano come sl deb- 

be. S' ella non fusse iscrittta c da Bartolomeo Fazi e 

dal Panormita e da altri , avcndola a scriverc , sareb- 

be cosa istupcuda. Feccgli la maesta dcl Re molti pre- 

senti e di grandlssima istima , e dettcgli 1' impresa del- t 

la banda , di farlo cavaliere della vergine Maria , clie 

si porta a rivereuza di nostra Donna. II sabbato il dl 

cntro lo 'mpcradore in Roma nella sua rltornata da 

Napoli , c quando vcnne gl' andorono incontro tutti i 

Cardinali e signori di corte di Roma ; e vedendo quel- 

la banda , alcuni per facezia dicevano , e' ando a Na- 

poli imperadorc , ed e tornato cavallere di banda. Mol- 

te cose degue sl potrebbono dlre di memoria , che so- 

no scritte da scriitori degnissimi nello ornato ed cle- 

gante latiiio e non nello idioma volgare , dove non si 

puo mostrarc le cose con quello ornamento che si fa 

in latino. Lascio infinltlsslme cose dclle sua , pcr non 

essere superfluo a chl lcggera. 

2 2. Tutlc qucste felicita che hauno gli uomlni , si 
riducono poi al finc. Innanzi che ammalassc la mae- 



80 ALFOX.SO RE 

sta del Re ill qiiello malc di che egli ili poi mori , gli 
niorirono niolti sua servidori cosi iii dotlrina como iu 
ahic raculta , in inodo clie gli parve clie fusse il prin- 
cipio della fine della vita sua , e parevagli e cosi aspet- 
lava ogni di che dovesse avvenire a hii qualche av- 
verso caso , avendo avute tante fehcita , ed essendo- 
gli slata la fortuna tanto prospera lungo tempo» Aven- 
do la sua Macsta , come innanzi ahhiamo detto , gran- 
dissima cosnizione della scrittura santa e di tulte le 
scienze , sapeva che la elicita non puo istare cogl' uo- 
mini lungo lempo ch' ella non venga al suo opposito 
chc e r avversita. Istando in continovi pensieri , del 
continovo aspettando qualche caso avverso o nello sla- 
lo o nella sua persona , iscadde ch" (^gli infermo d' uua 
infirmila chiamata da' medici diahctica passione , che 
e uno orinare eccessivamente piii che uon: si dehhe. 
Islando a questo modo malato , aveva appresso di se i 
piii singulari medici d' Italla dv\ corpo e non meno 
deir anlma. Dell' anima aveva uno santisslmo uomo 
chiamato macstro Sogllera singularissimo teologo e di 
santissima vita, il qualc era vcscovo di Barzalona. Ave- 
va uno allro che si chlamava maestro Ferrando caia- 
lano , del quale ahhiamo fatlo iananzi mcnzione , sin- 
gularissimo maestro in teologia , e santlssimo di vita 
e di costumi , e la sua dottrina la dimostrava nclle di- 
spulazioni e nclle predicazioni che faceva e dinnanzi 
al Re ed a lutta la corte di Napoli in piii luoghi. Era 
uno uomo resoluto da tutte le cure del mondo ; con- 
fessava il Ke , e quando vedeva che sl facesse qualche 
errore , non aveva pazienza che liheramcnte non lo ri- 
prendesse. IMoIte cose erano quelle che faccvano che 
la maesla del Re 1' avesse in si grande riverenza ; la 
prima , la santita della vita ; I' altra , che mai volle 



ni NAPOLi. 87 

bcncficio li^iiimo clie gll vollo dare la siia Maesia , vc- 
scovadi cd altri heneficj di stiina , e mai non volle 
niilla : solo aveva :ino beneficio di non moha cntrata 
sanza cura d' anime. Altro non volle mai , non si vo- 
lendo mettere a qucsto pericolo della cura dell' ani- 
me , ne avere questo peso alla coscienza ; dimostraudo 
non invano d' avere letta la scrittura santa , come fan- 
no infinitl dcgl' altri clie la leggono , ma non la vo- 
gliono intendere. 

23. Ora sendo la maesta dcl Re malato , e stan- 
dosi pcr camcra come fanno gl' infermi , non si di- 
mostrando il suo male mortale , volle maeslro Ferran- 
do esser cliiaro dclla sua infirmita s' ell' era mortale 
o no. I medici gli dissono come il suo male era san- 
za ignuno rimedio , se Iddio non faceva miracoli , e 
clie il piii che potesse vivere , non si vedcndo altro , 
si erano venti o ventlcinque di. Inteso questo , mac- 
stro Ferrando , hii ed il vescovo di Barzalona , esami- 
norono infra loro quello clie fusse da fare t in fine s' 
accordorono clie non era da ingannare la maesta del 
Ee , ma dirgli chiaro il pericolo in che si trovava : 
furono d' accordo che maestro Ferrando fusse quello 
che glielo dicesse lui , secondo gli pareva ; e che per 
nulla gl' uomini grandi non si vogliono ingannare , 
trovandosi in si manifesto perlcolo quant'e quello della 
privazione della vita , ed avere a rendere ragione dell' 
opere sua , quali elle siano istate , e potere domandare 
misericordia al Redentore dcl mondo de' sua peccati# 
Avendo fatto questi dua singulari uomini questa con- 
clusione , che loro determlnorono a significare a sua 
INTaesta il pcrlcolo in che ella si trovava ; messer Fer- 
rando , giunto in camcra dov' era il Re , lo saluto ; di 
poi se gli volse e si gli disse : sacra Maesta , io v' ho 



88 ALFONSO RE 

sempre conosciulo di grandissimo aninio , ed ora se 
mai l* avcste , bisogna clie la Maestu vostra lo mostri 
in quello clie al prcscnte vi diro della infirmita vostra. 
Piace air onnlpotente Dlo chiamarvi a se , e per que- 
sto bisogna cbe la Macsta vostra pigli questo partlto 
con virlle animo , come avete preso tutte queste altre 
cose infino al presenle di. 

24« Detto questo , la maesta del Ee se gli volse e 
s\ eli disse : lo sono molto contento , e conformomi 
colla volunta di Dio , e non con meno virile anirao 
piglio questo partito , cbe io m' abbia preso tutti gl' al- 
Iri infmo al presente di. E subito cblamo messer Fer- 
rando e disse : attendiamo a' fatti mia , e la prima cosa 
bisogna venire alla sacratissima confessione. E comin- 
clo a fare una confessione generale , e andava esami- 
nando cosa per cosa ; e delle imprese e delle cose cbe 
avcva fatto , messer Ferrando lo domandava la cagio- 
iie cbe ve T aveva mosso a farlo , e se gli pareva in- 
glusta , lo diceva , ed il Re rispondeva , e veniva a ri- 
medii dove si trovavano a quelle offese ; dove non era 
rlniedio , se ne doleva in infinito ,* ed il simile di tutte 
le cose cbe gli parevano cbe gli gravassino la coscien- 
za ; ed usava quesle parole dolendosi del suo peccalo 
air onnipotente Iddio ; e diceva al confessore : io bo 
selle reanri, io ne darei cento, s' io gli avessi, s' io non 
avessi fatto questo errore , e non passava il suo dolo- 
re sanza lagrime e singbiozz'. Attcso a questo piu di , 
a quello cbe pote rimedlare vi rimedio in quella for- 
ma cbe pote. Fatta questa diligente csaminazione per 
piii di , quando gl' avanzava tempo , lo metleva in ra- 
gionare di cose sagre , e facevasi leggere le meditazio- 
ni di santo Anselmo , libro divotissimo. Fatta la dili- 
gente esamina , come e detto , volle pigliare il sacra- 



DI NAPOLI. 89 

tlsslmo corpo di Cristo , 11 qiiale presc con tantc la- 
grinic c con lantl pianli c con Uuia dcvozlone , clie 
fu cosa mirabilc a vcdcrc la sinpilarc grazia che gli 
fece Iddio di riconosccre i saa pe:cati , e conoscere il 
suo Redentore , e spiccarsi in tutt) dalT amorc di quc- 
sto moudo miscro ed infclicc. Ec' era ridotto in modo 
cir era cosa mirabilc a vcderc ; 3 mai sc gli partiva- 
no d' appresso il vescovo di Baioalona e mcsser Fer- 
iMudo , cccetto solo quando ancavano a maugiare ; e 
stetle a f|ucsto modo circa a di venti. 

2 5. Intervenne uno caso peroperazioue del diavo- 
lo assai istrano , e (jucsto fu cle seudo audaio il ve- 
scovo di Barzalona e messer Firando a dcsinare , vi 
capito nno ercmita che venivc da Ferrara , e giunto 
appresso dov' era il Re , gli fee dire ch' cgli voleva 
parlare alla sua Maesta da pg.ie di Dio. Udito cjue- 
sto , il Re lo fece venirc dvmo. Entrato in camera , 
si gli disse , che diccssc queJo che voleva. Le prime 
parole ch' egli uso , furono qcste : io vcugo da partc 
di Dio a dire alla Macsta vQira che si dia di buona 
voglia , che di questo male oi non morircte. II Re , 
come farcbbe ognuno , vi p^se drento qualche ispe- 
ranza, e fece fare onore a qusto ercmita. Tornati mes- 
ser Ferrando ed il vescovo di^arzalona inlcsono questa 
fraude e questo iuganno deb eremila , fatto per ope- 
razlone diabolica ; disse mcer Fcrrando al Re quello 
che gli parve , e dimostro cc questo era inganno per 
suggestioue diabolica. Dipo volle saperc dove 1' ere- 
mila aveva la stanza , e and infino a casa sua ; e giun- 
10 e trovato V eremita , nojpote avere pazienza al suo 
inganno , e si gli dlssc : ildlavolo ha avuto uua gran- 
de forza d' avervi mandatoda Ferrara iofino qui a es- 
sere cagione di lanto male Voi sapete quanla fatica e , 



90 ALFOXSO RE 

che uiio Pie o uno uomo graude s' ai-ieclii ad aceor- 
(larsi a morire , e ii cllavolo v' ha fatto fare , clie voi 
pcrsuadiate al Re , ch' egli iion morra : e dove noi T 
nvevamo ridotto ad atcordarsi colla volunta di DIo , ed 
a morire , voi 1' avee fatto tutto mutare con questa 
vostra persuasione. E pertanto pigllate partlto , e fate 
che oggi in la io nm vi trovi in questa terra , che 
per uno errore non i)otevate fare il magglore di que- 
sto. Veduto il romitoessere iscoverta la sua fraude e 
'1 suo inganno , subix) si parti da Napoli , e ritornos- 
si a Ferrara. 

26. Messer Ferraido tornato alla maesta del Re , 
il vescovo di Barzalont e lui , gli mostrarono questo 
eremita essere uno graiilissimo inganno , in modo che 
la sua Maesta lo conobfe , e ritorno a' sua esercizi cir- 
ca la salute dell' anima iua. Sendosi confessato piii vol- 
te e comunicato , volle ^;)igllare i sagramenti a tempo 
ch'egli conoscesse , e (Omaudo 1' olio santo innanzi 
parecchi di che morisse.Non glielo volendo dare , dis- 
se loro che si contentas*uio di quello che si conten- 
lava lui , e volsesi al vest^^vo uomo degnissimo , e disse 
che ordinasse di dargllel ; e cosi fece con una gran- 
dlssima devozione ; e la ;ua Maesta medeslma rispon- 
deva d' ogni cosa , e por^va tutti i luoghi dove s' ave- 
va a ugnere. Fatto quest(, chiamo il figlluolo , e dis- 
segli che fusse buono figiuolo di santa chiesa , e da 
quella mal non si diviasse come dehbe fare ogni fide- 
le cristiano. Di poi gli ri>comand6 quello regno ch' 
egli lo governasse coltimoe di Dio , e sopra tutto fa- 
cesse giustizia , non avend rispetto se none allo ono- 
re di Dio. Raccomandogli ima servidori , ch' egli non 
aveva fatto invcrso di loroquello che meritavano le 
loro fatiche. Dette queste ^mohe altre parole , tuttc 



DI NAPOLI. 94 

pienc cll rcligioiK^ , alzo il l)raccio e (lcttc al rc Fcr- 
diiiaiido la sua Ixqicdlzionc. Qiiivi crano tiitti i signo- 
ri del rcgno c iiioltissimi gcntiluomini ; non vi fii per- 
sona che polcssc contcnc^re ]r ligrinic. Era tutta qucl- 
la canicra picna di lagrime (; di singliio////i ; nicnlcdi- 
mcno cgli istcttc scmprc colT aiiiiiio costanlisslmo. E 
fcgli Iddio cpicsta singular grazia clie mai cbljc Iinpe- 
dimento ignuno clie gl' altcrasse lo 'ntellclo , ne iscesa 
di catarro gll dctle mai noia alcuna. Istava dcl conti- 
novo in lczioni , come e detto , con tanta buona dlspo- 
sizione , con tanta contrizione de' sua pcccati , cli' cra 
cosa rairabile a vcdcnc. Scmpn; gll steltono apprcsso 
cjuesti dua santi uomini , clic mai 1' abbandonorono in- 
fino alla fine ; e 1' ultime parole che disse innanzi ch* 
egli ispirasse , che fu cosa mlrabile , furono iii manus 
tuas Domiiie commendo spiriium mcum , e mori san- 
za alcuno impcdimento e rcnde lo spirlto al suo Ke- 
dentore. 

2y. E' mi potrobbe esscre dclto , questo suo Iran- 
slto fu , come io V lio scritto , cosi appunto ? A che ri- 
spondo , che subito dopo la morte del re Alfonso vcn- 
ne In Firenze il vescovo di Barzalona e messer Fer- 
rando. Una scra andai a visitarirri alla camera di mc^s- 
ser Ferrando , ed era in sul letto per la failca dcl cam- 
mino. Subito isccse , e volle ch' io gli scdcssi al lalo. 
Sendomcgli dato a conosccrc , io gli dissi : inesser Fcr- 
rando , io vi pricgo che a voi piaccia dirml la morte 
del re Alfonso com' ella fu. Narrommela come e scrlt- 
ta di sopra , ma dissemi piii cose assai , le quali ho 
lasciate. Detta che m' ebbe ogni cosa , disse : i grandi 
prlnclpi- hanno di grandi peccati ; e per questo v' ho 
detto , non vi voglio giudicarc che sia salvo ; ma una 
cosa diro io bcne , che delle grandi grazic che fussi- 



02 ALFONSO HE 

110 datc Iii questa vita a persona , e stata qiiesta ; e 
priego r onulpotente IJdlo clie mi presli tanta grazia 
clie io non faccla altra fine clie s' aljbla fatta il re Al- 
fonso , ch' e istata grazia slngulare. E se io fussi do- 
mandato donde cbbe tanta grazia la maesta del Re , 
risponderei clie la perseveranza cbe aveva fatta dalla 
sua gloventii insino a quello tempo di digiunare tutte 
le feste di nostro Signore e di nostra Donna in pane 
e in acqua , e cbe tutte le vigilie comandate digiuna- 
va , e ogni mattina udiva tre messe , e diceva del con- 
tlnovo r ufficio di nostra Donna con molte orazioni ed 
altre sua divozioni , ed ogni notte si levava a dire ma- 
tutluo e certc orazioni , come ne! principlo abbiamo 
detto ; la contlnovazione di tanti beni sanza iutermis- 
slone accompagnate e colla rellglone ed altre sua vir- 
tii ; di qui mi disse credeva cbe fusse proceduta questa 
singulare grazia cbe 1' onnlpotente Iddio gli presto in 
questo {lue. E dette cb' ebbe queste parole , mi disse : 
e pero sarebbe bene a ognuno la perseveranza nelle 
buone opere , e cominciarle da fanclullo , e perseve- 
rarvi inslno alla fiue , per potere ottenere questa gra- 
zla cbe ottenne il re Alfonso. 

28. Cbl avesse vcduto questo messer Ferrando , gli 
sarebbe paruto uno ispeccbio di peuitenza : era uomo 
d' anni quai^anta , gi-ande di persona , magro e spunto , 
grave , alieuo da ogul pompa fasto dcl mondo , li- 
bero ncl parlare , alleno a disslmulazloni o {inzioui , 
di se stesso non diceva nulla , ne si lodava ne jattava , 
come fanno moltl r di 'cerimonle o soperstizioui u' era 
nimico. E pero chi gl' avesse parlato o avesse inteso la 
sua vita , arebbe giudlcato che le sua parole fussino 
vere come T evangelo , cora' elle souo. Cbi considera 
bene questo comeutario di qucsta vita del re Alfonso , 



Dl NAPGLI. 03 

^iLidiclieni iii iuoIt.C cleir opore di qupsto principe es- 
surc istato dccrno d* imitazione e nella vita e ne' costii- 

o 

nii. E tulto qiiello cb' ho scritto , 1* Iio avuto da uo- 
mini dcgni di fcdc e di grandissima autorila. Non lio 
avuto rispctto a ornato alcuno , ma solo a scrivere Ja 
propria verlth. Sendo la sua memoria cclcbrala ap- 
})rcsso dc" latini , e bcne cbc nclla lingua volgare se 
u' abbia qualclie notizia. Se in queslo comcntario del- 
la vita dcl re Alfonso non si fusse osservato V ordiuc 
de' lempi , non se ue maravigli pcrsona , percbe V bo 
faito secondo cbe m' c venuto a memoria , mettendo le 
cose sauza osscrvarc i lempi ; qucsto bo lasciato fare a 
quello cbc lia scritlo la vita sua. 

29. IMolte opcre ba fatto Iradurre il re Alfonso , 
delle quali se u" avessl notizia , sarc])bono uno nume- 
ro infjulto. E se fusse istato uno altro papa Nicola e 
uno rc Alfonso , non restava appresso de' Greci libro 
ignuno cbc non fusse tradotto. Metteronne alcuno , de' 
<juali bo avuto notizia , da pie'. 

Opcro fattc tradurrc dal re Alfonso. 

Onosandro de perfccto impcratore. - Eliano de 
strueudis acicbus. - Pedia di Giro tradotta da Poggio. 
- I Tcsauri di Girillo tradolti da Trabisonda. - Ar- 
riauo delia vita d' Alcssandro mairno. - Saltero de be- 
braica veritale. - Tcstamcuto nuovo. - Goutra ludaeos 
et gentes lib. 10. (i). - Dc digniiatc et excellentia bo- 
minis. - De animalibus. - Appiano dc bello civili. - 
\ ita Socratis et Senecae. 



(i) Questa e la segiientc non fiuono traduzioni , ma opcre 
ongiiiali del ManeUi , comc dice lo stcsso Vcspasiano nella vita sua. 



94 

Procmlo di Vespasiaiio sopra il comciitario cle' 

jrcsti e dctti dcll' invittissimo Fcderico diica 

d' Url)ino , alT eccellentissimo signore 

dnca Gnido suo figliuolo. 

jJIo rltratto , illustrisslmo Principe , in questo brieve 
comcntario alcune cose degne di memoria dollo eccel- 
lentissimo duca Federlco , genitor vostro , commosso 
da tanta sua inaudita virtii , e massime sendo suto 
nella sua eta quello solo , ch' ha congiunto la disci- 
plina militai-c con le lettere , e ch' ha sempre usato 
iion meno il senno e la prudenza che la forza , Fa- 
bio Massimo seoruitando ch' uso P una e V altra con 
Annibale , che con tardita e consigllo rafTrenando , fu 
cagione di salvare la romana republica. Imperocche 
cosi ha fatto V eccellentissimo vostro Padre , come si 
vede in tutte lc sua imprese , e nell' acqulsto di piii 
lerre , ed in molti egregi fatti d' arme; ne' quali si puo 
meritamente attribuire questa somma laude alla illu- 
strlssima sua Slgnorla di non csser mai suto rotto ; 
che sono suti pochi capltani , a cui si possi concede- 
re. E nondimeno ebbe a fare con le principali poten- 
ze d' Italia , e con prestantissimi capitani , come si ve- 
dra nella presente istoria dclla sua vita. Ma oltre alla 
disciplina militare , ancora s' aggiunse in lui d' esser 
ottimo e prudentissimo governatore di stati ; perche 
non solo resse sapientemente lo stato suo , ma col sen- 
no e consiglio suo delle prlme potenze d' Italia si go- 
vernorono. Queste cose e moUe altre nel presente co- 
mentario rldotte , parte ho vedute , parte da uomlni 
degnissimi di fedc ho inteso ; le quali ho mandate alla 
Signoria vostra illustrissima , sendo suo degno erede , 
ed imitandolo in tutte le sua singulari virtii , per di- 



95 

mo^irar\l la mia fcdel servitii. Ed liollc iii lingua lo- 
scana scritte , pcrclie la fama di tanto Principe sia ap- 
presso dl qiiclli clic mancano della latinila , come ap- 
presso di quelli clie T lianno. Plgllatc adunque , illii- 
strlssimo Signore , con lieto animo questo brleve co- 
mentario da Vespaslano voslro fedelisslmo servltore ; 
clie se magglor cosa avcsse potuto donare , mollo vo- 
leiitleri V arebLc mandata alla illustrissima Signoria 
vostra , alla quale grandisslmamente si raccomanda. 

4. FEDERICO DUCA D'URBINO. 

I. XJl mcsser Federico della casa da Monlcfel- 
li'0 , duca d' Urblno , bcnclie la vlta sia iscrllta per vla 
<!' istorla , nlcnte di meno avendo fatto questo comen- 
tario di plii uomlni degni , i quali lia avuti questa eta , 
non lascero ch' io non ne dica alcuna cosa deg ua dl 
memoria. Fgll comincio molto glovane a mllltare , Imi- 
tando Sciplone Afrlcano , sotto la disclpllna di Nicolo 
Piccinino degnlssimo capltano nella sua ela. Furono 
in messer Fcderico molte Liudabili vlrtii , e per uno 
uomo degno in tutte le specie delle virtii , i' eta sua 
non ha avuto il simile. Venendo alla disclpllna mlll- 
tare cbc e la prima sua professione , egli e stato istre- 
nuo capiiano quauio iguuno n' abbla avuto 1' eta sua , 
ed in queslo ba adoperata la forza conglunta con una 
grandlssima prudcuza , e non meno ba vlnto col scn- 
110 che <ion la forza. Ila usato in tutte le sua cose la 
prudenza , e con quesla inOnlte espugnazioni lia faite 
e nel reame e per tutta Italla , e mai non fu rollo. 
Potrebbonsi dlre moliissime viltorie avute , cd espu- 
guate piii tcrre , e del tutto ba avuto ouorc , comc si 



9G FEDERICO 

vedra pcr clii leggera la sua istorla o vita, Non dico 
iiulla del fatto d' arme clie si fecs a S. Fabiano , che 
sendo il Duca ammalato di febre , ed avendo preso il 
fatto dell' arme , e durato piii ore , scndo in dub])io 
che non fussino rotti quegli del Re , il Duca inten- 
dendo questo pericoio , e conosciuto le genti bracce- 
sche superiori , cosi ammalato colla febre monto a ca- 
vallo , ed entro nel mezzo del campo , e coraincio a 
mettere T animo loro che 1' avevano perduto ; e poteva- 
si dire la vittorla cssere conlro loro , e coUa solita sua 
prudenza fu cagione che il fatto delT arme restasse piii 
tosto con vantaggio che I' opposito. Ghe se non fussc 
la sua venuta , uon ostante gl' istrenui capitani che 
v' erano , egl* erano rottl sanza rimedio ignuno , e lui 
coUa sua presenza fu cagione , come e detto di salvar- 
gli. Non dico nulla dello assedio di Fano terra for- 
tissima e munitissima, nella quale era il magnifico Pvo- 
berto dl Rimino figliuolo del signor Gismondo alla 
guardia , ed era fornita d' artigllerie e d' ogni cosa 
per la sua difesa , e de' prlml uomlni del signor Gis- 
mondo ; e colla sua prudenza per la forza d' arme V 
acquisto ; ed ii simile tutte le terre del signor Gismon- 
do , dove era lui alla difesa , capitano tanto rlputato e 
di tanta istima ; niente di meno il Duca d' Urblno gli 
tolse grande parte dello stato suo concedutogli da pa- 
pa Pio e dal re Alfonso , di chi egl' era nimlco. 

2. Non lasciero qui ch' io non dica infra 1' altrc 
sua sin^ulari virtii dell' osservanza della fede , della 
quale raai non ha mancato , ma sempre ne fu osser- 
vantissimo. Sonne testimonlo tutti quegll a chi egli 
promise raai la sua fede , di non V avere mai voluta 
violare. Sarebbene tesllmonio il re Alfonso ed il re 
Ferdinando , a" servigi de' quali istette anni trentadua 



DUC\ d' URBINO. 97 

o piii ; e iion solo avcrla conscrvata a qucgli a chi egli 
rra obligato per scrittura , ma a qucgli a' quali era 
obligato a semplice fedc. Dovcndo passare Rartolomco 
da Bcrgamo a' danni de' Fiorcntini , il Duca d' Urbi- 
no aveva finila la ferma col rc Fcrdinando , cd cra in 
sua liberta di potersi acconciare con cbi gli pareva , 
ed in questo non maculava nulla della fedc sua. I Vi- 
niziani , clie andavano drieto a tuttc qucllc cosc , pcr 
le quali rglino potcssino ottcnere il loro desidcrio , 
pcr r ordinc dato dclla passata di Bartolomco da Ber- 
gamo , andavano pensando a lutte quelle cosc pcr le 
quali cglino potcssino ottcnere qucllo cbe lungo t(,>m- 
po avevano desiderato , e questo cra d' avere lo 'nipc- 
rio d' Italia ; e conoscendo cbe ogni cosa istava ncl 
Duca d' Urbino d* averlo una delle parti a non lo avc- 
re , e qucgli cbe 1' avevano dalla parte loro , avcvano 
il partito vinto ; pcr qucsto mandorono i Viniziani nno 
loro ambasciadore al Duca cb' cra iii campo tra Tmola 
c Facnza, ed eranvi i commissarii dclla maeslk del Re, 
dello stato di INIilano , c de' Fiorenlini. Giunto I' ani- 
basciadorc de' Viniziani disse voler^ parlare al Duca 
d' Urbino , cbe sapevauo cb' egl' aveva finita la fcrma 
sua , c cbe gl' era Iccito praticare con cbi gli piacesse. 
Giunto al Duca , ed isposta la sua ambasciata , e ri- 
cbiestolo pcr paiH^ della Signoria di Vinegia , il Duca 
gli disse cbe tutto quello cbe gli voleva dire , voleva 
cbe fussc in presenza dc' connnissarii della lega ; cbe 
henc cbe la fenna sua fusse flnita , come egli diceva , 
clve per fede clla non era finit^ , ed cra oblignto alla 
macsta del Rc. L' ambasciadore veduto non potere ot- 
tenere cosa cbe volcsse , si paiti cd andossene a Cer- 
\ia , e quivi iscrisse una lettera al Duca d' Urbino e 
mandolla per uno a posta oiTerendo ducati cento mila 

7 



98 lEDERlCO 

a lcinpo di giicrra , c sessanla mila a tcmpo di pacc. 
Veniita la leltcra al Diica , non la volle leggere , ma 
maiidolla a' commissarii dclla Icga , e fatto qucsto , li- 
c(;nzl6 il cavallaro sanza rispondcrgli nulla , avcndo 
dclto a commlssarli cd allo ambasciadoie quale era la 
sua volunla , cli' era d' csscre al soldo della maesta dcl 
I\e , com' era istato infino a quello di ; e per questo 
dimoslro quanta lusse la sua inviolabile fede d' osser- 
vaie non solo quello chc era obligato , ma piii che 
non cra. 

3. Nella passata di Bartolomeo da Bergamo con po- 
lentissimo escrcito a' dauni de' Fiorentini , il Duca d' 
Urbino nelle quali maui erano tutte Ic potenze dcUa 
lega , fece coine fe' Fabio Massimo contro Annibale , 
andandogli sempre apprcsso , sanza lasciargli pigliare 
luogo ignuno dove cgli si potesse fermare , e sempre 
gl' cra apprcsso dua o tre miglia con gli escrciti ; e 
come cgli lasciava uno alloggiamento , il Duca v' eu- 
trava drento. Qucsta providenza uso , avendo i Vini- 
ziani tutto il fiore delle genti d' Italia , e voltatasi 
Faenza ch' era a soldo della lega , cd andava a soldi 
de' Viniziani , ed avendo pcrdute la lega le genti ch' 
aveva il Signor di Faenza , e la comodita del luogo 
ch' era di grandissima importanza ; e fu la sua pru- 
denza di provedere non solo alle cose presenti , ma a 
quclle ch^ potevano avvenire. Ncl tempo ch' era il si- 
gnor Astorre (i) a soldo della lega , cerco con ogni 
istanza , che il Duca d' Urbino e tutti quegli capitani 
andassino alloggiare in Faenza , e massime sendo del 
mese di Marzo , dove si stava fuori delle terre con 
grandlssimo disaglo : tutti per la incomodita dc' tcnq^i 

(i) Aslorre r>Ianfiedi , clie icggeva Faenza. 



DUCA l/ URBINO. 99 

s" accordavano J' audarvi , sc iioii lubse istato il Duca 

d' UrI)ino clic uiai nou volle acconseutirc. Clic se v' 

accoscntiva , i Viui/Jani avevano il parlito vinlo , pcr- 

clie era ordinato clie il siguor Astorrc uon si scoj^rissc 

essersi acconcio co' Viniziaui , sc in prima questi ca- 

pitaui non erano in Facnza , e tutti gli pigliavano , cd 

avevano la vittoria parata. E inlto questo pcricolo si 

fnggi colla pi'udcnza del Duca d' Urbino di non vn- 

]ere accouscutire all' audai'vi. Ed iscopcrto clie fu que- 

sto tratlato , fu giudicato da lulti il Duca d' Url)iuo 

essere stato (jucllo che avcva salvato quello esercito , 

e cavato e lo stato dc' Fiorcutiui c qucUo di tutta l\o- 

magua di niano a' Viniziani. Uuo altro pcricolo , bcu- 

clie fussino iufiniti , si foggi mcdiante la prudenza dcl 

Duca d' Urbino , ed a lui solo si potcva aitribuire que- 

sta gloria d' avere liberata Italia di mano a' Viuizia- 

ni , clie mal cbbono magglore opportunlta di qucsta. 

Avevano condotto il Signor d' Imola , cli' cra per ac- 

cordarsi co' Viuiziani , se 11 Duca nou vl rimediava lui 

co' mezzi cli' ebbe di maudarvi de' sua (idatlssimi , sa- 

pendo il Signore essersi accordato ; ed ebbc taiita ina- 

nicra , clie rivoco ogui cosa ; c per asslcurarseuc , vi 

niise clnqueccuto provlgionati dal Rc a dlcci ducati il 

niese per uuo , per rispetto d' nno terribilc morbo chc 

v' cra. E se Imola s' accordava , e Faenza era accor- 

data , Bologna comc si vlde dlpoi rcstava in grandis- 

simo pericolo , ed era necessario ch' ella s' accorJassc ; 

ed accordandosi , dove il campo cra stato sempre iu 

sn i terreni de' nimici , bisoguava clic iic vculsse iu 

Mugello. 

4» Avcudo il Duca fuggito piii perlcoli , e di tulti 
li' cra scguita graudissima riputaziouc cd ouore ; seu- 
do il campo dcUa lcga presso a qucllo di Barlolomeo 



100 FEDERICO 

a miglia qiiattro iii uiio luogo , clic si cliiaaia lc Mo- 
liiiclla , tra Fcriara c Bologiia , iiitciidcndo il Diica d' 
UrLiiio dalle spie come Bartulomco voleva vciiire as- 
saltare il campo , seiido il liiogo , dov' eraiio le geuti 
dclla lcga , luogo dove facevaiio piii i fauli chc i ca- 
valli , cd avendo Bartolomeo ciiique mila fanti , e la 
lcga mille cinquocento , e piii isquadre assai clie non 
crano quclle dclia lega , conoLhe che aspettandogli Ic 
genti della lega erano a grande pericolo per lo disa- 
vantaggio che v' eia. Diceva il Duca a quegli capitani 
chc lo stato d" 1:^1 ia era nclle loro mani ; che s' egl' 
erano rotti , lo 'mpcrio restava a ^ iniziani sanza ri- 
medio ignuno. Ando suhito il Duca a' rimedii , pev 
tentare lutte le vie chc fussino possihili per la salnte 
della lega ; e pcr qucsto mando Piero de' Fclici suo 
cancellicre a Bologua a richiedere i Sedici di cinque- 
ccnto provigionati» Veduto i Bolognesi , i \ iniziani es- 
scre superiori alla gcnte dclla lega , duhitando dello 
stato loro , gli negorno , e mandorno a dire al Duca 
le cagioni che gli niuovevano , vcdulo il luogo dove 
si trovavano le genli dclla lega con si grande disavan- 
taggio a quelle di Bartolomeo ; che se non si prove- 
deva altrimente , ch' egP erano costretli ad accordarsi 
co' Viniziani. InLesa il Duca questa risposla , gli par- 
ve istrana , e del continovo andava pensando a' rime- 
dli chc vi fussino. 

5. ^Vvendo tenlata qucsta via de' Bolognesi , e non 
gli riuscendo , raguno i commissarii e tutti i capitani 
deii' esercilo della lcga , volendo parere e consiglio 
circa qucllo che volevano fare i nimici , e quello chc 
fuss€ da fare , o d' aspettargli o d' andargli assaltare 
ne'campi loro ; che ncll' una cosa e nella altra si cono- 
scova mauifesto pericolo; e ch'egrera da peusare quei- 



/Av^ ^ — — *^- ^ - ^ 




nUCA d' URBINO. 101 

la via clie fiissc piii siciira pcr saliitc dcllo stato dcl- 
la lega ; cIk* (jncsto partito bisogiiava pcnsarlo hciic , 
pcrcliu ei^li nc segiiitcr(d)])c , roinc iiiiianzi s' cra det- 
to , vincciido , lcvarc i Vini/jani da qncsta vana ispe- 
ran/a di torre lo stato a' Fiorenlini , c occupare il piii 
dogli stati d' Italia ; c \iiiccndo gli avvcrsarii , tulta 
Italia c non solo la ]c<ra restava a loro discrczione. 
Erano fra qncsle genti d' armc varii parcri , clii d' 
aspcttargli , clii d' ondargli assaltare. Era scntenza del 
Duca d' Ur])ino che il rinnjdio c]i' cra in questo caso , 
si era d' andarg]i a ritrovarc , c non g]i aspetlarc ; clie 
aspettandogli si conosccva il pericolo manifesto , si per 
essere il luoiro di natura , comc innanzi c detto , clie 
fanti vi possino assai piii clie cavalli , c di fanti cglino 
avevano tre mila piu di qucgli dcl]a lega ; ed il si- 
milc avevano piii cavalli. Clie indubitatamentc il ri- 
medio clie v' e , si c d' andarg]i presto a trovare c noii 
gli aspcttarc. Fuvvi di qucgli clie aUegorono c]ic a* 
fanti cra rimedio di mandare a Bologna a' Scdici a rl- 
cliicdcrg]i ne g]i servissino ; iion sapcndo , il Duca ave- 
re gia tentata questa via. II Duca rispnose , avere fatta 
la pruova , e mandatovi Piero de' Felici , cli' era quivi 
prcsente , a ricliiedergli di cliiquccento provigionati. 
Poi si vo]se a lui , e si gli disse chc dlccsse a quegli 
capitani la risposta clie aveva avuta. l\ispuo5e come 
gli negorno , c dissono non gli volere dare , che n' 
avevano bisogno pcr loro ; e clie veduto gli avversarii 
dove si trovavano , ed il disavantaggio ch' era dall' uno 
all' altro , dubitavano non esscre costretti accordarsi 
co' Viniziani , se non si provedeva per altra via. 

6. Disse allora il Duca : aduiKpie considerate bene 
dovc e lo stato della lega , che oggi nellc mani vostre 
si conducc. Voi tntti avete parlato saviamente e con 



102 FEDERICO 

iiialuro consiglio; nionlcdimcjio seudo qucsta una cosa 
di tanta iniportaiizn qnaiita gl' c , oganno debbe dire 
r aninio sno largnmeiitc. Voi siele Inlti di parere clie 
il campo di Barlolomco da Berganio si deLbe aspeita- 
rc , cd 1*0 per le ragioni gia dette dico cbe se noi vo- 
oliamo salvare lo stato della lc^ra , cbe comc e detto 
e nelle mani vostre , a noi conviene andargli a trova- 
re , e non gli aspettare ; percbe sendo le genti degli 
avversarii nelle condizioni gia dette , c con tanto van- 
tnonrio , r unico rimedio si e d' andarpli assaitare neili 
alloggiamenli. E l^ene clie vi paia , e sia , cbe noi an- 
diamo a disavanlaggio e none sanza pericoio , de' dua 
maii e da pigiiare il minore , ciie e d' andare a ritro- 
varc loro. E qncslo pare a me , quando voi ve n' ac- 
corderele , sia ii modo coi quale noi abbiamo a con- 
servare questo csercito , cbe e la conservazione dello 
slato deiia lega , deiia quaie noi siamo soidati. E per- 
tanto , frategii mia , disponetevi a fare queiio cbe sem- 
pre e stata ia speranza delia lega , e n' e fama per tut- 
ia?Iiaiia deiie vostre virtii , e della generosita deil' ani- 
mo vostro , avendo condotto tutle ie cose ciie si sono 
avute a fare con tanto onore e con lanta riputazlonc , 
quanta abbiamo avuta infino al presente di. Non ne 
dui:)itai mai , ne dubitcro delle islrenue virtii vostre , 
delie quaii avcte piu voite fatto prova ; e non istimia- 
mo ciie vi sia raancato ne la forza ne i' animo ; ed io 
sono contento insieme con voi , bisognando , metterci 
ia propria saiute. E spero nello omiipolente Iddio , cbe 
noi aremo vittoria , combattendo per ia giustizia e per 
la ragione cojitro a quegii cbe fanno i' opposlto. Per- 
cVie non e ignuno delle potenze coiiegate, cbe non istia 
contento aiio stato cb' egi' banno, e queilo cercaiio con 
ognl industria conservare; gii avvcrsarii soii sono quei- 



DUCA d' urbino. 103 

li cli(* non istaiuio coiilcnli al loro impcrio cli' rgr \\r\n- 
110 , ma voglioiif) occupaie qiicllo clic iioii 6 loro , coii- 
Iro a ogiii giustizia. Si che tutte quesle cosc ci dcl)- 
1)0110 dare auimo ed ardire a andaie assaltai*gli c com- 
l)altore virilmeiite , e sperarc iu Dio clie per le ragio- 
ni dcttc ci darii vittoria. 

7. Veduta questi capiiaui la voluiitii dol Duca e lc 
ragioiii poteutissime c neccssarie cli' egl' allcgava , allc 
quali 11011 si poteva rispondcre , gli rispuosono essere 
contenti per le ragioni allcgate da lui , e clie cono- 
scevano clic non potevano errare per nulla s' eglino 
seguitavano il suo consiglio , e clie da ora egP erano 
appareccliiati a mettcre la proprla vita insieme con lui 
per salute di quello escrclto , cli' cra quella della lega. 
II Duca intcsa quesla loro dcliberazione , gli lodo c 
commendo assai , dlcendo che per la fede clic aveva 
311 loro , non aspettava altra risposia clie scgl' avessi- 
110 fatla , dclla quale gli ringraziava assai. Avuta que- 
sla risposta , il Duca comincio a ordinare le squadre 
per andare alla via de' nimici clie v' eraiio presso a 
nilglia quatttro. Ordinate le squadrc e mosse tutte a 
ordinc, 010 eleganlissimamente , come era la sua usan- 
za , mostrando a quanto pericolo si mcttevano , non vi 
seiido r uLbidienza e 1' ordine clie bisogiiava : a squa- 
dra a squadra parlava , ricordando clie quello di eglino 
acquistercbbono vinceiido la maggior gloria clie aves- 
se mai gcntc d' arme gia e lungo tcmpo , pigliando 
questo fatto d' arine a tanto disavantaggio quanto si 
pigliava , non ci sendo altra via chc quella. E cosi ri- 
cordava loro che iion si portando come era la fede che 
aveva in loro , ch' eglino scguilassino V ordlne dato da 
lui , in prima cglino lasciavano in manifesto pcricolo 
le potcnze collcgate , come piu voltc avcva ricordalo 



1 OA FEDERICO 

loro , eJ oltie a qucslo cra la loro perpetiia rnfamia e 
veroo^na cbe mai .plii la potreLLono racquistare. 

8. Falto questo , comincio avviare le squadre alla 

via clc' nimici che per nnlla non gl' aspettavano , pa- 

rendo loro che venissino a grande disavantaggio. Giun- 

li appresso il campo dc"' nimici circa a ore dicianove , 

subito si mossono in nrme , e comincio il Duca av~ 

viare le squadre a cominciarc il falto dell' arme ; e 

combattessi per V una parte e per V altra strenuamen- 

te , pcrcbe v' erano lutti i singulari uomini d' Italia ; 

e quando n" aveva il meglio una parte , e quando T al- 

lia , come si fa ne' fatti deir arme. II Duca aveva or- 

dinnto 1' ordine delle squadre maravigliosamenle , im- 

ponendo sotto la pena della vita cbe ignuno fusse lan- 

to ardito cbe lo rompesso. Fuvvcne assai feriti e morti 

deir una parte e dell' altra , ma piii assai degl' avver- 

sarii cbe di loro. II Duca di Ferrara si porto quello 

di strenuamente , e se non fusse cb' egl' ebbc d' uno 

scbioppetto nel tallone , cbe gli bisogno uscire di cam- 

po , arcbbe ancora piii la sua virtii dimostrata. Furo- 

no portati a Ferrara infiniti feriti in quella battaglia ,. 

in modo cbe n' era piena quella citta. Gombattendo a 

C]uesto modo da ore dicianove infino a ore una di not- 

te , cbe furono ore sei , non v' era ignuno ne dall' una 

parle ne dall' alti-a cbe non fusse vinto e quasi morto 

per lo affanno cbe avevano patito. Bartolomeo da Ber- 

gamo qnello di aveva fatto il simile degnissima pruo- 

va deir ordine del campo suo , sendo giunto isprove- 

dnto , e della venuta loro'non sappiendo , venendo con 

lanio grande impeto , quanto era istato quello di com- 

baliere ore sei , si fece innanzi e disse : islrenui ca- 

pitani , 1' ora h tarda , ed essi combattuto virilmente e 

per ]' uiia parte e per 1' altra ; a me parrebbe tempo 



DUCA d' LRBINO. 105 

<li icrmiiiarc il falto doir arme, II Dnca d' Urbino con- 
fermo quello medeslmo , clie gli pareva di termlnarlo. 
Uso dire di poi il Diiea eli' egllno dlmandorono di 
orazla di terminarc il fatto delT arme. Non potevano 
plii , os non fussc per vergogna , V arebbono do" 
mandato loro , e fu loro singulare grazia cli' oglino do- 
mandassino. II simile per V affanuo del caldo , e per 
aversi a levare da' loro allogglamenti e venirc a que- 
gli de' nimici come avevano fatto. Terminato il fatto 
deir aime , fu gludicato che la gente della lega n' aves- 
sino avuto il mcglio clie qucgli di Bartolomeo ; e che 
questo fusse stato uno savissimo partito il quale aveva 
preso il Duca d' Urbino , e che allro rimedio non v' 
era a salvare quello esercito. 

C). Terminato il fatto dell' arme , come e detto , si 
ritornorono a' loro alloggiamenti sanza alcuno impe- 
dlmento , perche la piii perlcolosa cosa che sia ne' fatti 
dell' arme , si e di levarsi delli alloggiamenti , e di poi 
ritornarvi sanza alcuno impedlmento. E tutlo fu fatto 
col senno , giudizio , e parere del Duca d' Urbino. E 
fu questo fatto d' arme di tanta autorita , che vcduta 
i Viniziani la prudenza del Duca , non vollono fare 
piii i fatti d' arme. E sempre con assai meno genle 
campeggio nelle terre de' nemici , e tenne le genti 
deir arme fuori de' terreni della lega , ma si gover- 
no in modo che sempre vi stette I' uno esercito e 1' al- 
tro. E dopo il fatto dell' arme i Viniziani perdettono 
r animo , veduto 1' esercito loro ed a pie ed a cavallo 
essere maggiore numero , e niente di meno il Duca d' 
Urbino , con si grande disavantaggio , avere avuta la 
vittoria , sendo istato superiore a loro. Seguitonne di 
questo fatto d' arme ed alla lega grandissima riputa- 
zione; e nou meuo al Duca d' Urbino. E per questo 



10G FEDERICO 

s\ conosce ([uanto iino istrenuo capitano vaglia nel pi- 
gli<ii' tle' partiti , clie in lui sta e la salute e la vitto- 
ria manifcsia. Benclie questa istoria , come e detto , 
sara iscritta in latino , m' e paruto farne menzione , 
avendola udita da chi fu presente a ogni cosa. Gredo 
clie sara iscritta con piii ornamento di questa , ma del- 
la propria verita non ho mancato nulla. 

lo. Non lasciero che sotto hrevita io non dica della 
difesa di Rimiuo , che sendo morto il Signor Gismon- 
do , la Chiesa pretendeva avere ragione in su quello 
stato. Seudo il magnifico Roherto (») ^ Koma , come 
nomo prudente , suhito isconosciuto si parti da Roma , 
ed a?idonne a Rimino , e giunto se n' ando al castel- 
lo , ed entrovvi drento , ed insignorissi di quello ca- 
stello , di poi della lerra. Ora parendo a papa Pagolo 
essere ingannato , delihero torgli quella terra , e soldo 
molta gpiite d' arme per mandaila a Rimino a toj*gli 
quello siato» II magnifico Roherto »n questo tempo era 
raccomandato al R{,'. Delibero la sua Maesta con os^ni 

o 

sua forza che poteva , difendergli quello stato , e ri- 
chiese i collegati che gli prestassino favore alla sua di- 
fesa ,* e consentirono e promessouo di farlo ; e per que- 
sto couiando al Duca d' Urhino che andasse a R.imino 
colla gente sua , e che gii manderehhe il Duca di Ga- 
lahria con piii geiite che potesse , che hisognava che 
venissino forli , avendo a passare per le lerre della 
Gliiesa , non avendo il passo. Richiese il simile lo sta- 
to di INJilano ed i Fiorentini , che mandassino le genti 
che avevano promesso. Fuvvi di quegli che promesso- 
no di mandarle e non le mandorono ; in modo che 
scndo vcuuto i! Duca di Calahria colle genti del Re , 

i^i) Roberto Maliiit^sia , {igliuolo di GismonJo. 



DUCA d' uhbino. 1 07 

dcl continovo colle lance \n snlla coscln , I)Isognando 
loro passare pcr forza per le terre della Cliiesa , cli' 
erano lerre nenilche ,* glnnlo a Rimlno, c non sendo 
venule le genti clie gl' erano istale promesse , l/isogno 
clie il Duca lasciassc piii gente d' arme clie non era 
istato r ordine , per potere di poi tornare indrielo. Fu 
presso che cagione ([uesta inosservanza di non man- 
dare le genti promesse , di niettere il Duca di Cala- 
hrla in manifesto pericolo , e fare perdere Rimino al 
magnifico Koberto , se non fusse islala la prudenza del 
Duca d' Urhino. Venuto il Duca di Calabrla colle gen- 
ti , lascio buona parle dl quelle che erano venule con 
lui fuori deir ordine dato , e passo per le terre della 
Chiesa , e non ostante il pericolo che porto , si condus- 
se a salvamento, Della quale infidelta de' collcgati del 
Ee se ne dolse la sua Maesta in infinito , mostrando il 
pericolo a che gl' avevano raesso 11 figlluolo , credendo 
che gl* osservassino quello che gl' avevano proraesso. 

1 1. Trovandosi il Duca d' Urbino con queste genti 
d' arme , sendovi quelle deila chiesa , ch' erano piii 
squadre quattordlci della sua , non si sbigolti punto ve- 
dendo 1' ordine loro , ma volsesi a don Alfonso (i) ed 
a lutti quelli capitani , avendo deliherato pigllare con 
loro il fatto dell' arme , perche altro rlmedio non v' 
era a volere salvare Rimino che non si perdesse ; e 
volscsi a tutti loro e disse 11 di innanzi che si pigllas- 
se il fatto dell' arme : dimani vi faro io il magglor 
onore che voi aveste mai no ; e non ostante che le ^gix' 
ti della Chiesa siano piii di quattordici squadre , che 
non sono le nostre , noi le romperemo. 11 seguente di 
si mise a ordine per averc a fare fatti dell' arme con 

(i) Nome del Duca Ji Calabria. 



108 FEDERICO 

loro , cd ordino le squadre liitte corre egll voleva ,* di 
poi ece uno squadronc (V\ cinqnecento nomini dell' av- 
me , tutla gente eletra. E falto questo , cominclo a man- 
dare una squadra e appiccare il fatto dell' arme ; di poi 
nn' altra squadra , e comando a tutti sotto pena del- 
la vita clie ignnno stessc all' ordine suo , e non fusse 
ignuno che si movesse. Quando gli parve il tempo fece 
muovere qnello squadrone grosso , tutto di militi ri- 
putati , ed appiccato il fatto deir arme , gli avversarir 
cominciorono, non vi vedendo rimedio ignuno , a met- 
tersi in fnga cbi qua e chi la , ed in brieve si sba- 
raglio tutto il campo de' nimici , di natura ebe ne pre- 
sono tanti quant' egli ne volsono , e non vi rimase so- 
lo una squadra clie non fusse rotta. Tutto questo fece 
il Duca con la sua solita prudenza ,* c pote \n questo 
fatto d' arme assai piu il senno cbe la forza. Se si nar- 
rassero tutti i fatti d' arme fatti dal Duca d'frbino, 
non sarebbe inferiore a ignuno degl' anticbi. Per que- 
sto fatto d' arme si salvo Rimino al niaofniiico Rober- 
to , cbe sanza questo mezzo non si poteva fare. 

I 2. jVon lasciero cbe io non dica dell' acquisto fal- 
to per la sua Signoria di Volterra , il quale acqnisto 
solo si fe' colla sua prudenza , percbe rispetto al sito 
del luogo , per forza d* arme non si sarebbe poluto 
fare , comc s' ^ veduto cbe ne dagP anticbi. ne da' mo- 
derni s' era mai potuto fare. Sendo il Duca d' Urbi- 
no al soldo del Re e de' Fiorentini , per certe diffe- 
renze cbe avevano avute i V^olterrani co' Fiorentini , 
s' erano ribellati (i)e governavano la citta per loro 
medesimi. Inteso il Re quello cbe avevano fatto i Vol-' 
terrani , subito iscrisse al Duca d' Urbino clie a ogni 

(i) Vedasl il Poliziano nel tomo secondo dcl noslro Splcile-^ 
gio p. 32. 



nucA n' unniNo. 109 

richicsta dc' Fioreiuini ogli cavalcasse con Ic g(.'iili d' 
arme sua c lc loro , e noii baslando qucUe gcnti clic 
aveva in Romogna , di dodici squadrc ch' erano sua 
propvie , chc se ne servisse, che avcva coniandato loro 
che i' uhbidisslno quanto la sua pcrsona propria. Avu- 
la il Duca qucsta lcttcra, suhito scrisse a Fircnzc quan- 
to avcva in conimissiono dalla maesta dcl Re. Dipoi 
in quclla lcttcra ricordava loro che allc imprese si vo- 
le\n andarc adagio e farle col tcmpo ; ch' egl' cra fii- 
cilc a farlc , c dilRcile a uscirnc ; cd una che non riu- 
scisse , non volcva dirc altro chc perdere lo stato. 
Istando a qucsto modo , gli rispuosoiio che quando fus- 
se il tcmpo , lo richicdcrebhono. Istando alcuni di , 
detcrmluarono fare 1' impresa contro a' Volterranl , e 
suhico n' avvisorno il Duca , e lu uulorno Bongianni 
Gianfigliazzi con danari pcr levarlo che venisse a Vol- 
tei'ra subito. Intesa-da messer Bonsianni la volunta di 
quclla Signoria , veduto il pcricolo grande ch' era ncl- 
lo indugiare , con piii cavalli chc pote monto a ca- 
vallo, (} iunauzi chc niontassc fcce iscrivere a Plero 
dc' Fclici ch' era pcr lui a Flrenze , clte d«rante la 
guerra dl Voltcrra non domaudasse danari a' Fiorcu- 
llui , pcrch(j voleva ch' cgliuo inteudcssino ch'egH ser- 
\iva pcr amorc c non pcr prczzo ignuuo. Cer(X)rouo i 
Volterrani luttl i slguori e tuttc lc potenze J' Italia per 
avereaiuto, e uou veiilre piii ntlle mani de' Fiorcu- 
tini , ma non trovorouo la matcria disposta , perche il 
Papa aveva mandate alcuue squadrc di cavalli in fa- 
vore de' Fiorcntini. Altrc potenze non erauo in Italia 
chc se nc fussino impacciate in qucllo tcmpo , trovan- 
dosi Itnlla nclle condlzioui che si trovava. 

i3. Giuulo il Duca d' Urbiuo aVolteira, subito 
si pose in uno luogo il piii dcbolc delia terra ; e beuc 



110 FEDERICO 

chc si cliiamasso il plii dcbole , eia pnre furtc iu mo- 
Jo , clic ne (11 quel luogo, iie d' altri si potcva oireii- 
dere. Ordino la genio siia e quelle dclla Chicsa iii 
luoghi che avevano qualche apparenza di potcrgli of- 
fcndere , bcnchc in effetto non si potesse. Fermatosi 
col campo , fece tutte le diaiostrazioni che pote d' of- 
fendei']a , e nientedimcno atteudeva colla sua solita 
prudenza a vedere di venire alla via dell' accordo , 
che altro rimcdio uon v' era. Mandava ispesso fanti 
drento a parlare a quelli che governavano , ed il si- 
niile per vedere se poteva avere ignuno di quelli fauti 
per \ia d' accordo , mostrando loro che i Volterrani 
sendo soli a questa dlfesa, non erano bastanti a po- 
tere resistere alle forze de' Fiorentini. JNieutedimeno 
mentre che praticava questa via dell' accordo , 1' asse- 
dio istava del continovo aila tcrra , ed offendevala nel 
modo che potcva , di e noltc non rcstava mai. Istando 
a questo modo , colla sua solita prudenza comincio a 
venire a qualche pratica con de' fanti che v' erano , e 
fecene fuggire ed inlendere com' cglino stavano. Vedu- 
to i Volterrani non pofere avere favore di luogo ignu- 
no , cominciorono a dare udienza per venire alla via 
deir accordo. Si istette piii di in questa pratica. A Fi- 
renze si dubitava assai che non pigliassino qualche 
altra via , e sollecitavano il Duca che per Dio vedesse 
di liberargli da tanto manifesto pericolo in quanto pa- 
reva loro essere entrati. Sempre gli conforto che non 
dubitassino punto , che presto ne gli caverebbe. Gl' 
nomini dell' arme si dolevano delia sua Signoria , di- 
cendo ch' era venuta una grande vcntura da potere 
istarci piii d' uno auno , e la S. V. cerca di fare 1' 
accordo prr Icvarci questo avviamento dalle mani , e 
mandarci allo spcdale ,* la S. V. dovrebbe prestare fa- 



nucA d' urdi^o. 1 1 1 

vore a' vosiri soldati , c voi lalc T opposito. Al Duca 
pareva ogni Ji mille che queslo accordo si facesse , 
perclie di sua natura era vollo alla ria della pace. 

i4' 1 Voltcrrani vedutosi il canipo attorno , ed es- 
sere assediati , bcnclie non si potessc ottcnere che non 
v' entrasse e non uscisse gente , nicntedimeuo era con 
pericolo , andandone la vila a chi entra in terra as- 
sediata. Vedutlsi in questo manifesto pericolo comin- 
ciorono a venire alla via della pace ed alle condizio- 
ni , e mandorono in campo per salvocondotto ,* e ve- 
nuti in campo , il Duca che conosccva il pericolo , su- 
bito vonne alla pratica dell' accordo , ed istettc alcuni 
di in questa pratica. In fine conchiusono , salvo T ave- 
re e le persone , e dettono la terra libera nelle mani 
de' Fiorentini ; e furono levafe loro tutle le condizio- 
ni cbe avevano in prlma d' eleggere il podesta da lo- 
ro , e di fare i Signori ; e per questi capiloli resto- 
rono sotioposti. Rimasti d' accordo il Duca co' com- 
missarii fiorentini , ch' erano messer Bongianni Gian- 
figliazzi e lacopo Guicciardini , cntrorono nella terra , 
e nello entrare comandorono solto pena delle forclie 
chc ignnno fusse tanto ardito che toccasse nuUa. En- 
trati drento i provigionati del Duca di IVIilano , co- 
minciorono a mettere a saccomanno la lerra. II Dtica 
subito corse con 1' arme in mano , e lui ed i commis- 
sarii con lui , perche quolla terra non andasse a sac- 
comanno ; non fu posslbile ovviare a tanto male. Dopo 
i provigionali cominciorono Ic gcnti d' arme , di na- 
tura che fu tanto grande questo disordine , che non 
si pote riparare. Fenne il Duca d' Urbino tutto quel- 
Jo chc potc , e non fu possibile a cavarlo loro delle 
mani ; ed uno de' grandi dispiaccri che avesse mai 
avuto il Duca d' Urbino , fu questo , in tanto che per 



i I 2 JFEDERICO " 

il displaccre e dolore iioii poteva coutenere le lagri- 
nie ; e ogiii cosa a\eva avuto buouo fiiie , s' egli uou 
seguitava qnesto disordine , cbe come fu noto ed a' 
commlssarii ed a tutti qiiegli che v' erano presenti , 
e^Ii ne fece o^ni cosa, 

10. Avuta ^"olterra nel detto modo , a tutti questi 
cittadiui parve ch' egl' avesse fatto quello che nou era 
possiblle , conosciuta la difficulta del luogo , e la mala 
disposizione de' Volterrani , e conobbesi piii questo pe- 
rlcolo dipoi che fu avuta Volterra , che nou avevauo 
fatto prima ; e parve a tutti quello , che era , che col 
senno e colla prudenza dcd Duca si fusse fatto questo 
acquisto. La sua Siguoria usava dire , che cinquecen- 
lo fauti che fussino nella terra , erano bastanti a di- 
fenderla da tutta Italia. Avula questa vittoria , venne 
a Firenze , e fugli fatto grandissimo onore , e tutti i 
cittadini gli audorono incontro , e fugli apparecchiata 
1-a casa del patriarca , e fatte le spese a tutta la sua 
famiglia. ?s'ou si poteva fare a uno maggior. onoi^ che 
feciono al Duca. Gli donorono dua pezzi di broccato 
d' oro , e dua bacini di quegli della Signoria che va- 
levano mille ducati o piii. Di poi in segno di questa 
vittoria gli donorono il palazzo di Ruscauo , cou tutte 
le possessioui appartenenti al detto palazzo. Tutti i 
cittadini di condizione V andorono a visitare a casa. 
Istato alcuni di , gli feciono fare le spese per tuttl i 
terreni de' Fiorentini , e fu accompaguato da tutti i 
principali cittadiui per tutti i terreni loro. 

1 6. Avendo detto alcuna cosa de' Volterrani , con 
quanta prudenza egli gP avesse , non passero che io 
non dica d' essere lui solo istato liberatore d' Italia 
dalla potenza de' Viniziani. Sendo il Duca di Ferrara 
compreso nella lega della maesta del Ke , dello Stato 



DUCA D* unniNO. 1 13 

tli INlilano , o dc' Fioreiilini , s' craiio tulii obllgali alia 
difesa quando da Ignuna potcn/a cf Italia lui iirssG nio- 
lestato. Intervcnnc cbc i Viniziani sotto colore d' alcu- 
na dKFerenza s' itaesono loro volcrgli muovcre gucr- 
ra ,* ed avendo fatto lcga con papa Sisto , lo indusso- 
110 a fare questa iniprcsa conlro al Duca di Ferrara 
insieme co' Viniziani. Ora intcsosi il provedimcnlo clie 
si faceva clrca queslo eflcito pcr le dctlc potcn/c , lo 
Stato di Milano , i Fiorentini , ed il Duca di Ferrara 
mandorono am])asciadori alla maestii dcl Rc per pro 
vcdere clic al Duca di Ferrara non fussc tolto lo Sta- 
to , perchc era il princlpio a vulcrsi insignorire dcl 
rcsto d' Italia, perchc pcrdutn ch* cgr 6 Ferrara , e Bo- 
h)gna c Mantova pot(!vano dipoi pigliarc la volta chc 
volessino. Sendo qucsti ambasciadori a JNapoIi , tutti 
d* accordo rimasono , che qucsta difcsa non sl potcva 
fare sanza il mezzo del Duca d' Urbino colla forza c 
col senno suo. E massime sendo occorso che pcr diflc- 
renza che aveva avuta il slgnorc Pioberto collo Stato di 
Milano , s' era partito cd andato alla via de' Viniziani , 
cd acconciatosi al soldo loro , chc fu di quelle cosc cdic 
fece pigliarc loro aninio a fare questa impresa. 

17. Istati gl' ambasciadori della lega alquantl di a 
Napoli a consigliarsi colla maesta del Ec qucllo cbc 
fusse da farc , in (ine rimasono d' accordo chc tulti 
questi ambasciadori insieme con uno della maesta dcl 
Re andassino a Urbino , e di .quesio cnso se nc pi- 
gliasse parere e consiglio dal Duca , e si facesse taiito 
quaulo pareva alla sua Signoria , e conduccsscsl al soi- 
do dcl Rc , benchc in prima vi fusse , e dcllo Stato 
di Milano c Fiorentlni. Rimasti cosi d' accordo , e ve- 
duto il Papa istarc pcrtinacc in voleic segultarc ncll' 
imprcsa contro al Duca di Fcrrara , e chc gli volcva 

8 



114 FnDERICO 

torre lo Stato e darlo a' \ iniziani , ed eyli voleva rl- 
iiKHterc nella sua Santita tiUta la difFerenza che aveva 
co' Viniziani , e clie la siia Sanlita V accouciasse a suo 
rnodo , e non lo volle fare ; e pregato da tutti i col- 
legati clie lo dovesse fare , noii si poie mai mutare la 
mente della sua Santita cli' egli lo volesse fare. E per 
(juesle cagionl levorono di corte di Roma tutti gl' ani- 
I)asciadori della lega , mostrando alla sua Santila quan- 
to dispfacesse loro il consentire la S. S. a una im- 
presa tale quale era questa. Andorono gl' ambasciado- 
ri di tutta !a lega , come e delto , a Urbino ai Duca 
per rimanere d' accordo colla sua Signoria quello che 
fusse da fare , e fare la sua condolia che v' interve- 
nisse tutta la lega , sendo in prima solo al soldo del 
lie. (jlunti a I ossunlhrone dove si trovava il Duca , 
gii ailoggio lutL: alle sua ispese magnificameiite e con 
grandissimo ouore ohe non vi mancava iiulla. Comin- 
ciorono a vcnire alla pratica della sua condotta , alla 
quale ognuno degT ambasciadori aveva il tnandato pieno 
a polere conchiudere , c cosi suljiio furono d' accordo. 
18. I Viniziani non conoscevano igiiuno che po- 
lesse loro impedire questa impresa di Ferrara , se non 
il Duca d' Lrbino ; e per questo avevano mandato a 
offerirgli P anno ducaii ottanta mila , ed egli istesse a 
casa ; solo bastava loro ch' egli s' intendesse che fusse 
al soldo loro, Sendo uuo mandatario de' Viniziani a 
Urbino, e facendogli quesla offerta, era iii camera uno 
de' sua principali , ed uscito fuora di camera il man- 
datario de' Viniziani , qucsto suo si volse al Duca , e 
disse : pgl' e una bella cosa ottanta mila ducati , e star- 
si a casa ! 11 Duca , come fanno i prudenli , gli rispuo- 
se : egl' e piii bella cosa la fede , e la sua osservanza , 
e vale plii che tutto I' oro dcl mondo. Avcndo fatta 



DUCA d' urblxo. 1 1 5 

la coiiclolla , comc iiiuauzl c dctlo , vcunoiio alT or- 
diiic di qucllo clic s' avcva da farc pcr la difcsa di 
Ferrara. V\'uIvano oaui di ambasciadoii cori nuovi di- 
5egui uon solo di dlfcudcrc Fcrrara , ma d* offcudcrc 
i Viniziaui , iu modo clic sl toglicssc loro dcllc cosc 
di terra fcrma , c roinpcrc loro gucrra in Loml)ardia , 
e fare chc il Duca di Galabria collc gcuti dcl Rc rom- 
pesse gucrra alla Clilcsa , a (luc cbe il Papa non mau- 
dasse gentc iu favorc de' Viuiziaui contro Ferrara , 
ma clie bisoguasso chc i Vlniziani mandassino le gcnli 
loro in favore dclla Chicsa. E tutte qucstc cosc riu- 
scivano , e riuscinne buona parlc , sc si fussc fatto pro- 
vcdimcnto a Fcrrara , com' egl' cra dalo a iutcndcrc ; 
iu modo che con le genti dcl Duca di Fcrrara , e cou 
quelle di Mautova , e parte che venissiiio di Lombar- 
dia , Ferrara sl fusse poluta difendere ; il Duca d' Ur- 
bino passare in Lombardia e romperc guerra a' Vi- 
niziaui. Non s' era mai fatto iu Italia il piii l)c]lo pro- 
vcdimento come avcva fatto il Duca d' Urbino. 

19. Fatta la sua condotta , ed ordinato tutto qucllo 
chc s' avcva a fare , come iunauzl e detto , il Duca 
raesso in ordiue gP esercitl sua fecc una delle piii bel- 
le campaguc chc siauo state in Italia gia e lungo tem- 
po. Ed ordinorono che queste genti insieme con quel- 
le de' Fiorentlui audassiuo a campo a Citlii di CastcU 
lo , a fine chc il Papa si levassc dall' impresa , c che 
bisognasse mandare parte delle genti che aveva a di- 
fendere le terre sua. 11 siguor Autouio suo figliuoio 
andasse colle genti del Diica a campo a Forli , che ave- 
va qualche ispcranza di muovere quclio Slato. Le geuti 
de' Florentini con mcsscr Nicolo da Caslollo , che avc- 
va le parti drento , andorono a Citta di Castcllo. Sendo 
veuulo il Daca d' Urbino a Fircnze cou paric dclle 



1 1 G 1 EDEIUCO 

PCMlI , suljiU) islcilovi dua di , sollecilo T aiidala di Fcr- 

lara , pcr vederc in ( lie ordine si trovava , per pas- 

sare di poi in Lombardia ; sendo nell' ordine che gl' 

era dato a inlenderc , clie per loro erano bastanti col- 

le ^^<'nti cir erano ordinate di stare alla difesa di quel- 

lo luogo. Partito di Firenze , subito ando alla via di 

Ferrara , e trovo quella tei*ra in tanto disordine , clie 

non vi provedendo , quello Stato presto sarebbe ve- 

nnto nelle mani de' Viniziani. Trovossi il Duca di ma- 

lissima voglia , non vedendo riuscire quello che gl' era 

istato dettow Vcduto questo disordine , gli parve ebe 

gli fusse impedita ogni cosa , e conobl^e cbe sc lui an- 

dava in Lorabardia , come era ordinalo , Ferrara si sa- 

rebbe perduta ,* perche gia il signor Roberto che ave- 

va buona notizia del pacse , era passato per la via di 

ccrle pahidi con mohissime fasei-ne che aveva ordina- 

to , e subito giunto ebbe buona parte di quello paese 

ch' era inverso il Pulesine , ed ebbe Ghioggia , e piii 

castelhi e hioghi appresso. E di poi in pochi di , sen^ 

dovi suti innanzi agP avversari a campo , ebbe la cam- 

pagna hbera ; ed in poco tempo il Pulesine di Rovi-' 

go , sendo hiogo non nioho forte. Veduto il Duca d' 

Lrbino il signor Roberto uscito fuori de' primi , ed 

avcrc fatto V aequisto che aveva fatto , Ferrara , se non 

si provedeva , in pericolo di perdersi sanza dubbio al- 

cuuo , per questo ando alla via di Mantova , e fece 

che il Marchese si mise a nno certo passo , a fine che 

i nimici non vi venissino. Ed il simile scrisse a Mi- 

lano , che mandassino subito le genti , se non voleva- 

no clie Ferrara si perdesse. Mandorono quattrocento 

uomini d' arme ; e messo il Marchese di Mantova a 

quello passo , s' arreco a uno luogo che si chiama la 

Sleilata , e (juivi istaya a peito al signor Roberto che 



DUCA d' URBINO. 117 

gl' aveva gunslo uno Jjcllo discgno , porclic so il Dura 
non veniva a Forrara , aveva pochi rimcdii. 

20. Vennc il signor Roherto pcr volcr pigliare Fi- 
cheruolo , ch' era uiio rn stello iniportantissirno all' avc- 
re Ferrara , pcrchc la metteva iu niezzo. Vcduto quc- 
sto il Duca d' Urhino si misc a difendcre questo ca- 
slcllo , e misevi drcnto tutti uomini di condizione dc' 
sua uomini , de' quali aveva espcrienza delle virtii Jo- 
ro. II signor Rol^erto v' avcva condolto le homharde , 
e di e notte non lo lasciava posare , conosccndo quant' 
egli importass(» alP avere Ferrara. II Duca di Ferrara 
dair ahra partc istava alla difcsa ; e pcrche erano alla 
guardia di qucllo luogo tra per le haltaglic che dava 
loro , e le hom1)arde cd ispingarde che di e nottc trae- 
vano , il Duca iscamhiava ispcsso quclli che v' erano 
drento , ed avcva maniera di mettervcgli , che il signor 
Roherto non sc ne poteva difcndere: Istato a qucsto 
modo , volendo gl' avvcrsarii fare una hastia , ed an- 
datovi uno di il conle Anlonio di Marciano , ch' cra 
dipoi il signor Roherto de' principali che avessino i 
Viniziani , avendone avviso il Duca vi mando de' prin- 
cipali uomini che avesse. E giunti costoro per fare Li 
bastia , questi uomini d' arme dcl Duca d' Urhino ap- 
piccorono il fatto delT arme che fu crudelissimo , e 
fuvvene feriti e morti dell' una parte e deH' altra. Mo- 
rivvi messer Piero degl' Uhaldini , ch' era de' piu isti- 
mati uomini che avesse il Duca ; rimase prcso il conte 
Antonio di Marciano , e piii altri uomini d' arme , in 
modo clie la hastia non si fece. 

2 1. Istando purc il signor Roherto a questo Fi- 
cheruolo , cd avcndogli dato una crudele hattaglia , 
nicnte di mcno quclli del luogo fcciono una degnis- 
sima difesa. Innanzi che s' ispacciasse il falto deli' ar- 



i 1 8 FEDERICO 

iDo , parvc a qiieHi de' VJniziain averlo eonJotto in 
luo"fO clie qnello di V arebbono. I comniissarii iscris- 
sono subito a ^ incgla , cbe questo Inogo cra avuto , e 
feciono in ^ inegia fesLa grandissima, parendo loro ave- 
re Ferrara. Difcsonsi quegli di drento col mezzo del 
favore di fuori , clie per quello di il luogo si salvo. 
Fecesi a Vinegia gran caso cb' cgl' avessino fatto fe- 
i;ta dl Cfuello luo<20 , non sendosi avuto. Offni di il 
Duca tratlava cose nnove da ofTendere i ^ iniziani ; fe- 
ce correre le genti della lega fino a Padova , e pre- 
dare e guaslare tutto quel j^^^c^se ; presono assai pri- 
gioui e moltissimo bestiame. Disperavasi il signor Ro- 
])erlo , cbe ogni di gl' usciva addosso con nuovi avvisi 
per offenderlo , c La maggior parte riuscivano. Isiati a 
Ficberuolo , ed avendolo lennto tanli di , non sendo 
iuogo forte , cbe fu tenufa una maravigha ; in ultimo 
alieno dalla opinione del Duca , dandogli uno di una 
terribile baitaglia , ed avuto mezzo di conlaminare uno 
cbe v' era drento , dopo nna lunga difesa , il luogo si 
perde ; cbe se non fusse istato quello cbe lo tradi , lo 
teneva ancora quiudcci di. 

2 2. Avendo Cno qui detto aicuna cosa fatta dal 
Duca J' Urbino circa la disciplina mililare , e lasciata 
la maggior parte a quegli clie aranuo a scrivere la 
storia sua , parmi al prcsente dovei^e dire alcuna cosa 
della perizia clie ebbe della lingua latina , congiun- 
gendola con la disciplina militare ; cbe diflicile e a 
uno capitano singulare , potere far bene i falti deH' 
arme , s' egli non ba la perizia delle letterc , come 
ebbe il Duca d' Urbino , percbe le cose passale sono 
esemplo delle prescnti ; ed ba vantaggio grandissimo 
nno capiiano d' arme sappiendo la lingua latina , che 
uno cbe non la sa ; percbe grande parte de' sua fatti 



DUCA h LRBINO. 119 

d' .irme gli facova fi Imiiaziono dcgr aiitiolii c do' mo- 
dorni ; <^lt^gl' anliciri per la Icziono dolle istorio ; de' 
niodcrni , por osserc islato da piccolo rancinllo allcva- 
to ne- fatti dcll' arme , c massimc sotto la disciplina di 
Nicolo Piccinino , come iiinanzi e dctto , chc fu de' 
degni capitani cho avossc la sua eta, Jlitornando alle 
lottere , il Duca d' Url)ino n' ehhe jjrandissima conrni- 
zione , non solo delle istorie c de' libri della scrittu- 
ra sanla , ma egli ohI)e grandissima notizia di filoso- 
fia , nella quale dettc opcra piii anni sotto nno mae- 
stro singnlarissimo , che si chiamava macstro Lazzaro , 
che dipoi pcr la sua virtii lo foce farc vescovo d' Ur- 
hino. Udi da maestro Lazzaro 1' etica d' Aristotcle con 
comenti e sanza comenli ; e non solo V ndi , ma lutti 
qnogli passi difficili gli disputava ; ed avcndo in prima 
dato opora a loica , intendeva gl' argomenti benissimo ; 
e non solo gl' intcndeva , ma ogli disputava , sondo di 
prestantissimo ingegno come era, Avendo udita l' eti- 
ca piii voltc lutta , e intendendola piaravigliosamente , 
in modo che dava fatica al prccettore nelle disputa- 
zioni , e sappiendola quasi a mente ; si fece leggere la 
politica, e quella vide con grandissima diligenza. Sen- 
do venuto a Firenze nell' acquisto di Volterra , prego 
Donaio Acciaiuoli che gli piacesse durare fatica , aven- 
do comentaia V etica , di comentare la politica , e cosi 
fece , e mandolla alla sua Signoria. Avendo udita 1' eti- 
ca e ha politica , volle ndire de' libri naturali d' Ari- 
stotele , e fcssi leggere la fisica , ed altre opere d' Ari- 
stotcle , in modo che si poteva chiamare lui solo es- 
sere il primo de' Signori che avesse dato opera a fi- 
losofia , c che n' ayesse cognizione alcuna. Attendeva 
del continovo a fare che lo 'ngegno suo e la sua virtii 
andasse sempre innanzi a imparare ogni di cose nuove. 



120 FEDE^ICO 

23. Aveiulo iiotizia-di (ilosofia , vollc avcre noti- 
zla (li leolo^ia , la (juale e quella iiella quale ogiii cri- 
sliauo debbc foiiJarsi. Feccsi leggere la prima parte 
(li saiilo Tomaso , ed alcune allre opere dclle sua , cd 
era per (luesto afrczionaiissimo alla dottrina di saulo 
Tomaso , parendogli una doUrina cliiara , come ella 
era ; e molto difeudcva la dottrina sua. Quando si par- 
lava di santo Tomaso o di Scoto , diceva cbe bene cbe 
Scoto nelle sua opinioni fussc istato sottilissimo , nien- 
ledinieno la doltrina di santo Tomaso era piii cliiara. 
E volle ancora vedere delle opere di Scoto , che si 
fecc lcggere il primo , in niodo ch' cra cosa mirabile 
a vedere. 11 tcmpo che aveva , lo compartiva in modo 
rlie ogni cosa gli riusciva , avendo notizia piii che a' 
siguori non si conveniva e di filosofia morale e na- 
lurale , c de' dottori moderni che vanno per via d' ar- 
gomcQti. Aveva grandissima notizia della scrittura san- 
ta , dc' dottori anlichi , come ii sauto Ambrogio , santo 
Girolamo , santo Agostino , sauto Grcgorio , de' quali 
aveva volute tutle 1' opcrc. E de' dottori greci , e di 
tutte r opere loro , che si Irovavano in latino , aveva 
voluto Basilio , Giovanni grisoslomo , Gregorio nazian- 
zeno , nisscno , Atanasio , Cirillo , Efrcm i sua ser- 
moni. Volle avci^e piena notizia d' ogui cosa cosi sa- 
cra come genlilc , di poeti , delle istorie le quali ave- 
va lctie tuttc , e spesso Ic Icggeva , e faceva leggere 
Livio , Salustio , Quinto Curzio , Giustino , i comen- 
tarii di Cesare i ([uali lodava in infinilo , tuttc qua- 
rantotto le vltc di Plularco tradotte da varii T aveva 
leile tutte , EIlo Sparziano , con qucgli altri iscrittori 
degl' imperadori moderni quando lo 'mperio romana 
era venuto in declinazionc , Emilio Probo (h^gli eccel- 
lenii duci cslerui , Cornclio Tacilo , Svclonio dellc vi- 



DUCA d' URBINO. 121 

te de' (lodici imperadori , cominciando a Gesare , an- 
dando dlpoi agP altri tempi. Aveva Eusebio dc tcm- 
pojibiis , dcl quale aveva piena notizia , colle giunte 
di Girolamo , Prospero , c Matleo Palmieri. 

24. Aveva voluto avere nolizia di arcliiteltura , 
dclla (juale V ela sua non dico signori ma di privati 
non c' cra clii avcssc tanla nolizia quanto la sua Si- 
^noria. Veggansi tutti gl' cdificj fatti fare da lui , 1' 
ordine grandc c le misure d' ogni cosa corac V lia os- 
servatc , e massime il palazzo suo , clie in qucsta eta 
non se n' c fatto il piii dcgno cdilicio si bene intcso e 
dove siano tante dcgne cosc quaute in quello (1). Bene 
ch' egl' avesse architettori appresso la sua Signoria , 
in'cntedimeno nell' cdificare intendeva il parcre loro ; 
dipoi dava e le misure e ogni cosa la sua Signoria , e 
pareva a udirla ragionare di questo , cbc fussc la prin- 
cipale arte cb' cgli avesse mai fatto ; in modo ne sa- 
peva ragionare e mettere in opera per lo suo consi- 
glio ! atto non solo in edificare palazzi o aitre cose , 
ma veggonsi piii fortezze nelle terre sua per ordine 
suo con nuovo modo e piii forte assai cbe non sono 
r auticbe ; e dove loro le facevano far altc , la sua Si- 
gnoria 1' ba fatte fare l' opposito piii bassc , conosccndo 
cbe r oifesa delle bombarde non le potessino ofTendere, 
Si cbe della arcliitettura si mostra la sua Signoria aver- 
ne avuta piena notizia. Di geometria e d' aritmctica 
u' aveva buona perizia , ed aveva in casa sua uno mae- 
stro Pagolo tcdesco , grandissimo filosofo e astrologo. 
E non molto tempo innanzi clie si morissc , si fece 
leggerc da maestro Pagolo opere di geometrla c d' 

(1) E puLlicala con lc stampc la Jescrizione di questo pa- 
la7.7.o , falla dal suo Libliotccario Bcrn. Baldi , con nuracrosissime 
incisioni d' ogni bello oggclto di quella sonluosa fabrica. 



122 FEDERICO 

aritmctlca , c parlava deH' nna e ddl' altra come qucl- 
lo clic n' aveva piena notlzia. Della muslca s' era di- 
lettato assai , ed intcndeva benisslmo c del canto e del 
suono , ed aveva una degna cappella dl mnslca , dove 
erano muslci intendcntlssimi , ed avevano parccchi gio- 
vani clic facevano canto e tenore. Soa era isirnmenlo 
che la sua Signoria non avease in casa , e dilettavasi 
assai del suono , ed aveva in casa suonatori pcrfeltis- 
simi di plii istrumenti : diletlavasi piu d' istrumenti 
sottlli che grossi ; trombe ed islrumenti grossi nou se 
ne dilettava molto , ma organi ed islrumenti sotlili gVt 
placevano assai. 

2 5. Veneudo alla scultura , egli n' aveva grandlssi- 
ma nolizia ; e pongasi mente nel suo palazzo alle scul- 
ture che vi sono , ch' egli fece fare , s' egli volle i mag- 
giori maestri che avesse quel tempo ; ed a ndlrlo par- 
arel con uno scultore , pareva che I' arte fusse sua ; 
in modo ne jagionava ! DcIIa plttura n' era inteaden- 
lissimo ; e per nou trovare maestri a suo modo in Ita- 
lia che sapessino colorire in tavole a ollo , mando in- 
sino in Fiandra per trovare uno maestro solenue , e 
fello vcnlre a Urbino , dove fece fare molle pitture di 
sua mano solennissime ; c massime in uno suo islu- 
dlo , dove fece dlpingcre i filosofi , e poetf , e dottori 
della Chiesa cosi greca come latina , fatti con uno raa- 
raviglioso artlficlo ; e rilrassevi la sua Signoria al na- 
turale , che non gli mancava nulla se noii lo splrito. 
Fece venire ancora di Fiandra maestri che tessevano 
panni d' arazzo , e fece fare loro uno fornimento de- 
gnisslmo d** nna sala , molto ricco , tutto lavorato a oro 
e scta mcscolata collo stame ; cra maravigliosa cosa le 
figure che fece fare , che col pennello noii si sareb- 
bono fattc Ic slmili ; fece fare piii ornamenti alle ca- 



DUCA d' URBINO. 123 

mcre snn n qiiosll maestri. Ebbc graiKlissimo giudizio 
universale iii Oiiiii cosa. Infrft V altre fccc farc lavori 
si dcoiii a tiilti gl* usci dcllc camcre sua , in modo clie 
di penncllo lc il^nre clie v' crano non si sarehljouo 
faitc plii dcguc di fjucllc : ed evvi uno istudio lavo- 
ralo con lanto mirabilc arlifJcio , cbc sendo fatto col 
pcnnello o d' ariento o di rillcvo , non sarel)bc possi- 
l)il(! cbe si parcf^glasse a quello. Sendo la sua Signo- 
ria intcndentissimo , tutti! lc cosc cbc e])be a farc , lo 
fpce faie in supcrbitivo grado. 

26. Ritornando allo studio dcllc Icttcrc, dove co- 
iniiiciammo , da papa INicola cd il rc Alfonso in qua , 
lo studlo delle lcttcre e gl' uomini singulari non ban- 
no avuto ignuno cbe gl' abbia piii onorati e premiati 
dcllc loro faticbe , cbc ba fatto il Duca d' Urbino per 
mantenergli , c non ba pcrdonato a spesa ignuna. Son- 
si istati pocbi lltterati in qucsla clh , cbe il Duca d' 
Urbino non abbia premiati e di grandisslmi premii. 
Ebbe da lui il Campano uomo dottissimo , trovandosi 
in blsogno , ducali mlllc o plii. Songli istate mandatc 
alcune opere dcgne , dove a Firenze solo ha donalo 
a uomini litlerati ducati mille cinquccento o plii. Non 
dico qucgli ba dato a Roma , a Napoll , o in altri luo- 
gbi , cbe non mi sono noti. Non banno avuto i llt- 
terali , oltre alla sua inaudita liberallta , ignuno signo- 
re cbc gl' abbla piii difesi , cbe ba fatto il Duca d' 
Urbino. Era il vescovo sipontino perscguitato da pa- 
pa Sisto ; che se il Duca d' Urbino non avessc preso 
la sua difesa , lo faceva capitare male, Sempre Yolle 
in casa sua qualcbc nomo dotto , a' quali dava buo- 
iiissima provigione. Non vcniva mai a Urbino . o do- 
ve fusse la sua Signoria , ignuno nomo dotto cb' egli 
non lo onorasse o non lo tencsse in casa. 



124 FEDERICO 

2j, VenenJo poi a quauto la sua Signoria abhi 
avuto in grandissima riputazione tutli gli scrittori cosi 
greci come latiiii , e cosi sacri come gentili , a lui solo 
e bastato P animo di fare quello che non ^ ignuno 
che 1' ahhia condoito da anni milhi o piii in qua , d' 
avere fatta fare una lihraria la piii d(^na che sia mai 
istala fatta da quello tempo in qua (i). Non ha guarda- 
to ne a spesa ue a cosa ignuna ; e dov' egli ha saputo 
che sia lihro iirnuno deono o in Italia o fuori d' Ita- 
h*a , lia mandato pcr essi. Sono anni quattordici o piii 
che comincio a fare questa lihraria , e del continovo 
ed a Urhino, ed a Firenze , ed in altri luoghi ha 
avuti trenta o quaranta scrittori , i quali hanno iscrit- 
lo per la sua Signoria. Ed ha preso quella via che 
hisogna pigliare a chi vuole fare una lihraria famosa 
e degna , comc quesla , cominciatosi prima a tutti i 
poeti i quali ha avuti la lingua latiua ; e se v' e co- 
mento ignuno degno , tutti gP ha fatti fare. Di poi a 
lutti gli oratori tuite 1' opere loro , tutte I' opere di 
Tullio , e di tutti gll scrittori latini e grammatici de- 
gni ; e non e restato ignuno scrittore in questa fa- 
cuka nella lingua latina ch' egli non ahhia voluto. Ve- 
nendo a tutte le storie che si possino trovare nelLa 
hngua latina , tuttc T lia volute ; e non solo quelle di 
scrittori latini , ma tutte I' opere di scrittori greci che 
sono in laiino , cosi nell' arle oratoria , come nelle isto- 
rie , tutte I' ha volute. Venendo alla filosofia morale e 
naturale cosi de' latini come de' greci che sono in la- 
tino , non c rimasto iguuno che la sua Signoria nuu 
ahhi voluto che sia iu questa lihraria. 

(i) Oltre clo che di qaesta libraria dislesainenle qui dice Ve- 
spasiauo , e brevcmeule il Casliglioui ucl Cortigiano , meglio cssa 
si couosce nclla Bibliotcca vaticana , dovc ora si couserva per ac-: 
quisto fattoue d;i papa Alcssaudro VII. 



DUCA. d' urbino. i 25 

'28. Vcnciulo a' (lottori sacri , che sono iii lutino , 
a^V ha voliuo tullc 1' operc de' quattro dottori ; c chc 
lcltcrc ! e che libri ! e comc degni ! non avcndo rispet- 
to a spcsa ignuna. Falti li quattro dottori , c vcnuto 
di poi ed ha voluto tuttc T opcrc di santo Bcrnardo , 
e tutti i dottori sacri antichi ; non ha voluto chc ve 
iie manchi ignuno , Tertulliauo , Ilario , Rcniigio , Ugo 
di santo Vittore , Isidoro , Ansehno, Rahano , e tutti 
i dottori sacri antichi che mai iscrissono. I>a' ktini ve- 
ncndo alli scrittori sacri ch' ebhono i greci , che sono 
latti latini , egl' ha voluto in latino P opere di Dioni- 
sio areopagita , di santo Basilio , Girillo , Gregorio na- 
zianzeno , Giovanni damasceno , Giovanni grisostomo , 
Gregorio nisseno , Eusebio tutte V opere sua , Efrem 
monaco , Origene iscrittore eccellentissimo. Venendo a' 
dottori latini cosi in filosofia come in tcologia , tulle 
r opere xli santo Tomaso d' Aquino , tutte 1' operc d' 
Alberto magno , tutte T opere di Alessandro de Ales ; 
tuttc r opere di Scoto , tutle 1' opcrc di Bonaventura , 
r opere di Ricardo de INIediavilla , tutte 1' opere delP 
arcivescovo Antonino , e tutti i dottori moderni che 
sono d' autorita , gV ha vohui , infino alle conformita 
di santo Francesco ; tutte P opere di ragioiie civile , 
testi bellissimi ; tutte le letture di Bartolo in cavrct- 
ti , e molti iscrittori in ragione civilc La Bibbia 11- 
bro eccellentissimo hallo fatto farc in dua volumi isto- 
riati (1) tanlo ricco e degno quanto dire si potesse , 
cojHH to di broccato d' oro , fornito d' ariento ricchis- 
simamente ; c questa ha fatta cosi ricca come capo di 
lutti gli scritlori* E tutti i <iomenti , cosl del Maestro 
delle sentenze , come di Nicolao di Lira , e tutti li -dot- 

(1) Si ammirano come capolavoro tli speclose e grandi pitture 
questi due raassimi voluini biblici nell^ biblioleca vaticana. 



120 FEDERICO 

tori anliclii clie 1* lianno comentata cosi i lalini conic! 
i ffrcci , c tntla la cliiosa letteralc di Nicolao cleLi- 
ra ; questo e lihro , cbe in qnesta eta non se n' ^ Au- 
to il simile. Tutti gli scrittori in astrologia ^ ed i co- 
menti loro ; tuttc V opere di geometria , co' comenti ; 
inttc r operc d' aritmetica , tutte 1' opere d' arcliitet- 
tura , tutte T opcre de re militavi ^ tutti i libri delle 
machine degl' anliclii in ispugnare uua terra , e quel- 
le de' moderni che v' era uno libro singularissimo. Li- 
bri di pittura , di scultura , di musica , in ragione ca- 
uonica , e tutti i tesli , e le letture , e la somma d' 
Ostiense , e piii opere in questa faculta. Speculani in- 
nocentiae, h\ medicina tutte 1' opere d' Avicenna , tut- 
le r opere d' Ippocrate , di Galeno , il continente di 
Almansore pliis quam commentwn , tutte 1' opero d' 
Averroe , ed in loica ed in filosofia naturale e mora- 
le. Uno libro dl tutti i concilii fatti dagl' anticbi ; tut- 
le r opere di Boezio cosi in loica come in filosofia ed 
in musica. 

29. Tutte 1' opere degli scrittori moderni , comln- 
ciandosi a papa Pio. Egl' ha tutte 1' opere del Petrar- 
ca e latine e vulgari , tutte 1' opere di Dante latine e 
vulgari , tuttc 1'opere del Boccaccio latine , tutte 1' ope- 
re di messer Goluccio , tutte i' opere di raesser Lio- 
nardo d' Arezzo cosi compostc come tradutte , tulte 1' 
opere di frate Ambrogio cosi composte come tradultc, 
tutte r opere di messer Giannozzo Manetti cosi coni- 
poste come tradutte , tutte 1' opere di Guerrino e com- 
poste e tradutte , tutte 1' opere del Panorraita cosi in 
verso come in prosa , tutte P opere di mcsser Fran- 
cesco Fileifo ed in prosa cd in vcrsi cosi composte 
come tradutte , tuttc V opcre del Pcrotto cosi tradutte 
come compostc , lulte 1' opcre del Campano cd in pro- 



I 



DLCA d' LRBI?(0. 127 

sa cJ iii vrrso , tultc V opcre di MafFeo Veglo coinpo- 

sle , tiitie r opere di Nicolo Secondino Iradutte e coni- 

postc , tlie fu interprete de' Greci e de' Latini nel con- 

cilio de' (jrecl in Fircnze ; tnltc 1' opere del Pontano 

e cotnposle e tradntte , tutte T opcn^ di navtoloirieo Fa- 

zi e tradutte e composte , tutte 1' opere di Gasparino, 

tutte r opere di Pietro Paolo Vergerio (^ composte e 

tradutte , tutte V opere di niesser Giovanni Argiropolo 

Iradntte , clie ^ tutta la fdosof»a e la lolca d' Arislo- 

tcle cosi morale comc natarale > dalla polilica in fuo- 

ri ; tutle 1' opore di messer Francesco Barbaro tradut- 

te e coni^DOste , tutre 1' opere di messer Lionardo Giu- 

stliriano e composte e tradutte , lutte V opere di Do- 

nato Acciajuoli composte e tradutte , tutte V opere d' 

ALamanno Renuccini composte * , tutte 1' opere di mes- ^H ^*^''- 
r^ ' r I . tradutlc, 

Siw Cristofano da Prato veccliio compostti , tutte 1' ope- 

re di messer Poggio e tradutte e composte , tulte V 

opere di messer Giovanni Tortella cosi composte come 

tradutte , tutte V opere di inesser Francesco d' Arez- 

zo tradutle , clie ir^tette col re Ferrando , tutte 1' opere 

di Lorenzo Valla tradutte e compostc-. 

3o. Aveudo avuto in ogni faculta tutti i lihri che 

si irovavano composti da' dottori antichi come da' mo- 

derni , e cosi tradutti in ogni faculla , volle nvere tutti 

i libri greci cbe si trovavano , tutte V opere d" Aristo- 

tcle greche , tutie V opere di Piatone , libri tulti ia 

cavretti bellissiml , ttitte 1' opere d' Omero in nno vo- 

lume r iliade e V odissea e la bairacomioniachia , tulle 

r opere di Sofocle^ tutte P opere di Pi:idaro , lutle 1' 

opere di Menandro (i), e cosi tulti i poeti che si tro- 

(i] McmanJro poeta e perdufo , e croJo errore di Vespasia- 
Ho il mellerlo iielia libraria d' Urbliio , tloAt: noii credo che gia 
mai sia slalo. 



i28 FEDERICO 

\avano nella ilngna groca ; tuttc lc vilc di Plularco iii 

\ino dccnissimo volnmc , la cosmografia di Tolomeo 

colla pittura in greco , libro cccellentissimo , tultc V 

operc morali di Plutarco , libro degnissimo , tutte 1' 

Opere d' Erodoto , di Pausania , di Tucidide , di Po- 

llbio , tutte r opere di Demostene ed Eschine , Ploti- 

no filosofo tutte 1' opere sua , tutti i comenti che si 

trovavano presso de' Grcci , come sono i comenti so- 

pra Aristotele ; tutte l' opere di Teofrasto , la fisica , 

irle plaiitis ; tulti i vocabolisti de' greci , il greco con 

la csposizione latina ; tutte 1' opere d' Ippocrate e di 

Galeno , tutte 1' opcre di Senofonte , parte della Bibbia 

in groco , tutte V opere di santo Basilio , lutte V opere 

di santo Giovanni grisostomo , tutte 1' opere di santo 

Atanasio , di santo Giovanni daransceno , tutte V operc 

di santo Gregorio nazianzeno , di Gregorio nisscno , 

d' Origcne , di Dionisio areopagita , di Giovanni Cli- 

maco , di santo Efrcm monaco , di Enea sofista , le col- 

lazioni di Giovanni Cassiano , il libro del paradiso , 

vitae sanctoi^m patrum ex Ac^yto , vite di Barlaam 

e di losafat 5 uiio Saltero in tre lingue cosa mirabile , 

in ebreo greco e iatino , verso per verso , libro eccel- 

lentissimo ; tulti i libri di geometria , d' aritmetica , d' 

astrologia che si trovavano in quella lingua. Infiniti 

libri grcci vi sono di varii scrittori , che dove ne po- 

teva avere mando pcr essi , volendo che non vi man- 

casse nulla che si potesse trovare in lingua ignuna. 

Veggansi i libri ebrei , tutti quegli che si trovavano 

in quella lingua , cominciaudosi alla Bibbia , ed a tutti 

qucgli che 1' lianno comentata , rabbi Moise , ed altri 

comentatori. Non solo vi sono libri cbrei nella scrit- 

tura santa , ma in medicina , in filosofia , ed in tutte 

lc faculta che in quella lingua si potcssiuo avere. 



DUCA d' urbino. 129 

3i. Avcndo conJotta la siia Sigiiorla quciili opoia 
si degna con grandlssiina ispesa di piii di ducati ivcii' 
ta mila , inlVa 1' altre degne c laudablli condlzioni , 
clie v' lia fatte , si c cli' egli lia voluto a ogni scrlt- 
tore dare uno capo , e qucsto ha voluto clic sia coperto 
di cljcrnicsi fornito d' ariento ; e coniinciossl , corae in- 
uanzi e detto , alla BIb])Ia come capo di tutti , e fellu 
come e dclto coprire di broccato d' oro. Dipoi comin- 
ciandosi a tutti i dottori dclla cbiesa , ba ognuno co- 
pcrto di cbermcsi , e fornito d' aricnto ; c cosi a' dol- 
tori grcci come latini , cosi a' fllosofi , allc istorie , a' 
libri di mediclna , cd a tuttl i dottori moderni ; in 
modo cbe vi sono infiniti volumi di questa natura , 
che e una ricca cosa a vedcrgli. In quella libraria i 
b"bri tutti sono belli in superLitivo grado , tutti iscrilti 
a penna , e non v' e ignuno a stampa , cb<3 se ne sa- 
rebbe vergognato, tutti mlniati elegantlsslmamenle (i), 
e non v' e ianuno che non sia iscritto in cavretto. Una 
cosa singubire ba questa llbraria , cbe non si trova se 
non in questa , e questo c cbe di tutti gli scrlttori cosi 
sacri come gentili , e cosi composti come tradutti , non 
vi manca una carta sola deU' opere loro cbe non vi 
sia finita , cbe none intervenne piii a ignuna delle al- 
ire , cbe lutte banno parte dell' opere d' uno scrltto- 
re , ma lulte no ,* cbe c una grandissima degnlta ave- 
re questa perfezione. Poco tempo innanzi cb' cgT an- 
dasse a Ferrara , sendo io a Urbino colla sua Signorla , 
ed avendo gl' inventarii di tutte le llbrarie d' Italia , 
cominciando a quella del Papa , di Firenze di sanio 
Marco , di Pavia , infino a avere mandato in Ingbil- 
lerra per I' invenlarlo della libraria dello studio Os- 

(i) Sono verameiUe mirahill e hinumercvoli le miuiaUirc uei 
codici lubiiiesi , comc ognuno pub vedcrc nella Valicana. 



130 FEDEKICO 

soniense , riscontrando dj poi (;on qucllo del Dnca 
vidi clie tutti pcccano in una cosa d' avere una mede- 
sima opera infinite volte , raa uon averc dipoi tutte T 
opere d' uno scrittore finiie come questa , ne' v' erano 
scrittori iu ogni facuha conie in questn. 

32. Avendo infino qui detto de' faiti dell' arme , 
dipol dclle lettere congiunte con V arme , che a vole- 
re farc uno uomo ecccllente nella disciplina militare , 
sanza lc lettere non puo avere quella perizia la quale 
cLbe la sua Signoria , per avere congiunta V una con 
r altra ; venendo ora alla terza condizione giunta con 
queste dua , e quesla e di sapere governare gli stati e 
le signorie , cbe radi si trovano che abbino iutte que- 
ste condizioni che furono in lui ; venendo al governo 
de' sudditi sua e della casa sua , la sua eta non ha avu- 
lo il siuiile. In priuia , acciocche questo go\erno fus- 
se uuito coUa rrligione , che sanza queila non puo 
istare , non daudo buono esemplo deihi viLa sna ; in- 
uanzl tutto eg? era religiosissimo cd osservantisslmo 
de' divini precetti : ogui mattina non era mai che non 
ndisse messa ginocchioni : tutte le vigilie comandate 
dalla chiesa diglunava, e lutte le quaresime ; e T an- 
no innanzi che morisse , amandulo il signor Oltaviano 
comc faceva , parendogli che la quareslnia roflendesse, 
fece venire una dispensa di Ronia dal Papa , ch' egli 
non facesse quaresima. Una mattina sendo dl quare- 
sima a tavohi , gli fu presentata questa dispensa. Egli 
si volse al signor Ottaviano , e comincio a rldere , c 
dlsse che lo ringraziava ; dl poi se gli volse e disse : 
se io la posso fare , e possola digiunare , quale e la 
cngione che tu non vogli che io la facci ? cho esem- 
plo darci io a quesli inia , s' io non la facessi ? E se- 
guito a digiunarla, come avcva fatto iufiuo a quello 



DUCA d' URBFNO. 131 

di. E ogni maltina lui con tutla la sua fanilglla , c dc 
terrazzani clii vi voleva andare , istava alla predica ; 
detla la predica , alla messa. E ogni mattina , quando 
digiunava , si faceva leggere innanzi qualclie opera sa- 
cra , o sermoni dl santo Lione papa , o altre opere sa- 
cre ; e nel leggere , senipre quatido veniva a qualcbe 
passo degno , faceva fermare colui clie leggeva , volen- 
do intendere molto bene. In questo tempo il di sem- 
pre faceva leggere a maestro Lazzaro qualclie cosa del- 
la scrittura sauta. 

55> Venendo alla piata ed alle limosine , fu pia- 
tosissimo e clementissimo e misericordioso e grandis- 
simo perdonatore. Quanto alle limosine , dava d' or- 
dinario ogni di la casa sua pane e vino in buona som- 
ma , e questo non mancava mai ; e di tutte le cose ne- 
cessarie , cb' era ricbiesto , a sovvenire molti uomini 
dotti ne'loro bisogni e gentiiuomini, come e detto. Era 
in somma il refrigerio di tutti gl' uomini dabbene. Ed 
aveva ordinato cbe per 1' amore di Dio si desse a' luo- 
gbi pii ed a persone bisognose ; ed il simile dava dell' 
altre cose necessarie. Dava assai limosine secrete a' po- 
veri vergognosi , ed a ognuuo della terra o d' altri luo- 
gbi cbe andavano a domandargli cbe gli sovvenisse ne' 
loro bisogni. Aveva messo in tutte le sua terre , dov' 
egli aveva potuto , frati d' osservanza , prestando loro 
favore di limosine , e d' acconciare loro i luogbi alle 
sua ispese. Aveva messo i frali di monie Oliveto , e gli 
Gesuati , e quelli di Seopcto , e del continovo cercava 
raeltervi degl' altri , ed era come uno loro padre. Mai 
veniva alla sua Signoria religioso ignuno , cbe non gli 
lacesse grande riverenza , e pigliasselo per mano , e 
non gli voleva parlare s' egli non sedeva allato a lui. 
Onorava i religiosi sopra tutti gl' uomini cbe io abbia 



132 FEDEKICO 

vediitl mal nc' mia dl. Era in Urblno uno santlsslmo 
luogo di donne rinchiuse , dov' erano clrca a dotme 
scssanta murate , e il monistero fece fare la sua Si- 
fTiioria pcr coufortarle ucl buono proposito loro. Ogni 
settimnna una volta andava a questo monistero , e lui 
solo entrava nella chiesa , e non voleva che v' entras- 
se altri , ed audava a sedcre a una grata che v' era. 
Qulvi veniva solo la maggior donna antica e d' auto- 
rita , e parlava con lei , e voleva intendere sc mauca- 
va loro nulla. Quesio monistero e tutti i frati mendi- 
canti d' osservanza erano proveduti del bisogno loro. 
Istato ch' cra il Signore per alquanto tempo a questo 
monistero , si partiva e ritornavasi a casa. Aveva gran- 
dissima fede nelle orazionl di queste sanlisslme donne. 
Era a queste grandissimo conforto al bene operarc ve- 
dere uno signore di quella qualita con tauta umanita 
andarle a visitare. Circa alla religione , non poteva da- 
re in ogni cosa migliore esemplo che dava di se. 

34- Venendo al governo della casa sua , non sl go- 
vernava altrimenti che si governi una casa di religio- 
si ,* perche avendo in casa sua alle spese sua cinque- 
cento bocche o pii-i , queUa easa nonch' el!a paresse ca- 
sa di soldati , ma ia una religione non si viveva cou 
tanlo ordine , che si vivesse nella casa sua (i). Quivi 

(i) Nella biblloteca Taticana tra i codici uibinesi e uno inti- 
tolato : ordine ed ofjicii di casa dcllo illustrissinio signor Du^ 
ca d' Urbino. E clislnbLiilo in 64. capitoli , e \i si U'afla del raae- 
slro di Gasa , scalco , coppieri , dapiftrl , credenza e credenzieri , 
apparato delia mensa , medico , cameriere, barbicre , cose di uso 
per la persona del Signore , paggi , provendleri , vilto , vcstito , 
dormentuvio , e rimanente goYerno della famiglia , cura Je' cavalli , 
stalla , governo deinuli, speziale e speziaria , elemosiniere , cap- 
pellano , spenditore , dispensierc , sopracuoco e cucina , faltore ge- 
neralo , massaro , faccbino , «lafiieri , doppieri , ceriere , cantori c 



DiJCA d' uuniNO. 133 

11011 si giucava , no vi si l)insLcmava , ma parlavasi coii 
grandissima moJostia. Eraiio alcnni slgnori clic avcva- 
110 dati i loro figliuoli al Signorc per impararc la di- 
sciplina militarc , il slmilc a fiiie clie fussino costumati. 
Aveva sopra qucsti giovani uno geutile nomo di Lom- 
bardla , istato piu tempo col Slgnore , cd allevato da 
lui , d' onovatissimi coslumi , il qualc avcva cura di 
questi giovani , non altrimenti clie gli fussino istati fl- 
gliuoii , e portavangli singulare riverenza ; rlprende- 
vagli in ogni mlnlmo atto , in modo clie gl' aveva ri- 
dotti sotto una disciplina di degnissimi costumi. Aveva 
il Signorc uno figlluolo legitimo di mlrabile virlu , il 
quale lia nomc il Gonte Guido , e piii legitime figliuole 
nate pcr madrc di madonna Battista figlluola del signor 
Alcssaiidro da Pesaro , singularlssima donna. Mori , c 
lasclo il mascliio c le femine , molto piccoli* Al maschio 
dette dua uomini degnissimi d.' ela clie fussino al suo 
governo de' costumi , ed insegnargli qucllo clic avesse 
a fare. Dipoi gli dette uno dottissimo giovane che lo 
erudisse nelle lettere latine e greche ; e per espresso 
chi lo governava ebhe per comandamento dal Signo- 
re che non lo lasciassc avere pratica ignuna co' fan- 

suonatori , tapczzaric , tenimenlo delle scritlure Je' contl , ragionie- 
rc , officio (lel bibliotecario , ordine dclla canccllaria , servimento 
de' foraslieri , officio dell' infermiere , il partlto ch' e da pigliare di 
clii non facesse buona riuscita , della famiglia di madonna Duches- 
sa , del raetodo cotidiano del Signore. - E un libretlo ms. di 72. 
carte in 8 , piacevole e inolto utile a lcggersi , c che ridonda a graa 
lodo di quel Duca che lo fece scrivere per regola della sua casa. 
II primo capitolo e il piu breve di tutti , ma forse il piu efficace , 
ondc qui si trascrivc. In prinia e necessaria la diligetitc cura, 
del Signore , che li ordini dati siano osservati j altramente 
e jjcrdcr teiuj^o , e cosa vana a pensare non che ragionarnc 
o eseguire , scnza essa. 



^2^1 FEDERICO 

ciulli , a fiiie clie pvcsto si avezzassc alla gravita , la 
qnale pV aveva data la natuva ; cli' e cosa mivahile co- 
v.]e r aveva fatto allevave , e cosi e al pvesente , conic 
eqV eva dolato dalla natuva , cli' e di niavavigliosa di- 
scvezione , di gvande niemovia della quale faceva assai 
esperienza ; in modo che daudogli il signor Ottaviano 
il Tolomeo innanzi (i), sapera niostvave i siti della 
tevva ; e domandatogli d' ogni sito e hiogo , immediate 
gli ivovava , e la distanza ch' eva da luogo a luogo. 
Aveva il Signove una Bihhia istoviata ; apvendola , a 
lutti i lihvi v' e la stovia ; non v' era ne nome ne luo- 
o-o ch' egli non sapesse ; i nomi ehvei , che sono istva- 
nissimi , tutti gli sapeva. AUevavalo , ed il simile si fa 
al pvesenle , in modo che si dimostva esseve degnissi- 
nio evede del padve (^), Aveva uno altvo figliuolo ch' 
cgP eva assai giovane , che T aveva avuto innanzi che 
avesse la donna , il quale si clilamava il signov Anto- 
nio. Questo volle che si desse alla disciplina militave , 
ed e giovane di laudahili condizioni. Le saa figliuole 
femine teneva in una pavte della casa accompagnate da 
mohe donne nobili , di tempo , e di laudahili costumi , 
e nella stanza di casa non v' andava pevsona , se non 
il signov Ottaviano e '1 figlluolo. Com' egli giungeva 
fill' uscio dove stavano , tutti quegli ch' evano con lui 
vlmauevano di fuovi dell' uscio ; andavano alla stanza 
loro , ed aspettavano tanto clie tovnasse. In ogni sua 
cosa era osservantc come si conveniva. 

35. Avendo detto del governo della casa sua , di- 
vcmo di quello do' sudditi sua. Si povtava con lovo 
con tanta umanita , che non che gli pave*ssino sudditi 

(i) Qiiesto codice urbinese del Tolomeo cslsfe nella Valicana. 
(2) Fii stampata in Milano ncl i8ai. la vita del duca Gui- 
dolialdo , opora di B. Baldi, 



DUCA d' urbino. 1 35 

ma figliiioli. Noii volcva clic personi parlasse a S. S. 
per alcnno de' siioi suddili , perclie ad ogiii ora del 
di potevano pirlare al Signore loro niedesinii , e tulli 
gli slava a udire con grandissiina umanita ; ed il si- 
mile rispondeva , e non gli teneva a tedio nulla ; ma 
s' eir erano cose clie si potessino espedire , allora lo fa- 
ceva , cir eglino non avessino piii a tornare ; ed erano 
non molto numero quegli che non si ispacciavano il di 
che giugnevano , a fiiie clie non p(;rdessino il tempo. 
E qnando vedeva alcuno clie gli volesse parlare , clie 
si vergognasse , lo ficeva chiamare , e davagli animo 
che potesse dirc qucllo che aveva di bisoguo. Usava 
inverso questi sua sudditi tanla nmaniia , che 1' ama- 
vano , in modo che quando passava per Urbino , s* iii- 
ginocchiavano in tcvia uomini e donne , e dicevano : 
Dio ti mant(»nga , Signorc. Audava ispesso a pie' per 
la terra , ed andava quando a nna bottega e qnando 
a un' nlira d' uiio arteiice , e domandcva come eglino 
facevauo , e se mancava loro nuUa, con tanta benigniia 
che tutti r amavano non altrlmentl che s' ami il pa- 
dre ed i propri figliuoli. Era cosa incredibile a vcde- 
re il governo suo ; tutti i sudditi sua istanno bene , 
ed hagli fatti ricchi con dare loro a lavorare tante fa- 
briche quante ha fattc. In quella terra di quegli del 
suo paese non vi si vede ignuno che vada mendican- 
do. Se intcrveniva che per qualche ispiacevolezza , o 
per non osservare gli statuti e la legge loro , alcuno 
ne fusse condannato, veniva di poi al Signore per gra- 
zia , e faceva loro quello che domandavano , in modo 
che ognuno si partiva contento. Da una cosa infuori 
dl tutte r altre faccva grazia , e questa era chi biaste- 
mava o Dio o la Madouna o sua Santl , a questo non 
voleva avcre nc arazia ne misericordia. 



>] 3G FEDERICO 

36, Era qnrsra sna inaudita iimaiiith iion solo co' 
sna della terra , ma con tulti. \ idi gia il di dc\ nier- 
caio andar lui in su la piazza dovc si faceva , e do- 
mandaie a qiielle donne o uomini qucllo clie voleva- 
no di cose cli' avevano a vcndere ; di poi si volgeva 
V diceva per piacevolcEza : io sono Signore , e non por- 
10 danari ; io so che voi non mi fareste credenza , ed 
areste paura cli' io non vi pagassi. E cosi la sua uma- 
nita contentava ognuno , cosi i grandi come i piccoli. 
Andavano di poi quc' contadini per avere parlato al 
Signore tanto contenti c soddisfatti , clic arebbe potu- 
to fare di loro quello cbe gli fusse piacciuto ; c non 
trovava ignuno per la vla quando egli era a cavallo cbe 
non lo salutasse , e non domandasse come egli islava. 
Andava por la lerra quando con pocbi e quando con 
assai ; non portavano arme ne lui ne ignuno de' sua. 
Di state cavalcava la mattina alb alba quando era in 
Urbino con quattro o sei cavalli e non piii , ed uno o 
dua famicrli alLa slaffa sanza arme , cd andava fuori del- 
la terra tre o quattro miglia ; di poi tornava quando 
gV altri si levavano ; e giunto ed ismontato , era in or- 
dine la messa , e V udiva : di poi se ne stava giii in 
uno orto con tulti gl' usci aperti ; e detta La messa , 
infiiio a ora dimagnare dava udienza a cbi la vole- 
va. Postosi a tavola , stavano aperti tutti gl' usci; ognu- 
no poteva venirc dov' era il Signore , cbe mai man- 
giava cbe non fusse piena la sala. Secondo il tempo , 
si faceva leggere , come e. detto ; di quaresima , cose 
ispirituali ; in altri tempi , le istorie di Livio , lutti in 
latino. Li cibi sui erano cibi grossi , coiifetti non man- 
giava , non l^eveva vino per continenza sc; non o di 
melaorane o di frutte , come di ceraoie o di mele. Chi 
gli voleva favellare, mangiato cli' egl' aveva , o raen- 



DUCA d' URBINO. 1 37 

ire che mangiavn , poteva. Finito il mangiare , aveva 
uno gludice d' appcllagionc, uomo singularissimo , che 
desinato ch' aveva o cenato , gli proponeva in lalino le 
cause clie aveva , causa per causa. Egli le decideva , e 
rispondeva in latino la sua dererminazionc. Dissemi 
tjuello dottore , che Ic dccisioni del Signore in quelle 
cause erano di nalura che ne Bartolo ne Baldo non 
r archhouo decise altrimente che le decidesse lui. ViJi 
una leltera per uno medico , che vohiva si scrivcsse 
agP Anconitani che lo togllcssino per mcdlco. Dlsse : 
mettetevi questa clausnla , che se hanno di hisogno , 
lo tolgano ; e se non hanno il hisogno , facclano quel- 
lo che pare a loro , che non voleva che per lo suo 
scrivere non facessino se non quello ch' era la loro 
volunta* 

3^. Levatosi da tavola di state , e data udicnza in- 
nanzi e poi a chi la voleva , se n' andava in camera 
a fare sua facende , ed udire lezioni secondo i tempi , 
come innanzi h dctto. Circa a ora di vespro egli usci- 
va fuori , e per la vla dava udienza a chi la voleva. 
Di poi come gl' avanzava lempo , se n' andava a vlsi- 
tare quesle santlssime donne di santa Chiara , come e 
detto , nel monistero che aveva edificato ; ovvero an- 
dava a uno convento dl santo Franccsco , dove era uno 
bellissimo prato grand^ , ed una bella veduta. Glunto 
quivi , si poneva a sedere , e trenta ovvero quaranta 
giovani de' sua si spogllavano in farsetto , e facevano 
a gittare la verga , dipoi o al pome o alle braccia , cli' 
era cosa degna a vedere. II Signore quando non cor- 
revano benc , o quando nel pigllare non erano deslri , 
gli riprendeva , e tutto faceva perche egllno s' addc- 
strassino e non istessino oziosi. E nel fare questi eser- 
cizi ognuno ayeva comodita di paidare al Si^nore , e 



i38 FEDERICO 

slavavi iion meno a questo fine che per altro. Quan- 
do cra cirea ora di cena , il Signore si voltava a quelli 
giovani , e diceva clie ognuno si rivestksse , ed in iino 
tratto ognuno si rivestiva. Giunto a casa , era ora di 
cona , e cenava e faceva coine c detto di sopra. Istato 
alquanlo pcr vedese se ignuno gli voleva parlare ; se 
none , se n' andava in camera co' suoi principali e si- 
gnori e gentiluomini , e con loro parlava molio fanii- 
gliarmcnte. Alcuna volta si diceva loro : domattina si 
vorrebbe levare a buona ora , ed andare a spasso al 
fresco ; voi siele giovani , e dormite volentieri , dire- 
ste di venire , ma non ne fareste nulla ; andate colla 
buona sera , ed ognuno si vada a riposare , e cosi si 
partivano dalla sua Signoria ; ed in qucsto modo ave- 
\a mirabile grazia con ognuno. 

38. Dissemi uno di quanto debbe esserc umnno 
iino che ha governo o regno o signoria o republica 
o stato populare , ognuno per grande o piccolo che si 
sia ; perche , diceva , era la principal cosa che si ri- 
chiedeva a uno signore ; c riprendeva in generale chi 
faceva 1' opposilo. E bcnche fusse alcuno che si scu- 
sasse noii esserc umano , perche la natura non glielo 
dava , bisognava fare violcnza e mutarla , perche ignu- 
na cosa doveva essere piii comune agl' uomiui grandi 
che r umanila , la quale aveva tanta forza che di ni- 
mici gli faccva amici ; e 1' opposito chi non cra uma- 
no , quando uno gli andava a parlare , ed egli non vo- 
lesse udire , o egli l' udisse in modo che dimostrasse 
di non lo istimare , a questo modo d' amico se lo fa- 
ceva nimico , come ^ia n' ho veduti molti. E stato lun- 
go tempo che Italia non ha avuto uno signore degno 
d' imiiazione in ogni cosa , quanto il Duca d' Urbino. 
Era discreiissimo inverso tutti quegli che gl' avcvanQ 



DUCA d' DRBINO. ^ 39 

fatto qualclie piaccre. Intcrvenne uno di clie avendo 
avuto a fare con uno mercatante di grandissima som- 
ma dl danari , ando a lui uno de' sua di casa , e si 
gli dlsse come quello mercatante guadagnava assai col- 
la sua Signoria , e che le mercanzie ch' egli dava , s' 
arcbbono per meno assai che uon lc dava Uii. Comin- 
cio a ridere , e poi fece questa gentile risposta , dicen- 
do ch' era moho contento ch' egli guadagnasse con lui , 
e che egli non poteva guadaguare quelLi somma che 
non meritasse piii ; ch' egli era piu obligato a hii che 
a nomo che conoscesse ; ch' egli s* era fidato della sua 
Signoria , a tempo , di cinque o sei migliaja di fiorini ; 
che in quello tempo sendo nuovo nello stato e pove- 
ro , non arebbe trovato chi gl' avesse creduto d' uno 
fiorino ; e per questa cagione era contento ch' egli gua- 
dagnasse con lui quello che voleva. Ed in questo mo- 
do pose silenzio a questo suo , di natura che lo fece 
vergognare. Uno di sendo a Milano col duca Galeaz- 
zo , cd avendo ragionato di piii cose , il duca Galeazzo 
gli disse : Slgnore , io vorrei sempre avere a far fatti 
d' arme ed aver meco la S. V. , che non crederei po- 
lere perdere , ma andremo adagio. II Duca d** Lrbino 
se gli volsce disse : queste cose ho io imparate dalla 
eccellenza del duca Francesco vostro padre. II duca 
Galeazzo istette cheto , e non gli rispuose , nulla pa- 
rendogli poter rlspondere a quant** egli aveva detto. 
Erano alcuni che riprendevano sua Signoria d' esser 
troppo piatoso e clemente , la quale condizione meri- 
tava grandissima coramendazlone. Pochi venivano a 
chiedergli perdonanza , fusse che delitto si volesse , ch' 
egli non perdonasse. La crudelta fu sempre aliena dal- 
Ja sua Signoria. 

39. Aveva un' altra laudabile condizione , che di 



140 FEDERICO 

persona iion diccva mai male , ma lodava e nou bia- 
siraava , ed aveva per male quando persona diceva iu 
sua presenza male di persona , parendogli cosa piena 
di vilta. Era alieno dalla nalura de' piii clie lodano 
qnello che Iianno faiio e 1* esallano infino al cielo. Era 
in questo modeslissinio , e v^oleva piii tosto che altri 
fiisse quello che lo dlcesse , ch' egli avesse a parlare 
di se medesimo. La natura gli da\a d' esscre colleri- 
co , ma egli si sapeva beni&simo temperare , e mitiga- 
va la sua natura con una smisurata prudenza. Atten- 
deva in tutto al sno Stato , a tenergli benissimo con- 
tenti , c massime infra 1' altre sua laudabili vlrtii , do- 
ve intendeva che fusse alcuna dlfferenza , mandava per 
le parli , e non restava mai con la sua destrezza che 
gli faceva fare la pace. Infra plii di questi aiti piatosi 
per levar via ogni scandalo , intervenne che uno suo 
suddito d' assai onesti parenti tolse per moglie una fan- 
ciulla delle medeslrae condizioni , ch' era lui , d' one- 
sti parenti , ed era uno grandissirao numero. Nacque 
ira il marito ed i parenti grandissima discordia , in 
modo che per nulla il marito non voleva la moglle 
ch' egli aveva tolta ; ed era venuto questo caso in con- 
dizione , che avendosi a disputare dell' onore , sl sareb- 
bono tagllati a pezzi dell' uno parentado e dell' altro. 
Ora conoscendo il Slgnore lo scandalo che ne poteva 
segultare , per Ie\are via questo inconveuiente , uno di 
dclermlnato mando per le parti per mettergli d' accor- 
do. Venuti , comincio con quegli chc i' avevano tolta 
a parlare con umanissime parole , come egli sapeva , 
chc di natura era eloquentisslmo sopra tutli quegll del- 
la sua ela : mostro loro per molte ragioni che lo do- 
vevano fare. Coni' e la natura degl' ignoranti , quanto 
pili diceva ioro , piii Istavano duri. Veduta il Duca 



DUCA. d' URBINO. 141 

qiiesla diirezza , si volse a quello che 1' avcva tolta , e 
si gli (lisse : s' io volessi chc tii faccssi parentado me- 
co , iioti lo dovresti tu fai*e , rispetto alla mia condi- 
zione ? Nou li parrehbe egli parentado convenienlc ? 
Rispuose ch' cgl' era assai piii clie a lui non si con- 
veniva , sendo hii signore dolla qualita ch' egl' cra , e 
lui molto difTcrente alla sua Signoria. II Signore sc gll 
volse e si gli disse ; non averc rispetto a quello , che 
sono contcnto io. Costui persuaso dal Signore , disse 
essere contento. II Signorc se gli volse , e si gli disse : 
questa fanciulla per la sua virlii e bonta la stimo tan- 
to quanto s' ella fusse mia figliuola , c pertanto tu fai 
parentado mcco , e non con loro , cosi ti voglio paren- 
le. Lego il Signore costui in modo che non seppe che 
si rispondere , e fu costretto a consentire ,* c cosi dl 
volunta di tutti i parenti la tolse. II Signore gli piglio 
tulti per mano dicendo che buon pro vi faccia , che da 
ora il parentado era fatto con lui , e che cosi voleva 
che lo stimassino , che in ogni loro bisogno I' adoperas- 
sino ; e fece fare loro una degnissima colazione a modo 
di nozze. Dlpoi si parli V una parte e I' altra benissi- 
mo contenti ; e portossi questo giovane benissimo dclla 
moglie , ed ella il simile di lui. Questi sono gli ufficj 
<legui d' uno principe, porre in pace i sudditi sua. 

4o. Di quanta costanza d' animo fu il Duca d' Ur- 
brno , per non volere che Ferrara si perdesse ? Sendo 
istato piii tcmpo a Fcrrara per salvare quella terra dal- 
lo assedio do' Vifiiziani , conoscendo , comc innanzi h 
detto , ch' clla importava assai a tutta Italia, e colla sua 
prudenza avcndola salvata, e sempre tenuta la gente de' 
Viniziani a'termini Joro, avendo questi messo il campo 
loro insino ncl parce , conOvScevasi essere in grandissi- 
mo pcricolo , se non vi si usava la diligenza dreuto clie 



142 FEDERICO 

us6. La sua Eccelleuza per iufinili disagi e per la mala 
disposizioue dell' aria , s' amraalo di fcbre , e per cs- 
sere contineutissinio com' era , in pocbi di fu liberato 
di quella febre , raa rlmase alquanto debole , e per tut- 
ti i medici ed amici sua fu consigliato cbe si levasse 
di quclla aria , e venissene a Bologna dov' era 1' aria 
piii disposta. Conoscendo il Signore il manifesto pe- 
ricolo cbe porlava quella terra , volle avere piii rispet- 
lo al bene universale cbe al suo particulare , vedendo 
cbe snbito cbe fusse partito , Ferrara si perderebbe per 
nou vi essere quelli provedimenti cbe vi bisognavano , 
per cagione di cbi gl' aveva avuti a fare cbe uon gl' 
aveva fatti. Sendo molto persuaso da' sua di casa e 
dagl' amici e da tutti , ed andoronvi certi mandatarii 
del siornor Oltaviano e del conte Guido a confortarlo 
cbe pigliasse partito di levarsi di quella aria , conosciu- 
to cbe portava pericolo della vita , non gli seudo torna- 
to il gusto , ed avendo dei conlinovo uno poco di febre 
lenta , come lasciano i piii de' mali di quegli pantkni ; 
non poterono appresso della sua Signoria i priegbi e 
conforti del signor Ottaviano ne del conte Guido suo 
figliuolo tanto da lui amato , ne d' ignuno de' sua ami- 
ci , sempre dicendo cbe bene cb' egli conoscesse il suo 
manifesto pericolo della vita , nientedimeno non vole- 
va essere cagione cbe quella citta s' avesse a perdere , 
conoscendo quanto questo caso importasse a tutta Ita- 
lia , e per la fede cbe aveva la lega in lui ; e cbe avu- 
ta cbe avessino i Viniziani Ferrara , non vi restava al- 
tro ostacolo iu Italia contro a quella potenza ; e che 
perduta Ferrara , si vedeva il manifesto pericolo nel 
quale si trovava il Marcbese di Mantova , ed il simile 
Bologna. Lo stato de' Fiorentini scndo tanto presso a 
Bologna , e confiuaudo con loro come fanno , avuta Bo- 



DLICA d' LRBINO. 1 43 

loaiia , i Fiorentini restavano a discrczioue , v. Faen- 
za e lc altre lerre di llomagna , delle quali non si e 
mai coulcso altro c con Giovanni Gaicazzo e con Fi- 
]ippo IMaria Visconti , se non pcr avcre rispetto clic 
fjueste terre non Ycuissiuo nclle forze dcl Duca di Mi- 
lauo ; e peggio sarcbbe cbe vcnissino oggi nclle mani 
dc' V^iniziani. Ora per questa pcrdita di i^errara si co- 
nosceva venire buona parte deUa Komagua e Bologna 
in mano de' Viniziani ; e b» altre tcrre cb' crano ia 
confini di qucUo di Lucca , cbc per qucHa via gli po- 
tevano ofTcndere di dare impedimento a Pisa , cd a tut- 
lo quello pacse , non sanza grandissimo pericolo de' 
Florenlini. 

4i. Ora mossa la sua Signoria , cb' era platosissi- 
mo e saplentissimo , per tutte qucsie cagloni , delernil- 
110 pcr salute universale , come e detto , di non si vo- 
lcre pcr nuUa partlrc dalla dlfesa di qucllo luogo , 
bencir cgli couosccsse esscre iu manifesto pcricolo del- 
bi vlta. E<1 istando in qucsto fermo proposito , non fu 
mai ignuno cbe lo poicsse pcrsuadere per ragloni cbe 
gli mostrasse cli' egli si partisse da Ferrara. Conoscen- 
do averue a scguitare la morte sua , volle plu tosto pl- 
gliare questo partlto di starc a Ferrara , a fine cbe noii 
si perdesse , cbe di partlrsi ed ella sl perdesse per sal- 
vare la vita sua ; e per non perdcre 1' onore , cbe gli 
sl potesse dlre cbe alle sua caglonl si fussc messa Ita- 
Ila in mauo de' Vlnlziani. Avcndo cosi fermo 1' animo 
suo , non sc^ndo P ari^ molto buona ne conforme a lui , 
cominclo alquauto a gravare nel male cou uua febre 
lcnue di quclla natura cbc sono le febri di quegli pan- 
fani. Scguiiando a qucsto modo , e conosccndosi ogni 
di pcggiurarc , comlnclo a attendcre alla cura dcll' ani- 
ma , e ordinare lutte le cose dello Slato suo , a fine cbe 



144 rEJ3ERlC0 

non avcsse a nascere iscandolo I^niano. Ordlno in que- 
sto suo fine cosi le cose ispirituali come le leniporali , 
che iufino a ogni rainiraa cosa volle che apparisse nel 
suo testaraento. Quanto al divino culto ordino che a 
uno monistero che e fuori d' Urhino circa a uno mi- 
^lio deir ordlne di santo Francesco dell' osservanza , 
che si chlama santo Donato , fusse fatta la chiesa di 
nuovo , ed il monistero acconcio tutto , che non vi 
mancasse nulla , come s' e dipoi fatto ; e volle per la 
sua divozione essere sepulto in quella chiesa allato al 
conte Guido. Non resto nel suo testamento a fare nul- 
la ne circa il divino culto ne circa il governo della 
casa sua , per lasclare quello Stato in laudabili con- 
dizioni , sanza che persona si potesse dolere deJla sua 
Sio"noria , com' egli fece ; in modo che la esperienza 
ha di poi dimostrato , che mai ne apprcsso della casa 
sua ne de' sua sudditi v' e suto uno rainimo iscanda- 
lo , tutto per la sua inaudita prudenza. Acconcie le 
cose che appartenevano allo stato del figliuolo , comin- 
cio attendere alla salute dell' anima sua , e confessossi 
piii volte come fidelissimo e buono cristiano , e fece 
ordinare tutte quelle cose che gli pareva che apparte- 
nessino alla salute dell' anima sua , e pigHo tutti i sa- 
cramentl della chiesa a tempi debiti , che fusse in buo- 
no conoscimento. E prestogli Iddlo grandissima gra- 
zia , che lutte queste cose fece con maturo giudizio , 
e bene esaminato di tutto quello che aveva a fare , non 
pretermettendo cosa ignuna che a uno fidelissimo cri- 
stiano si convenisse. E per avere fatto 1' abito buono 
delle virtuti , ed in quello avere perseverato infino al- 
la fine della vita sua , gli presto Dio la grazia che gli 
presto. Ed oltre a tutte V altre cose , v' erano le sua 
laudabili opere e piata inverso Dio d' amarlo e temer- 



DUCA D DllBlNO. 145 

lo , e coiiie (• clolto osscrvave tulic le cose clie s' ap- 
partenevauo al culto diviiio , e di ([uelle iiou ae prc- 
termcttere mai ignuua ; essere piatosissimo e clemeti- 
tissimo in tutte le cosc sua , ia modo clie si poteva 
ineritamente cliiamare padre e prolettore de' miseri e 
degl' afllitti. 

42. Passato che fu della prcsente vila , e fatli li sua 
cscquii onoratamente tanto quanto fu possibile , e por- 
tato il corpo suo a santo Donato , secondo che aveva 
lasciato nel suo testamento , d^dl' ordine di santo Fran- 
cesco deir osservanza ; di (^uello che aveva lasciato ri- 
mase la maggior parte nello arbitrio dcl signor Otta- 
viano suo fratello (i), nel quale aveva tutta la fede sua, 
per lo grande amore che s' erano portati sempre V uno 
con 1' altro. Grande parte delle cose appartenenti allo 
stato del figliuolo , per la singulare fede che aveva nel 
signore Ottaviano , lascio allo arbitrio suo ; ed amollo 
tanto , che volle che mancando il conte Guido inuan- 
zi a lui sanza figliuoli , fusse rede lui di quello Stato. 
Sarebbono molle cose degne di memoria , le quali si 
poti'ebbono iscrivere della sua Signoria , ma scrivendo 
la storia si fara menzione d' ogni cosn. Ho fatto que- 
sto solo infino qui per via d' uno brievc comentario , 
acciocchc^ sia memoria della sua Signoria cosi appres- 
so de' vulgari corae de' latini. Tutte le cose che sono 
iscritte in questo comentario , in buona parte 1' ho t^e- 
dute , sendo suto nella sua corte ; e quelle ch' io non 
ho vedute , 1' ho avute da uomini degnissimi che sono 
suti appresso alla sua Signoria. 

(i) Non fratello , raa strelto parenle , del duca FeJcrico es- 
sere stato il siguor Oltaviano , dimostrasi da B Baldi nella vila di 
Guidobaldo lib. I, p, 21-22, benche qiiasi comunemente fossero 
creduti fratelJi. 

I o 



146 FEDERICO 

Edificii fatti por 1' illiistrissinio si^iior 
Dnca d' Urbino Federico. 

La rocca di sanla Agata. 

La rocca di Pietra gialla. 

La rocca di Maiolo. 

La cittadella di santo Leo , dov' e il vescovado di 
INIontefeitro. 

La rocca e casa a nionte Cerignone. 

La rocca di pictra Robbia. 

La rocca del Sasso- 

La rocca del Tavoleto. 

Uno ponte sopra la Foglia di grande inole tra Ur- 
bino e IMondaino. 

La rocca di monte Felcino in quello di Fossom- 
broue , che e una grande cosa. 

La casa di Fossombrone , cbe per dare luogo e spa- 
zio allo allogare detta casa , e per ispianare la costa 
dove e posta , ha cavato uno moute , e vi sono suti gli 
operai dua anni. 

La rocca di santo Ippolito. 

La rocca di Moutalto che e di grande mole. 

II parco presso a Fossombrone , il quale e di cir- 
cuito circa a sette miglia , nel quale sono erbaggi as- 
sai , e rivi d' acque vive , dove sono moiti animali di 
aiverse generazioni , ma il piii daini. E restato im- 
perfetto uno bello palazzo ch' cgl' aveva cominciato a 
fare fabrlcare in detto pr.rco. 

Pvestauro Ponte moro presso al Furlo , e sopra il 
Metauro. 

Restauro un' altro ponte sopra il Metauro prcsso 
Fermignano. 



DUCA D URBINO. 147 

La casa d' IJrbino odlficio molto giande ed orua- 
lissinio di conci cd altii ornameuli. 

Fcce cominciare il duomo d'Url)ino, nel quale mu- 
ro parecclil mlgliaja di fioriin* ; e perclic restava imper- 
fetto , lascio nella morte sua al signor Ottaviano che 
desse ajuto alla fabrica accioccbc si lirasse a perfczione. 

Fece edificare in Urbino uno monistero di sanla 
Cbiara dell' ordine di Fuligiio. Istanno le religiose iii 
perpetua clausura , alle quali sovvcniva d' ogni cosa 
necessaria , e ci spese molti danari. 

Fece istituire in Urbino la religione ovvero com- 
pagnia degli Gesuati , per li quali spese piii e piii 
centinaja di ducati. 

Mise in Urbino nel monistero di santa Agata gli 
canonici regulari di santo Salvadore. 

Fece dare a' frati di monte Oliveto la badia di 
Galfa , la quale intendeva cbe si ristorasse , e voleva 
porgere alla sua restaurazione. 

Lascio in ultimo suo lestamento , cbe lusse rlfatla 
la cbiesa ed il convento di sanlo Donato , luogo di 
frati minori fuori d' Urblno , dove iu vlta sua aveva 
disegnato d' essere poi sepulto. 

La casa di castello Durante. 

II parco di castello Durante di circuito circa a 
mlglia cinque. 

La rocca della Pergola , edificio grandlssimo ine- 
spugnabile e molto bella d' abltazione. 

La rocca della Serra di santa Abuuda. 

La casa di Cagli. 

La rocca di Cagli. 

La rocca di Canziano , dove avcva falto comlncia- 
re una grandissima muraglia per accrescere la terra , 
cbe per la morte sua c rcstala imperfetta. 



148 FEDERICO DLCA d' LRBIXO. 

La casa d' Agubbio. 

Una fortczza in Costacciaro a salvameiito del ca- 
stello. 

Ristoro in Agubbio una fontana , detta la fonte di 
sauto Giuliano , dove spese piii centinaja di fiorini (i). 

5. ALESSA^'DRO SFORZA 

SIGNORE DI PESARO. 

I. IVXesscr Alcssandro Sforza fu fratello del du- 

ca Francesco di Milano (2) , e fu sii^nore di Pesaro , ed 

in lui furono molte singulari virtii. Fu prritissimo nel- 

la disciplina militare , nella cruale fece assai espcrien- 

za della sua virtii in piii luoglii d' Italia ed in Lom- 

bardia ed in Toscana , e ueli' acquisto dcl reame al 

soldo del re Ferdiuando Irovossi alla espugnazione di 

piii terre. x\ggiunse alla disciplina militare lettere , che 

fu litteratissimo ed amatore de' litterati , e sempre ave- 

va appresso di se maestri in teologia , e massime di 

questa ispeculativa di santo Tomaso d' Aquino , ed era 

molto ailezionaio alla dottrina sua ; e quando gl' avan- 

zava tempo , o egli si faceva leggere , o egli disputa- 

va con quello maestro in teologia , e con maestro Ga- 

sparino grandissimo fiiosofo. Della sua eulrata ordiuo 

una bellissima libraria. Mando a Firenze , e fece com- 

prare tutti i libri degni che pote avere ; di poi che 

(i) Tra gli autori , da' quali BemarJiQo Baldi ha preso noli- 
zie per la rita da lui scrilta del duca Federico , si mette T. III. 
p.584. Vespaslano N. ( spiego Jiotajo.) ^'ondimeno , clie il Bal- 
di dilYerisca affatto da Vespasiauo , lo conoscerauno i letfori. 

(2) Fu anche suocero del duca Federico d' Urbiuo, Vedi 
p. i53. 



ALESSANDRO SFORZA. 1 AO 

si logiiessiiio Luttl gli scriltori clio si potessiiio avcre , 
non guardaiido a spesa iguuna. Volle tutti i lihri de' 
quattro dottori latiiii , e di piii volle tutti i libri che 
si potevano avere de* grcci tradutti in latino ; lutte T 
opere di saiito Tomaso e di Buonaventura , Alcssan- 
dro , Scoto ; cd il siniilo tutti i pocti , tuttc le storie , 
libri in astrologia , medicina , cosmografia clie aveva 
bellissima di grandissima ispesa. Feccne fare a Mila- 
no , a Vincgla , a Bologna , e per tutta Italia , di na- 
tura che , non ch' ella fusse iibraria degna a uuo si- 
gnore di si poche entrate come la sua Signoria , ma 
sarebbe suta degna a uno re. Sonvi piii breviarii ec- 
cellontissimi o blbbic. Era infra 1' altre sua virtii di- 
llgcntisslmo in tutte le cose che aveva a fare. Mise 
uno uomo doltissimo con buona provisione sopra que- 
sta librarla , non perdono a spesa ignuna. Gondusse 
quesla libraria innanzi che morisse in gran numero di 
liln-i in ogni faculta. 

2. Era moho reh'gioso ed amatore de' poveri , e 
massime de' religiosi d' osservanza. Edifico uno degnis- 
simo monistoro da' fondamenti in Pesaro dell' ordine 
di santo Francesco d' osservanza , e 1' intitolo in santo 
Girolamo. Non volle che mancasse loro cosa ignuna 
appartenente al divino culto , cosi d' ornamenti della 
chiesa come di libri ; ed e cosi degno monistero , che 
sarebbe orrevole alle principali terre d' Italia , e vi 
stanno ventlclnque ovvero irenta frati. In santo Go- 
stanzo mise dipoi 1' osservanza di santo Domenico in 
Pcsaro , che non v' era , ed hanno uno degnissimo con- 
vento. Era liberalissimo con tutti i gentiluomini che 
vi passavano : che s' cgl' erauo persone di condizione , 
volova che alloggiassino in casa sua , e faceva fare lo- 
ro grandissimo onorc. Bastogli la vista alloggiare la 



i50 ALESSANDRO SFORZA 

'mneracloro con tiUta la sua compagnia , lia in casa 
snn c nclla tcria , e fecegli grandissimo onorc per es- 
serc dillgcntissimo in tnttc le sna cosc ,* e per questo 
onore riccvuto , gH dono 1' arme sua , e fcce moltls- 
simi pruilegi a tutla la casa gratis. Aveva appresso dl 
sc raoltlssimi uomini singulari cosi nella disciplina mi- 
litare come nelle lettcrc. Era la casa sua molto benc 
istituita ed ordinata, Tenne lo stato suo con grandis- 
sima riputazionc. Gon grande giustizia governava tutle 
le cose sua. Dava di sc in casa sua buonissimo csem- 
plo e dclla sua vita e de' sua costumi , percbe tutte 
r opcre sua erano volte a onore di Dio , ed al culto 
della divina religione. Fu pazientisslmo auditore a 
quclli che gli volevano parlare , e massime co' sua sud- 
diti i quali I" amavano assai. Favoriisua, adorno ed 
acconcio la tcrra , come si vede* 

3. Come e detto , nclla disclplina mllitare fu su- 
prcmo capltano , e di grandissima autorith colle sue 
genti deir arme , comc s' e veduto , in plii luogbi d' 
Italia dov' cgli ba militato ; e nello acquisto dcl rca- 
me , e nclla rotta cbe dette a Troja al duca Giovan- 
ni (i), scndovl il conle lacopo (2) con si dei^no eser- 
cito. Fu questa rotta , cbe dettc a qneste genti , de' 
maggiori fattl d' arme , cbe slano suti in Italia gia e 
liinoo tcmpo. Vcdnto venlre il slgnor Alessandro , 11 
daca Glovannl colle gentl delT arme dov' era lacopo 
slngnlarissimo capitano , sendo quelle del duca Gio- 
vanni e piii genti e raeglio a ordine cbe non eiauo 
qnelle del Be , trovandosi 11 Re avere perduto buo- 
na parte dello slaro suo , e la maggior parle de' si- 

(i) Glovanni d' Angib , figliuolo Jel re Rcnafo clie Vespasia- 
no chiama Rinieri. 

(2) Questi era figliuolo di Nicolb Piccinino. 



SIGNOUE DI PESARO. 1 5 1 

gnori nhcllatisi clalla sua Maosla , e sanza danari , de- 
termino clie fiisse qiiello d\ , clT egli perdesse qnello 
reame , o cli' cgli lo salvasse. Ordiiio il signor Ales- 
sandro le genli delT arme , e ginnto ed ordinato il 
modo d' appiccare la baltaglia , snbito venne alle ma- 
ni co' nemici ; ed avendo per loro prcso uno mon- 
te , la principal cosa cbe fece il signor Alessandro fii 
di torre loro quello monte. Appiccato il fatto dell' ar- 
me per torre loro il monte , si coml^atte per V una par- 
le e per V altra strenuamenle. In fine il signor Ales- 
sando tolse loro il monle. Fatto questo , il signor Ales- 
. sandro conoscendo avere fatto per quello di assai , d' 
avercrli ridotti dove aveva , volsesi alla maesta del Re , 
e conoscendo essere pericoloso il seguitare , gli disse 
essersi fatto per quello di assai. II Re cbe conosceva 
cbe quella era la giornata cbe lo salvava o lo danna- 
va, disse cbe 'I fatto delP arme si seguitassc. Sendo 
lutti ridotti nel piano , bcncbe vi fusse assai vantag- 
gio da quelle del Duca alle loro , nientedimeno il Re 
disse , io oggi saro re o saro nulla. Appicco il signo- 
re Alessandro il fatto dell' arme , e combatterono per 
piii ore strenuamente. Cominciorono le genti del Re 
a rompere le genti del duca Giovanni , ed il conte la- 
copo in quel di fece mal volentieri quello fatto dell' 
arme , non gli parendo potere vincere. Nientedimeno 
al duca Giovanni pareva , cbe se rompeva le genti del 
Re , il reame fusse suo. Istette in quella giornata , e 
scguito la vittoria , in modo cbe furono rotte le genti 
loro. Fece il Re ed il signor Alessandro il di una de- 
gnissima pruova , e fu questa rotta quella cbe dette il 
reame al re Ferdinando cbe 1* aveva perduto , e tol- 
sclo al duca diovanni cbe aveva la maggior parte. 
Puossi dire il signor Alessandro essere suto quello cbe 



152 ALESSANDRO SFORZA 

(icsse il icame al rc Ferdinando per la sua virtu. Rotte 
Jc pcnti dcl duca Giovanni , in poco tempo racquislo 
il Rc tutto il reame ; il duca Giovanni fu contento a 
partirsi ed andarsene in Fraucia. 

4. Merito in ogni cosa grandisslma comniendazio- 
ne il siqnor Alessandro , e fu il secondo capiiano clie 
avesse la sua eta , che congiungcssc la disciplina mi- 
litarc coUe lettere ; che il primo fu il Duca d' Urbi- 
no , ed il secondo fu il signor Alessandro. Non ha 
avuti r eta nostra se non questi dua ; chc c grandis- 
sima differenza d' avere congiunte V arme colle lettc- 
re , a non le avere. Trovossi nella sua eta a fare de- 
onissimi fatli d' nrme , e governare piii eserciti. E ncH' 
ultimo fatto d' arme , che fece alla Molinella con Bar- 
tolomeo da Bergamo , seudo a' servigi de' Viniziani , 
si porto strenuamente. Quello fatto delT arme duro da 
ore diecenove in fino a una ora di notte , e fecesi in 
modo che una parte e V nltra ehbe grandissimo ono- 
re, Ebbe , come e detto , somma gloria nclla disciplina 
militare , e in tutte le cose che aveva avuto a fare , 
cosi nel governo de' fatti deH' arme , come nello stato 
e uella casa sua. Come fanno i savi di lasciare i fatti 
deir arme , quando il tempo non li richiede , rispetto 
nlP eta , e riducersi alla vita della quiete , e ricono- 
scere se a se medesimo ; cosi fece il signor Alessan- 
dro ; lascio i fatti dell' arme , cioe lo esercitargli , e 
ridussesi al ofoverno dello stato che aveva , c dettesi 
con piii siugulari uomini che aveva in casa attendcre 
alle letlere , e massime alle sacre , ed a farsi leggere 
ogni di qualche lezioni , come e dctto , e dire tutto 
j" ufficio come i sacerdoti. Aveva dua breviarii, ed ogni 
mailina udiva messa , e dettesi in tntto al cnlto divi- 
jio , ed andare a visitare il Inogo di sanlo Girolamo 



SIGNORE DI PESARO. 153 

che aveva edlficalo deW ordine dl santo Franccsco dell' 
osservanza , come e detto ,• c conversava con rcligiosi 
e persone ispiritnali , e dava e faceva darc assai Hmo- 
sinc. Tutto il tcmpo suo lo spendeva in onore di Dio , 
ed in salute deU' anlma sua. Furono in lui tante vir- 
tii , che clii iscrivesse la vita sua , sarebbe degna d' 
eterna memorla. Ho fatto questo brieve ricordo accioc- 
che la memoria di si degno uomo non perisca , bene 
cli" io creda che sia iscritta da altri. 



6. GOSTANZO SFORZA 

SIGNORE DI PESARO. 



M, 



.esser Gostanzo Sforza fu figliuolo del signor 
Alcssandro , e fu litterato ed assai sperto nella disci- 
plina militare. Fu signore nel quale furono molte buo- 
ne condizioni. In prlma egli era volto alla rellgione , 
ed amava ed onorava i buoni. Rimanendo nello stato 
che gli lascio il padre , lo governo con grandlsslma 
dillgenza , e da* sua era molto amato. Piiformo alcuni 
monisteri di religiosi ; e massime sendo in Pesaro uno 
monistero di sanlo Francesco d' osservanza , volle che 
vi fusse ancora di santo Domenico , e rlformollo , e 
inisevi 1' osservanza , ed assai favoriva i rellglosl di 
buona vita e costumi. Acconcio molto Pesaro , e rife- 
ce mohe strade. A molti cittadini , a fine che piii vo- 
lentieri edificassino , donava loro il luogo dove aveva- 
no a edificare. Ordinovvi una belllssima rocca , e co- 
minclolla da' fondamenti , mirabile cosa , e con gran- 
disslmo ordine tutta edificata per sua fantasia. La li- 
braria , quale aveva lasciato suo padre il signor Ales- 
sandro , 1" accrebl)e in piii volumi di libri che v' ave- 



15A GOSTANZO SFORZA. 

va fatti scrivere , e molto era afFezioiiato alle lettere ed 
affP uomini litteratl. Tetievaiie alciini a provisione. Era 
lihcralissirao , e dava qiiello che aveva ; ed in quella 
terra non vi veniva uomo di condizione , ch' eali non 
volesse che tornasse in casa sua. Era in tutte le sua 
cose isplendidissirno , neJ vestire , in cavalli , in of^ni 
cosa. Era di helhssima presenza , e nella disciplina mi- 
litare si trovo a fare alcuna cosa degna. E se egli nou 
fusse morto cosi giovane , si sarebbe fatto nvW arme 
e nelle lettcre in ogni cosa prestantissimo uomo ; bene 
che in quella eta che mori , era moho riputato. Emmi 
paruto farne qualchc memoria in questo nostro comen- 
tario , di quello di che io ho alcuna notlzia. I signori 
mohe voUe sono riputati che faccino degl' errori (i) , i 
quali sono per colpa di chi gli e appresso , a chi egli- 
no sono costretti di credere. E per questo e vera hi 
sentenza di papa Nlcola , che usava dire che gl' era 
grandissima infelicita quella de' principi , che non en- 
tra persona drento alie camere loro che dicesse il ve- 
ro di cosa ch' egli intendesse. E papa Pio diceva , che 
ognuno andava voleutieri a Piacenza ed a Lodi , ma 
a Verona non vi andava pcrsona ignuna. 



(i) AUuJe forse Vespaslano allt rolta che cla Alfonso dnca 
di Calabria ebbe Goslanzo in Toscana con gran danno de' Fioren- 
tini a Poggio imperiale , d' ondc si era oslinato a non volersi ri- 
muovere. Muratori annal. d' Ilal. an. i479- 



155 

PARTE II. 

C A R D I N A L I 

DELLA SANTA ROMANA CIIIESA. 



'7. CARDINALE BRANDA. 



1. iVXeSser Branda Cardinale di Piacenza fu mi- 
lanese della casa da Castiglione , e fu anticliissiino cor- 
ligiano , infino al tempo del Cardinale degl' Acciajuo- 
li istette in casa sua ; fu uomo praticbissimo nelle co- 
se appartenenti al governo della corte di Roma , e po- 
che cose passavano d' importanza , che non volessino il 
parere e giudicio suo. E ricordami che sendo il conci- 
lio di Basilea , e cercandosi per p«pa Eugenio rom- 
perlo qiianto fusse possibile , avendosi a rispondere a 
certe bolle che avevano mandate a Firenze contro a 
papa Eugenio , hisogno fare ia risposta , e la commise 
papa Eugenio a certi Cardinali che V csaminassino be- 
ne , e di poi fatta che la fusse , si mostrasse al Car- 
dinale di Piacenza. Fatta la risposla , perche il Car- 
dinale era di mala voglia , glie la portorono a casa , 
e fessela leggere , e voUe che la lasciassino. Non gli 
soddisfacendo , la fece lui; che secondo tutti quegli che 
la vidono di poi , non si poteva levare ne porre ; e lu 
mandata la risposta a Basilea , chc ravviluppo il cer- 
vello a quegli del concilio , ch* era fundaia tulta in su 
testi di ragione canonica , della quale era dottissimo. 

2. Era in questo tempo d' eta d' anni novanta o 
piii , sanissimo del corpo , in modo che spesso anda- 



156 CARD. BRANDA. 

va a palazzo del Papa a pie colla famiglla. Era la vila 
(li casa sua modcstissima. Avcva in casa da trenta per- 
soue , fra le quali aveva dua nipoti , ch' egli faceva al- 
levare , e tencva loro dcgnissimo precettore. La vita di 
casa sua era vita coniuno , secondo si rlchiede a uno 
prelato della sua qualila. Avcva uno vescovo dottissi- 
mo suo nipote , cd crano in casa i sua uditori ed al- 
Irl uomini di condiiione. Fu allevato da lui 11 Cardi- 
nale Cesarini , clic fu si degno nella cbiesa di Dio , 
che il Cardinale di Piacenza usava dire che se la chie- 
sa non avesse altro che il Cardinale di santo Agnolo , 
sarebbe atto a riformarla un' altra volta di nuovo. Te- 
neva alcune mulc non molte in casa , cavalli no. I pre- 
lati e famigli , clie stavano con lul , bisognava che in- 
dovinasslno di vlvere costumatamente. In quello tcra- 
po i famlgli loro non avevano ne livree ne fiaccole ; 
i panni che portavano erano o azzurro o scuro o mo- 
scavollere , ed in capo iina berretta da prete con cer- 
ti cappucci in sulla spalla. Alla tavola del Cardinale 
manglava il vescovo , c si alle volte invitava o vescovi 
o qualche persona degiia ; a un' altra tavola mangia- 
vano i sua udltori e capellani ; questa era da rimpet- 
to alla tavola dcl Cardinale ; discosto a lui alquanto , 
mangiavano dua sua nipoti rltti , con uno tovagliolino 
in suila spalla. A tavola si leggcva a uso come fanno 
i frati. Manglato e renduto le grazie , si proponeva 
qualche quistione o dl teologia o casi di coscienza o 
di ragione canonica. II Cardinale proponeva e dispu- 
tava ancora lui , e sempre si disputava per dua ore o 
piii la mattina ; e la sera 11 Cardinale perche era vec- 
chio non cenava , solo pigliava una scudella di pane 
molle nella peverada del pollo , e beveva dua mezzi 
blcchieri di vino. GV ornamenti della eamera sua er*- 



CARD. BRANUA. 157 

110 foriali , iino scmplicc l(;tto con uno panno d' aiaz- 
zo , il lcttiiccio sanza clic^ vi fnsse nnlla sc non il ic- 
gnanie. L' usciale dol suo nscio era nno pozzo di pan- 
no azzurro , suvvi T armc sna cucila. 

3. Ricordami olio una scra avondo uno Hhro di 
Piero di Gandia , clie fu Papa (i) doU' oidine di santo 
Francesco e comento il Maestro dolle scntenzo , sen- 
do la sna Signoria a scdere iu su quollo lettnccio , in 
quelia camera non cra se non uno lume , clie 1' ave- 
va io , d' una candola di cera ; aveva tanto potente la 
natura , che sendo di piii d' anni novanta , non ado- 
perava occhiali se non la notte , e tenevagli in camera 
in una buca. Pigliando questo libro , mi disse cbe gli 
dessi gP occliiali clio non gP adoperava se non la not- 
te , cbe il di vi vedova sanz' essi leggendo. Fu il Gar- 
dinalo molto adoperato in piii legazioni dalla cbiesa 
di Dio , 0(1 in tutte ebbe grandissimo onore ; e non si 
vergognava predicare publicaraonte ne' luogbi dov' ogli 
era mandato. Fu molto volto a prestar favori agl' uo- 
mini dotti. Fece fare in Lombardia una libraria co- 
mune a tutti quegli clie dosideravano avore notizia dol- 
le lettere. Era nemlco d' ogni ispecie di vizio , e mas- 
sime aveva in odio i buoiardi : e ricordami cbe nno 
di uno di quogli sua nipoti disse nna bugia ,* torno il 
Cardinale , e mando subito per lo macstro cbe insc- 
gnava loro , e fo' ispogliare ignudo ii nipoto , e bat- 
lorlo in sua proseuza , accio cbe non s' avozzasse a es- 
sere bugiardo. In tutti i sua governi fu de' savi e de' 
prudenti uomini cbe avesse la corte di Koma ne' sna 
lenipi , cbe n' era copiosa di valcnti uomini. Fe' ripa- 
r^ire piii cbiese , e massime de' beneficj cbe aveya te- 

(i) AlessanJro V. 



158 CARD. BRANDA. 

nuti , e rt)i'iiille di paramenti ; e fece fare e compro per 
esse lihri d'i cantare ; e huona parte di quello n' avcva 
tratlo , ve lo riniise per questa via. Non mi distendo 
neir altre sua laudabili coridizioni per non essere Irop- 
po prolisso , e credo clie da altri iscrittori degni sia 
suto sopperito , meritandolo le sua singulari virtii, Una 
cosa non lascero , che io non dica , cli' egl' era di tan- 
ta autorita in corte di Roma e per tutta la chiesa di 
Dio ed appresso del PonteGce e di tutti i Cardinali , 
cho a suo giudizio o determinazioni che facesse , non 
era ignuno che non 1* approvasse , come uomo di gran- 
dissima autorita e riverenza quale era lui. 

8. CARD. ANTONIO DE' CORERI. 

I. lVJ.esser Antonio viniziano della casa de* Core- 
ri , gentile uomo e nipote di papa Gregorio , fu di san- 
tissima vita , e nella sua gioventii si fece frate insie- 
me con papa Engenio in uno luogo in Vinegia che si 
chiama santo Giorgio d' Alga. Fu mosso proprio da 
sraisurato amore che aveva alla cristiaua religione ed 
alla salute deU" anima sua. Istato piii anni in questa 
religione , accadde che il zio fu fatto Papa , e deter- 
mino fare messer Antonlo Cardinale , ed egli per nulla 
voleva acconsentire di lasciare la religione per esser 
Cardinale. Costretto dal Pontefice acconsenti con que- 
sto che volle che messer Gabriello fusse fatto ancora 
lui , che fu papa Eugenio , e cosi fu contento il Papa 
di farlo per suo amorc. Fatto Cardinale 1' uno e T al- 
iro , messer Antonio teneva in casa , lui e la sua fami- 
gHa , vita santissima e di buoiio esemplo. Di poi sen- 
do creato il concilio di Basilea contro a papa Euge- 



CARD. ANTONIO Di:' coiiErir. 1 59 

nio , v' aiulorono piu Cnrdiiiall , fra' qnali iu in(>.sscr 
Antonio. Chinmollo Cartlinalc di Bologna , ed in sna 
compagnia mcsser Grcgorio Corero siio nipole , gio- 
vane di niaravigliosi costnmi , doltissimo cd attissimo 
a scrivere il verso e la prosa , come si mostra pcr piii 
sua opcre. 

2. Sendo niesser Antonio , come e detto , al con- 
cilio di Basilea , questo suo nipote non aveva ancora 
anni venli ; ed avcva composla nna orazione al conci- 
lio, dove era alcuna cosa coutra a papa Eugenio. Sen- 
do il concilio ragunalo , messer Gregorio recito que- 
sta orazione , clie fu tenuta cosa maravigliosa da tutti 
quelli dcl concilio , cosi la materia in se , come il nio- 
do dcl pronunciare ; acquisto assai riputazione ; e se , 
il concilio avesse avuto autorila di creare Cardinali , 
de' primi creati sarc1)l)e suto messer Grcgorio. Passato 
alquanto (empo , il Cardinale torno a Ixoma insicme 
con aliri Cardinali clie erano andali al concilio , non 
de' minori , ne di minore riputazione , e grande parte 
del Collcgio. E messer Antonio a clie fine v' andasse 
ancora lui , non si puo istimare che fusse se non a 
Luonissimo fino , conosciuta la intcgrith della vita sua. 
Venne il Cardinale a Firenze nel lcmpo v' cra papa 
Eugenio , e fe' lutto quello che pote , di farc messer 
Grcgorio Cardlnale , e non pote niai otlcnerio , infino. 
a \oIcre il Cardinale rlnunciare al cappcllo p(?r darlo 
al nipote ; non vi voUe il Papa mai acconsentire , noii 
so la cagione. Ma tutte le virtii che si possono attri- 
buire a uno singularc uomo e di vita e di costumi , 
si potevano attribuire a mcsser Grcgorio. 

3. Aveva il Cardinalc di bcncficj dua badie , una 
in Padova cd una iu Vcrona ; le mise tutte a dua in 
osservanza , e conscgno a' monaci una parle dcU' en- 



1 GO CARD. ANTONIO 

trate , 1' altra si rlserbo per se , tanto clie potcsse \i- 
vere ; e fece in modo che dopo la vita siia le badie 
riraancssino liberc a' nionaci. Era d' anui piii di ottan- 
ta , erasi conservato insino a quello di in grandissima 
santita di vita e di costumi , e la sua fine lo dimostro. 
Partendosi papa Eugcnio da Firenze per andare a Pio- 
ma , il Cardinale fece pensiero d' abbandonare la cor- 
te , e andarsene a Padova alla sua badia , dove istava 
per islanza quando era di la. Istato a Padova alcuni 
mesi , fece ponsiero disporre le cose sua , ed avendo 
tenuto conto delT entrate cbe aveva preso de' beneficj , 
cbe aveva tenuti , anno per anno , deputo uno di de- 
terminato , cbe i procuratori di quegli monisteri ve- 
nissino al luogo dov' egli abitava ; e quivi aveva fatto 
recare in sur una sala grande arienti , libri , fornimen- 
ti di casa , infino a' panni del dosso ; e mandato per 
gli stimatori fcce inventario e stima d' ogni cosa, Fatto 
questo, fece arrecare i libri dove erano i conti di quel- 
lo che aveva avuto di quegii beneficj. Dipoi fece pi- 
gliare ]a stima di tutte le sua sustanze , e comincio a 
farle porre da uno de' lati , e seg no quello cbe vale- 
vano. Di poi ne pigliava un' altra parte , e faceva qael- 
lo medesimo. Fatto questo in presenza di quegli cbe 
v' erano per quelle badie cbe aveva tenute , di poi co- 
mincio a far chiamare uno di quegli cbe v' erano per 
quegli monisteri , e dissegli che pigliasse i libri ed 
arienti e paramenti secondo che aveva ordinato. Dipoi 
diceva loro , pigliate quelle cose e fatele portar via che 
le sono vostre. II simile fece a quegli altri cbe v' era- 
no per quell' altro monistero ; e innanzi che si par- 
tisse da sedere , dove istette piii ore , dispenso tutta la 
robba sua , e resto uno calice ed una pianeta , e quat- 
tro tazze d' ariento. 



de' corerf. I r> I 

4. Falto qucslo , e iatlo coiisc<^uare tutte qiicste co- 
se a questi monisteri , chiamo i paclri di (juesti luoglii e 
si dissc loro : io v' lio fallo dare tauto clie luoiita tauti 
dauari , e taulo lio avuto d' culrata di queslo beueli- 
cio il tempo clie V ho teuuto. Sc piii avessi , piii v' arei 
dato ; abhiatc pazieu/.a , e pregale Iddio pro uie. I frn- 
ti istettouo istupefatli di qucllo cbc avcva fatto il Car- 
dinalc , e riugrazioroulo iu iufiuito. Fatto (juesto , il 
Cardiuale si Icvo da sedcre , e riugrazio Iddio di cjuel- 
lo cbc aveva fatto. Impari ogui siguore o prelato di 
fare quello cbe ba a fare , come fcce questo Cardiua- 
le , cbe volle essere lui quello cbc lo facess(? , uou lo 
volle lasclarc fare alT erede. Visse di poi piii di mesi 
quattro , fatta cir ebbe qucsta dispensaziouc. A tutti i 
famigli di casa sua dava salario tanto il mese , e ogui 
mese gli pagava , e dua vestiti V aiino. Non voleva tc- 
ncre la fatica di persona. Dispcnso a' famigli cd a al- 
tre cause pie secondo cbe gli pareva gli dettasse la sua 
coscienza. Fiui la vita sua sautissimamente. Tutta que- 
sia dispcusazione udi' io da mcsser Grcgorio Corero , 
cb' era suo nipote , cd a tutto fu preseute , cb' era uo- 
mo deguissimo di fede- Questi souo di quc^gli prelati 
cbe aveva la cbicsa di Dio degui di ctcrna memoria ! 

9. NICOLAO DEGLI ALBERGATI 

CARD. DI SANTA CROCE. 



..M. 



.esser Nicolao fu dcgli Alhergati , c fu Car- 
dinale del titolo di santa Crocc di lerusalem : fu frate 
deir ordiuc di Certosa , e di poi vescovo di Bologna , 
e di uazionc bologuesc. Fu fatto Cardiualc da papa 
Martiuo sauza cbe ne sapcssc uulla. Fu di santissima 

I I 



1G2 CARD. NICOLAO 

vila costaiiii , porto sempve V a;>;io di Ceitosn coii 
\i!ia cnppa propio come portano i iVali inflno a ter- 
ra : dormi sempre in sur iino saccoue conie i fraii ve- 
blito , e non inangio mai carne per ignano tempo , ne 
sano ne infermo. Fatlo Cardinale mando per lui pa- 
pa Eiigenio , cli' era a Bologna , e stava con lui mae- 
stro Tomaso da Serezana , che {\i poi papa Nicola : fu 
de' sua allievi , e vegga ognuno maraviglioso uomo clTie 
lu I feeesi porre nome rsicolao per riverenza del Car- 
dinale, Andando a Roma , sendo oltre alla santita della 
vita , dottissimo in teologia , e avendo nolizia di ra- 
gionc canonica , avendo fama per tuito il mondo per 
la santita della vita , e grandissima autorita in ogni 
luogo ; desiderando papa Engenio mettere pace tra il 
re di Franeia e quello d' Inghilterra , e tra il re di 
Franeia ed il duca tli Borgogna , non conosceva uo- 
mo di maaaiore autorita del Cardinale di sanla Cro- 
ce , e per questo mando lui legato apostolico per com- 
porre aucsta paccs 

3. Andato il Cardinale di la , era eosa mirabile 
quanto quegli signori per la sua santita 1' avevano in 
riverenza , ed ii simile quegli popoli. Burovvi fatica 
grandissima per comporre la paee. Questi d' Ii»gliiiter- 
ra erano tanto duri , cLe non la pote mai conducere : 
eondusse quella di Francia e di Borgogna. Acquisto as- 
sai rlputazioue in corle di Roma , e per tutta la pro- 
vincia di Francia , e di Borgogna per avere Icvali via 
tanti inconvenienti , quanti seguitavano ogni di , e tut- 
to il paese si guastava. Torno a Koma con questa pace 
che aveva fatta ; gli fu fatto grandissimo cnore. E pnpa 
Engenio veduta la sua autorita che aveva pcr tutto do- 
ve egll andava , sendo nella Magna dilferenze e guerre 
tra piii signori , vi niaudo il Cardinale legato per faie 



DEGLI ALnEaGATI. 163 

(jiicstc paci : c gliinto tll la , c])be lanta iiiaiii(na coii 
lutti qiicgii signori , clic gli lc concliiusc , c il similc 
i\\ cngionc di grandissinio bcnc di Icvare tuUo qucllo 
j)aeso dalla gucira , thc n' cra picno. Acquisto assai 
pcr lo frutto che vi fccc , e non solo acquislo ncHa 
]NJagna , ma in corte di Ronia parve cosa maraviglio- 
sa , avendo avuto a fare con g(.'nti cosi istranr; , di po- 
tere riduc(n'Ie alla pace. 

3. Istato quivi alquanto tiMUpo , scndo conchiusa 
(>gni cosa, torno a Roraa con grandissiino onore. Aven- 
do paclficata la Francia e la Rorgogna , di poi andato 
nella Magna e fatto quello mcdesimo , volle papa Eu- 
geulo , che pacificasse Italia ; e per questo sendo la 
gueira istata pcr piii anni tra il duca Filippo e V\- 
nlzlani , si do^puto Ferrara pcr luogo di mezzo , dove 
fussino gli ambasciadori di queste potenze , e rimesso- 
no le loro difrerenze in papa Eugenio , e vollono che 
mandasse :l Cardinajc di santa Groce a Ferrara per 
essere mezzo di fare quesla pace. Istatovi pcr ahjuanto 
tempo , e disputate per una parte e per 1' altra le dif- 
ferenze ch' erano Ira loro , in Cnc il Cardinale come 
uomo di raezzo , e di grandlssinia autorita la conchiu- 
se , e pacificossi Italia con questo raezzo , che fu ca- 
gione di grandissimo bene : e se dclle dua passate paci 
ebbe onore c riputazione , di questa non poteva avere 
maggiore appresso a tutta Iialia e in corte di Roma. 
Neirandata sua di Francia, dove molti sogliono, quan- 
do eglino vanno ambasciadori , mcnare con loro quai- 
cuno per pigliare qualche ispasso , la compngnia che 
men() , fu don Nicolo da Cortona priore della Certosa 
di Fireuze uomo santissinio , dcl qualc nella vita di 
papa Nicola iie sono dctte tante lodi. Era il Cardinalc 
per lanti lunghi viaggi , quanli avcva fatti , molto in- 



1 64 CARO. NICOLAO 

f(;rinnlo , e pc' digiiini , e pcr non maiigiaic carno , e 
pcr lo ciiicio clic porlava indosso , e pcr dormlrc ve- 
slito sempre. Era per qnesto mollo angustiato da ^a- 
rie infirmita , le qnali sopportava con ismisurata pa- 
zicnza. Erano in corle di fioma molte difTercnze cbe 
nascevano Ira religiosi e allri ; tutte erano rimesse al 
Cardinalc , e colla sua honta e autorila le troncava tut^ 
tc. Partissi papa Eiigenio da Firenze , e ando a Bolo- 
gna , dove istette per alquanio tcmpo. Era la casa del 
vescovado tutta gnasta. Giiinto il Cardinalc a Bologna , 
coraniise a maestro Tomaso cbe la facesse acconciare a 
necessita'non a pompa , e fecevi edificarc grande parte 
di nuovo , dove ordino nna buona e laudabile slanza 
per'uno vescovo , come si vede fino al prcsente di. 

4. Istato papa Eng(*nio per alquanto tempo a Bo- 
logna , si parti e ando a Ferrara ; ordino cbc i Grecl 
passassino in Italia per fare T unione , come fcce. Ista- 
lo a Ferrara si parti , e ritorno a Firenze , dove isiet'- 
tc per alquanto tempo ; di poi volendo ritornare a Ro- 
ma , si pnrti da Fircnzc , e andos.sene a Sicna.JSendo- 
vi r acque triste cbe tcncvano di grosso e del gesso , 
il Gardinale di santa Croce ammalo di febre con nno 
veementissimo male di pietra. \ cdutosi ammalato , su- 
bito ordino e dispose dclla robba sua , bcncbc non nc 
avcsse molta , percbe dava assai pcr Dio. Lasclo alla 
Certosa di Fircnze piii libri , infra quali fu una bib- 
Lia , cb' era costa ducati cinquecento , e volie c:be il 
corpo suo fusse seppcllito quivi , dov* egli aveva gran- 
dissima devozionc pcr rivcrenza di fraie Nicolo da 
Corlona, del quale abbiamo scritto innanzi. Sendo gra- 
'xato di quesla sua infirmiia , v' crano piii medici , e 
non conoscendo esscrvi rin\edio ignuno , se non uno , 
c qucllo era pericoloso , di berc uno biccbicro si san- 



DEGLI ALBERGATf. 1 G5 

gue di bccco , andantlo al Gardinalo coii qucsta deli- 
Lerazionc , la nogo pcr ispresso , diceiido in prinia , 
e' sono tanti anni clie io mi fcci monaco di Gertosa , 
e mai non ho rotta la nila rrgola , al prosente io s6 
che questo non e rimedio chc mi possa III)erare , co- 
noscendo la raia infirmita , e la iiatnra sua ,* e per nul- 
la , per non volere romperc la sua regola , non lo vole- 
va fare. Papa Nicola non veniva mai a questo passo di 
tanta costanza d' animo , quant' era nel Gardinale , ehe 
non lacrlmasse. Fatto questo atto , si volse a altendere 
co" rcllgiosi e santissimi uomlni che aveva appresso di 
lui , che credo vi si trovasse Domenico da Gortona , e 
stando a questo modo pcr alcuni di , santisslmamen- 
te com' era vivuto , rend^ V anlma al suo Eedentore, 
IVIorto che fu , maestro Tomaso volle che fusse ispara- 
to per vedere la pletra ; era di grandezza quanto un' 
uovo d' oca , e di peso oncle dlciotio. Venendo mae- 
stro Tomaso a Firenze dipoi la morte del Gardinale 
la reco seco , e dettemela in mano a dlmostrare la pas- 
sione che aveva sopportata il Gardinale , e che i me- 
dici se ne ingannavano ; che non solo era difficlle a 
romperla , ma impossibile. Questa vlta di si degno uo- 
mo chi bene la considera , vedra in lui una mirabi- 
le e inaudita vlrtii in tutte le condizloni , che si pos- 
sono attribuire a uno uomo degno. E chi blaslma li 
prelati , vegga gli uomini degni che la Ghiesa ha avu- 
ti in tutte le condizioni , e uniti , e buoni , e giu- 
sti. E degli altri che non vivono secondo Iddio , n' 
abbi compassionc , e preghi Iddio che allumini loro 
r intelletlo. 



1 ()G 

lo. GIULTANO CESAKINI 

CARn. DI SANTO AG?;OLO. 

I. lYJLessPr Giullano Cesarlni fii Cardlnale dl san- 
to Agnolo , de' Hegiii nomini clie avessc il collegio de' 
Cardinali. Fu figliuolo d' niio povero uomo clie man- 
dollo molto aiovane a studlare a Peru"fia , ed accon- 
ciossi pet* ripelitore in casa i Buonlempi. Teneva in 
quello tempo Braccio Perugia rccellentissimo capitano 
mantovano. Suo luoofotenrnte in Peruoia fu Biodaccio 
da riicasoli gcntilissimo uomo , e litterato , ed amatore 
de' 1 Iltei^ati. Messer Giuliano da casa sua nou aveva 
tauti danari che si polesse a fatlca vestire e calzare. 
Usa\a in casa Bindaccio , e facevali grandissimo ono- 
re , i)encli6 messer Giuliano istudiasse in ragione ci- 
vile , sendo di prestanlissimo ingegno. Avendo data 
opera agli sludii d' umanita , diceva bene in versi ed 
in prosa ; faceva versi , e donavagli a Bindaccio : egli 
gli donava quando uno ducato , quando un' allro , pcr 
sopperire a' sua Lisogni : e perclie era studlosissimo , 
non perdeva mai tempo. La notte gli mancava alle vol- 
te il lume , e non ne poteva avere tanto clie potessc 
istudiare ; clie la sera quando si levavano da tavola i 
candelieri dov' ecfli istava , ra^unava certo se^o , clie 
v' avanzava , e peruoli di candele , e con quelli sop- 
periva la notte a studiare. Piii sono quegli che si fan- 
no singulari uomlni jiella poverta , clie nelT abbondaji- 
za dclle riccbezze. Era lo 'ngegno suo diviuo , avendo 
a studiai'e a libri accattaii , non ne potendo compera- 
re , gli pareva male a fare la memoria in su i libri 
d' altri , e mostrommi tutti i testi di legge , chc per 
ispendere poco avcva comperati ; quelle che si chiama- 



C\llD. GIULIANO CES.\RI?C[. 1 GT 

110 pandetlc , clie sonn tt .sti sanza cliloso ; e di sua ma- 
no, ch' cra gciitilissimo scrittoic , gl' aveva clilosatl lut- 
ti , clie v' era stato drcnlo uno lerapo maraviglloso. II 
simile avcva lctture di sua mano, e ricolette ricoltc sot- 
to i dottori , dov' egli udiva , com' e usanza dcgli sco- 
lari diligcnti. Era in quello studio molto riputato per 
le sua inaudite virtii. 

2. Partitosi da Perugia , prcso cli' cbbe il grado 
d* essere dottorato , se ne venne In corte di Roma , ed 
ando a stare in casa del Cardlnale di Placenza , ch' cra 
uomo dl grandisslma autorita e riputazione , e comin- 
cio a dimostrare la sua virtu in cortc; di Koma , dov' 
era il fiore dcgl' uomini singulari. Istando a questo 
modo , fu fatto Cardlnale , ed in questa degnltii dlmo- 
stro ogni dl piii le sua vlrtii. Sendo creato il conclllo 
di Basilea , cd andandovi la magglor parte del colle- 
gio de' Cardinali , fra' quali v' ando santo Agnolo , e 
sendovi tanli uomlni si del colloglo come d' altre de- 
gnita e dl corte di Roma c di tutti i crlstlani , dl con- 
sentimento di tutto il concilio , avendosl a fare uno 
presldente , fu eletto messcr Giuliano Cesarlni per lo 
plii singulaie uomo cbe vi fusse , e plii dotto , e plii 
sufficiente , e per lo mlgllore in tutte le condizioni cbe 
fussc in quello concib*o. Dopo lungbe disputazioni fu 
cbiaro a lutto il mondo , cbe unlto e d' accordo tutto 
il concillo lo voUono fare Papa , e privare papa Euge- 
nio. Non volle mai acconsentlre , ma sempre lo danno 
loro , e volle rimediare a molte cosc , cbe non pote* 
Veduto il grande inconveniente cbe ne segultava , e 
non vi potcndo rlmedlare , gli parve cbe non vi fusse 
altro riniedio cliC la sua partita dal conclllo. Conoscen- 
do che bisognava solvcre il concilio , e cbe non si po- 
teva farc , isiandovi la aua Signoria ; prese per partlto 



168 CARD. eiULIAKO. 

parlirsi , c veiiirsene a Fircnze , dov' era pnpa Euge- 
iiio , pregato ed esortato e dalla sua Sanlita , c da tulto 
il collcgio de' Gardinali , e da tulti i principi d' Italia , 
perclje era gran cosa partirsi uno signore di lanta au- 
torila quani* ei'a il Caj-dinale di santo Agnolo. Giunto 
a Firenze , nclla sua entrata gl' ando incontro tutta la 
corle di Roma , che noji vi rimase pei'sona , che non 
andasse a onorarlo ,* tanto era amato ed onorato da 
ognuno pcr tanle virtii quant' crano in lui. 

. 3. In questo luogo , prima che noi andiatno piii in- 
nanzi , mi pare da dovere dire alcuna delle sua virtli 
a nie note , dell' altre n' avcva infiniie. In prima era 
fci-ma opinione in corte di Roma , e dov' egr ei'a sta- 
to , lui essere \ei'gine; dormi sempre vestito con uua 
camicia di rasaccia ; digiuno sempre il venei'di in pa- 
ne ed acqua , digiunava com*€ra consuetudine tutte le 
vigilie , e la quaresima dello avvento la faceva , oltre 
air altra , e digiunavala ; diceva 1' ufficio del matuti- 
110 5 sempre la notte si lovava , ed andava a chiamare 
il cappellano che lo dicesse con lui ; il piii delle volte 
Ja notte lo diceva nella chiesa de* Servi , che abitava 
quivi , ed aveva fatta fare una scala , che andava dov' e 
oggi il corpo di Gristo ; usciva di camera , ed andava 
su per quello nndito di sopra il chiostro , ed andava 
per quella scala in chiesa , e quivi diceva matutino e 
prima e terza. Dipoi aveva in casa uno sacerdote san- 
lissimo e intendentc, di nazione ledesco, vecchio e pro- 
valo , confessavasi ogni maltina da lui , ed ogni mat- 
tina diceva messa ; non mancava mai la confessione 
ogni mattina. Aveva da natura una inaudita liberalita 
di dare per Dio tutio quello che avcva , e piii che po- 
leva ; c non vi andava mai persoua , che non portasse 
quello che domandava . e non si pariisse contento da 



CESARINI. 160 

Ini ; in moclo clie scndovi uno di certi frali d' osscr- 
vanza , avcndo avule le limosine chc domandavano , c 
partcndosi , sendo io quivi con uno suo cameriere , che 
era simile al padione , mi disse : se tu \edi che Mon- 
signore vada nno di a palazzo sanza mantello , non le 
ne maravigliare , pcrch* cgli da per Dio quello ch' egli 
ha , e (|uello che non ha ; ed in ({uesto modo sovve- 
niva a tutti i hisoirnosi. 

;{. S(;ndo islato a studio , e patita la nccessitji dctta 
d' innanzi , aveva piata de' j)Overi scolari : e pcr quc- 
sto ncl tempo che fu a FircuKc , volle intcndere sc iii 
corte di Roma , o iji Firenze , che c' cra uno degnis- 
simo studio , v' era ignuno giovane povero , che non 
potesse seguitare gli studii per poverta , e fusse di Luo- 
no ingegno. Mandato per loro , tenevagli in casa dua 
e Ire mesi per vedere se il giovane era atto a impa- 
rare , e per iutendere la sua vita e sua costumi ; e fat- 
10 questo , se conosceva esser huono , e di huoni co- 
slumi , gli comperava tutto il corpo di ragione civile , 
dipoi o a Perugia , o a Boh^gna , a Siena , dove piii 
lo scolare si contcntasse , gli pagava alla Sapienza quel- 
lo che si paga , per auni sette , e davagli testi di ra- 
gione civile e canonica , secondo quclJo iu chc voleva 
studiare , e donagli parecchi ducati pcr le spese , pcr 
fino alla Sapienza , dove aveva andare , e vcstivalo , e 
calzavalo di panui couvenientl. Fatto chc aveva quc- 
sto , lo chiamava , e diccva : vien qua flglluolo mio , 
io ho fatto a te quello , che non fu fatto a me , solo 
a fine che tu diventi uno valente uomo : sopra tutto 
ama e temi Dio , e facendo cosi , ogni cosa ti succe- 
dera bene ; mentre che io sono vivo , sempre in ogni 
tuo bisogno richiedlmi , chc mai non ti manchero di 
nulla. Fece in questo modo « parecchi glovani , lanti 



170 CARD. GIULIANO 1 

qnaiu' egli ne trovo , clie avessiQO queslc condizioni 
(Irttc. Qiioste sono le \ere e biione liinosine, e quello 
chc (Jc\e farc ogni dejrno uomo che lia il modo ; ri- 
cordando a (hi.Icggera (|U(?sta vita , che il Cardinale 
non nvcva enirata ignuna , sc non il cappello , e il ve- 
scovado di Grosseto , e uon volle altro. Viveva in casa 
parcissimanicnle sanza alcuna sontuosita ; per se era 
alieno da ogni ponipa,* credenza non faceva fare. Qnan- 
do mangiava , non voleva se non una vivanda sola. 
.Allc volte mangiava solo in camsra : arrecato ch' era 
quello che aveva a mangiare , pigliava V acqna alie 
niani sanza volcre , che persona istesse ginocchioni ; 
solo dna pigliavano la tovagliola , e uno ii bacino ia 
mano sempliccmenle. Posto ch' era a tavola voleva che 
ognuno , da dua o tre iscudieri in fuori che ne sta- 
vano a servirlo , il resto andassino a mangiare ; il viuo 
che beveva mctteva tanto , che copriva a fatica il fon- 
do della lazza , dipoi V empiva d' acqua , di modo ch' 
era acqr.a tijU^*. 

0. j.a casa sua cra la piii ordinata di corte. La sua 
cariia era tanta e lale , che mi confondo in me mede- 
simo quando vi penso. Intervenne , che la prima estate 
che fii a Fircnze , tulta o la maggior parte della sua 
if^miglia ^l' infermo. Uso loro quesla inaudita carita : 
in prima ordino a ognuno chi lo governasse , e che i! 
medico lo visitasso ogni-di dua volte , la sera e la mat- 
tina , ed ordinaio allo speciale , che dcsse tutto quello 
che bisognava. Volh^ cha fussino proveduti delT ani- 
nia , AoIIe che si conf(^ssassino subito che infermavano. 
Diro qni una sua inaudita umilta ed irumensa carita : 
egni di dna volte andava a visitare tulti quegl' infer- 
ni; , la maitin<\ c la sera , a vedere che non mancasse 
loro nulla. Che (liro io piu ? Era ammalalo il famiglio 



CESAIUNf. ^^^ 

del famiglio della stalla , ch' era il piii vilo uomo di 
casa , e nel medesimo modo andava a liii , come agh 
altri. O inaudiio amore I o carilh immensa ! clie ci ri- 
raango drento ismarrito , a ([uello clie faccva la sua Si- 
gnoria , a qucllo cbe si fa per i piii. 

6. Vegniamo a qucgli cli' crano in tcrminc , clie 
avevano bisoirno d' cssere aiutati nello stremo deUa vi- 
ta loro. lo vidi in casa il Gardinalc stare in fiue di 
morie uno suo segrelario di Lombardia , cbe si cbia- 
mava messer Bartolomeo Battiferro ; il Cardinale sem- 
pre gli stette allato , e in ultlmo ncl suo transito vidi 
il Cardinale in sul lctto a sedere , cd il capo di quel- 
lo suo cancelliere essere allato al viso suo , confortan- 
dolo del continovo nel suo transito , e volle morire nel- 
le sua braccia , innanzi cbe si partisse mai da lui , c 
in sul letto volle stare lui solo. Noti ognuno T ardente 
carita di questo signore quanto ella era mirabile , c di 
grande esemplo. Diro in questo luogo ebe io bo avu.» 
to notizla di santissimi uomlni , ma in tutte le lauda- 
bili condizionl non vidi mai il siniile conrc* il Cardi- 
nale di santo Agnolo , cosi degno d' imitazione. Ver- 
gogninsi que' prelati , ne' quali non sono le laudabili 
condizioni cb' erano in lui , cbe furono tanlo degne , 
cbc uso dire il Cardinale di Piacenza , uomo di gran- 
dissima autorita , cbe se la cbiesa di Dio fusse perita 
tutia , e fusse restato solo 11 Cardinale di santo Agno- 
10 , lui solo era sufficiente a riformarla di nuovo. Se 
la vita sua fusse scritta in latino , cd ella si vedessc , 
si giudicberebbe essere cinquecento anni , cbe la cbie- 
sa di Dio non ebbe uomo simile a lui. Per quesle li- 
mosine cbe dava , e per sovvenire a' poveri , come fa- 
ceva , quando non Lastavano le sua entrate , piii volte 
gli vidi vendere libri , solo per soppcrimcnto delle li- 



1 72 CARD. GIULIANO 

moslne , i libri cirerano doppi , e di quogli che noii 
avcvn ])isoo:"0. 

^. Eraiio in casa siia molte persone degnc ^ sopra 
lutto di buoni e laudabili costunii : di Irenta persone , 
che v' crano , da quindeci famigli iu fuori , gli altri 
erano tra cappellani e uomini da bene , che n' aveva 
copia. La pompa , com' e detto , era aliena da lui , per 
che aveva tante virtii , che queste erano il suo orna- 
mcnlo. Teneva circa diciotto o venti mule , e quando 
andava a palazzo , come fanno i Cardinali con la fami- 
glia , quando era entrato al Papa , tutti i famigli s' an- 
tlavauo a spasso : e perche il Gardinale istimava assai 
il tcmpo , quando era iscavalcato , e veduto che non vi 
s' avesse a fare nulla , o che ii Papa fusse occupato , si 
tornava a casa : ed jntervenne piii volte , che volendo 
andare a casa , non v' erano se non i cappellnni : non 
se ne curava , per non avere la coda drieto , ma mon- 
lava a cavallo con quegli cappellani, ed andava da san- 
ta Maria novclla inQno a* Servi , dove istava per istan- 
za , a quello modo. Era pazientissimo , ed amatore mol- 
to de' buoni , e non cessava mai da confortare ed esor- 
lare ognuno a fare bene , ed i Giudei da venire alla 
cristiana religione. Era a Firenze a suo tempo uno me- 
dico ebreo , assai dotto nella sua legge , chlamato mae- 
stro Giovanni i\gnolo , e fu di nazione spagnuolo. Al 
Cardinale dispiaceva che fusse giudeo , ed ogni di non 
faceva mai altro che stimolarlo che si facesse crisliano ; 
e lanto gli ando appresso , ch' egli lo condusse a esse- 
le contento al battesimo. Adoperovvisi drento assai an- 
cora messer Giannozzo Manetti per avere perizia del- 
la lingua ebrea , iu modo che conchiuso che V ebbe il 
Cardinale a esscre contento , volle che si battezasse uno 
di solenne in santo Giovanni , e richiesc messer Agno- 



v^ I-. 



iFSARINI. 173 

lo Accmjiioli , c mcsscr Giaiinozzo Manelii , iuslcim» 
con la sna Signovia a toncrlo al battcsimo , c cosi fc- 
ciono il Cardinale con tjnosti diia , avondo Tatto faie 
in sanio Giovanni sopra la fonte grnnde , nno I)cllo ap- 
parato coperto di panni , e quivi il (^ardinale di sna 
niano lo battezzo , e fccc tutte le cerlnionie del hatlcz- 
zare. Bailezzato che fu , il Cardinale V aveva fatto ve- 
stlrc tutro di nuovo di rosato , e partitosi insienie con 
questi clttadini , e col Giudeo ])nttezzato , n' ando a* 
Servi , e qulvi fece nno bello convilo , per avere rl-^ 
dotto costui al vero lume della fede noslra. Volie che 
istesse in casa colla sua Signoria , c sempre voleva che 
niangiasse alla sua tavola , e facevagli nno onore estre- 
nio t fecegli dare nna delle princlpali camere che v' 
€rano , e dcttegli uno famiglio , e dua cavalcatuje , ti 
volle che lornasse del continovo in casa sua , e noii al- 
trimenti lo tratlava , che se gli fusse isfato figliuolo, 
<Jnesli sono de" frutti , chc debbono fare i prclati del- 
la iihiesa di Dio ! 

8» Amava assai , come e detto , tiittl quegli che co- 
nosceva vivessino secondo Iddio. Era ed c ancora oggi 
una compagnia nello spedale di Lcmmo , che e intir- 
tolato in santo Girolamo , che si ragunavano c ragu- 
nano ogni sabbato sera , e dicono certo uificio , dipoi 
fanno la disciplina , ch' era nna devota cosa , e ma5- 
sime a quello tempo, che v' erano molti nomini di con- 
dizione e di maravlgliosi costumi. Inlesa la fama loro , 
1 piii de' sabbati v' andava accompagnato con dua o tre 
di easa. Dlpoi com' egli era entrato drento , licenziava 
qtiegli clie r avevano accompagnalo , e tornavano per 
lui air ora che aveva ordinato. Entrava neU' oratorio , 
e fatta la sna devozione , si poneva al desco del go- 
vernatore ,. e volcva che gli stesse allato , ed istava a 



1 74 CARD. GIULIANO 

liuto runicio, e faccva la dlsciplina come gl' altri. Era- 
no in qiiello tempo quando veuivano all' atto della di- 
sciplina tanti pianti e slDgliiozzi e tanta mirabile devo- 
zione y che non e cuore si duro , che non si fusse mos- 
so , e inassime quando parlava Bartolomeo di ser Be- 
nedetto , cbe per essere buonissimo uomo e devotissi- 
mo , ed avere una lingua onnipotente , non e uomo 
per duro cbe fusse , cb' egli non avesse fallo muovere. 
Aveva il Cardinale grandissima devozione in qucsta 
compagnia , comc e detto. Sendo io di non molta eth , 
uno di andando alla sua Signoria , mi domando sc io 
ero iii compngula ignuna di quelle di Firenze de' fan- 
ciulli. Rispuosi di no. Vedete carita inaudita di signo- 
re , cbe mi disse : io vogllo clie tu entri in quella di 
ser Antonio di Mariano , andrai da lui da nna parte, 
e cosi fecl. E questo io bo dettc , percb' egl' aveva cu- 
ra non solo delle cose grandl , ma delle minlme nella 
salute del prossimo. Domandommi poi , se io volevo 
essere prete , cbe mi aluterebbe cbe io potessi istudia- 
re , e di uno bcneficio cbe io potessi vivere; dlssemi , 
cbe io vi pensassi su quindeci di. Nella fine de' quin- 
deci di mi domando quello cbe io voleva fare. Rispuo- 
si , cbe io non volevo essei^e prete. Rispuosemi , cbe se 
mi poteva fare altro bene , V arebbe fatto. Non era ia 
lui altro cbe carita ed amore. 

9. Voleva cbe la sua famiglla fusse onestlssima , e 
cbe air ave Marla ognuno fusse in casa , ed egli in 
persona andava alP ave Maria a fare serrare la porta , 
e la cbiave faceva portare in camera sua. Intervenne 
uno dl , cbe uno suo famlgllo era passato dall' uscio 
di uno clttadlno di la d' Arno alcuna volta : questo 
venne a doiersene al Cardlnale : subito intesolo lo fe- 
ce cbiamare in sua presenza , e comandogli , che non 



cr.s\i\iM. 17 5 

solo iinn gli passasse dall' uscio , iiia che ci^li iioii |);is- 
sasse AriiO tli la dov* cra la casa siia , v. conic viiW lf> 
passisst; , pigliasse liccnza a siia po«l;i. lotcrvcnnc. cIk^ 
cosrui non pnsso Arno , nia andavn in iioo luogo clic 
cra dirinipcl'0 alla casa sua , nia niollo dfscoslo, c fa- 
cevalo piii tosto pcr dispctto , clie pcr altro. Ritoi-no 
il ciltadino al Cardinale , e dissc^li quello clic avcva 
latto. Subilo inteso , lo fece chianiaic , c si gli disse : 
flgliuolo mio al)l)i liccnza , perchc io non ti voi^lio piii 
iu casa ; pcrche tu vuoi vivcre a tuo niodo , e sccondo 
clie li pare , e io voi^lio chc lu viva in modo clie non 
vi sia ue 1' offcsa di Dio nc dcgl" uomini dcl mondo : 
e subito bisogno che si partisse. Andava semprc la sua 
Sli^noria ordinando ]e cose , che non avevano ordine , 
e massime qiielle dove sl disputava i' onor di Dio. Non 
gli parcndo che ne' Servi si vivesse con qucllo tiinore 
di Dio che arcb])e volulo , ne fu con papa Rugcnio , 
che molto cra volto che tutte le religioni fussino d' os- 
servanza. Ordino con la sua Santita riformare quello 
hiogo , c mettervi 1' osservanza , c tulti i frati chc v' 
erano gli mando via , che non ve ne rimase solo uno , 
e messcvi una degna osservanza dcl medesimo ordine , 
ed institiii quella casa come casa di religione ; e tut- 
to il teoipo che istelte in Firenz(i ve la conservo , ch' 
erano dua degni monasteri santo jMarco , e questo in 
qnello tempo. 

1 o. Altendcva il Cardinale a fare ogni cosa che 
poicva per salule dcir anime di qaegli , i quali col- 
la sua autorita potcva inducere a bene opcrare. An- 
dava ispesso alle camere de' sua servitori , e masslmc 
ad alcune ore istraordinarie , c domesticamente doman- 
dava quello che facevano. Uno di entrato in camera 
d' uno suo segretarlo , che avcva in mano uno libro , 



17G CARD. GIULIAr«rO 

clio si cliiauiava 1' Erm<^froclita , fatto dal Panonnita. 
SnI)ito ch{? vicJe il Carclinale in camera , gitto il libro 
che aveva in mano drieto a nna cassa , e non pote fare 
si accortamente , che il Carclinale non se ne avvedes- 
se. F.ntrato drenlo il Cardinale in camera di questo se- 
gretario , lo domajulo qiiello che leggeva. Vergognan- 
dosi istava sospeso a dirlo. II Gardinale ridendo , cli' 
era molto allegro di sua natura , disse : tu V hai get- 
lato drieto a quclla cassa ; e confesso esser vero. Dipoi 
ve lo cavo , e con grandissima vergogna lo mostro al 
Cardinale , il cjuale lo riprese modestamente , dicendo- 
gli che non era bene che lo leggesse , sappiendo chc 
v* era iscomunicazione papale a chi lo leggesse fatta da 
papa Eugenio ; dipoi glie lo fece pigliare , e volle che 
lo stracciasse , e cosi fece. Istracciato che P ebbe , ri- 
dendo gll disse : se tu ra' avessi saputo rispondere , per 
avventura non V aresti istracclato : la risposta che tu 
mi dovevi fare si era , che tu cercavi una pietra pre- 
ziosa in uno monte di letame. Uso questa gentilezza , 
perche questo giovane non si isbigottisse , e non isti- 
masse che il Cardinale P avesse in cattiva opinione. 
Di queste gentilezze ne usava assai. Intervenne uno di , 
che andando a palazzo , per trascuraggine uno suo fa- 
miglio o per negligenza perde una mula , la quale egli 
stimava. Sendo perduta , e tornando a casa il Cardi- 
nale fece chiamare questo famiglio , e domandollo del 
modo che s^ era perduta. Intesolo , il Cardinale stette 
alquanto sopra di se , innanzi che rispondesse ; dipoi 
se gli volse , e si gli disse : e' si vuole far diligenza 
ch' ella si trovi , se si puo Irovare ; se non , aremo 
pazienza ; dipoi lo licenzio. Eranvi alcuni in camera^ 
che si maravigliorono di tanta pazienza. 11 Cardinale 
per cbiarirc le menti di tutti , dissc : voi vi saretc ma- 



CESAF\L\I. 177 

raviglinil clcl .soprasedere clie ho faUo a rispoiidcre ; 
io lo fcei a questo fliic , di volere , iiiiiauzi clie gli 
rispoudcssi , clie la ragioiie fusse ritornaia uel luogo 
suo ; tornata cli* ella vi fu , ed io gli rispuosi. A que- 
sto modo sono fatli i savi , che nou si rom pono pcr 
cosa ignuna, Era il Cardinale di complossione sangu i- 
neo e collerico , clie si adirava volenlieri , ma tempe- 
ravala in questo modo detlo di sopra. In ogni operfl- 
zionc sua dimostrava la sua virtii. 

I I. Amava , come e dctto , i Luoni e onoravagli ia 
qucllo che poteva , e massime voleva benc a gli uomi- 
ni che non sapevano ne fingerc , nh slmulare , ma era- 
no liberi c aperti. Era in Firenze Lorenzo di Giova n- 
ni de* Medici , fratello di Cosimo , prestantissimo cit- 
tadino , aperto e libero , al quale il Cardinale porta- 
va singulare amore. Andava Lorenzo spcsso a visiiar- 
lo , e molto domesticamente con lui conversava. In- 
tervenne , clie infermando Lorenzo di quella infipmi- 
ta di chc egli si mori , il Cardinale oon la solita sua 
umanita T ando piii yolte a visitare , e confortarlo avc- 
re pazienza , ed accordarsi con la volunta di Dio ve- 
dendolo in pericolo della vita , e principalmente rac- 
comandogli la salute dell' anima sua , come vero e buo- 
no amico. Occorse che piacque a Dio chiamarlo a se , 
e facendosi i sua esequii , il Cardinale volle interve- 
nire , ed accompagnollo siuo a santo Lorenzo , e ri- 
torno poi a casa , come si fa. Mandovvi il Papa la sua 
famiglia , e donogli la sua bandiera , e mandovvi piii 
di trenta doppieri. Amavalo , oltre il Cardinale , pa- 
pa Eugenio assai. Non poteva dimostrare il CarcUnale 
maggior scgno di amore , ch' egli dimostro a Lorenzo 
de' Medici. Kadi sono simili uomini. 

12. Aveva , come e detto , grandissimo desiderio di 

12 



178 CARD. GIULIANO 

conducere ogiinno al (llvino culto , e dii avesse qual- 
che crrorc. AfTaLicossI assai \n rompcre quclla eresia 
de' Boemi , e fuvvi in persona a confulare la loro opi- 
nlone , ed accozzossi con qucgli principali Bocmi , e 
fcce lulto qucllo clie potu coIT autoriia sua , ch* era 
infra V altre sua dottrine grandissimo teologo ; e non 
solo vi vollc intcrvenire lui , sendo al coucilio di Ba- 
sil(;a , ma egli voUe clio v' intervenissino tutli i dotti 
in teologia , ch' erano iu qucllo concilio. E vidi gia 
alla sua Signoria tre volumi , ch' erano piii iscritture , 
clie una Bibhia , d* uno frate dell' ordine de* Garmeliti 
conlro a' Boemi (i). Ed era mirabile I' ordine di quel- 
lo Carmelita: iuduceva gl' argomenti de' Boemi , di poi 
gli gcltava per terra coU* autorita de' dottori latini e 
greci. Sicchc il Cardinale fece ogni cosa che pote per 
inducergli , e non pote , ma per lui non manco. Era- 
no tauto ostinati , che piii non potevano essere , per 
avere occupato tutti i beni delle chiese , e non se ne 
volevano ispodestare. Avendo papa Eugenio fatto ogni 
cosa che poteva per unire i Greci con la chiesa ro- 
mana, fu contento che passassiuo in Italia il patriar- 
ca , lo 'mperadore , e tutti gli uomini degni , ch' era- 
no iu quella provincia , e vennono a Ferrara alle spe- 
se del Papa , a fine di potere fare bene 1' unione loro 
con ia chiesa romana. Ed in queste opere circa la lo- 
ro unione il Cardinale di santo Agnolo se ne fatico 
assai , e fu in buona parte sua opera per la sua di- 
ligenza e bonta e fede. 

i3. Istati per alquanto tempo a Ferrara , venen- 
dovl il morbo , si partirono e vennono a Firenze , e 

(i) Sembra doversi iutendere le opere del celebre Tomaso 
Waldese carmelitano , che visse circa quel terapo , le (|uali con- 
fiilano i Wicleftisli , e gli Ussili boemi loro discepoli. 



CESARINl. 



179 



<]uivi ordiiio [) -.pji Imi^chIo il coiicilio dc' (iieci ; e coii 
qiieslo concilio , pcr conslglio del Cardinalc di sanlo 
Agnolo , e di allri sanlissiml Gardinali , si fe ricliic- 
dere il concilio di Basilca a (juesto di Firenze ; clic 
iion v' era migliore niezzo di queslo a volcilo solvere , 
cir era di grandissima imporlanr.a al Papa pej- Jevar 
via , clie scisma noii avesse a nascere. Venuli a Firen- 
zc si ordino ogni mattina , clie vi fussiiio infiniti sin- 
gulari uomini per la cliicsa lalina , cd il similc v' Cra- 
110 per la cliiesa grcca , cli' erano vcnuti a Firenze - 
lutti i principali uomini clie avevano i Grcci (i\ II 
Cardinale di santo Agnolo scmprc intcrvcnnc allc di- 
sputazioni , c disputava contio i Greci in favore dclla 
chiesa romana , pcrclic; tulte questc difierenze ]e inlen- 
deva benissimo. Erano ancora in questo concilio gli 
Armeni , clie avevano alcuna dificrenza con la cliiesa 
romana. Eranvi ancora gli lacobiti , e gl' Eliopi , cli' 
erano vcnuti per riconciliarsi colla chiesa. 11 Cardi- 
nale v' interveniva insicme con maestro Tomaso da Sc- 
rezana. Volle 1' onnipotente Iddlo , che vi fussino que- 
sti dua singulari uomlni y a fine che cavassino quesle 
dua nazioni di questi errori , comc sl fc'. Sendosi di- 
spulato piii tempo co' Greci , in finc ccdcttero , e uni- 
ronsi con la chlesa latina. Letti i privllegi de' Greci 
e autenlicati e confcrmati in puhlico di voliinta dclle 
parti , si lessero poi quegli dcgli Arineni , e lacohiti , 
cd Etiopi t di questi non so io so furono nctllc lingue 
loro tutte. Queste scritturc passorono pcr lc mani dol 
Cardlnale di santo Agnolo , c vollc ritencrsi per au- 
torita tutti qucgli origknali apprcsso di se , e dette a 

(i) Cib che in qncsta vila si proseguiva a dire iiiloruo al cori- 
cilio tli Fircnze , da noi i"u ommesso , conie giii conosciuto nelle 
vile de' PP. Eugenio c Nicola. 



1 80 CARD. GIULIAnO 

ogiiuno lc cople : dipoi fece Tare una cassetta coper- 
ta di velluto lornita dl ariento i-iccamcnte , e messovi 
drento tuttl gli origlnali , donogli alla Signoria cli' era 
in (]U(Ho tcmpo , elic gli tenessino ad perpcUiam vel 
uicmoiiam , d' uno atto si degno. Ed in su detti pri- 
vilegi sono soscritti i prelati della chiesa latina c della 
j^reca di loro mano , dove confessavano avere accon- 
sentito a (jucsta unione ; e questf) fu fatto pcr piii au- 
lorita. E se sanlo Agnolo non fusse stato , non si con- 
duceva questo atto , pT^rclie fecc ogni cosa lui con la 
sua solita prudenza ; e delle sua piccole sustanze vi 
messe dronto qucllo clic poie , seudo i Greci poveri ^ 
e non potendo ispendere ,* peiclie papa Eugenlo pcu' 
conducere (jucsta opcn-a si degna dava loro tanta pro- 
visione mese per mese , ch' eglino potevano vivere , e 
cosi gli levo , e ripose in Grccia a sua ispese. Fatto 
questo atto , e conchlusa 1' unione di tutte queste na- 
zioni colla chiesa romana , tutti si ritirorono alle lo- 
ro patrie , e papa Eugenio fece dua Gardinali greci iii 
qucsta unione , che V uno fu Besarione uomo singula- 
rissimo , e monaco di santo Basilio , che fu assai uti- 
le alla chiesa di Dio con la sua prudenza. Fece uno 
altro , cli* era arclvescovo di Kussia , il titolo del quale 
si cliiamo ii Gardlnale ruteno , che fn deguo prelato. 
Questi dua fe' il Papa ad perpeLuam rei memoriam di 
questa unione , e mosso dalle loro singulari virtii. In- 
fiuite sono le lodi del Cardinale di santo Agnolo iu 
tutte le condlzioni cbe si ricliieggono a uno uomo de- 
gno , quale fu lui , che poclii se nc sono trovati. 

i^m Aveudo papa Eugenio fatta questa unione di 
([uegli clie dissentivauo da questa cristiana religione , 
pensava di fare ogni cosa clie poteva contro a' nimici 
dclla crocc di Gristo ; e per questo s' era inteso col 



CESARINI. 1(S1 

rv d' Uiignria , dognissinin priiiclpo di qnrgli tcnipi , 
c prestavngli favore di ])nona sornma di danari a fare 
clie facesso gnerra al Turco. Kd avcva condotto il pa- 
dre del Turco passato in cattivo luogo ; ma alcuni cal- 
livi cristiani , clie sl cliiamano nit;rcadanti , passorono 
grande nnantlia di Turclii a uiio passo dl mare solo 
per danari , che fu cagione di graiide inconvenlenle 
a' cristiani , comc appresso si dira. Avendo papa Eu- 
genio mandato di la frale Giovanni da Capistrano , no- 
mo sanlissimo y per predlcare a rpiegli popoli , ed ani- 
margli per V amore di Cristo contro agP infedeli , fev- 
vi £ri'andissImo frutto , di manlera ch' era cosa mira- 
hile i popoli clie v' andavano voluntariamente. Aven- 
do gia fatto grandissimo principlo contro agl' infede- 
li , delibero papa Eugonio mandarvi uno legato apo- 
stolico per maggiore autorita , ed elesse 11 Cardinale di 
santo Agnolo , come uomo santissimo , e di grandissi- 
ma autorita. Ricliiestolo il Papa , accello , e disse essere 
contentisslmo quando blsognassc morire per la cristia- 
na religlone. Avendo a partire da Firenze , prese li- 
cenza da tutti gP amicl sua , pregandogli che pregas- 
sino^Jddio per lui , clie facesse di lui quello che fusse 
il meglio , ch' era disposto a fare la sua volunta. Par- 
titosi , ando alla via d* Ungarla , e del contlnovo e per 
lo cammlno e in ogni luogo seguitava P ordine suo di 
dire ogni mattina messa e confessarsl» Giunto in Un- 
garia ne' campi de' Cristiani , comlncio a predicare , e 
a tutti quegli popoli , e a tutto quello campo. Condus- 
segli in luogo , che avendosl andare per nno perdono 
discosto piii raiglia dal campo , v* ando 11 Cardinale 
iscalzo , ed il simile tutti gli uomini dell' arme , che 
v' erano con grandissima devozione. Sempre quando 
andava contro a* Turchi , iu prima aveva predicato , 



^^2 CARD. GIULIANO 

di poi cleila la mcssa , c facova portarsi iiinanzl il cor- 
po di Cristo consagrato , con cinquanta doppieri c con 
niohi a pie intorno pcr rivcrenza. E come udii da uo- 
mini dcgni di fede , aveva pcr lo suo buono esemplo 
della vita e de' costuml ridotti gli uomini d' arme , ch' 
erano diventati tutti come religiosi colT osservanza del- 
Ja castita nel campo , collo udirc ogni di messa , col 
confessarsi , colT andare a hioghi di perdono , ed ahre 
devozioni come erano andati insieme col Cardinale piii 
migha iscalzi. Pcrsevernndo a questo esercizio , fecio- 
no grandissimo acquisto , in prima raediante la grazia 
di Dio , dipoi per esservi mohi degnissimi uomini in 
quello eserclio , in modo ch' egl' acqulstorono grande 
parte delle terre dcl Turco , ed andorono sino di la da 
Andrinopoli clnque giornate. Tutto si acquisto cou la 
sapienza e bonla e del Re e del Cardinale. Era ve- 
nuta la cosa a buono capo , se non fusse vcnuio lo 'm- 
pedimento grande , che venne a' Gristiani per lo in- 
convenienle de' Turchi che furono passati per una via 
della marina da uno luogo a un' ahro , come e noto a 
tutto il mondo (i). Sentendo il re d' Ungaria , e il Car- 
dinale , come i Turchi venivano a uno certo luogo , fe- 
ciono pensiero di andargh a ritiovare , veggendo ave- 
re grandissimo vantaggio dal loro , ed essere di manie- 
ra ch' eghno speravano sanza alcuno dubblo la viito- 
ria parata. 

I 5. Sendo fatta questa deliberazione , il Cardinale 
non sapeva ne della vita ne della morte , a tutto era 
apparecchiato a conformarsl cella volunla di Dio. E 

(i) II sospctto di questo Irailimento cadde sopra 1' imperalore 
greco d' aver lasciato libero il passo del Bosforo ai Tiirchi , e so- 
pra r ammlraglio genovese d' aver consegnata a' medesimi per cor- 
ruzionc la guardia dell' EUesponto. 



CESARINI. 183 /1 

per questo uno di , secondo ch' ebbi da clii vi fu pre- 
senlc , ordino quasi conie uno testamento di quello che 
voleva clie si facesse ; dipoi si volse a tutti i sua di 
casa , e parlo loro per lungo ispazio , confortandoli a 
portarsi bene , e pregare Iddio por lui , e che andan- 
do lui al manifesto pericolo , non voleva che niuno de' 
sua vi andasse per nulla ; pigliandoli a uno a uno per 
la mano , quasi lagrimando , tutli gli bacio , pregan- 
doli che pregassino Iddio per lui , e che faccsse quel- 
lo chc fusso il meglio , e non guardasse a' suoi peccati. 
Parve in questo atto , che prevedesse quello che dove- 
va scguire di lui di essere martire di Cristo , c morire 
pcr suo nome. Fatto il Cardinale questo atto , e lascia- 
ta la famiglia sua per non volere che corressino alcu- 
no pericolo , accozzatosl col Re , e coU' altre genti an- 
dorono al luogo deputato , del quale erano i cristiani 
medesimi superlori. Venendo a questo luogo , i falsi 
cristiani , che si chiamavano mercadanti , passorono in- 
finlto numero di Turchi a prezzo di parecchi ducati 
1* uno : e fu tanto il numero che fu passato da que- 
gli falsi cristiani , che sopragiugnendo costoro , e non 
gli aspettando , venendo alla hattaglla , come si stlma , 
benche 11 vero non ne sappla persona , vi fu morto il 
Re , e il Cardinale , e tutti i signorl e nobili di quel- 
la provlncia , che non vi campo chi potesse narrare il 
fatto deir arme come era passato (i). Veduto lo 'ngan- 
no de' Crlstiani , sl stima che avendo presa i Crlstiani 
la battaglia co' Turchi , sopravenendo dipoi tante mi- 
gliaja di Turchi non aspettali , gli mettesslno in mez- 
zo , e segultonne la strage che si vide , e la morte del 

(i) Fu quesla la funeslissima battaglia di Warna del lo. no- 
vembre i444 > ^^ cui peri il re Ladislao giovane di 20. anni , col 
Gard. legato Ccsarini. 



iSA CARD. GIULIANO CESARINI. 

Carclina]e , c di iino si clegno Re quanto quello d' Un- 
garia , e di tanta nobilta dl signori e gentiluomiui , 
dondc seguilo dlpoi lanto male a' cristiani quanto fu la 
perdita di Coslantinopoli , e di tanti paesi aequistati. 

i6. Fn questa ]a fine di questo degnissimo Car- 
dina]e, vero martire di Cristo. Fu vcramente messcr 
Giuliano Cesarini da essere messo nel numero de' de- 
gni santi e martiri clie aljl^Ia avuti la chiesa di Dio 
per tante degne opere quante fe' nella sua vlta , e per 
tante laudabili sua virtii. Che se fusse suto al tempo 
degl' antichi , e la sua vlta per tante laudabili opere 
s' avesse avuto a celebrare per gli scrittori degni , co- 
me sl sarebbe potuto fare , sarebbe slmile in lutte le 
degne condizloni a qualunque abbino avuto quegli an- 
lichi ; avendo perseverato insino alla sua fine , e voluto 
dimostrare coll' opere quello che aveva detto colle pa- 
role , avendo preso per 1' amore di Cristo il santlsslmo 
martirio (i) ; in prima nell' altrc sua degne opere aver- 
vi messo il tempo e ]a fatica sua , di poi in fine aver- 
vi messo ]a propria vlta , che piii non vi poteva met- 
lere. Prego adunque chi si volesse affaticare di com- 
porre la vita sua in latino , lo facci , che maggiore ope- 
ra di piata , o di buono esemplo non potrebl^e fare , 
cbe di scriviere una vita di si degno uomo quanto fu 
messer Giuliano , esemplo a tutto il mondo di tutte 
degne condizloni che possono essere in uno uomo. 



(i) La descrisione della spictata mn gloriosa morte del Car- 
dinak Cesarini , seflerta pcr mano dei Turcbi , eh* indarno lo 
tentarono di rinnegare , e In un brano di relazionc prcsso il Ba- 
Ju2io Misccll. T. I. p. 35i. ed. Luc. 



185 



K 



II. DOMExMCO CAPRANICA 

CARD. DI FERMO. 



,. M, 



csscr Domcnico Cardinale di Pcrmo fii sin- 
giilarissimo iiomo e santissimo di vita e di coslumi ; 
in di nazione romano , nato d' umllissimo luogn , e per 
le sua singulari virtii fii assunto alla degnita dc 1 Car- 
dinalato da papa Marlino , noiTiinato alla fine della vi- 
ta sua , ma non ne avcva avuto il cappcdlo. Ando al 
concilio di Basilca non come Cardinale , ma vescovo 
dl Fermo. Fu nel concilio molto stimato ; V andata sua 
al coneilio fu con piii Cardinali de' primi dcl collegio. 
II coneilio , veduta la sua virtii , gli dette il cappello. 
Sendo la corte in Firenze , pregato da papa Eugenio 
e da' Cardinali clic vcnissc in corle , vi vcnne , e ncIT 
entrarc in Firenze portava il cappcllo come Cardinale. 
Papa Eugcnio voleva che venisse sanza cappello , c 
darglielo di poi lui ; ma noii vi volle mai acconsen- 
lire (i). Era singulare canonista , c fu fatto per propria 
virtii. Dopo piii disputazioni clie cbLono di venire col 
cappcllo sanza , in fine papa Eugenio s' accordo , chc 
venisse col cappello , non potendo persuadcrlo a fare 
r opposito. Entro in Firenze accompagnato da tutto il 
collegio de' Cardinali con grandissimo onorc , e ogni 
di dimostro piii le sua virtii. Era alicno da ogni faslo 
e ponipa del mondo , c viveva in casa sua parcissima- 
mente. Fu di grandissima autorith nella Chiesa di Dio ; 
fu fatto sommo penitenziere. Era di lui f;jma che fus- 
se di grandissima continenza , dormiva vestito , c por- 

(i) Puo vcdersi picsso il Baluzio loc. cit. la difesa del Jiritlo 
ponlificale di Eugenlo lY. contro la prctcDjione del Card Ca- 
pianica. 



186 CARD. DOMENICO 

lava uiia camiccia di pannolano. Era tenuto niniico 
delle cerimonie clie s' usano in corte , clie piii non ne 
poteva essere. Andavano alcuni a parlargli che non sa- 
pevano la sua natura , e cavavansi di capo , e poi s' iu- 
ginocliiavano infino in terra , e dicevano : io sono ve- 
nuto innanzi alla rcverendisslma vostra Siirnoria. Co- 
me egli cominciava , ed egli rispondeva , lasciamo an- 
dare tanti monsignori , vienl a dlre quello che tu vuoi. 
E s* egll rlcominciava a dire pure nel medesimo mo- 
do , il Gardinale se n' andava in camera , e diceva : tu 
non hai bisogno di me. Furono alcuni che dicevano , 
noi vorremmo la tal cosa dalla vostra Signoria ; ed egli 
rispondeva , ora m' hai tu inteso ; e se la poteva fa- 
re , gli rispondeva di fajda ; se non poteva farla , glie- 
la tagllava , e dlceva , e' non si puo fare per Je ragio- 
ni che v' era«o. 

2. Sendo ne' tempi di papa Nicola sommo penl- 
tenziere , come e detto , era nel tempo del giubileo che 
tutto 11 mondo v' cra corso per varii casi pontificall : 
ogni mattina dava udienza il Cardlnale a chl la vole- 
va ; pigliava pcr nota quello chc voleva colui dal Pon- 
tefice ; di quello che non poteva assolvere , vi faceva 
una croce , e pigliavane ognl mattina ed ogni sera nota 
d' infinlte cose ch' erano casi pontlficali» Dlpoi quan- 
do andava a papa Nicola , questi sempre quando lo ve- 
deva , rideva ; e volgevasi a chi era con lui , e diceva : 
ecco Monsignor dl Fermo colle litanie in mano. Giun- 
to al Papa , leggeva i casi ; quegli che voleva assolve- 
re , e gliene dava licenza , non gli segnava ; quegli che 
nou voleva assolvere , e non gliene dava llcenza , vi fa- 
ceva uno segno. Dipoi s' egli era la mattina , quegli 
che gl' avevano data la nota venivauo per la risposta. 
Quegli che il Papa non aveva voluti assolvere , e ri-; 



CAPRANICA. 187 

serbarli a se , sc gli domandava la cagionc , i^Ii rispoii- 
deva , perch^ non i^li pareva. Dipoi se coliii purc im- 
portunava , il Gardinalc ch' rra occiipatissimo rispon- 
deva : se io avcssi a rispondcre a oguuno , c mostrare 
la cagione perche non lo ha vohito farc , il lcmpo non 
mi basterehl)e , se io avessi a vivcre piii lempo che 
ISraiusalem , e noii si ispaccerebht? persona, Ammini- 
strava miral)ilmeute giustizia , e non era persona che 
polesse in lui , se non la ragionc c la giuslizia. Ado- 
pcrollo c r uno c 1' altro Pontefice a piii legazioni , e 
di tutte cbbc grandissimo onore per la fede grande 
che aveva e 1' autorita. 

3. Aveva in casa sua delle cosi costumate (^d onc- 
ste famiglie quante fussino in corle di Roma , od ave- 
vavi molti uomini dabbene di varie nazioni. Ando a 
slare colla sua Signoria messer lacopo da Lucca pcr 
mezzo di messer Agnolo Acciajuoli. Conoscendo il 
Cardinale ch' cgl' aveva I' auimo alquanto alto , cd avc- 
va bisogno di chi 1' umiliassc , il Cardinale avendolo 
fatto suo segretario , gli commctteva delle leltere co- 
me si fa, Egl' era molto dcstro , e dettava bcnissimo 
una lettera (i). II Cardiuale quando gl' arrecava una 
letlera , per bene ch' ella stesse , la biasimava e sirac- 
ciavala , e diceva che 1' andasse a rifare. Faccvalo solo 
a fine che si umiliasse. Istato alquanto tempo colla sua 
Signoria , lo mulo assai de' modi strani ch' egl' aveva ; 
nicnte di raeno non pote sopportare il giogo della ub- 
bidienza , e prese licenza dalla siia Signoria , cd ar- 
recossi a stare per se. Fecegli lanto urilc la stanza del 
Cardinale di Fcrmo , che vcnne in luogo , che se non 
fusse e r amicizia di piii Cardinali ch' ebbe per mez- 

(i) Sono stampate molte iraportanli ed eloqnenti leltere di 
qiiesto lacopo , che fu poi Cardinale di Payia. 



>l88 CARD. DOMENICO 

zo suo , e la muta^ionc di quegli siia modi , noii VC'- 
niva mai al grado dove venne d' essere Gardinale di 
Pavia fatto da papa Pio. 

4. Avendo i Viniziani fatta la pace col duca Fran- 
cesco e co' Fiorentini , sendo in lega col re Alfonso , 
gli lasciorono il luogo ; della quale cosa prese il re 
Alfonso grandissimo isdegno. Desidorando papa Nico- 
]a di comporre una volta le cose d' Italia , ed il simile 
a (jucste potenze parendo , quello clie era , clie se il 
re Alfonso cli' era rc potentissimo non interveniva uel- 
]a pace e nella lega , clic aveva ordinata papa Nicola 
per anni venticinque , non pareva loro avere falto nul- 
la ; per questa cagione si mando a Pioma , per man- 
dare di poi a Napoli , ambasciadori del duca France- 
sco , Viniziani , e Fiorentini , e pregare la sua San- 
lita come amatore e conservatore della pace non solo 
d' Italia ma universale di tutto il mondo , che doves- 
se mandare uno legato apostolico d' autorita che po- 
tesse appresso della maesla del re Alfonso ; che ave- 
vano pensalo , che infra tutti i Gardinali di corte di 
Roma , parcva loro clie il Gardinale di Fermo fusse di 
tanta autorita che ignuno fusse che potesse tanto col 
re Alfonso , quanto potreblDC lui ; e di questo prega- 
vano la sua Santita che operasse ch' egP andasse insie- 
rae con gl* ambasciadori a Napoli. II Papa che desi- 
derava posare Italia , mando per lo Gardinale di Fer- 
mo , c comandogli che insieme con quegli ambascia- 
dori andasse a Napoli , ed adoperasse che il re Alfon- 
so intervenisse in quesla pace e lega per anni venti- 
cinque. Ando il Gardinale di Fermo , e tulti gl' altri 
ambasciadori d' Italia con lui. 

5. Nella giunta a Napoli , andando il Cardinale le- 
gato de latere , e per la grande riputazione cLe ave- 



CAPRANICA. 181) 

Vi) , (' |'»'r r .tiil()iMl;i (lolln .snutiln (lclln vila , <' p'*r tvs- 
scrc aiilioo corllgiano , il \\c gli fecc orandissimo oiio- 
rc , quaiito facessc inai a lcgato clic v' aiiJassc , (» an- 
(logli inconlro la sna Ma(\sla , c liitii i signori dcl rc- 
gQO , cd amhasciadori che vi si trovavano. Fccrgli la 
siia jNIacsta alloj^giare tulti , cd a tutli faccva le spcse 
secondo la sua consuctudine. II Cardinnlc subito ven- 
iic alla pratica Ji volere persuadcre il K(; clic cntras- 
se in questa lega. Islava sun iMaesta molto dura a vo- 
lere conscntire , parrndogli clie i Viniziani ncl con- 
cliinJere delLi pacc 1" avcssino poco istimato a avcrgli 
lascialo il luogo , e non lo avcrc messo come princi- 
palc come era ragionevole. Comincio il Cardinalc* a 
niostrargli il bene cbe ne scgnitaicbl^c , c cbe a pnpa 
jNicola non potcva farc cosa piii grata. Ignuno dcgl' 
altri ambasciadori ne parlavano, conoscendo clie se per 
pcr mczzo dcl Cardinale non si ottcncva , allro mcz- 
zo non V* cra. Scndo piii di istato iii questa Jisputa- 
zione col Ke , infine ve lo indusse con (jucste condi- 
zioni che potesse farc gucrra a' Gcnovesi ed al signon» 
Gismondo , e ignuno se ne impacciasse Jc' colb'gati. 
Iscrisse subito il CarJinale a Roma , c tutti gl' aniba- 
sciaJori alle loro Signorie quale fusse la volunta Jclla 
maesta Jcl Re , eJ ogni ambasciadore cbbc pieno man- 
dato di poterc concbiudere con quelle condizioni. E 
piii arcbbono fatto , sc fussc bisognato ; lanta era la- 
voglia che n' avevano ! E non era ignuno che istimas- 
se ch' cgli fusse contento d' intervenirvi. Tntto si po- 
teva reputarc dalla bonta e intcgrita dcl Cardinalc , 
•chc poi(j tauto la sua autorilii , clf clla ve lo inJusse. 
Conchiuscsi iu qucsto moJo la pace e la lega per anni 
venticinque con qucstc couJizioni , e scguitonne la ro- 
vina del signorc GismonJo ; c i Genovcsi conJussonsi 



100 CARD. DOMENICO 

iri caltl\() liiogo, se nou vi fusse la niortc dcl rc AI- 
Ibnso. Conclilusa Ja cletta pace e lega , si parlirono da 
Napoli ed andorono a Roma , dove il Papa la confer- 
mo e benedissela. Inlervenne drento come principale , 
e volle di tutle le differenze , che nascevano Ira le par- 
ti , averne a essere giudice lui e sua successon. Fatto 
questo , bonedisse lutti quegli cbe V osservassino , ed 
il contrario quegli cbe non 1' osservassino , e volle cbe 
tnUi giurassino per 1' autorita cbe avevano dalle loro 
Signorie d' osservarla , e cosi feciono. Di tutto questo 
bcne fu cagione il Cardinale di Fermo con la sua au- 
torita , e pose Itab'a in pace per piii anni. 

6. Non passo molto tempo cbe mori papa Nicola , e 
venendo alla elezione del miovo Pontefice , i piii Car- 
dinali Li davano al Cardinale di Fermo per raolte ra- 
gioni , prima pcr la sua inaudita bonta , di poi per es- 
sere lui dottissimo non solo in iure , dove aveva dato 
opera da giovane , ma in leologia , e grande univer- 
salista si per 1' avere udite assai cose nella vita sua , 
il simile per la varia lezionc di piii bbri ,* pe' piii era 
istimato cbe non vi fusse uomo nel collegio cbe lo 
mcritasfic meglio di lui. Ma come interviene il piii 
delle volte , cbe fanno i piii veccbi per averns a fare 
presto un' altro , feciono uno catalano cbe si cbiamo 
papa Callisto d' anni ottanta ; cbe ne furono molto bia- 
siniati di non avere fatto Fermo italiano , ed avere fat- 
lo uno calalano d' anni ottanta. Pure la in Coslanza , 
avendosi a riformare la Cbiesa , crano italiani il terzo 
o meno del concilio , e poterono tanto cbe feciono uno 
Papa italiano cbe fu papa Martino. II Cardinale di 
Fermo era in ogni sua cosa alquanto piacevole. An- 
dando uno di a palazzo , e passando per il ponte san- 
to Agnolo , uno povero cb' cra scampato dalle mani de* 



CAPRANICA. 101 

Cnialniii , li chit-sc limosiiia tlicendo , chc. ^li clc^sse iino 
carlino pcr V amorc di Dio , clic era scampato di ma- 
110 de' Gatalani. II Cardinale se gli volsc c disso ri- 
dendo : dannc uno a me , clie slo pcggio di tc , pcr- 
clie lu ne sci fuora , cd io vi sono drcnto. Che in vc- 
ro , benc clie papa Callislo fusse d' assai laudabili coii- 
dizioni , iiicntcdimeno non pote attendcrc a qucllo clie 
s' apparteneva al ponlificato , pcrcbc il piii del tempo 
si stava pcr la vcccliiaja nrl Ictto. Del Cardinale di 
Fermo , clii avesse a scrivere la vita sua , se ne po- 
trebbe dire laude infinite, ma lasciolo a cbi si vor- 
ra affalicarc a scriverla. Questo basti quanto al nostro 
brieve comentario degl' uomini degni di mcmoria; per- 
cbe quanto piii si diccsse delle sua singuLiri virtii , 
piu resterebbc a dirne , sendo istato ncl numero de' 
>de£rni uomini cbe avesse la Cbiesa di Dio. 

I 2. CARD. NICENO GRECO. 

I. iTXesscr Besarione , greco di nazione , vesco- 
vo Cardlnale , fu uomo di grandissima autorila nelLi 
Cbiesa di Dio ; fu monaco deH' ordine di santo Basi- 
lio , e venne in Italia quando ci venne lo 'mperadore 
de' Greci ; de' primi singulari uomini , cbe vi venissi- 
no , fu lui. Di poi faita T unione de' Greci , per le sua 
singulari virtii fu fatto Cardinale in Firenze da papa 
Eugenio insieme con diciotto Cardinali cbe fcce ; c ve 
n' era uuo altro greco cb' era Cardinale arcivcscovo di 
Russia , cbe si cbiamava il Cardinale ruteno. Fu di 
grandissima riputazione , e in tuttc le cose ardue e dif- 
ficili , che occorrevano al tempo suo, ricorrevano a lui. 
Fu vescovo tusculano , ando legato in piii luogbi , sem- 



192 CVRD. EESARIONE. 

prc eb])e grandissimo ouore dove egli aiido , per es- 

sere iiomo giusto e di laudabili costumi. Fu legato dl 

Bologua piu tempo , e governo maravigliosamente. Aii- 

do legato iii Francia , dove ebbe grandissima ripvfa- 

zione in qnello cb' ebbc a fare, Fu dottissimo nella 

lingua greca e nella latina ; fu amatore delle lettere e 

degl' uomini litterati ; fu molto alFezionato alla dottri- 

na di Platone , ed altri c' erano a quella d' Aristote- 

le ; e perebe c' erano alcuni cbe impugnavano la dot- 

trina di Platone , il Gardinale la difendeva , e compo- 

se uno bellissimo libro , il titolo del quale e in difen- 

sione di Platone , opera molto degna e di grandissima 

riputazione. Tradusse uno libro de factis et dictis me- 

morahilihus Socratis. 

2. Venne in tanta riputazione appresso tutto il col- 
]eo-io de" Gardinali , cbe sendo morto papa Pio , istette 
una nottc Papa , percbe sendo stato eletto sommo Pon- 
tefice in conclave nel secondo isquittino , cbi non ro- 
leva cbe fusse Papa , disse egli e Papa , a noi non 
nionta nulla , domattina nel primo isquittino noi lo 
publiclieremo. Rimasono d' accordo a questo modo ; e 
tutta la notte non si fece mai altro cbe adoperare cbe 
non fusse Papa ; cbe cbi ne fu cagione , capito dipoi 
male , e non si attendeva a altro cbe audare dalP uno 
Cardinale all' altro a dire loro : e' non sono molti an- 
ni cbe xSiceno era eretico ; vogliamo noi cbe si dica 
che uoi abbiamo fatto uno eretico ? cbe sara una ver- 
gogna. E bene cbe dicessino a questo modo , 1' opinio- 
ne loro era per fare uno Pontefice a loro modo , co- 
me fu fatto. Venendo di poi il di seguente a fare il 
Pontefice , feciono Pagolo , e fu buona elezione , e an- 
dovvi canonicamente , sanza altra intelligenza , e la- 
^ciorono lui. Come uomo savissimo nou fece ignuna di- 



CAI\D. BESARIOr<E. i^3 

inoslrazloiio , v. iascioll.i corrcrc. Nicnlcdimeno il Pon- 
lciice pcr la sua virlii T ebhc in granclissinia ripula- 
zione , come cra istato pcr lo lcmpo passato. Istando 
a qucsto modo , vcnne la morlc di papa Pa*^olo , e suc- 
cedctte Sisto. 

3. In tutto il tempo cli' egl' era istato nclla corte 
di Roma , sempre faccva iscriverc libri in ogni faculta 
cosl in greco comc in latino. E non solo iscriveva , 
ma comperava tutli i libri ch' egli non avcva ,* e gran- 
dc parte di qucllo cbe gl' avanzava dclle sua rcnditc , 
ispendeva in lil)ri a nno fiiie laudabilc. AvcMido gia 
condotta grandisslma quantlta di volumi di libri cosi 
grcci come latini , e sacri come gcntili , delcrmino di 
niettergli in qualcbe luogo dcgno , e massimc i libri 
greci. GIic se mai quella infclice patria tornasse a ler- 
mini sua , e cbe scndo di la pcrduti i libri , c' fus- 
sino in luogo cbe ne potessino avere qualcbe comodi- 
ta : e non gli parve cbe fusse luogo ignuuo in Italia 
plii comodo cbe Vinrgia , sendo luogo di marina , e 
cbe clii viene di qua , capiia quivi» E per questo aven- 
do grandissima amiclzia co' Viniziani detcrmino di fa- 
re quivi una libraria publtca , cbc ognuno vi potesse 
andare , ed avxrne comodita. E per questo ordino col- 
la Signorla e €ol Doge cbe si facesse per solcnne de- 
libcrazione , cbe si murasse una libraria publlca , do- 
ve istessino dua dcl continovo , a fii;e cbe ognuno cbe 
vi volessc andare , potesse. E cosi s' ordino. Fu il nu- 
mero de' volumi tm greci c latini plii di seccnto(i), 
i quali libri nella vita sua mando tutti a Vinegia , e 
conscgnolli dove era ordinato. Gostorono qucsti libri 

(i) II catalogo d' cssi e nel cotl. vat. lat. Reg. 2099. fol. 
Oi3-026. e si dicono contenuti in trenla casse , eon pallo che si 
costruisca una publica atanza pcr essi. 

i3 



194 CARD. BESARIONE. 

iino tcsoro iiifinito. Iii tutto il collegio de* Cardinali 
noii vi fu ignuno cbe avcsse 1' animo lanto generoso 
quanto cbl)e questo Gardinale che ordino questa bi- 
blioleca. Non solo in questo vollo fare cosa che fusse 
utile a lui proprio , ma ebbe rispetto alP utile univer- 
sale di quegli che avessino voglia di dare opera alle 
lettere , acciocche non mancassino loro libri. 

4. Dette sempre favore agl' uoniini litterati , e ti- 
rogli innanzi. Messer Lauro Quirino viniziano gentile 
uomo , dotto in greco e in latino , e buonissimo filo- 
sofo , istette in casa di Niceno piii tempo. Messer Ni- 
colo Pcrotto vescovo sipontino venendo a Roma con 
messor Guglielmo Graim procuradore allora del re d' 
Inghilterra , desiderando questo messer Nicolo impa- 
rare bcne le lettere greche , chiese di grazia che 1' ac- 
conciasse col Cardinale Niceno , e cosi fcce ; ed in casa 
sua si fe' dottissimo , ed il Cardinale li fe' dipoi ave- 
re quello vescovado , e governava tutta la casa sua , ie 
fu cagione di fare avere al padre ed a' sua , ufficj di 
qucgli della chiesa ; in modo clie oltre alla dottriaa 
chc imparo a casa sua , e le degnita che ebbe , me- 
diante lui fece avere a' sua tanii ufficj , che gli fe' ric- 
chi , e fece fare il padre cavaliere. Molto gli furono 
obJigati gl' uomini dotti e dabbene. Venendo in corte 
macstro Francesco da Savoja , che di poi fu papa Si- 
sto, lo tolse in casa sua , e facevagli leggere certe lezio- 
ni di Scoto , che cra maraviglioso iscotista. Parendogli 
uomo dotto , fece tanto con papa Pagolo , che lo fece 
fare Cardinale , che mai non sarebbe suto sanza il mez- 
zo suo. Dipoi che 1' ebbe fatto , fu volta che se ne penti 
assai, non gli parendo riuscisse quello che istimava (i). 

(1) In ogni occasionc di quesle vlte Vespasiano si da a ve- 
dere alquanlu commosso conlro papa Sislo IV , perchc souo ben 



CARD. nESARIONE. 105 

5. MoicirIo papa Pyj^olo , coino lo cose s' aiiJas- 
sino, iioii lo voi^llo giudicarc , fu fallo iiiacstro Irau- 
cesco da Savoja Papa. Iii qucsta clezioue del poiilifi- 
cato , Besariouc uoii gli parcudo uoino suflicieiite a 
taiito peso , nou gli dette la voce sua. Veiiuto alla de- 
gnita del poiitificato , il Cardlnale iion vi aveva molta 
cognizioue. lutervenue uiio di che audando il Papa iu 
castcllo a vedere le giojc di papa Pagolo , dua Cardi- 
nali viniziani nipoti di papa Pagolo , cli' erano iuler- 
venuti a eleggerlo Papa con certe condizioui , iugiuoc- 
chigronsi a' piedi del Papa a domandargli la dola pcr 
certe loro fiocce , ch' era istata loro promessa. 11 Papa 
si volsc a Niceuo , vergognandosi di lui , sciido uomo 
di tanta autoriia quant' era , e disse : questi soiio bcni 
della Chiesa. II Cardinale Niceuo rispuose : e' sono be- 
ni della Chiesa , i quali voi non j)otcte ne dovcte git- 
tare via, Per questo il Papa liceuzio i dua Cardiiiali 
sanza dare loro nulla , solo per V autorita dcl Cardi- 
nale Niceno. Ora avcndolo fatto fare Cardinale , e sen- 
do uomo di tanta autorita quant' egP era , lo soppor- 
tava il Papa molestamente ch' egli istesse in corle di 
Roma ; e per questo lo fece legato di Francia (i) , ma 
v' era pericolo , come intervcnne , ch* egli s' avesse a 
morire in questo viagglo , sendo vecchio ed infermo , 
e massime avendo male di pielra crudclissimo. Ando 
in Fraucia , bene che male conleuto. Perche giunto iii 
Francia , per la mala disposizione dcl Principe e per 
la sua varieta e incostanza , non gll fu molto acceito , 

noti e publici i disgiisli di questo gramle e virtuoso Pontefice con 
la repuhlica Jlorentina Jopo la congiura dc' Pazzi. Vcspasiano scri- 
venJo circa quel lempo partecipava agli sdegni deplordbili del suo 
governo. 

(i) La lettera di Sisto IV al duca di Borgogna per questa 
legazione del Niceno e nel Baluzio Miscell. T. 111. p. ii4- 



196 CARD. BESARTONE. 

c I)isogn6 clie si partisse coii poca riputazione. Goiio- 
scciiJolo , e stimando assai 1' onore , se ne venne iil 
Ita]ia , e sendo vecchio ed infermo e male contento , 
ammalo ed in pochi di si mori. Tutte le cose umane 
le piii lianno questo fine , e massime quelle che sono 
fondate in su gl' onori ; e per questo e nccessario vol- 
larsi a Dio in tutte le nostre opcrazioni. Piii cose de- 
gne ha fatte il Gardinale Niceiio , le quali non sono 
note a me ; ma chi n' ara piii notizia , potra merita- 
mcute scrivere la vita sna« 



i3. GABD. DI RAVENNA. 



,. M, 



.esser Bartolomeo Eoverella fu di nazione 
ferrarese , e fu arcivescovo di Ravenna. Venne in Fi- 
renze ne' tcmpi di papa Eugenio , e sendo piii sempli- 
cc che ricco , si pose a stare con messere Scipione ve- 
scovo di Modena , uomo dottissimo e massime iielle let- 
tere gentili. Istando con lui alquanto tcmpo , si fece 
sacerdote e divento suo cappellano. II patriarca , ch* 
era maestro Luigi Gardinale , in qucsto lempo gover- 
nando il pontilicato , messer Scipione usava assai in 
casa sua , per esscr lui il primo uomo di cortc. An- 
dava messer Bartoiomeo ispesso a accompagnare il pa- 
triarca , seudo uomo che a^eva buonissime lettere ed 
universale in ogni cosa. .11 patriarca gli pose amore as- 
sai , sendo lui povero cappellano. In questo tempo in- 
tcrvenne che avendo papa Eugenio in camera sua dua 
mouaci dell' ordine di santa Giustina , di cui il prin- 
cipale si chiamava don xArsenio , c teneva dua altri mo- 
naci di quegli azzurrini ch' erano deU' ordine di cui 
era istato papa Eugenio quando fu futto Gardinale ; cd 



CARD. nOYEHELLA. 19T 

crftvi nno cuhiculario scgrcto , prctc sccolarc , che si 
cliiamava nicsser Anclrca da Palcnzago , il qnalc si mo- 
ri ; inorto hii , il patriarca vi niise mcsscr Bartolomco 
come pcrsona (idata e Iniona , e poscgli papa Engenio 
per le sna virtii grande amorc. Chi praticava appres- 
so di pnpa Eugenio , cd avcva l)Isogno dclla sua San- 
tita , usava il mczzo di messcr Kartolomco , ch' era di 
natura molto hcnigno ed umano con ognnno. 

2. Scguitando a questo modo , acquisto assai cou 
tutto il collcgio de' Gardinali e con tutla la corte di 
P\oma. Vcnondo a morte papa Eugenlo , resto pcr i 
sua Ianda})iH portamcnti in grazia di tutla la corlc* 
Succcdendo [lapa Nicola , vacando lo arcivescovado di 
Ravcnna , gliclo dctte , hene cho prima avesse altri he- 
ncficj. AdoperoIIo papa Nicola a mandarlo in piii luo- 
ghi per la sedia apostolica , e scmpre in ogni luogo 
acqnisto e mantennesi in huonissima grazia. Morto pa- 
pa Nicola , dopo Callisto , snccedette Pio , e mandollo 
ncl reame in quelle gnerre con grandissima autorita 
in nome di santa Chiesa ed in favore della macsta del 
Re ; trovossi alP acquisto di lutto qnello rogno occu- 
pato dal duca Giovanni. Fu grandissimo favorc alla 
maesta del Re la grande grazia del Gardinale in quel- 
lo regno per le sua virtii , che v' era assai istimato ; 
lanto era giusto in ogni cosa ! Fecelo papa Pio Car- 
dinale , mediante le sua virtii. Era uomo di huonissi- 
ma coscicnza , amava e tcmeva Iddio , in tutte le sua 
cose era inimico delle pompe e superslizioni , viveva 
parcissimamente , alicno in tutto da' modi di molti che 
non sono se non superhia e pompa. Sendo Cardinalc 
a Roma , quando invitava uno a desinare con lui , lo 
invitava a cibi comuni sanza tanti inginocchiamenti e 
superstizioni. Avuto tutto il reame il re Ferdinaudo, 



198 CARD. noVERELLA. 

si toriio il Carclinale Ji Ravcnna a Roma con gran- 
dlssinia glorla e rlputazione per quello che aveva fatto 
in quello regno. In Roma era raolto amato dal Pon- 
lefice , c da tn-tta la corte , ed assai cose importanti 
erauo rimesse a lui per la sna integrita. Succedette la 
niorle di papa Pio , e veimono alla elezione, e fccio- 
no papa Pagolo , col qnale Pontefice ebbe non meno 
grazia cbe col primo ; e governossi in questo tempo la 
corte con grandlssima giiistizla , allena d' ogni simo- 
nla , qnanto fnsse mal , e se ignuno fu alleno da pen- 
sare alla simonia , fu questo Pontefice. Ed il Gardinale 
non si dlscordava punto , come sempre aveva fatto tnt- 
to 11 tempo della vlta siia , ed in fine lo dimostro. 

3. Venendo papa Pagolo a morte , vennono alla 
elezlone, ed era venuto Ravenna in tanta rlputazlone , 
cbe innanzi cbe s' entrassc in conclave , ognuuo gli 
dava il pontificato. Entrato in conclave , e venendo al 
primo isquittlno, Ravenna ebbe piii voci cbe altri Car- 
dinali cbe vi fussino , e pocbi gP arebbono potuto tor- 
re il pontificato ; ma alcuni Cardinali gli feciono dire , 
s' egli proraetteva fare certe cose cbe domandavano. 
Ma il Cardlnale , come uomo cbe non voleva se non 
le cose giuste ed oneste , e cbe prometlendo cosa al- 
cuna per venire a quella degnita , era espressa simo- 
nia , la sua rlsposta fu , cbe non placesse a Dio cb' 
egli volesse promettere cosa alcu na per venire a quel- 
la degnita ; e s' egll fusse cbe gll paresse di farlo , lo 
farebbe ; e se non gll paresse , non lo farebbe. Vedu- 
to questi del collegio cb' egll istava fermo a non vo- 
lere promettere nulla , distolsono le vocl loro. Ma feee 
r onnlpotenle Iddio questo miracolo , cbe de' primi au- 
lorl , i piii in brieve tempo capltorono male. E fuvvi 
di quegli ( se 1' onesta lo patisse cbe si potesse scri- 



CARD. ROVERELLA. 199 

vere ) a' quali Iddio mando iii bricvc lcmpo iina gran- 
de rovina colla privazione dclla vila. Non passcro qui 
chc io non dica uno miracolo udilo da messer Gian- 
nozzo Manetti , che usava dire che aveva posto mcnte 
nella vita sua , che mai aveva veduto fare delitto ignu- 
no noto a persona , che nclla vita sua non avesse ve- 
duto venire la punizione , e dicevane d' infiniti. Di- 
ronne qui uno che non sara fuori di proposito. Sen- 
do papa Eugenio in Firenze , e vohnido parlire , du- 
hitando che non avesse a nascere guerra , sendo i Fio- 
rentini in lega co' Viniziani , s' aspettava da Vinegia 
quello che d(4iberassino o di lasciarlo andare o di ri- 
tenerlo. Da Vinegia venne che per nulla si lasciasse 
partirc. Infine iscrissono , chc bisognando , si ritenes- 
se pcr forza. Bench^ a Firenzc non si acconsentisse , 
gli autori di questo consiglio contro il Papa furono a 
Vinegia quattro gentiluomini , e diceva messer Gian- 
nozzo il nome di lutti , ed infra 1' anno essere morti 
di morte violenta. L' uno fu messer Amoro Donato , 
che fu tagliaio a pezzi , e slettesi gran tempo a sape- 
re chi V avcsse raorto. Uno altro , il nome del quale 
non lo so , volendo montare a cayallo , uno catellino 
francesco scndo arrabbiato gli morse uno pie , che in 
pochi di raori disperato, Gl' altri dua , il nome de' qua- 
li egli diccva , e non me ne ricordo , ma tutti mori- 
rono di mala morte in poco tempo. Non si vuole mai 
fare contro alla giustizia , ed il simile fare contro a 
Papa persona ecclesiastica o seculare cose che siano 
ingiuste o contro a ragione , acciocchc non abbi la pu- 
nizione da Dio , secondo che si vede evidentemente es- 
sere occorso , e raassime in questi dua casi presenti. 

4« Non passo molto tempo che seguitando il Car- 
dinale nelle sua laudabili opere , piacque a Dio chia- 



200 CARD. ROVERELLA. 

niarlo a se. Tutte qiieste cose obumbrate pajono , od 
in efletto non sono ; e per questo il Cardinale , cbe 
sendo bene vivuto , desiderava bene finire , non le sli- 
mava ; volsesi alla piii sicura via di spregiare le cose 
del mondo e le pompe e gli onori per non ofFendero 
Iddlo , come fe' in ogni eta ed in ogni tempo. Fu il 
Cardinale di Ravenna de' piii degni prelati cbe avesse 
la sua eta , e per le sua inaudite virtii , come e noto 
a tutti quegH cbe V banno conosciuto. La vita degl' 
uomini si loda alla fine , per i pericoli cbe vi sono 
innanzi cbe si venga a quello lermine. 

14. CARD. lACOPO DI PORTOGALLO 

DI STIRPE REALE. 



,. M, 



esser lacopo di Portogallo , titolo di santo 
Eustacbio , diacono Cardinale, nato per padre e ma- 
dre delle piu degne case cbe sieno oggi ne' crisliai>i. 
Costui per padre e nato di stirpe reale della casa di 
Portogallo (i). La siroccbia del padre fu di casa di 

(1) Tacopo era figliuolo dcir infante don Pletro , clie rimase 
iicciso r anno i449- i*i ^^^ Lalt^glia dala al re Alfonso V. suo ni- 
pote , contro cui si era ribellalo. Fu creato Gardinale da papa Cal- 
listo , e mori 1' anno i^Sg. d' anni ventisei. II Re vincitore ave- 
va raccomandato queslo lacopo suo cugino a papa Nicola , comc 
apparisce da un breve responsivo del Pontefice , scritlo da Poggio 
Bracciolini segretario , che traggo da' mss. vaticani , pcr la politlca 
dottrina degno di «tampa , del seguente tenore. 

Carissimo in Christo filio Alphonso Portugalllae et Algarbii 
regl illustri , salutera etc. Recepimus tuas litteras , quibus nobis 
coramendas dileclum filium Tacobura , carisslmae in Chrlsto filiae , 
uxoris tuae iliustris, fratrem , et consanguineum tuum , quac liltcrae 
gratissimae fuerunl nobis. Yidemus enim te amplccti velle cam 
virlutem quae in principibus non solum laudanda est , sed viJc-^ 



CARD. lACOPO Dl PORTOGALLO. 201 

Borgogna. Savcbbe assai proHsso narrare la sua proge- 
nie , raa c lanto nota clie non e neccssario farne mcn* 
zione. Coslui dalla sua tenera eia fu voho allc lctlere , 
dove comincio in Portogallo sotlo dcgnissimi precct- 
tori. Non solo comincio a dare opcra alle leltcre la- 
line , ma a forraare bi sua \ita di laudabili costumi , 
e fece proposito infra T altre sua mirabili virtii d' os- 
scrvare virginita , sendo lui bellissimo del corpo quan- 
to ignuno n' avcsse La sua eta. Faceva tutte qucUe co- 
se , per le quali il suo voto non s' avesse a impedire , 
di fuggire i ragionamenti non onesti , fuggirc le dun- 
nc e la loro conversazione , e balli e canti e suoni ave- 
\a in abominazione. Scndo istato in Portogallo in que- 
sta osservanza , parve a' parenti sua deliberando cbc 
fusse preie , mandarlo a studiare in ragione canonica 

tur csse necessaria , sine qua tyranni esse possunt ; regcs rero et 

Loni principes clemenliam semper suorum operura comitcm esse 

voluerunl. Ea tantae cst efficaciae , ut nulla res magis prlncipem 

deceat , nulla magis in eo laudetur. Elcnim clemenlia pietali con- 

iuncla est et misericorJiae , quae Deo prae ceteris placet. Et quo- 

niam Senecae verba affers cleraentiam laudantis , scito eum tanli 

hanc virlutem fecisse , ut duobus libris , quos ad Neronem scri- 

psit , clementiam laudarit ; quos ut legas suademus , quo altius 

infigatur in animo tuo haec laudanda virtus cuius praecepla con- 

spicimus te velle sequi. INos quidem tuls precibus moti , re^pectu 

quoque consortis tuae , cui scimus hoc gralissimum esse fulurum , 

tum ctiara habita ralione regiae prosapiae , quae .npud omnes est 

veneranda , praefatum Tacobura habebimus etiara nostra sponlc ul- 

tra tua desideria recommissunt. Tuara vero Serenltatem exliortamur 

in Domino , ut clcmentlam tuam in dirm augeas , ac mitiorcm te 

praebcas erga eos quos tibi natura aretissime coniunxit. Id autem 

cedet ad summam tuae Celsitudinis laudem , et tibi fclicltatem in 

hoc saeculo praestabit , si , ul scribls , Salvatoris nostri praecepta , 

qul no5 volult pro iuimicls orare , a te duxcris imitanda ; quod ut 

faclas tamquam bonus parens suademu» tuae Serenllali. Dalum 

Jlomac etc. apud S. Petrum die IX. decerabris , anno YI. ( i452. ) 



202 CARD. lACOPO 

in Italia , ed elessono Penigia , e quivi raandoronlo 
ch'era in eta d' anni dicesette , accompagnato come si 
conveuiva a uno reale. 

2. Istando a questo modo a Perugia , non si mu- 
tava del suo proposlto , ma istava in quello costantis- 
simo , ed ogni di piii si confcrmava nella sua opinio- 
ne. luterveniva che qualche volta presso alla casa sua 
si suonava o ballava ; subito che seutiva simili cose , 
se si suonava da una parte della casa , egli audava da 
una ahra , in modo che non udiva nulla. II primo di 
di quaresiraa se n' andava in uno luogo di frati di 
monte Oliveto allato a Perugia , dov' egli aveva gran- 
dissiraa devozione ; mangiava con loro in refettorio , 
dipoi dormiva vestito , e levavasi a raatutino , ed era 
in chiesa a tutte 1' ore del di e della notte , e stavavi 
tulta la quaresima iufjuo alla mattina di pasqua , ch* 
egl' era confessato e coraunicato. E finito V ufBcio ve- 
nivano i sua per lui ed andavasene a casa. Mirabile 
Iddlo , in carne vivere di vita non umana ma angeli- 
ca ! Fu fatto in questo tempo nelP eta d' anni circa df- 
ciotto protonoiajo ; e hene che plii tempo innanzi aves- 
sc cominciato a dire V ufficio , ed ogni di udire mes- 
sa e dlgiunare e dorraire vestito , ed esser la vita sua 
di tanto buono eseraplo che non era ignuno che non 
Iremasse a guatarlo , era pochi di che non andasse al 
luogo di monte Oliveto per sua devozione. II re di 
Francia , lo 'mperadore , il re di Portogallo , il duca 
di Borgogna volevauo m ogni raodo che il Papa lo 
facesse Cardinale ; ma per volere audare secondo F oi'- 
dine , lo volle prima fare protonolajo. 

3. Istando non molto lempo protonotajo apostoli- 
co , venne alla degnita del Cardinalato , dove la de- 
guita per nulla non rauto i costurai ch' erano di na- 



DI PORTOGALLO. 203 

tura ch' era di grandissima coiifnsioue , clie nno gio- 
vane d' anni venti , hellissimo nel corpo , nol)ilissimo 
di parenti , avesse elelta una vita tanto degna quanlo 
aveva eletto questo giovane , ispecclilo di costnmi. E 
non sia ignuno che per temeraria presunzione , si scu- 
si d' essere impotente , e non potere osservare conti- 
neuza , se in uno giovane nohile ricco e ornatissimo 
del corpo sopra tutti quegli della sua eta , con tanta 
licenza quant' egli voleva , sanza avere persona sopra 
il capo , che gli potesse o dovesse comandare piii che 
lui si volesse , niente di meno con tutte queste con- 
dizioni supero e vinse se medesimo. Era isludioso sem- 
pre ; detto V ufficio , leggeva qualche opera santa ; mai 
stava che non fusse occupato o in orare o in dire T 
ufficio in leggere. Non voleva che in sua presenza 
si parlasse di cosa ignuna che passasse la via dell' one- 
sta. Gon donna ignuna non parlava mai , ne si voleva 
trovare dove ne fusse ignuna. Vidi gia uno comenta- 
rio dov' era segnato nelle margini di mano del Car- 
dinale in piii luoghi , e massime in uno hiogo dove 
santo Girolamo dice che le donne non entrino in ca- 
sa persona sola ma accompagnate ; il Gardinale di sua 
mano v*ha scritto che per nulla elle non entrino in 
casa dove siano uomini n^ sole ne accompngnate. Fug- 
giva come savio tutte le cose che gli potevano essere 
impedimento alla servanza de' buoni costnmi. 

4» Sendo venuto a questa degnita, istette poco tem- 
po in corte di Roma , e partissi e venne iu Toscana. 
Intervenne , sendo d' eta d' anni ventidua , che se gli 
ruppe una vena in sul petto» Vedntosi il male perico- 
loso , vi fece i rimedii. Fu consigliato d' andare al ba- 
gno , gli giovo poco. Sendo vennio a Firenze , e pareu- 
do luogo comodo alla sua salute cosi dell' anima come 



204 CARD. lACOPO 

del corpo , rlspetto a questi dua luoghi di monte Oli-!' 
veto qui presso alla citla ,• ora sendo qui in Firenze , 
volle avere parere di piii medici. In questa sua cura , 
sendo difHcile in si grande uomo e di lanta autorita , 
v' andavano con sospetto a curar^o , con tutto ch' egli 
dicesse loro che facessino in questa sua cura , quello 
che credevano che fusse la salute dell' anima e del cor- 
po. Islava del continovo benissimo proveduto cosi dcl- 
la confessione e della comunione , e di lutte le cose ap- 
partenenti alla salute dell' anima sua. Ora sendo istato 
piii tempo in questa ciira e non migliorando per la 
difEculta della infirmita , intervenne uno caso assai 
strano d' uno medico poco prudente. Uno di questi che 
andavano , per uno rimedio siugulare ne indusse una 
assai bestiale e contravio aila sua salute cosi dell' anl- 
ma come dcl corpo ; e questo fu ch' egli disse , che 
sarebbe bene per la salute del Cardinale che dormis- 
se con una fanciulla , e questo sarebbe ottimo rime- 
dio» Inteso queslo il Cardinale , non si pote avere pa- 
zienza , che fusse bastata la vista a questo medico d' 
avere indotta una cosa tanto scellerata, della quale pre-? 
se tanto isdegno , che questo medico inducesse la dan-!- 
nazione delF anima e del corpo , conoscendo la yita sua 
e sua costumi ; e per questo riprese il medico come 
egli meritava , dicendogli dov' era la sua coscienza cb* 
egli anteponesse la sahite del corpo a quella dell' ani-^. 
ma ch' era la sua dannazione , e quella del corpo la 
sua morte^ E pcr questo gli fece comandare che mai 
piii egli venisse in quella camera , ne di sua cura a* 
impacciasse. E cosi disse al vescovo d' Algarve , ed a 
qucgli clie gli stavano appresso ; e per questo fu co- 
mandato al medico che mai piu entrasse in quella ca- 
sa ; e cosi per questa cagione ebbe licenza , e mai pii\ 



1)1 ^ortooalt;o. 205 

Vi lonu). Onnipotcntc Tddio quaiito e grniide la tua 
raiscricordia in qiicgli clic ispcrano in te ! 

5. Istava il Gardinalc dd continovo co' rcligiosi di 
montc Oliveto cd il Vescovo d' Algarve , uomo di ])uo- 
nissima coscicnza , clT cra al govcrno dclla casa , non 
si partiva mai d* apprcsso a lui. Gia conosccva il Gar- ' 
dinalc il suo male csscrc incurabile c non potere cam- 
pare , cd attcndcva a ncttare la coscienza sua , se avc- 
va cosa ignuna clic gli dcsse noia. Era di natura uma- 
nissimo , cd in lui non rcgnava se non uniilta. Era 
una fonte libcralissima in dare a' povcri per Dio ; di- 
scretissimo di provcdere a qucg-Ii cbe lo servivano , 
modestissimo nell' ordinare nella casa sua , nimico di 
pompe e cose supcrflue , teneva in ogni cosa la via de' 
beati , cb' ^ la via del mezzo. La sua famiglia voleva 
•che somigliassino lui nclla vita e ne' costumi ; in casa 
sua non voleva si facesse nulla cbe si potesse ripren- 
dere ; in tutte le cose era la sua casa e '1 suo governo 
niodestissimo. Ritoruando dovc abbiamo lasciato , istan- 
do in qncsti Jaudabili csercizi , ordiu6 il suo testamen- 
10 per autoriia apostolica , cbe fu d' esserc seppellito 
alla cblesa di santo Miuiato di Firenze dcIT ordinc di 
montc Oliveto, c volle cbe vi si facesse uua cappclla 
dotata , dove s' avesse ogni mattina a dlre la messa co- 
me oggi si vede , e lasciovvi c paramenti ed altre cosc 
t^ppartenenti al divino ufTicio. Vollc cbe di quclle su- 
stanzc cbe v' erano se ne soddisfacesse a quelli cbe avc- 
vauo scrvito , ed a' povcri ; c <^osi ordlno ogui cosa sua 
iiclla morte couie aveva fatto nclla vita. Non aveva at- 
leso a cumularc tcsoro , pcrcbe nclla sua casa da al- 
-cuni aricnti in fuori non niakl , cd assai buona copia 
di libri , c sua vestlmcnti , o sua masserizia , non v' 
cra altro ; cbc non crcdo cbe andasslno alla somma di 



206 CARD. lACOPO 

fioriai tre mila ; in modo che soddisfatto a qiiello clic 
aveva lasciato , la cappella non v' era del suo tanto clio 
si potesse fare ; ma questo vescovo silvense fece fare 
ogni cosa , e pago gran parte di qiicUa spesa la du- 
chessa di Borgogna, 

6. La fine sua fu santissima , come era stata la vi- 
la , la quale fu di natura buona : esaminatola niolto 
bene , e considerando che nella vita umana fusse uno 
giovane d' anni ventidua , nato di stirpe reale , con 
una grande licenza di fare quello che voleva e di pro- 
pria sua volunla , si privo di lutti diletti mondani ; e 
Intto si debbe riputare che fusse per grazia di Cristo 
e per i sua infiniti meriti , perche si vede che fu tan- 
to accetto a Dio , che nella carne mortale vivesse co- 
me s' egli ne fusse fnori , che piu tosto e da chiamar- 
la vita d' angeli che d' uomini ; perch' egP ^ certo che 
fu nella vita mortale come s' egli ne fusse fuori ; e non 
sarebbe inconveniente , e cosi si debbe e puo sperare 
ch' egli sia collocato nel numero degl' eletti , avendo 
lasciato a tutto il mondo tauto buono csemplo di se e 
della vita sua. E sc questa vita fusse scritta per or- 
dine dalla puerizia sua infino a questa eta , ed ella si 
vedesse , sarebbe non solo esemplo ma confusione a 
tutto il mondo. INella sepoltura , che e oggi a santo 
Miniato , la mano fu formata dalla sua propria , il viso 
in alcuna parte assai lo somiglia , perche dopo la sua 
vita fu formato ; per essere venustissimo nel corpo ma 
piti neir anima , dov' era tutto ornamento di costumi , 
che piii non ve ne poteva essere, Ed io scrittore che 
gran parte di queste cose ho vedute , ed udite da per- 
sone degne di fede che stavano del coutinovo appres- 
so della sua Signoria , ne rimango ismarrito quando 
io le penso. Chi leggera adunque questa vita , conosca 



Dl PORTOGALLO. 207 

ch' c^r c in podcsta dcgl' uomiui aiiJare pcr la via pcn- 
Ja quale ando il GartliTiale di propria sua volunla , no- 
ne con altro mczzo che col suo. Non sarebhe iudegno 
il Cardinale pcr esemplo a qualuuclK3 ohhono gl' anti- 
chi o di sautita di vita o di cosluml o di qualunche 
altra virtii. Chi scrivesse la vita sua por ordine come 
si convcrrchl)e , e non con questa brevita , sarchhe re- 
putata cosa miracolosa , c massime facendola in latino , 
a fine che ogni nazione avesse notizia , e che la me- 
moria di si degno uomo iion perisse. 

i5. CARD. DI GIRONA SPAGNUOLO. 

I» iVJlesser Giovanni de' Margheriti , nohilissimo 
di stirpe , fatto Cardinale da papa Sisto , fu vescovo 
di Girona. Valeudo il Re , che avesse il vescovado di 
Girona , il Papa lo voleva darc a messer Cosimo di 
Ricco ; ed istando il Re d' Aragona fermo a volcre che 
fusse di messer Giovanni , e non di messer Cosimo , 
per questo disdegno , seudo uomo di grandissimo cre- 
dito , se n' audo a Barzalona , e fu cagione di ribel- 
lare i Barzalonesi dal Re , solo per questo isdegno del 
vescovado di Girona ; e con tutto questo non pote mai 
ottenerc, Ottennelo messer Giovanni in tempo di papa 
Nicola. Era in corte nel principio del suo pontificato 
molto giovane e reputato , e fu molio accetto al Pon- 
tefice , e ne fece grandissima stima ; e delle prime de- 
gnita che gli dette , fu che lo fece cherico di came- 
ra numerario , chc sono quegli cho hanuo provislone. 
II Papa gl' aveva detto che andasse alla cauiera apo- 
stolica a pigliare e P ahito e V ufficio. Era in questo 
lempo camarlingo maestro Luigi patriarca. Giunto alla 



208 CAIID. DE\nARGIIERITI. 

camera opostolica , il Camarlingo , gli cavo 1" a])ito e 
iion lo volle acceltare. Messer Giovanni come priiden- 
te non disse nulla , ma subito penso al rimedio clie 
potcsse fare , e preselo huono , e questo fu che se n' 
ando a piedi del Poiitefice , e si disse : beaiissimo Pa- 
dre , ?' egli non pareva alla Sautita vostra che questo 
ufficio mi si convenisse , noii mi doveva vostra San- 
lita mandare alla camera apostolica , accio che 11 pa- 
triarca m' avesse a cavare i' abito di dosso con mia 
vergogua come ha fatto. La Sanlita di nostro Signo- 
re che non poteva intendere cosa che piii 1' ofFendes- 
se , sendo contro alla volunta sua , udilo questo , ne 
prese grandissima alterazione , e subito mando per il 
Gamarlingo che venisse dalla sua Santita. Giunto , se 
gli volse e disse : Monsignore , io ho indugiato piii 
tempo , come v* h noto , a consentire che voi eserci-* 
tiate 1' ufEcio del camarlingato , conoscendo la natura 
vostra quale ella d ; ora la prima cosa che avete fatta 
nel vostro ufficio , si e che avendo fatto cherico di ca- 
mera messer Giovanni de' Margheriti per le sua vir- 
lii , a voi e bastata la vista , di cavargli V abito , e non 
gl' avete voluto dare 1* ufficio ; e se non fusse che non 
ti voglio fare quello che tu meriteresti , io ti mostre- 
rei V errore tuo , e quanto possa in questo caso uno 
Ponteflce. Parvegli d' avere fatto uno grande errore , 
e domandonne infinite volte perdonanza al Papa ; ed 
andando messer Giovanni alla camera apostolica , su- 
bito gli dctte 1' ufficio ,* ed avendo soddisfatto alla vo- 
lunta del Papa , non gli parve avere fatto poco. Uso 
messer Giovanni in questo una grandissima prudenza* 
Diceva messer Giovanni che papa Nicola usava dire 
ehe mai nel suo pontificato aveva voluto usare la au- 
lorita pontificale , se non col patriarca , per abbassare 



CARD. De' MARGIIERITI. 209 

uno poco l.T sua snpcrl)i.i ; c tiitii i CarJinali chc aii- 
■davano a lui , sublto gli faccva rizzarc , c porsi a se- 
(lcrc , eccctto clio il patriarca ; e tutto faccva a uno 
meJcsimo finc , conosccndo papa Nicola Ic virtii Ji 
(|uesto vcscovo. 

2. E stato il vcscovo Jopo la morte di papa Nicola 
appresso il re Giovanni Ji Navarra ,• e qucsto Re ch' c 
al presentc (i) c gl' altri (igliuoli si sono quasi allcvati 
colla sua Signoria : fu molto amato Ja tuttl , e massi- 
me Jal presentc Re clie e virtuosissimo sopra tiitti i 
parenti. ScnJo giovane , com' e , infra T altre singu- 
larl loJi , chc gli Janno , si 6 JcUa contincnza Jclia 
vlta e Je' costumi sua , c Jella maravigHosa sua giusti- 
zia , e masslme J' essere volto alla religione como egli 
e ; perche seconJo il costume regio , ognl mattina oJe 
messa^ ogni mese si confessa e pigHa il sacraiissimo 
corpo Ji Cristo ,* ha in casa sua alcuni singulari uo- 
mini fratl Ji santo Domcnico in teologla o in filosofia ; 
e sempre vuole quanJo sono a tavala chc si Jisputi 
qualche cosa Jegna. I giuJizi che s' Iianno a Jare , 
iihe sono Ji qualche importanza , gli vuole uJire ia sua 
Maesta. E perche il regno era istato lunghisslmo tem- 
po in granJissimo Jisordine , per non v' essere chi 
potesse porre freno alle loro Jissoluzioui ; eiitrato 11 
Ee in questo stato nuovamente e JI Spagna (2) e Ji 
Catalogna ( perche senJo rimasta JI (juello sangue sola 
una fanciulla (3) , che ne' regnl , mancanJo il sangue , 
reJano cosi le femlne come i maschl , tolse quosta glo- 
vane rlmasta sola nello reame Ji Spagna il figlluolo 
Jel re J' Aragona , casa nohilissima cJ antlchissima , 
^on questo che 11 marito restasse Re lui Ji Spagna ) ; 

(i) FcrdinanJo V, dcllo il catlolico. (2) Cioe tli Casllglia. 
(5) InlcuJe IsaLcila. 

■4 



210 CARD, De' ilARGHKUlTI. 

cntrato iii qnesto reguo pcr lc detlc caoiorii , e tro- 
vandolo in tanto dlsordine , qiiant' cgV cra , vollc pa- 
ciiicarlo , e clic por rcgno si potcssc andare sicuramen- 
te sanza ignuno impcdimento ; c per questo attcse a 
fare castigarc infijiili ribaldi cli' erano per quello re- 
gno , di modo chc lo ridussc clie vi si potrebbe andare 
con r oro in mano. Ed i sigiiori che solevano gover- 
nare a loro modo e non u])hidire il Re , sono ridotti 
in hiogo con la sua prudenza , cbe ognano ista a ter- 
mini sua ; e tuito c proceduto dalla sua inviolabile giu- 
stizia ch' egli osserva , non avendo rispetto a persona , 
ma facendo universalmente ragione a tutti cosi a' si- 
gnori , come agl' inferiori. 

3. Narrava il vescovo delle cose di giustizia occor- 
sc ne' sua tempi. Alcune , c massime questa , narrero al 
presente , che sendo la sua Maesta in una terra di Spa- 
gna , come e usanza de' principi di mutare spcsso luo- 
ghi , corae intervicne ne' regni grandi che sempre do- 
ve e il Re vengono assai gente per faccende che han- 
no colla sua Maesta , venendo uno gentile uomo dove 
era il Re , ando alloggiarc in uno albergo come sono 
in quegli paesi assai tristi , e quivi come e usanza La- 
scio air oste tuttc le sua cose , infra 1' ahre una bol- 
getta dov' erano danari , e sua scritture , e dissc glie le 
serbasse tanto che fusse espedito dalla maesta del Pic di 
ccrte faccende che aveva con essa. Ispacciato del tutto 
dalla sua Macsta , ando alP oste e si gli domando quel- 
lo che gl' aveva hisciato , e raassime la sua bolgetta do- 
ve aveva danari e scritture. L' oste gli disse che non 
aveva la sua bolgetta , e che maravigliava di lui. II 
gentile uomo veduto questo , pregava 1' oste che gli 
piacessc rcndere la sua bolgetta , chc quando non la 
rendesse , se n' anderebbe alla raaesta del Re. L' oste 



CARD. De' MaRGIIERIT[. 211 

conie OvStliiato f^li nogo iiori avcrc nnlla cU suo , c clT 
cgll so n' andasse dovc gli pareva. II gcntlle norao se 
m' ando al Re , c narrogli il caso appnnto. 11 Rc vedn- 
to il giovanc , e conoscinto il modo con che aveva daio 
le cosc sna alT ostc , conobbe cbe qnesto gentilc no- 
nio aveva ragione ; c snbilo mando per V osic , e con 
pricghi c con minaccle gli comando cbc rcndcssc la 
sna bolgctta a qucsto gentile nomo» Sempre a sua INIac- 
sta lo ncgo , e disse non ne sapere nulla , e uon ave- 
re la sua bolgctta. Vednta il Re la perfidia di qnesto 
ostc , c conoscendo il gontllc uomo averc ragionc , co- 
me fa V onnipotente Dio che vnob; clie la verltii abbi 
il Inogo sno , pcnso sua Maesta di volerc trovarc il mo- 
do , c per qncsto chiamo 1' oste di nuovo , lo confor- 
to alla restituzIoTic. L' oste semprc istettc fermo. La 
sua Maesta pcnsando volere che '1 vero si ritrovassc , 
se gl' accosto al capo c cavogli la beretta , e mcsscscla 
sotto il braccio. Dipoi si voJto a certi dc' sua servido- 
ri , e coraando loro chc avesslno cura di costui , e non 
lo lasciassi^io partire infino a tanto che non tornasse 
il Re. Partlta la sua Maesta di qucllo luogo , se n' an- 
do in caraera , e chiamo uno de' sua camerieri , e si 
gli disse , che togliesse quella beretta , cd andassc alla 
casa dcir ostc , e chiamasse la mogllc , c dessele quella 
beretta , e si gli diccsse da parte del marito che gli 
desse quella bolgctta chc gl' avcva dato a serbare V 
osle. La donna , la qualc aveva avuta la bolgctta , la 
delte al cameriere ; avntola , se la mcssc sotto il brac- 
cio , ed ando alla macsta del Re , e prcscntolla. Apcr- 
ta la detta bolgctla , ed annoverati i danari , e qucllo 
clie v' era , trovo che non vi mancava nulla di qucllo 
che aveva detto il gentile uomo. \'cduto qnesto , se n' 
and6 di nuovo ali' ostc ch' era guardato , c si gll dlssc 



212 ^ CARD. DE 3lARG'fEPJTr. 

chc dlcessc il vcro sc 1' aveva avuta o no , perclic egli 
saneva il vero di clii 1' aveva aviUa. Sempre istettc fer- 
mo dlcendo clie s' cgll trovava che n' avessc colpa , gli 
facessc tagllavc la testa. Veduta la maesta del Re la sua 
pertlnacia , fece arrecare la holgetta e si gli disse , s' 
egll la conosceva. Qnando T ostc la vide , comlncio a 
domandare perdonanza al Re : il Re gli rlspuose che 
gla non c piii tempo di mlsericordia ma di giustlzla , 
c fece chiamarc il gentile uomo , e aperse la bolgetta , 
e vollc che vedesse se vi mancava nuUa. Gontatl i da- 
nari , c visto chc non vi mancava nulla , fegliela re- 
stituire , e dlssc che andasse pe' fattl sua. Dipoi co- 
mando che 1' ostc fusse Impiccato. L' oste si raccoman- 
dava quanto poteva. II Re gli disse : tu sai con quanti 
prleghl io tl dissl che fustl contento dirmi il vero ; 
ora non e piii tempo dl miserlcordia. E comando che 
sl facesse acconciare deH' anlma , dl poi fusse Impic- 
cato ; e cesi s' osservo. Fu questa una savissima e pru- 
dcntlssima sentenza. 

4. Narrommi questo vescovo un' altra infra infini- 
le che ne dette , aila quale si trovo presente. Uno gen- 
tile uomo passando d' una cltta che si chiama Zamo- 
ra , fu assaltato da uno alla strada e rubato , e tollo- 
oli ducento cinquanta ducati secondo la raoneta nostra, 
c da sei aueila che aveva. Questo non fn nella terra , 
ma dlscosto parecchl mlglia. Vennc questo gentile uo- 
mo alla ten-a , e andando veggendo come si fa , rlco- 
nobbe colul che V aveva rubato , e riconoscendolo sc 
n' ando a uno rcttore che tencva pel Re la citta , e 
narrogli il caso. Sabito mando a farlo pigliare. Prs- 
solo , confcsso subito il delitto , c dette in mano del 
rctlore ogui cosa. Fatto qucsto , il rettore fccc sodarc a 
uno ch' cra incognito , per ingannarc quello che aveva 



CATiD. De' MAUGIIERITI. 213 

perduto , c lasciollo and.Tre. Questo gcntilc uonio ve- 
dulosi ingannare , sc n' ando al Pvc , c narrogli il ca- 
so. Intcsolo , mandc) pcr qucsto rcttorc clic vcnissc a 
lui , e domandollo pcrclic avcva lasciato colui clic avc- 
va i danari di questo gentile uomo e V anella ? II rct- 
tore disse averlo potuto fare di ragione , di pigliaro so- 
damento c lasciarlo. II Re dissc : qucsto mallcvadore 
clie t' lia dato , clii c ? II rcltore dissc , non avere sua 
notizia. Conosciuto la sua ^lacsta la fallacia di costui , 
cliiamo uno altro dottore , e assegnolli uno certo tcr- 
mine a rispondcrgli , s* cgli 1' avcva potuto farc o no. 
Vcnuto il tcrminc , c sollecitando il gentilc uomo di 
riavere il suo , mando pcr tutti a dua qucsti dottori 
uno di giuridlco , dove il Rc dava udienza publica , 
ed eravi presentc messcr Giovanni Margheriti , e do- 
mando ii dottore , in che ella fu rimcssa , quello ch' 
cgl' aveva a rispondere. Dissc , avere veduto questo ca- 
so , e che di ragione egli 1' avcva potuto farc. Turhos- 
si assai il Re di qucsta risposta , parendogli che costui 
tcnessc mano a qucsto inganno. Istette alquanto sopra 
di se ; di poi si volse c disse chc condannava il rct- 
tore di Zamora a restituire ogni cosa a questo gcntile 
uomo , c piii tutte lc spese che avcva fatto nel tcmpo 
che v' era slato a sollccitarc lc sua ragioni. Di poi con- 
dannava il dottorc alle forche pcr questo inganno che 
aveva fatto. Di poi si volsc a qucllo dottore in chi clla 
fu rimessa , e dissc : io ti gastighcro in modo chc tu 
imparerai a dare i giudicj. Al gentilc uomo fu resti- 
tuito ogni cosa , ed il dottorc fu impiccato a una ca- 
vezza al collo. Data quesla scntenza il vcscovo d' Elva 
si voIsG al Re , e si gli dissc : gia non arcbhe data ne 
Bartolo ne Baldo una scntenza altrimcnti che s' abbi 
data la Macsta voslra. 



21 /| CARD. De' MARGIIERITI. 

5, E stato assai operato questo Cardinale ambascia- 
dore in piii laoglii dal Papa e dal re Giovauni. Ven- 
ne anibasciadore a Firenze nel tempo che il duca Gio~ 
vanui era nel reame , ed avevane occupato huona pnr- 
te , mandato dal re Giovanni a ricliiedere a" Fiorentini 
deir osservanza de' capitoli che avevano col re Ferdi- 
nando , per V ohligo fatto colla maesta del re Alfou- 
so per sua redi e successori , ed al re Ferdiuando era- 
no obh*gati come suo rede. Giuguendo iu Fireuze , 
sendo io con lui ucir audare a sporre 1' amhasciata , 
prcsi securta di domaudarlo com' egli la volcva cspor- 
re o iu latiuo e in volgare. Disscmi averla ordiuata 
latina. Rispuosi, che rispetto che v' erauo pochi che 
sapessino latiuo , che si farebbe piii frutto a farla vol- 
gare. Ando iu palazzo dov' era la Signoria e collegi e 
mohi richiesti , ed ispose elegantemente la sua orazio- 
ne volgare , di natura che ue fu assai lodalo e com- 
mcndato , e del modo del parlare seudo ohramontano , 
e della sua prudenza. Fece ogni cosa che pot^ in per- 
suadere la Signoria ed i citladiui circa V osservanza de' 
detti capitoli iu prestare favore al Re come erano obli- 
gaii : soddisfeciouo poi iu qualche parte. Audo di poi 
a Roma al Poutefice , e ritoruo a Napoli ; dipoi in Ca- 
talogna , dove uella perdita di Barzaloua s' aifatico as- 
sai in comportare quegli accordi , e fu cagione di mol- 
tissimo bene , come sempre era suta sua natura. Ven- 
ue ultimamente in ItaKa , e ando a Napoli nel lempo 
che il Re aveva perduto Otranto. Ando a Roma am- 
basciadore per il Re di Spagna , e per parte del re 
Ferdiuando a confortare la sua Santita a prestare fa- 
vore al re Ferdinaudo coutro agl' iufideli , e fece la 
Santila di nostro Signore il debito suo di maudare uuo 
legato apostolico , e di fare tutto qucllo che era neces- 



CARD. De' MAnCnERITF. 215 

sario pcr Ja sna saliitc. Parlito da Roma aiulo alla via 
di Vinegia a esortare i Viniziani comc cristiani , comc 
qnegli ch' erano potcntissimi pcr mare , clio piacesso 
loro ncl tompo di tanto bisogno nou solo dclla macsla 
del rc Ferdinando pcr avcrgli il Tnrco occnpato Otran- 
to con tanta infamia de' cristiani , c eon tanta strage 
del santissimo nome di Dio , aiuiarlo a fine clie non se- 
gnitasse tanto male qnanto si vedcva principiato. Istato 
a Vinegia , non gli pote raai mnoverc ,* e volcsse Iddio 
che iion fusse stato mcno il favore clie il disfavorc I 
Istava qucsto vescovo sospcso di tanta inaudita crudel- 
ta , quanta cgli vcdcva farc a' Viniziani sanza alcuno 
timore o onorc; di Dio. Non potc mai ne con csorta- 
zioni , iie per yia ignuna mutare la mente loro. Eravi 
in Vinegia in questo tempo uno ambasciadorc dcl re 
di Francia come re cristianissimo , e confortavagli a 
questo medesimo efTctto : ne V uno n^ 1' altro vi po- 
terono giovare nulla. 

6. Intcrvenne clic vedendo V onnipotentc Dio il 
manifesto pericolo de' cristiani , come padre e loro be- 
nefattore non volle cbe i Cristiani perissino ; subito 
vemie a' rimcdii di privare il Turco della vita ; che 
se Iddio non provedeva per questa via , non vi si ve- 
deva rimedio ignuno , veduta la ncgligenza de' cattivi 
cristiani , cbe dovevano prestare favore a si degna opc- 
ra , ed eglino o si stavano neutri , ovvero prestavano 
qualcbe favorc secreto al Turco. O iniqua gcnte ! o 
iniquita inaudita ! II vescovo come vero e buono cri- 
stiano ed amatore della sua religione , non faceva mai 
altro col Doge e colla sua Signoria cb* esortargli a 
quella opera , e mai non potc ne con prcgbierc ne con 
minaccie conduccrgli a nulla. Ma piii olTcriva loro 
quaranta galere armate a spcsc del rc di Spagna in^ 



21 G CARD. De' MARGIIERITI. 

iiiio a guerra fiiiita contro al Turco , c che tutto qucl- 
1o clic s' acquistava , fiissc loro ; c di qucsto ne mo- 
strava obli^lii tlclla sua Macslh , e pcr piii loro sccur- 
th clclla regiiia (i) e di tutti i principali signori dcl re- 
gno ; e raai gli potc inducere a nulla ; sempre gli dct- 
tono parolc generali ; ma il favore cbe dettono a que- 
sta impresa si fu , cbe del continovo i loro legni an- 
davano dallq armata del Turco alla loro. Non potcva 
avere questo vcscovo pazicnza , veduta la loro poca fe- 
de ed ingratitudine. Istando a f[ucsto modo , provide 
r onnipotente Iddio , come innanzi e detto. Avuta la 
novella , 1' ambasciadoro dcl rc di Francia , ed il ve- 
scovo di Girona cbe v' cra per il re di Spagna ando- 
rono ai Doge e alla Signoria a ricordar loro di tan- 
ta grazia quanta avevano avula dall' onnipotente Iddio 
d' avere levato questo impio e crudele tiranno del Tur- 
co di terra : per questo facessino fare solenne proces- 
sione a rendere grazie a Dio di tanto beneficio ; istet- 
tono pertinacissimi , e non vollono mai udire nulla. E 
usogli r ambasciadore di Francia e quello di Spagna 
parole da farli vergognare , e mai non si mossono ol- 
ire alla processione a laudare Iddio. Voleva cbe se ne 
suonassino le caoipane, come era ragionevole , e faces- 
sino fuocbi , cd a miUa vollono mai acconsentire , raa 
sempre istcttono in qucsta loro ostinazione. 

y, Era la vigilia dell' ascensione , quando la mat- 
tina erano venuti questi dua ambasciadori alla Signo- 
ria, e partitisi sanza ignuna conclusionc. Come piacque 
a Dio , la notte sendo la piazza di santo Marco come 
e usanza picna di bottegbe di tele le piii e d' asse , 
cntro il fuoco in alcune , in modo cbe ardcva cio cbe 
v' era ; e per quesla cagione cominciorono a suonarc 

(i) Inlende Isabella che regnava con FerdinanJo il cattolico. 



"^ -;! CARD. De' MARGnERlTI. 217 

tulle lc campnnr della terra ; il fuoco era granclc e suo- 
norono tulta la notlc lo campanc ; arse la faccia di 
santo Marco dinanzi dov' era una noslra Donna , e fe- 
cc Iddio qucsto miracolo clic tutti gli ornamenti cli' 
erano da lato e da capo dclla nostra Donna arsono , 
e la nostra Donna non si maculo di nulla. La mattina 
levandosi questi anibasciadori , cd avendo scntito tutta 
la nolte suonare campane , e veduto il grandc fuoco , 
ginnli la mattina al Doge ed alla Signoria , il vescovo 
nomo d' animo generosissimo dissc : screnissimo Prin- 
cipe , dappoiclie le S. V. non banno voluto cbc si suo- 
ni , ne cbe si faccino fuocbi per la morte del Turco , 
r onnipotente Iddio ba proveduto lui , in modo cbc si 
sono fatti fuocbi , e suonatc lc campane tulta la nottc. 
Non risposono , ma ebbono molto per male cbe usas- 
se quclle parole. L' ambasciadore francioso , cbe sono 
uomini largbi , disse cbe per la fede sua aveva detto 
il vero , e non poteva dire mcglio. Erano e 1' uno e 
r altro di loro infastidlti de' modi de' Viniziani- 

8. Istando in questi ragionamenti e praticbe con 
loro i Viniziani , I' eraendazione cbe feciono , fu , cbe 
mandorono ambasciadori al nuovo Turco a confermare 
1' accordo cbe avevano fatto col passato. Quando 1' am- 
basciadore intese questo , non pote avere pazlenza cb* 
egli non aprisse 1' animo suo , e replico tutte le pra- 
ticbe tenute con loro , e dipoi presa liccnza con uno 
grandissimo sdegno si parti di la , e disse loro cbe dov' 
egli si trovasse , non si potrebbe tencre cb' egli non 
aprisse 1' animo suo , e non dicesse i loro portamenti 
contro la cristiana reb*gione. Partitosi , vcnne a Firen- 
ze , e tutte queste praticbe tenute narro qui a tutti ed 
agli ambasciadori cd a cbi le volle udire. Dipoi par- 
tito di qui se n' ando a Roma , publico quello cbe ave- 



218 CARD. De' MARGnERITI. 

vano fatto i Viuiziani , e fc^gli coiioscere a clii non gli 
conosceva. Parlltosi da Roma n ando a Napoli , e qni- 
vi isteite alquanto tempo. Intervcnne clie avendo i VI- 
niziani fatto lega col Ponteflce per occupare lo slato 
di Fcrrara , parve al re Ferdinando mandare il vesco-- 
vo di Girona a praticare la pace col Papa , e riducer- 
lo a entrare in loaa con sna Maesta , c col duca di 
Milano , e co' Fioreutini contro a' Viniziani alla dife- 
sa di Ferrara , perclie i Vinizlani non la occupassino. 
Giunto a Roma e parlato con la Santiia di nostro Si- 
gnore , mostrandogli per potentissime ragioni come sa- 
peva e sa , che e cloquentissimo e di grandissima au- 
torita , come alla sua Santita si rlcliiedeva la difesa di 
Ferrara come tevxa di santa Clilesa , e mostrandogli la 
infidelia de' Vinizianl , e quello che gli rnoveva a que- 
sla impresa , poterona assal le sua parole ecl appresso 
il Pontefice ed appresso tutto il collegio de' Cardinali ; 
in modo che la pratica vsi comincio a pigliare ; e fece 
in modo e colla sua autorita , e colle ragioni potenti 
che aveva , ch' egli conchiuse la pace , e fece la lega 
tra il Papa e il Re e lo stato di Milano e Fiorentini 
contro a' Vlnlziani nella impresa dl Ferrara ; e come 
e noio a ognuno y^ il Papa dov' egli aveva mandata la 
gente in favore de' Vinizlani , la mando contro a loro. 
9. E per tante sua inaudite virtii ed innata honta , 
il Papa d' accordo col collegio de' Cardinali lo fecidno 
Cardinale. Moltc altre cose sl sarebhono potute dire di 
lui , le qnali sl lasciano a chi vorra la sua vita iscri- 
vere. Egli fu dottlssimo ed in iur^e canonico e clvile , 
ed ebhe notizia unlversale di teoloi^^ia e di filosofia e 
degli studii d' umanita e dl storia , fu grandissimo cos- 
mografo , ed universalmente d' ogni cosa ebbe notizia. 
Ma fu in hii una singidare parte d' csscre pralichissi- 



CARD. de' margheriti. 2t9 

mo in tiilte le cose del mondo per la lunga cspcrienza 
avula seniprc di cose grandi dalla sua giovcnlii infino 
alla fine della vila sua, Aggingnesi , lut essere stato , 
come si vede in piii sua composizioni , eloquentissimo. 
Compose uno libro inlitolato coroiia del priiicipe , che 
e mirabil cosa , perclie fa una corona a uno Re , e tutte 
le pietre vi si convengono drento , ed a ogni pietra 
da la sua similitudine conveniente al governo d' uno 
re. II libro lo intitola al re di Spagna , dove istituisce 
tutta la vita del re a essere uno degno principe. Com- 
pose la storia del reame di Spagna , dove si trova ogni 
cosa degna di memoria infino a* tempi sua. Dell' altre 
opere- composte da lui non ho notizia ; restino ora a 
quegli che pe' tempi vorranno scrivere i gesti di si 
degno signore , il quale dimostro la sua singulare vir- 
tti istando in corte di Roma , ed erano i sua consigli 
savissimi e di grande autorita appresso quella corte. 
E piii r arebbe dimostrato se fusse vivuto , ma sendo 
difettuoso di male di pietra , si mori a Roma. E cosi 
fu la sua fine com' era suta la vita. E di questi sin- 
gulari uomini n* e venuta universalmente grandissima 
penuria , che sono mancati , e non ne vicne piii. 



i6. CARD. DI RIETI. 



I 



.1 Cardinale ( Angclo ) di Rieti fu fratello del Car- 
dinale di Fermo , uomo dottissimo in teologia e notizia 
di piii dottrine. Fu di buonissima coscienza , e tenne 
vita non inferiore al fratello , perche imitava tutte le 
sua vestigie. Allevo in casa sua , e da Ii si puo dire 
ebbe 1' essere frale Mariano di Roma dell' ordine di 
santo Agostino della osservanza , e fello istudiare in 
leologia , in modo ch' egl' e riuscito solennissimo pre- 



220 CARD. DI RIETI. 

dicatore, ed m tutto le sua predicazionl priega Iddia 
per lui , cho mediante il suo buono esemplo vcnne al- 
la religione , ed imparo la dottrina ch' cgli sa , dclla 
quale ne seguita tanto frutto , ed e per segultare , se 
1' onnipotente Iddio gli presta vita. Molte lodi e cora- 
mendazioni si potrebbono dire di questo Cardinale , 
mediante le sua universali virlii , nia basta solo in que-. 
sto brieve comentario averne fatta menzione. 



17. CARD. DI SPOLETO. 



M, 



esser Bernardo ( Eruli ) da Narni fu Cardina- 
le , e chiamossi di Spoleto. Fu lungo tempo audltore 
di ruota , era grandisslmo giurista e canonista , e con 
queste dua condizioni aveva aggiunta la integrita e la 
])onta d' essere uomo giusto ; e per le sua proprie virtii 
venne alla degnita d' essere fatto Cardin?ie ; ed ignu- 
na cosa ve lo indusse ne amicizla n^ nazione. Istette 
piu tempo in questa degnita di Cardrnale , sempre go- 
vernandosl con grandisslma giustizia. Ed assai causo 
erano rimesse in lui ; e non bisognava che ignuna del- 
le parti durasse fatica con lui , perche ne Papa ne 
Imperadore 1' arebbono mutato della sua oplnione di 
fare ragione e giustlzla. E persevero eon questa in- 
nala bonta ed integrlta infino al fine suo , non si mu- 
tando mai da nulla , ma stando sempre fermo e co- 
stante , che poco maggipri lodi si possono dare a uo- 
rao. Fu umanlsslmo ed alleno da ogni pompa ne int 
casa ne fuori di casa , di quella buona e pura e netta 
antlchita. La sua famlglla erano slmili a lui , perche 
cosi era necessario che fussino quegli che istavano ii^ 
casa sua* 



221 
iR. GARI). Or SANTO MARCT^LLO. 

lYXcsser Aiitoiiio (Casini) Cardinale di santo Mar- 
ccUo fu di nazione sanese, grande giurista e canonista , 
praticliissiino uomo nelle lcttere e nelle cose dclla clile- 
sa di Dio. Fu molto istimato in quegli tempi di papa 
Eugenio , cir era dcgiiissimo collcgio , tutti fatti per 
propria viitu , sanza altro mezzo ; nel qual numero fu 
Jiiesser Antonio , c fu de' Cardinali di papa Martino , 
clie fu degnissimo Pontcfice , c bcne resse e governo 
la chiesa di Dio. I Cardlnali che fece uel suo ponti- 
iicato , tutti furono uomiui singulari , corae si vede pe' 
tcmpi , cd in questo numero fu messer Antonio. Emmi 
paruto porlo nel numcro di questi uomini singulari , 
perch^ le sua virtii lo meritano. 

19. CARD. DI SANTO SISTO CATALANO. 

1 u ue' tempi di pa/pa Eugcnlo il Cardinale di san- 
to Sisto (Turrecremata) , gentile uomo catalano , uomo 
dottissimo in fllosofia ed in teologia , ed era di gran- 
dlssima antorita nella cliiesa di Dio. Compose molte 
opere in teologia. Scndo il concilio a Basilca , erauo 
varie disputazioni se la podesta del Papa era piii che 
quella del concilio , o il concillo piii che il Papa ; c 
pcr questo compose uno degnissimo libro della podc- 
sta del Papa , il qnale fu avuto iu grandissima riputa- 
ziouc. Fu slc^nore di ffrandissima fcde , e uel fuorfrirsi 
papa Eugenio da Roma per venirc a Pisa , di poi a 
P^ireuze , v' era solo santo Sisto colla sua Santita , che 
mai uou lo ahbaudono. Fu dcIT ordiuc di santo Do- 
menico, e portava 1' abito iu quesla dcgnltii del Car- 
dinalato , coiuc avcva fatto iniianzi, Era dirittameute 



222 CARD. DI S. SISTO. 

gentile nomo si pe' sua laudabili costuuii, come iii ogui 
suo atto. Era alieno da ogni pompa o fasto , tutto pie- 
no di umilta. Compose molte opere , delle quali io uon 
ho notizia. 

20. GARD. DE MELLA SPAGNUOLO. 

i\jLesser Giovanni de Mella fu di nazione ispa- 
guuolo , grandissimo legista e canonista. Venendo ia 
Italia e massime in corte di Roma , sendo singularis- 
simo uomo nelle dua faculta , fu fatto auditore di ruo- 
ta dove istette piii tempo , e per la perizia delle leggi 
n' acquisto assai riputazione ; di natura che avendosi 
a fare Gardinali , per uno de' primi iurisconsulti e iu- 
ris pontificii fu eletto Gardinale , solo col mezzo delle 
sua singulari virtii. Di quello che abbi composto , non 
ho alcuna nolizia , ma non immeritamente e messo in- 
fra gl' uomini chiari , raediante le sua virtii. 

21. CARD. DI MENDOZA SPAGNUOLO. 

iVlesser Piero di Mendoza ispagnuolo , di stirpe 
nobilissima , fu fatto Gardiuale da papa Sisto per le 
sua virtii. Ebbe notizia universale cosi in iure cano- 
nico , come in questi studii d' umanita e filosofia e teo- 
logia. Istette piu anni in corte di Roma , e quivi fu 
molto istimato ed onorato. Faceva continovamente fa- 
re libri e comperava , cosi sacri come gentili , in mo- 
do che raguno grande quantita di libri per volere fare 
una libraria, Aveva il padre signore de' primi di quel- 
lo regno , il quale non era litterato , ma intendeva bc- 
nissimo la lingua toscana ; e per queslo fe' fare il Car- 
dinale qui in Firenze grandissima quantita di libri in 



CA!\D. DI MErtDOZA. 223 

lini^tin losc;nia , pcr trasi^irirwli p(;r suo pincj-rc in spa- 
gniiolo , e fecc farc iii Ispagna iii casa sua uiia li])ra- 
ria tli libri loscani clic vollc clic fusse comune a clii 
110 volevn. E messer Piero e lutta la casa siia , casa 
d' uomini no])ilissimi , e dati tutti alle virtii; ed e oggi 
iii Ispagna de* primi uomini di quello regno (i). Dipoi 
clie l'u fatto Cardinale , non e mai venuto iii corle di 
Ronia. Dclle opere clie lia composto , non lio notizia , 
e per questo non se ne fa raenzionc. 



22. CARD. CUSANO TEDESCO. 



M 



esscr Nicolo di Cusa fu di nazionc lcdesco , de- 
gnissimo uomo , grandissimo filosofo e teologo , e gran- 
de platonista. Fu di santissima vita , e tutto dato alle 
lettere , dotto in greco. Peragro tutta la i rancia e la 
Magna , e congrego grandissimo numcro di iiljri in 
og«i facuha. Compose infinite opere in teologia di 
graude autori-ta. Fu acutissimo disputatore , procede- 
va ne' sua trattati per via di argomeuti soltilissimi. Fu- 
rono r opere sua di grandissima riputazione. La pom- 
pa iic ]a robba non stimo nulla. Fu poverissimo Car- 
dinalc , e non si curo d' avere. Fu di buonissimo escm- 
plo in lutte P opere sua. Merita per le sua virtii d* es- 
sere messo noi numero degP uomini cliiarissimi ; e f u 
]a fine sua quale era istata la vita , santissimamenle 
mori. 

Ho infino a qui descritto sotto forma di comen- 
tario alcuna cosa degna di memoria di que' soli Gar- 
dinali de' quali lio avuto notizia cbe sono giuuti a que- 
sta degnita per proprie virtii. 

(i) Fu creato Cardinale nel i/^jo , e moii nel i^qS. In que- 
sto intervaiio adunquc scrivcva Vcspasiano. 



224 

PARTE III. 

AKGIVESGOVI, VESGOVI, 

PRELATI , E RELIGIOSI. 



a»o©o«SM 



23. ARCIVESCOVO ANTOrNlNO FIORENTINO. 

I. JLj arcivescovo Antonino fu di nazione fioren- 
tino , nato di assai onesti parenti. Fessi religioso nell' 
osservanza di santo Domenico , e molto le dette favo- 
re , in modo che si puo dire che santo Bernardino , e 
1' arcivescovo Antonino fussino cagione di dare forma 
all' osservanza dell' uno ordine c dell' altro , che ella 
si mantenesse ed ampliasse , come cll' e infino al pre- 
sente di , perche ispiccarono questo ordine assoluto dal 
generale (i), perche per 1' autorita apostolica ehhono 
autorita di poter fare per loro elezione uno vicario , 
che a questo ordine tenesse luogo del gcnerale. Vero 
e che '1 vicario e sottoposto al generale , ed i frati os- 
servanti sono sottoposti al vicario. II generale non s' 
ha impacciare niente di loro , accio ch' egl' ahbino pa- 
store che sia vero pastore. E questa e staLa quella cosa 
che ha conservato I' uno ordine e 1' altro. liitornando 
al beato Antonino , egli dette opera a teologia e diven- 
to sommo teologo. Dipoi attese a questa teologia pratica 
e necessaria , ch' e quella che appartiene a' casi di co- 

(i) Inlende 1' erezione Jella Congregazlone toscana di S. Do- 
inenico. E quanto alla riforma di S. Bernardino , iie fa mcnzione 
il nosU'o Vespasiauo anche nella vila di papa Eugenio p. 1 1 j co- 
me parimenii della domenicaua. 



S. ANTONINO ARCIV. Dl FlREiXZE. 225 

scieiiz.i , dovc fii cccelleiiLl.ssiino , comc si dimostra per 
quello chc fecc uclla vlla sua , c pcr l' opcrc clic ha 
compostc de' casi di coscicnza. Attcsc a dua escrcizi 
molto iiecessarii , l' uno fu il confcssarc , V ahro il prc- 
dicare , e neir uno e nvW altro fece graudissimo frut- 
10. Attcsc , come e dctto , a' casi di coscicnza , in mo- 
do che tutti i casi dubbi o d' iraportanza venivano a 
lui pcr giudicio e pcr parere. Istclte gia a Napoli a 
uno loro hiogo piii tempo , iiel qualc acquisto gran- 
dissima riputazione p(;r la santita della vita e pcr i 
sua buoni coslurai. Compose a Napoli richicslo da uno 
geniile uomo uno librctto sotto brevita assai difTuso da 
confessare. Stette mollissimo tempo , dovc fece gran- 
dissimo frulto per 1" autorita che aveva in ogni sua co- 
sa , ^d era di tanta severita che intesa la vcrila d' uua 
cosa islava fermo e costante , e non se ne mutava per 
nuUa. Da Roma e da piii luoghi d' Ilalia vcnivano a 
lui pcr cousigllo , cd a tutti rispondeva ; e cou tutte 
queste sua occupazloni non pcrdeva mai tempo nel 
comporre quelle sua degno opere che hanno dato lu- 
me a tutto il mondo , e danno. 

2. Istando a questo modo nella sua religiouo con 
queste laudabili condizioni , vaco V arcivescovado di 
Firenzc ue' tempi di papa Eugenio. Scndo vacata que- 
sta scdia , dalla Signoria fu scritto molto costumata- 
raejite alla Santita di nostro Signore che gli piacesse 
eleggcre uuo arcivescovo che fussc convcniente a una 
citta quant' era Firenze. II similc gli scrisse Cosimo 
de' Medici molto costumatamente pregando la sua Snn- 
titvH che le piacesse eleggere uno arcivescovo , uon lo 
preg;ando piii d' uno chc d' uno altro. II Papa rispuose 
che non dubitassino punto che cleggerebbe loro tale 
pastore che sarebbono coutcuti. Lascio starc la scdia 

x5 



22 G S. ANTONINO ARCIVKSCOVO 

vacante mcsi qnattro per eleggere iino pastore a suo 
modo ; e venendo alT elezione , avendo notizia di fra- 
le Antonino, lo elesse arcivescovo di Firenze. E per- 
che egli conosceva la sna natnra , ch' egli non accet- 
terebhe , ohre alT avere sua Santita datoghelo motu 
proprio , cioe di sua propria volunta segnatolo , fece 
uno hrieve dove gli comandava sotto pena di scomu- 
nicazione che V accettasse ; e faite le bolle e '1 hrie- 
ve , le mando per uno fante proprio che T andasse a 
trovare , e dessegli il brieve apost()h'co e le lettere che 
gli signlficavano la sua elezioiie. L' arcivescovo aven- 
do qualche indizio di questa elezione , prese uno coni- 
pagno , e fece pensiero fuggirsi in luogo di uone es- 
sere trovato ; e audossene egli e *1 suo conipagno colle 
cappe in sulla spalla , ed entrorono ne' boschi di Cor- 
neto (i). Aiidando alquanto per quello bosco , il cor- 
riero che portava il hrieve c le lettere , ando tanto 
cercando che gli fu insegnato dove egli era iio in quel- 
lo bosco. 11 fante che portava la novella uso grandis- 
sima diligenza di trovarlo , istimando con portargli la 
novella d' uno si degno arcivescovado , avere qualche 
buona sorama di danari ; non conoscendo che il frate 
si fuggiva per non volere. Giuuto il fante dov' erano 
i detti frati colle cappe iii collo , che si fuggivano , 
presento loro il brieve e le lettere. Presentatele , aspet- 
tando che ne facesse una grande allegrezza , cambiossi 
e stette alquanto sopra di se. II fante che aspettava il 
beveraggio , veduto chc non gli diceva nulla , glie lo 
domando. L' arcivescovo gli disse : per una cattiva no- 
vella , che non la poteva avere pcggio di qucsta , da- 
iiari questo mio compagno cd io noii abbiamo; salve 

(i) Era il Santo di rilorno da ISapoli in questi luoglil , nic- 
dilaudo fugglrsi iii Sardegna. pcr sottrarsi olla inilra. 



ni FiREwzE. 227 

lc cappe clie tu vedl , noii abbiamo altro. 11 fante si 
trovo ingannato d(;l suo pensiero , vedendo la turl)a- 
zione deir arcivescovo quand' egl' aperse il brieve che 
gli comandava sotto pena di scomunicazionc. 

3. Diro qui in questo luogo quello che udli da pa- 
pa Nlccla quando era vescovo di Bologna. Disse che 
pnpa Eugcnio gli disse che in tutto il tempo dcl suo 
pontificato mai ignuna vacazione di beneflcj aveva co- 
mandata sotto pena di scomunicazione per persona chc 
gl' accettasse , se non solo a frate Antonino , conoscen- 
do la sua natura che non lo arebbe accetlato ahrimen- 
le. L'allra che gli disse che in tutto il suo pontificato 
aveva eletti tre prelati , di che la coscienza non lo ri- 
mordeva , V uno era il patriarca di Vinegia ch' era sau- 
tissimo uomo ; T allro fu il vescovo di Ferrara frate 
inoesuato ch' era il simile ; il terzo era 1' arcivescovo 
Antonino. Lodava papa Eugenio mirabilmente 1' arci- 
vescovo Antonlno, avendolo conosciuto per lunga espc- 
rienza. II simile faceva papa Nicola. Avuta questa ele- 
zione , se ne venne a santo Domenico di Fiesole , e 
quivi istette alquanto tempo. Iscrlsse a Roma , e fece 
ogni cosa che pote per non 1' accettare. Istette il Pa- 
pa fermo , e non si mosse mai di quello che aveva fat- 
to , e tutte queste resistenze e diiliculta sapeva ch' egli 
aveva a fare. Andavano a santo Domenico molti cit- 
tadini a confortarlo accettare queslo arcivescovado, mo- 
strandogl il frutto e bene che ne seguitarebbe ; aveva 
tante ragioni in opposito , che non v' era ignuno ch' 
egli non confondesse. Istando fermo il Pontefice nella 
sua opinione , bisogno che 1' accettasse, bene che lo fa- 
cesse di mala voglla. Venendo al vestire , furono molti 
che lo volevano conslgliare che facesse la cappa lunga 
colla coda ; non nc volle fare nulla , ma volle che fus 



228 S. ANTONIXO ARCIVESCOVO 

.s{; rnsciifc tcrra c noii piii , c di pcrpifTnano ; avcn- 
(lola fatta diia dita piii Innga clic non erano qnelle dc' 
frati , la fcce mozzarc ; pcrchc interveniva alcuna vol- 
ta clic arcLbe vediito nno frate clie aveva nna cattiva 
cappa , cavavasi la sna di dosso c si glicla dava , e fa- 
cevasene rifare nn' altra. Tutto 1' abito suo era come 
d' uno scmplice frate ; la camiccia di panno , il letto 
comc i frati col sacc07ie c la materassa e le linzuola 
di perpignano , come i frati ; in sul letto sno non era 
altra coperta clie una da fi-ati , non v' erano panni d* 
arazzo , nc nulla in tutta la sna casa : non v' erano 
pancali , nc agl' usci usciali vollc mai chc fussino in 
casa sua , acciocclic fusse comune a ognuno il venire a 
parlargli. Gomando a qucgli clie lo servivano clie le- 
nessino ncttc Ic panchc , acciocclie chi vi si ponesse a 
vscdere , non s' imhrattassc. In camcra sua istavano dua 
frati in sua compagnia. Tolsc uno vicai"io similc a lui 
di huonissima vita e costumi , che Italia non avcva il 
similc. Famigli ne tolsc tanti quanti hastavano alla 
estren\a ncccssita : cavalcature non teneva , ma in ca- 
sa avcva solo uno mnlctto piccolo il quale aveva ac- 
cattato da santa Maria nuova. Qacsti erano gli orna- 
mcnti di casa chc teneva , e i cavalli grossi c lc mule 
collc horchie doratc. 

4. L' cntrate dcl suo arcivcscovado in questo tcm- 
po erano miile cinquecento scudi ; ne pigliava quello 
che bastava per V estrema nccessita della sua casa , ch' 
erano cinquecento fiorini ; restavano mille , questi da- 
va lutti per 1' amore di Dio a pcrsone miserabili- Or- 
dino tulla ia corte sua , lcvando tutte le cose che avc- 
vano non solo simonia , ma ombra di simonia. Agli 
ordini chc si davano , voleva lui cssere alla esamina , 
V. non dava gl' ordini se non a chi cgli conosceva chc 



DI riRENZE. 229 

gli meritasso , altrimcnti iio. Danari ignuni volcva che 
si pagassino da chi plgliava gl' ordini ; solo conccdc- 
va a chi avcssc vohito una lcdc pcr gl' ordlni , chc 
aveva avuti , di mano di notalo in carla di cavrctto , 
cra contcnto chc i notai avcssino sokli cinquc c non 
piii ; e cosi avcva regolata ogni miniina cosa, Ordino 
di poi il clcro ch' era in grandissimo disordinc , levo 
lc calze sohalc , e volle chc i prcti andassino in scar- 
pelte , lcvo le zazzerc che non vollc che lc portassi- 
no. Andava ogni anno a visitarc tutto il vcscovado , 
e non andava con ispesa in modo chc fussc sopcrchio 
alle chicse dovc andava. Volcva chc ognl pretc avesse 
uno hreviario , cd in sul dcito breviario scriveva di 
sua mano , e notavagli o facevagli notare in sur uno 
quadernuccio , e segnati per numero , a flne chc non 
si potcssino vcndcre ne alienare. Ed acciocche alle 
chicse non facesse spesa , andava sanza farlo sapcre , 
e non si curava ne di suo mangiare n6 di nulja , pu- 
re ch' egli soddlsfacesse al bisogno dcll' animc. Cor- 
rcsse e castlgo molti prelati dlssoluti , c i contumaci 
privo de' loro bcneficj pcr i loro cattivi portamenti , 
quando conosceva che erano incorrcglbill. Non biso- 
gnava che persona gli parlasse delle cosc giustc cd 
oneste , perche non era persona chc 1' avcsse mai prie- 
gaio. Autorita dl persona appresso di lui non valeva ; 
cosi amministrava ragione al povero comc al rlcco , 
tutti gli mandava uguali sanza fare dlfFcrcnza ignuna. 
I monisteri di monache sottoposti alla sua dioccsi ca- 
stigo' e ridusse alla vcra via. Di natura si governo , 
chc d' uno arcivescovado irovatolo in tanto disordine , 
r ordino in modo che non cra pretc ignuno che non 
istesse a' sua tcrmini. Andando uno di uno nostro cit- 
tadino , il principalc uomo della citla in qucllo lempo , 



230 S. ANTONINO ARCIVESCOVO 

ch' era Gosimo de' Medici , a pregarlo che raccomaii- 
dasse una sua causa chc aveva al vescovado , rispuose- 
gli che non bisognava ; che s' egli avesse ragionc , che 
gli sarebbe fatta , che tanto poteva il minore ucmo di 
Firenze , quanto lui , se aveva ragione. Era di tanta 
riverenza e riputazionc , che con quella cappa di fra- 
ticcllo in dosso , con pochi famigli , aveva tanta ripu- 
tazione , che mai passava di hiogo ignuno , che ognu- 
no quando passava non si gettasse per terra ginocchio- 
lii, E sanza cavalli , e sanza vcstimenti , e sanza fa- 
migli , e sanza ornamento ignuno in casa , era piii isti- 
mato e piii riverito , che s' egli fusse andato con le 
pompe con che vanno i piii de' prelati. Questa sua au- 
torita non era solo in Firenze ma per tutta la corte di 
Roma ; perche papa Eugenio mohe cause di giudizio 
rimelteva alP arcivescovo Antonino(i); e non voleva 
cosa ignuna , che non gli fusse conceduta per la sua 
autorita non solo dal Pontefice , ma da tutto il colle- 
gio de' Cardinali , e da tutta la corte di Roma. 

5. Intervcnnc in questo tempo che in Firenze fu 
grande careslia , e la moltitudine de' poveri erano as- 
sai cosi della citta come del contado. Faceva fare gran- 
de quanlita di pane, ed aveva ordinati certi sopra quel- 
le limosine che le dessiuo non solo a' poveri publici , 
ma a' poveri vergognosi provedessino in ogni loro ne- 
cessita segretamente. E questa compagnia che e oggi 
in Firenze de' poveri vergognosi , ordino lui. Non po- 
teva sopperire con mille fiorini che gl' avanzavano del- 
le sua entrate a tanta necessita , e bisogno che iscri- 
vesse piii volte a papa Eugenio che lo provedesse di 

(i) Faceva 11 medesimo papa Nicola , dcl quale ho veduti mss. 
almeno diciasselle Brevi epistolari , scritti dalla penna del celebre 
segretario Poggio all' arcivescovo Antonino. 



Di nnENZE. ■^^ ' 



danari, .,■ maudavagli dana.i ispesso per seguue que- 
sta opera. II similc ad alenni cilladini nc domandava , 
ed ognuno gli Java pcr sovvcnire a tanto gravc b.so- 
ano. Ed inprivato a vedove ed a pupilU sovvcn.va sc- 
grclaracnte , cd a maritate fanciulle , c faceva altrc p.e 
opcre, i.. modo chc parvc cl.c nel tempo suo e ne lo 
spirituale e nel temporale ogui cosa prosperasse. Vc- 
nivano di piii luoghi molti a domandare d. co.uratU 
s' egl- erano leciti o no. Uno di a caso sendo coUa sua 
Signoria , vennono certi contratti di fuori pcr sapere 
il giudicio suo. L- arcivescovo disse che si lcggess.no; 
e mctre cl.e si leggevano , istava col capo basso ebc 
pareva chc dormisse. Colui che gli leggeva , d.ceva ch 
e.r. stessc a udire. L' arcivcscovo gli disse ch' cgl. se- 
guitasse; e letti che gl' ebbc , tutti a uno a uno gli 
replieo , e quegli che erano leeiti e qucgh cbe erano 
iUeciti , acciocche paresse che .lon dormiva. I^on vo- 
leva V arcivescovo A.itonino che le dote delle fanc.ul- 
le chi 1' aveva a fare , facesse che s' ella si mor.ssc , 
il capitale si perdesse ; altrimenti non voleva che .1 
contratto fusse lecito (.)• » ^^""1« eonslgliava che ch. 
aveva danari di .nonti , alla sua fi..e finissc .1 ered.to 
al comune. E per qucsto consigliava Do.»ato Acc.a,uo- 
li a lasciare per testamento ehe i danari che aveva d. 
monte , si finissino. E cosi fece. 

6. II tempo che aveva 1' arcivescovo , lo spendeva 
maravigliosamente o in dire 1' ufficio , o in dare ud.e.i- 
za a chi la voleva , c scmpre la maltina era levato i.i- 
nanzi di ; e detto 1' nfficio , che lo diceva a buon.ss.- 
ma otta , componeva quelle sua somme , chc fece , tan- 
to degnc ed utili al mondo ed alla cristiana vel.g.one. 
(,) DoUe usiuc scrive lai-gainente S. Antonino nella Somma , 
c puo TcJersi il lomo II. cU. Uel Ballerini. 



232 S. ANTO:?INO arcivescovo 

E iion ostanlc luttc le sua occupazioni , fece dclle dette 
somme ncl tempo clic fu arcivescovo piii partc , e fi- 
nillc in quello tempo per sapere dove ispendere il tem- 
po suo. Ogni di comandato semprc vcniva nella chie- 
sa maggiorc , e stavavi a lutto T ufficio clie mai lo la- 
sciava cosi la mattina come il di a vespro. Andava a 
predicare alle voltc nella chiesa maggiore , ed altrove 
dovc Lisognava. Andando uno di alla chiesa di santo 
Stcfano al vesp?o , dipoi avendo predicato , e partcn- 
dosi ando alla loggia de' Buondehnonti colla croce , e 
getto pcr terra i tavoglieri a quegli che giuocavano , 
e data una volta , non vi fu ignuno che non s' ingi- 
nocchiasse , e non si vergognasse d* essere suti trovati 
quivi a giucare. E di questi atti ne faceva ispesso per 
dare huono esemplo di se , e levare via gl' inconve- 
nienti. Andando in santa Maria del fiore il di quan- 
do si cantava il divino ufficio , dove erano quelle pan- 
cate delle donne a sedere con questi iscioperati e vani 
siovani intorno , 1' arcivescovo dava una volta intorno 
dov' egli erano , e non v' cra ignuno che non si par- 
tisse per la rivcrenza e timore che avevano di lui, Era 
questa sua fama , come e detto innanzi , universale per 
tutta Italia , e per tutto dove sono i cristiani , perche 
sendo tutto il mondo pieno d' errori , e massime in 
volere la robha ingiusta d' altri , e per questo questa 
sua somma de' vizi e de' contratti , e di tutti gli stati 
che sono nel mondo , e d' ogni stato quello che se gli 
conveniva ; e per questo , queste sua opere hanno il- 
luminato tiitto il mondo , e sono ite per tutte le terre 
de' cristiani , cd in ogni luogo ^ ita la fama sua , e 
delle sua buone opcre , e della regola che ha dato a 
tutto il mondo come s' ahbino a governare. 

7. Morto papa Eugeuio , c succedendo papa Nico- 



DI FIRENZE. 233 

la ncl pontiTicoto , dcsiderando govcrnarlo con qnclla 

giustizia chc si rirliicdc a una degnita , quale era il 

poniificato , fece pensiero mandare a Firenze per 1' ar- 

civescovo Antonino che venisse a Roma per informa- 

zione di tanto peso quant' cra il ponlificato. Avuto co- 

mandamcnto d' andare a Roma , subito si mosse. Giun- 

to a Roma , dal Pontcficc fu molto onorato c da tutta 

la corte di Pioma ; e contro a molti che dicono i pre- 

laii nsarc le pompe pcr essere stimati , giunto a Roma 

con una cappa da sempllce frate , con uno mulettino 

vde, con poca famiglia , era in tanta riputazione che 

non andava pcr Roma in luogo ignuno , che quando 

passava pcr la via non s' inginocchiasse ognuno a ono- 

rarlo : assai piii cra onorato lui che i prelati con Ic 

helle mule e con gP ornamcnti de' cavalli e famigli (i). 

Non andava a visitare Cardinale ignuno , che da tutti 

non fusse avnto in grandissima riverenza. Non dico 

nulla dcl Pontefice che non lo poteva piii onorare che 

V onoro , lutto mosso dalla santita della sua vita irre- 

prchensibile , e massime avendo udito quello che aveva 

del suo predecessore ch' era papa Eugenio. Intervcnne 

air arcivescovo Antonino il contrario che suole avve- 

nire agl' altri , che la sua°presenza fu di tanta autorita 

a Roma , che beato chi lo poteva veder(^ e onorarlo. 

E non passava n^ Cardinale ne persona che fusse istato 

onorato quanto fu I' arcivescovo Antonino. Per que- 

sto si vede quanta forza abbino le virtii e la intcgrita 

della vita. 

8. Occorse in questo tcmpo , sendo a Roma , che 

(i) Noii importa chiosare questi detli di Vespasiano , ne ridur- 
Ii a moderazione ; poiche e] nolo che le azioni de' Sanli eccedono 
spesso lc regole ordinarie , e si dipartouo virtuosamcnle dallc usan- 
:ie umane auchc iecile c uon isconvciievoli. 



234 S. ANTONINO ARCIVESCOVO 

molti Cardinali e prelati avevano dubii di casi di co- 
scienza ; tutti venivano all' arcivescovo Antonino ,, ed 
a tutti soddisfaccva mirabllmente. Per la sua buona 
dottrina e p^r ]a santita della vita e per la inviolabi- 
le sua coscienza acquisto tanto iu questo tempo , cbe 
istette a Roma , col Pontefice e con tutto il collegio de' 
Cardinali , cbe difficilmente si sarebbe difeso di non 
essere fatto Cardinale ; se non fusse cbe al Pontefice 
ed al collegio dimostro questo non fare per lui , e non 
potere venire a questa dcgnita sanza grandissimo pe- 
ricolo della salute dell' anima sua. Fece in modo cbe 
se ne difese , moslrando cbe facendo il dcbito suo delT 
arcivescovado aveva conosciuto cbe gl' era non solo dif- 
ficile ma impossibile a potere portare tanto peso, e por- 
tandolo non sarebbe poco ,* e cbe non solo la degnita 
cb' egl' aveva , non la desiderava , o maggiore di quel- 
la , ma la maggior allegrezza cbe avesse potuta avere , 
si era di tornarsi sempbce frate , come era innanzi cbe 
venisse a questa dcgnita. Gon queste ed altre ragioni 
lo lasciorono istare nella pace sua. Fu mirabiie la co- 
stanza sua , percb^ sendogli commcsse molte cause im- 
portantissime e di Papi e di Cardinali , 1' autorita non 
lo pote mai muovere cb' egli non giudicasse secondo 
la sua coscienza, Per questo ogni di piii acquistava ri- 
putazione e fama appresso d' ognuno. 

9. Sendo morto papa Nicola , in suo luogo fu elet- 
to papa Callisto , e come e di consuetudine a Firenze 
s' elessono sei ambasciadori per mandargli a Roma a 
dargli 1' ubbidieuza , fra' quali come principale fu elet- 
to 1' arclvescovo Autonino. Ando pure vestito a modo 
usato , bene cbe fusse istimolato del contrario da ognu- 
uo. Glunto a Roma , sendo la sua fama del contiuovo 
cresciuta , non meno fu ouorato questa scconda volta 



DI FFRENZE. 235 

cIjc la prima , per la grande riverenza clie gl' era avula 
per la sua continovata vita e costumi. Fu ordinato cho 
la mattina avessino udienza in concistoro publico , co- 
me fu ordinato da papa Nicola per fare onore alla cit- 
la di Firenze alla quale era affezlonalissimo. Vennono 
la mattina cbe s' aveva averc udicnza moltissimi solo 
pcr vederlo ed udirlo per la sua singulare fama. Reci- 
to una degnissima orazione (i) , la quole fu assai lodata 
e commendata e dal Pontefice e da tiuti qucgli clie vi 
si trovorono , in modo clie la maltina fecc grandissimo 
onore a se cd alla citla che lo aveva mandato. Rcci- 
lala l' orazione ed isposta la loro ambasciata , secondo 
la consuetudine andorono a visitare tutti i Cardinali , 
da' quali 1' arcivescovo Antonino fu assai onorato , e 
fattegli grandissime accoglieuze a lui piii cbe agP al- 
tri per la sua inaudita bonta cbe era nota a tutti. Fi- 
nite le loro commissioni e falte le visitazioni cbe ave- 
vano a fare , presono licenza e vennono a Firenze. 

10. Ora i' arcivescovo per stare fermo nella giu- 
stizia e da quella non si muovere , i piu ne sono ma- 
le capaci. Intervenne cbe in Firenze era uno cittadino 
d' assai autorita in quello tempo , ed aveva uiia causa 
d' uno suo figliuolo , la quale pendeva innanzi all' ar- 
civescovo , della quale non aveva ragione ? molestan- 
dola cd alterandola molto , e coll' arcivescovo venne 
piii volte a uscire colle parolc e co' fatti fuori dell* 
ordinario , perch^ T arcivescovo gli mostrava cb' egli 
non aveva ragione , come non aveva. Costui non ista- 
va contento , e non gli bastorono le parole ingiuriose 
cbe gli uso piii vole , e 1' arcivescovo sempre con una 
inaudita pazienza gli rispondeva ,* quaiito piii gli usa- 

(i) Esiste nella Cronaca del medesimo S. Antonino part. III. 
tit. 11. cap. i6 ; benche il Santo per umilta tace ivi 11 suo nome. 



236 S. ANTONINO ARCIVESCOVO 

va buone parole , e costui come iionio non ragionevole 
piii incrudeliva e peggio faceva , ed in fine venne una 
sera in tanta indegnazione , che gli volle mettere le 
mani addosso , e niessegli , e V arcivescovo pure arma- 
to colla pazienza. L' onnipotente Iddio clie non vuole 
clie i sua servi slano tocchi , per la riverenza clie si 
deLbe avere in loro , e massime avendo ardire di ma- 
nomcttergli coHe parole e colle maui. Gosi come co- 
stui , non pote mai muovere 1' arcivescovo per parole 
che gli usasse , sempre istette ferrao il simile V arcl- 
vescovo colla sua umiha e pazienza. Sempre istette co- 
stui ostinatissimo , e quasi pareva ch' egi' avesse il dia- 
volo addosso : in taula furia era veuuto ! Istando a 
questo modo , come e detto di sopra , 1' onnipotente 
Iddio che uou vuole che i sua servi siano ofFesi , man- 
db a costui iu hrevissimo tempo graudissima avversita 
e neir onore e nella robba : fu confinato della sua cit- 
ta ,' dipoi ebbe in poco tempo , usaudo queste sua in- 
soleuze , bando di rubello ; venne d' una estrema fe- 
licita iu una grandissima calamita ; iu modo che aven- 
do moltissima copia di beui temporaii , perdo ogni co- 
sa e nou gli rlmase nulla , e veuue in tanta miseria 
che difficilmeute poteva avere tanto che potesse vive- 
re , SG uon era sovvenuto da ahri. 11 liglluolo che 
aveva questi benehcj , il padre o lui feciono in modo 
che gli perdettono ; e '1 figlluolo che gl' aveva mori 
miserameuie , e '1 padre mori fuori della patria iu 
estrema necessita e poverta , in modo che non avendo 
sustanze oude si potesse sovvenire nella sua miseria , 
bisoguo che fusse sovveuuto da altri , e poveramente 
mori ; ed adempiessi iu lui la sentenza della scrittu- 
ra sauta , clie i sua peccati furouo puniti in lui e ne' 
fi^liuoli. E veramente la propria cagione di lasciarlo 



ni FIRENZE. 23T 

Irnscorrerc dove trascorsc , fu solo pcr qncllc iiiglurie 
faitc ingluslamcntc alT arcivcscovo AMlonino. E moUl 
ne vidi in Firenzc impazlcnti cbc i loro errori fus- 
sino puniti , e prclati ed altri , clie tutti non ist.uido 
pazienti allc punizioni fatte loro giustamcnte , ispar- 
lando alle volte contro ogni giustlzia contro a lui , lulti 
ne' mia di vidi capitare malc« E se non clie T onesla 
non lo patisce , gli nomincrci ; ma per non ofTendcre 
persona , gli lasclero. 

I I. Assai dispiacevano alP arclvescovo i modi clio 
si tenevano a Firenze ed in palagio cd in plii luoglii 
di pigliare giuramenti , c dipoi non gl' osscrvare ; e 
plii volte era andato in palaglo ammonlrne la Slgno- 
ria cli' cra pc' tempi ; cd il similc aveva dcMo a plu 
clttadini , c dannatolo nelle sua prediclie ; e massimc 
di rendere le fave eoperte , avcndo pn^so il giuramen- 
to ; e dl piu altri giuramenti cbe si facevano» Glrca 11 
mille quattroccnto cinquantotto , veduto ognuno essere 
Irascorso in rompere qucsti gluramcnti , e masslme di 
rcndere le fave copertc , cd eglino le rendevano isco- 
perte ; per porvi rimcdio , veduto clie non gll glovava , 
fcce fare gi' edltti puLlIcI e appiccare a tutte le elilcse 
prlncipall di Firenze , dovc comandava di nuovo , ol- 
tre al giurameuto fatto , clie ognuno rendcsse le fave 
coperte sotto pena di scomunicazionc. Vcduto clii go- 
vernavano in quL'sto tcmpo questi cditti , ebbono assai 
dlsplaccre , di natura cbe furono per farc qualcbe in- 
conveniente contro 1' arcivescovo ; ma pcr lo meglio 
presono una via piii bricve , istimando cb' elLa avesse 
a giovare , e questo fu di mandarvi alcuni de** princi- 
pali a mlnacciarlo , crcdendo cbe qucsto fusse il ri- 
mcdio. Furono da cinquc de" principali di quello sta- 
to. Giunti all' arcivescovo , c cominciato a minacciarlo 



238 



S. ANTOXINO ARCIVESCOVO 



(li quelJo che aveva falto , sempre rispuose' avere fatto 
J' ufficio di buono pastore , per saJvare V anime loro , 
accio clie per Jo spergiurare non si daunassino. Co- 
storo plii saltavano colle parole contro a lui , e f«- 
riavano con detti molto strani , 1' arcivescovo sempre 
con umilissime parole rispondeva loro. Avendo prova- 
lo ogni cosa , si volsono a dirgli che lo priverebbono 
deir arcivescovado. Udite queste parole , comincio a ri- 
dere , e disse : deh per Dio fatelo , che io ve ne prie- 
go ; cJie se voi lo fate , io ve ne restero obligato , e 
Jeveretemi uno grande peso di in su le spalle , ed an- 
drommene in santo Marco in una mia cella , che n' 
ho le chiavi qui allato , e quivi mi staro in santa pa- 
ce , e per uno piacere io non potrei avere il maggiore 
di questo. A questi cittadini pareva d' essere impaccia- 
ti , credendo che questo fusse il rimedio , ed egli era 
tutio r opposito. Veduto questo animo fermo dello ar- 
civescovo , e non lo potere muovere ne per prieghi n^ 
per minaccie , si partirono confusi da lui , ed ando- 
ronsene in palagio a riferire alla Signoria quello che 
avevano fatto. Era di tanta fama e di tanta bonta ed 
autorita nella citta , che non arebbono avuto ardimen- 
to di guatarlo. 

12. Andandovi la medesima sera uno suo amico as- 
sai noto a lui , ridendo gli narro il caso come cra ito , 
e le parole che avevano usate , e stavasi cosi ritto , e 
noQ si poteva lenere ch' egli non ridcsse. Istando a 
parlare con questo suo amico , il frate va all' uscio che 
v' era chi lo voleva , chi' era uno di questi principali , 
come fanno quegli che attendono a stare a' governi , 
che sempre istanno con mille sospetti. Andato 1' ar- 
civescovo a lui a sapere quello che voleva , avendogli 
detto il frate chi egli era , disse a qucllo suo amico che 



DI FIREINZE. 239 

entrasse in vino suo iscrltlono iiisicim; ool vlcario , ed 
aspeltasse laiito clie toriiassc. Ebbe iii questo spirito di 
profezia , porche qnollo cittadino voleva sapere clii era 
colui. L' arcivescovo disse , io none lo voglio dire ; 
che n* avete voi a fare ? egl' e uno niio amico ; sem- 
pre gli nrgo di none gli volere dire , dubitando che 
in su quella furia non gli facessino qualche male. Que- 
sto cittadino prese licenza da lui , ed andossene alla 
porta d' innanzi , ch' era circa un' ora di notte , e quel- 
la faceva guatare pcr vcdere chi veniva. L' arcivcsco- 
vo come prudcnte dubitando clic a quello suo amico 
non fusse fatta qualche villania , meno lui ed il vicario 
per la chiesa di santo Salvatore , e dissc vattene in- 
verso santa Maria novella ; di pni te ne va in casa ; 
e cosi fece , e fuggi in questo modo la furia di quegli 
cittadini. Mando dipoi V arcivescovo a dire a quello 
suo amico che la medesima sera infino a parccchi ore 
di notte v' era istata gente a vedere chi v' entrava e 
chi usciva, e fece dire a quello suo amico che stesse 
parecchi di innanzi che v' andasse , tauto che questa 
furia passasse , e cosi fece. Isteite 1' arcivescovo immo- 
bile sanza mai mutarsi di quello che aveva fatto , e non 
leme le loro minaccie. Fece V onnipotente Iddio di 
questo caso uno grandissimo miracolo , che la maggior 
parle di loro in brieve tempo capitorono male ; e fuvvi 
di quegli clie morirono impenitenti , e di quegli che 
vennono in disgrazia di quello stato , infra gP altri lo- 
ro infortunii , per lo quale stato eglino s' avevano dato 
tanta fatica : e quello che s* altero piii d' ignuno degl' 
altri , ne fu quasi ammonito , e fece mala tine , e sem- 
pre parve dal di che fu questo caso infino al di che 
si mori , che ogni cosa gli andasse a traverso» E pero 



240 s. ANTONINO ARCIVESCOVO 

dice hcnc la scrittum s uUa , non vogliaie toccarc i 
mia sacerdoti , lasciatell starc. 

i3. i\olIa crcaziono di papa Pio fu cletto ambascia- 
dore la scconda volta , e sempre nella riputazione ave- 
va crescmto ogni di piii ,• e se niai vi fu istfmato , que, 
sta volta vi fu maggiore riputazione che vl fusse niai. 
Era gia vecchio in cpesto tempo , e indobolito molto' 
del corpo per digiuni astinenze e lunghe vigilie , iu 
modo che il corpo suo era molto mortlficato? Giunti 
a Koma questi sei ambasciadori furono molto onora- 
ti e dal Pontefice e da tutta la corte , e massime per 
la sua Signoria. Venendo la mattina deir udienza in 
concistoro publico , sendo venuto il Pontefice a sede- 
re secondo la sua consuetudine , e tutti e Gardinali e 
ambasciadori e tutta la corte romana , come e usanza 
in uno simile atto , giunti per andare a sporre 1' am- 
basciata, 1* arclvescovo ch' era quello che P aveva ^ 
sporre , per la vecchiaja e per lo disagio del venire 
per V essere istato a aspettare , come si fa , avendo an- 
dare a sporre , gli venne si grande dobolezza ch' ecrli 
non si reggeva ritto. Agli ambasciadorl parve esse^^re 
in uno cattivo luogo ; niente di meno fa menato ia 
una camera presso dov' era il concistoro , ed entrato 
in quella camera , con malvagie ed altre cose lo str o- 
picciorono in modo che rinvenne beuisslmo , e venne 
ni concistoro ; e se la prima orazlone che fece a Calli- 
sto fu degna , questa fu degnissima , e resse infino alla 
fiue , che mai non gli manco la voce ne V animo ; e sc 
la prima volta egli aveva detto bene , ed avuto gran- 
de onore , questa volta non fu inferlore alla prima (i). 

(i) S. Antomiio stesso , laceado il proprio nome , ci ba con- 
servato anche questo discorso detto al glorioso ponterice Pio II. 
nella Cionaca part. III. tit. 22. cap. 17, della q-iale insi-ne opera , 



e 



DI FIRENZE. 241 

Scgultogli qiiello cliu iioii suolc avvciilrc a ignuno , 
clie scrapre a lui crebbe la rlputazionc , c mai gli 
manco ch' ella non crcscessc piii 1' uno di cbc V altro. 

che tanta parte di storia antica e modurna conlienc , non fa spe- 
ziale menzione Vcspasiano. E poi singolarmente Lello e magnifico 
qucsto discorso del beato Arcivescovo , e vi si tocca ogni cosa ana- 
loga al tempo cd alle circoslanze. Ecco il passo piu notabilc sullc 
qualita degne di un roraano Pontcfice. 

'* Ad hanc igitur tam praeclaram , tam gloriosam , tam cx- 
celsam apostolicam scdem assequendam , quis idoncus ? Ccrle non- 
nisi qui omnibus sanclior , qui doclior , qui Dei virtute cminenlior 
reperitur ; cui nihil sapienliae , nihil scienliae , nihil dcsit indu- 
striae j eique adsit oranis multitudo sensuum , omnis congregatio 
sanclarum cogitationum el aCfcctionum ; cuius vigilia omnium cu- 
stodiat doHios ecclcsiarum ; cuius labor sit omniiim vacatio ; qui se 
sibi eripiat , uf orbi totus intendat ; ncc solum sit fidc spc et cha- 
ntate praecipuus , sed semper ul sapiens in se habeat amiclum pru- 
dentiae , magnus consilio , rectus iudicio , aequitate discretus. Sum- 
mum bonum in rebus humanis , quod est iustilia , dilii^enler cx- 
colat , verbo vcl facto nemincm laedens , officia et bcneficia sine 
personarum accepfione conccdens , et singulis proportionata dislri- 
Luens Religionem Deo acceptissiraam semper foveat , pietatem di- 
vini cultus ubique extendat , obedientiam sacris caiioiiibus in se im- 
plens , ab aliis exigat. Tunc enim princeps iura sua a subdilis ob- 
servanda existimet , quando ipse primus reverenliam praebet. Li- 
beralilale quoque non vacuus , manus suas copiose extendat ad 
pauperes , ut bimologiam nominis Papae ( 'PP- ) adimpleat , quod 
uou solum pater patrura , scd et patcr pauperura dicilur. Verilati 
quoque semper innixus , oslendatur omnibus aflabilis et amicus. 
Forlitudo et decor sit indumenlum eius , usque ad mcrlem agoni- 
zans pro ecclesiae iustitia. Sit magnanimus in honoribus , non ho- 
minum gloriam quaerens, sed ardua quaeque pro Deo virilitcr ag- 
grediens. Sit magnificus in sanctitate sumptuum pro ecclesiis re- 
parandis aut cxornandis , pro studiis et doctrinis ampliandis , ncc 
parcus in hoslibus lidei debellandis. Tn adversis quibusque patien- 
tissimus , et in oranibus bonis ad calcem usque conlinuus. Super 
omnia liumililate , qua in cpiscopali cervice nihil splendidius , re- 
iViIgeal , ut se servuuj servorum Dei assidue recognoscat. Pudici- 

16 



242 S. ANTONINO ARC1VE6C0V0 

Fatte le visitazioui usitate de' Cardiuali , so ne torno 
a Firenze con gl' altri ambasciadori conie e detto. 

i4» Era molto umile in ogni siia cosa ; la camera 
dov' egll dormiva v* era uno letticiuolo da frate , ed 
una sedia di kguo vecchia con uno poco di desco al 
dirimpetto dov' egli stava a comporre le saa opere , e 
mai perdeva una ora di tempo. Venne per questa sua 
santita di vlta , e per questi sua laudabili costumi in 
lanta grazia non solo qui , ma come e detto , per tutto 
il mondo , e massime in corte di Koma , che avendosi 
a eleggere il Ponlefice , ebbe tre voci nel pontificato , 
e dovette essere da quegli che volevano riformare la 
chiesa di Dio. Istando P arcivescovo con queste degne 
opere ed esercitazioni , per ricreare alquanto T afflitto 
animo ed il corpo dalle continove cure , se n' ando a 
uno luoo^o del vescovado fuori della porta a aanto Gal- 
lo , che si chiama santo Antonio del vescovo, e quivi si 
stette alquanti di. Intervenne che 1' onnipotente Iddio 
aveva gia determinato cavarlo di tanti affanni , e chia- 
marlo a se. Ammalo a santo Antonio d' uno poco di 
febre , sendo di complessione tanto debole , ed ancora 
r essere antico la faceva piii. Istando a questo modo 
nialato , si conobl)e essere venuto il tempo della sua 
vocazione , e non avendo cosa ignuha sopra la sua co- 
scienza che gli pesasse , istava tranquillo sanza ignu- 
na passione d' animo. Aveva , come innanzi e detto , 
uno muletto il quale santa Maria nuova gl' aveva da- 
to , ma lui non lo volle accettare se non in presto ; 
e per questo vedutosi malato , chiamo uno de' sua , e 
si gli disse che pigliasse quello muletto , e lo menas- 

tiam demum , sobrietatem , continentiam , et modestiam deserat 
nuraquam. Ad hanc cathedram Petri tantis margaritis ornatara tc , 
beatissinie Pater , ascendere iussit divina clementia etc. ,> 



DI FIRENZE. 243 

se a saiila Marla nnova , (* conscgtjassclo allo spcdalin- 
go e ringraziassclo del scrvijMO che gl' aveva rallo infi- 
no a quello di d' avcrlo scrvito ne' sna bisogni di quc- 
sto muletto. Ando e fcce quanto gT avcva commcsso 
r arcivescovo. Non ehbe mai libro clic fussc suo , dal 
breviario in fuora , qiiello cbe cra a comune dcl con- 
vento. Aveva certi scartabegli in carta di bambagia cb' 
erano le sua composizioni , donde si trassono dipoi 
queste somrae clie ci sono , cb' egli ba fattc. I libri 
cb' cgl' aveva di bisogno , gl' accattava di p(;r di o di 
santo Marco o di santo Domcnico. Non avcva masse- 
rizie in casa , se non tante cbe furono istimatc alla 
morte sua cento venti lire. 

1 5. O pompe o riccbezze dcl mondol o supcrbi cbe 
lasciate tanto tesoro ! Non fu piii felice costui in que- 
sta voluntaria poverta , cbe molti nella superba ric- 
cbezza ? O beato e felice colui cb' ba 1" animo suo di- 
sposto a tanta umilta , quanta fu questa dell' arcivesco- 
vo Antonino I E si puo dire qui quello che dice di san- 
to Antonio santo Giroiamo nella vita di santo Pagolo 
primo ercmita , che santo Antonio ebbe piii cara la 
veste tessuta di palme di santo Pagolo , cbe non areb- 
be avuto le riccbezze di Dario. Gosi si pote cbiamare 
fcllce e beato 1' arcivescovo Antonino d' avere dlsposto 
r anlmo suo a non volere nulla , ed essere contento 
alla sempliclsslma poverta , nclla (piale si volle trova- 
re. De' parenti , cbe n' aveva , non avendo bisogno , 
non volle cbe avessino nulla dell' arclvescovado , di- 
cendo loro clie quella robba non era sua ma di poveri. 
Fini r arcivescovo Antonino la vita sna santissimamcn- 
te , come era vivuto cosi mori. Giudicossi in qucllo 
convento dov* era tutta la sua isperanza e 'I suo amo- 
re , che fu a sauto Marco , e (|uivi volle essere sepel- 



244 S. ANTONIXO ARCIV. DI FIRENZE. 

llto. Vcnuto questo saulisslmo corpo a santo Marco , 
vi si fece V ufficio secondo chc meritava ispiritualmen- 
te sauza pompa ignuna nc di drappelloni nh di nulla. 
La sua arme non fu mai persona che la vedesse , ne 
che sapesse che arma eUa si fusse , perche non volJe 
ch' ella si facesse mai in luogo ignuno nella vita e 
meno nella mortc. Istette 1' arcivescovo Antonlno sco- 
perto dua di in sur uno cataletto colla sua semplice 
cappa e tonica come era nel vescovado. Tutta la cltta 
vcnne quegli dua di , che istette , a baciargli i pie e 
le mani , e fu uno concorso mirahile d' uomini e don- 
ne c forestieri che al presente erano nella citta. Chi 
avesse a scrivere la vita sua , e non avesse fatto per 
via d' uno hrieve ricordo , come ho fatto io , sono mol- 
te cose degne d' eterna memoria da scrivere; henchi 
io creda che Francesco da Castiglione V ahhia fatto hii 
nella sua vita la quale ha scritta (i). 

24. SA^TO BERNARDI^O DA MASSA 

DI MARE.^MMA. 



..s. 



'anto Bernardino nacque a Massa d' onestis- 
simi parenti. In eta d' anni dieci il padre lo maudo a 
stare a Siena , e comincio a imparare grammatica. Par- 
ve a' parenti sua che desse opera a ragione canonlca , 
nella quale istudio anni.tre. Ora avendo istudiato que- 
sto tempo , gli pareva perderlo , perche questa scien- 
za non gli piaceva , volendo andare donde ella aveva 
origine , ch' era la teologia , sendo piii necessaria alla 
salute sua ; e per questo il di e la notte non atten- 
deva ad altro , come quello per lo quale mezzo 1' OJi- 
(i) E slampala presso i Bollandisti 2. di maggio. 



S. RERNARDINO. 2A6 

nipotenlc Itldio voleva isllrpare moltl peccatl del mon- 
do. Era di natura umanissimo , e ne' poveri libera- 
lissimo , ed aoT infermi sovveniva in ogni loro l)Iso- 
gno. Avendo fatto questo abito , e conoscendo le falla- 
cie e le insidie del mondo , ogni di piii gli venlva iti 
odio la vita de' secolari , parendogli per quella vita 
difficlle potere venire alla via della salute , conoscen- 
do i secolarl essere in uno mare pieno di naufragi , 
e seco medesimo pensando dubitava assai della morte 
seconda cIo6 della morte eterna. Istando a questo mo- 
do plii anni , venne in se medeslmo in grande tlmore , 
e rivoltandosl queste cose piii volte per V animo suo , 
venne in tauto disprcglo e dellc pompe e de' fastidii 
del mondo , ehe si gitto drieto alle spalle ogni cosa , 
e cominclo seco medesimo a pensare di volgersi alla 
vita religiosa , la quale era la vera vita. Volsesi a pi- 
gliare una delle dua religioni o santo Francesco o san- 
to Domenlco. Avendo fatto questo proposito in eta d' 
anni ventidua , vende tutto quello ch' egl' aveva per 
ispiccarsi in tutto dal mondo , ed ogni cosa detle per 
Dio , ch' erano assai buone sustanze* 

2. Avendo esamlnato piii volte seco medesimo di 
pigliare uno de' dua ordini , come e detto , iu fine si 
volse air ordlne di santo Francesco ; ed entratovi , co- 
mincio in tutto a darsl di farsi perfctto nella vita ispi- 
rltuale , e in quella fermare 1' abito. E pareudogli la 
via delle predlcazioni vla di grandisslma salute , si vol- 
se a quella : nella quale predlcazione era cosa mira- 
bile quanto egli vi s' accomodo e colla voce e co' mo- 
di e con la mirablle detestazione de' vizi , ed esorta- 
zioni alle virtii , e vi duro lunghissimo tempo. Non 
s' e irovato uno in che abbino concorso tante parti 
quaute in lui. Parve che questa singulare dota non so- 



246 S. BERNARDINO. 

lo r avesse dalla iiatura , ma egli parve clie 1' onni- 
poiente Iddio glle V avesse data singularmente , e tutti 
questi doni e delT anima e del corpo. Aveva una unl- 
versale perizia d' ogni cosa ; e questo ufficlo della pre- 
dicazione , come innanzi abbiamo detto , lo faeeva ma- 
ravigliosamente ; nella quale alluraino tutto il mondo , 
clie in qucsto tempo era acciecato ed ottenebrato , e 
massime 1' Itaiia , cli' era piena di queste tenebre , ed 
aveva lasciata ogni norma di buoni costumi , e non era 
piii chi conoscesse Iddio. Tanto erano sommersi e se- 
pulti ne' maladctti ed abominevoli vizi nefandi I Gl' 
avevano in modo messi in uso , cbe non temevano ne 
Iddlo ne 1' onore del mondo. INIaladetta cecita ! In tan- 
lo eccesso era venuto ogni cosa , che gli seellerati ed 
enormi vizi non era piii chi gll stlmasse , per lo ma- 
ledetto uso che n' avevano fatto. 

3. Era ne' sua tempi che in una citta d' Italia era 
iu modo mohipllcato ognl vizio , che andavano infino 
al cielo , e massime il maladetto ed abominando e de- 
testando peccato della sodomia. Erano in modo stra- 
corsi in questa cecita , che bisognava che 1' onnipoten- 
le Iddio facesse un altra volta plovere dal clelo zolfo e 
fuoco , come egli fece a Sodoma e Gomorra (i). Santo 
Bernardlno veduto questo eccesso si grande , comincio 
colle sua prediche a detestare e maledire gP operatori 
di tanta Inlquita , e con maledizioni e terriblli escla- 
mazioni nelle sua prediche fece in modo, ch' egli spen- 
se tanto viluperio quant' era in quella citta , e fece 
loro venire in orrore e detestazione questo maladetto 
ed abomlnato peccato , e non solo quello ma tutte le 
specle de' vizl ; ed ebbono tanta forza le sua parole , 

(i) II scnnone XV. ncl secondo volume delle opere di S. Ber- 
nardino e appunto de peccato Gomorrhaeorum. 



S. BERNARDINO. 247 

che purg6 non solo qiiclla lcrra , ma tutta Italia cla 
ogni iniquita che n*era tutta plcna. E partltosi di qucl- 
]a citta , ne venne in piii citta e castella d' Italia. Ve- 
ncndo a Firenze , la trovo molto corrotta ne' vizi ; at- 
tese a fjLire come aveva fatto negl' altri luogbi , ch' era 
detestargli , e dannargll ; di natura che sendo i Fio- 
rentini assai bene disposti alla via della verita , dan- 
nando ogni vizio nella sua natura , condusse in mo- 
do questa citta , ch' egli la miito , c fella si puo dire 
rinascere. E per levare via i capegli alle donne che 
li portavano , che non sono loro , e giuochi e vanita , 
fece farc uno capannuccio in su la piazza di santa 
Croce , e disse a ognuno che aveva di quelle vanita , 
che ve le portasse , e cosi feciono ; misevi fuoco , ed 
arse ogni cosa ; che fu cosa mirabile a vedere di mu- 
tare gl' animi di chi s' era volto in tutto alle pompe 
e fasti del mondo ; perche dice santo Giovanni Griso- 
stomo ch* egl' e piii facile a Dio di potenza ordinaria 
crcare il cielo e la terra un' altra volta di nuovo , che 
mutare 1* animo d' uno uomo , per la liberta dello ar- 
bitrio che gl' ha dato. 

4« Predico santo Bernardino anni quarantadua per 
lutta Italia , che non ci fu ne terra ne castello dove 
egli non predicasse , a fine di ridurre Italia a cono- 
scere Iddlo , che prima non lo conoscevano. Ridusse e 
rimuto la mente e gl' animi degl' uomini maraviglio- 
samente ; e molti clie per la loro cecita erano istati 
tempo che non s' erano confcssati , gli ridusse a con- 
fessarsi , e non solo a confessarsi , ma fece restituire 
assai robba e la fama a molti ; di molte nimicizie e di 
morte d' uomini fece fare pacc , e levare odii mortali ; 
a infiniti principi che avevano nimicizie capitali , san- 
to Bernardino si rnise di mezzo , q tutte le compose , 



248 S. BERNARDINO. 

e pacifico niolte citta e moltl popoli (i). Avendo diffe- 
renza insieme , santo Bernardino irli uni ed accordoiili. 
Mai atlendeva ad altro cho a fare pace , dove vedeva 
alcuna discordia. Molti ri])aldi e scellerati gli muto 
dclla loro mala vita e costumi , e fece fare infiniti re- 
ligiosi cosi in quella di santo Francesco come in altre 
relio-ioni d' osservanza. lunalzo e magnifico molto il di- 
vino culto di fare edificare molti luoglii d' osservanza 
del suo ordine , e molto lo fece moltiplicare e cresce- 
re y e dettegli colla fama della sua virtii grandissima 
riputazione. Puossi dire , santo Bernardino questo or- 
dine dell' osservanza averlo stabilito e fermo nella for- 
ma cli' egl' e ,* pcrche ognuno sa come i generali di 
quello ordine sono conventuali (2). Ed innanzi a santo 
Bernardino , tutti i frati cosi gP osservanti come non 
osservanti, erano sottoposti al generale. 

5. Ora avendo fatto santo Bernardino tanto bene , 
ed ampliata quesla religione , come aveva ; penso vo- 
lerla istabilire e fermare , a fine che ognuno istesse a' 
termini sua. E percbe questo effetlo seguitasse , adope- 
ro tanto con papa Eugenio , cbe fece uno vicario , cbe 
si cbiamava vicario generale , cb' era fatto a tempo e 
non perpetuo , il quale vicario T avessino a fare i frati 
osservanti , ed altri non se n' avessino a impacciare , 
ed ogni anno avesse andare al capitolo loro , e loro lo 
potessino rafiermare per fino in tre anni , e non piii ; 
e cosi lo potevano privare in fine delP anno , e farne 
uno altro. Di questo vicario gcnerale la giurisdizione 
fusse solo sopra i frati osservanti , e potesse in ogni 
cosa tanto quanto il generale , ed il generale non s' 
avesse a impacciare nulla de' frati , ne avesse autorlta 

(i) Intende specialmente i partlti de' Guelfi e de' Gibellini. 
(2} Rivedi la vita di Eugenio IV. p. ii. 



S. EERNARDINO. 2-i J 

ignnna sopra di loro. II vicario fnsse sotloposlo al gc- 
nerale con ccrte condizioni , sccondo fcce ordniare. 
Santo Bcrnardlno , e quello che lia stabilita questa re- 
ligionc dcir osscrvauza , come si vede. I vicarii si fan- 
no per provincie , cd ogni provincia lia il sno. Non 
fece meno bene per la conservazione di qucsto ordine 
santo Bernardlno, clie si facesse in ampliarlo come fe'. 
(). Ora sendo la fama dellc nniversali virtii di san- 
to Bcrnardino tanto cresciuta , sendo dlmandato di gra- 
zia da' Sanesi che sendo morto il vescovo loro , faces- 
se santo Bernardino , elesselo papa Eugenio , cd ando 
la elezione a Vincgia predicandovi una quareslma ; ed 
avutala , gli funno appresso molti cittadini sua amici 
a confortarlo che T accettasse , e massime uno uomo 
da hene e di buona coscienza moho a lui noto , che 
si chiamava Michele di messer Piero Bennini , uomo 
litterato e nel quale erano molte Liudabili condizioni, 
Dopo piii ragioni che aveva mostro a santo Bernar- 
dino perch' egli doveva accettare questo vescovado , e 
di quanto bcne sarebbe cagione , istato santo Bernar- 
dino a udire le ragioni di Michele , finito che ebbe 
di dire quello che voleva , se gli volse e si gli disse : 
se voi mi vedete mai altro abito che qucsto di santo 
Francesco in dosso , dite che io non sla frate Bernar- 
dino ; cosi io ho fatto proposito , e cosi ispero , pia- 
cendo a Dio, di osservare. Allegovvi tante ragioni , che 
Micliele non pote rispondere ; e cosi scrisse a papa Eu- 
genio che fusse contento a dare questa degnita a nno 
akro , e lasciarlo perseverare in questo ufficio delle 
predicazioni , come aveva fatto infino al presente di. 
Papa Eugenio , veduta la sua volunta , e veduto il frut- 
to che faceva nelle sua predicazioni , none lo volle 
isforzare piii che si volesse. Fu eletto a daa ahri ve- 



250 .S. I3ERNARD1N0. 

scovadi (i) , e fece il simile come aveva fatto di questo, 
In ogui cosa mostro la sua integritk delT animo , e la 
sua immutabile costanza. 

7. Dannava ogni vizio universalraente , e massime 
la maladetta voragine della usura , che e quella che 
disfa le citta le case e le provincie. Avendo una mal- 
tina predlcato in santa Maria del fiore de' contratti e 
delle restituzio^i e massime del monte e delle dote del- 
le fanciulie, venendo una sera come era sua usanza 
alcuna volta da' cartolai , s' abLatte a caso che v' era 
messer Giannozzo Manetti. Disse a santo Bernardino : 
voi ci avete mandato tutti a dannazione. Egli rispuo- 
se : io non vi mando persona , ed i vizi e mancamenti 
degl' uomini sono quelll che ve li mandano. Comin- 
cio a entrare con santo Bernardlno in sul contratta 
delle dote , dove il capltale ista fermo. Santo Bernar- 
dino provo per potentissime ragionl queslo contratto 
essere inlecltlsslmo. Drpoi disse che questo contratto 
delle dote delle fanciulle , dove il capltale ista fermo , 
ora plu cattlvo contratto che non era quello di gludeo 
che prestava colla veletta rossa. Cosi gli solvette tutti 
i dubbil , e con una grandlssima umilta , in modo che 
messer Glannozzo Manetti , e tutti quegli che v' era- 
no , ne rlmasono assai soddlsfattl. Og^ni di venivano a 
lui infinlti per conslglio o di conti*atti o di restltuzlo- 
ni di altre cose ; a tutti soddisfaceva. Ed a fine che 
ognuno gli potesse vedere plii chiaro , compose uno 
degno libro che lo intltolo de j^estitutione (2) , nel qual 
libro tratta tutte le specie de' contratti leciti ed inle- 
oitl , e la forma dell* uno e dell' altro , dove molti c' 

{i) Di Ferrara , e di Urbino. 

(2) Nel primo torao delle opere i discorsi dal XXXIII. al XL. 
trattano 1' argomenlo dclla restiluzione. 



S. BERNARDINO. 2o1 

crano drento assai. E santo Bernardino alquanto piii 
istretto in questi contratti , clie non ^ V arcivescovo 

Autonino (i). • 

8. Trovo santo Bernardino iina forma di predica- 
re raolto utile e nccossaria a'popoli , di dannare e met- 
tere in abominazione i vizi quanto fusse possibile , e 
laudare e mettcre in alto le virtii. E percbe dopo la 
sua vita fusse cbi ne potesse pigliare frutto , compose 
dua degnissime opere da predicare , 1' una si cbiama 
il vangelo eterno (2) , dove da grandissima notizia del- 
le virtii , e della natura degli abominablli vizi , accio 
cbe ognuno se ne potesse guaiare ; e V altro e il li- 
bro de' sermoni pure predicabili , dove in questi dua 
libri ba ordinate tutte le predicbe cbe si possino pre- 
dicare in uno anno ; ed evvi drento grandissima no- 
lizia ; in modo cbe i piii de' frati della osservanza di 
quello ordine seguitano lo slile di santo Bernardino. 
Erano in modo moltipllcati i vizi neJ. tempo suo , cbe 
non bastava ne santo Tomaso ne Bonaventura ; biso- 
gno cbe venissino nuovi scrittori , come vennono , san- 
to Bernardino e 1' arcivescovo Antonino , cbe scrives- 
siuo e cavassino il mondo di tanta cecita in quanta 
egl' era ; e cosi feciono. 

9. Avendo predicato santo Bernardino anni qua- 
rantaquattro per tutta Italia ed in citta e casteUa e vix- 
le , accio cbe il verbo di Dio fusse comune a tutto il 
mondo , bene cbe fusse d' assai buona complessione , 
secondo le faticbe cbe si vede aveva durato , cb' erano 
insopportabili , gli vennono le gotte , ed era tgrmen- 
tato dal male di fianco cbe gli dava si veementi do- 

(i) Nel secondo tomo i discorsl dal XXXII. al XLV. con- 
teugono la dottrina de' contralti e delle usurc. 
(a) E _il secondo torao delle opere. 



252 S. BERNARDINO. 

lori e passionc : agi^iuguevasi un' altra jnfirmlta delle 
niorici , ch' era tormeutato di flusso di sanfrue. Aven- 
do qucsle tre gravi infirmita, non lasciava clie quan- 
do lo lormentavano ; come egli poteva punto riavere 
gli spiritl , non lasclava che egll non predlcasse , o 
componesse , e desse consiglio a chi glie ne domanda- 
va, E dove ognuna di queste infirmita di sua natura 
snole fare gl' uominl bizzarri e spiaccvoli , egli non si 
mutava dl nulla , ma sopportava ogni cosa pazientis- 
simamente. Intervenne che sendo egli di anni sessanta 
quattro , e predicando a Milano , gll fu commesso dal 
suo vicario che andasse all' Aquila a predicare , terra 
piena di parte e sedizlonl , a fine che per virtii delle 
sua prediche gli levasse di tanti errori in quantl si tro- 
vavano. Innaazl che giugnesse all' Aquila si ammalo 
di febre , e in pochi di sendo indebolito per le molte 
infirmita che aveva , si mori santissimamente come era 
vivuto ; e assai glovo agli Aquilani per infiniti mira- 
coli che vidono de' sua ; dove sl feciono molte paci , e 
scguitonne grandlssimo frutto. 

lo. Fu portato questo santissimo corpo all' Aqui- 
]a , e quivi istette tre di innanzi che si sepelllsse. Yn 
mlrabile il concorso de' popoli che vennono a questo 
corpo non solo della cltta ma di tutte le castella e ville 
d* intorno ; e fece in questo tempo infinlti mlracoli , 
come £\i dipoi nella sua canonizzazione dlligentementc 
trovato con solenne esamlna. Vollono che nella sua 
esamlna apparisse il luogo donde erano , il nome del 
padre dello Infermo liberato , e di che infirmlta , acclo 
che fusse chiaro a ognuno. Sendo gia la fama di tanti 
miracoli venuta per tutto il mondo , di varli luoghi 
venlvano peregrinl a vlsitare questo santissimo corpo ; 
onde papa Nicola , ch' era pontefice in questi tempi , 



S. BERNARDINO. 253 

fatla una cHligcntc csamina , come c detto di sopra , il 
Papti inslcme col collcgio de' Cardinali fcciono consi- 
glio solcnnc , dove ftirono infiniti singulari uomini; c 
ncl mille quattroccnlo cintjuanta in santo Picro , ncl 
cospctto di tutta la corte romana , fu solenncmentc ca- 
nonizzato e mcsso nel numero dc' santi, Ghi volesse 
vedcre la vita sua piii distcsa , lcgga quclla clic ha fat- 
ta Mafleo Vcglo in latino , e mcsser Giannozzo Ma- 
netti nel libro che fa conlin ludacos et gcntes» Quc- 
sta bricvc nolazione per via di comentario 1' ho faiia 
a fine che apprcsso di chi non non sa lettere , ne sia 
qualche notizia ; e perche scndo suto assai noto alla 
sua pcisona , alcune cose dclle quali avcvo cognizio- 
iie, non ho voluto che periscano. 

25. ORLANDO BONARLI 

ARCIVESCOVO DI FIORENZA. 

IVXesser Orlando Bonarli fu d' una famiglla an- 
tica di Fircnze ; fu grandissiino lcggista e canonlsla , 
e uomo di buanlsslma coscieuza , e molto rctto ne' con- 
sigli che dava. Lcsse a Bologna piii anni publicamente 
con grandissimo salario in raglone canonlca. Facen- 
dosi di poi lo studio a Firenzc , fu elctto a leggervi , 
c lcssevi plii anni publicamente , dove in ogni luogo 
cbbe grandisslmo concorso. Litcscsi in corte la sua vir- 
tii , e fu fatto auditorc di ruota , nel qualc ufficio nou 
vi si elegge se non uomini singulari. E venuto a Ro- 
ma , e cominciato a cscrcitarc V uffizlo suo , n' acqui- 
sto assai fama e riputazione pcr i sua retti ed intcri 
giudizi , ed cra da tutti molto amato , e massime dal 
Ponteficc, e da lutto il collegio de' Gardinali. Istando 



2^4 S. BERNARDINO, 

a Roma iii questa buona fama e riputazlone , inter- 
venne in questo tempo che mori 1' arcivescovo Anto- 
nino. Avendo avere successore , sendo stato tanto de- 
gno uomo quant' era , fu dal Pontefice ch' era in quel- 
lo tempo eletto arcivescovo di Firenze per dua con- 
dizloni , 1' una per la integrita della vita e per la dot- 
trina , acclo che 1' arclvescovo Antonino avesse uno de- 
gno successore ; 1' altra per essere fiorentino, e di buo- 
na istirpe , e di grandisslma riputazione. E per scgui- 
lare le vestigle dell' arcivescovo Antonino , volle che di 
quegli medeslmi ch' erano al governo dell' arclvescovo 
Antonino , fusslno a quello di messer Orlando. Venu- 
to al governo dell' arcivescovado , comincio a seguire 
gli esempli del suo antecessore , ed ingegnossi d' imi- 
tarlo quanto fu possibile , d' essere osservantissimo ia 
ogni cosa circa la sua ammlnlstrazlone. E bene che al- 
cuni nella citta lo sopportasslno molestamente , perch^ 
ognuno fugge il volere stare suddito alle leggi , niente 
di meno sempre fece il debito suo , non guardando 
persona in viso per la ragione e per la glustizia ; e 
governo , il tempo che istette , degnissiraamente V ar- 
clvescovado di Firenze , e lasciollo in laudablli condi- 
zioni , le quali volesse Iddio che si fussino dipoi se- 
guitate ! Emmi paruto non lo lasciare nel comenta- 
rio di questi uomini siogulari. Mohe ahre sua con- 
dizioni , per non mi esser note , lascieremo a chi vo- 
lesse comporre la vita sua ; basti questo a uno brieve 
ricordo. La fine sua fu quale era stata la vita , che 
fu degnissima. 



255 
26. VKSCOVO DI FERRARA. 

I. IVlesser Francosco ( (Ic Lignanilne ) da Paclova 
islelle con papa Eugenio , ed ebbc giandissima condi- 
zione (i) colla sua Santila ; e se non fusse ch' egl' era 
molto giovane , e in questi tempi la dcgnita dcl Gar- 
dinalato non si dava a ognuno , sarebbe suto fatto Car- 
dinale ; ma avendo il Papa quello rispetto , non fu fat- 
to ; ma \acando il vescovado di Ferrara , glie lo dotle , 
sendo assai bene litterato , e avendo universale cogni- 
zione dcllc lettere cosi sacrc come genlili , e di quelle 
si dilettava assai. E bene cbe , come giovane, alquanto 
colla licenza decb*nasse dalla vera via (2) , niente di 
nieno sempre si riservo quajcbe riio di rcligione , e 
iion si parti in tutto dalla vera via. Istando in corte 
a questo modo , \enne la morte di papa Eugenio , e 
rivocando a se medesimo la mente a sensi , feee pen- 
siero di lasciare la corte di Roma , e mancato assal 
della ripuiazione cbe aveva , per bi morte del Ponte- 
ficc , ritorno a se medesimo e comincio a considerare 
1' oWigo cbe aveva in su le spalle del vcscovado , e 
conobbc non esser cosa ignuna alla quale ed a Dio ed 
al mondo e' fusse piii obligato , cbe alla cura di quello 
\escovado. E per questa cagione partitosi di corte , ed 
andatosene a F^rrara, comincio attendcre alla cura epi- 
scopale ; e dipoi conobbe non vi potere bene attende- 
re 5' egli noQ emendava la vita sua , e se non si ri- 
duceva a vivere come si convieue a uno vescovo d' uno 

(i) Fu tesorlere del Papa. 

(2) Cosi appunlo scrive Vespasiano. Onde e smoderalo 1' Uglicl- 
li , il quale cilanJo. ms. il noslro }-)iografo , dice tli Francesco : hic , 
f^espasiano Jloreniino teste , Romae aliquando omni vitioruni 
genere coinquinatus vixit. 



256 FRANCESCO DE LIGXAMlNE 

vescovado della importanza ch' era qiiello. E per qiie- 
sto veiiiito a Ferrara si dette in tutto alla vita spiri- 
tuale , e levossi da ogiii ahra cura , e con li digiu- 
ni e orazioni assidue , e colle lezioni de' dottori sa- 
cri si ridusse in poco tcmpo a vivere santissimamen- 
te ; perche scndo di Luonissimo sentimento e giudi- 
cio , facile cosa gli fu a mutare la vita , sendonc be- 
nissimo disposto. 

2. Nel priuclpio della sua conversione mando a Fi- 
renze per uno libretto composto da messer Francesco 
Petrarca , intitolato de conftictu curarum suarum , do- 
ve in forma di dialogo egli si confessa de* peccati sua 
air onnipotente Iddio ,* e santo Agostino , Cosi e opi- 
nione , risponde al Petrarca dolendosi de* sua errori. 
E cosi con infinite lacrime il Petrarca si confessa de' 
sua peccati alP onnipotente Iddlo e ne domanda per- 
donanza. Messer Francesco col mezzo di questo libro 
si converti al suo Iddio , e mutossi della vita e de' co- 
stnmi , in mcdo ch' era ignuno che non si maravi- 
gijasse di tanta nuiiazione in ogni cosa quanta fece in 
brevissimo tempo. Fatto questo , fermo proposito , ed 
alla cura del suo vescovado attendeva con ogni dili- 
genza. II resto del tempo che gl' avauzava , lo consu- 
mava , o in leggere o in orare o in dire V ufficio o in 
dare udienza a chi la voleva con grandissima umanita. 
E cosi persevero infiuo alla fine della sua vita, in mo- 
do che non era ignuno il quale non ne pigliasse buo- 
iiissimo esemplo , veduto mutati in lui e gesti e modi 
e parole e ogni sua operazione. Dava i beni che gl* 
avanzavano assai a' poveri per 1' amor di Dio , de' qua- 
li era liberalissimo. Acquisto in corte di Roma ed a 
Ferrara cd in ogni luogo dov' era conosciuto tanta ri- 
putazione , che ne' tempi sua non si diceva altro che 



VESCOVO ni FKRRARA. 257 

dclla sua mutazione c do' laiidaliili sua costumi. La 
sua fine fu santissima , corac cia istata la vita. E clii 
potessc diligentcmeutc scriverla , esamiuato qucllo cIjc 
fece , gli parrebbe piii losto cosa miracolosa clic na- 
turale. Emmi paruto per esemplo di quegli , clic vor- 
ranno vivere sccondo V ouore di Dio , fare qucsta brie- 
ve annotazione della vita e costumi di messer Frau- 
cesco da Padova vescovo di Ferrara. 



27. VESCOVO DI VERONA. 



M. 



esser Ermolao Barbaro gentiluomo viniziano fu 
fatto vcscovo di Verona da papa Eugenio per le sua 
virtii. Ebbe notizia di ragione canonica e civile , ed 
^bbe nniversale perizia di teologia , e di questi istudii 
d' umanita , ed ebbe nello scrivere ottimo stile. Fu di 
buonissimi costumi , e nel tempo di papa Eugeuio si 
ritorno a Verona al suo vescovado , «d attese con ogni 
diligenza alla cura , e vi accrebbe assai ed onoro e 
multiplico il culto divino. Era umanissimo con ognu- 
no. Ridusse nel suo tempo il vescovado in buonissimo 
ordine cosi nello spirituale come nel temporale. Aveva 
in casa sua alcuni dotti uomini , in modo cbe jiempre 
vi si disputava o ragionava di lettere ; ed era la sna 
casa governata come si ricbiede una casa d' uno degno 
prelato. S' egli compose ( cbe credo di si ) non bo no- 
tizia alcuna. Sendo stato uomo degnissimo , m' e pa- 
ruto farne alcuna menzione nel nuniero di tanli siu- 
gulari uomini , accioccbe la fama di si degno uomo 
non perisca. 



'7 



258 

28. VESCOVO D[ PADOVA. 

!• iVlesser Piero da casa Donaii fu gentile uomo 
viniziauo , e molto dotto cosi in ragione civile come 
in ragione canonica , e buono teologo , ed ebbe buo- 
uissima notizia di questi istudii d' umanita. Fu molto 
istimato e riputato in corte di Roma. Era di bellissi- 
ma presenza , umanlssimo con ognuno , e molto uni- 
versale in tutte le cose spirituali che si trattano in cor- 
te di Roma* Pcr le sua singularl virtii fu fatto vescovo 
di Padova da papa Eugenlo. Era signore cbe viveva 
con grandissiraa pompa , cosi per la nazione , come se 
r avesse dalla natura. Ora sendo creato il concilio di 
Basilea contro a papa Eugenio , avendovi a mandare 
uuo prosidente che vi stcsse a rappresenlare il Papa , e 
tutte le cose clic gli fussino apposte, giustificarle , ando 
a Basilea , come e detto , a nome del Pontefice , come 
uno de' priml di corte di Roma , e de' piii sufficienti 
che fussino in corte in quello tempo , e portovvisi mol- 
to bene , ed ebbevi grandissimo ouore. Fu opinione di 
molti che fusse fatto Cardinale ; donde egli si proce- 
desse che non fusse fatto , non so» Sempre istetie in 
corte con uno bellissimo istato e con grandissima ri- 
putazlone. Ora nella partita di papa Eugenio da Fi- 
renze se n' ando a Padova ad attendere alla cura del 
suo vescovado , 11 quale vescovado e degnissimo e di 
buonissima entrata. Istavasi quivi ed attendeva a' sui 
istudii , ch' era istudlosisslmo e non perdeva mai tem- 
po. Aveva ragunato grandissima quantita di libri a fine 
di fare una libraria , della quale non ho notizia se 
egli la fece» 

2. Aveva il vescovado di Padova parecchie miglia 
fuori della terra una bellissima istanza , dove il vesco- 



PIKTRO DOX.iTI Vh:SC. DI P.VDOVA. 259 

vo aiidava allc volte a spasso. Seiido a PaJova la pe- 
slileuza , il vescovo vi maiidt) graiidc partc dclle siia 
suslanze , e niassiuK? moltlssiuii arieuti cli' cgT avcwa. 
Istaudosi a questo sno luogo, comc piacquc a Dio , gli 
prese il morbo. lutesolo i sua pareuti , vedeudolo gra- 
vare il malc , ne fcciouo portarc tutto il miglioramcu- 

10 che v' cra , c massimc gl' arieuti , iu modo clie non 
ci rimase nuUa ; c pcr sospctto dcUa infirmita ch' cra 
pcricolosa si partirouo t ed il simile feciono la mag- 
gior partc di qucgli chc avcva iu casa , vcdcudolo con- 
dotto in tauto mauifcsto pcricolo. Era rimasto al suo 
goveruo uuo suo cappcllauo anllco c pcrsona di buo- 
nissima fcdc. 11 vescovo per V arsioue dclla fcbre gli 
domaudo da bere ; questo sacerdoie non vi scudo re- 
slale ue tazze ne nulla , mise il vino in uua scudclla 
di maioh*ca , e si la porsc al vescovo. Veduta il vesco- 
vo questa iscudella , gli disse : perchc non mc lo da- 
vate voi in una tazza ? 11 prete ch' era semphcc gli dis- 
se : Mousignorc , qui non c rimasto nc tazze nc nulla , 
pcrche i vostri parcuti se n' hanno portato ogui cosa. 

11 vescovo udito questo , si volse in la , e non volle be- 
re , ne gli rispuose , ma volsesi inverso il rauro , e fu 
tanto lo smisurato dolore che gli vcnne , che passo po- 
co tempo che si mori sanza parlare o uulla. Tutto que- 
sto dolore gli vcuue di natura sua , che non era molto 
liberale, ed aveva troppa affezionc a quella robba. Tut- 
to questo che io scrivo qui della morte di questo ve- 
scovo , r udii da uno di casa sua , che si trovo pre- 
seute a ogui cosa. Consideriuo gl' avari e miseri dov' 
egli si couducono poi , e non sia ignuno chc si conduca 
al capezzale a pigiiare partito della robba sua , ue si 
fidi ne di pareuti ne d" amici ue di persona. E dubito 
che la perdita di questo vescovo non fusse solo lu^Ila 



2G0 PIETRO DONATI VESC. DI PADOVA. 

robI)a ma dcll' anima , clie si vcde esseivi islaLo dreuto 
graadissirao pericolo V essere morto a questo modo. E 
pero e buoiio pigliaro esemplo co' casi occorsi ad altri 
piii tosto cbe co' proprii. Qnesto cbe s' e detto del ca- 
so cbe intervennc , nou e istalo carico , ma accioccbe 
sia esemplo agl' altri cosi vcscovi come a* signori o a' 
ciltadiui privati cbe verrauno pe' tempi. Credo cbe 
questo vescovo componesse alcuue cose , delle quali 
nou bo notizia , e pero le lascio. 

29. VESCOVO DI PADOVA. 

IVlesser lacopo Zeuo fu geutiie uomo viuiziano ; 
fu vescovo di Padova , fu molto giovaue ne' tempi di 
papa Eugenio in corte di Roma riputatissimo ; fu dotto 
in teologia , ed ebbe notizia di questi istudii d' uma- 
nita ; fu elegautissimo in scrivere > come si dimostra 
per piii sua opere cbe compose. Seudo in corte , gli fu 
piii volte concesso cb' egP orasse nel cospetto del Papa 
e del collfgio de' Cardinali e di tutta la corte di Roma 
nelle soleuuita dell' auno , come ncll' avvento , nella 
nativila di Cristo , nelle domenicbe di quaresima. Re- 
cito iu publico piii orazioni , le quali furono somma- 
mente lodatc e commeadate pcr dua cagioni , in prima 
per loro eleganza , ed il simile per averle recitate dc- 
gnissimamente come aveva ; in modo cb' egl' acquisto 
in questo tempo graudissima riputazione , la quale col- 
le sua laudabili virlii se la conservo in modo , cbe va- 
cando il vescovado di Padova , e sendo dello stato lo- 
ro , cioe gentile uomo viniziauo , gli fu dato ; il qual 
vescovado egli governo come c noto a tutti quelli cbe 
lo couoscevauo. Dette sempre opera alle lettere sauza 
perderc tempo , o a leggere varii scriltori , o compor- 



lACOPO ZENO VESC. DI PADOVA. 261 

re ; cbe avcva , come c dctto , ornaiissimo stile , ccl iii 
isloria ed in soluta orazionc , comc si vcde pcr la sto- 
ria di Carlo Zcno , clie fn di casa sua prestantissimo 
uomo , il quale fece nella vita sua molte degne cose e 
per mare e per terra nella disciplina militare. Compo- 
se messcr lacopo Zcno lil)ri dieci di gesti sua , i quall 
libri fu giudicato da chi gli vide clie fussino istaii po- 
cbi nella sua cta , clie avessino scritto tanto elegante cd 
ornato come lui ; c questi libri gli dettono una grandc 
riputazione. Compose vite de' sommi Pontefici infino 
al tempo suo , opera molto grande cd assai istimala per 
le condizioni dette di sopra. Compose piii trattati , dc' 
quali non ho avuto notizia ignuna. Merilo grandissi- 
ma commendazione per essere venuto al grado ch' egl' 
cra dello scrivere , che pochi ve ne vengono. Emmi 
paruto in questo mio comentario non lo lasciare , aven- 
do avuto tanle laudabili condizioni ; eccetto che gl* 
interveune uno caso da tremarne chi leggera questa 
vita. Sendo volto alquanto alle vanitk di questo infe- 
lice mondo , la sua fine non fu buona , perche mori 
di morle subitanea andando a spasso per lo suo pa- 
lazzo ; ch' e cosa da tremarne chi leggcra , conside- 
randola bene. 



3o. VESCOVO DI BRESCIA. 



..M, 



.esser Piero da Montc fu viniziano , e fu vc- 
scovo di Brescia , uomo degnissimo e molto riputato 
per la unlversale notizia che aveva. Fu dottore di ra- 
gione civile e canonlsta slngularissimo ; ebbe unlver- 
sale notizia in tulte le sette arti liberali , e dette as- 
sidua opera a tcologia , e lascio la legge della quale 
aveva grandissima nolizia. Volcva fare una biblioteca , 



262 PIETRO DA MONTE 

e per quesio comperava tiitti i libri che poteva avere , 
e sempre aveva scrittori in casa a chi egli faceva iscri- 
vere varie cose ; ed iii Firenze fece fare infiniti vo- 
liimi (li bellissime lcttere in ogni faculta e massime in 
teologia. Trovossi a Gostanza nella riformazione della 
Gbiesa, dove si levo la scisma: adoperossi assai in quel- 
Jo concilio di farc qaella unione colla Gbiesa , ed eb- 
bevi grandissimo onore in dimostrare la sua virtil ; cbe 
in quello concib*o vi si trovorono uomini assai degni. 
IMandollo dipoi papa Eugenio in Ingbilterra , dove 
istette pareccbi anni per collettore , e governovvisi in 
modo cbe n' acquisto assai riputazione , e torno in cor- 
te con grandissimo onore. Ebbe , ohre al vescovado , 
piii reggimenti di piii luogbi della Gbiesa di Dio ; fn 
governatore a Perugia , dove adopero in modo cbe ve 
lo tennono pareccbi anni , e fuvvi moUo amato. Era 
uomo di beUissima presenza e di grande autoriia ed 
eloquentissimo uel parlare. Ebbe pocbi nella sua eta 
di tanta autorita quanto lui. 

2. Gompose mohe opere fra le quali ne fu una che 
e famosissima , cbe fu uno repertorio in iure civile e 
canonico moho universale , e fu tenuto in quegli tem- 
pi ed ancora oggi delle famose opere che fussino fatte 
in quella facuha ; e per deguita della opera , che ebbe 
nome da lui hrixiense, Fu opera di grandissima dili- 
genza e molto elaborata , e sono bene quinlerni cento 
di forma reale. Andq in quello principio per tutto il 
mondo , ed ancora oggi resta la sua fama. Fu piii vol- 
te per venire alla degnita del Gardinalato ; ma parte 
per invidia , per essere istimato da Iroppo ; parte an- 
cora percbe prevenuto dalla morte , quando era Tcnulo 
in condizione da poterlo conseguitare. E cosi va la fe- 
licita di questo mondo , cbe sempre quando gl' uomini 



TESCOVO m BRESCIA. 263 

credono pigliare qualche frutlo delle loro fatiche , la 
morte vi sopraviene ; e se quello che ara fatto , non 
ara fatto per onore di Dio , aspettandone merito da lui 
e non dal mondo , invano si sara afFaticalo , e massime 
per la propria sua eccellenza , e none per 1' amore di 
Dio : perche i piii sono acciecati , e non veggono lu- 
me , come fu messcr Plcro in alcuna parte , isperando 
piu negl' onori dcl mondo che non si doveva , e none 
nello eterno Iddio come doveva, Per quello i piii sono 
pagati di quello medesimo in che eglino hanno ispe- 
rato ch' e nel mondo e nella sua pompa. La sua Cme 
non fu come sarebbe suta , s' egli si fusse piii volto 
air aunipotente Iddio che non fece , prevenuto dalla 
morie che fu subita e none aspettata , cio ch' e pieno 
di pericoli. Iddio V abbia aiutato in tanto bisogno ! 



3i. VESCOVO DI BRESGIA. 



M, 



esser Domenico ( de Dominicis ) succedette (i) 

in questo vescovado , e fu gentile uomo viniziano. Fu 

allevato sotto la disciplina del Gardinale di Bologna ni- 

pote di papa Gregorio , uomo santissimo. Messer Do- 

menico fu dottissimo in tutte sette V arti liberali , e fu 

maraviglioso teologo quanto ignuno che avesse 1* eta 

sua ; in modo che nel tempo di papa Nicola fu assai 

stimato ; e sotto papa Gallisto , e papa Pio , e papa Pa- 

golo fu in grandissima riputazione in corte di Roma 

per tutte queste condizioni , in modo che tutti i dubbi 

che venivano alla Ghiesa di Dio per molti temerarii , 

sempre si mandava per messer Domenico , e cresceva 

ogni di piii la fama sua. Ora venendo in grandissima 

(i) Tra il Ja Monte e il de Dominicis fu un allro vcst»7i 
di Brescia, «ioe Monsig. Maripietro. 



264 DOMENICO DE DOMINICIS VESC, DI BRESCIA. 

riputazione , ed ogni di piii crescendo la sua fama per 
tutta la corte di Roma , venne ancora lui in questo 
desiderio d' avere uno cappollo ed essere Cardinale , la 
quale degnita venendo a pigliarla , intervenne a lui 
come intervenne a molti , che quando pare loro esse- 
re venuti al desiderato fine , la morte vi s' interpone 
e getta per terra tutti i nostri desiderii. Sendo stato 
messer Domenico piii anni vescovo di Brescia , e ve- 
nuto come e detto al suo desiderato fine d' essere Car- 
dinale, si mori innanzi che vi venisse , e furono gua- 
sti tutti i disegni ch' egl' aveva fatto. E pero ogni cosa 
Lisogna rimettere nella vohinla di Dio , e da lui ri- 
putare ogni cosa , e in lui rimettere : quello che sia il 
meglio , quello si facci , e non ahrimenli. Emmi pa- 
ruto per tante sua laudahiH condizioni melterlo nel 
numero di questi singulari uomini , acciocche la fama 
di si degno uomo non perisca. 

32. PATRIARCA DI lERUSALEM. 

iTjlesser Biagio di casa Mulino gentile uomo vi- 
niziano e patriarca di lerusalem , fu voUo assai alla 
Scrittura santa , e di quella ehbe assai buona notizia. 
Per la sua buona vita e fama papa Eugenio 1' ebbe in 
grandissima riputazione , ed ebbe il governo di tutta 
la corte piii tempo , e resse 1' ufficio della cancellaria. 
Fece iscrivere piu libri sacri , e infiniti ne compero , 
e tutti gli mandava a' beneficii ch' egl' aveva tenuii 
sotto il suo governo , e massime biblie , omiliarii , e 
passionarii , e morali di santo Gregorio. Resse e go- 
verno bene la casa sua con grandissima ouesta ; ed il 
simile alievo alcuni sua nipoti per volere che venis- 
sino alla degnita ecclesiastica , ed adoperossi con tutto 



BIAGIO PATRIARCA DI GERUSALEMME. 265 

le forze che venissino a scrvire Iddlo con puro animo 
e netti da ogni vizlo. Desidcro ancora lui la dcgnita 
dei cappcllo. Fugli promesso piii volte. In fine pre- 
vcnuto dalla morie non la pote conseguilarc. E pero 
sono vane le nostre isperanze , ed i piii rimangono in- 
gannaci in auesta forma. Cbe se al creatore del cielo 
e della terra servissimo , come noi servlamo al mon- 
do , sarehhe la nostra fine felicissima. 

33. VESCOVO DI RAUGIA. 

I. jLfon Timoteo de' MafTel fa di Verona , frate 
deir ordine de' canonlci regulari dl santo Agostino» 
Fu solennissimo predicatore ; era di bellissima prcsen- 
za , umaulssimo con ognuno. Fece nelle sua predlca- 
zioni grandissimo frutto. Comincio neH' eta d* anni 
venticinque , e predico per tutte Ic terre d' Italia ; fu 
elegantissimo nel parlare , quanto predicatore cbe aves- 
se la sua eta ; converti molti alle sua prediche ; era 
uomo d' ornatisslmi costumi , e in quello persevero tut- 
to il tempo della vita sua. Fu di grandisslma autorila 
ne'sua conslgli con tutti quegli ebbe a praticare. Creh- 
be assai la sua religione , e sotto la sua disciplina fu- 
rono molti predicatori che impararono da lui , ed egli 
volentieri s' affaticava in simili opere per 1' amore di 
Dio. Per 1' autorita sua Cosimo de' Medici fu cajjione 
che si edificasse la badia di Fiesole , e 1' ordinc della 
architettura e della composlzione fu tutta sua , che e 
cosi mirabile cosa a vederla. L' autorita sua con Cosi- 
mo non poteva essere magglore , per avere modi cou- 
>enienti della gravita e della autorita che assai soddi- 
sfacevano a Cosimo , ed il similc a tutti quegli con chi 
conversava. Fu elegantissimo nello scrivere , come si 



2GG TIMOTEO DE MAFFEI 

vede pcr plii siia opere ed orazioui. II modo del suo 
predicare fu molto degno , alieno da' raodi di moltr d' 
oggi , clie muovono dubbii , e non predicano le ma- 
terie assolute sanza quesiioni a modo di disputare ,* ma 
predicava secondo il modo clie si debbe predicare , 
sanza dubitazione o nulla , colle cose risolute sfcondo 
o Geronimo o Agostino , poicbe fu grande agostinista 
e intese bene la sua dottrina. S' egli allegava nulla di 
dottori modei'ni , none metteva i dubbii , che fanno 
coloro cbe gl' banno trovati pcr disputare ne' circoli. 
Aveva grandissima forza nel riprendere de' vizi e con 
potentissirae ragioni. Per essere bellissimo del corpo e 
di grandissima autorita , come e detto , poteva assai. 
Fu molto istimato per tutta Italia , dov' egli predico , 
per le sua singulari virtii. In corte di Roma ando piii 
volte mandato da suoi maggiori , e piglio piii luoghi 
per r ordine ed in Lombardia ed altrove. 

2. Sendo conosciute in corte le sua virtii , fu mol- 
to istimato , e massime dal Gardinale di Spoleto uomo 
singularissimo , in modo cbe vacando il vescovado di 
Kaugia glielo dettono , e datoglielo lo conforto molto 
ad accettarlo ed all' andare a fare residenza a Pvaugia , 
raostrandogli cbe farebbe grandissimo frutto ed in pre- 
dicazioni ed in ordinare quello vescovado. Ando a 
Eaugia , e trovo altro modo di vivere ch' egli non isli- 
mava , in modo cbe gii parve avere preso troppo gran- 
de fastello sopra le spalle sua d' uomini molto alieni 
dalla natura sua. Fece ogni esperienza cbe pote, e sem- 
pre erano oppositi alla volunta sua , ed i loro modi e 
costumi per nulla poteva rimuovere. Gonobbe essere 
audato da una grande tranquillita e pace a tutto 1' op- 
posito , e couosceva essere male incurabile. Aveva eeco 
uno monaco di quegii della sua regola , col quale fi 



VESCOVO DI RAUGIA, 267 

dolcva vin infinito d' cssersi partito da tanta pace e 
quiele quant' era la religionc , ed andato a tanto di- 
sordine sanza potervi fare frutto ignuno , clie il di e 
la notte non faccva niai altro che dolersi della sua di- 
saventura , e d' avere preso questa cura di questo ve- 
scovado , e d' avcrgli lolla ngni consolazione ispiritua- 
le. Istando non molto tcmpo in questa ansielh c do* 
lore , s' ammalo di grave infirmita. Non si doleva d* 
altro che non trovarsi alla badia di Fiesole co' sua mo- 
Daci picni di carita e d' amore ,* ch' egl' erano piii i 
conforti e le consolazioni in una ora in quello moni- 
siero , che tutto il tempo che era stato in questo ve- 
scovado* E non passava questo suo intensissimo dolo- 
re sanza cffusione di lagrime ; e spesso lo ripeteva a 
qucgli sua compagni. Istando a questo modo per al- 
quanti di tra la infirmita , ch' era clolor lateris , e la 
febre , aggiuntovi la passione di vedersi privato della 
conversazione de' sua monaci , ch' egli si mori come 
era vissuto santissimaraente. Debbesi isperare che aven- 
do fatto tanto frutto iielle sua predicazioni , e conver- 
titi tanti alla religione , e perseverato in quella reli- 
gione anni quaranta o piii , che 1' onnipotente Iddio 
ara avuto grandissima misericordia dell' anima sua. E 
pero chi e in religione d' osservanza , stiasi iiella sua 
pace , e fugga i governi e le degnita quanto puo. 

34. VESCOVO DI FIESOLE. 

IVlaestro Gugliclmo Bechi fu fiorentino d' om»- 
slissimi parcnli. P^essi frate dell' ordine di santo Ago- 
stino , dove entro molto giovane. Dettesi agli istudii 
in prima di grammatica di Closofia e teologia , ed in 
tutte queste scienze venne eccellentissimo , per essere 



2G8 GUGLIELMO BECIII 

di maraviglioso ingegno. Istudio a Parigi dove fece 
grandissimo frutto in tutte sette 1' arti liberali , ed in 
teologia dove fu sottilissimo in disputazioni. Dcttesi poi 
in Firenze ed altrove a predicare, ed ebbe grandissimo 
concorso nelle prcdicazioni , ed aveva mirabile audien- 
za di popoli e degl' uomini doiti , percbe soddisfaceva 
a ognuno. Lesse piii opere d' Aristotele a piu scolari 
ed in loica cd in filosofia. Fu condotto in Firenze il 
di deile fcste a leggere I' epistole di sauto Pagulo , do- 
ve ebbe grandissimo concorso. Aveva dalla sua natura 
d' cssere eloquentissimo ; il tempo che aveva lo con- 
sumava in predicare ed in leggere ed in comporre. 
Istando a questo modo , fu fatto generale dell' ordine 
di santo Agostino , dove consumo assai tempo a visi- 
lare tutto 1'ordine ed in Francia e nella Magna ed in 
in Inghilterra , ed in lutti questi luogbi dimostro la 
virtii delia sua dottrina , ed in tutta Italia. Tornato poi 
a Roma , dove fu assai istimato , conosciuta la sua \'\v* 
tii , vacando il vescovado di Fiesole , fu fatto vescovo» 
Attese di poi cbe fu levato di questa cura dell' ordine 
e venuto al vescovado , a comporre ; e compose il co- 
mento sopra I' etica d' Aristotele , libro molto stimato. 
Comento ancora 1' economia d' Aristotele , e fece molti 
sermonarii predicabili a piu materie , e quadragesimali 
e festivi. In tutte le sua opere fu molto lodato e com- 
mendato da tutti i dotti. Fece scrivere e compero mol- 
tissimi volumi di libri per fare una biblioteca , i quali 
libri ha messi nel convento di santo Spirito di Firen- 
ze , ed alcuni ne dono alla libraria di sauta Maria del 
fiore , come si vede , dove e il nome suo per sua me- 
moria. E cosi dispenso il suo tempo laudabilmente. 
Mori in Firenze , e furono fatti i sua esequii onora- 
tamente. Predicovvi frate Mariano da Roma delP ov-^ 



VESCOVO DI PIESOLE. 269 

dine d\ sanlo Agostino del LictUo , frate di osservan- 
za , una solcnnissima pi'(»di-ca. Fu tutta la vita sua vir- 
tuosa ^ e ne' sua esecjuii furouo tutti i cittadini a ono- 
rarlo. Mcrito maestro Guglielmo grandissima commen- 
dazione in tutte V opcre sua. 



35. VESCOVO DI CORONE. 



M 



.acstro Bartolomco Lapacci fu fiorentino delP 
ordine di santo Domenico , nato d' umilissimi parenli. 
Fu dottissimo nella lingua latina , ed in tuttc sette T 
arti liberali. Dctte opcra allc lettere greche , nelle qua- 
li fu dottissimo. EbLe maravigliosa grazla nel predi- 
care , e grandissimo concorso nelle sua predicazioni , 
e fu raolto istimato per la sua dottrina , cbe pochi fr-ati 
ebbe 1' ordine suo in quello tempo , della dotf.rina che 
ebbe lui. Aveva nelle sue predicazioni grandissimo 
concorso cosi da' dotti come dagl' indotti , per essere 
eloquentlssimo , e possedeva bene la sua dottrina. Fu 
in corte per le sua virtii assai istimato. Predico in Fi- 
renze e fuori di Firenze in piii luoghi, e sempre fu 
accettissimo. Aveva copia di libri greci e latini. Com- 
pose alcuni sermonarii molto degni (i). Consumava il 
tempo suo come fanno gl' uomini singulari parte ia 
predicare , parte in studiarc , e parte in comporre. Mo- 
ri in Firenze , e quivi si feciono i sua esequii onora- 
tamente. Lascio alcuni libri al convento di santa Ma- 
ria novella , dove egli era frate. II suo vescovado era 
poverissimo , e visse poveramente nella vita sua , c di 
buona fama e costurai. Trovossi nelle disputazioni nel 

(i) Vedasi la notizia del Lapacci e delle sue opere nel Quetif. 
Script. Ord. PP. T. I. p. 834. 



270 VESCOVO DI GOaOXE. 

concilio de' Greci iu Firenze^ dove acquisto assai ri- 
putazione per le siia virtii. 



36. VESGOVO DI GAPAGCIO. 



M 



'J.esser Francesco Bertini fu luccliese , e vescovo 
di Gapaccio nel reame. Istelte da principio col Gardi- 
nale di Portogallo , uomo santissimo , e da lui fu molto 
amato per la saa virtii. Dipoi raorto il Gardinale di 
Portogallo , se n' ando a stare con quello di Ravenna. 
Nel reame ando con lui messer Francesco Bertini , ei 
acquistovvi tanta grazia , che vacando il vescovado di 
Gapaccio , per mczzo del Re glielo fece segnare. Go- 
nosciuta il re Ferdinando la sua vinu , fu mandato 
per sua parte ambasciadore al re d' Inghilterra , dove 
istette per alquanto teropo in grandissima grazia ap- 
presso di quello principe. Dipoi veduto il re Ferdi- 
nando i sua portamenti , lo mando ambasciadore al du- 
ca di Borgogna , dove fu assai istimato da lui ed ono- 
rato. Sendo il duca di Borgogna (i) a campo a iNus 
( Nuitz ) in quello terribile assedio , il vescovo era in 
compagnia con quello priucipe. Sendo il vescovo uomo 
piatosissimo , uno di facendo irapiccare piti uomini , il 
vescovo lo riprese e disse : Siguore questa e una estre- 
ma crudelta , fare morire questi poveri uomini. II du- 
ca gii fece una risposta istrana , che gl' Italiani dicono 
che gP uomini morti non fanno guerra. Rispuosegli il 
vescovo , che quello non era parlare da uomiui pru- 
denti , ma che il volgo cosi usava dire. Fecene impic- 
care in quegii di piii di cento , sanza sapere perche. 
Era il duca di Borgogna ripieno d' infinite virtii , e d* 
astineutissima vita , ed uomo di buonissimo esemplo ; 
(ij Carlo Jelto 1' arJito e il terribile. 



FR. BERTINI VESC. DI CAPACCIO. 271 

ma aveva qiu^slri partc cir crct moito da csscrc dannata 
della crudelta , la quale fu cagione clie Iddio pcrmiso , 
clie in una battaglia cgli fu morto , c non si scppe da 
clii , e rlmase ignudo in terra , clie non v' era chi lo 
conosccsse ; se non cbe uno ragazzo cbe 1' aveva scr- 
vito sapeva uuo scgno cbe aveva sotto il braccio , e 
pcr questo modo fu riconoscluto. Istando questo vc- 
scovo a Nus , e dipoi in corte col duca di Borgogna 
con moltissimi disagi s* ammalo , e mori in Borgogna 
sendo molto giovane. Era dotato di buonisslmo inge- 
gno , cd era attissimo allo scrivcre ed eloqucntissimo 
colla penna. Erano pocbi nella sua eta cbe fussino 
tanto atti allo scrivere quanto lui. Nientc di meno per 
istare sempre in peregrinazione , uou potc coinporre 
nulla. Se fosse vivuto , vcniva in grandisslmo grado. 
Tanta riputazione aveva acquistata per V cspcrienza di 
quello cbe aveva fatto dov' cra istalo l 



3;. VESCOVO D' IMOLA. 



M 



.aestro Gasparre da Bologna lu dell' ordine di 
santo Domenico d' osservanza , e fu vescovo d' Imola , 
«omo dottissimo in tutte sette I' arti liberali. Fu ne* 
tempi di papa Eugenio molto istimato in Firenze per 
la sua doltrina. Vi studio in filosofia morale I' etica d' 
Aristotele dove ebbe grandisslmo concorso di grande 
parte di cortigiani , uomlni dottissimi ; ed il simile 
moltissimi cittadini andavano alie sua lezioni , ed ogni 
di allo studio , ed al palagio del podcsta si faccvano i 
circoli dovc si disputava. Maestro Gasparre , pcr esse^ 
re uomo sottilissimo e di grandc ingcgno , scmpre pre- 
valeva a tutti gli altri nelle disputazioni. Trovavasi iii 
questo tempo uno bellissimo istudio in ogni faculta cbe 



272 vEscovo d' imola. 

v' erano i piii dotti iiomini che si trovavano. Era iii 
Firenze 1' abbate di Cicilia a leggere , e messer Lo- 
dovico da Roma , de' principali uomini che si trovas- 
sino* Era sempi^ maestro Gasparre con Nicolao Ni- 
coli e con messer Giaunozzo Manetti e messer Carlo 
d' Arezzo e con tiilti i dotti di cjuella eta ; perche ohre 
alla sua dottrina , em di gentilissimi costumi , e la sua. 
dottriua era molto istimara. Dove compoire qualche 
opera , ma per non ne avere nolizia , non ne fo men- 
zione ; lasciolo a quegli che n' aranno piii piena no- 
tizia che nou ho io. 

38. VESCOVO Dl VOLTERRA 

FIORENTINO. 



M, 



^xesser Roberto Cavaicanti, uomo singularissimo, 
fu nato di nobilissirai parenti ,* fu leggista e canoni- 
sta e famosissimo per tutti gli istudii d' Itaha dove ave- 
\a istudiato e letto. Venne in tanta condizione ohre 
alla sua dottrina e bonla , che sendo in corte di Ro- 
ma iuiinili singulari uomini nella sua facuha , aven- 
dosi a mettere in corte di Roma uno auditore di ruo- 
ta , che non si guarda persona iii viso , ma mettonsi 
per le loro proprie virtii , per questo fu eletto messer 
Roberto Cavalcanti auditore , dove acquisto assai ripu- 
tazioiie in questo ufficio. E per la sua dottrina e bonta 
non istetie molto tempo in corte di Roma , che se non 
fusse prevenuto dalla morte , eia publica fama che sa- 
rebbe suto Cardinale. ln tanta universale grazia era 
venuto in corte , si per la sua dottrina , il simile per 
le sua singulari virtii cd innata bonta l 



273 
Sij. VESGOVO DI VOLTERRA. 

1. iVJLesscr Autonlo dv^V Agll fii doilissinio iii 
grecoed in lalino e uomo di oncstissima vita. Fu mac- 
stro di papa Pagolo nel tempo ch' cra papa Eugenio in 
Firenze ,* ed innanzi clic fussc Cardinalc , papa Eugc- 
nio per uno uomo dotto e di buona coscienza gli dctle 
messcr Antonio degi' Agll. Scndo dipoi assunlo papa 
Pagolo al politificato ; mando pcr lui , che andassc a 
Homa. Istando in cortc di Roma , vi potc assai col Pa- 
pa« Vacando il vescovado di Ficsoh^, gllclo dcttc. Dipoi 
ysLcb qucllo di Raugla , e papa Pagolo glielo dcttc. Non 
^o volle accettare , per csserc dov' egli era , e per non 
vi poterc farc rcsidenza. II Papa per questo nc isde- 
gno , parendogli che P avesse fatto per poco aninio ; e 
fu giudicio dipoi che so non fusse occorso questo caso 
di Raugia , che il Papa 1' arcbbe fatto Cardinale , rna 
per questo isdegno non lo fece. Vacando poi il vesco- 
vado di Volterra, glielo conferi, e riserbogli santa Ma- 
ria in Pruneta , perche si poteva dire chc 1' avesse di 
nuovo Tiformata lui , a dove egli la trovo , a' termini 
che r aveva ridotta. Avuto questo vescovado , era mol- 
to alieno a ogni pompa , c non si curava di nulla. Ri- 
dussesi a stare a santa IMarla in Pruneta , ed alle volte 
andava a A^isitare il vescovado di Volterra. Istava sem- 
plicissimamente , ed il suo tempo lo dispensava ncl di- 
vino ufficio ed in Icggere e comporrc. 

2. Dclle sua entrate ne sovvcuiva a' poveri per l' 
onore di Dio , e pochi andavano a lui che non li sov- 
venlsse : c non solo dava di quello di santa Maria in 
Pruneta , ma avanzaudogll di quello dcl vcscovado , 
faceva il simile. E volcndo fare comc fanno i savi o 
buoni uominl , «endo sauta Maria in Pruneia , come e 

i8 



274 VESCOVO DI VOLTERRA. 

cletto , di graiidissima cntrala , e per le sua virtii du- 

})itaiido , clic dipoi la morte sua ella iiou aiidasse in 

commenda , e la cliicsa non avesse il debito suo , or- 

dino nella vita sua che vi fussino nove cappellani , cd 

a ognuno ordino V entrata conveniente ; delle entrate 

della pieve a ognnno , e la stanza conveniente nella 

pieve , ed essei*e amministrati ne' loro bisogni di pio- 

vano da' ministri clie gli servisslno. E fece nno cano- 

nico in santa Maria del iiore , che s' avesse a dare per 

la casa de' Buondelmonti ; e lascio nella sua flne no- 

vecento fiorini che si trovava , si dessino per V amor 

di Dio a fanciulle de' Buondelmonti , che volessino en- 

trare in monistero , a provedere a' loro bisogni. Lasclo 

di sc buonissimo esemplo , e della sua vita e de' sua 

costumi , e teune quella vita clie deve tenere ogni buo- 

no prelato. Fu istudioslssimo e sufEciente prelato in 

ogni cosa , quanto avesse la sua eta. Fu attissimo a 

predicare , e cosi vcscovo predicava spesso alla sua pa- 

rocchia. Compose di quello che ho veduto uno degnis- 

simo libro della vita di Santi , e recogli in ordine per 

tutto r anno d' uno elegante stile , il quale libro man- 

do a papa Nicola , ed a lui lo intitolo» Dell' altre ope- 

re che ha fatte , non ho notizia , e per questo non fo 

menzione. Emmi paruto per le sua singulari virtii met- 

lerlo nel numero di questi uomini degni della sua eta. 

Chi vorra fare la vita sua , ci sono materie degne d' 

eterna memorla. Questo ho fatto solo per uno brieve 

ricordo come gl' altri. 



4o. VESCOVO DI MASSA. 



..M, 



.esser Lionardo Dali fu fiorentino, d' onorati 
parenti , e nella sua giovenlii detle opera a qiiesti istu- 



vEscovo ni HAssA. 275 

(lii d' umanlla , ne' qiiali fccc grandissinio frutlo. Fii 
clcgantissinio , c dissc hcnc in vcrsi cd in prosa. Kl)])c 
assai nniversalc nolizia d' ogni cosa. Fu nnianissimo , 
c molto amato da tutii quegli clic cbLono a praticaie 
con lui, Erano compagni messer Antonio dcgl' Agli c 
lui, Aveva piii bcneficj , ed in ultimo cbbc 11 vcsco- 
vado di IVlassa. Ando a stare in corlc di Roma nc' tcm- 
pi di papa Pagolo , c fu suo scgrctario , e da Jui fu 
molto amato. Rcssc la segnatura de' brevi clie tutti pas- 
savano pcr le sna mani tutto il lempo dcl pontlficato 
di papa Pagolo , e portossi in modo che colla sua San- 
tlta ebbe grandissima grazia. Era venuto in coric di 
Roma ne' tempi di papa Pio , ed il similc colla sua 
Santita ebbe grandissima grazia. Rcsse papa Pagolo la 
Chiesa di Dio per lo tempo del suo pontificato alicno 
da ogni simonia , e cosi volle che osservasse ognuno 
ch' era appresso di lui. Messer Lionardo pcr la sua 
nettezza colla sua Sanlita ebbe grazia , per csscre osser- 
vantissimo di quello clie appartcneva alP ufQcio suo dcl 
segretariato. Era molto paziente con ognuno , donde 
n' acqulsto grandisslma grazia , e massimc col Papa e 
con tutto il collcgio dc' Gardinali ; di uatura che se 
papa Pagolo viv€va , andava alla degniia del Gardina- 
lato. Fcce bene ed a quegli di casa sua , come si vedc , 
cd il slmile a quegli della nazlone fioreuiina, 

2. Diio qui una piaccvolczza. Andando uno di a 
papa Pagolo , comc era sua usanza , con uno grcmbo 
pieno di brievi a fine che gli segnassc , scndo il Papa 
al fuoco , papa Pagolo lo domando quello che facesse. 
RispuOScgli avergli portati i bricvi a finc che gli se- 
gnasse. 11 Papa , pcr quello se lo faccsse non lo so , 
piglio tutti quegli brievi e gitlogli in sul fuoco. Mes- 
ser Liouardo vedcndo qucsti bricvi chc aidevano , si 



276 VESCOVO DI MASSA. 

mise gl' occliiali , e volsesi verso il fiioco. Papa Pagolo 
lo domando qnello che facesse. Rispuose , io stava a ve- 
dere ardere qncgli briovi. II Papa comincio a ridere. 
In qncsto modo placo la mente del Papa. D' opere ch' 
egli componessc non vidi mai , se non in prosa una 
opera de hello etrlisco contro a Porsenna , elegantissi- 
ma. Compose molti epigrammi , ed era molto atto al 
verso. D' aitre sua opcre non ho notizia , che credo 
che ne componesse. Lascio onesto patrimonio a' paren- 
ti, che s' aveva guadagnato in corte di Roma con gran- 
dissima fatica , dov' era istato piii tempo ; e resse nell' 
ufficio del sogretariato tntto il tempo del pontificato di 
Pagolo. Fu antico cortigiano, ed ehhe grandissima con- 
dizione con piii Pontefici ; ma papa Pagolo fu quello 
che lo rilevo e fello istimato e riputato. Merita gran- 
dissima commeudazionc per le sua virtii e per ave^ 
re goveruato uuo Pontefice nelle cose di piii impor- 
tauza che aveva a farcb 



4;. VESGOVO SIPONTINO. 



.. M, 



esser Nicolo Perotto fu vescovo sipontino , 
uomo dottissimo in greco ed in latino , fu figliuolo d* 
uno povero uomo , che niAndoIIo molto giovane a stu- 
diare sotto ha discipliua di Guerino a Fcrrara , dove 
in poco tempo per la prestanza del suo ingegno diven- 
l6 dottissimo , e dandosi a comporre ehbe clegantissimo 
istile quanto uomo che avesse quella eta. Istando a Fer- 
l'ara , veune in questo tempo a studiare a Ferrara mes- 
ser Gnglielmo Graim , che fu dipoi vescovo d' Ely , in- 
ghilese di stirpe reale , degnissimo uomo. Avcndo noti- 
zia dclle virtii di questo giovane , lo richiesc chc au- 
dasse a starc con lui , e cosi fccc. V^edulo questo inghi- 



VESCOVO SIPONTINO. 277 

les6 la sua vlrtu , gl' usu molta libcrallta di danari , i 
quali tulti spesc iu libri pcr potere istudiarc. Istaudo 
a questo modo a Ferrara alcnni anui , ed istudiando 
assiduamcute e V uno e 1' altro , fu scritto a messer Cni- 
glielmo dal Re che andasse in corte di Roma pcr suo 
procuratore, e cosi fecc^, e meno in sua oompagnia mcs- 
ser Nicolo Perotto. Giunto a Koma , dopo molto tempo 
scndo messcr Guglicbuo occupatissimo , e mcsser Nico- 
16 desidcrando avere perizia dcllc lcttere grcclie , ben- 
clie u' avesse assai buona noiizia , prego messer Gu- 
gliclmo clie fusse couteuto accouciarlo col Cardiuale 
Niceno , per avcre pieua notizia dcllc lctterc greche. 
Conoscendo il suo dcsidcrio , e desiderando adempier- 
lo , adopero iu modo che il Gardiuale fu conteuto ac- 
cettarlo in casa in eta d' auni vcnti. Non atteudeva ad 
altro il di e la notle che a lettere greche , nelle quali 
venue dottissimo. Veduto il Gardinale , ch' era amato- 
re degl' uomini virtuosi , i sua portameuli , gll pose 
assai amore. Deliberando volere essere prete , il Gardi- 
nale 1' ajuto assai a fargli avere de' beneficj lui e sua» 
Sendo il padre poverissimo uomo , adopero tanto Ni- 
colo che con certe sustanze che aveva , seudo iu cou- 
dizione da potere teuere qualchc istato , lo fece fare 
cavaliere. Di poi adopero ch' egl' audasse iu certi uf- 
ficj della chiesa , in modo che fu cagione di rilevare 
la casa sua. 

2. Fatto qucsto , messer Nicolo per lc sua virlu 
venue iu cortc di Roma iu grandissima riputazlone, 
e massime per attissimo nel comporre , aveudo orua- 
tissimo istile. Avendo papa Nicola delle sua composi- 
zioni ed alcune traduzioui , lo prego che traducesse Po- 
libio megalopolltauo di greco in latino. Tradusse que- 
sto libro tanto degnameule e con tanta eleganza , che 



278 VE.SCOVO SIPONTINO. 

fti tcnuta cosa mirabile da tutli qiiegli che io vidono , 
i^Iiulicando chc non rra istato ionnno ncl pontiflcato 
di Nicola tanto clegante c lanlo eloquente quanto nies- 
ser Nicolo , e portoUo a preseiitare a papa Nicola. Ve- 
dendolo , gli piacqne mirahihnente , in modo che fece 
metlerc in una borsa ducati secento , e dargli a mes- 
ser Nicolo. Fu questa opcra in tanta riputazione , che 
venendo in Firenze , sendo veduia da messer Poffgio 
e da tutti i dotti , fu molto lodata , in modo che mes- 
ser Poggio per alcune difTerenze che aveva avute con 
messer Nicolo , niente dl meno la verita ha grandis- 
sima forza , che la lodo in infinito^ dicendo non avere 
<nucora veduto il migliore istile di questo suo , ne il 
piii continuato , e lodavalo assai. Comincio con quesla 
opera acquistare assai ripuiazione , ed esser in grazia 
assai del Pontefice e di tutto il collegio de' Gardinali , 
ed era assai famosa in tutta la corte di Homa e pei* 
tutta Italia. 

3. Istando piii anni in corte al governo della ca,- 
sa del Cardinale Niceno , che ogni cosa andava per le 
sua maiii , e iiiente di meno non perdeva tempo che 
non istudiasse , vacando il vescovado Sipontino , il Pa- 
pa glielo dette. Dipoi col mezzo suo fece la sua casa 
riputata e stimata , e dette condizione ed al padre ed 
a tutti i frategli , come e detto. Tradusse piii opere 
di Basilio , e massime de odio et invidia , e piii opere 
di Plutarco , e massime una de fortuna popnli 7'onia- 
ni , et virtute yilexandvi ; e fu molto osservante della 
lingua latina. Composc regole da fare versi di tuttc 
le ragioni che si possono fare* Fece a comune utilita 
di tutti quegli che vogliono dare opera alla Ilngua Ja- 
tina uno libro di regole niolto degne , dove arreco in 
ordine tutta la grammatica , di natura che con quelle 



VESCOVO SIPONTINO. 279 

regole facilissimamcnle si piiu imparare la lingua la- 
lina. Composc in ultiino nna 023cra molto degna e di 
grandissima fatica , di rivolgcie tntti gli scriltori dcl- 
li\ lingna latina c grcca , c fecc nno compcndio , che 
bench' egli V intitolasse comento di Marzfale , c uno 
compendio di tutta la lingua latina pcr alfahcto , ed e 
scriltura grandissima assai piii che non sono tutte le 
dcche di Livio , doyo si conosce in lui nna grande pe- 
rizia della lingna latina c grcca ; c chi avesse questa 
opera , potrehhe fare sanza vocaholista , o grammatici , 
o comenli , o altra cosa appartcnente alla lingua lali- 
na , perchc in questo lihro v' e drento ogni cosa, Fe- 
cclo a pelizione del duca d' Urhino il quale dnca lo 
lihcro dalla tolale distruzione ; perchc infino al tempo 
di papa Sisto era istato con tutti i Pontefici in buo- 
nissima condizione , ed era stato mandato in piu go- 
verni dclla chiesa , e di tutti aveva avuto grandissimo 
onorc. Ora dondc cgli si procedesse , papa Sisto co- 
mincio a perseguitarlo , infino a volerlo nelle mani , 
e torgli ancora delle sustanzc chc aveva , e fargli pcg- 
gio. E se la fc. me. del duca d' Urhino non fusse ista- 
to , che come protettore e difensore degl' uomini sin- 
gulari prese la sua difesa , potendo assai nel Pontcfi- 
ce , con grandissima difficulta lo salvo , ch' cgli iion 
capitasse male ; e non per sua cagione , ma pcrsegui- 
tato dagl* invidiosi c tristi. La robha sua capito parte 
malc per qucste pcrsecuzioni. Istando a questo modo , 
vedendosi nel tcmpo ch' egli ispcrava pighare frutto 
delle sua fatichc , cd egli vide 1' opposito , e per do- 
lore s' infermo, dclla qualc infirmila mori. Cosi fanno 
lc cose di qucsto mondo e Ic sua condizioni , eccetto 
che a quegli chc si voltano in tutto a Dio. Chi avesse 
a scrivcrc la sua vita , c' e drento molli varii ed av- 



280 VESCOVO SIPONTINO. 

versl casi della fortuna , e piu opere composte da lui* 
Ma basti questo solo per via d' uno brieve rlcordo. 

4. Sendo istato mcsscr Nicolo Perotto in compa- 
gnia di papa Sisto col Cardinale Niceno , di qui na- 
cque tutta la sua rovina , perche Niceno lo fece fare 
Cardinale» In questa convcrsazione ch' ebbono insieme 
in casa il Cardinale Niceno, sendo messer Nicolo quel- 
]o che governava , puossi credere , per quello che si 
vide dipoi seguitare della persecuzione che gli fe' papa 
Sisto , che non nacque se non da sdegno che prese 
con hii , sendo in casa Niceno (i). E pero bisogna iii 
questo mondo essere molto savio , e fare conto d' ognu- 
no , che gl' uomini nou possono sapere dove s' abbiuo 
a capitare. Molto sono varie le cose della presente vita. 
Era papa Sislo , nel tempo che istava con Niceno ^ fra- 
te e maestro iu teologia , e leggeva al Cardinale. Di- 
poi lo fe' fare Cardinale per 1' autorita che aveva ap- 
presso il Pontefice e tutto il collegio de' Cardinali. 

Avendo infino qui fatta menzione de' Pontefici , 
Re , Cardinali , e Yescovi , che sono suti in Italia , ora 
faremo de' vescovi esterni , degni di memoria y istati iu 
questi mcdesirai templ. 



42. VESCOVO D'ELY- 



,.M, 



.esser Gu^lielmo Graim inghilese di casa 
reale , fu mandato da' sua a studiare in Cologna iu loi- 
ca , filosofia , e teologia , dove era degnissimo isludio 

fi) E nota la mordacita del Perotto , e le inimicizie sue con 
diversi contemporanei. Parimenti alcuni suoi scritti, che poi si so- 
110 stampati , dovevano ben dispiacere al Papa , come troppo liberi 
e pericolosi al pudore. Dunque il Sipontino non fu senza colpa j 
Qltrecchc Vespasiauo nou fu amico di Sislo. Rivcdi p. 194. 



VESCOVO d' ely. 281 

in qiielle faciilla. Istcttevi piii anni , ctl istudio assi- 
du:^nicnle. Sendo di stirpe rcale , tencva in casa sua 
bcllissimo istato di famigli c cavalli. Istato quivi per 
alquanto sempo , ed avendo buona noiizia di loica , 
filosofia e teologia , desidcrava avcre notizia di questi 
istudii d' umanita , e sapeva clie non la poleva avere , 
se non veniva in Italia. Avendosi a partire da Colo- 
gna , pcrcli^ v' era opinione cbe fusse riccbissimo , ed 
oltre a questo , uomo clie pagbercbbe una buona ta- 
glia , gli bisogno usarc grandissima astuzia ncl partir- 
si , si pcrcb^ in Gologna v' era cbi istava tuttavia a 
vedere , se si partissc , d' assaltarlo in qualcbe luogo ; 
di poi il paese cra pieno di signorotti , e nel passare 
per quelli luogbi portava pericolo ; penso , secondo cbe 
intesi da lui , il modo per lo quale si potesse salvare ; 
e parvegli cbe la piii sccura via fusse da fingere d' 
avere male , e farvi venire ogni di il medico ; e di poi 
isconosciuto egli ed uno compagno , partirsi da Colo- 
gna con abiti da peregrini ibernici. Partito , nicnte di 
meno sei o otto di il medico cbe andasse a casa sua« 
E cosi rimasto d' accordo , fece e ordino col medico , 
cbc non era del paese , cbe lo servisse di tenerlo se- 
greto. Ordinato questo messer Guglielmo col medico e 
con quegli di casa , prese seco uno compagno , e tol- 
sono dua bordoni con dua mantelli di qucgli cbe por- 
lano gl' ibernici , ed uscirono di Cologna isconosciuli. 
II medico seguito otto di , tanto cb' egl' avesse passato 
i luogbi dov' egli portava pericolo. E con questa pru- 
denza messer Guglielmo Graim si salvo. 

2, Vencndo di poi a Firenzc , mando per me , e 
narrommi tutto qucsto caso. Ordino piii volumi di li- 
bri cbe gli fussino iscritti ; c parlitosi sc n' ando a Pa- 
dova per dare opera a questi istudii d' umanita. Istato 



282 VESCOVO d' ely. 

a Padova alquanto tcnipo , fu consigliato clie andasse 
a Fcrrara , dov' era Guerino , uomo dottissimo , e cosi 
fece. Giunto a Ferrara , e tolta la casa per se e p.er la 
SLia famlglia , v' era de' discepoli di Guerfno messer 
jVicolo Perotlo , giovane d' anni venti , raolto dotto in 
quella elk. Dcsideiando messer Guglielmo d' avere in 
casa sua uno giovane dotto , fe' richiedere messer Ni- 
colo ch' era poverissimo. Fu contento andare in casa 
siia , e fegll del Lene assai. Messer Guglielmo in que- 
sto tempo clie istette a Ferrara fece fare assai volumi 
di lihri e d' opere gentili e di filosoCa e di sacri , ed 
a Padova ed a Cologna in ogni luogo fece fare assai 
volumi di libri , in modo clie di piii libri sacri cbe fece 
venire d' Ingbiherra bellissimi anticbi , e dl quegli che 
aveva fatto fare in piii luogbi , ave\a fatto una degnis- 
sima iibrarla. Ora istando a Ferrara a' sua istudii pa- 
reccbi anni , gli fu iscritto d' Ingbllterra cbe bisogna- 
va cb' egl' andasse in corte dl Roma procuratore del 
He ; e iu questo modo avendo gla dato fine a' sua istu- 
dii d' umanlta , ed in quegli avendo fatto grandissimo 
frutto , si parti ed andossene a Roma ; e sendo con lui 
messer Nicolo Perotto , e desiderando seguitare ne' sua 
istudii , e massime nelle lettere grecbe , prego messer 
Guglieluio cbe fusse contento di acconciarlo in casa il 
Cardinale jSiceno , solo per amore delle lettere greche. 
Fu contcnto per suo onore e bene , ed opero in modo 
col Cardinale ch' egii fu contento d' accettarlo ; donde 
gli seguito tulto il frutto che fece nella lingua greca , 
ed ancora essere cagionc di rllevare la casa sua , come 
nella sua vita lio fatto menzione. 

3. Istando a Roma mcsser Guglielmo Graim con 
grandissima rlputazione , pcrche sendo della stirpe del 
re Arrigo cbe govcrnava 1' Ingbilterra , era molto fa- 



vEscovo d' ely. 283 

vorito ; c vacando il voscovado d' Ely in Inghiltcrra , 
il Rc lo cliiesc al Papa pcr Ini , c fu falto vescovo di 
queslo dcgno vcscovado. Istclte in corte di Roma al- 
cuni anni in buonissima riputazione ; dipoi scndo ri- 
cliiamalo da' sua , clie ritornassc in Ingliiltcrra apprcs- 
so del Rc pcr suo consigliero , torno con graudissima 
riputazione , cd era de' primi appresso qucUo Re , e co- 
si istette piii anni. Vencndo lc difrercnze d' Ingliilter- 
ra c tra qiiegli signori , sc n' ando al suo vescovado , 
pcr istarsi come uomo di mezzo , sendo prelato come 
era. Sendo morto il rc Arrigo , e quegli sua non vi 
avendo condizione , messer Gugliclmo attcndeva a' sua 
istudii , ed al governo del suo vcscovado ; cd iu modo 
si seppe governare , chc si istette nel suo pacifico ista- 
10 , c passo il lempo con onore e riputazione nel suo 
vescovado. Aveva ivi falto una degnissima libraria in 
ogni faculta , la quale prevenuto dalla morte , non e 
molto tcmpo , la lascio a' sua successori , ed evvi an- 
cora insino a' presenti di. 



43. VESCOVO VICENSE. 



..M, 



.esser Cosimo vescovo Viceuse , fu datario di 
papa Callisto catelano , e governava quasi il pontifica- 
to , per essere savissimo uomo , e di buona coscienza , 
e iurista e canonisla , ed aveva universale notizsa di 
teologia e d' altre faculta , in modo ch' era da essere 
messo nel numero degl' uomlni singulari. Sendo io col- 
]a sua Signoria uno di a parlar*e di piii cose , e mas- 
sime degli errori che fanno gP uomini grandi , e so- 
no di natura che non si possono cmendare , perche 
non e persona che abbia ardimento di dire loro nulla ; 
udii che entrato papa Callisto nel pontificalo , sendo 



28 A VESCOVO DI VICO. 

solo clotto in ragione civile c canonica , dell' altre let- 
tere non aveva notizia ignnna ; e sendo molto vccchio y 
non aveva cosi fermo giadizio come bisognava a s\ 
grande peso quant' e il pontificato. E succcdeva alla 
fe. me, di papa Nicola tanto amatore de' liiterati , c 
d' ctvere libri d' ogui faculta , il quale percbe questo 
efFctto seguitasse , aveva ragunati libri di tutto il mon- 
do cosi greci come laiini. Entrato adunque Callisto nel 
pontificato , e vcdendo tanta copia di degni libri , do- 
ve n' erano cinquecento coperti di chermesi e forniti 
d' ariento ; giunto dove era tanta copia di libri , si co-j 
mincio a maravigliare , come quello che non ei*a usa 
a vederc se non lctture in carta di bambagia e ricol-' 
lette ; e bene s' adempieva in lui quello che si dice 
de' leggisti , che uno semplice h^ggista e canonista san- 
za altra dottrina , e uno sempbce uomo e moho pri- 
vato di giudicio universale. Vcnuto dov' erano questi 
degni libri , dov' egli doveva lodare e commendare la 
prudenza di si degno Pontefice , cgli disse queste pa,- 
role : vedi in che egl' ha consuniato la robba dellf^ 
Chiesa di Dio. E comincio a gittare via i libri greci , 
e dononne al Cardinale Ruteno parecchle centinaja di 
voUimi (i). Scndo il Cardinale tanto vecchio , ch' era 
akjuanto alienato della meute , quegli libri vennono 
in mano de' famigli , e capitonne buona parte male , 

fi) Setubra clie questo discorso di Yespaslano , o piii toslo 
del suu relalore , non abbic'! fondamento nella verita ^ iraperocche 
gli Asseman.i nella storia della bibliofeca valicajia premessa al to- 
ino I. del catalogo de' mss. p. XXI. dopo le munlficenze dl Ni- 
colb V. in comperar libri , cosi parlano di papa Callisto : Calli'* 
stus III. clecessoreni Nicolaum aemulatus , ut coUigeret a 
harbaris litterarum monumenta , quae Nicolai inquisitores la- 
tuerant , quadraginta aureorum milia , iajii egregia in re ex^ 
pensa , hicrum existimavit. 



VESCOVO DI VI co. 28 o 

e veiulcrono parlc p<M' carlwii quoiri dic crano coslall 
fioriiil. De* lalliii ancoiTi doiio , iiou gli stimando. E 
cosi capitano lc cose preziosc quando clle vcngono allc 
mani di clii noii k» conoscct Inlervcunc ancora il si- 
mile delle gioje e dell' altre cose. Aveva papa Nicola 
ragunato pcrle molte , e giopj molto b(^lc e di grandc 
progio e buoiia somma , le quali erano in guardia di 
questo vescovo. Veucndo uno di messer Borgcs suo ni- 
pote a visftare il Papa , il qualc gli volcva tanlo bene 
ch' cra cosa sopra natura , scndo innanzi ^lla sua San- 
lita , mando pcr lo vcscovo , c fccesi arrecarc qucllc 
pcrlc e donolle a messer Borgcs , le quali vide di poi 
il vescovo pcr ricami di calzc di mcsser Borgcs ; bcn- 
che mcsser Borges capitasse nella morfc dcl Pontcfice 
malc , come mcritava, 

2- Vacando il vescovado Gerundense , papa Calli- 
sto lo d<3tco a questo messcr Gosimo contro alla volun- 
la del re Giovanni che voleva che fussc dl messer Gio- 
vanni de'Margheriti. Qucsto vescovo bcnchc fusse buo- 
iia pcrsona , si lasclo trasportarc dalla volunta , e len- 
iic sempre il fermo a non lo volere lasclare , ed il Re 
a non dare la possessione. Sendo messer Gosimo gen- 
tile uomo di Barzalona , ed avendovi molti parenti ed 
amlci, nel ribellarsi di Barzalona dal Re, n' ebbe qual- 
ehc carico. DI poi sempre istelte fermo a non lasciar- 
gli accordare col Re , ed il Re fermo a non volerc ch' 
egl' avesse la possessione. E fu questa differenza del 
vescovo col Be cagione di conducere quella terra in 
pessima condlzione come si condusse ; benche i Bar- 
zalonesi di principio si mossono da altiHi difTerenze chc 
ebbono col Be dcl non ossei^var^; loro i privllegi che 
avcvano. Mori papa Gallislo in questo tempo. II vesco- 
vo «^j n' ando a Barzalona per ottencre quella posses- 



286 VESCOVO DI VICO. 

slone, e non potc mai muovere la mente del Re. E 
messer Cosimo per questo isdegno , sendo in Barza- 
Jona , per lo credito grande che n' aveva , tenne assal 
che non s' accordassino. II Re istette fermo a volere 
che il vcscovado fusse di mcsser Giovanni Margheriti , 
e cosl fu ; perche sendo morto il Pontefice con chi il 
vescovo poteva assai , fu costretto il Pontefice che ven- 
nc di compiacere al Re. Erano in questo vescovo rnol- 
te laudabili condizioni , ma aveva la testa dura. Ave- 
va fatti in Italia assai volumi di libri , i quali ne gli 
porto di la ; e de' libri di papa Nicola ne furono por- 
tati assai a Barzalona , i quali il pontefice Gallisto do- 
no a gcntili uomini catelani ; e di quegli che istavano 
ancora colla sua Santita , n' ebbono. Morissi questo ve- 
scovo di Vico e Girona , e resto il vescovado com' e 
detto a messer Giovanni Margheriti. 

44. ARGIVESGOVO DI STRIGONIA SGHIAVO. 

I. iTlesser Giovanni fu arcivescovo di Strigonia , 
fu di nazione schiavo , fu dottissimo uomo in tutte set- 
te r arti liberali , e grandissimo teologo , ed ebbe as- 
sai notizia della tcologia cosi di quella degP antichi 
come della speculativa. Ebbe in quello regno innanzi 
che venisse alla degnita dell' arcivescovado piii degnita 
per r universale grazia che aveva con quegli popoli , 
in modo che poteva disporre di quello regno come egli 
voleva. Sendo il re Ladislao in Boemia , ebbono dif- 
ferenza e v(;niiono in piii parole insieme il Gonte di 
Giiia ed il figliuolo di Giovanni Vaivoda, intanto che 
vennono alT arnie, e fu ammazzato il Gonte di Gilia da 
questo figliuolo di Giovanni Vaivoda. Intesolo il Re , 
ne prese grandissimo isdegno , e fello pigliare , ed in 



ARCIVKSCOVO 1)1 STRIGOMA. 287 

publico gli Tcce tngliare l;i tcsta ; eJ aveva prlgionc 
Matlia , clie o al prescntc Re. Intcrvenne che il re La- 
dislao fu avvelcnato in Bocmia , e quivi si mori; e Mat- 
tia fn cavalo di prigione , cd andonne in Ungaria , e 
col mezzo dcll' arcivescovo insiemc^ co' signori spirilua- 
li e corporali , pcr 1' aulorila dcH' arcivescovo fu cliia- 
mato Re ; e puossi dire clie cosi era fama puljlica , clic 
r arcivescovo fusse cagione di muovere quegli signori 
e quegli popoli a cbiamarlo Re , per 1' autorita clie 
aveva presso di loro. Molto e dilTcrcntc qucsto secon- 
do dal primo ; alT uno fratello e tagliato il capo ; 1' 
altro seiido iii prigione , e fatto Rc. E tutto , come e 
detto , fu per autorita dell' arcivescovo. Tutti i grandi 
Leneficj si pagano d' ingratitudine. Sendo il R.e assuiv- 
to a questa degnita non mai da lui pensata , conoscen- 
do r arcivescovo esscre savissimo uomo - lulto il go- 
verno di quello istato venne nello Vnani alT arcivesco- 
vo ; che iion si faccva rruiia sanza suo parerc e con- 
siglio ; aveva tanta fede in lui , ch' erano radi di che 
il Re non venisse a casa sua , o V arcivescovo andava 
al Re ; e chi voleva niente dal Re , 1' aveva per mez- 
zo deir arcivescovo. 

2. Tutti gl' esercizj di questo arclvescovo erano 
volti a cosc virtuose , ed era uomo che lemeva Iddio , 
e di buona coscienza. E delle prime cose che princi- 
pio , si fu che fecc ordinare una bellissima librarla , 
e volle che vi fussino libri in ogni faculta , e fecene 
ccrcare in Italia e fuori d' Italia , e molti che non si 
trovavano , li fece iscrivere in Firenze , non guardan- 
do a spesa ignuna , pure che fussino belli ed emen- 
dati. NoJ)iiito quclla patria di fawi vcnirc tutti i li- 
bri che si trovorono cosi composti come tradutti ; ed 
crano pochi libri nclla lingua latina ch' cgli non aves- 



28S ARCIVESCOVO DI STRIGONIA. 

se. E noii basto questo ; ch' egli mando piii glovani in 
Italia a studiare alle sua ispese , e provedevagli di li- 
bri e di danari e di tutto quello che bisognava loro. 
E non solo volle eh' egliuo avessino notizia delle lette- 
re laline , ma delle greche ; infra quali mando a Fer- 
rara sotto la dlsciplina di Guerino messer Giovanni ve- 
scovo di cinque Chiese , che fu dottissimo in greco ed 
in latiao , ed attissimo di comporre in versi ed in pro* 
sa , che fu de' piii degni uomini che fussino mai in 
quella provincia in ogni cosa universahTiente , come si 
dira nella vita sua. Non basto questo ; ch' egli ordino 
uno bellissimo istudio a Buda , e fecevi condurre piii 
dotti uomini che pote trovare in Italia , non guardan- 
do a salario ignuno , e volle che vi si leggesse in ogni 
faculta» Fecevi andare pittori , scultori , legnajuoli , e 
cosi d' ogni faculta , e quasi d' ogni arte , a fine di no- 
bilitare quella patria il piii che potesse , che infino al 
tempo suo era istata ed era in una grande oscurita, 
Avendo ordinate tutte queste cose degne , e la sua ca- 
sa tutta piena d' uomini singulari , nella quale casa si 
viveva con grandissimo ordine , e con grande orna* 
mento di costumi , e tutta piena di religione , dando 
1' arcivescovo opera a ogni specie di virtii , ed aliena 
da ogni vizio ; oi'a per i sua laudabili portamenti e 
per la sua dottrina ed integrita di vita era fama della 
sua Signoria non solo per tutto quello regno , ma per 
tutta Italla , e masslme in corte di Roma cra in gran- 
disslma riputazione , in modo ch' egl' era per essere 
fatto Cardinale, ed era sanza dubbio s' egli viveva , 
per le sua virtii# 

3. Guardinsi tiUti quegli a' quali pare avere loro 
la fortuna prospera , e temano del suo opposito. Co- 
mincio il Re , come fanno i piii de' principi , a varia- 



ARGIVESCOVO DI STRIGO?tI\. 2S9 

rr in queslo sno governo , c comlucio a diviarsi da' 
consigli deil" arcivescovo , c pigliare a suo govenio e 
consiglio uno vescovo tedcsco che era stato cou questo 
arcivcscovo , uonio uou di molta autoi-ita ne atto a uno 
simile governo , secondo clie era publica fama. Vedu- 
losi 1* arcivcscovo mancarc della autorita , ed averla 
uno cir era stato suo famiglio , lo sopportava molesta- 
mente , nou gli parcudo moritare questo. Niente di 
meno andava temporeggiaiido il meglio clic potcva. ]\Ia 
la sua autoritk , clie soleva avere , ogni di declinava 
^iii , e massime percbe con buono modo aveva alcuna 
valta biasimato al Re qucsto governo , il quale nou so- 
-lo dispiaceva a lui , ma a tutti gl' uomini che v' erano 
<Ii condizione. Veduto questo 1' arcivescovo di Strigo- 
iiia , il Re non lo slimarc piii , e qucsto vcscovo fare 
ogni cosa , non lo pote sopportare , vcdendo csscrgU 
usata Hinta ingratitudine da chi aveva qucllo rcgno da 
Jui. Determino valersene colla sua Maesta , e per que- 
sto coir autorita che aveva in quello regno comincio 
avere pratica col re di Polonia di metterlo in quello 
regno. II re di Polonia e re potentissimo , cd a' cou- 
fini di quello regno , e non v' era ignuno che lo po- 
tesse ofTendere quanto lui. Tenuta questa pratica , in 
iine fece taiito che ve lo condusse con potentissinio 
escrcito. Yeduto questo , al re d' Ungaria parve avere 
perduto lo stato , e conosceva pochi rimcdii alla sorle 
sda. Gonoscendo il Re questo pcrlcolo , comiucio a vo- 
lersi riconciliarc con 1' arcivescovo , e rimcttersi libc- 
ramente in lui , pure che il Re si parlisse del regno , c 
faceva ogni cosa che poteva chc fusse contento. 11 ve- 
scovo di cinquc Chiese , che s" cra allcvato in Italia , 
e conosceva piii la fallacia degl' uomini , che non fa- 
ceva r arcivescovo , che era uomo fidelissimo , mando 

'9 



290 ARCIVESCOVO m stuigoma. 

a dire piii volte alF arcivcscovo , clie iioii si fidasse 
del Re , cli' egli lo ingnnnciv]>bc , e com' egli fusse 
uscito il re di Poloiiia del rcgjio , egli lo farebbc ca- 
pilare male ; che tutte le buone promesse cLe gli fa- 
ccva , erano tanto che il Re di Polonia ne fusse fuo- 
ra. E non solo una volta glic lo mando a dire , ma piu 
volto , e dissegli che facendolo , quello gliene interver- 
rebbe. Istando il Re in qucsto pericolo , non atten- 
deya ad altro se non mandare ail' arcivescovo , e con 
giuramciui e promesse faceva tutto qucllo che poteva , 
che il Re uscisse dcl regno ,* e seppelo persuadere \n 
modo , chc fu contento farlo pariirc. II vescovo di cin- 
que Ghiese che V aveva sconfortato che per nulla fa- 
cesse , ed il Re lo sapcva , lo infelice giovane sendo 
malato di fe])re , cosi ammalato , prevcdendo quello che 
n' aveva a soguitare , si fuggi fuora del regno. 

4. Comc il Re d' Ungaria vide il Re di Polonia 
fuori di regno , e se lil^rro da si imminente pericolo , 
avendo cavatc I' armi di mano alT Srcivescovo , ch* era 
il Rc di Polonia , e sendo restate alle sua Maesth , co- 
mincio a pcnsare il modo come avcva a castigare P ar- 
civcscovo , che doveva assicurarsi d' altro che di paro- 
le , innaijzi che si partisse il Re di Poloaia. Sendo il 
Re a Ruda , non indugio molto a volersi vondlcare , 
ma subito mandb pcr I' arcivescovo che venisse a lui 
a Buda con salvo condotto ; e non bastandogli qiudlo , 
volcndovi ccrte clauaole , gliele mando per uno a' sua 
posta a suo modo. Sendo sollccitato dcll' andare , ven- 
ne a Buda , e scavalcato a una sua stanza che avcva , 
subito che il Rc scppe che v' era giunto , gli fece at- 
torniare la casa sua , ed ordiuo che fusse preso , nou 
avendo rispelto 1' essere lui arcivescovo e sacerdote de- 
gnissimo , nc a fede promessagli , ne a bencficj rice- 



AUCIVESCOVO 1)1 S TIIIGONIA. 29 1 

vuli d' esscio Kc allc su;i cngioui , nc islinio la rcde 
d' iino Re d' avcrgli dato il salvo condoUo , c rornpcr- 
M* Preso lo 'nfclice arcivcscovo fii nicnalo innan/.i al 
Rc. Vedntosi caduto da tanla fclicila in tanta niisciia , 
si dispcro dcl vcdcrsi condotto dov' era , conoscendo 
«0« V* esserc rimcdio i^^nuno. Ora i piii di qucsti ve- 
scovi lianno castclla inunitissime , le quali cglino fanno 
guatare pcr loro securta. Avcva qucsto arcivescovo di 
Strigonia una fortezza cli' era dclle bcllc cose del mon- 
do , fornita bcnissimo d' ogni cosa da difcndcrc , ed 
avevala fatta murare gran parte lui , cd acconciare ])cl- 
lissime slanze , infra le quali aveva fatta fare una dc- 
gnissima libraria , cd aveva in questa fortczza tuitc le 
6ua sustanzc. Fece menare il Re lo 'nfclice arcivescovo 
a Strigonia prigione , ed audo per avere il castcllo. 
L' arcivescovo disse al castcllano che glielo conscgnas- 
se. Egli se ue fece befle , e nou lo volle fare. II Rc 
fecc fare la vista di volere ammazzare T arcivcscovo , 
se il castellano non dava il caslcUo ; cd il castellauo 
fermo e costante a non lo volcre fare. Pensi ognuno 
come istava 1' arclvcscovo. II castcllano cb' era uomo 
praticbissimo , disse non lo volcre dare , se non vedc- 
va 1' arcivcscovo libero sanza ignuno impcdimcnto. Ve- 
dendo il Re il castcllo fortissirao , e clic non lo po- 
tere avere se non per via d' accordo , prcse per par- 
lito di lasciare libero 1' arcivescovo con pocbi famigli , 
c bene guardare , pei* avere il castello. Falto questo , 
entro T arcivescovo nel castcllo , e conscgnollo al Rc. 
BeiK;Uc il Re lo lasciasse drento bene guardato , vedu- 
tosi r arcivescovo in tanlo bassa fortuna , ed in^anna- 
lo dal Re , e d' uno grandc istalo venuto in tanta mi- 
seria , se ne mise tanto dolorc nclT animo , cbe non 
visse molli di , che si mori malc contcnto , cd oizni sua 



292 ARCIVESCOVO DI STRIGONIA. 

cosa vennc u\ mauo del Re. Giiai a chi si lida dc po- 
poli I L' arcivescnvo era sempre stato ajulatore di tiitti 
quelll popoli e signori e gentiluomini , ed lu questa 
sua cstrema necessita non cLLe persona che lo guar- 
dasse. Imparino i grandl maesLri da questo arcivesco- 
vo , e veggano uuo esemplo grande di fortuna uella 
sua persona , nella quale non si puo punto iidare se 
none hcne adoperando. Chl avesse a scriverc ]a vita 
sua , sarehhe reputata cosa miracolosa , avendo passalo 
per tantl varll casi delLa fortuna. 

45. VESCO\ O DI CINQUE CHIESE 

DI NAZIOXE SCIIIAVO. 

I. IVXesser Giovanni vescovo di cinque Chiese , 
fu nipote delL areivcscovo di Strigonia , e di nazione 
scliiavo. L' arcivescovo di Strigonia sendo questo siio 
nepote non molto ricco , lo mando colle sua suslan- 
ze a studiare a Ferrara sotto la disclpllna di Guerino. 
Era giovane di helllssima presenza e di maravigliosi 
costumi , perche infra 1' altre sua inaudite virtii , istet- 
te a Ferrara in quello istudlo in tanta ammirazione 
deUa siia vita e costumi , che non v' era ignuno che 
non sc ne maravigllasse , perche era alicno da ogni 
vizlo , e ripleno d' ogni virtii ; e non solo venne mai 
in Italia ionuno oltramoutano , ma italiano noii s(t ne 
vlde i:ella sua eta il simile di lui. Per quanto s' in- 
tendeva de' sua costumi , era fama che fusse vergine. 
11 tempo lo compartlva mirabilmente e colle leltei^ 
latine e colle grcche , che non perdeva mal una ora 
di tempo. Era di maraviglloso ingegno , cd attissimo 
alla prosa ed al verso , ma al verso aveva grandissi- 



GIOVANNI VESC. DI CINQUE CHIESE. 293 

ma facilila. Era fania dolla sua virtu noii solo iii quel- 
lo istudio , ma per lutla Italia non si diceva altro che 
di questo giovane. Sogliono i piii di questi oltramoii- 
tani avere poco ingegno , costui supcrava non solo gli 
oltramontani , ma non era italiano che s' accostasse al 
suQ ingegno. Non era la sua complessione se non in 
spirito , in tutto alieno dalla materia. A vederlo pnre- 
va le delizle del mondo , tanta grazia aveva con ognu- 
110 , e pe' sua modi e pe' sua costuini ! Ogni di crcsce- 
va piu la sua riputazione. 

2. Istato piii anni a Ferrara , e sendo dottissimo in 
greco ed in latlno , ed avendo buona notizia di filo- 
sofia , data opera alle lettere greche e laline , c nell' 
una lingua e neir altra sendo doltissiino , I' arcivesco- 
vo di StnVonia sollecitava la sua tornata in Uniraria , 
a fine di poterlo onorare secondo che merilava la sua 
virtii. Avendo adempluto il suo desiderio , fu contento 
di ritornarsi In Ungarla , ma innanzi che vi tornas- 
re, volle venlre a Firenze dove non era mai piii ista- 
to , ma avendola udita per fama ; e solo vi volle ve- 
nire per visilare molti degni uomini che aveva quella 
citta in quello teinpo. Giunto a Firenze con cavalli e 
famigli , al prlmo uomo a chi egli volle parlare f u a 
me , perche io fussi mezzo a farlo parlare con piii uo- 
mini dottl. Giunto a me con uno mantelletto paonaz- 
zo indosso , d' uno degnissimo aspetto , suhito che io 
lo vidi, gli dissl : voi siate il bene venuto , voi siete 
gia uno ungaro ? perehe secondo che m' era disegnato , 
mi parvc conoscere. Dette queste parole , mi si gltto 
al collo , ed ahbracciommi , e disse che io diceva il 
vero, colle piii gentlli e le piii destre parole che io 
vedessi mal. Di poi mi disse che aveva desiderato di 
venire a Firenze, innanzi chc andasse in Ungaria , 



294 GIOVANNI VESCOVO 

pcr mf)ltl rispelli , e massime pcr vedere mcsser Gio- 
vaiini Argiropoli , Cositno de' Medici , messer Poggio , 
Donato Acciajuoli , e intii questi dotti di Firenze. Vol- 
]c visiiare il primo Cosimo de' Mcdici , e non sendo 
a Firenze , e sendo a Careti , andai con lui ; e subiiO 
giunto andai a Cosimo , e dissigli clic questo giovane 
nngaro gli voleva parlare , che gia per fama lo cona- 
sceva. SuLito volle clie venisse in camera , e fecegli ar- 
recare una seggiola , e vollc cbe sedesse. Di poi volle 
clie ognuno si parlisse di camera. Slati insieme per 
lungo ispazio , prese licenza da Cosimo , e nscito clie 
ne fu , v' cntrai io in camera. Cosirao mi disse averc 
assai caro d' avergli parlato , perclie gli pareva^ cosi 
savio giovane e prudentc quanto ignuno oltramontano 
p]i avesse parlato ne' sua di , e ncl quale conosceva 
molte degnc condizioni , e che per cosa veruna nou 
arebbc voluto non averlo a conoscerc. E dipoi mi disse 
cbe io gl" ofTerissi ogni cosa cbe si potesse fare per lui , 
cb' cgli la farebbe di buonissima voglia ; istava istupe- 
fallo delle degne condizioni di questo giovane. II me-. 
desirao di ando a visitare messer Giovanni a casa dov' 
erano moltissimi giovaui sua iscolari , cbe aspettavano 
d' udirc una lezione di loica cbe lcggeva ogni di. Par- 
lato cbe ebbe a messer Giovanni , e fatlegli molte rac- 
coglienze , disse volere udire quella lezione di loica , 
e la segucnte mattina una di fllosofia. Molto gli piac- 
que quella dottrina di messer Giovanni , e lutti i sua 
scolari , cb' erano il (lovc di Firenze , gli feciono com- 
pagnia raentrc cbe istette in Firenze. Visitato cbe eb- 
be messer Giovanni , cd udito le dua lezioni , il se- 
guente di ando a visitare messer Poggio , c portogli 
da quaranta versi cbe aveva fatti la sera dinnanzi , i 
quali versi furono molto lodati c da messer Poggio e 



DI Ci:<QL'E CIIIESE. 205 

da tulti qucgli clie li vlJono , cli'cia aitissimo alla pro- 
ia cd al verso. \ cduta la cilta c tuttc lc libraric , e 
parlato c prcso ainicizia con tutti gl* uoinini dotti cli* 
erano in Firenze , coniperati alcuni libri , cd ispedi- 
tosi di quello clio avcva a fare , parilssi colla grazia di 
tutti non solo quclli clic gl' avcvaiio parlato , nia clu 
r aveva veduto. Tanla cra la gentilczza sua I 

3. Partitosi da Fircnzc , sc ne torno a Fcrrara pcr 
mcttersi in ordine per andarscne in Ungaria. Solleei- 
talo dair arcivcscovo di Strigoiiia , n' ando in Unga- 
ria , cbe se n' era partito molto giovanc. Giunto di la , 
e veduto i costumi di quclle genli , gli parveno molto 
strani rispctto a quegli d* Italia dov' egli s' cra alleva- 
to. Bencbe gli fusse fatto tanto onore e dal Re e dall' 
arcivescovo c da tutti quegli signori quanto fu possi- 
Lile , e non vi poteva istare in maggiore riputazione 
cbe vi stava , non vi si poteva pcggio contentare cbe 
faccva , secondo cbe io intesi da lui , e massime aven- 
do r animo c 1' ingegno pellegrino quanto dirc si po- 
tesse. E sc non fussino istati i priegbi e V esortazioni 
deir arcivescovo , non vi slava , ed andava ad abitare 
in altro luogo dov' era cbiamato con grandissima ri- 
putazione. IMa poterono in lui tanto i priegbi dclT ar- 
civescovo , per essere litieratissimo e di buonissimi co- 
stumi , cbe ve lo ritenne. Islando a questo modo , va- 
c6 il vescovado di cinque Cbiese onoratissimo benefi- 
cio. II Re iscrisse per lui in corte di Eoma , e fcce- 
gliclo segnarc ; ed avutolo , si dette alla cura cpisco- 
pale con grandissima diligenza ; e nieutedimeno tutto 
il tempo cbe gl' avanzava , attendeva alle lettere. 

4. Audo il Re in questo tempo piii volte contro a* 
Turcbi , e sempre in tutte quelle espedizioni il vesco- 
vo lo seguitava , nou perdonando ne a faticbe uc a 



29G GIOVANNI VESCOVO 

(llsagi per 1' amore di Dio. Ecl udli giii da liii , clie 
seiido col Re a campo co' padiglioni iiel mese di de- 
cemljie cli' era rjcvieato , e' Lisognava quando uscivano 
del padiglione fare spalare la neve. Esercitossi in tulle 
r opere virtuose che fu possibile. II tempo suo lo con- 
snmava laudaLilmcnte , in modo cLe da' Luoni era avu- 
to in grandissima riverenza ; e da quegli ch' erano 1' 
oppos^to , avutogli gmndissima invidia ; in modo cLe 
seiido al suo vescovado una mattina gli fu mandato 
uno piattello di quegli cLe noi cLiamiamo fegatelli , 
e fu uno prelato quello cLe nc li mando ; in modo cLe 
sendo uomo prudente duLito non essere avvelcnato. 
Giunti questi fegatciii , ne plglio uno e gittollo a uno 
cane ; suLito mangiatolo , gonfio e poi si mori. II ve- 
scovo fece le viste di non se n" avvedere , e fecegli git- 
tare via , e non disse nuila a ignuno de' sua di casa 
pcr levare via gli scandali. 

5. Istando a questo modo con tanta grazia e ripu- 
tazione , succedette la morle di papa Pio , e fu creato 
Pagolo. Intesolo il Ee , ed avendo a dare l' uLLidien- 
za , volle fare suo isforzo di mandarvi una degna'^am- 
Lasciata , sendo istato re poeo tempo , e volendo acqui- 
stare riputazioue in Italla , e massime in corte^di Ro- 
ma. Elesse il vescovo di cinque CLiese , e il principale 
signore del regno , e volle cLe venissino con treeenta 
cavalli , cLe e lungliissimo tempo cLe in Italia non 
venne mai piii degna legazione di questa , ne con piii 
cavalli , ne con maggior pompa venendo dalle cstre- 
me partl del mondo. Non si vide mai legati si |Lene a 
cavallo , ne i famigli si Lene a ordine , ed i piii Legli 
uomini cLe si vedessino mai. E per maggior pompa 
volle cL' egl' arrecassino ducati ventimila contanti , in 
&u dua cavalli , tutti ducati ungari e viniziani nuovi , 



DI CINQUE CniESE. 297 

che mai fii vrduta piii bclla moneta. Vennono qui a 
Fircnze , ed alloggiorono in quanti albcrglii v' erano. 
Istettono pareccbi di a rlmcttersi in ordine , e a ve- 
dere la terra. Partitisi da Firenze , n' andorono alla via 
di Roma , incontrati , da' Cardinnli in fiiora , cbe fu 
cosa mirabile a vedergli cntrare in Roma. Scndo que- 
sto vcscovo famosissimo per tutta Italia , c come c dctto 
innanzi pcr tutta la corte , dette loro udienza il Papa 
come c usanza in concistoro publico. Eravi venuta la 
mattlna lutta la corte pcr vcdere farc 1' orazione al 
vescovo. Fece una dognissima orazione , e recitolla in 
modo cbe fu giiidicato essere lungbissimo tempo , cbe 
non nc fu rccltata una simile. Avcvasi mantenuta il 
vescovo la fama di questa sua onesta ed integrita , in 
modo cbc non si poteva per uno uomo solo avere mag- 
gior riputazione cbe cbbe lui. Ispcdita la prlma visi- 
tazione , c visitati i Cardinali , come e usanza , comin- 
cio a praticare col Pontefice cb' cgli desse sussidlo al 
Re contro al Turco , mostrandogli quanto frutto ne se- 
guitarebbe , e V opposito non lo faccndo ; la sua Mae- 
sta non essere bastante a potcre resistere , s' egli non 
era ajutato dalla sua Santita , e dagl* altri erlstiani. 
Adopero in modo colla sua Santita , cbe sendo morto 
il patrlarca camerb'ngo , cb' era istato si grande con 
papa Eugenio , sendogli pervenuta nelle manl buona 
somma di danari , mando al Re d' Ungaria circa du- 
cati ottanta mila , e composesi con detti ambascladori 
dare ogni anno una certa somma di danari , come fu- 
rono d' accordo. Ebbe tanla grazla col Pontefice , e 
con tutto II colleglo de' Cardinali , cb' egli non do^ 
mando cosa cbc non ottenesse dalla sua Santita. 

6. Volcndo fare una degna libraria , compro a Ro- 
ma tutti i libri cbe poteva avere cosi greci come Ja- 



298 GIOVANNI VESCOVO 

lini d* ogni faculta. VeniUo in Firenze , fece il sinaile 
di comprare tutti i libri greci e laiini che poteva ave- 
re , non guardando ne a prezzo , ne a nulla , ch' era 
liberalissimo. Nella partita lascio parecchie centinaja 
di fiorini per fare libri latini e greci che gli mauca- 
vano. Non ostante ch' egli fusse in cammino , seni- 
Ju*c come egli aveva tempo , detto 1' uiBcIo , era eon 
libri in mano a leggere assiduamente. Uno di subito 
ch' egP ebbe desinato , prese Plotino platonico , e an- 
dossene in uno scrittojo , e comincio a leggere , ed 
astrassesi in modo da' sensi , perche la materia e dif- 
ficile , che istette a quello modo circa a ore tre , sa^- 
za muoversi mai , sanza ignuno , ne mai levo il capo 
d* in sul libro , non come oltramontano , che non sono 
volti i plii alle cose difficill , ma come s' egli fusse nu- 
trito in Atene sotto la disciplina di Socraie. Levatosi 
alquanto da questa astrazione , mi si volse , e disse : 
se voi volete sapere quello che fa il vescovo di cin- 
que Ghiese in Ungaria , sappiate ch' egli traduce Plo- 
tino platonico , ed atteso alle cure del vescovado non 
attende ad ahro. Ordino a Firenze quello che voleva 
che si facesse , e parlissi ed ando alla via di Ferrara , 
e tutti i libri che trovo compero. II simile fece a Vi- 
iiegia. Tutto il tempo suo consumava in cose degne , 
o in leggere o essere con uomini dotti a conferire. 
D' ahre cose non si dileitava , ne di vestimenti , ne di 
ragionare di cose disutili , o perdere il tempo , ma 
ispenderlo degnamente in questi esercizi. Tornato iu 
Ungaria da Roma , fu molto onorato e dal Re e da 
lutti i signori , per quanto aveva adoperato in corte di 
Boma in onore e favore della sua Maesta , e per be- 
ne della cristiana religione. Avendosi a mandare am- 
basciadpre allo 'mperadore o ad altri principi per parte 



DI CINQUE CIIIESE. 299 

del Re , sempvc mandavano il vescovo di cinque Clne- 
SG ; e non ando mai contro al Turco , clie il vescovo 
non fnsse de' primi colle genti cli' era ohllgato a me- 
nare. Istando in Ungaria con qucstc condizioni , ordi- 
qo una dcgnissima libraria in greco ed in latino pel 
stjo vescovado in ogni faculta cosi in tcologia come in 
Ijlosofia e in iure civile e canonico. 

j. Come fanno le cose del mondo , che non v' e 
troppa fermezza , comincio difFeronza tra 1' arcivescovo 
di Slrigonia ed il Ee , e mise 1' arcivescovo i} Pe di 
Polonia nel rogno , solo a fine di fare ravvcdere il Re 
de' sua errori. Vedutosi il Rc in pcssima condizione , 
sondo il Rc di Polonia noJ logno , foce tutto quello 
che poie , che V arcivescovo adoperasse che il Re di 
Polonia si partisse dcl regno. Vcduto il vescovo di cin- 
que Chicse questa pratica , consiglio 1' arcivescovo che 
avesse cura , com' egli facesse col Ee, ch' egli lo 'n- 
gannereLbe, II vescovo cra signore cautissimo e prn- 
dentissimo , e vedeva il fino che n' aveva a soguitaro. 
L' arcivescovo male consigliato si lascio persuadere dal 
Rc. Sendo il vescovo di cinque Chiesc ammalato di 
febre terzana , non pote andare in persona a parlare 
all' arcivescovo , che lo mutava dell' opinione sua : ed 
innanzi che il Re di Polonia si fusse partito dal re- 
gno , egli s* assicurava in modo che non arebbe avu- 
to da dubilare. Infine I' arcivoscovo come male consi- 
gliato cavo il Re di Pdlonia di regno , donde ne se-r 
guito la sua rovina. Veduto il vescovo di cinque Chie- 
se il partito ch' egl' aveva preso , dubitando di quello 
cVie gli poteva intervenire , e sappiendo il Re quello 
che aveva consigliato I' arcivescovo , cosi ammalato di 
fobre s* usci di rogno por andare alla via di Schiavo- 
nia ; e per disagio dcl cammino , avendo la febre , lo 



300 GIOVANNI VESC. DI CIXQUE CIllESE. 

*nfellce vescovo si mori andando in Schiavonia ; e P 
arcivescovo ed il vescovo in Lrieve tempo per qucsta 
mutazione si morirono infelicemente , cli' erano V or- 
namento di quello regno , e non ve n' erano istati di 
questa condizionc ch' erano questi dua prelati , che 
avevano ornato quello regno d' womini singulari in 
ogni faculta* E morti i dua prelati , molti uomini de- 
giii che v' avevano fatta conducere , si partirono , e 
spensonsi tutli i slngulari uomini male remunerati da 
quel principe di quello ehe meritavano le loro Tirtii. 
Deir uno e deli' akro se ne potrebbe iscrivere assai ,. 
ma basti questo per via di ricordo (i). 



46. VESGOVO COLOCENSE. 



.. IVL 



esser Giorgio vescovo Colocensc fu di na- 
zione ungaro , allevato dall' arcivescovo di Strigonia , 
che nella sua gioventii lo mando a studiare a Padova 
in iure civile e canonico , e neir una scienza e nelT al- 
tra venne singularissimo. Dottorossi a Padova , e di- 
poi ritoruo in Ungaria , sendo uomo prudentissimo ed 
esercitatossi a Padova , era universale in ogni cosn. 
Tornato in Ungaria colle dette condizioni , ando a sta- 
re in casa 1' areivescovo di Strigonia , e colla sua Si- 
gnoria ebbe grandissirna condizione ; e veuendo il ve- 
scovo di cinque Ghiese a Roma ambasciadore , fu man- 
dato in sua compngnia mcsser Giorgio , dove ebbe 
grandissima riputazione , per essere uomo in cui erano 

(i) E cliiaro che le librerie dei due prelati proscrlui , cJoe 
dello Strigoniese e del Cinquecclesiese , caddero iii polere del rc 
Mattia. Ed ecco come la libreria di questo Re divenne celebre ; 
1 cui codici si dispersero poi per Tarii paesi , si chc ne possiedc 
taluno raagnifico anche la Vaticana. 



GIORGIO VESCOVO COLOCENSE. 301 

mollc laiula])!!! qnalita. IslaiKlo iii casa T arclvescovo , 
ncllc lisolii/.ioiii clic vi furono , mcs.sci' Giorgio per es- 
serc iiomo caulisslmo e prndcnte , si porto di iiatura 
cbe bcnc cbc nclla mcntc del Re rcslassc alcuno so- 
spetto di lui , soppe fare in modo cbc scndo uomo di 
grandissiina prudcnza , e cbc il re non aveva in quclla 
cortc il plii savio uomo di lui , e' bisognava cbc per 
forza r adoperasse. 

2. Mandollo di poi il Re ambasciadore in piii luo- 
gbi cd allo 'mperadore cd a altri signori. Di poi lo 
4nando in Italia ncl tcmpo cbo Bartolomeo di Borga- 
iiio cra venuto a' danni de' Fiorcntinl. Ando a Vine- 
gia , ed adopcrossi molto co' Vlniziani pcr parte dcl 
Re d' Ungaria cbc levassino V offcse conlro a' Fioren- 
tini. Ed iscusandosi i Viniziaiii non cssere loro im- 
presa ma di Bartolomeo , messor Gior|>io cb' era ita- 
lianato cd cra d' acutissimo ingegno , provo loro pcr 
potentissi-me ragioni , Bartolomeo non essere sufficient« 
a tanla impresa , si per la spesa , il similo per essere 
Joro soldato, non arebbe fatto contro alla volunta loro , 
e cbe facendolo non lo arebbono sopportato , cb' egl' 
erano q-n^gli cbe avevano a comandare al loro capila- 
no , cgli ubbidirgll , e cosi farebbe ogni volta cbe vo- 
lessino , percbe egli non sarebbe tanto temerario e pre- 
suntuoso cbe pigliasse uno partito di questa natura 
sanza loro volunta. Molte ragioni c' erano cb' egllno 
tion potevano negare non essere autori loro di questa 
ingiusta guerra , e cbe le forze cbe dovrebbono"contro 
a' nimici della fede di Cristo , e' le fanno contro a' cri- 
stiani. Quanto qucsto fusse giusto ed onesto , lo lascla- 
va giudicare a loro. E per piii cbiarire a ognuno V 
animo loro , avevano mandato in campo dua commis- 
sarii. E cbe appresso Iddio e tutto il raondo non fu 



302 GIORGIO 

ruai fatta la piii ingiusta impresa di questa , d' averu 
rotta la pace e lega fatta per papa Nicola con tante 
maledizioni a clii la violasse ; e sanza Jgnana giusti- 
flcazione voi siate istali i primi clie 1' avcle violat». 
Provollo loro coii lanto potenti ragioni , chc noii gli 
poterono rispondere ; aggiugnendo, come innanzi e 
detto y clie s' eglino avessino falta tanta diligenza con- 
Iro al Turco quanta lianno fatto contro a' cristiani > 
che le cose non sarebbono ne' termini che le sono ; e 
che la loro freddezza in questa guerra contro al Tur- 
co , era istata cagione d' avergli fatto pigliare animo , 
perche c' erano obligati in prima come cristiani , la 
seconda pcr essersi obligati loro a Mantova a volerla 
pigliare sopra di loro , ed ofTertisi essere bastanti a po- 
terlo fare. x\doperossi assai per ovviare a questo scan- 
dalo , ma giovo poco , avendo i Viniziani fermo T ani- 
nio a questa impresa. Veduto non potere fare frutto 
a Vinegia , n' ando in campo , e fece quello medesimo. 
Partitosi di campo , se ne venne a Firenze , e riferi 
qui alla Signoria la commessione che aveva avuta dal 
Re a* Viniziani in favore de' Fiorentini , e narro la 
loro ostinazione , e che non era da perdere tempo 
€011 loro. 

3. Partitosi di Firenze , n' ando alla via di Roma 
al tempo di papa Pagolo a confortare la sua Santita a 
prestare favore al Pve per potere mantenere gl' eserciti 
contro al Turco. Non si trovando il Papa in ordinc a 
poterlo fare , gli fece dare parole , ed in fine non si 
venne mai a ignuna conclusione. Domandava il Re da 
tutti i cristiani fiorini centomila 1' anno , ed ofTerivasi 
stare continovamente con tanto esercito coutro al Tur- 
co , che i cristiani non arebbono a dubitare di lui. 
Istato piii tempo iu corte per questa pratica , vedutosi 



VESCOVO COLOCENSE. 303 

(laro pnrole sanza concliisioiic , seiulo iiomo savissimo 
sc n' avviclc , c volle clie il Papa fusse contcnto che 
parlassc in concistoro pnLlico. Fn contcnto , e vennri 
nna matlina molto bene armato con le sua ragioni , 
moslrando clie pe' cristiani non s' crano mai intes'i i 
toiodi di oflcndcrlo , ma semprc s' era fatta T ofFesa ia 
modo , t^lie sc gl' era dato piii ardimcnto di potere of- 
fcndcre i cristiani , clie i cristiani offendcre lui. Per- 
clie se si fussino fatti quclli provcdimcnti clie dove- 
vano , il Turco non pigliava mai 1' ardire che aveva 
prcso ,* ma lutte T ofFcsc chc hanno fatto i cristianl , so- 
710 istate freddc di natura , che ^I' hanno fatto inffa- 
gliardu-c e non pcrdcre P animo. II Re d' Ungaria mio 
signore piii volte ha avuto ha fare con lui ; o co^li V ha 
rotto , o egli T ha messo in fuga con venti mila per- 
sone e non piii. Perche acciocchc la Santila V. intcri- 
•da quali sono i provcdimcnti de' Turchi , quando si 
xirce ch' egP hanno ccnto mila persone in campo , si 
vuole intendere questo cento mila , chc gente soiio che 
-cavatowe venti mila o meno persone , V altre sono tutli 
tlisutili con giubbe e scudi sanza arme , solo con ar- 
chi e sciraitarre ; di natura che ogtii volta che il Ke 
^' Ungaria ara ventimila Ungari in ordine come sono 
tisati , i centomila per le ragioni allegate non gli sti- 
meranno. Mostro messer Giorgio al Papa ed al collc^ 
gio de'Gardinali che s' cgli provedeva alla somma di 
cento mila fiorini V anno , non bisognaTa che i Vini- 
ziani nc altre potenze si mettessino con loro ch' crano 
bastanti a resistere. Istette in questa pratica piii tcm- 
po a Roma , e per volere operare che 1' arcivescovo di 
Slrigonia fusse fatto Gardinale per le sua viriii. Ottcu- 
ne m parte provedimento contro al Turco , e rimasc 
d' aocordo col Papa e con tutto il collegio de' Gardi- 



304 GIORGIO 

jtiali di fare 1' arcivescovo di Strigonia Gardinale ; ed 
era ,* se non fassino sacceduti i casi che succedettono. 
4. Islando a E.oma mess^r Glorgio ia qucste pra- 
liche , ebbe lettere d' Ungaria ch' egli andasse a Na- 
poli a praticare col re Ferdinando il parentado della 
figlitiola del Re col Re d' Ungarla. Fuvvi molto ono- 
rato. Istato non molto tempo in qucsta pratica , colla 
sua pradenza e destrezza d' ingegno condusse quelio 
parentado. Gonchiusolo , se ne venne alia via di Fi- 
renze , dovc aveva comperato libri per piii di tre mila 
fiorini , per fare una libraria a cinque Ghlese a una 
sua propositura che v' aveva. Avendo avuto dal Re in- 
nanzi la canceliaria , ed andando ogni cosa per le sua 
mani , fece quello che hanno fatto pochi uomini^della 
sua qualita. In prima in quella chlesa dove era pro- 
poslo fece fare una degnissima cappella , e dettele tanle 
entrate clie volle che ogni mattina vi si dicesse quat- 
tro messe , e facesse certe feste 1' anno , e provide V 
entrata di lutto in tale modo che non potesse man- 
care. E nella medesima chiesa ord^no una bellissima 
llbraria , neila quaie mise ilbri d' ogni facuita , e ra- 
eunovvi volumi irecenlo o piii , ed ordino il luogo do- 
ve avessino a stare. Ordino sopra quella libraria uno 
sacerdoie con buona porzione , che avesse cura de' li- 
bri , e ogni di 1' aprisse e serrasse. La chiesa volle clie 
fosse foruita di paramenti di piii ragioni , libri di can- 
to , bibbie , omiiiarii , e passionarii , e plii altri libn 
necessarii a una chiesa ; e volle che i danari che ave- 
va avuti dalla chiesa si rimcttessino nclla chiesa me- 
desima , c molto piii ; perche tutto quello che guada- 
gno, sendo privatosuggeilo, gU mise in queila libraria. 
5. Furono in lui molte degne condizioni. Avendo 
a tornarsi iu Ungaria , aveva ispeso in qucsto viaggio 



VESCOVO COl.OCKNSE. 305 

ducali dicci mila o piii. Avcndo ordiiialo chc ne vc- 
nissiiio d' Ungaria , non vennono a tc^mpo , che non 
-gli mancassino danari. Non sendo islato uso avere hi- 
sogno di persona , richiese qui di (jucgli chc avevano 
tenuti de' siia ]>uona somma di danari. DI ducento du- 
cati vollono molli oblighi da lui c pogni ed aricnli , 
ed avvilnpporongll in modo lo intclh^tto , cir c^l' era 
di molto mala voglla. Sappicndo io uno saccrdot(; clic 
aveva danari , lo richiesi che gli prestasse liberamcnte 
alla fede sna ducento du<^(vti , acciocclic cgli intendcsse 
clie Firenze non era privata di uomini grati e da])he- 
ne. Plgllo il sacerdote una borsa , c mc^ssevl drenlo 
i ducento ducatl , cd andaiumo all' alberofo a messcr 
Giorgio che era in grande perturbazione d' animo ; e 
glunto a lui, io gli dissi,uon voglio che la Signoria V. 
n' abbi a sapere grado a pcrsona de' ducento ducati ; 
ecco cpii qucsto sacerdote dabbene che ve gli prestera 
alla fede vostra. Ebl^enc tanto piacere quanto dire o 
pensarc si possa , e mandati via piii vohimi di libri 
die aveva , ed altre sua cosc , se n' ando a Vinegia , 
^ giunto a Vinegia , erano venutl i sua famigli con 
buona somma di danari , e subito pcr via d' imo Laji- 
co gli mando a Fircnze. Non passorono (juindici di , 
e fegli restituirc a questo sacerdotc. 

6. Ritornato iu Ungaria , 11 Pve gli dctte di nuovo 
il prlvatosuggello , chc dopo II Re c de' priml ufficj 
del regno. Avuta la canccllaria , vaco questo vescova- 
do Colocense. II Re subito iscrisse in corle pcr lui e 
feglielo dare. Fu liberalisslmo , e furono in lui molte 
laudabili condizioni, cd ebbc a fare prova della sua 
virtii trovandosi ne' casi che si trovo ; perchc sendo 
allevato c creato da quello arclvescovo di Strigouia , 
che il Ke avcva pcrscguitato , non ostante tulte quesle 



20 



306 GIORGIO VESCOVO COLOCENSE. 

cose . mcsser Giorgio fii iu Luoiia grazia del Re ; e 
non ineno fii , perche de' sua pari , che il Re si potesse 
valere , non ve n' era ; per cjueste cagioni fu costretto 
il Re adoperarlo c averlo in giandissima riputazionc , 
aggiugnendosi a tutte queste cose V osservanza della 
fede sua , e la sua integrita. jVJolte cose degne si sa- 
rebbono potute dii'e di messer Giorgio , nia avendo fat- 
to per via dl ricordo , e non di n ita , me ne sono pas- 
saio con piii bre\ita che ho potuto. 

4;. VESGOVO IVIILETENSE. 

1. iyj.esser INarciso vescovo ]MiIelense istette col 
re Alfonso , e fu colla sua JMacsta iu gratidissima ri- 
putazioue. Fu di nazioue calalano , di ]>uonissInia istir- 
pe , fu grandissimo filosofo e teologo singularissimo , 
ed avcva una unlversale dotirlna d' ogui cosa , c me- 
moria maravigliosa , che mal non aveva letto cosa che 
non se ne ricordasse , allegando sempre i proprii te- 
sti , ed il luogo dov' egl' erano. Istctie col re Alfon- 
so , e colla sua Maesta l'u di grande autorita. Aveva 
una lingua onnipotente , ed cra uomo aperto e largo 
in ogui cosa ; non seppe mai ne fiugere ne simulare. 
Morto il re Alfonso , reslo in grandissima ripulazione 
appresso il re Ferdinaudo , e con sua Maesta oiteneva 
(juello che voleva. Avendosi a fare una dieta nella Ma- 
gna, dovc avcvano a essere molli singularl uomini , la 
maesta del Re vi mando messer Narciso piu- uno de' 
piii degni uomini che avcsse neila cortc sua , c man- 
dovvi per uno de' piii geutill cortigiani , e gentile uo- 
mo pratico ed adoperato a grandissime cose , messer 
Antonio Cinclnello. Passando da Firenze ci stette al- 
cuui di , c volle vederc tutte le librarie c tutti gT uo- 



VESCOVO MILETEN8E. 307 

miiii (lotti clie c' erano ,* e come iniianzi c detto , mi- 
rabile cosa era la sua memoria quanto el!a era grande. 
Andando per piii cliiese di Firenze dannava tante se- 
pulture quant' egli trovava per le chiese ; e cbe sendo 
la Ghiesa di Dio cosa pura e monda , non si doveva 
imbrattare di corpi di morti , e diceva che i regulari 
erano quegli che avevano indotta questa consuetudlne ; 
e che nella primitiva chiesa non solo non vi si metle- 
vano questi che vi si mettono oggi , ma si facevano 
difficuha cbe v' entrassino i corpi santi ; e di questo 
n' allegava uno testo del decreto , d' uno vescovo cbe 
domandava Hcenza al Papa di mettere dua corpi di 
dua martiri in chiesa ; rispuosegli che si metlessino 
nella entrata della chiesa ; in ahro hiogo no ; ed oggi 
e venuto ogni cosa in tanta abusione , che vi mettono 
i publici usurai , e non si ha rispetto a nulla , ne si 
fa distinzione ignuna da buoni a' cattivi. 

2. Udli da lui come aveva vcduti alcuni dl si pre- 
Stante ingegno , che guardando uno in vlso s' appone- 
vano di presso quello cli' egli pensava ; e questo dis- 
se ch' egli non era cosa nuova , ma cra istata appresso 
degl' antichi , ed a questo mi mostro uno testo di santo 
Agostlno nel libro degl' Academlci , do\e egli disputa 
della providenza dl Dio ,* ed a questo dice santo Ago- 
stlno , come andando uno di a spasso con dua sui com- 
pagni , tornati andorono a casa d' uno che si chiamava 
Albicerio (i) loro amlco. Questo Albicerio aveva gludi- 
zio naturale dl predire molti secretl. Per volere vede- 
re la esperienza s' egll cra vero quello che avevano in- 
teso da lui , giunti alla sua prescnza , lo domandorono 
s* cgli sapeva quello che avevano fatto quello di ? Disse 

(i) Vespasiano scrive qui e plu sotto Alipio , ma si dovcva 
correggere I' errore. Yeai contra Acad. lib JI. 17. 



308 VESCOVO MILETENSE. 

di si , e cominciossl da luio di loro , e dlssegli , tu hai 
comporato uno pczzo di terra , e fatlone la carta , e piii 
altre cose clie avevano fatte , e di tntte si appose» Di 
poi si volse a uno di loro , e disse , s' egli sapeva quel- 
lo ch* egli pensava ? Rispuosegll , ch' egli pensasse al 
principio dello Enelda , ch' era arma vlvumque cdrto» 
Apposesi d' ogni cosa , non sanza grande ammirazio- 
ne di tuttl. Santo Ag^ostino domando a uiio de' sua 
compagni , se questa e providcnza di Dio o no ? Non 
g]i seppe rispondere. Questo e quanto all' avere giu- 
dizio Eeir aspetto d' uno uomo. 

3. Avendo messer Giovanni Argiropolo udita la 
fama del vescovo , ando a vlsitarlo in santo lacopo iii 
campo Corbollno ; dlspntorono pcr lungo ispazio in- 
sieme , e masslme delle Idee di Platone. Era 11 licen- 
zlaxo vecmentlsslmo ed acutlssimo disputatore , e non 
credo clie la sua eta avesse uno uomo nel quale fus* 
se tanta doltrlna quanta in lul. Era qucsto llcenzlato 
grandlssimo platonlco. Avendo , come e detto , dlspu- 
tato per lungo ispazio , uel partlre , il licenzlato gli fe* 
compagnla, Andandone a casa con messer Glovanni , 
gli domandai qucUo che gli paresse dello licenziato ? 
Dlsseml essere il plii dotto uomo che avesse veduto nel 
suo tcmpo , e che 1' oplnione dl Platone non aveva tro- 
vato ignuno chc V Intendesse megllo di lui , e nidssl- 
me quella degnlsslma oplnlone delle idce tanto cele- 
brata , e che non credeva che de' latini cl fusse Ignu- 
110 che gl' andasse appresso. Partlssi 11 liccnziato da 
Fireuze , ed ando alla sua legazlone nclla Magna alla 
dieta. Intervennono in questa dieta de' piii dotti uo- 
minl che avesse la Magna , dove il llcenziato ogni di 
era in disputazioni con loro , ed chhcvi grandissimo 
onore , e fu riputato da tutti dottlsslmo uomo. Fcce 



VESCOVO MILETENSK. 309 

alla maesia dc\ Re gvaiulissimo onore. RitoriiaLo dipoi 
a Napoli da qiiesla dieta, il Re per le sua virtii gli con- 
feri il vescovado Miletensc , dove compose piii opere , 
delle quali per non avere notizia , non ne fo menzione. 
Questo ho fatto solo per via d' uno brieve ricordo. 

48, ALFONSO DI PORTOGALLO 

V E S C O V O. 

I. iVJ.esscr Alfonso di Portogallo fu quello , nel 
cui governo fu dato il Gardinale di Portogallo nato di 
iiobilissima islirpe di re. Per la bonta di messer Al- 
fonso e la sua gravita ed essere dottissimo in iure ci- 
vile e canonico , gli dettono a governo questo giovane 
ne' teneri sua anni , acciocche questo vescovo colla sua 
prudenza temperasse gP impeti della gioventii ; con 
tutto che poca fatica ebbe a durare per la sua buona 
disposizione, Sendo messer Alfonso maestro di casa , 
e' governava la easa del Gardinale in forma , che non 
era in corte di Roma casa meglio ordinata ch' era la 
sua , e piena d' uomini dabbene , tutti ornati di lau- 
dabili costumi. Istette questo vescovo col Gardinale in- 
fino alla fine della vita sua , che fu in Firenze , e sem- 
pre gli fu appresso iii lutti i sua bisogni cosi spiri- 
tuali come temporali. Era questo Gardinale , come nel- 
Ja vita sua e scritto , come uno lob di pazienza , e mai 
non si doieva , ed accordavasi colla volunla di Dio. 
Grande parte di questa sua singulare virtii procedeva 
dal Gardinale e dalla sua buona natura ; benche il ve-^ 
scovo per i sua buoni esempli e conforti 1' avesse aiu- 
lato assai a farlo disporre a vivere come viveva. Ve- 
nendo il Cardinale alla morte , lascio suo esecutore il 



3 1 ALFONSO DI PORTOGALLO 

vescovo a fare molte opere pie ; benche le sustanze cbe 
Jasclo , avcndo tenuto brevissimo tempo i beneficii , 
erano in modo cbe non vi avanzo nulla ; e di quelle , 
volle cbe parte se ne desse per Dio , e parte a' sua ser- 
vidori per remunerazione delle loro faticbe. Fu al pari 
fjuello , cbe lascio , co' debiti cbe voUe si pagassino , e 



quello cbe ebbono i famioJi. 



2. Dispensato il vescovo ogni cosa , secondo cbe 
aveva lasciato il Cardinale , volendo fare una degnis- 
sima cappella nella cbiesa di santo Miniato , dove fus- 
se la sepultura del Cardinalc , non vi sendo da poter- 
la fare , il vescovo ebbe danari da' sua di Portogallo , 
e buona somma dalla ducbessa di Borgogna , cbe era 
siroccbia del padre. Fece fare quella cappella si de- 
gna , come ancora oggi si vede , ed ornolla di para- 
menti , messali , e tutte le cose appartenenti a una de- 
gna cappella , e dotolla in fiorini quaranta I' anno , e 
lascio la dota ferma in una entrata d' una casa cbe non 
si potesse toccare , se non darla a" frati cbe ufficiassi- 
no quella cappella , con pene e pregiudizio cbe ogni 
volta cbe non vi si dicesse ogni mattina dua messe al- 
meno , quella entrata non avesse andare a' frati. E cosi 
ordino il vescovo ogni cosa , in modo cbe non ce n* h 
nna simile ; e lutlo si fe' per ordine e diligenza del 
vescovo. Fu osservantissimo in tutte le cose apparte- 
nenti alla salute dell' anima del Cardinale , e per ono- 
re suo ; e non meno fu osservante dopo la morte sna , 
cbe si fusse stato nella vita sua. Furono in queslo ve- 
scovo molte laudablli condizioni ; ed istelte qui a Fi- 
renze tanto cb' egli eseguisse quanto aveva ordinato il 
Cardinale. Finito ogni cosa , si rilorno in corte di Ro- J 

ma nel tempo di papa Pio , e per le sua virlii, e por m 

essere buono leggista e canonista, fu falto reggente del- 



I 



VESCOVO. 



311 



Jn Cancellarla; e fjiicllo ufllc^io , clie c tli grandissima 
importanza , V animinislro con pari ripulazionc. 

4g. GKEGORIO PROTONOTAIO APOSTOLICO. 

I. iVlesser Gregorio di casa di Corero , casa no- 
l)ilissima viniziana , fu nipote del Cardinale di Rolo- 
gna , nipote di papa Gregorio , frate degli azzurrlni 
di Vinegia , clie fu fatto Cardinale con papa Eugenio. 
Questo giovanc fu uno specchio della sua eta. Ne' sua 
teneri anni fu discepolo di Vittorino da Feltro , ed 
allevossi in casa sua. Fu beilissimo dcl corpo sopra 
lutti quegli ch' ebbe la sua eta. Fu dottissimo in tut- 
te le facuha , e massime in teologia , dov' egli dette as- 
sidua opera. Fu nelP opere sua di tanto buono esem- 
plo , ch' era cosa mirabile a dire ; ed in tanta sua bel- 
lezza del corpo , ed in tanti sua ornati costumi era 
ferma fede per tutti quegli che lo conoscevano , lui 
essere vergine. Non dormiva in lelto se non vestito , 
sanza coltrice , non portava camiccia se non dl rasac- 
cia , e solo ij collaretto e le maniche di pannollno. Era 
non solo di buono esemplo a tutta la corte di Roma , 
ma di grandlssima confusione a tutti quegli che lo co- 
noscevano. Ebbe mirablle istile ed in prosa ed in ver- 
si , come si vede per plii sua opere che lascio ; e mas- 
simc in dua esortazionl , V una a madonna Cecilla fi- 
gliuola dcl Marchese di Mantova la quale era delle 
bellissime donne che avesse la sua eta , ma plii bella 
deir anlma e della mente , la quale madama Cecilla 
sendo maritata al duca d' Urbino giovane, che fu in- 
nanzl al duca Fcderito ; uno di questa giovane si fug- 
gi dl casa II padre , ed andossene In uno santlsslmo 
monistero di donne , e niai ne per prieghi del padre , 



312 GREGORIO CORERO 

iic (II iiiadoiina Pagola sna madre , si voUe miiovere , 

nia sempre istette conslantissima nclla siia Luona vo- 

lunfh. i\lesser Greoorio le fa luia degnissima esorta- 

zione a confortarla di stare ferma c costante nel sno- 

Iaiidal)ile proposito. E fn si dcgna , che fu assai lo- 

data da clii la vide , pcrclje pareva simile a c|uelle di 

santo Girolamo. Pole assai questa sua esortazioue ag- 

giunta colla sua l)uona volunta , che mai si muto del 

suo proposito , ma perseverovvi drento infino alla fi-iie 

della sua vita la (piale fu felicissima. Compose ancora 

uua esorlazione a luio giovane , che s' era allevato in 

casa sua , clie s' era fatto monaco di Certosa. In versi 

compose piii coso , e fu clegantissimo* Fu famigliaris- 

simo a Nicolao Nicoli , ed amoUo molto per le sua 

singulari virtii ; e usava dire in corameudazione di Ni- 

colao , clie andava ispesso a casa sua a visitarlo , e 

sempre com' egli gingneva, gli dava uno libro m ma- 

110 , e diceva cli' egl' andasse a leggere ; ed il mede- 

simo faceva a piii giavani singulari clie v' andavano a 

lempo della corte , cosi fiorcntini come altre nazioiii , 

clie v' era in questo tempo copiosa la corte di Roma 

e la citla di Firenzo. Giunto , dava a ognuno uno li- 

Lro in mano , e diceva che leggessiao per alquanto 

ispazio di lempo ; dipoi domandava a ognuno quella 

che aveva letto ; ed in questo consumava il lempo lau- 

Lilmente. 

2. Nel partire che feciono piii Cardinali di corte 
di Roma ne' tempi di papa Eugenio , sendo fatto il 
concilio di Basilea per riformare la Chiesa di Dio , v' 
ando il Cardinale di Bologna uomo santissimo , e che 
fu compagno di papa Eugenio , e. meno seco mess(.'r 
Gregorio giovane d' anni venti , che era protonotaio. 
Compose in quesla cla una degnissima orazione ; senda 



PROTONOTAIO. 313 

ragtiiiato tutto il conciHo , la recko ; e fu lenuta cosa 
niirabile da tutti quegli clie la udirono , ed acquistovvi 
gvandissiina riputazione avere fatto uno atto publico si 
degno come questo , oltre a altre sua inaudite virlii. 
Dimostro in ogni sua opera la integrita della sua vita, 
Aveva una badia sola iii commt^nda , cbo si cbiama 
santo Zenonc in Verona , nella quab» badia vi mise 
drento Y osservanza , e prese parte delb^ entrate per 
la vita sua , il rcsto lascio a' monaci ; e veduto i go- 
verni di corte non essere secondo il gusto suo , si rl- 
tiro a questa badia , e quivi viveva santissimamente , 
e nella sua vita ordino cbe la badia uscisse di com- 
menda dopo la vita sua. Dava assai per Dio ,* la vita 
sua era parcissima iii ogni cosa. Amando il Cardinale 
suo zio assai messer Gregorio per le sua inaudite vir- 
tii , non pote mai oitenere ne' tempi dl Eugenio che 
fusse Cardinale , infino a volere rinunciare il cappello 
suo per darlo a questo suo nipote. Papa Eugenio ave- 
va preso qualcbe indegnazione inverso di lui per T es- 
sere andato al concilio di Basilea , e non si pote mai 
mutarlo cb' egli lo volesse fare per le cagioni dette# 
Dopo la niorte del Cardinale suo zio , sendo morto il 
vescovo di Padova , il clero tuttl uniti d' accordo man- 
dorono la elezione in corte di Roma in messer Gre- 
gorio. La Signoria di Vinegia fece la 'mpresa per uno 
messer Fantino Dandolo , e scrissene per bene sei \ei- 
tere delle loro ; in modo cbe standosl messer Grego- 
rio nella pace sua , e non se ne inipacciando , aven- 
done riposto V animo in pace , papa Nicola bencbe mal 
volentieri bisogno cbe ne compiacesse a cbi la Signo- 
ria volle. Cosi resto sanza il vescovado. Vacando un' 
altra volta , fu segnaio per lul , ed ispacciate le bolle , 
ed in questo tempo passo di questa vita sauza carico 



3'^ GREGORIO CORERO PROTONOTAIO. 

jj^niino (li beni spirituaH. Si debl)e isperare di lui chc 
fiia in biionissimo Inogo , sendo islala la sua vlta tanto 
laudabile in ogni sua condizione , ed avendo fatta tan- 
ta violenza a' vizi , e seguitato infino alia sua fine la 
vla delle virtii , sanza mai lasciarla , luggendo ogni 
pompa ed ogni fasto del mondo , ed arrecatosi sotto 
il giog^ della sanlisslma umilta , fuggendo ogni specie 
di superbla. 

5o. PROTONOTAIO APOSTOLIGO INGHILESE. 

I. lYlesser Andi*ea Ols fu inghilese , procuratore 
del Re lungbisslmo tempo , uomo dl grandissima fama 
c ripulazione , si per 1' essere litteratissimo , il simile 
per la santita della vlta , cbe pochi bo veduti d' oltra- 
monlani simill a lui di vlta e di costumi. Fu acollto 
del Papa , e per la sua bontp era da tutti molto ama- 
to. II tempo suo lo spendeva degnisslmamente in pri- 
ma in diva il sno ufficio , e dipoi ogni di islava ser- 
rato neHa sua camera due o tre ore ginoccbioni in 
orazione ; il resto del tempo attendeva a leggere ope- 
re sacre , ed aveva inflniti iscrittori , a cbi egli faceva 
iscrivere piii opere , per volerlc di poi in Inghilterra 
a una sua chiesa cbe aveva. Partitosi papa Eugenio da 
Firenze , messer x\ndrea vi rimase a solo fine di fare 
piii libri come aveva desiderio , e per ritrarsi di corte 
di Koma , ed attendere in tutto a se medesimo ed alla 
salute dell' anima sua. Sendo di nobilissima istirpe co- 
me era , non volle mai vescovado per non avere quel- 
la cura dell' anime. Fece messer Andrea tutlo l' op- 
posito cbe fanno gl' altri uomini , di fugglre gl' onori 
e la riputazlone , ed attendere a se medesimo ; percbe 
non solo per la sua virtii e I)onta e per la fama uni- 



PROTONOTAIO APOST. INGLESE. 315 

vcrsalc che aveva , arcbbe ottenuto uno vescovado , ma 
facile ffli sarebbe suto col favore cbe aveva , venire 
alla degnita del Cardinalato ; ma sempre fuggi le pom- 
pe e gl' onori , e massime vescovadi non volle per la 
cura deli' anime. 

2. Aveva una singulare parte infra 1' altre, cli' egl' 
era piatosissimo inverso i poveri bisognosi , ed e' fa- 
ceva di molie b'mosine segrete e publicbe. Aveva la 
casa sua si bene ordinata , cbe chi vi stava , bisognava 
cbe indovinasse a portarsi bene , percbe la sua casa era 
come una religione di vita e di costumi , ed uno esem- 
plo di modestia e temperanza. Aveva lasclato il modo 
del vivere degP Ingbilesi di slare a lavola quattro ore» 
Era ridotto a vivere alla italiana d' una vivanda sola 
sobriamente e hii e tutta la famiglia sua, Amava molto 
gl' uomini dotti , massime quegli cbe sapeva cbe fus- 
sino di buona vita. Una mattina nel tempo ch' era a 
Firenze fece uno convito , ed invito alcuni uomini dot- 
ti , fra' quali fu messer Giannozzo Manetti , messer 
Carlo d' Arezzo, Matteo Palmieri , ed altri uomini dot- 
ti , ed alcuni mercatanti sua amici , fra' quali fu ^o- 
berlo Martelli. Introdusse piii disputazioni , fra le qua- 
li messer Giannozzo disse volere tenere questa conclu- 
sione che tutte le cose che sono in canone scriptiua^ 
rum , sono cosi vere come il triangolo e triangolo , che 
sono dua linee rette ed una traversa. Furongli fatte 
molte opposizioni con sottilissimi argomenti , e sempre 
messer Giannozzo tenne ferma la sua conclusione ; ed 
aveudo disputato piii volte , non fu ignuno che potesse 
resistei^^e agl' argomentl di messer Giannozzo, ma ri- 
mase in campo vittorioso. Parve allo ambasciadore , ed 
a tutti quegli che v' erano cosa mirabile a udire. Fatto 
fine , r ambasciadore gli ringrazio assai della cortesia 



310 PROTONOTAIO APOST. INGLESE, 

clie avcvano usata di veiilre a deslnare con liii. Par- 
vegll , secondo io intesi poi da lul , che messer Gian- 
nozzo fiisse uomo mirabile , ed avesse grandissima no- 
tizia delle scritture sante , e d' ogni cosa , ed avesse 
grandlssiraa forza negl' argomenti. Nel pigliare licenza 
messer Garlo d' Arezzo dlsse, a messer Andrea che non 
si maravlgliasse sc Matteo Palmieri non aveva parlato , 
clie lo faceva per riverenza di chi aveva parlato, 

3. Aveva messer Andrea fatto iscrivei*e moltissimi 
libri e comperati ; e stalo in Firenze piii d' uno auno 
e mezzo a fine d* adempiere questo suo onesto deside- 
rio , avendo tanta somma di libri che per terra non 
li poteva mandare , aspetto uno passaggio per Inghil- 
lerra , e per questo mezzo gli mando. Ed il simile lui , 
avendo adempito il sno desiderio , se ne torno in In- 
ghilterra. Venuto in Inghilterra , subito si ritrasse da 
ogni cura temporale , ed arrecossi a uno suo beneficio 
con quegli libri , ed in tutto s' alieno da ogni cura 
ilel mondo , quasi volendo essere morto al secolo per 
1' amore di Dio. Attendeva a* sua devozioni , orazioni , 
dlgiuAi , ed in sovvenire tutti i bisognosi che sapeva , 
ed in riparare le ehiese che n' avevano blsogno. Era- 
no mohi che di quello lo dovevano lodare , lo biasi- 
mavano , vedutolo ridotto dov' era fuori delP opinio- 
ne de' plii. 

5i. FRATE AMBROGIO. 

I. 1: rate Ambroglo fu delP ordine di Camaldoli , 
e fu da Portico di Romagna , figliuolo di uno povero 
uomo. Entro negV Agnoli moho fanciullo , dove istette 
in quella osservanza e reclusione lunghissimo tempo. 
Comincio a dare opera allc leltere laiine ; dipol delte 



AMHROr.IO C.\M\I>nOLESE. 3 17 

opcrii alh^ prccli« soUo !a disclplina di Emnnuello Gri- 
solom , clie vonno di Grocia pcr mozzo di messer ?al- 
Ja di Nofri Strozz/i , e d' Anlonio Gorl)inclli e d' altri 
iiomini singnlari ch' crdno in quollo tempo. F'altosi 
dottlssimo noiP una lingua e nelP altra , dotte opora 
allo lettero ohrco e di quelle ohbe qualche notizia, 
Sondo dotto a quello modo , comincio a tradurrc , e 
fu cosa mirahile quanto egli eva eloquonte ; non fu , 
come si vede in piii sua traduzioni , inferiore a ignuno 
di qwella eta. Aggiunse a tutto queste cosc la santita 
della vita , peixrhe in qu^llo monistero erano monaci 
quaranta santissimi , ch' erano lo specchio di Firenze. 
Fu opinione di frato Amhrogio cho fusso vergine , per 
essei'^ entrato in qucllo monistero puro e netto e di 
poca -etk , dipoi iw^.rc perseverato anni quaranta o piii 
in quolla clausura. 

2. Vonne in tanta fama e riputazione pcr la san- 
tita dclla vita congiunta colla dottrina , •che in Fii'on- 
ze non vcniva persona di condizione che non andasse 
agl' Agnoli a visitarlo , perchc non lo avendo fatto , 
non g4i pareva avere veduto nulla. Era di natura mol- 
to umile , d' apparenza era piccolo di coir^io , e '1 viso 
aveva assai huona ^razia. Quanti uomini degni avova 
la citta in questo tempo , radi di era che non andas- 
sino a visitare frate Amhrogio , che nel tempo suo Fi- 
renze fioriva d' uomini degni , Nicolao Nicoli , Gosi- 
mo do' Modici , Loronzo suo fratello , messer Carlo d' 
Arezzo , messer Giannozzo Manetti , maestro Pagolo , 
ser Ugolino , ser Filippo , radi di era che non vi fus- 
sino. Udii questo da Gosimo de' Medici in lode di fra- 
te Ambrogio , della grando notizia ch' egli ebbe del- 
le lellere grcche , che uno di sendo con frate Ambro- 
gio Nicolao e Cosimo , fratc Atnhrogio traduceva sanlo 



3 1 8 AMBROGIO 

Giovanni grisostomo sopra le epistole di santo Pa<ro- 
lo ; e' traduceva , e Nicolao scriveva di lettera corsiva , 
ch' era yelocissimo scrittore , e non poteva soppcrire a 
quello che frate Ambrogio traduceva d' uno ornatissi- 
mo istile , e non bisognava emendare altrimenti, Ni- 
colao diceva spesso a frate Ambrogio , andate adagio , 
ch' io non vi posso tenere drieto. Sono ancora di ma- 
no di Nicolao quesle sua Iraduzioni in santo Marco , 
e si vede che vi sono pochissime cose racconcie. E se 
non fusse istato impedito , traduceva infinite opere piii 
che non tradusse. Lesse in Firenze a mohi lettere gre- 
che , e nel convento a piii frati lesse latino , e le gre- 
che a frate lacopo Tornaquinci , a frate Michele ,* a* 
secolari , a messer Giannozzo Manetti. 

3. Istando frate Ambrogio a Firenze in questo rao- 
do , vennevi nel mille quattrocento trentatre papa Eu- 
genio quarto , ed avendo notizia della fama sua , va- 
cando il generalato di quello ordine , lo fece genera- 
le , e cavollo degli Agnoli , che fu grandissimo impe- 
dimento agli istudii sui ; ed era piii 1' uflicio suo d' at- 
lendere alle letterc , che goveruare dove non era «so. 
Era in questo tempo il concilio di Basilea contro a pa- 
pa Eugenio, e vedendo il Pontrfice, frate Ambrogio es- 
sere uomo degnissimo , determino mandarlo ambascia- 
dore per la sua Santita allo 'mperadore Sigismondo , 
ed a Basilea al concilio , dove acquisto grandissimo 
onore. A uomini singulari intervengono de' casi stra- 
ni , perche sono uoniini sotloposti allo errare comc 
gl' altri. Avendo domandato a Basilea di volere par- 
lare a tutto il concilio quando fusse ragunato , fugli 
concessa V udienza publica. Sendo in questo concilio 
assai dotti uomini , e massime ve n' erano venuti per 
la fama di si siugulare uomo , quant' era frate Am- 



CAMALDOLESE. 319 

hro^io , avciulo cominciala la sua orazione , quando fu 
circa il mezzo , si smarri. Vcduto a questo modo , sen- 
do iu tanto numero di degui uomiiii , avendo 1' ora- 
zione nella manica scritta , subito la cavo ed aperse- 
la e ritrovo dov' egli aveva mancato , e riprese e se- 
ffuito la sua orazione iufino alla fine sanza altro im- 
ppdimenio. Cousidcro frate Ambrogio quanto questi 
atti publici sono pericolosi a uno uomo dotto come lui 
d' cssore vituperato in tanto dcgno cospetto , e perde- 
re quello in uno di , cb' egl' aveva guadagnato in lun- 
gbissimo tempo. Fu assai lodato e coramendato del 
partito preso di ripigliare 1' orazione. Andato , poiche 
fu partito dal concilio , allo 'mpcradore Sigismondo , 
quivi ispose Li sua ambasciata in publico , e fece una 



dcsruissima orazione. 



4. 1'oruato di poi a papa Eugenio cb' era in Ti- 
renze , V amava assai per la sua dottrina e pcr le sua 
inaudite virtii , delle quali fece prova e colla presen- 
za e con piii traduzioni degne che fcce , delle quali 
in fine di questo comentario si fara menzione. E non 
volle mai tradurre se non opere sacre , sc non fusse 
stato molto obligato a Gosimo de' Medici per infiniti 
beneficii ricevuti da lui in questi sua isludii d' averlo 
ajutato e di danari e d' ogni cosa delle quali V aveva 
richiesto. E puossi dire che Nicolao Nicoli e Gosimo 
de' Medici fussino in gran parte cagione che frate Am- 
brogio venisse dove venne. Nicolao 1' ajuto assai con 
prestargli libri greci e latini , ed esscre mezzo che Co- 
simo de' Medici e Lorenzo suo fratello lo sostcnessino 
ne' sua bisogni ; che frate Ambrogio sanza il mezzo 
di Nicolao non lo arebbe richiesto , perche cra di sua 
natura timido e vergognoso. Ora sendo frate Ambro- 
gio in queste coudizioni di tradurre cose sacre , ed 



^20 AMBROGIO 

avendo traclotti piii libri e maiidati a Cosimo i scrmo- 
ni di santo Efrem , Gosimo desiderava d' avere Laer- 
zio Diogene de v^ita et moribus philosophorum , ch' era 
in greco, e volevalo in latino* Fecene rlcliiedere frate 
Ambrogio da Nicolao cbe lo traducesse , sappiendo che 
non voleva tradurre se non opere sacre. Kichiestob) 
fu contento con grandissima difficulta , parendogli ch' 
ella fusse opera non conveniente a lui. Traducendola , 
che Ja fece iu brevissimo tempo , mi disse uno suo di- 
scepolo ch' egli si doleva assai d' avere a fare una si- 
mile opera. Finilla , e fu opera molto degna ed assai 
istimata ed allora ed oggi ; e fattala , le fece il proe- 
mio e mandolla a Gosimo de' Medici. 

5. Era in questo tempo in P^irenze papa Eugenio > 
dove si trovavano moltissimi singulari uomini ; e per 
questo acquisto frate Ambrogio assai riputazione , per 
essere conosciute le sua vlrtii. Sendosi partito papa Eu- 
genlo da Firenze , ed andato a Ferrara , e chiamati i 
Greci che passassino in Italla , a fine che si correg- 
gesse quello errore che avevano colla rellglone cristia- 
na , vennono a Ferrara alle spese dcl Pontefice , e de- 
siderava ch' eglino s' unissino coUa chlesa romana. 
Sendo cominciata la mortalita a Ferrara , papa Euge- 
nio vennesene a Firenze , e vennonvi i Greci ; e fu 
dipulata in santa Maria novella la sala della sua resi- 
denza , che ogni di vi si dlsputasse per la parte de' 
Greci e de' Latini. Quivi.si trovavano infiniti singuIaH 
uomini per 1' una parte e per 1' altra , in iYQ!" quali era 
del continovo frate Ambrogio ,* ed eravi uno interpre- 
te , il nome del quale era Nicolo Secondino , che fu 
da Negroponte , istato dipoi colla Signoria di Vinegia , 
e mandato per ambascladore al re Alfonso. Ed alcune 
volte quando non vi poteva venire Nicolo , sopperiva 



CAMAinOLESE. 321 

frate Anibrogio pcr liii , clie noii v' cra altri clic Jo 
sapcssino faie , sc non questi dna pcr la p(M'i/ia dcll' 
una lingua c clcll' altra. 

6. jMediantc la santit«'i dclla vita c la dottrina , 
venne frate Ambrogio \n grandissima fama , sendo na- 
to d' umilissimo luogo. Mirabile forza cbbono Ic lct- 
tcre in lui. Era ferma sentenza di tutti i dotti , chc 
fratc Ambrogio e messcr Lionardo fussino quelli clie 
avessino rinnovata la lingua latina , ch' era istata sc- 
polta anni millc o piii. Non era mai stato ignuno 
iscrittore in questi tempi , che si fusse apprcssato dovc 
vcnnono fratc Ambrogio c nvesser Lionardo. Benche 
in latino il Petrarca assai h\ rinnovasse , ma non giun- 
se dove giunsono qucsti dua^ Fu molto difFercntc mcs- 
ser Lionardo d' Arezzo , parendogli essere solo qucllo 
<:he r avessc rinnovata ; vedendo vcnirc fratc Ambro- 
gio in tanta riputazione , lo sopporto molestamcntc c 
non sanza invidia ; perchc Nicolao Nicoli , (^osimo c 
Lorenzo dc' Medici , e moJti dotti , prcstavano favore 
a frate Ambrogio , e davangli fama , bcnch^ fusse con- 
tro alJa volunta sua , scndo aJieno da simili cose. Ed 
era venuto frate Ambrogio in luogo , che in Firenzc 
non veniva uomo di condizione chc non lo andasse a 
visitare , menato da Gosimo e da Lorenzo de' Medici , 
e da Nicolao. Tultc queste cose intendeva messer Lio- 
nardo , e da questo nacquc clie scndo messer Nicolao 
Nicoli amicissimo di mcsser Lionavdo , ed avendoeli 
mandata la vita di Tullio e di Demostene c piii sua 
traduzioni , e cliiamandolo per la sua dottrina censore 
della liugua latina ; dipoi per questa invidia ch' ebl>e 
di frate Ambrogio , vennc in tanto isdcgno contro a 
Nicolao , cJi' cgli si lascio trnscorrcre a fare una vi- 
tupcrosa invcttiva contro a Jui, benchc cgli non vi 

21 



322 AMBROGIO 

niettesse tltolo ; e fii qu(!sto dc' maggioi-I errori clie fa- 
cesse mai messer Lioiiardo , e di che gli fusse dato 
maggiore caricn e meritamente. Erano iu corte di llo- 
ma moltissimi degni uomiai , amici di Nicolao , che lo 
sopportorouo molestauiente , cd acquistonne grandissi- 
ma nimicizia. Fu gia clii vide una invettiva di Loren- 
zo di Warco Beuvenuti contro a messer Lionardo. Non 
so s' egli ne dette copia , io non la vidi mai. Fu que- 
sto Lorenzo di Marco dotto ed eloquenie. Non basto 
questo a messer Lionardo , chc trascorse in uno ahro 
crrore non minore di questo , e fu che fece una ora- 
zione intitolata contra lijpocritas , che fu opinione che 
r avesse faita contro a frate Ambrogio , il quale era 
alieno in tutto da simiii cose , perche ne fama n^ glo- 
ria non fu mai da Ini appetita , ma scmpre la fuggi , 
avendo piti rispetto aila salute dclT anima che a ignu- 
na aitra cosa , come si vide in tutte le sua opcrazioni. 
^. Potrebbousi dire di fratc Ambrogio molte cose 
dogne di memoria , ma avendolo fatto solo per via d' 
iino brieve ricordo, non m' e paruto di stendermi irop- 
po. Visse santissimamente , ed il simile fini il corso 
della sua vita. Dipoi che fu morto , piii anni , udil da 
persone degne di fede , che sendo il corpo suo all' ere- 
mo in terra , e di sopra sendovi asse per la grande 
freddczza ch' era in quello luogo , accadendo lcvare 
quelie asse , fuunc-fama publica chc dov' era il suo 
corpo , v' cra pieno di fiori , nati miracolosamente %(^W' 
do di verno , e coperta la terra con 1* asse che non vi 
andava aria. Avendo veduto quello chc 1' onnlpoiente 
Iddio aveva dimostro della sua mirabile virtii , per me- 
moria di chi leggera qucsto comenlario della vita sua , 
mcttcrcmo qui T operc tradutte da lui. 



CAMALDOLESE. 323 

Sanlo Basilio dii intcgritatc virgiiiitatis. 

Santo Giovanni grisostomo de proviclciitla Dci acl 
Stagiriuni monacliuni arreptitiuni. Sopra V epistolc di 
santo PaoJo ad Tiniothcuni prima. Ad Timotlicum sc- 
cunda, Ad Philcmonem. Ad Titum. Sopra raodico vi- 
no utcrc. 

Dialogo d'Enea sofista dclla immortalita dciranima. 

Libro de paradiso ct vita sanctorum. 

Scrmones plurimi sancti Ephraem. 

Manuele Caieca adversus errorcs Graecorum. 

Vita sancti lohannis chrysostomi a Palladio. 

Santo Atanasio contra geutiles. 

Epistolarum suarum libri viginti* 

Itinerarium suum , liber unus. 

Comincio a tradurre Grisostomo sopra la epistola 
ad Coi'inthios. Tradussene omilie dua. 



* II catalogo piu completo delle opere di Ambrogio camal- 
dolese vuolsi conoscere presso il Mehus nella sua stupenda edi- 
zione della vita e leUere di Ambrogio. 



324 

P A R T E IV. 

U O M I N I D I S T A T O. 



■-j » c <»o<g 



02. COSIMO DE' MEDICI. 



I. VJi 



loslrao di Giovanni cle' Medici (o. d' onoralis- 
simi parenti e prcstanlissiino cittadino e di graude aii- 
torita nella sua repuLlica. Ebbe biionissima perizia del- 
]e lettcre latlne , cosi delle sacre come de' gentili. Fa 
molto volto a leggere la scrittura santa , ed ebbe uni- 
versale giudlzio d" ogni cosa , e di tutto sapeva bene 
i*agionare. Ebbe per precettore Pioberto de' P\ossi dot- 
tlssimo in gicco ed in latiuo e di laudabili costumi. 
Furono nella eta di Cosimo molti uomini di condizio- 
ue cbe studiorono souo la disclplina di Roberto insie- 
me con Coslmo de' Medici ; fu Domenico di Lionardo 
Buoninscgni , Bartolo Tebaldi , Luca di messcr Maso 
degl' Albizi, messcr Alessandro degl' Alessandri, e piii 
altri cittadini clie istavauo del continovo insieme a 
conferire delle loro lezionl. Pvobcrto non ebbe donna , 
e istavano il piii del tempo in casa sua , e quando egli 
andava fiiorl , il piii delle volte v' erano con lui i plii 
di questi cittadini , -cbe erano avuti in gvandlssiniH ri- 
putazlone non mcno per i buoni costuml clie per le 
lettere. E plii volte ncll' auno Roberto dava mangiare 
a questi sua scolari. Tradusse Pvoberto tutlc 1' opere 
d' Aristotele cosi in loica corae in filosofia. Pece uno 
gentilissimo teslamento , dove avendo piii libri dl sua 
mano , ch' era uno belllssimo scrittore ^ tutti gli divise 
e lasciolli a' sua scolari. 



COSIMO DE MEDICI. 325 

2. Ritovnaiido a Cosimo , ogli ebbe taiita perizia 
dclle letlere latinc , clie fii piii che a uno cittadlno 
grande pieno di lante occupazioni non si conveniva. 
Fu molto volto alla gravita ed a usare con uomini 
grandi ed alieni da ogni leggerezza , pevclie aveva in 
odio tutti i bufFoni , istrioni , e tuiti quclli clie spen- 
devano il tempo disutilniente. Era molto afTczionato 
agP uomini dotti , e conversa\a volentieri con tutti , e 
massime con frate Ambrogio degl' Agnoli , e con mes- 
ser Lionardo d' Arezzo , con Nicolao Nicoli , con mes- 
ser Carlo d' Arezzo , con messer Poggio. Ebbc dalla 
sua natura che sempre era volto a ragionare di cose 
grandi. E per queste sua laudabili condizioni , benche 
la citta in quello tempo aveva copia d' uomini singu- 
lari , nientedimeno conosciuta la sua virtii , comincio 
a essere adoperato nelle pratiche ed in ogni cosa. In 
ela d' anni venticinque venne nella citta in tanta ripu- 
lazione , che conosciuta la sua volunta , e veduto dov' 
egP era voho , che non era se non a cose grandl , co- 
mincio a essergli portata grandissima invidia , e temer- 
lo assai per quello che si conosceva dagl' intendentl che 
avesse a riusclre. In questo tempo per avere non solo 
notizia delle cose della citta , ma delT esterne, per quc- 
sto sendo il eoncilio a Coslanza , dov' era tutto il mon- 
do , Cosimo v' ando e fece pensicro di fare dua cose , 
una spegnere la invidla , V altra vedere il concilio do- 
ve s* aveva a riformare la Chiesa ch' era plena di scis- 
surct Istato alquanto a Costanza , c veduto 1' ordine di 
quello concilio , ando per gran parte deUa Magna e di 
Francia , dove istette circa a dua anni in questo viag- 
gio ; e tutto fcce per raffreddarc uno poco la invidia 
ch' tgl' cra molto muhiplicata. Conosceva la sua natura 
chc era di non essere contento al poco , e a cose pic- 



320 CO.SIMO 

cole ma grandi , e andare semprc alla via Ji non es- 
re de' niinori della cltta ; in modo che furono molti 
clie se n' avvidoiio , e cominciorono a dirgli ch' ecrV 
era di natura clie portava grandisslmo pericolo o di 
perdere la vita o dello esiglio ; e piu volte gli fu detto 
clie s' avesse cura , clie se egli non vi rimediava , era 
in pessimo luogo. Gomincio alienarsi alquanto dal pa- 
lazzo per attutare la invidia , e usare con iiomini di 
hassa condizione , e chi era sanza stato e chi n' aveva 
poco ; e cosi andava temporeggiando , benche i sua av- 
versarii lo ripigliavano in mala parte , dicendo che tut- 
te queste cose egli le fingeva per addormentare ahri. 
3. Ora istando a questo modo , innanzi circa a dua 
anni al suo esigho , venne a Firenze frate Francesco 
da Pietrapane , uomo di santissima vita , il quale sendo 
molto noto a NicoJao Nicoli per ha santita della vila 
e per essere litterato in greco e in latino , per questo 
niezzo aveva preso amicizia con Cosimo de' Medici. Ora 
sendo venuto a Firenze , ai?d6 a visitare Cosimo , e si 
gli disse , visitato che 1' ehbe, come egli s' avesse cura, 
che nou passerehbe molto che portava pcricolo o di 
perdere la vita o d' essere confinato. Inteso questo Co- 
simo , e conosciuta la santita di frate Francesco , isti- 
nio assai le sua parole , e comlncio a dubitare assai , 
conosciuta la natura de' sua cittadini ; e per qucsto co- 
mincio , come e detto , a ritirarsi dal palazzo in tutto. 
Vedendo queslo gl' emuli sua , cominciorono a piglia- 
re magglor sospetto , dicendo ch' egli faceva per ad- 
dormentargli , e per questo cominciorono a pensare di 
volerlo fare prlvare della vita , e andavano iniaginando 
il modo , e massime conoscendo in quanta ripulazio- 
ne era venuto nella citla e fuori , ed ogni di cresceva 
piii , deliberorono di pigliarci partito , che fu la rovina 



DE MEDICI. ^^* 

clclla citta. Erano lc borso scrrato , rcl craiio pochi im- 
horsati pcr g«.,nraloiiicrc di giustizia , in modo clie toc- 
cando il gonfalonicre in sanlo Giovanni , ndla borsa 
non v'erano se non dua ncl quarticro cbc potessino 
esserc, fra' quali era Ber.»ardo Guadagni cd uno altro. 
Sendo Bcrnardo allo speccbio (i) , alcuni di quclli dcl- 
la sctta dissono a Bernardo di pagare per lui , e lcvar- 
b) dallo speccbio , con qucsto cbe volevano cbe mu- 
tasc.e lo siato , e facesse tagliare il capo a Cosimo. Fu 
conlento e promise di farlo. Vcncndo aUa iratla , fu 
iratto Bcrnardo. Entrato cbe fu , ed avuta bi pratica , 
rimase d' accordo con i sua compagni di mandare per 
Cosimo, e fargli lagliarc il capo. 

4. A di otto di settembre mille quattrocenlo tren- 

latre , mandorono pcr lui cbe venisse alla Signoria. 

Venne subito , e nel venire trovo da orto Micbclc , 

uno suo parentc ed amico cbe gli disse , cb' egli non vi 

andassc , cb' cgli perdcrebbe la vita , cbe fu Alamanno 

Salviati. Cosimo rispuose , sia come vuole , io voglio 

ubbidire a' mia Signori , non credendo esscre nel hio- 

go dov' egli era con loro. Giunto in palazzo , sa.rza 

parlargh ahrimcnti fu mcnato in una prigione , la qua- 

le e nel campanile , cbe si cbiama h Bcrgbcttina , con 

animo di fargh tagliare il capo , parcndo loro non po- 

tcre tencre qucllo stato se non \o faccvano , conosciuta 

la grande autorita cbe aveva iicUa citta e fuori. Istan- 

do in pngione a questo modo , e sappiendo la vohinla 

degl' avversarii , dubitava assai di non perdcre U vi- 

ta , e pcr qucsto non volcva mangiarc cosa ignuna cbe 

gh portassino, a fine cbe non lo avvelenassino. Istan- 

do in questo sospctto , alcuni amici di Gosimo tento- 

(x^ Er.i in Firenze cosi delto il lihro dci JeLilori al coraune ; 

e clu v' era , non polcva averc alcim uffizio o magistratiira. 



328 



COSIMO 

rono con il gonfaloniere di campargli la vita , e con- 
finassclo , e proraisongli ducati cinqucccnto , promct- 
tcndo di rilasciargli ]a vita. Quelli della parte clie V 
avevano fatto sostenere , sollccitavano il gonfaloniere 
che gli facesse tagliare il capo , mostrando che per 
henevolenza che aveva , se gli salvava la vita , presto 
sarehhe rivocato , e sar(^I)he la loro disfazione. 11 goii- 
falonicre fece tanto con li compagni , che furono con- 
tenti di salvargli la vita , e mandarlo in csiglio a Vi- 
ncgia , e cosi feciono ; hii e Loreuzo a Vinegia ; e al- 
tri cittadini , come Puccio ed il fratello , alP Aquila ^ 
e poehi degi' ahri. E uel raille quattroceuto trentatre 
a otto di settemhre mutorono lo stato , e feciono la ha- 
ha e lo squittino , e tcnnono pochi mesi le horse a 
mano , e levorono la halia , e serrorono le horse. 

5. Ora sendo andato Cosimo in esiglio , quosti del- 
lo stato cercorono con ogni istanza di farlo fallire in 
corte di Roma e in Firenze. Era tauta la sna ricchez- 
za clie a Roma mando danari assai a lestitnirgli a chi 
gl' avesse voluti. Fu cagione quesio in ogni luogo a 
crescergli il credito e non diminuirlo ; e molti che a 
Roma avevano riavuti i danari loro , veduta tanta lar- 
ghezza gii riportorono di uuovo al hanco. Istaudo a 
Viuegia iu grandissima riputazione , e queili che T 
avevano confinato sanza ordine nelle cose loro e con 
poca riputazione , nou pensavano che avevano a fare 
cou uno potente nimico ; e per essere nuovo modo di 
goveruo nou da loro mai esperimeutato , uou lo sep- 
pono governare : piii tosto si volsono , fatto questo 
iscandolo , di volere andare alla via della pace , di ri- 
ducere la terra secoudo V uso del l)uon vivere e pa- 
ciGco della citta , che ignuuo cittadiuo avcsse piii au- 
torita r uno che un' altro , se uou cjuclla che li dava 



dk' medici. 329 

]a sortc dclla dpo nllii ; avenrlo Icvatc lc Lalio , c ser- 
rato le Lorse , suhito fatto cli' ebl)ono lo sqiiittiiio , nou 
tolsono lo stato a persona , ma dcttonlo a tutti qucUi 
chft lo mcritavano. Istando Gosimo a Vinegia , come c 
dctlo , con grandissima riputazione apprcsso dc' Vini- 
ziani , IVcIono questi pcnsiero mandarc uno aml)ascia- 
doj'c a Fircnze a confortare la Signoria c quclli del 
govcrno della rivocazione di Gosimo. Gominciossi a 
prcsiar^li favore per alciino segrctamente , e pratlcare 
dclla sna rivocazione ; ed avendo in Firenze amici as- 
sai , uon agginnse all' anno , che sendo tratto uno prio- 
rato a modo dcgl' amici sua , tcntorono alla sua rivoca- 
zionc. Ncl mcdcsimo tempo in fine dcll' anno , aven- 
do prt-so gl' avvcrsarii sua V armc , dubitando della sua 
rivocazione , entrandovi papa Eugenio dl mezzo come 
]>uono pastore per paclficare i cittadini 1' uno con 1' al- 
tro , queHI dcllo stato dcl trentatre clic avevano preso 
r arme , la posono glu , e rimessonsi nel Pontcfice e 
sotto la fede sua ; e sotlo la fede furono mandati in 
esiglio , e rlvocato Gosimo ; bcnchc papa Eugcnio in 
qucsto fusse ingannato , credendo che andassino a buo- 
na fcde , c riporre la citta in pace (i). 

6. Ritornato Gosimo in Firenze con buona grazia 
dcl popolo e di quclli della parte sua , aticsc con loro 
a confinare plii cittadini che gl' erano istali avversa- 
rii nclla sua rlvocazione , e di auclli che s' erano islati 
di mezzo ; e tirorono su gente nuova , e benefico quclli 
clie r avevano rivocato , a clii prcsto buona soninia di 
danari , ed a clii ne dono per maritare figliuolc e com- 
perarc poderi ; e infinitl n' cbbono I' esiglio e bando 
di rubello , e feciono ogni cosa pcr fcrmare lo stato 
loro , avendo 1' escmplo innanzi di quelli del trcnta- 

(i) Rivcdi la vita di Eugenio IV. p. 8. 



330 cosiMo 

tie. Vcnnc Cosiino nella cittfi dove erano molti citta- 
flini grandi nella republica , e sendo siia amici c ca- 
gione dclla sua rivocazione , rimasono grandi nclla cit- 
la , c Lisogno a Cosimo durare gran fatica a mantc- 
ncrsegli , e tcraporcggiare con loro , scmpre diniostra- 
re volcre ch' cglino vi potessino qnanto lui , e ando 
cuoprendo questa sua autorita quanto cgli pote nella 
citta , e fece ogiii cosa per non si scuoprire. Non mi 
distendero in molle cose che si potrehbono dire , scri- 
vendo questo per via di ricordo ; lasciolo fare a quel- 
11 che volcssino scrivere la vita sua. Diro questo per 
esemplo di quelli cbe avessino voglia di fare novila in 
una citta , che quelli del trcntatre che feciono quella 
novita , furono cagione della rovina loro e dclla citta ; 
perche molti savi uomini che erano istatl in prima , 
mai non avevauo voluto farlo , diccndo che non vo- 
levano fare la fossa dove s' avessino a sotteriare loro 
medesimi. 

j. Kitornando donde ci siamo partiti a Cosimo de' 
IMedici , avcndo ordinata la citla , e fatta la balia , e 
prese le borse a mano , e dato 1* csiglio a molti cit- 
tadini , come e detto , cominciorono sendo il campo a 
Lucca , c avendo il duca Francesco per capitano de' 
Viniziani e Fiorentini , sendo in lega tra loro , ed 
avendo quelli a pagarc la meta del soldo e noi 1' al- 
tra meta , veduto che i V^iniziani iion volevano pagai^ 
la parte loro , sendo Cosimo uomo di tanta autorita , 
ed avendo grandissima ripulazione a Vinegia , sendosi 
piii volte scritto loro del pagare la parte che toccava 
loro del duca Franccsco , sempre avevano dato paro- 
le ; e per questa cngione non avendo alti"0 rimedio 
mandorono Cosimo ambasciadore a Vinegia a richie- 
dergli della osscrvanza della fedc Per tutti i cittadini 



DE* MEDICI. 331 

si Slimava per V anclata di Cosimo chc i Viniziani s* 

avpssino a mutarc e osscrvare qutllo clie erano obli- 

gati. Giunto Cosimo a A inogia , con la solita sua pru- 

denza gli slrinsc con potontissimc ragioni. Istcttono 

osiinati a non lo volcre farc , come qnelli clic non vo- 

lcvano clie per nulla i Fiorcniiui avcssino Lucca. Ve- 

duta Cosimo la loro ostinazioue , cd a clic via oglino 

andavano , non gli parve clie i Vuiiziani si ricordas- 

sino dc' hcncficj ricevuti , e pcr quosto Cosimo con- 

cepelle contro a loro uno grandissimo odio , vcduta la 

inosservanza della fcdc loro ; e veduto non vi fare 

frutto , scrissc a Fircnze ed cbbe liccnza chc si par- 

tisse e venisse alla via di Fei rara dove era papa Eu- 

genio eon la corte ; e venuto a Fcrrara sccondo la sua 

commessione , giunto a' piedi del Pontcfice si dolse as- 

sai della ingratitudinc de' Viniziani , co\ quale duro 

poca fatica , conoscendo egli Ifi natura loro ; cd il si- 

mile fece col collcgio dc* Cardinali. Eransi i Vinizia- 

ni porlati in modo col Ponlefice , chc per quello che 

si vide dipoi , erario in grandissima disgrazia della sua 

Santita. Ando Cosirao ambasciadore in piii luoghi , e 

riporto grandissimo onore alla sua citta. 

S, Avendo Cosimo atteso alle cose tcmporali dclla 
sua citta , nclle quali non poteva esscre ch' egli non vi 
avessc messo assai della coscienza , come fanno quelli 
che govcrnano gli stati , e che vogliono essei^e innanzi 
agl* altri , conoscendo questo , e che a volere chc Iddio 
gl* avesse miscricordia , e conscrvasselo in questi beni 
temporali , bisognava volgersi alle cose pie , ahrimcnti 
conosceva ch' elle non potevano durare sanza questo 
mezzo ,* per qucsto , dondc si procedesse non lo so ^ 
a lui pareva avere danari di non molto buono acqui- 
«to. E per volere levarsi questo peso d' in su le spal- 



332 cosiMo 

lo , sendo in Firenzo papa Eiigeuio conferi con la siia 
Santita quello che gli pareva che la sua coscienza lo 
gravasse. Papa Eugenio avendo mcsso T osservanza in 
santo Marco , e uon vi sendo luogo comodo , disse a 
Gosirao di qucllo suo pensiero , chc voleva che per sua 
soddisfazione e per sgravare la sua coscienza vi mu- 
rasse fiorini dieci mila. Murato i dieci mila , e noii 
Lastaudo a fiuirc il monistero di tntto quello che gri 
bisognava , lo fini del tutto e spcse piii di fiorini qua- 
rania mila ; e non solo muro la casa , ma cgli provide 
di tutte lc cose necessarie al viverc. In prima , di tul- 
ti i liLri di cantare alla chiesa , e di tutti i libri che 
sono nella libraria , che sono in grandissimo numero. 
Di piii la sagrestia di paramenti e messali e di tutte 
le cose appartenenti al divino culto. E perche i frati 
di santo Domcnico non tcngono proprio , a fine che 
vi stessc uno bello convento in vita siia , pagava loro 
tutte le cose necessaric al comune vivere , e per le 
spese che occorrevano di per di aveva ordinato al ban- 
co qiiello che avevano a avcre la settimana , e cosi pro- 
vide a tutti i bisogni loro , in modo che a' sua di lo 
vide uno bellissimo convento. E perche non s' avesse 
a andare a drieto a lui , ch' era occupatissimo , aveva 
ordinato al banco che tutti i dauari , che gli fussino 
tratti per polizza d' uno religioso de' primi del con- 
vento , gli pagasse e mettessegli a suo conto , e fussi- 
no che somma si volessino. 

g. Avendo finito il convento , voleva seguitare la 
chiesa. Alcune cappclle, che bisognava gittarle per ter- 
ra , volle avcre di buona concordia da chi elT erano , e 
facendone qualche difliculta , non le volle , e sospese la 
muraglia della chiesa per questa cagione. Non avendo 
Cosimo tanli libri che baslassino a una si dcgna li- 



de' medici. 333 

hraria , corne e detto nclla vila di Nicolao Nicoli , tulti 
gli esecutori del teslamento furono contenti per adcin- 
pire la volunta del tcstatore , chc fussino in santo Mar- 
eo a comunc aitilita di tutti quelli che n' avessino bi- 
sogno ,* ed in ogni libro per meraoria di chi furono , 
vi e come erano stati della rcdita di Nicolao Nicoli. 
Nicolao aveva lasciato nel numero di quelli quaranta 
esccutori del suo toslamento Gosimo e Loreuzo suo fra- 
tello. Avuti Gosinlo i libri di Nicolao , volle vedere 
r inventario per conoscere quclli che mancassino alla 
libraria , e mando in piii luoghi per avcrue , e dovc 
ne pote trovare ne compero , e molti iie fecc scrive- 
re , e tutte quesle spese della libraria si pagavano al 
]?ai>co per polizza di frate Giuliauo Lapacino. Finila 
la libraria come ella ista , non gli pareva avere sop- 
perito a quanto era la sua volunta , e volevavi fare una 
aggiunta di tutti i libri che vi mancassino , ma pre- 
venuto dalla morte non potc. 

lo. Nel raedesimo tempo che aveva finito santo 
Marco , coraincio a murarc iii Mugcllo al bosco a uno 
luogo de' frati di santo Francesco deil' osservanza , e 
fece la chiesa , e buona parte del convento dove spe- 
se piii di fiorini quindici mila. Nel medesimo tempo 
che niurava al bosco di Mugello , veunono frati di le- 
rusalem , e dissono come il luogo dove venne il san- 
tissimo Spirito era rovinato , e sarebbe bene a rifar- 
lo. Fu contento farlo , e che si finisse di tutto , e per 
questo ordino per la via di Vinegia che si pagassi- 
no i danari che bisognassino a' frati per conto di det- 
ta spesa , e cosi fece , e fccionvi una volta di sopra e 
altri ornamenti per lo detto luogo , e chi va in lerra 
santa ancora oggi lo vede , che v' e T arme sua, E in 
Parigi uuo collegio che si chiama de' Fiorentiui , che 



334 cosiMo 

]o,fece fare iino Cardinale florentino , ch' erano le case 
sua allaio a quelle di Bernardetto de' Medici. Ora sen- 
do detto luogo in piii parti guasto , ed avendo biso- 
gno d' essere riparato , e Infra V altre cose di farvi uno 
pozzo , vennono a Cosimo dl quelli che governavano 
quello colleglo , e lo pregarono che fusse contento di 
ripararvi , e fece quelio che vi bisognava. Comniisci 
di la , e ordino che si fornisse di tutto , e cosi fece , 
e infino al prcsente di si vede T opera fatta fare da 
Cosimo. 

II. Fece comlnciare santo Lorenzo , Lorenzo suo 
fratello , ed al suo tempo fini la sagrestia che e de- 
gnissima cosa. Prcvenuto Lorenzo dalla morte iion la 
pote finlre. Cosimo la prima cosa comincio a gittare 
r abitazione de' preti per terra , ch' era una cosa molto 
trista , e di natura che non sarebbe stata suflSciente a 
iina chiesa di contadc. Cosimo la fece fare tulta di 
nuovo come ella ista oggl. Domandato perche egli co- 
minciava prlma la casa che la chiesa , rispondeva che 
non sarebbe chi la facesse , perche molti sarebbouo che 
farebbono fare la chiesa , sendo di magglore riputazio- 
ne. Finita la casa , comincio a seguitare la chiesa , e 
fenne una buona parte innanzi che morisse. Nel mede- 
simo tempo che faceva mui^are a santo Lorenzo comin- 
cio il degno edificlo della badia di Fiesole. Murandosi 
in quesii dua luoghi , uno de' fattori sua del banco di 
Firenze saldando i conti delT anno , trovo alla badla 
avere speso in quello anno fiorini sette mila , ed a santo 
Lorenzo fiorini cinque mila. Andando questo suo fat- 
tore a bii , credendo isbigottirlo gli disse : voi avete 
speso questo auno alla badia fiorini sette mila , ed a 
santo Lorenzo clnque mlla. Tutto faceva a fine che 
si sbigottisse della spesa , e si ritirasse indrieto. Co- 



DE* MBDICr. 335 

simo gli fpco uiia risposia drgTia tli lui , clic fu : io 
intendo quello clic tu dici ; quelli di sanlo Lorenzo 
merilauo giaiidissima ripreusione , clie c segno che 
non lianuo lavorato ; e quelli dclla badia meritano 
grandissima commcnda/jone , che c segno clie lianno 
lavorato piii che quelli di santo Lorenzo. Conosciuia 
r avarizia di costui e la ignoranza sua , volle riprjen- 
den: in questa forma V una e 1' allra. Andando in que- 
sti di alcuni amici di Cosimo a visilarlo , perch^ non 
usciva di casa per le goite , si dolse con loro di que- 
slo suo fattore ch' egli gli volcsse insegnare a spende- 
re. In ogni cosa Cosimo dimostrava la sna liberalita. 
Ispese nella casa di santo Lorenzo ed in parte dclla 
chiesa piii di ducati sessanta mila. Scguito la badia la 
casa e la chicsa, La casa fini , e la chiesa ne fece I)uo- 
na partc ornata e magnificata , come si vcde. Sollcci- 
tava questo edificio con quanta celerita poteva , e sem- 
pre dubitava non cssere a tempo. 

I 2. Avendo finita la casa e buona partc dclla chie- 
sa , pcnsava in clie modo quello luogo avcsse a esscre 
abitato da uomini da bene e lelterati ; c pcr qucslo 
fcce pensiero di farvi una dcgna libraria ; e uno di 
scndo io in caraera sua , mi disse : che modo rai dai 
tu a fornire questa libraria ? Gli rispuosi , che aven- 
dogli a comperare sarebbe impossibile , perclie non se 
ne troverebbc. Dissemi : che modo si potrebbe tenere 
a fornirla ? Dissigli che bisognava farli scrivere. Ki- 
spuose , se io volevo pigliare questa cura ? lo gli ri- 
spuosi esscre contento. Dissemi che io cominciassi a 
mia posta , che tutto rimettcva in me , e per V ordine 
de' danari chc bisognassino di pcr di , commisc a doa 
Arcangelo priore allora del detto monistcro che faces- 
se le polizze al banco lui , chc sarebbono pagati. Co- 



3.*^^ COSIMO 

miuciata la librarla , perclie la siia volunta era che si 
facesse con ogni celerita che fusse possibile , e per da- 
nari non mancassi , tolsi in poco lempo quarantacrn- 
que scrittori , e finii volumi ducento in mesi ventidua ; 
dove si scrvo mirabile ordine seguitando la libraria di 
papa Nicola d' uno ordine che aveva dato a Gosimo 
per uno inventario di sua mano. 

i3* Venendo all' ordine della libraria , in prima vi 
e la bibbia e le concordanze con tutti i sua comenti 
cosi degl' antlchi comc de' moderni. E venendo al pri- 
mo scrittore clie comincio a comentare la scrittura san- 
ta e mostro il modo del comcnlare a tutti gl' altri , fu 
Origene ; avendo scritto in greco , parie dclle sua ope- 
re iradusse santo Girolamo sopra i cinque libri di Moi- 
se. \ i sono 1' opere di santo Ignazio martire che scris- 
se in greco , e fu discepolo di santo Giovanni evange- 
lista , e ferventissimo nella cristiana religione , scris- 
se , dipoi predico , e per lei prese il santissimo mar- 
tirio. Vi sono V opere di santo Basilio vescovo di Cap- 
padocia grcco ; quelle di santo Gregorio nazianzeno , 
di Gregorio nisseno suo fratello , di santo Giovanni 
grisostomo , di santo Atanasio alessandrino , di sanio 
Efrem monaco , di Giovanni Climaco pure grcco , lut- 
le r opere de' dottori greci , che sono in latino tra- 
dutte , vi sono. Seguitano i dottori sacri e scrittori sa- 
cri latini , cominciando all' opere di Lattanzio che fu 
antichissimo ed ebbe laudabili condizioui , Ilario pit- 
taviense dottore solcnnissimo , santo Cipriano cartagi- 
nese elegantissimo e santissimo , I' opere di Tt;rtullia- 
no cartaginese dottissimo. Seguitano di poi i quattro 
dottori della Chiesa latina , e vi sono tutte 1' opere lo- 
ro , clie non ci e piii ignuna libraria cbe gP abbia fi- 
niti. Cominciano tutte 1' opere di santo Girolamo , tut- 



de' medici. 337 

lc r opcre dl sant(3 Gngorio doltore morale , tutie 1' 
opejc di santo Bernardo abbale , di Ugo di santo Vit- 
lore , di santo Anselmo , di santo Isldoro vcscovo isp.i- 
lcnsc , di Beda , di llabano. Vencndo dlpoi a' dottori 
niodcrni , di santo Tomaso d' Aquino , d' Alberto ma- 
gno , d* Alcssandro dc A\gs , di santo Bonavcntura , V 
opere dcH' arcivcscove Antonino di Firenzc cbc sono 
le sua somme. 

i/|« Vencudo a' fib^sofi , tutle 1' opere d' Aristotcle 
cosi nella filosofia morale come naturale , tutti i co- 
menti di santo Tomaso e Albcrto magno sopra la fi- 
Josofia di Arlstotclc , e plii altri comentatori dcl mc- 
dcsimo , la loica sua e piii altrc loiche modernc, In 
ragione canonica , decreto , dccrctali , sesto , clemen- 
tine , somma dell' Oslicnse , Innocenzo , letture deH* 
Ostiensc sopra le decretali , Giovanni Andrca sopra il 
sesto , ed una lettura innominata sopra il decreto , e 
piii altre opere appartencntl a ragione canonica delP 
abbate di Gicilia , ed altri. Delle istorle , tutte le de- 
cbe di Livio , i comentarii di Gesare , Svetonio Tran- 
quillo deile vite degl' imperadori , vite di Plutarco 
Quinto Gurzio de' gesti d' Alessandro magno , Sallustio 
de bello iugurthino et catilinario , Valerio Massimo 
de' fatti e detti memorabili degl' anticbi , Einilio Probo 
degli ecccUenti duci delle genti esterne , una istoria di 
ser Zemblno cbe comincia dal principio dcl mondo , 
e viene infino a papa Gelestino , opera di grandissima 
iiotizia , r istoria ecclesiastica d' Euscbio Pamfilo , e 
de tcmporihus y Vincenzo 1' istoriale. Tuttc 1' onere di 
Tullio in tre volumi , tutte 1' opere di Seneca in uno 
volumc , Quintiliano de institutione oratoria e le de- 
clamazioni , Vocabulisla , Nonio Marceilo, Pompeo Fe- 
sto , le eleganze di Valla , Papia , Uguccione , Gatbo- 

22 



338 cosiMo 

licon. Pocii , Vlrgillo , 'rereiizio , Ovidio , Lucaiio , 
Stazio , irngedie di Seneca , Plaiito» De' graniinatici 
Prisciano. E liUte 1' altre opei'e necessarie a una )i- 
Lraria , clie noii ve ne manco ignuna ; e non scndo 
esenipli di tutte (juesLe opere iu Firenze , mandavamo 
a iMilaiio , a E()!r)<^na , e in altri luoglii , dove ne po- 
tesslmo avere. \ ide Cosimo finlta la llbraria di tutto , 
e gP inventarii e V ordin- dl detta libraria , cbe n' eb- 
be assai placere , e ando qucsta a suo modo con tanta 
prestezza. 

I 5. Finita la libraria , in quell) medesimo tempo 
fece foruirc la chlesa di libri degnlssimi da cantare , 
e nno bellissimo saltero in piii vohinii , e furono que- 
sii li])ri da cbiesa por lo coro da trenta voluml. Forni 
dipoi la sagreslia di messali , di paramcnti , e calici 
ornatissImamiMite ,* ed il slmile tutle le massLri-iie fcce 
comperare necessarie a iina si degna casa , in modo 
ciie voHe cIjc n'jn vl mancasse nulla. Fu la spesa della 
detta casa , secondo cbe cbbi da cbi ii' aveva tenuto 
conto , ducati setlaiita mila. Ftjce Iji santa Croce il uo- 
viziato con una cappejia e uuo coro d' iuuanzi , cou 
quello cb' e viclno alla sagrestla. Qui spese da otto 
mila fioriui o piii. Fece murare il palazzo di Firenze 
da' {(judanieull , cbc monto tra le case comperaLc dose 
1.) f;)ucb) , e la miira^lia , ducali sessauia ralLi. JNIuro 
a Carcggi graude parle cbe vi si vede , e il slm.Ie a 
Cafagf^iuoJo iu Mugclk) , e spcso piii di dncall quiu- 
d:ci mlla. Dava iu queste fabrlcbe graudl.ssliuf) sussi- 
dio a' povcri uoinlnl , laiito cb' crano infinili quelH 
cljt; vi si adoperavano. Ogni sabjjato tulli gP artefici 
pigliavano danari da qucsli cbe s' adoperavauo in (juii- 
sto cdlficare per varic cosc; cbe avevano di bisoguo. 
^'^uu fu auuo cbe uon speudesse ia muraglie quiudici 



DE*i>IEDICI. 339 

ovvero dicioito mi^liaja di (loriiii , clie tnlti rimaae- 
vano nello uiiiversale dclla citla. Era discretissimo ne' 
pngamenti , e non volcva la fatica di persona, Avendo 
allogato Care^gi in soinma a uno maestro intendentis- 
simo , e avendo finito circa la meta , Cosimo conobbc 
clie averlo a finire vi perdeva drento parecchi migliaja 
di Gurini. Cliiamo uuo di questo maestro , per nome 
Lorenzo, e si gli disse : Lorenzo , tu hai tolto da me 
a fare questo lavoro in somma , e hanne fatto circa la 
nieta ; conosco che averlo a finire , tu perderesti di ca- 
pitale parecchie migliaja di fiorini. Questa non e hi 
mia intenzione , ma sarebbe che tu guadagnassi ; e 
pero va e seguita T «pera tua , e non voglio che per 
nulia tu pcrda ; qudlo che sara giusto che io ti dia , 
te lo voglio dare. E cosi flnita 1' opera lo pago secon- 
do queJlo che aveva fatto. A' piu degl' uomini sarebbe 
paruto che avcndo fcitto il patto , e sendo uno maestro 
intendeute , ch' egli lo dovesse osservare ; nieutedime- 
110 per Ja sua inaudita lil^eraliia non volic. E cosi fa- 
cevft 111 tutte le sua cose di non volere che chi aveva 
a farc nuIJa cun lui , avessc a perdcre , nia soddisfar- 
gli delle loro fatiche. 

i6, Ho udito dire a Cosimo che il maggiore er- 
rore chc facesse mai , si era di non avere cominciaio 
a spendere prima dicci anni che non aveva , perche 
conosciuta la natura de* sua cittadini , cgli non sareb- 
bono anni cinquanta che del suo ne della casa non si 
troverebbe nulla se non quelle poche reliquie ch' egli 
aveva murato , e soggiunse e disse : e' conosco che alla 
mia fine i mia fjgliuoli restano in maoirjori auai che 
1 Ugliuoli di cittadini che siano morti a Firenze gia e 
lungo tcmpo , pcrche so che io non ho a avere il cap- 
pello d' alloro , piii che s' abbino avulo gi' altri cilla- 



340 cosiMo 

dinl. Usu queste parolc perclie conosceva la difficuha 
ch' era a tciiere uiio stato come aveva tejiuto lui , aveu- 
do tante opposizioni di cittadlni potenti nella citta , 
Irovatisi grandi come lui iu akri tempi. Usocci dren- 
to una grandissima arte a potersi conservare ; e in tut^ 
te le cose che voleva , sempre procurava paresse ch' 
elle procedessiuo da altri e non da lui proprio , per 
fiiggire la invidia quanto poteva. Aveva mohe lauda- 
hili condizioni ; infra 1' ahre , non diceva mai male di 
persona , c dispiacevagli assai che si dicesse male in 
sua presenza. Tutti quegH che gl' andavano a parlare 
udiva con grandissima umanita e pazienza , e faceva 
piii fatti che parole ; non prometteva nulla di parole , 
ma co' fatti faceva ogni cosa ; e fatta chc V aveva , 
mandava a dire a quello che i' aveva richiesta com' 
egli r aveva fatta. Le sua risposte erano hrevi e al- 
quanto oscure che si potevano pigliare a varii sensi. 
ly» ^Vveva uiia memoria eterna , che si rlcordava 
d' ogni cosa. Una sera sendo in casa sua , e volendo 
dare piii lihri per 1' amor di Dio a santo Marco , era- 
no in uno armario dove erano stati piii tempo ; ricor- 
dossi di tutti i iibri clie v' erano drento , e tutti gli 
disse per nome ; infra quali libri v' era il digesto vec- 
chio ; contoilo per nome , e disse , ponete mente che 
v' e suso uno nome stravagante d' uno tedesco di chi 
ogl' era istato ; ricorjossi non solo del nome del libro , 
ma del tedesco. Trovato che fu , disse : e' sono piii 
d* anni quaranta che io 1' ehbi , e non lo rividi mai 
piii se non ora. Era tanto universale in ogni cosa , che 
con tutti quelli che parlava , aveva materia ; s' egl' cra 
con uno litlcrato , ragiouava della sua faculta ; se di 
teologia con teologi parlava , egli n' aveva grandissima 
perizia peressersene sempre dilettato , ed il simile pra- 



I 



DE* MEDICI. 341 

ticfito con rlii sc ne dilctfava , c lctto assai lilu-i dclla 

scrittura santa. S' era di filosofia , qucllo mcdcsimo. 

S' egl' era astrologo , egli n' aveva uno univcrsale giu- 

dicio , pcr avcre scmprc praticato con macstro Pagolo 

e con altri astrologi , in qualclie cosa \i dava fcdc e 

usavala in alcuna sua cosa. Se fussino istati musici , 

egli n' aveva notizia , e alquanto se ne dilcttava. Se 

praticava con pittori o scultori , egli sc ne dilcttava 

assai , ed aveva alcuna cosa in casa di singulari mae- 

stri. Di scultura egli n' era intendentissimo , e molto 

favoriva gli scultori c tutti gl' artefici dcgni. Fu molto 

amico di Donatello e di tutti i pittori e scultori ; e 

perclie ne' lempi sua quest' arte degli scultori alquanto 

venne cli' cgl' erano poco adoperati , Gosimo a finc clie 

Donaiello non si stesse , gl' allogo certi pcrgami di 

hronzo per santo Lorenzo , e fecegli fare ccrtc porte 

clie sono nella sagrestia , ed ordino al banco ogni set- 

limana che avesse una certa quantita di danari , tanto 

cbe bastassino a lui ed a quattro garzoni cbe tcncva , 

ed a questo modo lo mantcnnc. Pcrclie DonatcIIo non 

andava vestito come Cosimo arebbe voluto , Cosimo gli 

dono uno mantello rosato e uno cappuccio , e feccgli 

una cappa sotto il mantello , e vestillo lutto di nuovo , 

e una mattina di festa gHeli mando a fine clie li por- 

tasse. Portolli una volta o dua , dipoi li ripuose , e 

non gli vollc portare piii , perclie dicc che gli pareva 

essere dclicato. Usava Cosimo di queste liberalita a uo- 

niini che avessino qualche virtii , pcrche gl* amava as- 

sai. Deir architettura cgli fu peritissimo , come si ve- 

dc per piii edificj falti fare da hii , che non si murava 

o faceva nulla sanza parere o giudicio suo ; ed alcuni 

che avcvano a cdificare , andavano per parere a lui. 

I 8. Venendo all' agricoltura , egli n* era intenden- 



342 cosiMo 

tissiiuo , ragionavanc come s' egli non avosse mai fat- 
to altra aite. In santo Marco 1' orlo cbe v' e , si fece 
por suo orJine , clie fu degnissinia cosa. Quando 1' or- 
dino , quello era uno campo dove non era nulla , che 
fu di certi frati clie v' erano istati innanzi ehe li ri- 
formasse papa Eiigenio. 11 siniiJe a tulte le sua pos«*s^ 
sioni vi sono poclie cose cii*ca alla agricoltura clie non 
fnssino ordinate da lui ,* infiniti frutti e nesd , e di 
questi era cosa mirabile clie con tutte le sua occupa- 
zioni non v' cra nesto nelle possessioni cli' egli non 
avesse a memoria ; e qnando venivano a Firenze i con- 
tadini , ne gli domandava del frutto e del luogo dov' 
egl' era ; e di sua mano si diletlava di nestare e di po- 
lare , in modo cbe mi trovai uno di a ragionare con 
]ui , clie sendo in Firenze il morbo , sendo lui di non 
molta eta , si partinno da Firenze e andorono a Ca- 
reggi , e senda di febrajo , cbe e nel tempo che si po- 
tano le viti , faceva dua dogni esercizi ; 1' uno , com' 
egli si levava , andava a potare delle viti , e per dua 
ore non faceva altro. In questo imito pnpa Bonifacio 
nono^ cbe le vigne sotto al palazzo del Papa a Roma 
Je fece porre hii , e ogni mattina nel tempo dcl po- 
tare , v' andava a potare di sua mano parecebi viti ; e 
infino a questo di a Napoli e il sc^golo con dua ghiere 
d' ariento cbe in memoria di papa Bonifacio banno ri- 
servato infino a questo tempo. E.itornato Cosimo la 
maltina da potare , aveva cominciato a leggere i mo- 
rali di santo Gregorio , opera dogna , cbe sono libri 
trentacinque, e disse avergli lelti tutti in mesi sei. Tut- 
li i sua esercizi o di villa o di Firenze erano degni di 
lui. Non si diletto mai di giuoco ignuno se non del 
giuoco degli scacchi , cbe alle volle per passare il tem- 
po dopo desinare arebbe giucato uno giuoco o dua , 



de' medici. 343 

ma radr voltc. Eia molto nolo del Magnolino , cli' era 
il primo cd il piii inlcndcnlc chc avcss(^ la sna cla 
di scacclji. 

29, Intervenne clie nno dc' principall dclla cilta , 
avendo preso qualclie sdegno con lul pcr avvcntc.ra 
non molto ragioncvolc , si dolcva di Gosimo con varic 
pcrsone. Scndogli ridclto da piii personc assai piii clie 
non diccva , si siava clicLo c non diccva nnlla ne vi- 
spondeva a pcrsona clic gli riportasse clie qncsto cit- 
tadino dicessc^ male di liii. Uso con costui , pcrclic gl* 
era stato grandissimo amico , qncllo clic non uso mai 
piii con pci"sona , e questo c cbe mando pcr lui , c 
aperscgli I' animo suo , moslrandogli cli' cgli si dolcva 
di lui a torto. E perchc cgli era nomo d' autorita , 
gl* nso questc parolc : voi andato dricto a cose infini- 
te , e 10 alle (inite , c ponctc le scale vostre in cielo , 
e io lc pongo rasente la tcrra per non volarc tanto 
alto clie io caggia ; c sc V ouore c la riputazione dclla 
casa mia io voglio clie vada innanzi a voi , c' mi paro 
cIjc sia giusio c oncslo , cbc io dcbha volcrc mcglio 
allc cosc mla cbe alle vostre. Nienledimeno voi ed io 
faremo couk* fanno i cani grossi cbe venendo 1" uno 
inverso V altro si fiutano ; dipoi pei'cbc ognuno ba 
dcnti , ognuno si parte e va pcr fatti sua ; voi vi fa- 
rcte i fatti vostri , ed io faro i mia. Questa volta fu 
quella dovc Gosimo apri piii 1' animo suo cbc faccssc 
mai a pcrsona , e fu cagionc qucsto sdcgno di coslui 
della sua tolale distruzione , per governarsene male , e 
credcrc a cbi 1' aveva male consigllato , e fece il con- 
irarlo circtto , cbc cicdeva (^oslmo avesse a segultare 
pcr avergli cosi apcrto T animo suo , cb' egli aveva 
iatto a fine cbe si ponessc pcrpetuo silenzio , e non sc 
n(» avcssc piii a parlarc. Alcuni emuli di Gosimo gli 



344 cosiMo 

(jcttoiio a intendore V opposito per farlo diventare suo 
nimlco , come fc' , credcndo fare iino cfretto , c ne fe- 
ciono un' altro , perclie col tempo feciono pensiero di 
torre la ripatazionc al figliuolo , parendo loro tiivcre 
il canipo liLcro dopo la morte di Cosimo , che nclla 
vita pcr la sua grandc riputazione non ebbono mai 
ardimento di tentare nulia contro a lui. Tentatolo di- 
poi la morte di Cosimo a Piero , tutto torno sopra il 
capo ioro ; istimando fare iino efFetto , ne segui un' al- 
tro. E s' eglino andavano in questo caso uno poco tem- 
peratamente , non arcbbono avuto queste cose il fine 
che cbbono , e non si guastava la citta come si guasta 
pcr lo parlamento del sessantasei (i). Ma quello che si 
fe' , lasccro scrivere a un' altro. 

20. Ritornando a Cosimo , quanto era cauto nelle 
sua risposte , dove consisie assai la prudenza d' uno uo- 
mo , venne uno di scndo io in camera di Cosimo una 
che aveva difTerenza con uno cittadino che gl' aveva fat- 
te molte violenze ed occupatogli ccrti sua terreni. Co^ 
stui si dolsc a Cosimo con parole molto veementi di lui. 
Cosimo lo stette a udire , e non rispuose mai a quello 
ehe aveva detto, ma volsesegli e domandoUo quanto era 
ch' egli non era stato a queste sua possessloni ? Pvispuo- 
se che non era molto tempo. Soggiunse e disse : vavvi 
spesso ed abbine buona cura , e falle governare bene , 
cd abbi cura che non'vi ci manchi nulla. Questa fu 
la sua risposta tanto cauta che disse non la intendere. 
Fugli risposto da quello medesimo che V aveva doman- 
dato : vedi con quanta onesta egli ha parlalo per non 
dire male di pcrsona , il dire che tu vadi a vedere 
queste possessioni spesso , che costui ti ha occupato ; 

(i) Intende la fazione di Luca Pilti conlro Piero dc' Medici. 
Vedansi gli annali del Muratori a questa epoca dcl i466. 



de' medici. 345 

vuo]c dire clv ellc sono tua , c clie le difcndeveLbe 
come tua per la loro conscrvazionc. Tultc le sua ri- 
sposte erano condile col salc. Erano moltissimi citta- 
dini clic per li casi loro andavano a Cosimo per con- 
siglio. Uno di infra gl' altri v' ando uno clie aveva 
rolto moglie di nuovo , e tenutala giurata piii mesi. 
Iiitervcnne clie di questa donna n' era qualclie sospetto 
di non cssere troppo onesta , e questo era mollo in 
dul)l)io al marito clie cra questo che ando a Cosimo a 
narrargli il caso , e volle intendere da lui quello clie 
fusse da fare. Cosimo istette alquanto sospeso , e dipoi 
disscgli : qucste corna clie tu ti vuoi mettere in capo , 
mettile nel gozzo , e vattene lungo le mura , e la pri- 
ma fossa clie tu trovi cavatele del gozzo , e gettale 
drcnto e sotterrale a fine cli' clle non siano vedute. 
Coslui subito intese Cosimo , e parvegli avere errato a 
publicare questo caso , e pcr questo seguito il consiglio 
di Cosimo di non ne parlare piii , e tolsesi questa sua 
donna pcr buona come si doveva istimare cli' ella fusse. 
2 1. Mentre cbe frate Roberto istette neH' osscrvan- 
za e predicava con si grande concorso , J' amo assai e 
fegli assai limosine , e mai gli uego cosa cb' egli do- 
mandasse , ed il simile faceva a tutti i buoni rcligiosi. 
Vcnendo frate Roberto da Milano dov' era istato al- 
cuno tcmpo a predicarc , ed il duca Francesco 1' onoro 
assai , e donogli assai , in modo cbe si muto di vita , 
e partissi dall' osservanza , e venne a una vita piii lar- 
ga , e avendogli il duca Francesco donato panno fian- 
dresco , per una cappa , molto bcllo e di grande pre- 
gio , se ne fece una bella cappa ; partendosi da Mi- 
lano , come e detto , e venendo a Firenze molto bene 
a ordine d' ogni cosa temporalc , avcva spento lo spi- 
rituale , ed era tutto rautato di vita di costumi e di 



346 C03IM0 

presenza. Vennc a visitare Gosimo non conoscendo la 
natura sua , il quale avenclo inteso la sua mutazione, 
non lo aveva in quella riputazione che aveva avuto 
quando era a miglior vita. Giunto in camera .sua , lo 
fece porre a sedere allato a lui. Vedutolo si pomposo , 
piglio con mano la cappa ch" era si fina chc pareva 
di seta ; di poi gli disse : frate Roberto , questo panno 
e succinericcio ? Frate Roberto rispuose clie ne gl'^ ave- 
va donato il duca Francesco. Gosimo gli disse : io nou 
vi domando cbi ve 1' ba donato , ma doraando se e 
succinericcio. Frate Roberto si ravviluppo tntto quan- 
to , e non gli pote rispondere. Veduto dove egli en- 
irava di riprcnderlo onestamentc di questa sua mnta- 
zione , seudo stato alquanto con Gosimo . se gl' acco- 
sto agli oreccbi e ricbieselo cbe gli prestasse ducento 
ducati. Accostossi agl' oreccbi a lui , e usogii certe pa- 
role assai oneste , dove gli raostro non lo volere fare , 
dispiacendogli assai la sua mutazione ; e se in prima 
gP aveva donato piii volte per via di limosina , qucsfa 
volta a fine cbe conoscesse il suo errore , non gbeli 
volle prcstare , e tutto fece con grandissima onesta , 
cbe ignuno de' circostanti se n' avvide. Ma dipoi cbe 
fu partito , con oneste parole dimostra essergii assai 
dispiacciuta la rautazione della vita sua. Queste sono le 
condizioni cbe vogliono avcre gl' uomini cbe si cbia- 
mano savi come Gosimo , cbe aveva in odio quelli cb' 
erano V opposito. 

2 2. Gosimo fu liberalissirao , e raassime con tutti 
gl' uomiui cbc conosceva cbe avessino qualcbe virtii. 
I piii degl' uomini cbe occupano il tempo ioro alle let- 
tere , e non si danno ad alcuno guadagno , sono po- 
veri di robba , e riccbi di virtu , come era fraie Am- 
brogio monacG degl' Agnoli, nel quale erano tante sin- 



DE MEDICI. 



3/fT 



cnlari virtii d' cssero monaco sanlissimo e osscrvanlis- 



simo della sua rcgola. Gosimo in tiitti i l)isogni del 
siio monistcro gli spvveniva , il qiiale come c dclto , 
amava assai i Luoni ; e pcr lc sua virtii non solo 1' 
amava , ma cgli 1' aveva in grandissima riverenza , e 
radi di crano clie Gosimo non andasse agl' Agncdi , 
dove si trovavano lui e Nicolao Nicoli e Lorenzo suo 
fratello , e vi stavauo ogni di parccclii ore prcscnti, 
Mcntre clie frate Ambrogio tradusse santo Giovanni 
gvisostomo sopra V epistole di santo Paolo , comc ncl- 
Ja vita di frate Ambrogio s' h detto , Nicolao scriveva 
e frate Ambrogio traduceva , cd era Nicolao velocis- 
simo scrittore di lcttera corsiva autica , e non poteva 
lanto scrivere quanto frate Ambrogio traduceva , in 
modo che bisognava cbe dicesse ispcsso a frate Ambro- 
gio cbe andasse adagio. Qaesto udii da Gosimo cbe 
cra prcsentc. 

^3. Ritornando nWa sua libcralita , egli sovveniva 
gl* uomlni cbe avevano qualcbc virtii. Avendo NicoLio 
buona parte delle sustanze sua consumate in libri , e 
mancandogli da potere vivere , come s' e detto nel co- 
mcntario dclla vita sua , Gosimo conoscendo la neces- 
sita di Nicolao , gli disse cbe non volcva cbe si la- 
sciasse mancare nulla ; cbe aveva ordinato al banco cbe 
gll fussino pagati i danari cbe voleva ; iscrivesse per 
sua polizza al banco quando n' avcva bisogno al cas- 
siere , cd il cassiere gli pagberebbe. Yeduta Nicolao 
questa liberalita di Gosimo , mandava al banco per da- 
iiari cbe aveva di bisogno ; e fu questa una grande li- 
beralitcH a conservare ne' sua bisogni uno uomo della 
qualita cb' era Nicolao. Tolse al banco in questo mo- 
do infino alla finc della vila sua ducati cinquecento , 
e conservossi con questo mczzo con ripulazione , cbe 



348 C06IM0 

diflicilmente lo poteva fare se Cosimo non fusse stato,. 
Aveva Nicolao grandisslma famigliarita con Gosimo , 
in modo che come nel comentario della vita di Nico- 
lao si e scritto , andando Cosimo a Verona a fuggire 
la moria , mcno in sna compagnia non giuocolatori ne 
araldi , ma Nicolao Nicoli e messer Carlo d' Arezzo , 
dua uomini singularissimi , con i quali volentieri con- 
feriva degli studii delle lettere. Cosimo ne nella vita 
ne nella morte di Nicolao de' fiorini cinquecento nou 
ne domando mai nulla , perche la sua intenzio,ne fu 
di donarglieli. A questo modo sovveniva a tutti gl' uo- 
mini dotti e huoni nelle loro necessita. Chi sono sta- 
ti gl' uomiui cho usino simili liheralita come usava 
Cosimo ? 

24. Non passero qui ch' io non dica della sua hiau- 
dita liheralita ch' e^^li uso a maestro Tomaso da Sere- 
zana , che fu dipoi papa Nicola, nel tempo ch' egl' 
era vescovo di Bologna , e di quello non aveva enfrata 
ignuna , perche s' era rihellata dalla Chiesa. Mandan- 
dolo papa Eugenio amhasciadore ia Francia , maestro 
Tomaso iusieme con messer Giovanni Garvagialle , di- 
poi Cardinale di^ santo Agnolo , e sendo mal provedu- 
to da papa Eugenio di danari per si lungo viaggio , 
sendo il Pontefice povero , giunto in Firenze e visi- 
tatolo io scrittore , mi disse che voleva che io andassi 
per sua parte a Cosimo de' Medici a richiederlo che 
gli prestasse ducati ccnto , perche papa Eugenio nou 
gli aveva dato tanti dauari che gli hastassino a si lun- 
go vinggio. Fatla T amhasciata a Cosimo , sanza troppo 
pensarvi mi disse : digli che io mandero a lui Roherto 
MarteJli , e daragli tutto quello che vorra. Non fui si 
presto giuuto a niesser Tomaso , che giuuse Roherto 
con una lettera "reuerale a tutte le compagnie di Cosi- 



De' AIEDICI. 349 

mo txi a' siioi corrispoiidcnti clie pngassiiio tiitto qucl- 
lo clie volcssc maestro Tomaso , iioii vi poncndo nii- 
mcro ignuno. Vcduta messer Tomaso tanto inaudita li- 
Leralita , nou gli scndo molto noio se non pcr lc sua 
singulari virtii , disse a Kobcrto clie lo ringraziasse 
per infinitc volte per sua parte , e cli' cgl' aveva fatlo 
assai piii clic non domandava. Robcrto gli disse clie 
questo non era nulla rispetto alla sua buona disposi- 
zione cbe aveva inverso di lui* 

2 5. Ando alla sua lcgazione , e piglio in su quella 
l^ttcTa ducati ducento. Tornato a Firenze , e mancan- 
dogli dandri per conducersi a Roma , andando mcsser 
Tomaso a santo Giovanni cbe v' cra il perdouo , trovo 
Goslmo air uscire di Gbiesa , e fccrgli molto grandi 
raccoglicnze , e si lo ringrazio di qucllo cbe avcva fat- 
to ; dipoi dissc cbe gli ])isognavauo , ohre a ducento 
scudi cbc avcva prcso in sulla lettera , altri ccnto per 
condursi a Roma. Gosimo disse manderovvi Roberto 
con commcssionc di darvi tutta quella somraa cbe vor- 
rete. Venuto Roberto col cassiere con buoua somma 
xli danari a cfierirgll quanto Gosimo gl' aveva detto , 
non volle se non dticati cento , dicendo cbe questi gli 
Lastavauo. Giunto a Viterbo , fu mandato il cappello 
a lui ed al compagno , cbe fu santo Agnolo altrimenti 
racsser Giovanni Garvaglalle spagnuolo; ed innanzi cbe 
fusse r anno fu fatto Papa , e fu il titolo suo Nicola , 
in memoria dcl Gardinale di santa Groce , ii quale 1' 
aveva allevato. Fatto Papa , delle prime cose cbe fece , 
si fu cbe fece Gosimo suo dipositario , ricordandosi dcl 
bcneficio ricevuto. Sendo il giubileo a Roma , fu volta 
cbe si trovorouo di quello dclla Gbicsa cento mila du- 
cati , e fu Gosimo rimunerato della liberalita usata£rli 
iu infinito. Aveva Gosimo questo buono vedere d' es- 



350 coaiMo 

sere aniico dcgV uomliii virtiiosi , e sapergli , e istlmar- 
gll , e servirgii : In tulte le cose che T avessiiio richle- 
sto , dava loro ; cd iiioltre faceva infiiiite di queste ii- 
Leralita sanza esserne rlchicsto. 

26. Sendo Cosimo a Carrecrori Tando a visitare uno 
frate di santo Fraucesco deli' osservanza predicatore 
e molto dotto. Avendo parlato alquanto con iui , gli 
piacque assai , e nel partire lo domando se aveva hib- 
bia per potere vedere i testi che vi rlmeltevano. Dlsse 
il frate di no. Nel partire Coslmo gli disse , clie gll 
facesse motto 1' aliro di ,* ed in quello mezzo fece cura- 
perare una hella hihhia poriabile , e si glie.la dono e 
disse che pregasse Dio per lul. Presala il frate ringra- 
ziollo molto. Era dlscreto in ogni cosa , e conosceva 
gP uomiui a guardarli in viso. Messer Giovanui Ar- 
giropolo fu cagioue Cosimo che venlsse a leggere in 
Flrenze in favore de' sua cittadlni , e da lui rlcevette 
raoltissimi beneficj , e spesso andava a visltare Cosirao , 
perche egli in questo tempo non andava fuori ; e mes- 
ser Giovanni il di delle feste , che non leggeva , an- 
dava a visitarlo con alcuni de' sua scolari. Cosimo sem- 
pre lo domandava di varle cose , ora della immortalita 
dell' anima , e quaudo d' altre materie o di teologia o 
di filosofia ; cou lui non si perdeva mai tempo. Per 
lunso uso che aveva avuto con gV uomini litterati, ave- 
va grandisslmo giudlcio e soddisfaceva assai , ma biso- 
guava che fusse perlto e dlscreto chi voleva soddlsfa- 
re a Cosimo. Uuo di Cosimo , sendovi messer Giovan- 
ni e messer Otto Nicoilni , Cosimo domando a messer 
Giovanni se le leggi de' iurisconsulti erano sccondo fi- 
losofia niorale , a quale filosofia erano suggette. Mes- 
scr Giovanni rlspuose che ie ieggi de' iurlsconsulti era- 
no sottoposlc alia fiiosofia moraie , e uon crano deila 



De' MEDICI. 351 

cssoiiza J(;Ila filosofia. ISlcsser Olio voluva ch' cllc fussi- 
110 parlc dclla filosofia moralc cd allcrossi molto. Mes- 
scr Giovaiuii gH rispondcva coii potciitisilmi argomeiiti 
eh' ^^^^ **t)ii crano in modo ignuno parte dclla filoso- 
lia morale ma sottoposte , e messer Otto pcr nulla noii 
\olcva. Gosimo sapcva cli' elT erano sottopostci alla fi- 
Josofia moiale , ma voleva vedcie la difcsa di mcsscr 
Otto , \i\ qualc era diflicile ; bisognava provare per ra- 
gionc , il clic era dlllicilc ; c cosi rimasc tra loro in- 
determlnata , perchc difficilmcnte si poteva provare. 
Ehbc Gosimo di qucsta disputazioiie grandissimo pla- 
ccre pcr vcdcre la varlcta dcgP iiigegnl. 

27. Ritornando alla libcralita di Gosimo , c qnanto 
sempre onoro c rimuaero i buoni e lilterati , m;'sscr 
IMarsiglio ligliuolo di mess(;r Ficino scndo uomo di 
buono ingcgno e volto alle virtii e dotto in greco cd 
in latino , ed avendo mediocre faculta , a flne che non 
avesse a andare a qucllo ultimo cstrcmo dclla pover- 
ta , gli conipero una casa in Fircozc , e dononnegli , 
e gli dono nno poclerc a Garcggi di taiita cntrata ch' 
cgli potesse vivere lui con dua compagni e plLi , c det- 
tcgli dcir altre cose per sovvenire alle sua necessita. 
Sempre fu padre e benefattore di tutti quclli che ave- 
vano qualche virtii. Avendolo scrvito uno famiglio plu 
auni con grandissima fcde , per salario dandogli 11 
prezzo ch' crano restati d' accordo con lul a tauto il 
mese , non vollc oltrc al prezzo pagarlo , come fanno 
molii cittadini , dl meltcrlo in palazzo o a qualche ar- 
tc , e qucsto vogliono che sia la riinuncrazlone dclJe 
loro fatiche ,• Goslmo lo volle fare delle sua proprle 
sustanze c non di qucllc d' altri , e per qucsto gll do- 
no uno podcre prcsso a Fircnze , clic lui e la donna 
che aveva cd altri nc potcssino vivcrc , cd il slmile 



^COSl c 



3o2 cosiMo 

gli doiio iina casa \n Fireuze , iii modo chc polessc 
vivere a sufficienza sanza che gii mancasse nulla pcr 
rimimerarlo della siia fatica. Qneste sono qiielle che si 
chiamano liberalita. 

28. Avendo iufino a qui detto delle laudabili con- 
dizioni di Cosirao , e massime nel suo governo e dello 
spirituale e del teraporale , e come sempre ebbe rlguar- 
do a ogni cosa dove fusse 1' onore di Dio e quello del 
mondo , ne' sua tempi era universale la fama che ave- 
va per tntto il mondo , di natura chc non passava di 
qua uomo di condizioue che non lo volesse visitare. 
Sendo stato uno vescovo di cinque Chiese a Ferrara 
piii lempo , di nazione ungaro , uomo di grandissima 
autorita e dottriua , avendo llniti gli sludii sua , e vo- 
lendosi ritornare nella sua patria richiamato da' sua , 
non volle , se in prima non veuiva a Firenze a vedere 
tre uomiui degni che v' erano ucl suo tempo , Cosi- 
mo de' Medici , messer Giovanni x\rgiropolo , e raesser 
Poggio. Giuiito in Firenze , mi disse volere parlare a 
tulti e tre innanzi che si partisse da Firenze. Seudo 
corr. Cosimo a Carrcggi * , vi volie aadare , e 1' accompagnai 
influo la. Subito giunto , e detto a Cosimo come gli 
voleva parlare , lo fece venire in camera dov' egl' era , 
e quivi istette a parlare con Iiii per luago spazio. 
Uscito fuori di cauiera il vescovo , Cosimo disse dipoi , 
essere il da piii oltramoutano a chi cgli avcsse parla- 
to. Uscendo il vescovo da parlare a Cosimo , gli parve 
cosa mirabile la presenza sua e la presLauza del suo 
iugeguo , e diceva non avcre mai nelia vita sua par- 
lato a piii siugulare uomo di iui , e uon diminui pan- 
to la preseuza di Cosimo alia sua fama , ma crcbbe as- 
sai ; e cosi venivauo iufiniti degni uomini mossi dalla 
fama sua che aveva per tutto il mondo. 



de' ;«Ei)ici. 353 

2p. Nel tcmpo siio furono niolti prestanti nomiiii 
e nello slato spiritnalc e nel lemporale , e nelle let- 
tere ed in ogni facuka , e non solo nella cltta di Fi- 
rcnze ma in tutta Italia e fuori. Fu ik;! tcmpo suo in 
prima papa Marlino clie riformo la Chiesa dl Dio cli' 
era stata in iscisma e in discordia. Succedette papa Eu- 
genio , papa Nicola non inferiore a ignuno dc' dua. 
Fu fuori d' Italia Sigismondo imperadore , che tenue 
oltre allo 'mperio il reame d' Ungaria , e fu nimico ed 
oste alli impiissimi Turchi , come si vcdc clie nel suo 
tcmpo sempre istettono a' lermini loro , e non oppres- 
sorono i Gristiani <iome hnnno fatto dipoi. Fu il re 
Alfonso , ornamento de' re de' sua tempi per tante dc- 
gne condizioni quant' erano in lui. Fu il duca di Mi- 
lano Filippo , che bene die in lui fussino alcuni vizi , 
v' erano assai virtii , che fu di tanta potenza che piii 
anni ebbe a fare co' Viniziani ed i Fiorentini , e detle 
loro da pensarc assal , ch' erano le dua princlpali po- 
lenze d' Italia. Succedette a lui il duca Francesco pe- 
ritissimo nella disciplina mllitare , che per propria vir- 
tii acquisto lo stato di Miiano. Era ncl medesimo tem- 
po messer Francesco Foscari doge di Vinegia , col sen- 
no e ylrlvL del quale acquistorono i Viniziani grande 
parte di quello ch' egl' hanno in terra ferma. Fu nel 
numero di tanti singulari uomini Gosimo de' Medici 
HOu inferiore secondo la sua qualiia a tanti degni uo- 
mini per le sua singulari virtii. 

3o. Fugli la fortuna molto prospera in ogni cosa , 
perche nel suo tempo ebbono a fare col re Alfonso 
venuto a' danni de' Fiorentini con potentissimo cscrci- 
to, e co' Viniziani ch' erano contro il duca Francesco : 
pcrche sempre cbbe Goslmo paura di quello che poi 
seguito , che i V^iuiziani iiou si facessino si ffrandi che 



y3 



354 cosiMo 

(llpoi la cllta Ji Firenzc aveswe u tciiKMgri : c fcce ogiii 
cosa pcr abbassargli. E iii qu( sla ^uerra del duca Fran- 
ccsco , se i sua ciltadiiii gli rcgg(?vano allo spendere , 
come uoii gli rcssono , T aveva bene veduta , perche 
erano vcnuti iii luogo che avevano olTerto a' Fioren- 
tini a Roma per mezzo di messer Pasquale jNJulipieri 
loro anibascladore , in mano di mcsscr Giannozzo Ma- 
nctli il foglio bianco , e che i Fiorentini V acconcias- 
sino a lor modo , che ratificherebbon(>. Avendo segui- 
tato ancora sei mesi nella impresa , avcva Cosimo ve- 
duto benc queslo caso , perche si riduccvano in luogo 
che non bisognava mai piii dubitnre di loro ; e per 
Gosimo non manco. Usava dire Cosimo d' avere fatto 
tutto quello chc aveva poluto di abl)assare la loro po- 
lcnza. Nel medesimo tempo clie aveva roila la guerra 
il duca Franccsco a Viniziani , avevano la guerra col 
re /Mfonso ; e con la sua Maesta ebbcno grandissimo 
onore , perch(j fu costretto a partirsi d' in su i terreni 
de' Fiorcntini ed andarne nel suo reajne. Terminale 
(jueste dua gucrre , istctte la citta di Firenze anni do- 
dlci in pace ; tulto fu per ]a rlputazione di chi aveva 
governato , che fu Cosimo solo , con riducere le poten- 
ze d* Ilalia a quclla equallla che le ridusse , e massi- 
me de' Viniziani ; e duro tutta questa pace infino che 
Goslmo visse ; perch(3 morto Cosimo , i Viniziani su- 
bito ruppono guerra a' Fiorentini, che non sendo mor- 
to non r arcbbono fatto. Eglino mandorono Bartolo- 
meo da Bergamo con potentissimo esercito , di natura 
the la maesta del re Ferdinando e il duca Galeazzo 
ed i Fiorentlui con tutte le loro potenze ebbono dif- 
ficulta di dlfendersi da loro. E di questa impresa pa- 
rcndo loro avere il partito vinto , ruppono ogni fede 
ed ogni giuramento promesso per mezzo di papa Ni- 



de' mkdici. 355 

cola della pnc(. falta p.-r moz.o tlclla s„a Sanlita , cot, 
imie le ccnsure ccclesiastiche a q„olli clie la violassi- 
1.0, ed . V.uiziani i,o.i ebbono rispetto a ifrn,,,,, j; 
<l..esle cosc. Avendo ..arratc queste cose fatle da Cosi- 
mo per v,a di rico.do , non si i potuto s..rva,e quello 
ord.,.e che si sarebbe osservato , avendo avuto a scri- 
ve.-e la v.ta sua , e pcr questo sono messe le cosc ,an- 
^a o.-d,„e • hasta che a ehiavesse a serivcrla questo 
nco.-do gl, darebbe g,-andissin,a notizia. 

3,. Ritornando a Cosimo , avendo uno suo paren- 
te, che era molto rieco , e ogni volta che lo vcdeva 
s. doleva eon l„i delle sua grave^.e , e dieeva esse,e 
povero, e ogni di gli replicava una medesima lezio- 
..e, Cos,mo delibero di po.gli silenzio ch' egli „o„ gli 
rompessepm il eapo ; e uno d1 t,-ova„dolo in su la 
p.azza de S.gnori , subito combicio a parlare con Co- 
-mo , c lessegli la medesima lezione. Posto che ebbe 
fi..eaIsuoparIare, Cosimo lo chiamo per no,„e , e si 
g . d.sse: vo, mi siete pa^ente ed amico , e dicendo.ni 
c he vo, s.ete povero , „o„ pofreste dlre cosa ignnna 
che p.u m, dispiacesse ; perche il chiomarsi povero 
nuoce a og„i eosa, e fuoH di Firenze ognuuo si fa 
fa p,u r.ecocheno„ e, aFircuze si fa il conlrario , 
e solo g.ova a una cosa , ed a tutte 1' alt.e nuoce e 
questo e alla gravezza. Ritorna..do a voi , ehia,nasi egli 
povero ch, ha ,„ sul monte sessanta mila fiorini 7 CI.L 
«as. egl, povero chi ha compagnie in cortc di f.oma . 
•n F.renze, ed ,n pii, luoghi ? Chiamasi egli povero 
ch, ha tante possessioni quante avete voi i,. o.ni luo- 

.gn„.io? Ch.amas. cgl. pove.-o cl.i mura i„ viir. e in 
l;.renze si soniuosamente ? Chiamasi egli pove.o chi 
'■eneIos.acocl,ete,.etevoieivostri\lLj:d;t 



356 cosiwo 

migli , di cavalli , e vestire megHo che uomini di Fi- 
reuze ? Avendo commemorate Cosimo tuttc queste co- 
se , cir erano vere , non gli pote rispondere > e fu una 
medicina di uatura che mai piii si dolse con hii , n6 
si rammarico di nulla. 

32. IntervenDc che imo suo fattore di tutte le mu- 
raglie che faceva , gli fu mosti*o che lo ingannava di 
huona somma. Gosimo come savio non voUe correre a 
furia , come arehhono fatto i piiik Conosciuto questo , 
iion gli fece altro , se non che gli levo la commessio- 
ne , che non volle che facesse piii i fatti sua , sanza 
fargli cosa alcuna o dirgli nulla , che aveva speso per 
le sua mani grande somma di danari , che aggiugne- 
vano presso a cento mila fiorini* Per tutta la citta era 
la fama di costui quello che aveva fatto , e non si par* 
lava d' altro , e dov' cgli andava era rimproverato. Noti 
qui ognuno la prudenza di Gosimo e la sua invinci- 
Lile pazienza. Venne uno di costui a Cosimo , che 1' 
aveva ruhato , alla mia presenza e si gli disse : Cosi- 
mo , per tutto Firenze si dice che io v' ho rubato , e 
per questo m' aveie levato il governo delle muraglie. 
Non gli disse , ch' egli 1* avesse rubato come aveva ; 
ma dissegli : che vvioi tu ch' io faccia ? Rispuose , che 
se voi fuste domandato che io v' ho rnhato , che voi 
diciate di no. Disse Cosimo : fa che io ne sia doman- 
dato , che lo diro. Sendo alcuni con hii , sanza dire 
nulla si volse loro , e comincib a ridere e non disse 
nulla , ne ignuno fu che avesse ardimento di parlare , 
per r autorita sua. Non ^ ignuno che avesse avuta tan- 
ta pazienza , che non gl' avcsse risposto a quello che 
gl' aveva fatto , e mai non si dolsc di costui con per- 
sona , che ci uso drento uno grande senno per piii 
rispetti. 



de' medici. 357 

33« Usava diro Coslmo clic gl' cra uii crha clie na- 
sce\& ne' piii degli orti , clie si voleva non la innaf- 
flare , ma lasciarla scccare ; ed i piii Ja innafliavano e 
iion la lasciavano scccare , e questa era la invidia , cli' 
cra una pessiraa erba , ed orano pochi , sc non erano 
niolto savi , cbc non vi rovinassino drento , conie per 
esperienza s' era vednlo. Istava Cosimo in questo ul- 
timo della vita sua molto sospeso , e stava alle volte 
parecchi ore sanza parlare , solo pcnsando. Domandan- 
dolo uno di la donna la cagione della sua laciturni- 
ta di non parlare , le disse i quando tu hai a andarc 
in villa , tu stai quindici di impacciala pcr ordinare 
questa andata ; avendo io a partirmi di questa vila e 
andare alP altra , non ti pave che sia da pensare ? Vol- 
Je pcr passare tempo , innanzi circa uno anno che mo- 
risse , farsi leggere V etica d' Aristotele a messer Bar- 
tolomeo da Colle cancellicre in palazzo , e prego Do- 
nato Acciajuoli che arrecasse in ordine gli scritti che 
aveva ricolti sotto messcr Giovanni sopra 1' etica , e se- 
condo che Donato emendava , cgli mandavn i quiulerni 
a Cosimo , e raesser Bartolomeo leggeva , e lessela tut- 
ta ; e questo comento che c' 6 oggi dell' etica di Do- 
nato , fu quello che s* emendo mcntre che Cosimo se 
la faceva leggere. Molte cosc si potrcbbono scrivere di 
lui , chi avesse a scrivere la vita sua , le quali io la- 
scio. Solo ho fatto infino a qui quello che ho veduto 
da lui ed udito da persone degne di fede. L' altre cose 
le lascio a quelii cbe si vorranno affaticare a scrivere 
la vita di si degno cittadino , ornamento de' sua secoli. 
Quello che ho scrilto 6 la proprla verita secondo che 
r ho udila e veduta , non levaudo ne aggiugueudo nul- 
l^ del mio. Chi fara la vita sua potra stcndersi assai 
piii che Qon ho fatto io , e fare le cose pia chiare. 



358 

53. PALLA DI NOFRI STROZZL 



..M, 



esser Palla di Nofri delli Strozzi , famiglia 
nobilissima per molti degni uomini che ha avuti , e 
per mcsser Palla che Ja nobilito per le sua singulari 
virtii , fu dottissimo in greco ed in latino , alle quali 
scienze si dette con una grande assiduita. Fu molto 
affezionato alle leitcre e molto le onoro , e m.isele- in.- 
nanzi quanto uomo avesse mai la citta di Fireuze, 
Sendo in Firenze Luonissima notizia delle lettcre la- 
tine ma non delle greche , detcrmino che avesse an- 
cora delle grcche , e per questo fece ogni cosa che poie 
che Mauuello Grisolora greco passasse in Italia , pa- 
gando buona parte della ispesa. Venulo Manuello in 
Italia ncl modo detto col favore di messcr Palla , mau- 
cavano libri sanza i quali non si poteva fare nulla.. 
Messer Palla mando in Grecia per infiniti volumi di 
libri , tutti alle sua ispese ,• la cosmograiia colla pittu- 
ra fece venire infino di Gostantinopoli , le vite di PIu- 
larco , r opere di Platone , ed infiniti libri degP altn^ 
La politica d' Arlstotele non era in Italia , se messer 
Palla non V avesse fatta venire lui di Costantinopoli ; 
e quando messer Llonardo tradusse la politica , ebbe 
la copia di messer Palla. Fu cagione messer Palla per 
aver fatto venire Manuello in Italia , che messer Lio- 
nardo d' Arezzo imparasse le lettere greche da quello ,* 
e Guerino veronese , frate Ambrogio degP Agnoli , An- 
tonio Corbinelli , Roberto de" Rossi , messer Lionardo 
Giustiniani , messer Francesco Barbaro , Piero Pagolo 
Vergerio. Ser Filippo di ser Ugolino , che fu non solo 
nella lingua latina dottissimo , fu discepolo di Manuel- 
lo , c fu in quello tempo riputato il piii dotto uomo 
che avessino i latini , per essere suto diligentissimo in 



PALLA STROZZI. 359 

ogni cosa. Nirolao IVicoll fu suo tllscrpolo , c massime 
nello istudio dcllo lcUcre greclic. Furono tanti i frutti 
che seguitorono della venuta di Manuello , clie infino 
al presente di si colgono ; dclla quale vcnula fu ca- 
gionc raesscr Palla , il quale merito grandissima lodo 
e commendazione di tulte 1' opere sua per la genero- 
sila dcir animo suo. 

2. Diccva messcr Lionardo d' Arezzo in lodc di 
lui , clie il piii felicc uomo clie avesse avuto V eta sua 
era messer Palla , di tutte le parti che si richiedono 
alla umana felicita , cosi delle doti dcH' anima come 
del corpo ; dottissiuio in lutte d«ia lc linguc latina c 
greca , di maraviglioso ingegno , bellissimo del corpo 
e di tutte le parti , che chi non I' avesse conosciuto 
altrimenti , solo nell' aspetto arebbe giudicato che fusse 
messer Palla. Aveva la piii bella e la piii degna fa- 
miglia che fusse in Firenze cosi maschi come fcminc ; 
i maschi litteratissimi e di degnissimi costumi , le fe- 
mine allcvate sotto la disclplina di madonna IMarictta , 
donna singularissima de' sua tempi , maritolle a' primi 
della citta , che furono Neri di messer Donato Accia- 
juoli ; n' cbbe una prancesco Soderini , 1' altra Gio- 
vanni di Pagolo Rucellai , I' altra Tomaso Sacchetti ; 
tutti quattro erano di degnissima istirpe , e ricchi di 
bcni eslerni che restorono e furono ornamento della 
citta. Fu accettissimo alla patria , e da quella ebbe tut- 
le le degnita che si danno a uno cittadino e nella chOi 
c fuori. Per ambasciadore ando in tuttc le degne le- 
gazioni , e di tutte arreco grandissimo onore alla sua 
patria. Aggiunsc a tutie queste doti 1' onesta ; che , ve- 
nendo prima alla persona sua , cgli fu il piii coslu- 
niato e piii oncsto cittadino che avcsse la citta ; e il 
similc volle che fussino tutti i sua figliuoli ; ed a fine 



360 PALLA STROZZr. 

cLe a' figliuoli non mauc.isse parte ignuna degna , ten- 
ne loro luio precellore che si chiamava messer Gio- 
vanni d' Imola uomo doltissimo . con buonissimo sala- 
rio. Qtiando questi sua figliuoli audavano per la cit- 
ta , non Lisognava dire di chi eglino fussino figliuo- 
]] , ch' era tantu il loro degno aspetto-, che da ognuno 
erano conosciuti. Avcndosi a riforinare lo studio a 1 i- 
i*enze , e conoscendosi quanto raesser Palla fusse affe- 
zionato alle letteri; , fu fatto degli ufficiali dello isludio- 
Ordino messer Palla de* plii degni istudii che fussino 
istati gia e lunghissimo tcnipo a Firenze in ogni fa- 
culta , e p£y la fama di tanti singulari uomini venne 
in Fireuze grandissimo numero di scolari d' ogni parte 
del mondo. Era la citta di Firenze in quello tempo 
dal >entidua al trentatre in felicissimo i&tato y copio- 
sissima d' uomini dotti in ogni facuU^t , ed ei*a piena 
di prestantissimi cittadini , che ognuua s' ingegnava 
avanzarc V uuo V altro nelle virtii , e per li>lto il mou- 
do era la fama del suo laudabile governo , e non era 
persona che non ne tremasse della potenza loro. 

3. Aveva messer Palla sempre tenuto in casa sua , 

come inuanzi e detlo , pcr insegnare a' figliuoli i piu 

dotti uomini d" Italia , e non solo istimava le leltere 

di farlc imparare a' figliuoli , ma i costumi innanzi a 

ogui cosa. Oltie a messer Gioxanni d' Imola , del quale 

abbiamo fatta menzione innanzi , egli tenne maestra 

Tomaso da Serezana , 'che fu dipoi papa Zsicola, che 

fu il primo che tcuesse in casa con grandissimo sala- 

rio ; perche sendo a sludiare iuBologna, come nella 

sua viia e detto , e non avendo danari da potere se- 

guitare uegli sua istudii , iatette in casa di dua cilta- 

diui iu Firenze dua anni ; 1* uuo fu messer B.inaIdo 

degP Albizi , 1' aitro messer Palla di Nofri. Ed in que» 



PALLA STROZZI. 364 

m\ tlua aniil ^uadagiiu tanto clie ne rltorno a Bolo- 
gna a* siia isludii ; c dipoi nel suo pontificato non fu 
ingralo n^ inverso mcsser Palla , ne inverso nicsscr 
Rinaldo. Non potcndo diniostrarlo a loro , lo dlniostro 
a* fltrliuoli maschi di messer Riualdo. Sendo ribello 
della sua cilla non por i sua mancanicnti , papa Ni- 
cola orli dette uno l)uonissimo ufficio , dove potiva ono- 
revohncnte vivere. Ed a mcsscr Carlo fighuolo di mes- 
ser Palla andalo a Roma , lo fece suo cuhiculario se- 
greto , ed cra in tanta grazia della sua Santila e di 
tutta la corte di Roma , che non passava V anno chc 
r arebbc fatto Cardinale per le sua virtii. Cosi era pu- 
blica fama in quclh) tcmpo iu lutta la corte di Roma. 
Fu di qualila qucsto giovane , che fu non solo orna- 
mcnlo della casa sua , ma a tutla la nazione fiorcnti- 
na , perche aveva fatto uno abito di virtii quale deb- 
bouo fare quelli che vcngono a quclla degnila , che 
pochi sono che venghino al grado che venne lui. 

4« Rilornando a messer Palla , egli fu modcstissi- 
mo citladino , e nel suo conversare nclla cilla ed in 
qucllo ch* ebbe a farc iiel reggimento ; ed atieso a fug- 
gire 1' invidla quanto egli pote , sappiendo quanto eJIa 
era perniciosa in una citta , e raassimc quando segui- 
tava gl' uomini della qualita ch' era messer Palla. I ug- 
giva assai P andare in publico ; in piazza non andava 
mai , se non era mandato per lui , nc in mercato nuo- 
vo. Nell' andare in piazza , pcr fuggire la invidia se 
ne veniva da Sania Trinila , e volefcva da borofo sanlo 
Apostolo , e veniva in piazza , e giunto vi si ferraava 
poco , ed entrava in palazzo. II lempo lo stimava as- 
sai , e non andava vagando su per le piazze , ma su- 
bito giunto a casa , attcndcva a sludiai'c in grcco ed 
in latino , ne mai perdeva lempo. Fu raesser Palla ado- 



362 PALLA STROZZI. 

p(?ralo in tutte le degnilh , come e detlo , e fuori e 
nella citta. Sendo afTezionatissimo alle lcttere , sempre 
tcnue scrittori in casa e fuori de' piii belli d' Italia , 
cosi in latino conie in greco , c tauti libri quanti egli 
poteva avore gli comperava in ogni faculta , con in- 
lenzione di fare una libraria in santa Trinita , e mu- 
rarvi iino bellissimo silo , e voleva cb' ella fusse pu-. 
blica cbe ognuno ne potesse avere comodita ; e face- 
vala in santa Trinita percbe e in mezzo di Firenze , 
Juogo molto accomodato a oguuno ; ma vennono i casi 
sua , e non pote seguitare quello che aveva disegnato. 
5. Istando in Firenze messer Palla con laudabili 
condizioni , e a\cndo come e detto una degnissima fa- 
miglla , fra' quali aveva uno cbe si cbiamava Bartolo- 
meo il piii gentilc giovaue cbe avesse la citta , ed il 
piii amato universalmente da tutti , e il padre V amava 
sopra tutti i figliuoli cbe aveva per eta ; avendo tenuti 
mcsser Palla preceltori a questi sua figliuoli , Barto- 
lomeo era dottissimo e molto volto alle lettere ed or- 
natissimo di costumi. lutervenne cbe sendo molto glo- 
vaue ammalo di febre ; fcce ogni cosa messer Palla 
sendo ammalato per salvargli la vila , e non si pote. 
Piacque a Dio di cbiamarlo a se , la qual morte dolse 
nniversalmente a tutta la citta per la singulare affe- 
zione cbe gl' era portata. Ora pensi ognuno quanto 
fusse grande V afHizione e il dolore di messer Palla si 
per essergli figliuolo e per amarlo tanto quanto ama- 
va , di natura cbe non era persona in Firenze cbe giu- 
dicasse cbe per uno caso avverso messer Palla n' aves- 
se mai io-nuno cbe lo stimasse tanto quanto la morte 
di queslo suo figliuolo. Ora messer Palla come fanno 
i savi , veduto questo accrbo caso penso , cbe bisogna- 
va fare forza alla natura , c dimostrare d' cssere qucllo 



PAT.LA STROZZI. 363 

in fatto cir era stato , cd cra V opinionc di tiitti ; clic 
in caso ignuno lo potcva piii dimostrare cbe nclla mor- 
tc dcl figliuolo , ch' cra una dclle grandi passioni , chc 
Dio potcsse dare agl' uomini in qucsta prcsenic vita. 
Ora avondo messer Palla assai rivolto pcr 1' animo quc- 
sto d()h)re , e comc uomo scndogli dohilo assai , vedu- 
lo che non v' cra rimedio , fcce fcrmo proposiio pcr 
porre V animo in pacc di non se ne dolere piu , c dire 
a tutti quelli che lo vcnivano a consolare , come egli 
aveva gia prcso partito di Bartolomeo , e che fussino 
contenti di non ne ragionare , che pochi nc erano re- 
stali che non lo fussino andali a visitare. Ora a tutti 
quclli che lo vcnivano a visiiarc , comc cglino giun- 
gevano per dolersi con lui della morte di Bartolomco , 
cgli diceva : di Bartolomeo nonc bisogna ragionare , 
avendo gia io preso partito ; bisogna che quello chc 6 
piacciuto alT onnipotente Iddio , piaccia ancora a nie. 
6. Avcva messer Palla una importabile gravczza , 
la quale era tanto grande che non gli bastavano 1' cn- 
trate , e bisognava che lui pigliassc danari in prcstan- 
za da piii cittadini. Ebbe scttcccnto fiorini di gravcz- 
za , e pagavascne tre il mese , e non bastavano. Fece 
come fanno i buoni cittadini , e quelli cIjc amano le 
loro citla , ch' egli 1' ajuto col senno , andato fuori nm- 
basciadore piii volle per polere soppcrirc alla sua gra- 
vezza. Egli aveva tcnuta grande amicizia con Giovan- 
ni dc' Medlci , c massime quando ando con lui am])a- 
sciadorc a Vinegia , c questa mcdesima amicizia avcva 
tenula con Cosimo suo (igliuolo. Avendosl a fugoire 
la mortalira ?i Lucra ncl vcnti , messer Palla e Cosimo 
Ja fuggirono insicme , e molto domcsticamcnte conver- 
sava con lul. Gra Cosimo gl' aveva piii volic detto che 
ogni voha chc gli bisognassino danari , che avcva or- 



364 PALLA STROZZr. 

dinato al banco clie gli fussino pagati qnclla somma 
che lui voleva. Messer Palla aveva ordinato co' sua del 
Lanco , che bisognando loro danari , gli facessino pa- 
gare a' Medici. Ora avendo questi sua presi da' Medici 
fiorini venti mila , ed avendone prcsi da altri , si ve- 
deva ch' egli si consumava tra in su quello che paga- 
va , e in su gl' intcressi ; e per questa ragione deter- 
mino di pagare ognuno e levarsi dagl' interessi. Era 
in Firenze uno amico di messer Palla e di Cosimo , 
che aveva nome Piero Bongianni. Avendogli conferito 
messer Palla questo suo pensiero di non volere piii ac- 
cattare danari da persona , e pagare chi aveva a avere 
da lui , dubito Piero Bongianni che non vi fusse da 
pagare ognuuo ; in luogo gli pareva che fusse lo statQ 
suo I Messer Palla disse a messer Piero , che dicesse a 
Cosimo che il segucnte di fusse allo spedale di Lem- 
mo , dove sarebbe messer Palla con i libri dello ista- 
to suo per soddisfare a chi aveva avere da lui. Ando 
Piero Bongianni una sera a dirlo a Cosimo , credeuda 
dire il vero , ch' egli perderebbe buona parte di quella 
che gl' aveva prestato. Cosimo che sapeva lo stato di 
raesser Palla , comincio a ridcre , e dissegli , io non 
aro meno uno soldo ch' io m' abbia a avere* II seguenn 
te dl fu dove gli disse , e veduto lo stato di mcsser 
Palla , fatto il dovere a ognuno , restava in buona con- 
dizione. Veduto che 1' ebbe , gli disse messer Palla : 
10 li sono debitore di .venti mila fiorini ; io voglio 
che tu dica a' tua che non paghino piii nulla a' mia ; 
e de' venti mila fiorini che tu hai a avere da me , io 
ti voglio pagare , e ci sono le possessioni di Empoli 
e di Prato ; pigliane tanto che tu sia pagato. E Go- 
simo cosi fece ; prese le possessioni di Empoli e di 
Prato , e altre cose , tanto che si pago ; e cosi fece a 



PALLA STROZZr, 3G5 

lulli qiiclli a clii aveva a darc. Av(^va averc Agnolo di 
Filippo PanJoIliiii ccrti daiiari clie gl' aveva prcslato 
conic Ijdoiio parenle ; il similc gli deltc certc posses- 
sioni a Einpoli che ancora oggi sono dc' (iglluoli di 
mcsser Carlo. Fatto c^ucsto mcsser Palla di pagare chi 
aveva avcre da lui , attese a non fare piii dcbiti. Era 
una cosa infinita i danari clie pagava in comune pcr 
la insopportabil gravezza ch' egli cbbe scmpre. 

y-, fstando mcsser Palla a questo modo , ed attcn- 
dendo agli sua istudii , cd a consigliare la sua repu- 
blica , quando era richiesto , ed andare ambasciadore , 
ed esscre de' dieci dclla balia quando iscadcva chc la 
c-ilta n' avessc bisogno ; sendo istata la citta di Firen- 
zc lungo tempo in pace , e sendo ricca e piena d' ozio , 
non potcvano istare a' termini loro ; vollono farc V im- 
presa di Lucca , donde ne nacque grandissima discor- 
dia nella citia , che i savi e migliori non volcvano V 
itnprcsa di Lucca chc si facesse , che fu messcr Palla 
e Goslmo de' Medici e Agnolo di Filippo e molti altri 
ciltadini che istimavano il buono istato dclla citta. Di 
quegli che la voh^vano fare n' era capo messer Rinal- 
do degl' Albizi e tutti quelli della parte sua , dal qual 
volere o non volere che si facesse questa impresa , ne 
nacque che la terra se ne divise , e come dice mcsser 
Lionardo d' Arczzo iiclla istoria , la guerra di Lucca 
ki il pi-iiicipio di tntle le discordie civili , e dondc e 
nato tntto il mak il quale ha avuto la citta di Fircn- 
ze; c Tu vera la sentcnza di Nicolo da Uggiano che 
diccva che il primo che facesse parlamento , farebbe 
la fossa in chc egli si sotterrerebbo ; e per questo scn- 
do potcnte nella citla , mentrc chc fu vivo , mai non 
▼olle che si facesse mulazioiie , conoscendo il male che 
ne seguitava. 



3GG PALLA STROZZI. 

8. Dopo (]ncsto ciisordine morto Nicolo , si fcce il 
parlamento del trentatre , e mosser Palla fcce tulto 
quello benc che pote che il parlameiito non si faces- 
se ,• raa non fu bastante a ritenere tanlo impeto quan- 
IQ era in molti furiosi cittadini ed inconsiderati , che 
non si sendo mai piii fatto parlamento a Firenze , egli- 
no furono i primi autori , e non si pote ostare alle 
loro ostinate vocrlie. Veduta messer Palla la via ch' cirl' 
andavano a fare male , lascio correre la furia degl' au- 
tori di tanto male , non si conoscendo essere baslante 
a potere ovviare , sendo potcnti corae erano , non sen- 
do chi gli bastasse la vista di dire loro nulla. E per 
questo feciono il parlamento del trentatre , e confino- 
rono Cosimo de' Medici prestantissimo cittadino ; ed 
arebbono fatto peggio , se non fusse che si messono di 
mezzo acciocche tanto male non seguitasse. Non areb- 
be messer Palla raai acconsentito T esiglio di messer 
Cosimo , s' egli 1* avesse saputo , e s' egli avesse avuto 
tanta autorita appresso quelli cittadini che ne furono 
antori. Aggiugnevasi a tutte queste cosc 1' amicizia che 
aveva tenuta con Giovanni de' Medici e con Cosimo 
suo figliuolo , che gl' aveva sempre tenuli per singu- 
lari amici , e da loro era stato servito ue' sua bisogni , 
come innanzi e detto. Sendo suto cacciato Cosirao ed 
altri cittadini , rimase la citia per questa mutazione 
quasi ismarrita ; in modo che avendo quclli del tren- 
latre serrato le borse , e levata la balia , gl' amici di 
Cosimo istavano del continovo a vedere che fusse fat- 
to qualche priorato a loro modo per rivocare Cosimo 
dallo esicrlio. 

9. Quelli del trcntatre s' erano assai onestati nello 
squittino di non torre lo stato a chi lo meritava. Ve- 
nuto il trentaquattro , chc pareva agP amici di Cosimo 



PALLA STROZZr. 3G7 

clie fu5se» il lcmpo di rivocarlo , ordinorouo con li Si- 
gnori , cle' quali parve loro polergi iidare , di fare la 
mutazione dello slato in fine deir anno pcr fare par- 
lamento. Intesolo i capi principali dcl trcntatre , pre- 
sono r arme , e fecionla pigliare a' loro amici , e se ue 
vennono in piazza con uno numero grande di citta- 
dini armati. JNIesscr Palla veduti questi cittadini avere 
presa 1' arme , si stette in casa comc uorao di pace e 
di mezzo , e dubitando che la citla non facesse qual- 
che saccomanno fece venire in casa sua per sua securta 
parecchi soldati che gliela guardassino. Istando a que- 
sto modo , ed avendo preso come e detto messcr Rinal- 
do e la parte sua 1* arme , mandorono a ricliiedere mes- 
ser Palla che uscisse fuori colla gente che aveva in ca- 
sa , pcrche conoscevano che uscendo fuori niesser Pal- 
la , era loro grandissimo favore , e pareva Joro avere il 
partito vitito per ogni rispetto , e per lo consiglio , ch' 
era uomo di grandissima autorita nella citta , e vi man- 
dorono piii cittadini da parte loro a confortarJo ch' cgli 
uscissc fuori, Sempre Jo nego Ioi'0 , dicendo clie non 
si voJova trovare a guastare quello ch* egli non aveva 
fatto ; e questa cra la citta, che conosceva ch' egliuo 
la conducerel^bono in luogo che ne seguitarebbe la sua 
rovina ; e che dovevano molto bene conoscere quello 
ch* era intervenuto loro delJa mutazione che avevano 
falta , donde avevano origine tutti questi mali, 

lo. Furonvi di quelli , perche egli non volle ve- 
nire , •che gli usorono di male parole , dicendogli ch* 
egl' era uomo di poco animo , e che quello ch' egli fa- 
ceva , lo faceva per vilta ; che se egli non veniva fuori , 
che non farcbbe per lui , e che sarebbe col tcmpo la 
sua rovina. Messer Palla sempre istette fermo a non 
ne volere fare nulla , ed ebbc de' pareuti uomini di 



368 PALLA STROZZf. 

condizione clie lo conforlavano a starsi fermo , e non 
andare drieto alle furie di parecchi arrabbiati ,* ed a 
quegli cbe lo confortavano a andare fuori , e cbe gli 
dicevano cbe ne seguitarebbe Li sua roviua non an- 
dando , sempre rispuose cbe non credeva cbe per fare 
benc gllene seguitasse male. Percbe veduto questo gli 
avversarii , ne presono grandissirao animo ; e i* oppo- 
sito fece messer Rinaldo ed i sua seguaci ; non solo 
tolse loro riputazione per non vi andare hii , quanto 
cbe sendo questa mutazione cosa nuova , ognuno ista- 
va in sospetto ; e di quegli cbe vi sarebbono andati , 
se messer Palla vi andava , non vi andando lui , non 
vi andorono ; percbe in bii istava a darla loro vinta 
o persa , e tutto istava da andarvi lui a non vi an- 
dare. Ma egli fu raale meritato di quello bene cb' egll 
fece ; percbe , come e detto , era comune sentenza di 
tutti i cittadini , cbe se rimedio ignuno v' era cbe non 
riuscisse loro a quelli cbe facevano la rautazione , era 
cbe messer Palla nou vi andassc. Veduto questo , ci 
presono suso graudissirao anirao , ed avendo i mezzi 
cb' egl' ebbouo , riusci loro ogni cosa , e massirae sen- 
dosi raesso papa Eugenio di mezzo per mettergli d' 
accordo , ed avendo raandato per tutti i capi princi- 
pali cbe avevano 1* arrae in mano , e sendovi andati 
liberamente e poste giii V arme. Ed in questo mezzo 
cbe si praticava , eglino mutorono lo stato , e feciono 
il parlamcnto , e rivocorono Gosimo e tutti quelli cbe 
furono confinati per lo parlaraento passato ; e cosi fu 
cagione il primo parlamento di questo altro , donde ne 
nacque la rovina della citta. 

II. Ritornato Cosimo , credette ognuno cbe la co- 
sa fusse posata , non conoscendo la volunta de' loro av- 
versarii , e massime di quanto male fu cagione» Dopo 



PALLA. STROZZr. 3G0 

la tornatci di Cosinio , av(*Ji<]() ni(.'ss<u' Palla falto (jiu^llo 
clie aveva , il piii de' clttadiiii del govertio clu; iiori 
gl' avevauo iiividla , si lodavano assai di nicsser Palla 
rispetto a quello clie aveva fatto ; e lo fccioiio , coine 
uomo aflezionato allo stato loro , dclla balia. Avcva po- 
sato r animo suo , e stavasi sanza sospetto ignuno. Pu- 
ve la invidia poteva assai in lui pcr le sua iaudajjili 
co-ndizioni. Riprcso lo stato , subito tennono le borse 
a mano , e dctlono la balia agT otto (^d al capitano , e 
fccionsi vcnire messcr Giovanni da Fermo uomo cru- 
delissimo , al quale deltono la balia. Subito fatto que- 
sto , dove si credeva cbe la citta posasse , cglino comin- 
ciorono a coufinarc ed ammuuirc cittadini , e quclli 
cbe furono piii caldi allo esiglio di piii cittadini , fu- 
rono col tempo conCnati e ribelli della citta per per- 
missione di Dio. Istavano tutti i ciltadini in jrrandis- 
simo sospetto , vediito a cbe via eglino andavano di 
torre lo stato , come e detto , per via di ammiinirgJi ; 
e non bastando questo , aveudo ordinato lo squittino, 
per via di questo tolsono lo stato a infiniii cittadini ; 
cbe tutte qucste cose arrecano con loro Ic mutazioni 
delle citta e le discoi-die e gucrre civili , percb(i tutli 
quelli cbe si sono adoperati in (|uesie rauiazioni , c(^r- 
cano le vie d' assicurarsi , non avendo rispetto al bene 
universale della ciita , ma al loro proprio ; e pcro con- 
viene cbe siano cose tuite picne di violenza , percbe 
cosi danno le mutazioni d<;gli stati uelle cilla in tan- 
te rivoluzioni. Ed avendone confinati uno grandissinio 
numero , percbe si dava questo esiglio sanza niuna di- 
screzione a clii pareva loro , ed a quegli cb' eglino 
giudicavano non essere loro amici; scndo uno di Agno- 
lo di Filippo e Bartolomco Carducci insieme, cb' erano 
parenti ed amici di messer Palla , fu deito loro come 

24 



370 PALLA STP.OZZr. 

(M-a rngionanienlo di coiiiinare mnsser Palia ; c V uno 
e r allro se ne maravlgliorono assai , sappiendo quel- 
Jo che aveva faito , c come egl' era istato cagione che 
quella parle del trentatre , che aveva preso T arme , 
per non volere consentire loro , e non vi andare , aves- 
sino perduto , e che s' egli ottenevano , restava messer 
Palla in cattiva condizione con loro per qupllo che 
aveva iatto. luleso qucsto Agnolo e Bartolomeo Car- 
ducci , n' cbbono dispiacere assai , o ne parlorono con 
alcuni del reggiinento per intendere s* egl' era vero. 
Hispuosono di no , ed ingannorongli ; ma che bene gli 
consigliavano che loro consigliassino messer Palla per 
la grande invidia , ch' egl' aveva addosso , ch' egl' era 
])ene clie se n' aiidasse in villa per qualche mese. Gre- 
dettono Bartolomeo ed Agnolo che fusse dtitto loro il 
vero , e dissonlo a mcsscr Palla. 

12. Ora istando non moiti di dopo questo , per la 
sua bonta e per essere uomo di buonissimo esemplo , 
fu alcuuo di quelli dcllo stato chc osorono dire che 
non volevano giudice d' appellagione in Firenze ; ch' 
egl' era bene a confinarlo per levarselo d' innanzi. Non 
gli valsono ne i sua buoiii porlanu^iti , ne l* avere sem- 
pre aiutato la sua patiia e col senno e co' danari. Go- 
me e detto , pote tanto in lui la invidia , che molli di 
quelli del governo , per non se lo vedere inuanzi , ac- 
consentirono che fusse confinato ; parendo loro , cac- 
ciato lui , non vi fusse ignuno che desse loro noja. 
Furono dunque confinati messer Palla e Nofri suo fi- 
gliuolo innocentissimi. Era Nofri il secondo figliuolo 
di messer Palla , quello che amava assai per le sua 
inaudite virtii , ed erano in lui tutte le degne condi- 
zioni che possono esserc in un' uomo , e per quesle 
era araato da tuLLa la citta. Vedendosi messer Palla es- 



PALLA STROZZr. 371 

si'r(.' coniinaU) pcr ijividia , c non pcr cri'ove clie aves- 
se falto , ricorclaiidosi di (jucUo clic aveva fatto poco 
tcmpo innanzi , ed a che finc , cli* cra pcr levarc via 
ogni scandalo , non gli pareva chc questa dovcsse esse- 
re la rimunerazione delle sua buone opere. Intcnd(Mido 
comc egl' era confinato pcr anni dieci , lui e Nofri suo 
figlluolo, clic r esiglio dcl figliuolo gl' era doppio do- 
lore , conos(?cndo s' (igP era innocente , il figliuolo cs- 
sere innoccntissinio ; vedutosi confinato in ela d' anni 
sessantadua o piii , chc ii quella eta che gl' uoniini de- 
siderano piii lo starsi nelia sua patria tra' parcnti e gl' 
amici ; nientedimeno veduto la fortuna pcrcuoterlo a 
questo modo , si volse alla migliore parte sperando in 
Dio e ne' sua buoni portamenti ; e che se Iddio gli 
desse grazia che polesse venire a dieci anni , d' averc 
grazia da' sua cittadini di tornare ajla patria , credendo 
di placare 1' animo di chi I' aveva ofF(^so. Ma e rcgola 
che non riesce , perche chi ofTeiide non perdona mai. 
Dettongli i confini a Padova nelle terre de' Viniziani , 
la quale deterniino di fare sua patria ; ed in questo suo 
esiglio dimostro la sua bonta , e fece quello che debbe 
fare ogni buono cittadino cd amatorc della sua patria. 
Subito giunto si volto alle Ictterc latine e gi^eche , co- 
me sempre aveva fatto. Sempre della sua patria parlo 
onorevolmente , e non sopporto raai che persona ignu' 
na na dicesse male , e mai si dolse dcl suo esiglio , 
uii di cosa che gli fusse stata fatta. 

i3. Partitosi da Firenzc, e statosi a Padova , e por- 
tatosi del continovo nel modo detto , era rcstaio (jui 
in tirenze Lorenzo suo figliuolo maggiorc , con (]U(;Iie 
sustanze che gl' erano reslate. Istato (|ui anni (juattro , 
a fine che messer Palla avcsse questo secondo colpo 
dclla fortuna , lo confinorono. Per questo non mulo 



372 PALLA STROZZI. 

mcsscr Palla la sua iiatiiia , nia istetlo noi iu')do dclto 
coii gli iiiedesimi csercizi , (3 coii la solita sua pazieu- 
za. Qui si polrebhouo dirc molte cose clie gll furono 
fatle a fine cbe levasse V amore della patria , uiente- 
diraeno sempre stette cou V animo costaute. Alcuni so- 
}io suti di qupgli autori del sao esiglio , come innanzi 
c detto , clie V Iiauno dipoi provato per permissione 
di Dio , che nou credevauo mai venirci. E pero era 
elia sentenza di saulissimi uomiui , clic dicevano clie 
uno pariamento guastava uua terra per cinquanla an- 
ui , pcr iufiniti iuconvenienti clie ne seguitavano. Ve- 
uulo raesscr Paila a* conflni a Padova , come gl' era 
istato ordinato , suL)ilo si volto alle lettere , come in- 
nauzi e detto , come a uno tranquilio porto di tutti i 
sna naufragj , e tolsc in casa cou i^aonissimo salario 
messer Giovanni Ai^giropolo , a fiutt clie gli leggesse 
piii Whri greci , di clie lai avcva desiderio d' udire , 
ed insieme con lui tolse uno altio greco dollissimo , 
il simile a salario a (inc d' udire piii lezioni. Messer 
Giovaiuii gii leggeva opere d' Aristolele iu filosofia na- 
turale , dclla quale egli aveva ijiiouissima notizia. Da 
quello altro greco udiva cerle lezioui straordinarie se- 
condo che g^i veniva voglia. Denciic raesser Palla fus- 
se dottissimo iu quella lingua , per avcrvi dato lungo 
tcmpo opcra , e IcLte le lczioni , non perdcva mai pmi- 
to di tcmpo , ma attendcva a tradurrc opcre di santo 
Giovanni grisostomo di greco in iatino , c uon passava 
di luoffO jofnuno cir eo^ii uon fussc onorato da tutti ; 
V, non era ignuuo ue grande ne piccolo , che non se 
ii cavasse di capo , in modo che si guardava d' anda- 
rc luori pcr questa cagiouc. Istavavi con grandissima 
riputazioue , e scmpre qunndo andava fuori cra ijcne 
accompaguato e dallo Argjropoio c da quelio altro grc- 



PALLA STROZZI. 373 

co c famigli , che scmprc se uv. mcnava drielo parec- 
cbi. Quando andavaiio a casa sua conHnali o lubclli 
dclla citta , gli faceva liccnziai'c c non volcva parlare 
loro , c della sua citta non volcva clie sc nc parlasse 
in casa sua se non onoratameiit(.' , a finc clu? per icm- 
po igniino lo poicssi' calunniarc. Grande fu Ja sua os- 
servauza in onore dclla sua patria, Non andava mai 
ignuno am])asciadorc fiorcutino a Vinegia che quando 
andava a Padova , messcr Palla nou lo visitasse , e del 
continovo gli faccva compaguia. Kicordomi avere udi- 
lo da mcsser Gianuozzo IManclti che non si poteva sa- 
ziare di lodarlo dclla sua graude costumatezza ; e che 
scudo amhasciadorc a Vincgia , ed andando a Padova , 
mcsscr Palla mai 1' aveva ahhandoiiato mentre che v' 
cia istato , e la sera e la mattina ed a ogni ora era 
ali' albero-o a trovarlo. 

i4« Istando messer Palla a Padova con le detle 
condizioni , seudo venuti i dicci anni , e portandosi 
nclla forma chc faceva , sperava che le sua buono ope- 
re. placassino la mente de' sua cittadini di rivocarlo 
nella sua patria. Non gli basto questo per la mala di- 
sposizioue de' sua citladini : parcudo loro che fusse uo- 
mo da troppo , fociono pensiero , avendolo comiuciato 
ad ofrenderc , di scguitare uell' ofFcsa. E pcr questo , 
aspettaudo la rivocazionc , venue lo esiglio per altri 
dirci aniii. Scntendolo , se 1' arreco in pazienza , scn~ 
do gia iV clii d' anni settanladua , che pure gli doveva 
essere molesto , desiderando di tornare alla sua patria , 
e spcjando che i sua buoni portamenti 1' avcssino a 
fare ritornarc ; e non giovo. Gosi vanno i casi avversi 
della fortuna ; c nicntedimcno non fu persona che lo 
vedesse rammaricare , ma scmprc in ogni cosa usava 
la sua solita prudenza congiunta con una inaudita pa- 



374 PALLA STROZZI. 

zienza. Venuto ]o csiglio d' anni dieci , tutti quelli dot- 
tori di Padova e gentilnomini se ne dolevano con Ini. 
Fece loro una risposia degna di lui con uno viso tutto 
allegro , e disse loro , non ve ne doletc poiche non nie 
ne dolgo io , perclie V Iianno fatto acciocclie io sia vo- 
stro cittadino , e voi lo dovete avere caro. Aveva mcs- 
ser Palla in questo tempo cli' egl* era stato a Padova 
tenuto in casa , come innanzi e detto , piii scrittori la- 
tini e greci , che ancora con questo mezzo passava il 
tempo. Oltre allo avverso caso dello esiglio proprio , 
tutle le specie della avveisita clie si possino provare in 
questa vita , e massime della morte de' figliuoli , fu ta- 
gliato a pezzi Lorenzo suo figliuolo maggiore a Gub- 
Lio da uno scellerato fiorentino , per voler fare bene. 
Fu doppla la passione di messer Palla nella morte di 
Loreuzo , prima 1' essere lui morto di morte violenta ,. 
e poi vedutosi privato di si degno figliuolo. Seguito 
dipoi la morte di JXofri suo figliuolo , con il quale con- 
versava dcl continovo , per dare opera alle lettere co- 
me messer Palla. Li questo medesimo tempo succedette 
la morte della donna , che e quelladella quale il ma- 
rito in quclla eta cb' era lui , n' ba grandissima necos- 
sita , sendo allevata con lui tanto lungo tempo ; e sap- 
piendo i modi sua ed i sua bisogni , non bisognava cb' 
egP avesse pensiero ignuno delia persona sua. Morta 
lei , ognuno pensi se questo fu acerbo caso. 

I 5. La fortuna non volle fare fine quivi, cbe avcn- 
do messer Palla uno figliuolo , come innanzi e detto , 
cbe si cbiamava messer Carlo , nel quale era restata 
tutta ]a sua speranza , ed avevalo volto alla via della 
r(digione di farlo prete , vedendosi privato in tutto 
della sua patria lui ed i Cgliuoli , e cbe per le proi- 
liizioni cbe avevano non gli restava piii speranza di 



PALLA STROZZr. 375 

potervi avere piii condizioiie i^iuiiia de' sua figliuoli , 
per qiiesto istimo cbe col mezzo d("lla rcligione , que- 
sto suo fi^liuolo Carlo fusse alto a rilevare la casa sua , 
e massime coiioscendo tante laudahili condizioni quan- 
le eraiio in questo giovane litteratissimo , d' oiioratis- 
sinii costumi , dl nol)ilissiina casa , e figliuolo d' uno 
padre cir era ornamento de' sua secoli. Succedeva , cli' 
era ncl pontificato papa Nicola , amatore di tulti gP uo- 
mini che avevano qualclie virtii ,* e quello ancora iii 
clie sperava messer Palla , si era clie sendo istato papa 
Nicola con lui in casa , quando era giovane , ed aman- 
dolo , come faceva , sperava questo suo figliuolo dove- 
re venire a qualche degnita. Sendo venuto in corte di 
Roma , ogni cosa succedeva a mcsser Carlo secondo cli' 
ugli aveva islimato , perche subito giunto , il Papa lo 
fece cubiculario segreto , e con le sua virlii acquisto 
non solo la grazia del Pontefice ma di tutto il colle- 
gio de' Cardinali ed universalmente di tutta la corte 
di Ronia ; di natura che veduta tanto buona disposi- 
zione , era publica fama che il Papa V arebbc fatto 
Cardiuale de' primi chc avesse creato. Istando a que- 
sto modo , come piacque all' onnipotente Iddio , egli lo 
chiamo a se. Ora pensi ognuno quanto fusse il dolore 
di messer Palla , vedntosi oltre agl' altri avversi casi 
privato di si degno figliuolo I Privato di questa spe- 
ranza , non gli restava altro sc non morire lui. Onni- 
potente Iddio ! se non fusse la grazia della tua divina 
clemenza , non e persona che potesse tollerare nno cosi 
acerbo caso come questo. Credo che 1' onnipotente I^l- 
dio volle provare messer Palla nelle tribulazioni e ne- 
gli avversi casi della fortuna , come si fa I' oro al fuo- 
co , e con questo mezzo apparccchiargli la rimunera- 
zione nelT altra vita. E non ostante che per uno av- 



376 PALLA STROZZl. 

vcrso caso egli non lo potosse avere ma^^giore , e clie 
come nomo egli se ne dolesse , nientcdimeno sendo 
isiato piii anni agitato dalla variela della fortnna , ave- 
va fatto uno abito d' una grandissima pazienza , e que- 
sto caso lo mise nel numero degl' altri sna avversi casl 
cli' egl' aveva avuti. 

i6. Morto messer Carlo , bene cbe molto tempo in- 
nanzi si fusse volto alle iettere divine , come si vede 
per piii sua iraduzioni di cose sacre , ora vi si dette 
in tutto , attendendo a non pensare piu alla patria ter- 
lena , ed in tutto aveva posto 1' animo in pace. Sendo 
finitl i venti anni del suo esiglio , sendo gia nelP eta 
d' anni oltantadua , isperava purc cbe in tanta lungbez- 
za di tempo i sua emuli cbe 1' avevano perseguitato , 
r avessino a lasciare vivere , e si fussino mutati d* ani- 
mo ,' fu confinato per altri dieci anni. Quando gli fu 
significato , non dlsse nulla , se non cbe io non saro 
a tempo. Attese a porre V animo suo in pace , veden- 
do cbe i sua buoni portamenti non gP erano giovati. 
Grande per certo c la crudeltk degl' uomini cbe ban- 
no fatto 1' abito nel male , cbe messer Palla non po- 
tesse mai mitigare 1' animo de' sua cittadini in tanto 
tempo , ma sempre lo perseguitorono. Sendosi portato 
con tanta onesta , con tanta inaudita pazienza , com' 
cra , in tulto era perduta la fede di simili uomini. Ma 
mostra Iddio di grandi miracoli di questi cbe lo per- 
seguitorono , e basti. Avendo avuto tante volte 1' esi- 
glio , e tante morti de' figliuoli c della donna , gia non 
pensava ne alla patria , cbe vcnuta la seconda volta dcl 
suo esiglio , subito conobbe , in Firenze non averc mai 
piii a tornare ; e volsesi , conie e detto , a pensare alla 
salule deir anima sua. Veduta e conosciula la miseria 
di questa vita , e cbe 1' ultimo rimedio era voltarsi a 



PALLA STROZZI. 377 

Dio , sogiiilu a pcnsare assldiiamcnle alla palria celc- 
sle , e fare tutte quelle cose le quali dcbbe fare ogni 
fedele cristiano per potere venire alla sua fine. Scndo 
vivuto per gluslizia di Dio nua bcllissima eta , e per- 
vonuto a anni novantadua sanissimo dcl coi-po e dolla 
niente , ronde V aninia al suo Rodcntore come fidolis- 
simo cristiano. Se messer Palla fusse istato nella ro- 
mana republlca nel tempo ch' ella fioriva d' uoniini 
singulari , e s' avesse avuto la vita sua a scrivcre da 
di quoiyli piostantisslmi uomini , non sarebbe infcriore 
a iiifiniti di quogli cbe eldjono i Romani. Non ne sen- 
do iscritto ne fatta monzlone , m' e paruto con la bas- 
sczza d(d mlo ingogno farnc questo brieve ricordo , 
accioccbe la fama di si degno uomo non perisca. 



54. MATTEO STUOZZr. 



,. M, 



atleo di Simone deo;Ii Strozzi fn di nobi- 
lissimi parentl ; ebbe buonlssima notizia dolle lettere 
latine ; e non fu contento a quelle , che dette opera a 
filosofia , ed udi sotto mosser Glannozzo 1' etica d' Ari- 
stotele egli od Antonio Barbadoro , e Benedelto dogli 
Strozzi , od Alessandro Arrighi , ed ahri cltladinl co' 
quali Mattoo conversava. Fu onorato liolla citla dcgli 
onori che si danno a' cittadlni , ed in quelli si porto 
in modo clie n' acquisto assai riputazione. Dettesi solo 
alle letterc. Fu uomo dl grandissimo giudizio , e di 
grande vedere , od ebbe infra T altre sua virtii gene- 
rosissimo animo. E come fanno i varii casi della for- 
tuna nel trentaqualtro , sondo alieno dalla opinione sua 
e di quegli che non avevano passione , gli pareva me- 
ritare , sendosi portato modestissimamente , e non si 
sendo trovato autore a ignuna novita nella citta , non 



378 MATTEO STROZZf, 

ppiisava (lello esi<^lio , iion gli paKMido avere fatto cosa 
clie lo meiitasse. E per qoesto seiiclo iiiiioccnte cerco 
d' essere gonfaloiiien* di giiistizia, sappiendo che v' era 
inihorsato ; ed innanzi poclii di clie fusse confinato , 
ando a uno copiatore del quartiere suo a parlargli j><*r 
esser(? gonfaloniere , e proinisegli clie lo Tareljhono. 
Ando dipoi a qucllo di santo Spirito , ch' era suo aini- 
co aperto , che non V arehhe ingannato. Parlandogli 
per queHo inedesiino , gli domaudo s' egli aveva par- 
lato con quello dcl suo quarlicre , e quello che gl' ave- 
va risposto ? Ilisse di si , e che gP aveva risposto che 
lo farehhono. Coslui come uomo inlero gli dissc : eglr 
l' inganna , peiclie egli fu di quelli che nelia pratica ti 
mise innanzi , acciucche tu fussi confinato; e sarai , e 
non passera (|uindici di , e non hai riinedio ignuiio. 

2. Inteso questo , Matteo si maraviglio assai , e dis- 
se che non sapeva perch(i. Rispuosegli che gli dispia- 
ceva , e non lo poteva ajutare. Volle la fortuna ch' cgli 
fusse confinato , e vedesi che 1' iuvidla pote assai in 
lui ; c non <iV crrori ch' ecrV avesse fatto contro allo 
stato , ma V invidia fu la cagione del suo esiglio , ve- 
duto cir egV era uomo di qualita , che nel quartiere 
non v' erano molti che gl' andassino innanzi , pcr es- 
sere uato di nohili parenti e litterato e uomo d' auto- 
rita e di riputazione , sufficiente a andare per amba- 
sciadore , ed avere ogni degnita nella citta , se T esl- 
glio non fusse stato ; e nocquegli assai V (^ssere nel 
quartiere di quelli che avevano paura che non andasse 
loro innanzi , e 1' ajutorono a audare in esiglio ; e fu- 
rono di quegli in casa sua , che s' eglino avessino se- 
guitato il consiglio suo , come non feclono , non capi- 
tavano come capitoiono. Aveva grandissimo vcdere in 
ogni cosa. Ehhe la casa degli Strozzi in tempo di Mat- 



MATTEO STROZZI. 370 

teo piii nomini degni cjuanto casa che fusse in Firen- 
zc. Non (lico nulla di quclli ch' crano a Mantova ed 
a Ferrara nel suo tempo , tutti uomini di condizione 
e di assai virlii ; in Firenze niesser Palla di Nofri , 
UK sser Marcello degli Strozzi , Benedetto di Peracone. 
A Mantova messer Roberto uomo di grande condizio- 
ne. A Fcrrara il conte Lorenzo , e messer Tito (i). E 
Nofri di messer Palla , e messer Garlo parimenti sno 
(jgliuolo cli' era dottissimo , e vicino a cssere Cardiua- 
le , come nclla vila di Palla e detto. 

55. AGNOLO PANDOLFINL 

I. il.gnoIo di Fillppo di ser Giovanni Pandolfini 
nacque d' onoratissimi parenti , i quali per le loro lau- 
dabili condizioni hanno fatto parentado co' primi del- 
1a citta di Firenze. Ebbe Agnolo infra 1' altre sua sin- 
gulari virtii , che fu dotto nclla lingua laiina , e massi- 
me dl filosofia cosi morale come naturale ; che in qucl- 
lo tempo erano pochi cittadini , chc n' avcssino noti- 
zia , perche non era se non nc' frati , e non ne' secu- 
lari. Tenne Agnolo amicizia con lutti gli uomini dotti 
di quella eta , e massime con messer Lionardo d' Arez- 
zo con il quale ebbe grandjssima famigliarita ; e stima- 
va niesser Lionardo assai il suo giudicio , perch^ iion 
traduceva n^ componeva opera ignuna , che iniianzi 
che la cavasse fuori , non volrsse il giudicio di mes- 
ser Agnolor Fu di grandissima autorita nella sua re- 
publica , e da quella ebbc tutie le degnita , che si pos- 
sono dare a uno cittadino nclla citla e fuori. Fu as- 

(i) Di duc Strozzi cli Ferrara Tito eJ Ercole furono stam- 
patc co' lipi aldini poesie latine moito eleganti in Venezia nell' an- 
no i5i3 , dedicate a Lucrezia Borqia duchessa di Ferrara. 



380 AGNOLO 

sai adoperato fiiori della citta per ambasciadore in tut- 
le le degne legazioni a Papi , a Imperadori , a Re. Fu 
niolto intero e severo , e giave e niaturo ne" sua con- 
sigli. Fu alieno da ogni simulazione e finzione , per- 
che diceva le cose come le intendeva apertamenle ; e 
quelle clie pigliava a difendere , erano tutte piene di 
giustizia c d* onesta , altrimenti non 1' arebbe prese , 
nia prese che T aveva , per nulla non se ne saiebbe mai 
rimosso , ma istava fermo e costante. In lutti i sua con- 
sigli sempre consigllava l" universal bene della sua re- 
publica. Di qu(;sta sua inviolabile fede ed innata bon- 
ta ne fc^ce infinite esperienze e nella citla e fuori. Fii 
inoho volto alla vla della pace. Non si valse mai di 
nuUa nella cltta fuori delP ordinario. La sua cilta di- 
iese sempre , e con la persona adoperandosi in onore 
e salute sua , e con le proprie sustnnze , perche delle 
imposizioni , ehe si facevano , la sua fu sempre la terza 
o la quarta maggior gravezza di Firenze , e ne' sua di 
pago uno tesoro infinito , come si vede. E tutte le siia 
sustanze arreco il [)adre dal reame di Napoll dov' era 
stato hmghissimo tempo a fare mercanzie , e con quel- 
lo mezzo ebbe grandissima grazia con la reina Giovan- 
iia , e con tutti quelli clie governavano quello regno ; 
e lutti i danarl , che aveva in sul montc , gli furono 
assegnati per danari pagati in comune , come agP altri 
citiadini , ch' erano- circa a fiorini ottanta mila. 

2. Sendo la eitta di Firenze in grandissimo peri- 
colo della liberta per la passata dcl re Lanzislao in 
quello di Siena , e poi in quello d' Arezzo , e per la 
via di (iortona , paese abbondantissimo da ogni eser- 
cilo per grande che fu sse , sendo quelli signori di Cor- 
tona in dilFcrcnze , il popolo per paura che non gna- 
stasse il paese , s' intcsono col re Lanzislao , e dettongli 



PANDOLFINI. 381 

1' oiUrnln iiella lorra , c in questo niodo In prcsc. Pic- 
so cir e^li ebbe Cortona , sv, n' ando Ira Sccsi e Pern- 
gla , c mando a T iicnzc nno sno di casa , ch' era (lo- 
rentiiio , cbc si cbiamo Gabrielio Brnnellescbi , e spar- 
se per La cilta , come mandando anibasciadori al ro 
Lanzislao , sarcbl>e Tacile cosa a vcnirc alla via della 
pace ; cd cra cagiono di qucsto la niorte di papa Gre- 
gorio , cb' era niolto dcl re Lanzislao , cd avevagll la- 
sciaio pigliar Roma e piii terre della cbiesa. Intososi 
questo por la citta dl poterc avere la pace dal re Lan- 
zlslao , erano varM* pareri ; cbi la volcva , e cbi non la 
voleva ; v' crano de' principali , cbe non la volevano ; 
e cbi la volcva , diceva ogni pace ossere buona , e cbe 
]^>er nulla non si doveva lasciare. Sappiendo questi clic 
(lesideravano la pacc , quajito Agnolo ne fnsse afFczIo- 
nato , e coiioscendo la integrila sua e la sua bonla , 
s' accordorono cbe vi si dovesse mandare Aefnolo come 
uomo 11 quale ora nolisslmo al Re , cd appresso di lui 
aveva grandissima fede. Ora c quelli clie non la vo- 
levano , e quelii cbe la volevano , s' accordorono in- 
sieme a mandarvi Agnolo , percbc il popolo non vo- 
lcva altri cbe lui , c messer TorcUo in sua compagnia , 
percbe avendosi a fare la pace , vi fusse cbi la rogas- 
se , c ebi facessc gli atti cbe s' avevano a faro. L' am- 
basciadore fu Agnolo ; niesser Torello non s' aveva a 
impacciare di nulla , se non di rogarla , come e detto. 
Andati nel piano di Scesi dov' era il Re , furono ri- 
cevnti cou grandlssimo onore , e giuntl snbito vonno- 
no alla pratica della paco , alla quale Agnolo non po- 
teva essere piu volto di quello cb' ogi' era , bencbe ogli 
avcsso la commcssione cbe aveva. Fu scritto a Agnolo 
da piii sua amlci , cb' egli aveisse rignardo a quello cbe 
faceva , se faceva la pace , vedendo la citla per questo 



382 AGNOLO 

caso tuMa divisa , ed i plii poteiiti esscre (luelli clie iiou 
la volevano. Non osLanle questo , islette sempre fcrmo 
iiel suo proposito di fare la pace ; ma i piii della clua 
iiOQ lo credevaiio , clie volesse pigliare si grande peso 
sopra le spalle sua , sendo piii potenti nella citta quelli 
clie non la volevano , benclie qli uni e gli altri an- 
dassino a qualcbe buono fine. Ma avcndo autorila con 
quello principe , ogni di sollecltava quanto poteva , 
perche egli venisse al suo desiderato fine. 

3. Mostrava Agnolo per evidentissime ragioni quan- 
to la pace facesse non solo per la sua citta , ma anco 
quanto faceva per la sua Maesta , mostrandogli che Itit- 
ti quelli che 1' esortavano a fare guerra , non deside- 
ravano il beue dello stato di sua Maesta, Tutti i capi 
e le genti dell' arme erano quelli , che V esortavano 
alla guerra ; lo facevano per ulililh loro privata , non 
per la salute dello stato di sua Maesta. Quando Agno- 
Jo andava al padiglione del Re , queste genti d' arme 
gittavano qualche motto contro a lui circa 1' effetto del- 
la pace , e Agnolo sempre dissc loro , che stessino di 
buona voglia , ch' egli la conchiuderebbe. La difficulta 
chc v' era , si era che Agnolo cercava I' onore e 1' uti- 
le della sua patria , come si vidde per gli onorevoli ca- 
pitoli che fece. Venne alla conclusione della pace con- 
tro air opinione di tutti i cittadlni di Firenze per dua 
cagioni ; la prima perch^ quello che si domandava al 
Re , erano cose di tale natura , che ci metteva drento 
deir onore suo , d' avere a restituire quello ch' era 
istato tolto a' mercatanti fiorentini ne' sua porti , ed 
era alla citta grandissima riputazione. Avendoci Agno- 
lo durata drento una grande fatica ed ogni suo inge- 
gno a conchiudere la pace , rispetto a quello che vol- 
lono i Fiorentini , nientedimeno la conchiuse con tutte 



PANDOLFIiyi. 383 

le coiidi/.loni cl]C volle , coiuc appresso si (liramio. li» 
priina clic sendo slaio tollo a' niercalanli fiorentini ne' 
porli sna pcr fiorini scssanla niila di rohhe, volle Agno- 
lo in qnesli capitoli chc detti danari fnssino restituiti 
a' detli mercatanti ; c non avendo il Re danari , Agno- 
lo mise innanzi qiiesto partito , chc dcssc Corlona alla 
-citla , e la cilLa soddisfacesse a' mercatanti de' fiorini 
sessania niila. Acconsenti il Re , e dette in pagamento 
Cortona con tntte le saa appartenenzc. K fu qnesto uno 
bello e grande acquisto pe' Fioreiitini , e fu difHcile che 
il Re se ne spodestasse ; che Cortona era sua , e 1' ave- 
va presa non molto tempo innanzi , come e detto. La 
citla di Firenze soddisfece dipoi a' sua cittadini con 
comodita e tempo. 

4. Fuvvi uno allro capitolo molto onorevole che 
fu-, che per qnesta pace non s' inlendesse di derogare 
ia «iuna cosa alla jega , che avevano i Fiorentini col 
Papa e col re Luigi , ch' erano nimicissimi del re Lan- 
zislao , e che il Re rendesse Roma e le castella , e non 
le potesse tenere , ne ignuna terra che fusse di qua da 
Ronia ; e che i Sanesi inlervenissino nella lega come 
erano , perche loro furouo cagione , che il re Lanzis- 
lao non pole fare quello clie aveva ordinato , perche 
gl' era stata daia isperanza , che i Sanesi darebbono 
ricetto alle genti sua e vettovaglia. Venuto il Re alla 
Paglia , e mandati ambasciadori a Siena , istcttono fer- 
mi a non volere dargli il passo pe' loro terreni ; e pcr 
qnesto fu costretto d' andarsene in quello d' Arezzo , e 
dlpoi a Cortona , quaudo la prese ; e pcr questa cagio- 
ne i Fiorentini feciono loro questo onore pcr la loro 
salute. Conchiuse Agnolo questi capitoli con lanlo ono- 
re e riputazione della citla , come si vide. Per messer 
TorcIIo , cir era solennissimo dottore , fece Ic scrittu- 



384 AGNOLO 

re nella Ibrma clie di sopra s'e dotto. Coiicljiiisa la pace 
e fattc le scritture , usceiido dal I\e , dov' eraiio molti 
capitaui ed uomini d' arme , cbe aspettavano per ve- 
dere che fine aveva , Agnolo sendo stato alcuna volta 
da quegli uomini d' arme detlo , che la pace non si fa- 
rebbe , nell' uscirc dcl padiglione con grandissima al- 
legrezza , fu domandato quello cbe s" era fatto. Pvispiio- 
se essere con la grazia di Dio fatta la pace , e cb' egliuo 
ritornerebbono alla zappa. Sopportorono tanto raolesta- 
mente queste parole , che furono per fare uno grande 
errore , se il Re non fusse uscito fuori , e comandato 
cbe non fusse ignuno chc fusse tanto ardito chc par- 
lasse ; ed in questa forma vi pose silenzio ii re Lan- 
zislao. Capiiolato e fatto ogni cosa , sul^ito per fante 
proprio n' avvisorono a Firenze. 

5. Intesosi quanto aveva fatto , non fu ignuno che 
non si maravigliasse cbe 1' avesse condotta , rispetto 
alle difficuita ehe v' erano drento. I buoni cittadini 
ed amatori di pace ne presono grandissimo piacere , e 
lutla la citta parve che se ne risuscitasse , sendo sta- 
ti piu anni in giierra , e consunti per le intollerabi- 
li ispese. Acquistonne Agnolo graudissima riputazione 
non solo nella citta ma per tutta Italia , ed appresso 
il Papa ed il re Luigi loro collegati , veduto lai avere 
condotta una si degna pace con si onorevoli condizio- 
ni pcr la citta. Furono nella cilta di quelli che non 
la volevano , e la sopportorono molestamente non san- 
za qualche pericolo d' Agnolo. Sarebbono suti pochi , 
ciie avessino voluto pigiiar questo carico ciie prese 
Agnoio ; e non ostante tutti questi pericoii , conoscen- 
do esservi ia saiute deiia sua patria , lo prese con vi- 
rile animo. Una mattina concbiusa ia pace, la sua Mae- 
sla invito Agnolo e mcsser Toreilo a desinare con iui. 



PANDOLFINI. 385 

ComlncianJo a mngnarc , Agnolo aveva mcnato scco 
Jua sui figliuoli Garlo e Giainiozzo , i quali sciulo ritti 
(lirimpctto al Re , dissc il Re : Agnolo , io lio inteso 
che questi vostri giovani fiorentini tagliano si hene a 
tavola. Agnolo chiamo Carlo e Giannozzo , e disse lo- 
ro chc tagliassino innanzi al Rc , c cosi feciono , cd 
«hbono la matlina uno grandissimo onore. Istato quivi 
alcuni di , tanto che s' acconciassino le scritture , cd 
ispacclato ogni cosa di quello che avevano a fare , pre- 
sono licenza dalla maesta del Re per venirsone alla via 
di Firenze ; il quale gli aveva molto onorati mcntrc v' 
erano stati , ed il simile fecc nella loro tornata , facen- 
do loro farc compagnia da quelli signori. 

6. Venendosene alla viv* di Fireuze , quando furo- 
no vicini alla citta a dua miglia , trovorono uno cit- 
tadino , che se n' andava ad una sua villa , che fe* loro 
uua grandissima raccoglienza lodando Agnolo di quan- 
to aveva fatto diccudo , che tutta la citta se u' era ral- 
legrata. Dipoi soggiuuse e disse : uon ostante chc voi 
ahbiate fatto il bene , che voi avete , in salute ed ouore 
della vostra patria , abbiate cura come voi andate in 
Fireuze , perche questa pace c contro alla volunlk di 
tutti i princlpali cittadini , e portate pericolo assai , che 
pcr questa loro indeguazione egliuo uon vi facciano ta- 
gliare il capo. Agnolo comlncio a ridere e disse : hen 
vogllo vedcre io , se portando la pace a Fir^nze tanto 
desiderata , egli mi ha da esscrc tagliato il capo. Glun- 
to a Fircnze , dove era aspcttato con geuerale allcgrcz- 
za , gli fu fatto grandlsslmo onorc , c tutt^i la citta fcce 
festa. QucIIi chc avevano dannata la pace , veduto tanto 
coivcorso univcrsalrneute di tutta la citta , non ebbouo 
ardimento di parlare ue biaslmarla. Questi sono i cit- 
tadini , che conservauo le citta loro , nou aveudo ri- 

a5 



38G AGNOLO 

spelto ignuno a iiuUa , se non alla salute della palrla , 
come faceva Agnolo. 

j. Avendo il duca Fllippo (i) mandato a Firenze 
nel prlncipio , clie prese lo stato di Milano sei amba- 
sciadori , uomini di grandissima riputazione , i quali 
vennono a domandare pace a' Fiorentini predicando , 
ch' egli non voleva fare quello , cbe avevano fatto i 
suapassati , ma voleva stare bene cou ognuno e mas- 
sime co' Fiorentini , e stare in pace e godersi quello 
stato sanza guerra ; vollono sporre la loro imbasciata 
in publico per ingannare i popoli colle buone promes- 
se. Intesosi qnesto in Firenze , i primi ed i piii savj 
della citta , fra' quali era Agnolo , che conoscevano la 
duplicita del duca Fibppo ed i sua inganni , la nega- 
vano aHegando molte polenti ragioni , fra le quali di- 
cevano , che il duca Fibppo simulava questa pace per 
torre Genova a' Genovesi , e perche noi noil ce ne im- 
pacciassimo , ch' crano i Genovesi amici de' Fiorentini. 
Questo nome della pace ha grandissima forza , in mo- 
do che bisogno che chi governava venisse aHa via del- 
la pace , e cosi feciono. F^atta la pace , subito , com' era 
stato antiveduto , mosse guerra a' Geuovesi , ed in bre- 
vissimo tempo se ne iusignori. Avuta Genova, non pas- 
s6 molto che mando i sua ia Romagna contro i capi- 
toli che aveva fatti co' Fiorentini , come quello ch' era 
volto al dominare. E cosi poco tempo innanzi partito 
papa Martino da Firenze raolto isdegnato con la citta , 
che passavasi di mezzo di questa guerra , aveva il duca 
Filippo si potente esercito in Romagna contro a' Fio- 

(i) TuUo questo paragrafo setlimo manca nel coclice romano , 
ma noi lo prendiamo , come ancora allrl pczzi minori , dalla vita 
Ui Agnolo nella ed. milanese del 1802. premessa al Goi^erno della 
fatwglia del medesirao. 



PANDOLFINM. 387 

ronliiii , dic ruppc lc gcnli loio in Uomigna in modo 
clje si Irovavano in grandissimo pcricolo» Semprc si 
vorrcbbe crcdcrc; a' savii. Se s' njulavano i Oenovcsi e 
non si faccva la pacc con lui , non plgliava Gcnova , 
comc fecc , c pcidcvavi lcmpo assai , cli' cra la salute 
dc' Fiorcntini, Ora vcdutosi a Firenzc , clic s'a>eva a 
fare con uno potenlissimo principe , e corrcic nel pc- 
ricolo cli' erano corsi , vennono subito alla via de' ri- 
medli ; c questo fu di mandarc mcsscr Riualdo dcgli 
Albizi , ed Agnolo di Filippo , e mcsscr jNello a pa- 
pa Martino pcr fare i contiatti dclla pacc bisognan- 
do , percbc volevano cbe si trattasse per niezzo di papa 
Martino. INlandorono a Vincgia nel mcdeslmo lcmpo 
messer Lorenzo Ridolfi a pralicaic la lcga co' Vinizia- 
ni , afline cbc T una ajutassc 1' altra. Per messcr Ri- 
naldo ed Agnolo si sollecitava la pace con ogni dili- 
gcuza possibile , mostrando al Papa cbe sc il duca Fi- 
lippo non faccva la pace co' Fiorcntini , cglino farcb- 
bono la lcga co' Viniziani nella forma cbe sapcssino 
domandare. Mcsser Lorenzo sollccitava La lcga a Vi- 
ncgia , mostrando clie non si facendo la lega , egllno 
potevano fare la pacc col duca Filippn. I Vinizian: , 
cb' crano in pace col duca Filippo , mal volcnticri la 
volcvano farc. A Fircnze in qucUo tcmpo parcva piu 
utilc il fare la k'ga co' V^iniziani. Messcr Rinaldo ed 
Agnolo avcvano condotto la pacc in luogo , cb' cgP 
erano in sulla forma de' capitoli . cd crano d' accordo. 
Veduto questo i Viniziani , cbc potevauo farc la pace 
col duca Fib'ppo per mezzo del Ponteficc , subito vcn- 
nono con messcr Lorenzo a fare la lcga , e masslme 
gli mossc a farla V essersi fuggito il Carmignuola dal 
duca Filippo ; e questi dicendo a' Viniziani la volunla 
del duca , cbc ispacciato che avesse i Fiorentiui , tor- 



388 AGNOLO 

rebbe lo stato loro , fu cagione questa pratica di ihcs- 
ser Rinaldo e d' Agnolo di fare venire i Viniziani alla 
]cga , che per altro mczzo uon vi sarebbono venuti» 
Sccondo quello clie seguito dlpoi , feciono i Viniziani 
costare la lega a' P^iorentini , in tal modo gli obligo- 
rouo. Era piii utile la pace del ducaFilippo, che la 
b'ga de' Viniziani , perche qucsto fu priucipio della lo- 
ro grandezza. Vedesi clie Agnolo irt ogni luogo dov* 
cgl' andava , aveva grandissiino onorc, e riportava sem- 
pre la couclusioiie per quello che era mandato. 

8. Avendosi a fare la 'rapresa di Lucca , si divis(* 

la terra per esserci chl voleva e chi non voleva , e fu 

questa T origine della rovina della citta. Agnolo era 

uno di quelli , che la contradiceva in ogui luogo in- 

sieme con molti buoni cittadiui. Messer Rlualdo dcgli 

Albizi insieme con la sua setta erano quelli clie cou- 

foriavcino che la 'lupresa si facesse , mostraudo quello 

che uon seguilo , ch'' ella si arebbe subito. Aguolo dice- 

va r opposito , ed eravi graudlsslmo uumero , che non 

volevauo che si facesse , mostrando che mauifesti pe- 

ricoli ne seguiterebbono. Sendo le cose in questa di- 

visione , ed iu questo tempo abbondando la citta iu 

molte ricchezze , che souo quelle che fauno impazzare 

gli uomini , uon peusavauo a' manifesti pericoli che ne 

potevano seguitare. Venuouo T uua parte e 1' altra in 

coudizione , chc non si poteva plgliar partlto ue di far 

la 'mpresa , ne di uon la fare. Sendo la citta iu que- 

sta alterazioue , i Slguori ch' erano pe' tempi , vollouo 

che si conslgliasse uella sala maggiore del consiglio 

publicamente , ed oguuno dicesse quello che gli pare- 

\a. Questi che volevano che la 'nipresa si facesse , ave- 

Aauo in favore il popolo che sempie pigllano le cose 

per lo contrario , come si piglio questa , che fu la ro- 



PANDOLriNI. 389 

vina della citta. Avendo parlato nno di quelli clie vo- 
levano che vi si andasse , monto Agnolo in siiUa rin- 
gliiera ; e per V ordine dato fn tanto il tumulto cbe 
facevano con le parole , e con lo stropicciare i picdi 
quelli che la volevano , che Agnolo non poteva par- 
lare ; istettc fermo sanza muoversi. Vergognandosi Li 
Signoria di tanto dlsordino , posono loro silenzio. Co- 
me Agnolo pote parlare , gitto per terra lc ragioni ('he 
aveva detto messer Pxinaldo degli All)izi ed i sua se- 
guaci dell' impresa di Lucca. Fatto questo , mostro per 
potenti ragioni la 'mpresa di Lucca non si dovere fare, 
e che facendosi , per la dissenslone ch' era venula nel- 
la citla , ne scguiterehbe la sua rovina , perche ognu- 
no vorrebbe difendere 1' opinione sua essere migliore. 
Parlato ch' egl' ebbe per lungo spazlo , disse : a me 
basta avere soddisfatto alT onore ed utile della mia cit- 
ta , e conosco che di questo caso si plgllera il partito 
al contrario ; ma gli autori di questa impresa saran- 
no i primi che se ne pentiranno. Isceso che fu , tutti 
quelli della parte di messer Rinaldo c di quelli che 
davano favore , che la 'mpresa si faccsse , presono ani- 
mo veduto il favore che avevano non oslanle la con- 
tradizlone d' Agnolo e d' altri ; perche tutto il popo- 
lo come bestiale vi corse ch' ella si facesse , non pen- 
sando qaello che ne potcva intervenire. Grande e la 
cecita de' plii , e nell' abbondanza ognuno v' era dren- 
to. Agnolo ebbe poco seguito consigllando , che la 'm- 
prcsa di Lucca non si facesse , donde seguito tanto ma- 
le. In simili cose si dimostra la virtii degli uomini ; e 
tutto fu fatto per propria passione , e non vi fu ignu- 
no che gli bastasse la vlsta a parlarne contro tanto ani- 
mosamente , quanto fece Agnolo per lo benc univer- 
sale della sua citta , mettendo quello innanzi a ogni 



390 AGNOLO 

rosa. Segultossi la 'mpresa di Lucca , dondc ebbe ori- 
qine il parlamento del trenlatre , quando fu cacciato 
Cosimo de' Medici , perclie quelli che furono confina- 
ti , furono di quelli che contraddissono alla 'mpr(^sa 
di Lucca come princlpali ; e di tutto fu autore mes- 
ser Rinaldo , il quale Agnolo per li sua insopportabili 
modi non poteva sopportare , veduto di quanto male 
era cagione. 

9» Passando in Italia lo 'mperadore Sigismondo per 

\enire a Roma per la corona , egP era molto amico 

del duca Filippo , e da bii li fu prestato assai favore 

nella sua passata. Avendo a passare pe' terreni de' Fio- 

rentini , mando a richiederli del passo , i quali glielo 

negorono per la legge che avevano , e per essere ami- 

co del duca Filippo. Presene grandissimo isdegno cd 

andossene alla via di Siena. Sendo lo 'mperadore Si- 

gismondo signore di grandissima autorita , temettono 

assai la sua andata a Siena , e massime sendo sdegna- 

to co' Florentini per non gl' avere voluto dare il passo 

pe' loro terreni , sendo passato in Italia col favore del 

duca Filippo , il quale era nlmicisslmo de' Fiorentini , 

e prestava favore alli loro nimlci nell' iinpresa di Luc- 

ca ; e f u cagione il duca Fllippo , che 1 Fiorentinl non 

avessino Lucca , per avCrle prestato favore publico e 

segreto. Per tutte queste ragioni dette i Fiorentini cra- 

no in grandlssimo sospetto dell' andata dello 'mpera- 

dore a Siena , dubitando , che col mezzo de' Sanesi egli 

non gli ofFendesse , e masslme sendo loro amlcissiml 

del duca Flllppo e nlmlci de' Fiorentini. Veduto que- 

slo , entro loro grandlssimo sospetto , e per questo ven- 

nono subito a' rimedii opportuni ; e questo fu di man- 

dare anibasciadore allo 'mperadore uno che fusse uo- 

hio di autorita , e vi raandorono Agnolo conoscendo la 



PA.NDOLFINI. 391 

sua integrita , e quanto avcva adoperato in ogni luogo 
dov' era stato. 

lo. Andato Agnolo a Siena allo 'mpcradorc fu dal- 
la sua Maesta molto onorato , ed acquisto grandissima 
grazia , e non solo con lui ma con tutti i signori ch' 
erano appresso di lui ; e nel tempo clie vi stette , placo 
assai la mente sua della indegnazione che aveva inver- 
so la citta , e fu cagione di levare via moltissimi in- 
convenienti , che sarehbono seguiti. Furono mandati a 
Agnolo quattordici migliaia di fio)'ini d' oro, che quan- 
do vedesse V opportunita del tempo , glieli prescntasse 
in uno bacino d' ariento , il quale gli mandorono con 
detti d^narl , i quali vollono che Agnolo prescntasse 
iu nome del popolo di Firenze. Prese Agnolo il tempo» 
Una mattina desinato che ebbe lo 'mperadore , Agnolo 
venne nella sala , dov' era stato a desinare , ed usatogli 
alquante buone parole della buona disposizione della 
citta inverso la sua Maesta , dipoi gli fece presentare 
questo bacino con questi danari , i quali ricevette con 
lieto animo ridendo , come sempre faceva. Fece met- 
tere i detti danari in su la tavola , dipoi ne prese colla 
mano quanti nc poteva tenere , e davagli a' sua signori 
e baroni , in modo che non ne rimase ignuno. Dipoi 
si volse a Agnolo ridendo , e disse in latino , che non 
voleva i danari per se , ma per i sua compagni , e vuo- 
to il bacino , e chiamo nno de' sua che cosi vuoto lo 
liponesse. Istato Agnolo per alcuno mese a Siena , e 
fatta a pieno la sua commessione , e soddisfatto per 
quanto v' era suto mandato , torno a Firenze con gran- 
dissima grazia di tutta la citta , veduto per mezzo d' 
Agnolo d' avere mltigato T animo dello "mperadore. 

I 1. Nella novita del treutatre , che fu dopo la 'm- 
presa di Lucca , Agnolo sempre cra stato alieno da 



392 AGNOLO 

ogiii novlta di stalo , cd attcndeva al benc iiniversale 
della cltta ; all' altre cose non vi pensava , parendogli 
(he non si convenisslno a uno cittadino pvivato. Ve- 
duto messcr Rinaldo ed i sua scguaci essere volti a mu- 
tare lo stalo , e far parlamento , e fare pigliare Gosi- 
mo de' Medicl pcr fargli tagliar il capo , Agnolo vc- 
duto questo , c conoscendo il malc che n' aveva a sc- 
gulre , volcndo manumettcre uno uomo di quella quali- 
ta , come quello al quale dispiacevano le novita di que- 
sta natura , fece lutto qucllo clie pote con messer Ri- 
naldo e con gli autori di quella noviia , perehe noa lo 
facessino , mostrando loro ii grande inconveniente che 
ne seguiterebbe , e che qucsta novita sarebbe la rovi- 
na dclla citta e la loro. Ma non potc fare con tante 
ragioni mostrate loro , ch' egjino si volessino induce,- 
re a nou seguitare il parlamento e fare quello che fe- 
ciono , comc furiosi ed inconsiderati. Era meglio V an- 
dare adaglo ed imparare da cbi era stato innanzi a lo- 
ro , che fu Nicolo da Uggiano , il quale scmpre danno 
la novita , ed usava dirc clie il primo che cominciasse , 
farebbe la fossa in ch' egli medesimo si sotterrerebbe ; 
e benc -M- Rinaldo sotterro e se cbe ne fu autore , 
ed i sua seguaci , e ]a citta insieme con loro. Agnolo 
disse a messer Rinaldo , che tenesse a menle , che que- 
sta sarebbe la sua rovina e dl quelli della cltta. Veduto 
dov' egli entrava , fece in questa novita ed in tiitte 1' 
altre tutto il bcne ch' egli pote , fuggendo sempre la 
via degli scandall ; ne in quella novita ne in alcuna 
dell' altre si volle mai trovare degli otto , ne in iuogo 
dove s' avesse a dare eslglio a' cittadini , non volendo 
per questo mezzo avcre condizione nella cilia , perche 
per 1' ordinario per la sua virtii avcva piii islato e piii 
condizione , che non voleva. E per questo suo buouo 



PANDOLFINf. 393 

{Tovcrno allono da ognl novila e pertur])azIone civile , 
ciie fiissc nclla citta , scmpi^e fii amaio universalmcnte 
(la tutta la citl«i cosi da qudli cIk; avrvano io stato , 
c da (juciii , cIh; non lo avevano , e ne' minori cbbe 
uua sluiiie gra/Ja , per essere slato scmprc in favorc 
dcl c(uuuue , ed ocuuno si tcncva bcucficato da lui. 
r u graude cosa di lui , clic poiendo tanto nella citta , 
od avcudo tanlo stato quant' cgT aveva , cli' cgli si sa- 
pcssc governarc in modo , clie persoua non si potcsse 
doicre di iui ; ed una dclie cose clie lo fcce sempre sta- 
rc in questa riputazionc fu , che ne' sua consigli con- 
sigiiava scnipre li])crameutc sanza alcuno rispctto il 
Lcuc univcrsalc della sua citla. 

I 2. Fatta la mutazione del lientatrc, e cacciato Co- 
simo de' Medici , veggendo Agnolo venuto tanto disor- 
diuc , e conosciuta ]a de])oIezza degl' autori di questo 
scandalo , attese a starsi lui cd i sui figiiuoli , e non 
sl dare troppa noia , prevcdendo quello clie aveva loro 
a intervenire, jNon aggiunse all' anno intcro , che sen- 
do la cilla in qucsle periurbazioni , e non si posan- 
do , i Slguori che vennono nel trentaqualtro , di set- 
(embre vollono mutare lo stato e rJvocare Cosinio. Vc- 
duto questo , messer Kinaldo prcsc 1' arme ]ui c tuiti 
quelli della sua parte ; e scndogli .Aguolo viciuo, co- 
noscendo la sua natura , ch' era alieno da qucstc no- 
vita , non cbbe animo a riclilcdcrlo , sapplcndo ch' egli 
arebl)e fatto 1' opposito. Adopcrossi Agnolo quanto po- 
t(j , che qucste cose avessino buono flue sanza gcauda- 
lo ; c voieudo mcsser Riualdo che mcsser Palia degli 
Strozzi uscisse fuori con cinqucceato fanti , che ave- 
va in casa per sua sicurla , Aguolo e Bartolomeo Car- 
ducci , ch' erano parenti di niesser Palia , c con lui te- 
ncvano grande amicizia , c nell' uno e ncil' altro avcva 



394 AGNOLO 

egli grandissima (ede c per lo parentado e pcr 1' auto- 
rith , scndo i cittadini ch' egl' erano nella citta , con- 
fortorono essi mcsser Palla , che non corrcsse drieto 
alla furia di messer Rinaldo; ed il simile ancora per 
pacificare la citla , che ognuno stesse a' termini sua ,^ 
confortando raesser Palla che si stesse di mezzo , e la- 
sciasse correre a questi altri. Sendo messer Palla vol- 
to alla pace e quiete della citta , fu contento di starsi 
in casa , e lasciar correre messer Rinaldo ed i sua se- 
guaci ; e tolse questo di messer Palla a messer Rinal- 
do ed alla sua partc assai di riputazione , perche giun- 
lovi cinquecento fanti , era loro graudissimo favore in 
dua modi con I' autorita e con le genti. E benche mes- 
ser Palla fusse disposlo per se medesimo , nientedime- 
110 giovo assai 1' antorila di Agnolo e di Bartok)ineo , 
perche 1' uno c V altro desideravano il buouo stato del- 
la citta. E parendo loro questo stato del trentatre es- 
sere molto debole di natura di non potere durare , per 
questa cagione s' adoperorono che Cosimo toruasse nel- 
la citta , credendo che qucsto fusse il mezzo che la 
citta posasse , rivocando Gosimo unitameute come fe- 
ciono ; c parcndo loro questo beneficio di ritornarlo 
nella sua patrla universabuente da tutta la citta essere 
approvato , da pochi in fuora , ch' erano stati aulori 
della noviiii del trentatre ; sendo cosa nuova mutare 
uno stato , pensorouo che non lo facessino in quella 
forma , che feciono questi del trentaquattro , uon pen- 
sando il male che ne seguito , d' essere coufiuaii e per- 
derlo. Feciono duuque lo squittino , e dettono lo stato 
a tutti quelli che lo meritavano ; e fatto lo squittino 
serrorono le borse , e levorono la balia. 

i3. Ritornando a Agnolo , Cosimo P ebbe scmpre 
in grandissima rlvcrcnza , e spesso andava a casa di 



PANDOLFINI. 395 

liii , conoscendo la sua aulorila \n Fircnze essere gran- 
de solo per la sua bonta e fedc. Gonobbcsi in tuiti 
quesli partiti i qiiali prese Agnolo , essere slata in lui 
una grandc prudenza d' esscrsi saputo portare in mo- 
do , che semprc per V ordinario fu in grandissima ri- 
purazionc ; ed in ogni stato e' potc quello cbc volle ; 
ma qucsto suo potcre non lo volle adoperare se nou 
ncllc cose giusle cd oneste , e clie andavano per la via 
ordinaria iu favorc della sua citta. Sendo ritornato Co- 
simo , e mutale moltc cose , comc e detto , e dato a 
molti r csiglio , parve cio a Agnolo strano ed alicuo 
da quello clic crcdeva , seudo fuori dclla sua natura. 
Stando in queste allerazioni dclla cilta , Agnolo si ti- 
ro da parte , e mai nou si volle impacciare di nulla , 
sendo in tutto fuori dclla sua opinione. Non potc poro 
passarc qucsta altcrazione dclla citta cb' clla non dessc 
travaglio a cbl Agnolo per ogni rispctto voleva gran- 
dlssimo bene si per le sua singulari virtu , si per lo 
parentado cli' era tra lui e messer Palla , e per cssere 
simili dl costumi cosi dellc lettere come delT altre cosc. 
Ora sendo Agnolo c Bartolomeo Carducci insieme , fu 
detto loro da uno di quclli dello stato , cbe se non si 
rimediava , messer Palla sarebbe confinato. P.\rve ed 
all' uno ed all' altro strano, sappiendo qucllo cbe aveva 
fatto , quando messer Rinaldo prese V arme ncl tren- 
tatre. Ora sendo in piazza Agnolo e Bartolomeo Car- 
ducci , passo uno de' principali cb' era autore di que- 
sto ; si accompagnorono con lui , e dissongli come ave- 
\auo sentito , cbe volevano confinare messer Palla. Egli 
disse non essere vero ; cbc bene vorrebbe cbc pcr suo 
bene egli andasse in villa per uno mese o dua per ispe- 
gnere tanta invidia quanla aveva addosso. Agnolo c 
Bartolomco cb' erano uomini interi e di buona fede , 



396 AGNOLO 

credettoiio che chi aveva detto loro dello esiglio non 
dicesse il vero , e noii cercorono altro , e massime ri^ 
cordandosi di quauto bene era stato cagione messer 
Palla , per essere stato in casa il di che messer Rinal- 
do prese P arme co' siia seguaci ; che se fusse uscito , 
come egli non nsci , ie cose non sarebbono dove an- 
dorono per la grande benivolenza che avcva nella cit- 
la , e per cinquecento fanti che aveva in casa sua per 
sua sicurta, Avendo udito questo da chi poteva assai 
nella citta cd in quello stato , si stettono a buona fede 
credendo , che i fatti nou dissentissino dalle parole. 
Stando a questo modo , non passorono mohi di , che 
messer Palla e Nofri suo figliuolo furono confinati. 

!/{• Veduto Aguolo e Bartolomeo V esiglio di mes- 

ser Palla , ne presouo grandissimo sdegno , parendo 

loro , chc aveudo fatto quello che aveva , e scndo quel 

cittadino ch' c^V era , che la cilta non aveva il simi- 

le , ch' egli non meritasse d' essere mandato in esiglio. 

Veduto ques.ta Ag nolo , e la citta tutta mutata , gli ps^- 

reva un' altro moudo ed un' altro raodo di vivere , co- 

raincio a pcnsare di pigliar forma alla vita sua , ve- 

duto di non potere piit giovare alla sua patria , come 

aveva fatto iufiuo a quello di ; parendogli avere molto 

bene fatto il debito suo inverso alla sua patria , deter- 

mino di ritrarsi dallo stato ed attendere alle lettere ed 

al comporrc. Ma nonpote fuggire , che aveudosi a fa- 

re i dieci della balia a mano , egli iion fusse fatto nell* 

anno mille quattrocento trentaquattro. Portossi in que- 

sto ufficio couic aveva fatto negP altri ; e fiuito que- 

sto , si ritrassc in tutto dallo stato. E fecegli piglia- 

rc questo partito piii ancor volentieri , avendo messer 

Carlo e messer Giannozzo sui figliuoli , dua uomini 

di graadissima autorita ; e per questa cagione disse lo- 



PANDOLFINI. 39i 

ro , coni' egl' aveva fatto iiifiuo a qncllo di il dt'})iio 
stio iiiverso la patrla siia , e clie seiido oggimai deH' 
tta ch' egl' cra , e coiiOvScciido di noii potcre fare piii 
quello che avcva fatto per lo tempo passato , per qiie- 
sto voleva che la cura dello stato fusse loro , e che or- 
dinassino col gonfaloniere e co' priori , chc saranno 
per r avvenirc , chc ne' richicsti clie si dovessino fa- 
re , egli pcr uulla non fusse richlcsto. Parvegli il tem- 
po di rivocarc la niente a' sensi e ritornarc a se me- 
desimo , avendo fatto flno a quello di per la sua pa- 
tria qucllo , clie dehhc fare ogni huono clttadino , cioe 
kccresciutala iiello imperio e nclla riputazione , onde 
cra stato caglone nella pace che a^^eva fatta , come e 
clelto , che Coi'tona venlsse in mano del popolo di Fi- 
renze , che e uno de' piii helH e dc' piii abhondanti 
paesi che ahbla il popolo di Fireuze , cd aveva fatti 
i capitoli con grandlssima riputazione dclla sua cltla. 
Fcciono i Fiorcntini nel suo tempo resistenza a qucUi 
di casa de' Visconti ed al re Lanzislao , e da tutti si 
difesono col senno e co' danari , sendo hi citta nel suo 
lempo nel piu fiorito stato chc fusse mai , cd il trop- 
po hene stare di moltl , fu cagione delle novita , che 
vennono alla citta. Trovossi Agnolo nella rotta di Za- 
gonara , e=ci6 che fu di grandissima stima : in una not- 
le egli insleme con piii cittadini di quello tcmpo fe- 
ciono in poche ore cento mlla fiorlni , che beato clii 
era quello , che ne potesse pagare maggior somma. 

1 5. Ora avendo fatie tutte le predelte cose , pose 
r animo suo in pace , c prese il partito detto d' alle- 
narsi in tutto dalla repuhllca, parendogli influo a quel- 
lo di avere mollo bcne pagato il debito suo inverso la 
patria. Parte dei tempo suo consumava nelle lettere , 
parte nel couversare con uomini dotti ; e delle prime 



398 AGNOLO 

e principali cose attendeva alla rcligioiie , d' udirc la 
messa e 1* ulBcio ; e parte del tempo , massime conie 
veuiva 1' estate , se n' aadava iu viila , e tenevavi uno 
bellissimo stato , quanto uorao che avesse quella eta , 
di famigli e cavalli , osscrvando nientedimeno quella 
mediocrita , che debbe usarc uno cittadino. Erano po- 
chi cittadini di condizione nella citta , che non v' an- 
dassino a stare con lui o cou i figliuoli a Signa , dove 
era una beilissima casa in quelio tempo ordinata d'ogni 
cosa , che si richiede a uno stato d' uno gentile uomo ; 
cani , ucceili ed ogni specic di rete cosi da ucceiiare 
come da pescare. In queiia casa s' onorava chi vi ve- 
niva. Era iiberalissimo ; e non sendo quello tempo ca- 
se presso a Firenze di queila qualita e si bene ordi- 
nate come queiia , tntti i signori clie venivano di qua , 
alloggiavano in queila casa. Vi alioggio papa Eugenio , 
il re Einieri , ii duca Francesco , ii marcliese Nicolo 
piii voite , e cosi aitri siguori che vi venivano , e sem- 
pre la casa era ordinata di tutto , ciie non vi mancava 
nuila. Quando interveniva , ciie ii di deiie feste o altri 
di i fjgiiuoii venissino da Firenze , e non avessino mc- 
nato persona , se ne doieva assai e riprendevagii. Era 
quosta casa uno domiciiio d' uomini da bene. Aguoio 
era in que' tempi uno altro Luculio , avendo la casa 
fornita d' ogni specie d' ucceilaggione e di cose appar- 
lenenti a' conviti per onorare clii vi veniva. Quando 
iscadeva ciie il di del lavorare non vi fussiuo forastie* 
ri , mandava alia strada a vcdere se vi passava perso- 
na , ed ordinava clie fussino menati a desinare a casa 
sua. Giunti cii' egi' erano , gi' era data 1' acqua aiie 
maui , e ponevasi a tavola. Fatto questo , quando ave- 
vano mangiato , gii ringraziava , e diceva ciie andas- 
sino per i fatti loro , che non voleva darc ioro impe- 



PANDOLFINI. 399 

dimciito. Gli escrcizj clie vi facovano , craiio di gcn- 
tiluomiiti , di aiidarc; a ii(U!<dUic con gli sparvicii e 
co' caiii , c mai non aiidavaiio a uccoUare che noii fiis- 
sino qiiindici ovvero venti cavalli , sanza qiielli clic 
andavano a pic co' cani. Andavano a cacciare a' ca- 
vrioli e lepri , cd a pcscare , in modo che mai in que- 
sli escrcizi iioii si pcrdeva tempo , clie si compartivji 
in simili cosc oncsle. Qucsti erano gli esercizi dc' fi- 
gliuoli d' Agnolo in quosti tempi. Quando venivano iii 
vilia , volcva intcnderc poco dcl govcrno , parendogli 
piii sicura via ; e sc pure domandava , rade volte fa- 
ccvano cose che gli soddisfacessino. Rispondeva alcu- 
na volta : voi vi governate in modo , che voi capiie- 
rcle male. Parevangli i goverui , come erano , molto- 
niutati , perchc cosi fanno le novita nelle citta. Ittette 
in questa vita di non s' impacciare di nulla circa a an- 
iii dodici. 

16. Fu Agnolo tcmperatissirao uomo in ogni sua 
cosa. Ebbe una donna che fu degli Strozzi , donna de- 
gnissima , e la prima sera che la mcno , in luogo di 
mollc pazzie che fanno i piii , le disse tutto quello che 
aveva a fare nel suo governo ; detle che 1' ebbe tutte 
le cose , disse : tienle a mente , perche di questo non 
te ne diro mai piii nuUa. Ebbe di questa donna ire 
Cgliuoli maschi ; il primo fu messer Carlo cavaliere ed 
uomo di grande autorita nella republica , e pcr quella 
ando piii volte ambasciadore , ed ebbe tutte le dcgnila 
chc si danno in una republica a' loro cittadini. Ebbe 
rncsser Giannozzo cavaliere uomo singularissimo e di 
grandissima aulorita e credito nella sua republica , in- 
tero e prestantissimo cittadino. Dalla republica sua fu 
onorato di tutte le deguita che si possono dare a uno 
cittadino in una citta. Fu adoperato assai fuorl della 



400 AGNOLO 

citta por ambascladore a Pontcfici , a Re , a' Viniziaiii , 
e piii altri luoghi , dove si trovo a fare dua paci a' sua 
di ; una col re Alfonso dovc ebLe la milizia , uii* altra 
ue coucbiuse co' Viniziani e col duca Francesco ed i 
Fiorentini. Dov' egli ando sempre riporto onore alla 
sua citta. Ebbe uno altro figliuolo cbe mori molto gio- 
vane , che si chiamo Pandolfo. IMori la douna che non 
aveva piu che questi tre figliuoli , e parendogli averne 
assai , quantunque fusse morta ch' cgl' era molto gio- 
vane , non ne tolse mai piii , ed istette sanza douna 
anni cinquanta o piii. Ebbe dua nuore , flgliuole de* 
principali della citta in quelli tempi. La prima fu del- 
la casa de' Giiigni , la seconda fu figliuola di Bartolo- 
meo di Taldo Valori. Presono queste dua donne la cu* 
ra d' Agnolo come se fusse istato a loro padre. Sen- 
do gia venuto alla eta d' anni piii di ottantacinque , e 
conservatosi in quella vivacita d' iugegno ed in quello 
intclletto cb' egP aveva quando era d' eta d' anni qua- 
ranta , non aveva alcuno impedimento in parte niuna 
del suo corpo , e di questo ne faceva spesso la pruova. 
Sendo infermato d' una infirmita cb' egll si mori , a 
fare pruova del suo intelletto , sendovi uno di messer 
Alessandro degli Alessandri e piii cittadini venuli a vi* 
sitarlo , nell' ultimo si volse loro con molto accomoda- 
te parole raccomandando loro la citta , e confortando- 
gli , che si portassino in modo ch" eglino la conservas- 
sino a' loro figIiuoIi,e la lasciassino loro con quelle 
condizioni che 1' avevano lasciata i padri loro , aven- 
do sempre piii riguardo all' universale bene della loro 
citta cbe al loro proprio. Parlato cb' egP ebbe per lun- 
go spazio , fece loro questa breve conclusione : con tut- 
to cbe io so , cbe voi non farete cosa che io vi dica. 
Conosceva la qualila loro c la condizione della citta , 



PANDOLFIM. 40 I 

dovc illa crn ridolta , di iioii pnlcrc cDn.scguIrc qucllo 
ch(! volcvano , non scntlo in Ioro"poclcsta. 

17. AvcikIo fatto (jucsto J)ricvc ricordo d' alcuna 
cosa dclla vita c dc' costunii d* Agnolo , conosco in lui 
cssere state tante laudabili condizioni , clic sarcbbe su- 
10 de<rnissinio ciltadino non solo nolla rrcpublica^ fio- 
rentina , ma in ogni dcgna republica clic avcssino gli 
anticbi. Cbi si volcssc afFaticarc a scrivere la vita sua , 
Irovera moltc cose (b*gne d' cterna memoria. Qu(,*sto 
basli pcr uno bricvc ricordo , a finc cbc la fama di 
si dcgno uomo non perisca , come i iscaduto degli al- 
Iri per non ci essere chi gli abbia mandati a mcmo- 
ria dclle lcttcre. Volcsse Iddio cbc di qucsti cittadini 
avesse la citta di Firenze! cbe beata e fclice si polrcbbe 
cbiamare , c beati c felici coloro cbe fussino govcrnati 
da si d("gni ciltadini ed amatori delle patrie loro , co- 
me si vcde jicr T operc fatte da Agnoio in onorc e sa- 
Inte d(dla sua patria , avcndo piii rispetto a quclla , cbc 
alla propria vita , parendogli cIk3 cosi convcnisse farc a 
ogni buono cittadino cbe amasse la patria sua. Infino 
al terapo smo era istata la citta in grandissima riputa- 
zionc ed unione delT uno cittadino con 1' altro , comc c; 
dct-to. Poicbc vide mutato queir ordinc , si Icvo in lutto 
dal governo , comc t; dctto , conosccndo non potcre fare 
(jaello bene cli' cgl' aveva fatto per lo lcmpo passato* 



56. PANDOLIO PANDOLFIM. 



I. JLi 



andolfo di messer Giannozzo ^i) Pandoblni 
nac(jue di nobilissimi parenti , ed ebbe buona notizia 

(1) Ciaimozzo fu iigliuolo ili Agnulo , c PandoHb nipole. 
Amendue parlano iicl dialogo del gu\>crno della JhmigUu , Iral- 
talo cck'l)rt di Aiznolo. 

o 

u6 



-402 PANDOLFO 

deHe lelturc , c rurongli graiiJlssinio oruanieiito ag- 
giuiito alle siugulari doti che aveva dalla natura d' 
avere arrecato seeo maravigliosa modestia e condnen- 
za. La gravita la quale parve in lui clie fusse natu- 
rale , aveiidola eomiiiciata da' sua teueri anni , quella 
sempre osservo , e non si vidde mai iu lui uno atto 
clie 11011 fusse degno di lui ; ed in questa ela de' sua 
leneri anni nel parlare fu onesiissimo. Gomincio co- 
me egli venne all' eta della discrczione ad acquistare 
grandissima riputazioiie per tutta la citta , cosi co' pri- 
ini , come con gl' infimi , avendo a })uona ora formato 
1' abito nelle virtii , e da quelle mai si alieno. Fu di 
nalura eloquentissimo e paziente auditore a ehi gli 
parlava. Era molto volto al servire , e questo seppe 
bciie usare di servire ognuuo e farsi amici assai. Ave- 
va aggiunie a tutte queste condizioni d' essere umauo 
con ognuno. Converso sempre con uomini gravi e ma- 
turi , con raesser Lionardo d' xVrezzo , con messer Car- 
]o d' Arezzo , con messer Giannozzo IManetli , e con 
lutti gl' uomini degni e maturi e litterati ^ i quali ave- 
va la citla in quelli tempi ; ed era tanta la grazia clie 
aveva nel parlare , clic non solo era amalo da tutti , 
ma avuto in graudissima rivcienza e riputazione ; e 
quando egli parlava dove fussino uomini di condizio- 
ne , eia udito con ogni atteiizione , e pareva uno gio- 
. vane di grandissima autorita. 

2. Comincio a buoii' ora a dimostrare le sua virtii , 
pcrche sendo venuto alT eta d' anni diciotto il padre 
fu tratto capitano di Livorno , e fu nel tempo clie Ni- 
colo Piccinino era con la gente del duca Filippo in 
quello di Pisa. Sendo stato messer Giannozzo a Livor- 
no alcuno tempo , ammalodi febre , e da' medlci fu 
eonsigliato che si partisse di quivi ed audasse a Pisa. 



rece pens.ero di Jasoiarl,, i„ ,„„ ].,„„ „ . . " ' 

.- l>a,.dolf„ a faro ,...,!„ ...nl' •' ^ ;" r ''" 
g.andi,s.i„.a di,l,...., . ,. ^„,„ ,', ^^0^ V: ^ 
og..u..„. r„te..ve,.,.e i„ ^„csto ten^po che per ^^l 
che v.e..e da Pisa a Livor..o d..; seia/.a,i . 

"0..0 cor..e..d„, come uo„,i„i C.e ro,.pa„o' la .t..ad 
J^^e. je.o pe..ie„l„ d,d,a gue.^^^^ 

Inlf • r ?7™'^«'"!"- '"fnJeudo q„esto , ]>«„. 
Jolfo gl. fece p,glia,.e eo,ne rompito..i di .n.ada. Se„d„ 
P'«-s., s„b,to e dal capitano di Pisa e da Jve.i diGi- 
"o Cappon. commessario ehbe lette.e cl.e sul.ito d' 
m.p.cca..,„o Nie..tedim.:.„o come giovane mat„,-o vol- 
k anda.e adag.o ed i„d..gia,.e al 3eg,.ente di ; c la 
"Z drc:' " 1'' -'--vame,.te negli orecchi „„„ 

uomo s. debbe fa.e lunga esami^a. La mattina .,egue„. 
te fece dare loro d.lla corda ed esamlnogli dilig^nte- 
-ene, e trovo che quello che nvevano Fa.to e,.f .stato 
pcHeggerez.a , non cl.e vi fusse ma„came„to ig„„„o , 
.. per questa cag.one gli ten..e alcuni di in p,-gio„e 
c d.po. J,be..a,„ente gli lascio ; e fu da Neri di Gino 
edalutt.IodatoiIpa..tito, che aveva preso , conosciu- 

.0. i?'"r"r""' "^ ' "'"'■'I"'^"' '^•- '•'■"'-o- 
on pa veche fus^e stato uno partito d' uo„.o giova- 

"e d. d.cotto a„„i, „,a d' ogni maturo uomo. 

^. Acqu,sl6 e nella ammi„is„.a7.io„e di q,.elIo „f- 

i'c^o , e .,el partito cl.e p.-ese g..a„dissi.na riputazio„e , 

ed og„, d. acqu.stava piii per i sua laudabili portame.,! 

. . e pe.. ave..e comi..ciato a buona o.-a a pratica.-e con 

om.„. deg.u e ragionare de' govcrni de' pri„cipi o 

l;"e ^epubl.che,- e che ..o,. solo volle che vi soppe- 

' '^so la prat.ca ch' egP aveva fal.a e faceva , che Pa.,- " 



/]04 PANDOLFO 

(Jolfo e piu gioNanl cll coiidizloiii fccioiio taiito coii 
mcsser Carlo d' Arezzo , che lesse loro la politica d' 
Aiistotcle clie tralta de' goveriii dcllc rcpubliclie c de- 
(r\i stati. Aveva in prima udito da maestro Battista da 
Fabriano V etica d' Aristotcle , c parte n' udi da mes- 
ser Giovanni Argiropolo , in modo cbe aveva univer- 
sale giudicio d' ogui cosa. Aggiunsc le lettcre con la 
pratica ; e quando avcva a parlarc di cosa (dcuna , non 
era inferiore a ignuno dclla sua cta. Perseverando a 
questo modo ncgli studii c nella pratica , vcnne cbe 
fu tratto del collegio. Scndo riputato giovanc d' assai 
istimazione , come era , gli fu conunesso cbe facesse 
quella orazione dc; iiisliLia , la quale e di consuetudi- 
iie di farsi. Data cb' ella gli fu , attese a ordinarla , c 
composela in modo cb' clla fu elegautissima , e fu mol* 
10 lodala e commendata da tutti gT intendenti. Venen- 
do la mattina a pronuuciarla dov* erauo i signori ed 
collegi e tutti i rettori e tulti gli ufficj e consoli dell' 
arte , vennonvi lutti quelli cbe davano opera alle let- 
tere , e moltissimi de' principali cittadini mossi dalla 
universalc fama delle sua virtii. Recito quest^ orazio- 
ne (lc iiistitia con tauta cleganza e con tanlo buono 
modo , cbc pareva cbc non avesse mai fatto altro cbe 
questo deir oiare ; e se in prima era stimato e ripu- 
tato , pcr questo atto cb' egli fece n' acquisto assai ap- 
presso tutti gP uomini dotti ed indotli. Pcrsevero ogni 
di piii nella sua integrita , la quale dimostrava in tutte 
Ic cose cbe avcva a fare. Era di si buono giudicio , 
cbe subito cbe gl' era detta una cosa , 1' aveva prima 
intesa clie gli fussc detta. 

4* istando a questo modo cd avendosi a fare i si- 
gnori a mano , percbe la cltla e cbi governava c(?rca- 
vano tuttc le vie cbe potevano pcr assicurare lo stato 



Pir^DOLFINF. A05 

loro , ora non si ficlanclo V uno dcir altro , corcavano 
]a via di siciirarsi piii chc potcvano ; avendo piii ri- 
spelto allc cosc proprie clic allc pnbliclie , avcvnno fat- 
10 in qnesta elczione dcl prioralo nna diligenza d' avc- 
re uonilni nclla citta al proposilo loro. Scndo I* anto- 
riui ncgli accoppintori dcllo iniborsare , jNeri di Gino 
Capponi cra in qucsto tcnipo accoppiatore , e potcvano 
gli accoppiatori farc loro o «^onfalonicri di ginstizia o 
o dcgli sigiiori , non avcndo altro. Scndo d' accordo 
di sctte e dc' signori , ve nc i-cslavano dui. Clii volc- 
va Neri di Gino , v' cra clii non sc n' accordava. Ncri 
disse : io vogllo o essi-rc io , o uiio di chi io mi possa 
fidare , c voglio Pandolfo di mcsscr Giannozzo Pan- 
dolfini per una polizza sola ; mcttete 1' altro che locca 
in santo Giovanni dc' signori pcr sei , e Pandolfo pcr 
una. Rimasono d'accordo che fusse gonfalonicrc mcsscr 
Agnolo Acciajuoli, ch' cra uno de'prlmi dcl rcggtmcn- 
to ; e r allro dc' signori fusse per tuttc le polizze , c 
Pandolfo pcr una sola. Scndovi dua altri ncl (juarticre 
pcr tutte l<" polizzc , e Pandolfo per una sola , cra qua- 
si impossihile cho potesse csscrc. Vcncndo alla traita , 
Pandolfo fu tralto , e V altro resto. Tiatto Pandolfo de* 
signori , qucsti del rcggimento che volevano che que- 
sto fusse quello priorato che facesse inllnitc cose , co- 
nosciuta la natura c honta di messer Pandolfo , non 
parve loro chc fusse uomo da potcrlo volgcre allc loro 
volunta , c massime a dare osiglio a' cittadini , e fare 
cose che fussino contro alP univcrsale hcnc della citta , 
che non scndo mai stato ignuno dc' sua passati che P 
avesse fatto , non cra disposto a farlo lui. Parve a tuttl 
quelli dcl rcggimcnto istrano vedendo uscito Pandol- 
fo , cd a Neii parve che gli fusse riuscito qucllo che 
desidcrava , avcndo rispctto al huono stato della citta. 



/|06 PANDOLFO 

0. In qncsto tempo chc stette Pandolfo ui casa , 
v' andorono la maggior parte de' clttadini cli' crano iii 
Firenze , clii a confortarlo cli* egli stesse fermo e non 
innovasse nnlla , e chi a consigliarlo clie facesse qnel- 
lo clie gli metterebbono innanzi qnesti dello stato , e 
cli' egl' era venuto il lempo che faccndo queRo clie 
volevano , lo farehbono de' primi di quello quartiere 
della cilla. Pandolfo aveva fermo 1' animo sno e sa- 
peva qnello che aveva a fare , ed a ognuno che gli 
parlava faceva savie risposte , non iscoprendo a per- 
sona quale fusse V animo sno. Pandolfo che non era 
de' disegnali , che sapevano il secreto di quello che s' 
aveva a fare , ed eranvi di quclli che v' erano entrali 
patteggiati , tuui questi che lo sapevauo istavano di 
mala voglia , e fuvvi di quegli che gli dissono , che bi- 
sognava che fusse savio , e non contvadicesse a cosa 
che gli fussc messa innanzi , altrimenti ne seguitereb- 
be la rovina sua e della sua casa. Pandolfo rispuose 
ad .nlcnni di questi dicendo , che dalle cose giuste ed 
oneste non si partirebbe mai. Pandolfo , come quello 
che amava il buono slato de^lla sua cilta , e quello ch* 
egli non aveva dato loro , uan si troverebbe mai a tor- 
lo , sendogli messi tanti sospetli , e veduto che vole- 
vano andare a pessima via , fece pensiero di volere es- 
sere cagione d' nno grandissimo bene , ed ovviare a 
tanto male quanto egli vedeva principiato. Una sera 
uno de' compagni , che aveva posto a Pandolfo gran- 
de amore , vedute le virtii sua , lo chiamo in camera 
sua , sendo uno di quelli che sapcvano quello ch' egl' 
avevano a fare , e piangendo gli disse : hommi io a 
Irovare a guastare questa citta , c sotterrare la casa 
mia ? Pandolfo disse : non , se tu vorrai fare a mio 
modo , e non sarai disfatto come tu stimi. Ebbe tanla 



PA>DOLFI>(r. AOl 

forza con cosliii nolle parolo , olic dlsse cssorc contcn- 
to fare qncllo clic vohna. Condollo costui scp^rclainon- 
le , ne tiro dna allri , clie ftirono quatii-o con Pandolfo. 
Percli^ i signori erano mollo vc^^i^hiali qunndo crano 
dua o trc insieme , ordino Pandolfo chc una mattina 
a una grande ora fusslno levati , ed andassino su in 
uno hiogo diputato. Vcnuli all* ora dlputata Pandolfo 
che aveva j^arlato a ognuno in dispartc qucllo chc vo- 
lcva , disse loro : noi possianio esscrc cagionc d' uno 
grandissimo l)ene ed a Dio cd al mondo , e sara salute 
ddla cittii e la nostra , e non si vuole lanto temere , 
(juanlo voi falc ; che sc noi stianio fern^i c non ci mu- 
tiamo , c chc h; nostrc quattro fave noi non le ren- 
diamo mai sv. nou d' accordo , noi sarcmo caglone , 
couie ii dctto , d' uno grandissimo bene. Furono con- 
tcnli di farc quanto Pandolfo voleva , e per questa ca- 
gione giurorono c sagramcntorono P uno all' altro di 
non rcndere mai le favc loro se non d' accordo. Fatto 
qucsto , a Paudolfo parve avere Icgatc lc mani a' com- 
pagni ed a chi volesse far malc. 

(3, Non passorono molti di chc il goiifalonicre , 
scndovl i collcgi , comando che non si parlissino , c 
fccc vcnire i sigiiori in salctla , e fece serrarc giii Li 
porta chc pcrsona non vi potesse entrare. Tutta la tcr- 
ra cra sospcsa vedutq questo atto , duhitando di qual- 
chc novlla. Intervcnnc chc Paudolfo cra proposto , cd 
il gonfalonicrc non gli scopcrse mai nulla di qucllo 
clic volessc farc. Vennono i siguori in salctla , cd i 
collegi nclla udlcnza , e fuori non si potcva mandare 
ambasciata a pcrsona. Posti i signori a sedcrc , il gon- 
falonierc fece lcggere \a pclizionc , ch' era in questo 
clTctto clic partlto ignuno non valcssc , se il gonfalo- 
nicrc clic era allora c quelli chc saranno per 1* avve- 



/|08 PA.NDOLFO 

nirc non vi fussino prcsenti a renderlo liii , ne valesse 
niilla, in moclo clic restaya tutta 1* autorita nel gon- 
laloniere , ed i signorl restavano sanza autorita ignu- 
na , (^ era per questo modo semprc proposto il gon- 
faloniere. Intesa Pandolfo questa petjzione , tullo s' al- 
tero parendogli quello cIj' ell' era. Lettala il gonfalo- 
niere vi parlo suso y mostrando che bisognava chc quc- 
sta petizione si vinccssc , perch^ cosi cra il volere de' 
prineipali , e chc a qucsta non l)isognava far resisten- 
za ignuna. Vcnuto il partito , furono le ciuque fave 
nere , e le quattro giurate hianchc. La mise piii vol- 
le ; serapre istcttono ftrmi sanza muo\ersi ; quanio piii 
vi si parlava suso , tanto piii stavano fermi. Audala 
infinite voltc , a uno di questi quattro ch' erano con 
Pandolfo , chc non vcdeva hene Jume , gli venne prcsa 
che non se n' avvide una fava nera. Kicolto il parti- 
to , elle furono sci e tre. Colui che aveva errato ri- 
mase smarrito. Vintola tra i signori , subito chiamo i 
collcgi e disse loro quanta questi dello stato desidc- 
ravano chc questo partito si vincesse , c che chi nou 
VI rcndeva lc fave nerc , cra nimico dcllo stato. Mes- 
sola tra i collegi , per paura subito la vinsono. Vin- 
tola , comando che non si parti&sino , e subito fecc suo- 
nare a consigbo , il quale fu subito ragunato , perche 
ognuno venne per vedere che partito fusse questo. 

j.' Venne giii il gdnfaloniere co' signori. Pandolfo 
ch' era tutto picno di pensieri ed alterato in infiuito 
nel viso per lo sdegno che aveva , fecelo ancora a fine 
che chi lo vedesse , giudicasse quella petizione non es- 
sere ne giusla ne oncsta. Posti a scderc , si fccc lcg- 
gere la petizione. Lettola cd aiidato al partito , nou 
ebbe fave nere o poche. Vcduto qucsto il gonfalouiere 
s' ahero assai , e volscsi al proposto e dlsac che la fa- 



PANDOI.FIM. 



409 



cesse di nuovo rimelttirc , o cosi fccc saiiza fare scgiio 
o aito ignuno. Rlcolto il partito , cll' cra pcggiorata. 
Feccla rimettcrt* la tcr/.a volia , c fecc il similc. \o' 
lendo il gonfalonicrc cli' clla si riproponcssc Ira' i si- 
gnori c collcgi , Pandolfo sc gli volse c dissc chc non 
Jo voleva farc , clie haslava clic V av(\sse mcssa Irc vol- 
le , clie non la volcva rimcltcrc piii , in modo chc il 
consiglio sc n' avvidc , e istcjttono fcrmi a non la vin- 
ccrc. Vcduto i signori non essere d' accordo , il gon- 
faloniere fcce ogiii istanza ch' egli la rimctlcsse ; non 
lo vollc mai farc. Parvcgli strano clic Pandolfo avessc 
Innto animo a ncgarc una cosa di qu(dla nnlura , vo- 
hmdola quclli dello stato. Volscsi il gonfalonicre a 
Paudolfo e si gli disse: se io 1' avcssi a farc , io ser- 
rerei qucsto popolo in qucsta sala , e lanlo vi starehbc 
che gli verrchhc voglia di vinccrla. Paudolfo sc gli 
volse e si gli disse : cgli starehhc hcnc a voi a farc , 
non a me , chc non vcnni io mai per grazia a qucsto 
popolo che non I' ahhiamo avuto per le noslic gravcz- 
zc. Si chc pcr tauto io non ne voglio farc inilla , c 
suono il campanello e licenzio il consiglio. Lcvossi da 
scderc , e fu cagione che quclla petizionc uon si viu- 
ccsse , veduto tanto malc quanto ne scguitava non solo 
in qucsta ma nclle alii-c cose ch' erano ordinatc. 

8. Vcduta il fjonfaloniere la costanza di Pandulfo , 
e per nulla non lo potcrc rimuovcrc a farc cosa chc 
volcssino , sendo di natura chc igiuino huono cittadi- 
no r archl)e fatto come ne fccc lui ; vcdcndo qucsto 
quclli dcl governo , parvc loro di mandare a Pistoja 
pcr mcsscr Giannozzo suo padre che v' cra capitano , 
a flne che lo inducessc alle loro volunla , non lo co- 
nosccndo hcnc , e maraviglioronsi assai di tauta costan- 
za in uno giovane. Mcsscr Giannozzo venuc a Fircn- 



410 



PANDOLFO 



ze come uomo prudt^nlissimo ed nmator della sua pa- 
tria , e iion solo non lo conforto a levarsene e con- 
correre alla volunta del gonfaloniere , ma confermollo 
nella sua Luona volunla , ed a starvi fermo e non si 
mutare ; e cosi fece. Chi mando pcr lui a Pistoja cro- 
dette di fare uno efFetto , ed egli ne fece un' ahro op- 
posito a quello ; perelie se a Pandolfo mancava nulla 
a confermarlo nella sua opinione , messer Giannozzo 
ve lo confermo lui , non sendo punto differente alla 
sua opinione come virile e Ijuono cittadino. Seguitan- 
do ogni di infinlte cose di quesla natura non Luone 
iie oneste , istava fermo nella sua opinlone con tre 
compagni clie mai si potcrono mutare ignuno di loro 
per cosa clie fusse detla loro da' primi della citta , e 
furono cagione di n^oltlssiino hene., Non posorono gV 
autori di quesla petizlone qui le cose , seado. tutta la 
citta in grandissimo sospelto clie questi slgnori non 
confinasslno cittadini , secondo che s* intendeva ch' era 
ordiuato, ed er^ vennta ne* prlnil taiita pa\ira, clic non 
che ignuno avesse ardiniento di salire quelle scale , ma 
mandavano loro amlci quegli clu* duLitavano dello esi- 
glio a Pandolfo a raccomandarscgli ; ed io scrittore v* 
andai piii volle mandato da' primi dclla cllla. Semprc 
mi rispuose che io dicessi loro che non duhitassino 
mentre che fusse in quello luogo. Tremavano tutti , 
ed era tanta la paura universale di tutti , che pareva 
che non solo gl* uomlni che erano in quello palazzo 
tremassino, ma le mura. 

9- Questi del governo usavano dire che volcvano 
acconciare le cose in modo che nOQ vi avessino piii a 
pensare. Sendosi delil^erati di fare la pratica , ed or- 
dinato d' ammunire e confinare ccrti cittadini non de* 
minori , consigliorono clte si diputasse ii di ,* e perclie 



PANDOLFINI. A1 1 

uv.Wii pratica andava solo il gonralonierc c non ahri , 
avevano ordinato cli'o<^lino volevario clic fussino ricliie- 
sli , V dalogli al gonfalonicri* in sur una scritta. E pcr- 
chc in (jucsto tcmpo ognuno dc' signori elcggcva qucl- 
lo clic gli loccava , di poi si davano h* sciitl(! al niaz- 
zicre cl>c gli ricliicdessino , dcttc il gonfalonicrc a' si- 
gnori quanti n' avessino a clcggcre pcr uno. Pandolfo 
fece la scriita e dctlcla al maz/Jere , ed il simiK; fc- 
riono i compagni. Nollc v(.'dcrc il gotrfalouic^c la scrit- 
la di Pandolfo. Scndovi uno di cjuclli che volcvano 
confinarc , il gonfalonicrc lo canccllo , e miscvcne un' 
allro in qucllo scambio. Scndo ragunata la pratica , 
Pandolfo mando a vcdcre se v' cra quello d(dla scritta 
sua. Fugli detto di no , c per queslo mando pcr lo 
mazzierc del quartieic e feccsi mostrarc la scrilta , e 
vidc costui canccllato ; antivide dubiiando di quello 
ch' era chc fusse stato levato d' in su la scritla , e mes- 
sovene un' altro. Domandato al mazzicrc chi I' aveva 
falto , dissc : il gonfalonicrc. Comandogli che andasse 
in piazza dov' era quello ciltadino a comandargli per 
partc della Signoria che vcnisse alla pratica. Vcnne 
subito , cd cntrato in saletta , ognuno si maraviglio che 
gia avevano ordinato di confinare lui , c altri ammu- 
nire. Entrato drento , eglino non segnitorono 1' ordi- 
nc dato , vedulo csscrsi scoperti , pcrcli(j ognuno (^^^^^c 
simili carichi, e ruppe tutti i discgni loro. ^ cduto (jue- 
sio , il gonfalonicrc suono il campanucc^io , e licenzio 
la pratica. E di qucsto bene fu cagione Pandolfo pcr 
essere volto alla via ch' cgl' era , e non solo vcderc le 
cose ma antivederle , e salvo qucllo citladino con tnlla 
Ja casa sua , ed infmiti degl' altri i quali ne gli rima- 
sono molto obligati , conoscendo che altri che lui non 
1' arebbe fatlo. E pcr qucsto ovviando a uno similc 



412 PANDOLFD 

caso acquisto grandissima riputazioue ; e furono tanti 
quelli ohe salv6 , che fu non solo la salute loro ma 
nurlla dvMa. citta. Sonci della stirpe loro ancora o^^iri , 
c di quelli che n' andavano allora in csiglio , che aven- 
dogli Pandolfo eampati quella volta per suo mczzo , 
col tempo non vi sondo piii Pandolfo vi capitorono. 
E per questo si conosce quanto sia utile e necessario 
nno ciltadino di questa natura a nna patria, cho la puo 
salvare come lui , e 1' opposito uno caltivo guastarla. 

lo. Vennono a Itii alcuui in palazxo di quelli ch' 
erano autori di questa novita , dimostrando con caute 
parolc chc non piaceva loro quello che aveva fatto ,. 
c confortoronlo che facesse quello che gli direbbe il 
gonfaloniere , e molto caldamentc gli parlorono che 
non si discostasse da quelle cose che erano per bene 
dello stato ; mostrandogli la eondlzione a ch' egli ver- 
rebbe facendolo , e 1' opposito non lo faceudo. Non lo 
poterono mai mutare ne con speranza ne con minac- 
cie , e persevoro cosi iu tutto questo priorato pcr bene 
dclla sua citla. Non si potrebbe dire la fama e ripu- 
lazione ch' egl' acquislo e di bouta e d' iutegrila e d* 
tino animo iuvittissimo di uon avere paura di persona 
uel bcne operare. Di poi che furouo usciti i signori 
ed il goufalouiere , veduta la costauza e Ja integrita di 
Pandolfo , gli pose il gonfaloniere uno singulare amo- 
re , e fu uno suo gvandissimo amico , e diceva ; io con- 
fesso di quelle cose , che io voleva fare , che tu fusli 
cagione che non si facessino , tu avevi migliore giudi- 
cio di mc; e veuue con lui iu tanta amicizia , ch' egli 
uon V arebbe richiesto di cosa ch* egli non Y avesse 
compiacciuto , fusse di che natura si volesso. E pero 
si vuolc sempre fare bene , e nou avere paura di per- 
sona. Aveva Pandolfo pev le sua \\vik private acqui- 



PANDOI.linl. 



4U 



slata iiclla clllii graiidlssiina fama n ripula/.ioiic , cokt 
da quelli clic; avcvaiio lo ^iaio coinc da <|u<Ili clie iioii 
lo avcvano , pci-clit^ cm uiiivcrsale coii ognuiio , r inol- 
lo umnno c bcnigiio , e scrviva ognuno , c sapevalo fa- 
ro mcglio clic uomo cli' io vcdcssi mai , c guardavasi 
di noii oflcndcrc pcrsona. Kra lanlo hcn voluto \H'.r 
lulla la citla , cli' cgli non domatidava nulla o pcr se 
o per allri , cli* egli non ottcncsse , pcrclic aveva con- 
giunta r antorita coa la bencvolcnza. Scndo Giovanni 
di Cosimo dcgl' wfliciali d(;l niontc e prcvenuto dalla 
morte , xi\endosi a farc lo scambio suo per via di con- 
vsigli , fu fatto Paudolfo molto giovane con tanlo favo- 
re quanto Ignuno clie v' andasse , cbe v' andorono in- 
finiti , e pcr buona grazia cb' cgT avcva viiisc qnrllo 
partito quasi con tiitle le favc ncre , ricordandosi di 
qucllo cbc avcva fatto nel priorato. 

I I. Sendosi porlnto in (jucll' unicio come avcva fat- 
10 iK^gl' altri , c fatto piaccrc a ognuno , ncl fiiie dcll* 
uflicio volcndo i coinpagni sua dargli lc rata (i) de' 
diritti di •citladini clhc s' erano t:omposti pcr le gravcz- 
3«^ , parcndogli -cbe fussc bastaiite a uno cittadino pa- 
gare lc gi avezzc sanza avcrle a pagare coii le pcne , 
disse : bene cbc io sia povero di robba , io non sono 
povero d' animo, c diritti io non gli voglio , e lasclo- 
gli al comune , c cosi fcce ; bcncbc i coinpagni cli' cra- 
110 con lui pcr lo esemplo non lo faccssino loro. Di- 
mostro in qiicsto una siugnlarlssima virlii di stimare 
piii r onorc cbe la robba. Avcvanlo i prlncipali dclla 
cltta Cosimo dc' Mcdici, e dcgraltri in buonissima opi- 
nione c T amavano per la gencrosita dcU' animo sno , 
come innanzi c detto. Istettc la casa sua per la buona 
vlla c costumi sni in tanta osscrvanza d* ogni virtii , 
(i) Idiotismo cognilo pcr V eirata. 



414 PANDOLFO 

che fu eseniplo a inlln la citlh qiianto casa clie fusse iii 
Fircnze. Morto il padrc , i sua fraicgli 1' avevano noii 
iu meno rivcrenza che se fusse stato a loro paJic ; 
tutlo procecleva da' sua laudabili costumi. Istando con 
questa ripulazione appresso non solo quelli che gover- 
navano nia in tutta la citth , avendosi a fare ambascia- 
dore in Francia alla niaesth del re Kinieri , feclono 
Pandolfo molto giovane. Andovvi molto onoratamente , 
e da quello principe fu avulo in moltissima estimazio- 
ne , e soddisfece bene a quanlo gl' era suto commesso , 
e torno a Firenze , e fu assai lodato di quelio che ave- 
va fatto. Ajntollo assai la natura , aggiuntevi le lette- 
re e la lunga consuetudine d* avere sempre praticato 
coii iiomini degni , e nutrltosi in quello , ed essere in 
lutto alieno da ragionamenti vili e bassi , ma sempre 
ragionare di cose grandi , ed alieno da raercanzie dove 
r ingegno s' avesse a abbassare. Aveva il padre uonio 
singularissimo , il quale avuto Pandolfo , isiette piii an- 
ni chc non ebbe ligliuoli , e per questo avendo buo- 
na copia di beni non gli bisognava pensare ad acqui- 
stare, Aveva 1' ordiiie della casa sua grande , e saieb- 
besi vcrgognato a porsi a comperare nulia di cose vili , 
ma commelteva al famlglio , e tutto faceva per non av- 
vilire V animo suo. Era alieno da ogni giuf>co , per- 
che gli pareva che fusse lenipo perduto , come era. 

12. Uotto che ebbe il re Ferdinando il duca Gio- 
vanni a Troja , e morto il principe di Taranto , ed 
avendo avuto i^ Re la maggior pai'te del reame libc- 
ra , parve a chi governava mandare a Napoli dua am- 
basciadori a rallegrarsi delT acquisto fatlo ; e furono 
eletti messer Luigi Guicciardini e Pandolfo. Nella lo- 
ro entrata fu fatto loro grandissimo onore ,* andorono 
loro incoutro moltissimi signori che v' erano , ed i fi- 



PAK doi.fi?! I. 415 

j^lluuli (lcila inacsla dcl Kc , (• (lcllc loro tma Ix^llis- 
sinia casa fornila J' Oj^^ii cosa. Diinostiava i\ Re a Vmi- 
dolfo granclissimo aniort^ Ilalovi pcr alquanto trrnpo 
fu scritlo a I.nigi dic se nr vcniss(' , c Pandolfo vi 
rcstasse pcr la grancl(» grazia clie aveva appresso dcl 
Re , conic si e dipoi dinioslrato pcr (jncllo ch' c"!' Iia 
fatto a' figliuoli. Quando sua Macsta andava a spasso 
pcr la terra di Napoli , scmpro menava Pandolfo ap- 
.prcsso di se , ed andava parlando con lui molto do- 
mesiicamcntc. Acqui.slo apprcsso di sua Macsla c di 
•quelli slgnori grandissima grazia , pcrclit; aveva ciuc- 
sta singular dola da I)io c dalla nalura , che sempre 
^icl suo parlare piaceva a ognuno plii V una volta che 
r allra; le sua parole erano misurale c lcmporaie c sa- 
pevasi mcdto bene accomodan» secondo chi gli parlava. 
i3. Vennc in questo tempo il conte lacopo (j) a 
Napoli, c presc Pandolfo con lui grandissima anncizia 
c radi di crano cbc il contc lacopo non fusse con Pau- 
dolfo. Aveva cjucsta mirahile doLa dalla nalura Pan- 
dolfo , che chi gli parlava una volta , conveniva clie 
divcntassc suo parilgiano ; taiila grazia aveva in of^ni 
cosa ! Andando il Ke alP isola d' Ischia , che s: lenc- 
va pcr uno caialano , e tutto il reamo avova occctto 
(]U(dla Ischla e Casiello dcdP Uovo , volendo il Rc chc 
"il conlc lacopo v' andasse , mando a dire a Pandolfo 
che voleva ch' cgli andasse con sua Maesla in sur uno 
logno do\o montorono. Non volle che vi fusse se iioa 
il Ke cd il conte lacopo e Pandolfo od il segrctario 
cd andorono a vedcTe Ischia , cd il modo cho v' era 
<la ofFenderla. Moslrogli il conlc lacopo come uomo 
spcrtissrmo nclla dlsciplina militaro infinlti avvisi. Ve- 

(i) Qucsli fu contro il re Ferdinando nclla hallnglia di Troja , 
come c dclto nella vila ili Alessaudro Sforza p. i5o. 



416 PANDOLFO 

diuo luUo qiicsto , s\ (oriiorono n Nnpoll. Aveva il cou- 
t(! lacopo presa grandis.sima feic iii Pandolfo , cono- 
sciiita Ja sna biiona iiatura , cd osfni suo sixreto 'd* 
apriva , e voleva il suo consiglio rispetto alle sua con- 
dizioni dove si trovava , che donde egli si procedesse 
11011 vi stava sanza grandissimo sospetto , non sappien- 
do clie fine avesse a essere il sno. Avcndo dal Re 
grandissima provisione e assai terre delle sua , in mf>- 
do cbe pareva clie la maesta del Re restasse a discre- 
zione nelle sua mani • questo suo partito ncl modo clie 
se r avesse a pigliare non lo inteiideva , ed aveva piii 
volte chiesto liceirza al Re per ritornarsi in Lombar- 
dia , o dove paresse a sua Maesta , che quivi non vo- 
leva stare piii ; e non 1' aveva potuto averc Di questo 
u' aveva piii volte avuto parere e consiglio con Pan- 
dolfo , che come savio non lo poteva male consigliare , 
uon si potendo partire sanza volunta del Re. 

i4« Istando in qnesta dubilazione , il Re uno di 
nel mcse di giugno , passata 1' ora di vespro , mando 
per Ini. NelT andare passo da casa di Pandolfo , e fe- 
celo chiamare e disscgli come il Re aveva mandato pcr 
lui , e come andava per pigiiar licenza , e domani pia- 
cendo a Dio partire. Non istava Pandolfo sanza gran- 
de sospetto della persona sua , e piii volte n' aveva par- 
lato con lui , ed ailora non si j^o^eva partire da lui , 
ed era in questa dubilazione , e disseglielo. Partitosi 
ed andato al Re , subito giunto nel GastelJo nuovo , il 
Re si ritrasse in una camera da parte ed il conte la- 
copo ed il segretario e non altri , ed entrati in came- 
ra , fu preso il figliuolo ed il conte Brocardo clie era- 
110 rnnasti di fuora cd altri secondo ch' era ordinato ; 
ed istalo alquaiito il Re col conte lacopo , venne uno 
e si gli disse , come v' erauo lettere di Fraucia , e bi- 



sognava clii; la sna Mac^slii 1' anJassc a lc^gcrc. 11 lic 
si paiii , c icslovvi il sci^rclario. Islatovi ahjiiaiito il 
scgrctario sc u' nsci , c siil)ito v' cnlrorouo alcuni pro- 
vlgionati l)cnIssinio a ordinc , c mcssouo lc mani aj- 
dosso al conlc lacopo , <; clissoii^li comt; cra prij^Iouc 
di sua INIacsla. Uso il coutc lacopo ccrtc parolc do- 
leudosi di qucUo clic gl' era stato fatto. Fu mcsso iu 
prlgione dov' era Galcazzo Paudonl. Suhito fatto quc- 
slo , il Rc lo maudo a slguiGcare a Pandolfo pcl sc- 
gnctario come pcr Luonc cngloni avcva ritcnuto il cou- 
tc lacopo , il figliuolo , cd il coulc Brocardo, Pandolfo 
iutcsolo , pcr uuo dispiaecrc uou polcNa avcrc 11 nin^- 
giore pcr la slngularc affc/.Ionc clic gll porlava. Isicltc 
Pnudolfo pcr qucsto caso plii di altcrato , c subito p(!r 
fantc proprio n avvlso a Fircuzc. .\ndando Pandolfo 
dal Pic , qucstl gli gluslifico la cnglonc! pcrclic V avcva 
fatto , bcne cbe uon gli fusse capacc , c dlsplacquc as- 
sai il modo cbc aveva tcuuto. StcUc il coiitc lacopo 
in prlglouc trc di , cd il tcrzo di mori , 11 modo nou 
si sa. Fu cajiionc il coutc Brocardo cbc il contc laco- 
po vcnisse a JNapoli. Gli uoiuini sono acclccati iu uiol- 
le cose , c mcnati allc loro puulzionl cbc uon se uc 
avvcggono , pcr purgare i peccati loro. Eru lauta la 
provisionc data al conte lacopo c le terre , c qucllo 
cbc dava al coutc Brocardo , cbc 11 Kc rcstava a di- 
scrczlouc. S' cgllno avcssino beuc pcusate qucst(; cosc , 
nou audavano mai a jXapoli. Eragli stato prouosticato 
da plii cb' cgli nou vi andassc , cb' cgli- nou torue- 
rcbbe. iMcutcdimcuo gP uomini uon sono in loro po- 
dcsia c sono nicuati alla loro puuizlonc cb' cgli uou 
vi pcusauo. Parvc a Paudolfo perdcrc uno singularc 
amlco quando sl vidc avcre pcrdulo il contclacopo, 
e per qucsto n cbbc grandissimo dispiacerc. 



A18 PANDOLFO 

1 5« Istando PanJolfo apprcsso il Vxc, in laiiJal)!!! 
condizioni cd in huona gvazia di sua ]\Iacsia , il quale , 
come c dctto , gl' aveva posto uno singulare amore , ia- 
tervenne clie sendo c^li di debolissinia complcssione 
come sono i piii de' migliori ingegni , s' ammalo di fe- 
hre e di flussi di corpo. Ammalalo , il Ke V andava 
spesso a visitare , e quando non vi andava vi manda- 
va i figliuoli e de' prlncipali signori dcl rcgno , ed i 
niedici del Fve clie gl' attendessino con grandissima di- 
ligenza , e fu nella sua inGrmita governato in modo , 
clio se fusso stato uno priucipe non potcva aver ml- 
glior goverjjo cbc s' avcsse lui. Ora desiderando Pan- 
dolfo d' esscre in Firenze co' sua , richiesc il Rc d* una 
galeazza per venire a Livorno. P'u contento , e fclla 
ordinare di tutto. Nnn potc la sua dc])oIc complcssio- 
iie sopportare clr egli adempissc ii suo desiderio , ma 
passati poclii di ammalo piii gravemcntc , e si mori ap- 
prcsso dl quello principo ; la qualc morte dispiacciue 
tanto alla sua ^laesta quanto dire si potcsse , ed il si- 
mile a tuiti i signori di qucllo regiio. Mori in tanta 
ripalazione , quanlo uomo clie fusse morto gla e lun- 
go lempo , e non solo dcl princii>e e de' signori ma di 
tutta la citta di Fircnze , come si vede por le bandiere 
dcl comune cbe gli furono date con tulte Ic fave ncre. 
I urono pocbi a Firenze cbe lo conosccssino , a cbi cgli 
iion dolcsse la sua morte. Fece fare il Re 1' esequ*e 
sua a ]N~apoli alle sua spese tanto dcgue quanto se fus- 
se morto il primo uomo di quclio regno , e v' ando- 
rono tutti i signori e geutiluomini cbe vi si trovavano. 

i6. Aveva il Re poco tempo iu.ianzl battezzalo uno 
figliuolo mascliio , il fruale avcva nvuto Pandojfo , e fe- 
c;'gli porrc nome Fcrdinando , e volle cbe lo battcz- 
zasse mcsscr Tomaso Vasallo tlie cra suo ambascIaJo- 



PANDOLFJNI. • 410 

rc iii Fircn/-o , c fccc donarc alla coinniare nno baci- 
no cJ uno boccalc J* aricnto Ji valiiia Ji Jucati ccnto. 
Dopo la morlc Ji PanJuIfo passanJo Ji qua pcr Fi- 
rcnze messcr Garzia Bctcs spni^nuolo , el)I)c commcs- 
sione Jal Rc Ji visltarc monna Gostanza sua Jonna , 
ed ofTcrirle pcr sua Macsla lutto qucllo clic polcva a 
averc pazicnza , JiccnJo clic non nicno pareva al Re 
avcrc pcrJuto , clie s' avessc pcrJuto lci , in nno si sin- 
gulare amlco qualc cra PanJolfo. Dipoi vcucnJo rjui 
messcr Marino Tomascllo , orJino clie spcaso la visi- 
tasse , e non gli lasciassc mancarc nulla nc a lci n<j 
al ranciullo , e che qucllo si faccsse allcvarc con ogni 
dillgcnza possibile , e lcncssegli prccciiori clie liuscis- 
sc nno fanclullo virtuoso , comc riu>ci ; c manJogli a 
Jonare per la sua eJucazIone Jauari por la via Ji mes- 
ser JMarino. Dlpoi gll orJIno una provlsione Ji Jucati 
Juccnto V anno in su Ic Jogane , che se gli riscuole- 
vano i figliuoli Ji PanJolfo loro medcsimi , e fcccgli 
osservarc infino alla fine Jcl Jctto fanclullo , che vlssc 
infino all' eta J' anni quattorJici , c sl Jimoslrorono iii 
lui molte lauJablll cojiJizioni , Ji natura ch' cia Jcirno 
creJe di Pandulfo. Dimostro il Re l" amore chc avcva 
portalo a Pandolfo non solo nella vita comc fanno mol- 
ti , ma nella morie ; di natura che la sua Macsta nou 
ha mai rcstato di bcncficnrc i figlluoli dopo hi morte 
dcl padre , a dimostrare chc l' aniorc chc gl* avcva por- 
tato nella vita non era finto nc slmulaio. 

17. Avendo scritto infino a qui alcunc cosc dclla 
vita e costumi dl Pandolfo pcr via di ricordo , V ho 
fatto cou quclla breviia ch' io ho pouito , i*iservaudo 
il resto de' sua laudabili costumi a quclli che si vor- 
ranno affaticarc dl mandarc la vita sua a mcmorla dcl- 
le lcttcre. IJo dato qucsto prluclpio mcttcndo tuttc Ic 



420 PANDOl-FO PANDOLFINI. 

cose vedulc , ed iidlic da pcrsone degne dl fedc , e dl- 
minulto piii tosto cbe accrcsciuto , osservando la pro- 
pria verlla , aeciocclie clii la leggera conosca ognuno 
quanta forza lianno le vlrtii in quelli che si vogliono 
afFaticare in pcrseverarvi drento infino alla fine , coinc 
fece Pandolfo , volendo dare Luono esemplo di se a 
lutla la citta , ed a quelli che pe' tempi aranno a go- 
vernare la citta di Firenze , e lasciare a' figliuoli cd a 
lutta la casa sua questa eredita , che non polra mai es- 
sere loro tolta, 

57. PIERO DI NERI ACGIAJUOLI. 

I. Jl iero dl Nerl dl messer Donato Acclajuoli , fu 
di fami^lia nohilissima nella citta e mollo stimata in 
ogni luogo pcr molti singulari uoraini i quali ha avu- 
to cosi nello splrituale come nel temporale. E per nar- 
rare in questo prlnciplo alcuna cosa delT originc sua 
sotto brevlla , messer Donaio Acciajuoli fu fralello del 
Cardinale Acciajuoli che fu vicecancelliere e molto ri- 
putato in corte di Roma. E comune oplnlone che mes- 
ser Donato fusse preso per figliuolo addottlvo dal gi'an- 
de Siniscalco (») '^ quale governo lunghlssimo tempo 
51 reame di NapoII , e fuvvi in tanta riputazione , che 
al tempo di piu. Re e della reglna Giovanna vecchia 
governo quello regno , e per le sua vlrtii c huono go- 
\erno vi pole assai. Fu molto unlversale cosi ncl go- 
\ernarc degli stati come nella disciplina militare , e 
d' ognuna di queste dua cose fece grandlssima espe- 
rienza. L' Isola della Morea che e in Grecla , luogo 
di grandisslma importanza , dovc smo moltlssime terre 

(i) Nicolo Acciajiioli , In cul vita scrilla da Mallco Palinien 
e ncl lorao XIII. S. R. I. del Muralori. 



I 



PIERO ACCIAJUOLI. 421 

dogne , acqiiisto pcr propria virlii tV arme , e furou- 
gli di poi conccJulo dal Re del reame cli' elle fussiim 
sua , e tulte quelle terrc famose veniiono solto la sua 
signorla. Tcnne Tebe e Suscliamino e Sesmilia cd in- 
liniti altrl luoglii della Grccla , e trovossi il grande Si- 
iiiscalco d' entrala di stati , clie gl' erano suti dati , du- 
cati Irenta mila. II padrc tenne Prato pcr il re Ro- 
l>erto , ed erano come slgnori di quello luogo. II pa- 
laz/o dove isla il podesta fece murare da' fundamcnli 
il padre dcl grande Siniscalco , e col mezzo suo tenuc 
praiica col re Roberto clie i Fiorentlni 1* avessino. E 
parc clie si pruovi assai chiaro , messer Donato essere 
stato flgliuolo adJottivo dcl gran Slniscalco , pcrclit; 
come uomo congiuntoli prr aflinlta di parcntaJo cgli 
lo manJo a govcrno Ji tuttc qucllc tcrre Ji Grccia Jo- 
ve istette lungo tempo. Dipoi torno alla patria , avcn- 
dovi assai sustanze JI bcni slabili come si veJe. Ven- 
ne Ji Grecla eJ arreco Ji Janari contanli piii Ji fio- 
riui trenta mila , eJ aveva tenuto coutinovamente uno 
Lello stato come signore Ji quello luogo. Era uomo Ji 
granJissima autorlta e riputazione pcr molte sua lau- 
dabili condizioni , uomo largo ed aperto , d' anlmo li- 
Lero e generoso. Uso domlnare sempre a governi di 
stati e di cose grandi , e per qucsto aveva V animo 
grande e libero. 

2. Vcnuto a Firenze e conosciute le sua virtii e 
per la nobilta della casa , e per essere quelli di casa 
sua suti de' prlml , quando la citta ebbe principio di 
reggimento , cIjc furono al governo , pcr questo redu- 
ce messer Donalo a Flrenze fu de' primi del reggimen- 
lo per ogni rlspeito. Era molto alieno da ogni duplicila 
o inganno. Seudo la lerra in questo tempo in condi- 
zloue chc a ogni clttadino cra lecilo di dlre qnello clie 



/f22 PIERO 

gli pareva , per questo ognuno si guardava cI«llo cr- 
roro. Non pote fuggire mcsser Donato i colpi della in- 
vidia , che sendo siiti cacciati gl' Uberti faraiglia no- 
Lilisslma , messer Donato ragionando di rivocargli dal- 
lo esiglio per Lcne uuiversale dtlla citla , gl' autori 
clie gl' avevano cacciati , duLitando dello stato loro per 
r offesa fatta , cospirorono contro a messer Donato , e 
dettongli V esiglio per Lene fare , e lo conCnorono a 
Bailetla nel reame , cli' era una terra Li quale teneva- 
)io i sua. Sendo il fralello a Roma Cardinale in gran- 
de istato , fece pensiero andarsene la , e non ossej-vare 
i confini , c fu fatto ruLcllo. II Cardinale con T auto- 
rita cli' egl* aveva sal\6 le case di Firenze e le posses- 
sioni , ed a tutte fece porre V arme sua. Giuuto messer 
Donato a Koma , il Cardinale lo fece fare governatore 
dcl Patrimonio ; c volendo partirsi da Pvoma , gli ven- 
ne il morLo e morissi , e rimasono di lui dua fialiuoli 
mascLi e piii femine ; Neri padre dl Piero e di Do- 
nato , c Licopo padre di messer Agnolo , di dua don- 
ne cLe aveva avulc. 

3. Neri venulo a Flrenze tolse per moglle la fi- 
gliuola del primo uomo dclla cltta, cLe fu messer Palla 
di Nofri Strozzi in quello tcmpo , della quale nacqae 
Piero e Donato , di figliuoli mascLI , e dua femine. 
Ando dipoi Neri pissatl piii anni in Grecia a quclle 
terre cLe tenne messer Donaio , cLe si tenevano per 
i sua parenti , e lennonsi infino non sono molti anni , 
se il Turco non I' avcsse tolte alla faoilglia dcgl' Ac- 
ciajuoli. GT altri Lanno a andare mendicando la no- 
Lilta delle case loro , agP Acciajuoli n' avanza , e Lan- 
no fatto parentado con tuui li princlpali slgnori cLe 
sono istati nel reame j col principe di Taranto , e con 
piii signori dove maritovono piii donne delle loro , co- 



ACCIAJUOLI. 423 

me si votlc nclla vltft dcl graiulc Slniscalco ; maJonna 
Andrca dcgl' AcciajuoH conlcssa d* Allavilla , donna 
singiilavissinia , alla (jnale !n;*.sscr Giovannl Boccacclo 
manda il libro dcllc donnc illnslrl , a donna dl gran- 
dissinia aulorlla. 11 sit^nor MaJtco da Gapua , caplla- 
110 singulare e signorc di piii luoglii dcl rcarne , cra 
disccso di madonna Andrea dcgl' Acciajuoli. Fuvvi e 
vcscovi e prelati ncl reanie di quesla casa , uomiiil d' 
autoritii ; ed ancora pcr tulto il rcame sono dclle tcrrc 
clie furono loro ; c moltc cliiese c cappclh; lianno fatte 
quci^li dclla casa loro , cd ccci la Gcrtosa clic fccc fa- 
re 11 grande Siulscalco In sua vita , c dotolla in mo- 
do , clic 11011 c' c clttadino pcr uua casa sola , clie l' 
ahbla fatta comc si vedo iiclla Gcrtosa di Fircnze. 

4» Mcsser Agnolo Acciajuoli clic fu vescovo di Fi- 
renze , pcrclie in qucllo tcmpo iion cia ancora arci- 
vescovado , vedcndo occupata la libcrta dclla sua citta 
dal Duca d' Atcne , non poteva sopportare clie i Fran- 
ci^si avessino occupala si nobile citta pcr cngione dclle 
discordlc civili , e pen.so il modo di libcrarla da tanla 
servitii : e per fare questo efrctto , veduto clie pcr la 
via ordinaria non si polcva fare , sl voise alla oppo- 
sita , ed intcsesi con piu. cittadini di porrc uno di dc- 
tcrniinato , ed andare in piazza colla degnita episcopa- 
le e col clero accompagnato da piii cittadini , e ricliie- 
dere il Duca che lasciasse la cilta libcra comc l" avc- 
va trovata , e farc ogni cosa che questo cffctto segin- 
lassc. Venuto il di dctcrminato , venne II vescovo co- 
me era ordinato col clero e con infinitl clttadini , e 
giunto in piazza , come piacquc a DIo , 11 mcdesimo 
di v' crnno iscopcrti moltl trattatl contro al Duca ; in 
modo cbe scndo il vescovo con piii cittadinl ed il po- 
polo, Cinno ridolte Ic cosc in modo cbc fu ncccssa- 



/f24 PIERO 

rio chc il Diica lasciassc la slgnoria ; e fecc patto col 
\cscovo come principale della cilla , pcr la clegnita cbc 
aveva , cli' cgli andasse ^ Popi , e qnindi sendo fuori 
dello stato de' Fiorentini nelle lerre di qnesti di Batti- 
follc , con autentichc iscritturc rinunziasse alla signo- 
rla di Firenze , e clic mai piii vl potesse avcre ragio- 
ne ignnna. E fuvvi il vescovo presente a luttl questi 
atti. Facendo difficulta il Duca di volere rinunziare 
quello cli' ogT aveva dl conscntimento di tulto il po- 
polo per via di parlamento ; veduto questo , il vesco- 
vo gll disse cIjc s' cgli non lo voleva fare , lo rimet- 
tercbbono nelle mani del popolo di dove T avevano 
cavato. Vedutosi in luoao cbe li blsosfnava cedere a 
quello' cbc voleva il vescovo e piii cittadinl In nomc 
del popolo dl Firenze , fu contento e ratifico a tuttc 
]e ran^ioni cbe aveva neUa cilta di Firenze con solen- 
ni istrumcnti secondo gll fu dctto. Si cbe sendo stato 
il vcscovo uno de' priiicipall autorl di tanto bcnc d' 
essere lil)erata la citta dalla servltii , e messala in li- 
Lerla , non solo quelli della casa sua gli devono avere 
grande obligo ma tutta la citla. 

5. Ora avendo detto alcnna cosa della origine di 
qucsta casa , vedutc In lei tantc laudablli condizioni , 
sendo 1' origine di Piero c di Donato da messer Do- 
nato , porro qui tutte le qualita sua. Era messer Dona- 
lo dl pelo bianco , grande dl persona , e rlspondevano 
tutti i membri del corpo alla sua grandezza. Era di mi- 
rabile aspetto , in modo cbe cbi lo vedeva , sanza sape- 
re cbi egli fusse , gli parcva nato per dominare , ed era 
nmanissimo. L' abito cbc portava si era sopra il giub- 
bercllo al modo nostro nno goncUino lungo infino in 
lerra di damascbino a oro alessandrlno , cd avcva i bot- 
lonl d' arlento doiati , lavoratl lanto cb' erano dl filo 



ACCIAJL'(»LT. 425 

cJ an(]a\nno inriiio in irrra. Sopra qncslo gonclllno 
avcva uno manlcllo di damascliino clicrmcsl Lroccato 
d'oro, foclcrato di lattizii clic andavano iiifino in lcrra, 
aperto dalla maiio dritta. In capo avcva secondo Tusan- 
za di quello tcmpo uno cappcllo di bevcro blgio sottovi 
uno cappuccio. Parcva uomo dcgno di rivcrenza c di 
, grandissima autorllh come cgli era. Tcncva uno bcllo 
istato di cavalli e famigll. Sendo nno di in plazza , do- 
vc era uno clttadino che sendo andato in ufTicIo cia 
vacato in qucllo lungo uno ospldale , c qucllo cllladl- 
no pcr r aulorlta cli' cgP avcNa scndovi rcltore , lo fc- 
ce darc per uno de' sua di casa , e non passo con moi- 
ta giustizia ; lornato in Fircnze e sendo in plazza dc' 
slgnori , messcr Dotiato dlsplaccndogli qucllo clie avc- 
va fatto costui , se li volse e chlamollo pcr noine , e 
dlsscgli che alla sua tornala di qucllo ufficio se ne ave- 
va arrccaio uno ospidalc in gi'opP'T» L' essere messer 
Donato uno nctlo clttadino , gli faceva parlare largo 
nella forma chc faceva. Questo basli quanto alT avere 
detto dellc condlzloni di messcr Donato , non sendo 
iscrltta la vita sua. 

6. Rltornando a Plcro , dcl qualc ncl prlnclplo fa- 
ccmmo mcnzlone , Plero cbbe molte laudablli coudi- 
zioni. Fu nclla sua puerlzla spccchlo di costumi e d' 
oncsta. Sendo lui e Donato fratclli , scmpre andavano 
per Fircnze insicme , cd ognuno gli guardava con 
grandlssima ammlrazionc si per la nobilta dclla casa 
come pcr V ornamcnto dc' costnmi ; cd a tulte qucste 
cose vi sl agglungcva la bellezza dcl corpo , ch' cra di 
natura che quando passavano per la via , ogni uomo 
gl' ammirava ; e vcuuti alla adolesccnza pcrseverorono 
in quesla intcgrlta dclla vita , in modo che erano nno 
cscmplo a tutla la ciltk. Fu Plcro di preslantissimo iu- 



426 piERo 

^e^no , quanto Ignuno n' aves^e nel tempo sno ; e su- 
bilo che fii nelia eta dclla discrezione , si delte a im- 
parare le lettere latine , per essere alleno da ogni vl- 
zlo , e solo volto allo istudio ; e percio desiderava d' 
avere uno buono preceitore. Era in quello tenipo il 
Gardlnale di Pavia , che si chiaraava raesser lacopo da 
Lucca , in casa di messer Agnolo Acciajuoli per inse- 
gnare a' figlluoH , e fu contento di plgliare la cura d' 
insegnare a Piero ed a Donato , ed in brevissimo tcni' 
po vennono in luogo delle leltere , che fu cosa mira- 
bile a vcdere ; e questo era che aggiunto allo ingcgno 
di messer Piero , tutto 11 tcmpo ch' aveva lo spondeva 
nelle letterc , e non si dilettava d' altro , stimando il 
frutto chc gl' aveva a segultare. \ enne dipoi il Gar- 
dinale in casa di messer Plero e Donato , e di gram- 
matlca e rcttorlca divento dotto none inferiore a I^nu- 
no della sua eta ; e comlnclo a buon' ora a forraare lo 
stile a comporre , cd In iscrivere pistole ed altre cose 
era cloqueiuissirao. Dato opcia alP arte oratoria , nou 
fu contento a questo , volle cominciare a imparare loi- 
ca , pcr venire poi alla filosofia ; e comincio Piero ia- 
sleme con Donato a andare a sauto jNiarco a udire loi- 
ca da fraie Agnolo da Lccco grandissimo e loico e 
filosofo. 

7» In questo m.^desimo tempo che andava a udlre 
lolca da frate Agnolo , comincio a dare opera alle let- 
tere greche , e fu suo precettore messer Francesco da 
GastigHone , uomo dottisslmo nella lingua greca e la- 
tina , discepolo di Vittorino da Feltro , ed attendeva 
uno medesirao tcrapo alla loica ed alle lettere greche , 
e nell' una e ncll' altre fece grandissinio frutto. Pas- 
sando dipoi di qua mcsser Giovanni Argiropolo nella 
perdita di Go&tantinopoli , che cra dottQ in tuttc setto 



ACCIAJUOLT. 427 

I' arti llberali e nella lingua latiiia e groca , venuto in 

Firenze c condotto a Irggcrc allo istudlo In Closofia , 

Plero veduta la slngulare dottrina di mcsser Giovan- 

ni , egli e Donato ed altri giovani fiorcntini entroro- 

no sotto la sua dlsclplina , ed oltre alle Iczioni dello 

istudio , si facevano legger a casa la lolca d' Arlstoie- 

le , che sono i predicamcntl , ed i prcdicabili , ed i 

perhicrmcnia , li priora , e 11 postcriora» Avendo Pic- 

ro e Donnlo i princlpll da mcsser Franccsco in greco , 

sogultorono con V Arglropolo , e lctta la Iczlone in ca- 

sa sua si dlspulava dclia Iczione dello studlo dell' eti- 

ca e di quclla dl lolca, Era Plero d' uno sottilissimo 

ingegno e vcmentlssimo disputatore. IMcsser Glovanni 

usava grandissima dillgenza In Piero e Donato sopra 

tutti gl* alirl , percbe sendo venuto da Coslantlnopoli , 

ed istato messo a saccomanno , lo sovvennono in tutti 

i sua blsognl. Bencbe Piero avcsse 11 corpo dl sua na- 

tura molto debole , nlentedimeno non perdeva mai 

punto di tcmpo« 

8. Intervenne in questo tempo cbe Flrenze fu dui 
volte opprcssa dalla pestllenza ; la prlma volta gli fe- 
ciono avere una casa in Valdlpesa , e sowennono lui e 
la sua famlglla dl tutte le cose necessarle , ed ogni di 
v' andavano Picro e Donato a udire dua lezioni , una 
la maitina ed una la scra. Era alieno Piero da ogni 
volutta e piacere. In casa loro si viveva con somma 
oncsia di vlta , e cosi in tutte V opere facevano come 
nel parlare. Potevasi dlre questa loro vita in qncsto 
tempo essere dl natura , cbc in una osservanza di re- 
ligiosl non vi sl vive altrimcnte. la quella casa . se 
plgllavano mai spasso igniino , erano pleni d' onesta. 
Erano di grandissimo escmplo cosi nella citta come al- 
trove j in modo cbe si potrcbbono cbiamare beate e fe- 



428 piERo 

lici qnelle citta , dove s' allevassiiio i loro cittadliii co- 
me Piero e Donato. Ritornando dove aLbiamo lasciato , 
venendo la seconda volta il morbo a Firenze , c sendo 
ancora in Valdipesa , volendo partirsi da Firenze , eb- 
bono la stanza dal Generale di Vallombrosa a uno luo- 
go che si cLiama Piziano , ed a messer Giovanni lo fe- 
ciono avere presso a qiiello luogo per avere la como- 
dita di potere udire Is lezioni da lui. E cosi feciono , 
ogni di udivano dua lezioni , una latrna ed una greca. 
Perseverorono in queste assidue lezioni tra in Firenze 
ed alla villa anni dodici o piii , sanza perdere mai una 
ora di tempo. E quando veniva qualcLe vacazione , se 
n' andavano Piero e Donato e Pier Filippo Pandolfini 
alla Certosa , e quivi istavano dua o tre di , e rivede- 
vano le lezioni passate. Questi erano gli spassi e gli 
esercizi loro. 

g. Erano venuti e Piero e Pier Filippo e Donato 
de' principali scolari cLe avesse messer Giovanni , e di- 
ventati buoni filosofi naturali e morali. Avevano udi- 
to da messer Giovanni in filosofia morale I' etica , la 
politica , r economica ; in filosofia naturale la fisica , 
la metafisica , de anima , de caelo et mundo , in loica 
Porfirio i predicainenti pjnora et posteriora. Dal frate 
avevano udita la loica di maestro Pagolo. A tutte que- 
ste lezioni di filosofia cosi morale come naturale face- 
vano gli scritti mentre cLe messer Giovanni leggeva ; 
dipoi se n' avevano dubbio ignuno , andavano il di a 
lui in casa. Ed a questo modo divenio Piero dottissimo 
filosofo. Era lungLissimo tempo cLe a Firenze non era- 
no istati cittadinl ignuni cLe avessino data opera alla 
filosofia per la difLculta della scienza , e solo furono 
Piero con questi scolari cLe udirono sotto messer Gio- 
vanni ; e fu cagione Piero e Donato di fargli tradurre 



ACCIAJUOLI, ^*29 

r clica , la fisica , c mclafisica , c dc auinia , clc caclo 
ct mujido , c II postcriora c li priora c 11 pcrihcrmC' 
nia , clie c stato grancle liime a tulli qiielll chc vor- 
ranno dare opera a filosofia ; cou tulto clie da loro Iii 
qua ognuno dc' sccolari abbia fuggita qucsta fatica. Per 
avere daia opcra a una si difficile scienza , cd avere 
falle tradurrc queste opere da mcsser Giovannl , cli' 
crano barLarc in prima , basto clie cgli per conforto 
dl Picro e dl Donato , primi autori di tanto Lenc , le 
traduccssc , cLe non vl pcnsava. 

10. Fcce Picro in qucsLo istudio dclla filosofia qucl- 

lo cLc sono pocLI cLe V aLbino falto , di congiungere 

Li dottrina colla eloquenza , come si vede per piii sua 

pistole ed opere composte. Se non fusse istata Li im- 

Lecillila dcl corpo cLe P avesse impedlto , come fcce , 

e di dottrlna e dl eloquenza avcva fatto in modo cLe 

iiella sua cta aveva pocLi cLe fussino simili. Valeva as- 

sai e con lo intenderc e comporre e col parlarc a voce : 

il latino V aveva facilissimo per lungo uso dcl dispu- 

tare e del comporrc : la lingua volgare aveva di na- 

lura cli' cra eloquentissirao. Sendosi poi aggiunta oltre 

alla naturale P accidentale , dimostro la sua cloquen- 

za nella sloria cLc iscrisse dcl falto dclP arme cLe fece 

il duca d' UrLino a Illmino , quaudo ruppe le genti 

della CLicsa. Parve questa a tulti i dotti uno saggio 

tl' uno degnlssimo uomo in eIo(|uenza c in dottrina , 

vcduto quanto egli la scrlsse accuratamcnte ; dl natu- 

ra cL' egli dimostro cLe s' egli avesse avuto a scrivc- 

re, e cLe il tempo gli fusse bastato , egll non era in- 

foriore a ignuno di questa ela. Fu nclla citla molto 

onorato di tutte le dcgniia cLc si danno a cittadinl , 

ed In ogni luogo dov' egll ebbe a farc pruova della sua 

virlii , ftce in modo cL' cgl' cbbc graudissimo onor c. 



430 PIERO 

Scndo de' capilaui della parte , quando messer Plero 
de' Pazzi torno aniLasciadore di Francia , cbc 1' aveva 
fatto cavaliere la maesta del re di Francia , avendo avn- 
to a avere i scgni della parte Guelfa , fu commesso a 
niesser Piero che facesse V orazione quando erano daii 
i segni della parle : e sapcndosl per la citla come egli 
aveva a fare questa orazione , vi fu il di uno grande 
concorso di cittadini , ed intervennonvi tutti i princi- 
pali della citla clie crano venuti a fare compagnia a 
messcr Piero de' Pazzi, Fece una orazione in publico 
si degna , ch' clla fu sommamente lodata da tutti gl' 
intcndenti , ed acquistonne per tutta la citta grandis- 
sioia riputazionc. Fu fatto de' slgnori a mano , con piii 
uomini degni» 

I !• Venne In questo tempo a Firenze mcsser GIo- 
vanni de' Margheriti vescovo d' Elva allora , dipoi di 
Giroua , e fatto dipoi Cardinale al tempo dl papa Gal- 
listo , e venne ambasciadore per parte del re Giovau- 
iii (i) a confortare i Fiorcntinl alT osscrvanza della le- 
ga fatta col re Alfonso da papa Nlcola a difenslone 
delli istati , ed cravi V obligo sendo guerra non acqui- 
sita. Sendo passato il duca Glovanni (2) nel reame con- 
tro al rc Ferdinando , ricbiedevano i Fiorentini dell' 
osservanza della fcde , e fece questo vescovo una de- 
gnlssima orazione in publlco. Era questa orazionc mol- 
lo artificlosa , e bisognava essere molto acuto alla ri- 
sposta. Ora volendo costoro del governo fugglre di non 
cssere obligati , furono con 11 gonfaloniere per inten- 
dere , s' egli voleva fare lul la rlsposta. Rispuose non 
la volere fare , chc gli pareva cbe si dovesse commet- 
tere a Plero AcciajuoII , parendogli che fusse de' piu 

(i) Glovanni rc Ji ISavarra, 

(2) Giovanui d' Ang 6 Jetlo duca di CalaLiia. 



ACCIAJUOT,!. A3i 

siifilcicnll cLe vl fussino , acciocclic \\ fusse V onore 
dclla cltta. Acccll.olIa Picro , ed ordioo comc si vide 
di poi iina degnissima risposta. Ora moltl o pcr invi- 
dia cir egli non avesse qnclJo onore , o pcr qucllo clie 
se lo facesslno, n' andorono al gonfalonlcrc e s"i gli dis- 
sono cli' egl' era una grande vergogna sendo in qncllo 
liiogo , che nno de' signorl avesse a sopperire per lui ; 
e crcdendo fargli onore , feciono 1' opposlto. Vcduto 
quello clie gl' era stato delto , 1' acccllo , e dissc a Pic- 
ro volerla farc lul. Fu conlento clie facessc quello clie 
gli parcva. Vennto la mattina 1" ambasciadore per la 
risposta in preseuza della Slgnoria e collegi e plii cit- 
ladiul , come poco isperto , venendo alia risposta si 
smarri , e non potc dire nulla. Piero veduto questo , 
istimaudo quanta vcrgogna ne segnitava loro , vollc 
soppcrire lui , e non lo vollono. Fu quella maltlna 
questo atto nna grande vergogna , e pero si conoscc 
cd in questa ed in ogni altra cosa quanlo onorc facci 
uno singulare uomo a una republica , c V opposito clie 
fanno gl' ignorantl. Picro In qnesto atto acquisto assai , 
perclic si vide nella risposta , clie mostro dipoi scrltta , 
la forza dello ingegno suo. 

I 2. Fu Plero ne' niagistrati , cLe cLbc nella citla e 
fuori , uomo dl grandissima prudenza. Fu capitano di 
Pistoja sendo niolto giovane , dove acquisto grandissl- 
ma riputazlone pcr il suo buono governo.- Era mode- 
stissimo e pazlentisslmo con chi gli parlava , cd ammi- 
nlstrava ragione a clu V aveva , e por la sua onosta 
congiunta con una innala bonta , in ogni luogo , dove 
egli fu , fu molto amato c stimato. Ed avevano questi 
dua fralegli una universale grazia pcr tutta la citta cos\ 
co' grandi come con gP infimi ; e di questa loro uni- 
Ycrsali^ grazia non volcvano cosa Ignuna nclla citta the 



/f32 PIERO 

11011 r avessjiio. Erano Jua frategli , e tutli dua v' cra- 
110 per gonralonlere di giustizia. Donato fu prcsto pre- 
venuto dalla morte , iion pote esscre. Vcnuto Picro pcr 
i sua buoni governi in questa riputazione , avendosi a 
mandare amhasciadorc a Roma a papa Pio chc fu pon- 
tcCce dl graiidissima riputazione , fu eletto Piero sen- 
do molto giovanc. Giunto a Roma , e dal Pontefice e 
dal coUegio de' Cardinali fu molto onorato per moUi 
rlspetti si p«r la fama delle sua virtii , e per la no- 
hilta dclla casa , clie c in corte di Roma ed in ogni 
ognl luogo molto ripulata ; e questa sua riputazione 
iion era solo col Pontefice e con tutto 11 collcgio dc' 
Cardinali , ma con tutta la corte di Roma. Era in que- 
sto tempo nel collegio dc' Cardinali il Cardinalc di Pa- 
via ch' <ira istato suo precettore. Ottenne dal Pontcficc 
tutto qucilo clie ebbe in commessione con grandissi- 
ma grazia di tutti. Torno a Firenze con somma rlpu- 
tazionc , cd aveva fatto in questa legazione iii raodo , 
che se Dio gli prestava vita , sarebbe stato molto ado- 
perato in mandarlo ambasciadorc , se il suo corpo non 
fusse istato imbecille e debole come era , cbc lo privo 
dclla vita molto giovane. 

i3. Non passero qui nclla fine di questo comenta- 
rio dclla vita di Piero , per csemplo di quclli cbe lo 
leggeranno , cbe banno frategli , a fine cbc sia loro 
pcr uno escmplo , dcl singulare amore cbe si porto- 
rono insieme Piero e Donato. Sempre usavano insie- 
inc , e dove era V uno era V altro , ed usorono del con- 
linovo a questo modo cb' cgP avevano vcntidna anni o 
piii , ed infino alla finc sempre dove andava V uno an- 
dava V altro. Era in loro uno amore inscparabile ; e 
mcntre cbe Piero aveva nioglie , cbe stette piii anni 
innanzi cbe la togliesse Donato , mai fu tra loro una 



I 



ACCIAJLOLI. 433 

mliilnia part>lu , (|ur]lo clic voleva T mio volova 1'al- 
Iro, Tolta dipoi inf)olie Donalo , il siniile isteltono piii 
trnipo : vennono alla divisa , e non fu tra loro una mi- 
nima parola , tuilo feciono d' accordo che persona ignu- 
na non ne scppe inilla. Nella loro tenera ela el)i)ono 
assai difliculta per avere avuto a maritare dua slrcc- 
chie ; nientedimeno tutto f^overnorono in modo , clie in 
poco tempo restorono in laudabili condizioni da poter- 
si istare come fanno i gerilili uomini. Avendo segui- 
lato in questi loro laudabili portamenti , come e detto , 
Piero e Donato vinsono c superorono la invidia per 
lante inaudite loro virtu. 

i4» Ho fatlo questo ricordo della vita di Piero a 
fine cli' ella sla uno isp(;ecbio innanzi a tutti queoll 
clie vorranno avere la virtii per la loro ferma posses- 
sione ; ed avendo frategli , percbe sia infra loro uno 
araore inscparabile come fu ira Piero c Donato , dal 
quale amore nacque la salute loro cosi per 1' anlme 
loro come pcr lc cose temporali. Ora avendo solto bre- 
vlta narrato parle dclle laudabili sua condizioni , cbi 
si volessc aflaticai-e a fare la vita sua in latino , potrii 
con questo ricordo distendcrsi secondo cbe parrk al 
suo giudicio. E tutto questo cbe ci e scrilto , e la pro- 
pria veriia , nelia qualc bo ievato piii tosto alcune co- 
se degne, cb' jo v' abbia aggiunlo. Della sua morte non 
fo menzione altrimentc. jNlori molto giovane per la ma- 
la sua complessioue. Cbc se andava per vita , sarebbe 
stato grandissimo lume della casa sua. Ed il simlle fe' 
Donato. Queslo scritto basti pcr uno brieve ricordo. 



28 



434 



58. DONATO ACGIAJUOLr. 



I. A-Jonfilo fii di Nerl cll mnsscr Donalo Acciajiio- 
li , iainiglia nobilissip.ia , comc c dclto. Come Dcnalo 
vcnnc air cla tlclla discrczionc , comincio a dare opc- 
ra allc lcltcre latine , cd cLbc per preceltore messcr 
lacopo da Lucca clic fii dipol Cardinale di Pavia. Co- 
mincio Donato nclla sua tenera eta a fare T abito dclla 
virtii , cd era pcr i sua laiulabili costuml avuto da tut- 
ta la citla comc uno spcccliio innanzi a tutti cosi a' 
giovani comc agl* altri. Sendo di prestantissimo ingc- 
gno e diligentissimo , che mai pcrdcva una ora di lem- 
po , in brevissimo tempo fece grandissimo frutto ncllc 
lcltcre latine ; cd il simile facevalo mcsser lacopo cscr- 
citare nel comporre , In modo clic molto giovanc avc- 
\a gia fatto uno buonissimo istlle , e comincio a buon' 
ora a dimostrare qucllo cbe aveva a csserc ed acquL- 
.stare grandissima riputazione apprcsso di tulta la citl;i. 
Agglungcva Donato a tuttc queste condizionl , cb' cgl' 
era d' uno maraviglioso aspetto , in modo cbc quando 
passava pcr la via era guardato per maravlglia , e coa 
qucsto v' craiio congiunte tutte le parti cbe si ricble- 
dono a uno dcgnissimo uomo. Avcva mlrabile grazia 
nel convcrsarc con ognuno ; c pocbi erano gll parlas- 
sino cbc noii gli divcntassino amicl. Era umilissimo e 
pazientissirao con ognuno , costumatissimo nel parlare. 
!Son fu mal Ignuno cbe lo vedessc nc giiirare ne bc- 
st(!mlarc nc alterarsi con persona. Era eloquentissimo 
nel suo parlare , di non molte parolc ne supcrflue , ma 
iiioderatissimo , inlcrissimo , non fingiLore ne simula- 
lorc ; mai gli fu udito dirc bugia , cbe n' cra nlmico. 
Agglunse a luttc queste condizioni dl annrc c tcmr'- 
rc iddio sopra tutte Ic cosc , c Li cristiana rcligione 



DONAIO ACCIAJLOLI. 435 

uvc'va Iii ^randissinja rl\cr(*ii/.a. Scuclo liiuastl nioilo 
giovani Picro c liii san/,a padrc o coii iioii irioltc su- 
staiizc , nicntcdijnciio colla sua cliHt^cnza riclussono le 
loro entralc in luogo , chc si conscrvorono sccondo li! 
loro coiKiizioni di potcre vivcrc conic gcnlili uoniiuii^ 
Era Donato lil)cralissirao , c sovvcniva dcllc sua suslan- 
ze (jucgli cliG conosccva iT avcssino bisogno. Era mol- 
10 volto alla piatii cd alla cleincnza. Kra molto uiii- 
versale con oguuno ; la supcrbia (^d il fasto era alio 
no da lui. 

2. ilitornando agli istudli sua , cgl' era lanto assi- 
duo clic Lisognava cli '1 suo prcccltore ve lo levasse , 
per la iml)ccillita del corpo a finc clic non si faccssc 
malc. Aveva arrecato dalla sua natura la gravita , cli<r 
mai fccc le cose clie soijliono fare i fanclulli. La sua 
vita e costumi erano di grandissiino cscmplo ; non pas- 
sava mese ch' egli non si confessassc ,* e V anno trc o 
(]ualtro volte si comunicava ; digiunava lutte le vlgi- 
lie comandaie e tutta la quaresima clie inai noii lascin- 
va. jNclla sua puerizia per fuggire i giC)vani alicni da' 
Jjuoni costumi , entro Piero c Doiiato ed il suo pre- 
cettore in nna compagnia di giovani dove si vivcva 
con grandisslma osscrvanza di costumi , c tutlo fcce 
jier formare benc V ablto deila virtii. Di poi venendo 
in plii cta cnlro in uua compagnia dl iioUe clie si 
cLIama di santo Girolamo , ed andavavi ogni sabhato 
cpiando cra in Firenze , e nou m;uicava , cd albcrgava 
la notte , e dormivavi in sur uno saccone. Fuvvi plii 
\oltc governatore , e iiclle disclpline che vi si fanno fa- 
ccva mlrabili esortazloni , c fu cagione d' Infinlti bc- 
ni per il suo buono csemplo. So che siiranuo molti a' 
quali parra che questc cose cIjc si dicona slano supcr- 
ilue , i (juali sono luui carnali ■, e dclle cose spirituaii 



A3G DONATO 

liaimo poco gnslo , inimcrsl na^ vani dilelll e piaceri 
d(^lla vita , e ad altro non pensando , non possono gu- 
.stare qnali slano la niente e 1' animo di colui , clie in 
tutto e risoluto da' durissimi e tenaci legami di que- 
sto misero ed infellce mondo , ed essi volto al I\eden- 
tore , ed a quello desidcra servire ; in modo che sc- 
parata 1' anima da questo miscro corpo , egli possa an- 
dare alla vita cterua , clie mai non ha a venire meno 
vestitasi del pallio della immortalita. Parra a molti ch' 
io abbla fatto una grande digrcssione , e ch' io sia ito 
vagando fuori dello istudio delle lettere. Hollo fatto 
solo per queste sua operazioni , che sono da antiporre 
a tutte le scicnze del mondo. 

3. Dato opera a grammatica ed alP arte oratoria 
solto la disciplina di messer lacopo da Lucca , fece per 
la sua diligenza e per la prestanza del suo ingegno 
grandissimo frutto d' intendere e comporre pistole , iu 
niodo tale che coralncio a dimostrare il mirahilo in-' 
gegno suo , c fu in grandissima riputazione ; c de' pri- 
mi frutti ch' cgli dimostro di quello che intendcva , 
si fu che a Firenze era ne' sua tempi uno degnlssimo 
istudio , dove si leggeva in ognl faculta. Sendovi la 
corte di Roma , v' crano moltisslmi singulari uomini , 
Lenche la citta pcr se florlva d' uomini degni comc si 
vede. Era d' usanza'com' egli entrava podesta o capi- 
lano , andarvi il rcttore con tutti quegli che leggeva- 
no , c con lutti gli scolari , e portaie i capitoli , e far- 
lo giurare d' osservargii , e quivi si faceva una ora- 
zlone , la quale fu commessa a Douato , ch' era in eta 
d' anni quindici , che la facessc. Fece una degnissimn 
orazione alla presenza del podesta e di tutlo lo studio 
e d' infinitl cittadlni ch' crano vcnuti a udirla. licci- 
lolla iu niodu clie fcce niaravigliarc ognuno , scndo si 



ACCIAJLOLl. -437 

^iovane. Oncsti furono dc primi fnUtl ch' rgli comiii- 
classo a dimostraro dollc lettorr. 

4. Avcndo Luonissima notizia dc^lle lottere lalinc , 
vollc imparare le greclie , cd eLbc pcr precettorc , Pic- 
ro e liii , come e dctto , mcsser Franccsco da Casti- 
glione , uomo dottissimo neU' una lingua e ncll' altra. 
Passo di qua nella perdita di Gostantinopoli mcsser 
Giovanni Argiropolo , uomo dottissimo in grcco e iii 
latino , c sommo filosofo. Entro sotto lui anni dodici 
o piii sanza ignuna intermissione di tcmpo , e da lui 
ndi loica e (ilosofia , e fecesl in qucste scicnze , conie 
si debbe , di cominciare da' principii. In prima udi da 
Jui a casa lutta la loica d' Aristotcle , iusieme con PIc- 
ro cd altri giovani fiorentini. La loica , non gli hasto 
ndirla da messcr Giovannl , che andava a santo Marco 
a frate Agnolo da Lecco , nomo dolllssimo , e da lui 
udi la loica di maestro Pagolo , cd altre cosc di loi- 
ca ; ed ogni di a casa dl messer Glovanni o a santo 
INIarco andava a disputare nc' circnli. Udlta la loica , 
comincio a andare ailo studio a ndire 1' ctica d' Ari- 
stotcle , c ricoglieva in iscritti tutto quello che diceva 
mcsser Giovannl in voce. Aveva la mano velocissima 
ed cra bcllissimo iscrittore dl lettera corsiva. Udita ch' 
cgl' ebbe 1' etica da mcsser Glovanni , udi la politica 
al mcdesimo modo. DIpoI udi V cconomica , che e il 
resto dclla filosofia morale. Ed oltre a questo , ogni di 
notavano certi dubbii che avevano nelle lezioni , ed an- 
dava a casa dl messer Giovanni a domandarlo , e di- 
sputava con lui. Udita la filosofia morale , vcnnono al- 
la naturale , di poi de aninia, Udlto de amma , udi la 
metafisica , c di poi de caclo et mundo. Occorse u\ 
qucsto tcmpo , come e dctto nclla vlta di Picro , che 
fu piti vul lc il morbo a Fircnzc. Semprc gli tolsouo 



/j38 donato 

]a slanza piesso a loro pcr iion poidcrc tcmpo. Islii- 
diaiulo a qucslo modo ncUe lctlcre vcnnc dottlssinio , 
come sl vedc pcr I' opere sua composte e Iraduttc. Ed 
accozzo Donato quello a che pocbi sono ginnti , d' ave- 
10 insicme la cloqucnza con la dottrina , e massime 
queHi che danno opera a loica e (ilosoila , come Do- 
nato. Fu si eloqucntc clic udii da messer Poggio , ve- 
dutc lc dua viie traduttc da Donato * e vedute quelle 
di messer Lionardo , clic istava in duLbio chi era piii 
«'loqucnlc o mcsser Lionardo o messcr Donato. Acqui- 
slo Donato i{randissima fama non soln in Firenze ma 
per tutta Italia per la sua inaudita virtii e bonta , con- 
giunta con la dottrina delle lcttcrc. 

5. Volendo Donato oltre alla doitrina ed eloqucn- 

za acquistare della pratica delle cose del mondo , aven- 

do a andarc messcr Diotisalvi in Lomhardia , quando. 

il Duca mosse guerra a' Viniziani , v' ando Donato iu 

sua compagnia , ed acquis'.ovvi molla riputazione , sen- 

do niolto aiovane. Sctido a INIilano niohi uomini dot- 

ti , isnesso si trovava a disputare ora d' una scicnza 

ora d' una altrn. Ehhevi grandissimo gnorc pcr la pe- 

i-izia universa]{! che aveva dcllc lctlerc. E con tutte 

queste seienze e virtii s' accozzava la bcllczza del cor- 

po e la graziosa presenza cir egl' cbbe quanto ignuno 

avcsse \ci sua eta , come e dcLto ; che chi non V avessc 

conosciuto se non per fama , avendolo veduto per pre- 

senza , arebbe delto , questo e Donato. Ebhe nella citta 

lutte le degnita che si danno a uno cittadino. II prl- 

mo nflicio ch' cgT ebbe , fu de' signori , duve si porlo 

dcgnissimamcnte , e dimostro quanto avesse potuto in 

lui r abito delle virtii e de' buoui costumi. Acquisto 

nella cilta grandissima riputazione , ed ogni di crescc- 

\a piu , ed aveva quello che suole esserc in pochi , 



ACCIAJUOLI. A30 

prrclic!; cra amnto nnivcrsalmentc da tiilta la clila cosi 
da' piccoll come da' graiidi per essorc umanlssiiiio coii 
ogiiuno. Vcdule Cosimo de' Medici lo vlrtii di questo 
giovane , gli posc slngulare amore ; e perche Cosimo 
era uomo di poclic parole e d' assai fatti , fece pensicro 
di rimuncrarlo iieH' onore , e quosto fii cl»o avendosl 
a fai'e la imborsazlone a santa Croce del gonfalonicre 
della glustizla , v' era 1' ordino qivanti ue polcva toc- 
care per casa. In casa di Donato non vi poteva csscre 
se 11011 Piero. Donato voduto per 1' ordlne dato non vi 
polrre inlervenlre , se ne stava e noii vi pensava , ne 
a Cosimo iie a mcsscr Agnolo ne a messer Dlotlsalvi , 
cli' erano accopplali , ne diceva iiulla. A Cosimo che 
pensava a onorarlo sanza clie ne sapesse iiulla , venen- 
do uno degli accopplatorl molto suo amico , lo doinan- 
do s* egli volcva clie si facesse nulla. Disse , si io vo- 
glio una cosa sola , e questa e clie Donato Acciajuoli 
sia iraborsato per gonfaloniere di glustizla ; e ne a 
messer Agnolo ne a mcsser Diotisalvi non disse nullo. 
Vennono alla imborsazione del quartlero suo , e costni 
a cbi Cosimo T avcva delto , si rlzzo e disse , Coslmo 
vuole clie Donato Acciajuoli sia imborsato gonfalonle- 
re di giustlzia , e per quella polizza clic lo fecc iiii- 
Lorsare Coslmo , fu dl poi gonfalonlere. 

6. Sendo in questa rlputazione , e parendo cbo fus- 
se non solo atto al governo della sua republlca , ma 
a mandarlo fuorl pcr ambasciadore , ed avendolo man- 
dato a Cesena ed a Rimino, parvc cb' cgli non aves- 
se mai fatto altro esercizio ; tanto soddisfcce a quanto 
cbbc in commesslone I Non passo molto tempo cbe 
avcndosi a mandare uno ambasciadore a papa Pagobi 
per cose impon-tantlssimc , elessono Donato. Andato a 
Roma , coininclo a dimostrarc la sua inaudila yirlii ap- 



AAO DONATO 

presso il Pontcfice ed appresso tJitto il collogio de' Car- 
dli"iali. Aveiido a praticare con loro , molte cosc V ajii- 
lavano in quesla sua legazionc , in prima T essere lui 
nato di nobillssimi parenli , i f[uali erano noti in corte 
di Roma per essere suti Gardinall ed uomini di gran- 
dissima istlma. Aggiugnevansi a questo le sua singulari 
virlii congiunte con la generosha dell' anirao suo e con 
]a porizia di lante sclenze. Venne in tauta grazia ap- 
presso del Pontence , clie sendo sua Saiitita in conci- 
storo co' Cardlnali , ed avendosi a parlare d' alcune co- 
se clie domandava Donalo per partc delia sua Slgno- 
ria , usc) papa Pagolo iii sua commendazione queste pa- 
role , che nel tempo del suo pontKicato non v' era ista- 
to ambasciadore che 1' avesse soddlsfaito quanto Do- 
nato in tutte le parti che si ricliieggono a uno am- 
hasciadore. Era papa Pagolo de' piatici cortiglani che 
fussino istati in corte di Roraa per esservi istat^ gran- 
dissimo tempo ; e plii e da stlmare la lode d' uno si 
degno uomo quale era papa Pagolo che d' uno Pon- 
tefice che fusse inesperto. Era Donato universale nou 
solo nelle lettere , ma sapova ragionare d' ogni cosa 
per essersi allevalo con uomini grandi ed a cose gran- 
di ,• ed i sua ragionamenti non erano di cose frivole 
e vane come fanno i piii degl' uomini. Adempie la sua 
coraraessione per clie v' cra andato , e torno nella citta 
con grandissirao onore. 

7. IMorto dipoi papa Pagolo , e sendo creato papa 
Sisto , elessono Donato Acciajuoli insieme con i primi 
della citta a dare uhhidlcnza al Papa , secondo 1' an- 
tica consuetudine. Fu commosso a Donato che facesse 
r orazione nel dare T uhbidienza in concistoro publi- 
co. Eravi secondo la consuetudine alla presenza neilo 
esporre l' amhasciata , il Papa , il collogio de' Cardiua- 



ACCIAJUOLI. 441 

li , e tiitti gl* amLasciadori , c tutta la corto di Roma. 

Ispiiose 1' orazione iii modo e con tanla elcganza clie 

acquistc) grandissima riputazione per lutta la corte di 

Koma ed in Firenze ed iii ogni luogo , aggiunlo quel- 

lo che aveva fatto a Koma nel tempo di papa Pagolo. 

Tornato a Fironzc fu mandato a Milano al duca Ga- 

loazzo am])asciadoro , dove si porto socondo la sua con- 

snetudine, di quello cli' ebbo a trattare con la sua Kc- 

collenza , cose moho odiose e diflicili , dolle quali colla 

sua destrezza di tutto obbe onore. Oltre alia autorila 

che avcva Donato per le sua virtii , era animoso e non 

aveva paura di diro il vcro , e parlarc co' prlncipi 

vivamente dove si avova a trattare dell' onore dolla 

sua citta , come debbono fare tutti gl' ambasciadori cbe 

\anno fuori per ufficio di grandissima imporlanza , ed 

Ognuno non lo sa faro. Sendo Donato di sua natura 

molto umile , per questo aveva in odio i superbi. Scn- 

do venuti gl' ambasciadori viniziani a Milano , il Duca 

fece loro uno onore occessivo , piii cbo a ambasciadori 

cbe vi fussino mai istati gia e lungbissimo tcmpo. Sen- 

do il Duca a Pavia , e volondosi partire per andare in 

uno altro luogo , disso a Donato cbe facessc compa- 

gnia agT ambasciadori viniziani. Donato , al quale non 

piacevano punto i loro modi , disse al Duca cbe facesse 

fiiro loro compagnia ad altri cbe a lui , cbe voleva an- 

daro infino a Milano per una faccenda. II Duca conob- 

bo subito cbe non voleva fare loro compagnia , vcduta 

la natura loro di stimare poco persona , avondo delto 

al duca Galeazzo il suo parere dcllo onore cbe aveva 

fatto , cb' ora stato fuori d' ogni rogola , ed era slato 

mosso a farlo per piii rispetti , e massime per offendore 

il re Ferdinando cb' ogl' aveva in odio , ed il simlle 

sapcva cbe a' Fiorentini non faceva mollo piaccrc. 



4-'j2 donato 

8. AvenJo 11 daca Galeazzo intesa la costauza dl 
Donato e la sua inauJita coiitinenza , senJo stato piii 
tenipo a Milano con qiiella csservauza clie farcbbe uno 
religioso , il Diica vedenJo i sua portamenll , ne stava 
istupefatto e parevagli cosa impossibile , cJ arebbe fatta 
ogni cosa per niutare questo suo abito JcUa virtii ; e 
per questo Jetermino nna scra Ji veJere pruova Jella 
sua virtii e continenza ; onJe senJo in ]\IiIano una 
ispeclosissima fauciulla , orJino cb' ella gli fusse nie- 
nata Ji uotte in camera , cb' egli vi fusse solo , c la- 
sciarla quivi. Subito cbe Donato viJJe qucsto , cbia- 
mo il caucelliere cbe la menasse via , e nou solo non 
Ja tocco , ma egli non la volle guatare. La fanciulla 
fu menata subito fuori Ji casa. lutesoio il Duca e la 
corte tutta , non fu ignuuo cbe non si maravigliasse 
Ji tanta coutincnza. Una cosa Jiro io qui cbe parra 
maravigllosa. Donato quanJo meno Jonna , mai aveva 
conosciuta iguuna Jonna innanzi a lei ; e questo so io 
per cosa certissima , intesala Ja uno Jcguissimo rell- 
gloso J' osservanza Ji santo Domenico , col quale egll 
fece una coufessione generale innanzl poco cbe menas- 
se nioglie , eJ erano passati anni trcutaJua. Questo e 
conlro a quegli cbe Jicono cbe uno uorao istanJo al 
secolo non si puo contenere Ja uno simile vizio. In 
Donato erano tutte le cose cbe sono in quegli cbe sono 
incitati alla libiJine , bellissimo Jel corpo sopra tutti 
quclll Jella sua cla , nobile e Ji assai buone sustanze. 
Aveva Jomato la carne con 1' astiuenza e con T abito 
Jelle virtii. Qui si potreblic Jire quello cbe Jice santo 
Girolamo cbe nelia carne vivendo come s' eirli non vi 
fusse , e plii tosto cosa angelica cbe umana. Cosi si po- 
teva dlre di Donato. Vedcsi in qucsio luogo quaata 
forza abbla 1' abilo dclle viriii. 



ACCIAJLOTJ. ''+43 

C), Istando a Milano , fu tolla una nave da uno cor- 
sale che era ncllo torre del re di Francia , nt^lla qualo 
nave era roLl)a de' Fiorcnlini pcr Irciila nilla fiorini. 
A Firenze si fcce pcnsicro clic i rimcdii clic v' crano 
si era di mandare iino ambasciadorc al rc di Francia 
che fussc uomo d' autorita c di riputazione. Esamlnossi 
iion csscrc ignuno di piii autorita di niesscr Donato 
Acciajuoli per mollc ca^^ioni , in prima per la nohilta 
della casa , dipoi pcr la fama unlvcrsalc dcllc sua vir- 
tii , c la nolizia ch' cgl' avcva colla macsla del rc di 
Francia pcr esservi andato a tempo dclla sua corona- 
zione con mcsser Picro dc' Pazzi , c portogli la viia 
di Carlo maano , c dalla Maesta sua fu molto onora- 
to , c donogli certi aricnti. Ora suhlto che fu delihc- 
rato a Fireuzc che si scrivesse a Donato che andasse 
amhasciadorc al re di Francia con commesslone chc 
vedesse sc si poteva fare che queste rohbe fusslno re- 
slituite , subllo si mcsse in cammino , e glunto a Pa- 
rlgi , fuorl dclla sua consuctudine gli mando incontro 
parccchi signori c di qucgll dcl sangue , ed in Parigi 
gli fcce darc le stanze , che per esservi la corte ve u' 
era difficulta. Andando alla sua Macsta al tempo or- 
dinario era alloggiato in una casa assai plccola pcr ri- 
spetto di non csscre moleslato da troppa gentc. Anda- 
to Donato dalla sua INIacsta , fccc grandlssima dimo- 
strazlone invcrso di lui fuorl deU' ordinario. Scmprc 
quando cgli parlava lo plgliava pcr la mano in scgno 
di grande amorc. Isposta V amhasclata , la sua Macsla 
gli jMspuosc grazlosamcnte e prese tcmpo al suo ispac- 
cio. Tornato Douato pcr la rlsposta , vcnne in una sa- 
letla allato alla camcra sua , e subito che lo vldde , 
disse : messcr Donato abblate pazienza , io voglio ispac- 
ciarc certi uomini d' armc , c subiio verro da voi. Par- 



A44 DOXATO 

tito Donato , ed istato per uiia quarto d' ora , rltoriio 
il Ile in qiicsta saletta dove era Donato , e disse : mes- 
ser Donato abbiate pazienza ch' io verro suLito a voi- 
Pvitornato in camera , ritorno la seconda volta dov' era 
Donaio , e pigliollo per la mano , c si gli disse : io vo- 
glio cbe voi siate mio spgretario , e vediate lettcre ch' 
io ho di Spagna, Entrato in camera glicle fece legge- 
rc , e tutto facera pcr dimostrare quanto lo stiniava. 
Lette le lettere , gli disse che aspettasse uno poco , che 
suhito lo spaccierebhe. Non passo molto che lo fece 
chiamare , sendo a sedere a pie d' una fineslra , lo pre- 
se per raano , e replicato Donato di nuovo della resli- 
tuzione di trenta mila fiorini , la maesta del Re gli ri- 
spuose essere contento , e che gli farehbe dare in Lin- 
guadocca uno assegnamento a ottenerli , non avendo 
sua Maesta avutone nulla. Fatta la deliherazione , chia- 
mo il cancelliere , e comandogli che Donato fiisse ispac- 
ciato delle scritture e dello assegnamento. Dipoi ordi- 
nata la espedizlone del tutto , domando a Donato s' egli 
voleva altro. I\ingrazi6 la sua Maesla della grazia avu- 
ta e della suhita espedizione , e prese liceuza dalla sua 
Maesta. In questo si conosce quanto vaglia T autori- 
ta d' uno si degno uomo appresso d' uno principe , e 
quanto hene ed onore ed utile possa fare a una repu- 
hlica. Donato ottenne quello ch' ehbe in commessione , 
che non fu mai persona che credcsse , che non aven- 
do avuto il Re nulla , volesse pagare del suo. Ottenne 
colla grazia della sua Macsta , e di tuttl i signori ch' 
erano appresso lui. 

lo. Presa licenza , se ne torno a Milano , ed aven- 
do durato fatica di corpo e di animo , e condotto quel- 
lo che a chi toccava se n' arehhono tolto la meta , cre- 
dette che questi mercatanti a chi s' aspeltava questo 



ACCIAJUOTJ. 445 

crcclito , avcndocl ispcso drcnto e lcmpo e daiiari as- 
sai del suo , oltrc al salarlo , gli sarebhono gratl , ma 
in fiiie rgll fii pngato di ingratltudlnn. Guadaguo que- 
sto con qucsti mercatante , clic sendo gcntile uonio e 
vivendo del suo , non avendo molte entrato , quosli del- 
lo stato lo mandorono a Milano porclie avesse ccnto 
scudi il mese dal Duca , come avevano avuto jrl' altri 
cbe v' erano andati innanzl a lui. A fine ch' egli si po- 
lcsse mantcncre del suo nella stanza sua di Fraucia , 
il Duca levo via molte cose che dava , fra le quali lcvo 
che gl' ambasciadori fiorentini non avessino nulla , ne 
loro ne ignuno akro ambascladore. Si che dclla an- 
data di Francia gliene seguito perdere la provisione ; 
ed i mercatanti che avevano fattc tante promesse s' ci^li 
otteneva , otlenutolo , non ne feciono uuila. A doppio 
fu la perdita sua. Non si pagano questi beneficii altri- 
menti. Occorse in questo tempo che istette a IMilano , 
avere a trattare molte cose difficili con quello Signore 
ch* cra dl sua testa. Donato sempre osservo la degnita 
della sua Signoria in ogni cosa , parlando colla sua Ec- 
cellenza animosamcnte. 

II. Intervcnendo la vcnuta degl' ambasciadori \I- 
niziani , come innanzl si e detto , dove il Duca fece 
loro nno onore eccesslvo a fine d' ofTendere altri , fe- 
ce tanto che ne fu ripreso. L" onore fu questo. Nella 
giunta loro dette loro le chiavi del castello, dlpoi ismon- 
lo da cavallo subito che glunse doy' erano gl' ambascla- 
dori. jyon basto quello ; ch' egli usci dalla propria ca- 
mera , e messcvi loro alloggiaii in camera sua ,* fece ve- 
nire il primogenito suo e fecelo loro mettere in collo , 
e dissc che questo suo figtiuolo nou aveva altro padre 
che quella Signoria , in chi era tutta la sua isperan- 
za. II tempo sara quello che dimostrera che il Duca 



/|'|G DONA.TO- 

cli quesio iiou se nc ialcse , perclie non lia avuto lo 
stato (li Milauo altra opposizioue che i Viniziaui. Do- 
naio por uulla nou poteva sopportare questi modi dol 
diica di Milauo , e con destro modo gli diccva quello 
clic nc inteudcva. Scudo Douato uuo di iu castcllo , 
dove si vcde Brescia e Bcrgauio , Douato gli disse : e* 
sarcbbe piii utile c ueccssario clic la vostra Signoria 
peusasse a riavcre Brcscia c Bergamo , cbc fnrono de' 
vostri passati , e souo iu luogo cbe uou vi potetc fare 
alla fiuestra cbe vol nou li vcdiatc. Coi tempo couo- 
sccra raeglio la S. V. cbi souo i Viuiziaui , avendouc 
lo esemplo innauzi , quale avete della fclice memoria 
dcl duca Francesco vostro padre , dello inganuo cbe 
<y\\ fcciouo , e per loro uou mauco cbe nou avesse Mi- 
lauo. IstCctc Donato a Milano con grandissima ripu- 
lazioue c autorita. Finita la sua legaziouc toruo a Fi- 
reuze cou buona grazia di qucllo priucipc e di tutta 
la corte , c la sua citta si teuue di lui beuissimo sod- 
disfatta di qucllo cbe avcva fatto iu quella legazioue. 
I 2. Fu di poi fatto goufalouierc di giustizia circa 
a questo tempo , la quale deguita tenne cou grandis- 
siuia aulorita , e fu molto istimato da. tutta la citta. 
Parvc cbe fussc nato a cose graudi e non a iuGme e 
Lassc , cd ebbe co' sua compagui tanta grazia e auto- 
rita , cbe raai si diviorouo dalla via sua , beucbe ogni 
cosa ottcuu? con umaulta. Vcune iu questo tempo a 
Fircnzc il Be di Norvegia , ed audorongli i siguori 
incoutro ; poscgli quello principe grandissimo amore , 
c dcttfgli molte dcguita sccoudo cbe sono concedute 
da uno Re. In questi dui mesi ando solo a casa sua 
dui vohc , e uon vi albcrgo , pcr iusegnare agl' altri 
comc s' banno a goveruare iu' simile dcguita. Uso uu' 
altra cosa di lcvare uua consuctudiuc a Fircnzc istra- 



ACCIAJUOLI. 147 

nn , clie s* linnno altrlhuita 1 siiraori cd i fronfalonierl 
clic sono siiti pcr li lcinpi passati , di noii si cavare 
di capo a persona clic si cavi a loro ; c qnando vlenc 
uno anibasciadore d' nno princij)C o d' uno rc , aspet- 
larlo clic vcn;2a alla camera loro sanza andarjili incon- 
tro. Donato come uomo pratico , quando vcniva V am- 
Lascladore o del Rc o del duca di MUano , aveva or- 
diuato clie il comandatore venisse alla camera loro a 
dirlo , dipoi usciva di camcra cd andava infino all' 
uscio clella salclta , e pigliavalo per mano , c cavavasi 
di capo , e menavalo infino alla camera sua ; c dipoi 
parlato clie gl' aveva lo accompngnava infino a qucllo 
luogo dove cra venuto , e quivi si cavava di capo , e 
])igllava liccnza da lui. Questc sono cose d' uomlni pra- 
liclii clic sono usi a vcdcre le corti de' prliicipi come 
vi sl fa, 

i3. Ando a papa Sisto la seconda volta per com- 
messlone di cose molto difGcUi a ottenere , perclie era- 
110 in lutto contro alla mente del Pontcfice e del col- 
legio de' Gardinali. Fece la sua dillgenza , c Lenche le 
cose fussino odiose , nlcntedimeno colla sua destrczza 
le tralto in modo clic ne rlporto grandisslma grazia la 
pcrsona sua , clie non era autore di simili cose , ma era 
sopposiO alla ubbidienza della sua cllta. Ritoi-nato a 
Firenzc , non passo molto tcmpo cbe vi fu rlmandato 
pnre a tentarc cose della medcsima natura , cbe ne na- 
cque r origine da alcuno disordine , non per le sua 
cagloni , cbe era allenissimo da quella opinione. Sem- 
pre si vuole pensare il fine nelle cose , e credere cbe 
cbi e oflcso , se ne vuole vendlcare , e massimo dove 
si tratta dello stato. In questo luogo non posso aprlre 
quesio scgrclo , cbe ofTendcrei cbi non 1* arcbbe per 
Lcne , e pcro lo passero ; ma bene crcdo cbc cbi Iv^- 



/l 48 DOXATO 

gera qiiosto luogo , e sapeva ogrii cosa , lo intendera. 
Era la citta di Firenze in questo tempo ncl piii fclice 
istato cli' ella fusse istata lungbisslmo lempo , e non 
credevano che nulla la potessc ofFendere : e pero quan- 
do uno princlpe , una republlca , o uno privato , c in 
una estrcma felicita , lema del suo opposito, cbe rade 
volte e che non venga. In Firenze intervenne come a 
quelli del diluvio, o di Sodoma , cbe afFogando nelle 
delizie e nella abbondanza di beni temporali e corpo- 
rall , non credettono cbe avversita ignuna potesse loro 
intervenire. Venne al mondo T universale diluvio , e 
luttl perirono , di quegli delT arca in fuori. Venne a 
Sodoma faoco e zolfo dal cielo , e tutti gl' arse da Lot- 
to e la sua famiglia in fuori. Venne a Firenze uno 
flagello , non lo aspettando ne credendo cbe potesse 
venire , di natura cbe fu il principio della rovina del- 
la citta. 

i4» Sendo jstato in Firenze il Gardinale di santo 
Giorgio nipote di papa Slsto , istato piii tempo a Mon- 
te Ugi al luogo di messer lacopo de' Pazzi , ed altri 
insleme con 1' arcivescovo di Pisa cb' era de' Salviati , 
e Francesco de' Pazzi ed altri ; avendo Lorenzo de' Me- 
dici invltato il Gardinale a desinare e 1' arcivescovo di 
Pisa , e I' ambasciadore del Pve e del Duca cbe faces- 
slno loro compagnia , ed aveva ordinato una domeni- 
ca mattina a di ventisei aprile questo convito , sotto 
specle di rcllgione feciono cantare una messa solenne 
in santa Liberata , e levato il corpo di Gristo circa la 
comunione fu assaltato Gluliano de' Medici e morto , 
e Loreazo ferlto ma plccolisslma cosa. Non volle I' on- 
nipotente Iddlo cbe tanio nefando e scellerato eccesso 
ordinato nel tcmplo di DIo avesse luogo. Furono dipoi 
morti ed impiccati da clnqueccntOi A me non e di nar- 



ACCIAJLOLI. '4'l9 

raro qiicslo cosi ciiulele eccesso (i). Rllornando clonde 
ci sianio partiti , in qneslo tumulto fii preso il Cardi- 
nalc di santo Giorgio nipotc di papa Sisto. Alla Signo- 
ria cd a chi governava parve di conservargli la vita 
per qucllo clic ne poleva sc^guire. Fu messo il Cardi- 
iiale in palazzo , e tenutovi oiioralamcntc. Tutto si fe' 
di menarlo iii palazzo per cavarlo dallc niani dcl po- 
polo che r ar(!l)bono fatto male capitarc. 

i5« Intesosi a Roma il Cardinalc prcso e 1' arcivc- 
scovo di Pisa inipiccato , se ne fcce grandissimo caso. 
Intcsolo il contc Glrolanio (2) , clic n' aveva qualclie 
nolizia , riscaldo il Papa ed i! collcgio de'Cardinali 
quanto pot<^ a fnrne dimostrazione contro allo amba- 
sciadoi*e cli' cra a Koma ; e per qucsto ando il conle 
Girolamo a casa di Donato , armato con piii di trecen- 
to provigionati , tutti con le partiglanc in sulle spallc. 
Innauzi che il Conle venisse a casa di Donato , istava 
egli di malissima voglia per lo caso ch' era seguito , 
conoscendo lo iuconvenienle chc n' ar(d)be a scguilare. 
Istando in qucsti pensieri , giunse il Conte cd entro in 
casa con lulti qucsti fanti , e giunto a Donato gli dis- 
se che n' andassc con lui. A Donato parve cosa istra- 
na e di poca ripulazione alla sua citla , sendo alieno 
da ogni consuetudine che gP ambasciadori siano trat- 
lati a questo modo. Donalo gli disse che si maravi- 
gliava assai dclla sua Signoria che volesse che faces- 
se qucUo che noQ s' era mai fatto piii agli anibascia- 

(1} Pub leggcrsi la dcscrizione di questa trageJia presso Au- 
gelo Poliziano clie ne fu «pctlatore. 

(1) Quesli era il coiile G. Riario nipole Ji papa Sisto e ca- 
pitano tlella Ghiesa , dcl quale spesso si fa nienzione ncl diario 
romauo presso il Muralori R. I. S. tomo III. parl. 2. pag. 1070. 
e scqtj. , e dal Fabroni uclla vila Ji Loreuzo d»i' Medici. 

^9 



450 DONATO 

Jori cir erano llbcri iu ogui Inogo dov* rglino fiissi- 
i»o , e clic qucslo cbe faceva iiou croJcva che fiisse di 
volunta del Papa nc dcl collegio de' Cardlnali , e clie 
andasse per quale vla e' volcsse , clie la sua Signoria 
era di qualita clie si varrebbe di lanta iugiuria quani' 
egli gii faceva , non a lui , ma alla sua Signoria la 
quale egli rappresentava. II Coutc come lcmerario a 
fatica cli' egli gll rispondesse, \ eduto questo , dubito 
dclla vita , ed innanzi che si partisse , disse al cancel- 
liere cbe toglicssc le cifere e le scritture d' importan- 
za , e avvisasse a Fircnze il caso cli' era scguito. Usci- 
lo di casa fu messo in mezzo di quclli manigoldi co- 
me uno iadro o uno traditore. Consideri ognuno co- 
me islava 1' animo di Donato , vedutosi poco istimato , 
la citta e lui ; cbe se uomo fu mai al mondo cbe isU- 
masse 1' onore delia sua patria ed il suo , fu Donato. 
Giunto in pal-azzo del Papa , disse volere parlare alla 
sua Santita per inteudere s' ell' era la sua volunta cbe 
i b'£fati fussino trattati a questo modo. Andato innanzi 
alla Santita sua si dolse in infinito della villania cb' 
era suta fatta alla citta e a lui , e volgendosi al confe 
Girolauio , gli dissc : signor Conte , io non posso fare 
cbe io non mi maravigli della tua temcraria prcsun- 
zione , che ti sia bastata la vista venirmi in casa coii 
armata mano , sendo io ambasciadore dcl popolo di 
Firenze , e menarmi preso qui a palazzo , come s' io 
fussi uno traditore. lo ti ricordo che qucsta ingiuria 
cbc tu m' bai fatta , e di natura cbe la mia Signoria 
iion la dimenticbera infino a tanto cb' ella non tl mo- 
stri il tuo errore. Dipoi si volse al Papa dolendosi che 
ia sua Santita avesse permesso uno simile inconvenicn- 
te , e cbe la sua Santita non aveva fatto bene , sapcn- 
do cbe i lcgati iu ogui tcmpo sempre furono riguar- 



ACCIAJUOLI. 45 1 

dati. II Papa se gli volso , e giiiro sopra il suo petto , 
clie di questo caso noii nc vSapeva nulla , e dimostro 
colle parole clic gli dispiacesse , e cli' egli nou era sta- 
to fatto colla sua volunla. Dette queste parole , lo li- 
cenzio cbe se n' andasse a casa. 

i6. Veduta la vilipensione che gl' era stata fatta 
come uomo puldico, e la vergogna , e la poca istima 
che avevano fatto della citla e meno di lui , conoscen- 
do questo essere principio di futuro male > come fu , 
e per questa sua presura accozzata collo scandalo se- 
guito nella citta , e il principio dclla guerra di fuo- 
ri , araando la patria sua come faceva , queste cose 1' 
atterrorouo assai , di nalura ch' elle furono cagione , 
sendo d' uno aniiuo generoso , d' amazzarlo. Iscrisse a 
Firenze quello ch' era seguito , e che quello cli' aveva 
promesso al Papa 1' osservassino di liberare il Gardi- 
iiale , avcndo iscritto alla sua Santita che 1' avevauo 
cavato di mano al popolo , e che lo tenevano a sua 
istanza ; che ogni volta che lo rivolesse , che lo rende- 
rebbono ; confortargli assai Donato a farlo , a flne che 
si levassino tutti gl' inconvenienti che ne potevauo se- 
guire. E per questa cagione mando il Papa a Firenze 
il vescovo di Perugia , uomo di grande autorita , a fine 
che glielo rendessino. Mostrava Donato per vemcntis- 
sime ragioni essere bcne che lo liberassino ; di questo 
medesimo confortava che si facesse per I' universale 
bene della citia , conoscendoci drento manifesto peri- 
colo sanza guadagno ignuno non lo faceudo ; e mas- 
sime avendo eglino promesso pcr loro leltere che ogni 
volta lo volesse lo renderebbono. La maesta del Re 
confortava a questo medcsimo , promettcndo che ren- 
dendolo non ne seguiterebbe ignuno scandalo di que- 
gli che potevauo seguire nou lo faceudo. Nou pole Do- 



/l52 DONATO 

Hrito acloperare tanto che a Flrcnze si consenllssc di 
farlo. Ed islaiidovl 11 vescovo di Perngia piii di , non 
pote ottenere che lo voLessIno rendere , e in questo ca- 
30 fu piii creduto a uonilni cli' erano a Roma di po- 
chissima autorita che a Donato. 

1 r. Veduto qucsto , ne prese grandlssima ahera- 
zlonc per i mali che vedeva ne scguitavano alla citla , 
ed istavane tanto di mala voglla quanto poteva ; ag- 
glunto qucsto alla grande vergogna che gli pai*eva 
avesse avuta la sua citta per la sua presura , ed il si- 
mlle per lo scandalo ch' era scguito nella cltta , e per 
la strage grande di tantl uomini morti , ed il prlnci- 
plo che si vedeva della guerra con manlfesto perlcolo 
della citta. Scndo in corte di Roma none isllmato ne 
lui ne la sna cltla per i casi occorsl , istando in questi 
dlspiaccri , non vi facendo frutto ignuno , sollecltava a 
Firenze che gli dessino licenza che tornasse , non vi 
sendo I' onore della citta lo stare eo^li a Roma. Cono- 
scendo questo essere vero , gll fu data llccnza che tor- 
nasse a Fircnze , ed innanzi clie glungesse , lo elesso- 
no amhasciadore al re di Francia. Era rldotto per lo 
grandc dolore in modo che mai si rallegrava , ma isla- 
\a di mala voglia quant' era possihile ; e sendo di gen- 
lilissima complessione , si condusse a non potcrc dor- 
mire ne appcna mangiare , istando in tanta anslela e 
passione d' animo. 

i8. Avuto licenza da Roma , se ne-venne a Firen- 
ze» Tornato qui , cra tutto alienato della mente , e he- 
ne che ^' ingeguasse coprlre questa sua passione quant' 
egli poteva , nientcdimeno non potcva farc tanto chc 
non si conoscesse per la turhazione delT animo suo. 
Giunto a Firenze , e vedutosi avere a andarc in Fran- 
cia , sendo il caldo grande ed il cammino lungo e lui 



ACCIAJUOLI. A53 

(II (lohollssirna complossioric , nicntcdimcno cra tanto 
ramore clie portava alla siia patria , clie pcr salulc di 
quella arebbe messa la propria vita. Era sollecitato Jel- 
la partita. Preso partito d' andare , bench' egli vi co- 
noscesse drento grandissimo pericolo , innanzi che par- 
lisse da Firenze parve clie dubitasse di non aver piu 
a tornarc per quello cbe fece con gl' amici e co' pa- 
renti nella sua partita , e massime con la donna e con 
i (igliuoH. Nel partirsi si turbo c ravviUippc) tutto nel 
\iso sanza parlarc , e fece questa volta quello cb' era 
usato di far sempre quando si partiva da Firenze per 
andarc ambasciadore in luogo ignuno , si confessava e 
comunicava e faccva ricordo di quello cbe voleva cbe 
sl facesse. Partito da Fircnze n' ando alla via di Mi- 
lano , dove fu rlcevuto con grandissinio ouore da que- 
gli del governo. Scndovi uno ambasciadore fiorentino , 
cbe secondo la consuetudine si ricbiedeva cbe gP an- 
dasse incontro , non lo fe'. Glunto Donato e scavaica- 
to , ando a visitarlo e a onorarlo a casa sua. Si con- 
veniva cbe nel venire gl* andasse incontro , ed il si- 
mile nel partire V accompagnasse ; non fece ignuna di 
quelle cose. Donato partlto e tornato a casa , ne pre- 
se grandissimo dispiacere , parendogli n' avesse tcnuto 
conto niolto poco , e per questo era niolto alterato , ed 
aggiunselo a altre sua passloni. 

ig. Non vi fu stato molti di , cbe come piacquo a 
Dio , s' ammalo c scoperse le sua passioni , ch' egl' ave- 
va avute , quello cbe poterono in lui , pcrche cra tutto 
picno d' umori malinconicl. Sendo cosi malato , sublto 
si maudo pcr i medici , i quali coiiobbono la sua in- 
firmlta essere poricolosa , benche di fuori non si di- 
mostrasse. Ed infra altre sua mlserie , fu che volle la 
sua disavventura , cbc s' ammalorono iusieme con lui 



454 DONATO 

i prlmi clie aveva iii casa , e qnegll clie avevano cura 

della sua persona , e non gli potevano aitendere come 

arebbouo fatto. Trovavasl 11 povero *gontihiomo fiiori 

di casa sua abbandonato d' amicl e da' parentl e da 

ognuno. Istimisi quali erano le sua condizionl o come 

istava V animo suo in tanto avverso caso delia fortuna ! 

O vane speranze degli uomliii , e sanza Iddio ognl co- 

sa o misera ed infellce I Sendo nno di nel letto solo , 

e venendo uno ambasciadore di Ferrara a visltarlo , 

Jo senti rammaricare miseramente e dire spesso e re- 

pllcare , figliuoli raiei dove vi lascio io ? Era pleno di 

tante angustie e miserie e di tanta amarltudlne , cbe 

ignuna isperanza gli restava se non quella cbe aveva 

^empre avuta , cb' era in Dio. E voltossi sublto a' ri- 

medii spirituall , e volle cbe vi vonlsslno frati di san- 

to Francesco d' osservanza , ne' quall egli aveva fede , 

e da loro si confesso piii volte devotissimamente. Ve- 

nendo il confessore a domandarlo s' c^Vi aveva a fare 

cosclenza di nulla , disse di si ; cbe in F^irenze In una 

cassetta era uno fogllo di sua mano dell' ultima sua 

volunta , e questa voleva cbe i sua eredi osservasslno. 

La prima cosa cbe voleva sl era cbe uno podere ch' 

egl' aveva in V^aldipesa cb' era di rendita circa a fio- 

rini trenta V anno , fusse de' frati della Certosa , i frut- 

ti sua per anni trenta , dipoi ritornasse a' sua eredi. 

Qaesta restituzione non fu per lul , ma fecesi coscien- 

za cbe qualcbuno de' sua passati 1" avesse a fare. Era 

la sua coscienza di natura cbe non se ne ingannava 

come fanno multi. La seconda cosa fu cbe trecento 

fiorini cbe aveva di monti comperali , sl canccllasslno , 

e fusslno del comune (i). L' altra cbe in tutti gl' ufficj 

(i) Cib pcr consiglio avulo Ja S, Anloiiino , tli cui vccli la 
vila p. 25r. 



ACCIAJUOLT. 455 

(lovo rgli era aiidnto , cli' o^l' avova menato mcno fa- 
migli ch' ogli noii dovova , che in qnollo luogo fiisso 
fatta la restitiiziono cli tntto qncllo che montavano i 
salari e le spese loro. L' altra condlziono fn che sen- 
do egli stato compagno a nna hotloga d' arlo di seta , 
che Intte le cose che fiissino stato sopramesse a qiiogH 
poveri nomini per la terza parte che gli toccava , vo- 
]ova cho fnsse loro rostitnita. E qnesti danari voleva 
che si cavassino de' sna panni ch' ogli sl ven(h^ssino , 
e del ritratto si facosso qnosta restitnziono. Dlmostro 
Donato in o<rni sua cosa la nettezza dolla sna coscien- 
za , benclic ispesso rivedeva i coiiti a se medosimo , e 
non si ingannava mai come fanno i piii. Provoduto 
alla salute delT anima sua , e proveduto a ogni sua co- 
sa , non gli restando a fare piii nulla di quello che 
poteva ; istativi servi di Dio appresso di lui del con- 
linovo, dimostro in questa sua fine ch' ella non si mu- 
to dalla sua passata vita ; ma quale fu la vita , il si- 
mile fu la fine. 

20. Intesosi a Firenze la sua morto , dolse a tutta 
la citta generalmeijt<j per 1' nniversale amore che gl* 
era portato da tutii , e per pcrdere uno si degno cit- 
tadino quanto era Donato. O vane spcranze degl' uo- 
mini I fallacc c incorto quollo cho si spera in que- 
sta mlsera e fragile vita ! Quando gl' uomini sporano 
avere qualchc premio dolle loro fatiche, viene la mor- 
le e sono termiuale tutte le speranze dogl' nomini. A 
Firenze , veduto ch' ogr era morto in benefieio dclla 
patria , e conoscondo che sendo voluto vivcre del suo, 
avova Ic sustanzc molto dcboli , per qnesto fu ordi- 
nato che la citta facosse 1' esequie sua e pagasse tutte 
lo speso. Volle ch' ogl' avosse una bandlera col sognO 
dcl conumc , ed nna jGIza di drappolloni , e lulle quc- 



//56 DONATO 

ste onoranze sl vinsono con tntle le fave norc# Cono- 
sconsi per questo mezzo i clttadini clie sono amati , 
cbe non e intervenuto cosi ad alcuni altri volendo solo 
il scgno pagandoselo. Composono i figliuoli alla gra- 
vezza , e iion vollono cIj' egl' avessino piii d' uno fio- 
rino per gravezza per lungljissimo tempo. \ insono an- 
cora clje dua sua figliuole , 1' una non avejido dota , T 
altra n' aveva una paite , clic a quella che non aveva 
dota se le facesse , cd a quella ch' ella mancava se le 
faccsse il rcsto. Cerla sonjma di danaii che gli resla- 
vano nelle mani di quegli che ebbe nella sna andala , 
glieli donorono. Non fu persona cbe discordasse a que- 
sto parere , ma ogni cosa vinse facilissimamente. Vinte 
le sopjadcttc cose , si feciojio le esequie sua , dove fu- 
rono tutti gli ufficiali della citta e tutti i ciitadini , cbe 
iu Firenze non fu uomo di condizione cbe non v' in- 
lervenisse. Feciono recitare iu publico una orazione a 
messer Cristofano Landini , e recitolla degnissimamen- 
le , e neir ultimo non pote contenere cb' cgli non la- 
grimasse amaramente ; in modo cbe io vidi quello uni- 
\ei*salmente in tutti qucgli cbe v'eiajio, cb' cgli non 
vi fu pcrsona cbe potesse contejiere la lagrime ; tutti 
pieni di singbiozzi cbe parcva cbe vcnissino dalla fon- 
te del cuore , considerando la perdita di si dcgno cit- 
tadino. Non e uomo in Fii^enze cbe si ricordi essere 
raai raorto ignuno , cbe si facesse tanto segno di do- 
lore quanto si fece nella ujorte di messer Donato. L' il- 
lustrissimo Duca d' Urbino nclla morte sua dolendo- 
scne in infijiito , per lo singularc amorc cbe gli por- 
tava , disse : la morte di Donato per la sua virtii e sla- 
ta non solo dajjuo alla sua citla , ma a tutta Ilalia , cbe 
in vei'0 non avcva il sijnile. il Duca di Calabria , il 
quale lo amava molto , ed avevalo in grandissima ri- 



ACCIAJUOLI. ^loT 

verenza per le sna virtii , sentlta la mortc sua , se ne 
dolse in infinito , accordatidosi con la sentenza del Du- 
ca d' Urbino , diccndo che tutla Italia doverebbe do- 
lersi della morle d' uno uorao che non c' era il simile. 
Dolse non solo a quelli che lo conoscevano , ma a quel- 
li che non lo avevano mai veduto. 

21. Non passero qui ch' io non dica dua singulari 
condizioni dclla sua contincnza , che non fu mai per- 
sona che tolto ch' ebbe la donna , innanzi che la me- 
nasse ne dipoi , lo vedesse mai o pigliarla per la ma- 
no , o fare atto ignuno che non fusse pieno d' onesta. 
La seconda che mai fu pcrsona che lo vedesse pigliarc 
ignuno de' figHuoli in collo ne in braccio n^ baciarlo 
ne toccarlo , solo per conservare la continenza e 1* au- 
torita con li figliuoli , acciocche V avessino in riveren- 
za e riputazione. In tutta la sua eta , cominciandosi 
dalla puerizla infino all' eta che visse , non fu mai ne 
il piii grave ne il piii continente dl lui , di natura che 
supero e vinse tutti gli appeliti bestlali e disordinati 
della carne. Ne pretermise mai tempo ignuno nel qua* 
le egli non componesse o non studiasse ^ oltre alla cu- 
ra famigliare e quella della republica , che nelT una e 
neir altra metteva tempo assal. II prlmo ufficio che eb- 
be Donato fuori della citla , fu vicario di Popi , dove 
secondo la sua consuetudine arrecossene V amore di 
lutto quello vicarlata. Fu vicario di santo Miniato , e 
fu quello medeslmo podesta di Montepulciano , e non 
pote istare , e fece I' ufficlo per lui un' altro. Fu ca- 
pitano di Voherra , dove acquisto grandissima riputa- 
zione. Fu I' ultinio podesta di Pisa , ed in queslo luo- 
go fece il medesimo che aveva fatto negl' altri. In tutti 
gli squlttini vinse quasi i plii de' partiti con lutle le 
fave nere per 1' universale giazia che a^eva. II simile 



458 DONATO 

fu fatto degl' nfficiali dvl monte nel mcdesimo modo e 
col medesimo favore ,* ed ogiii volta cbe ando amba- 
sciadore , ne' parliti v' ando col medesimo favore. 

22. Verremo ora alla coraposizlone del corpo suo» 
E' fu , come e detto innanzi , bellissimo del corpo , 
grande piii cbe mediocre statura , 1' aspetto bellissimo , 
di pelo bianco , misto il viso con rosso , e 1' aspctto suo 
grave aveva singularissima grazia , non solo nel pra- 
licarlo ma in vederlo. Vestiva benissimo , ed era molio 
poliio in ogni sua cosa , pareva a vederlo le dclizie di- 
pinte al naturale. Era molto sobrio nel mangiare e nel 
bere , e molto polito a vederlo mangiare. Ognuno cbe 
gli parlava , bisognava cbe si partisse suo partigiano. 
Era molto allegro e piacevole , e scmpre pareva cbe ri- 
desse , con i sua amici notte^ojiava volentieri. II lem- 
po che aveva lo spendeva benissimo ; sempre il tempo 
cbe gP avanzava o egli componcva o egli leggeva. Pre- 
gato da Cosinio de' Medici compose il comento dell' 
etica , nella quale messe grandissima diligenza , e po- 
sposle lulte V altre cure attese a questa dell' etica , tan- 
10 cbe la fiui , ed e stata degnissima opera , la quale e 
gia per tutti gli studii d' Italia. Avendo veduto il Duca 
d' Urbino il comento dcll' etica , lo prego cbe facesse 
quello dclla politica , e cosi fece , cbe e stata ugual- 
mente degnissima cpera. Pregato da Piero di Cosirao 
cbe dua vite cbe mancavano a quelle di Plutarco le 
Imducesse a sua istanza , cb' era ^uella di Demetrio e 
quclla d' Alcibiade , tradussele , cbe furono dua cle- 
gantissime traduzioni , come si vede ; quella di Dcme- 
trio era stata lasciata indrieto da messcr Lionardo per 
la sua difficuha. Gomincio il comcnto della ecouomica , 
pcr finire lulta la filosofia morale , e prevenuto dalla 
morte non la (ini. Composc la vita d' Annibale carta- 



ACCIAJUOLI. 459 

glnese. Compose quclla di Scipioiie , e foce il parallelo 
deir uno con V altro. Gomposc la vita di Carlo magno , 
e portolla in Francia al re Luigi. Composc piii pistole 
e piii orazioni elcgantissimamcnte , ma prevenuto dalla 
morte non le mise in ordine. 



59. AGNOLO AGCIAJUOLL 



..M, 



csser Agnolo di lacopo di racsscr Donato 

Acciajuoli , famiglia nobilissima , ebbe assai buona no- 

tizia delle lettcre latine , e quando il tempo gl' avan- 

zava cb' egli non fusse occupato leggeva o istorie o co- 

se sacre. Fnrono cognati mcsser Giannozzo Manetti e 

messcr Agnolo , e ritennono assai amicizia ohre al pa- 

rcntado. Lesse messer Giannozzo a lui ed a piii altri 

cittadini 1' etica d' Aristotele. Fu messer Agnolo molto 

onorato nella sua republica e nella citta di tutti gli 

onori cbe si possono attribuire a uno cittadino , e fuo- 

ri dclla citta in tutte le degne lcgazioni alle quali si 

puo andare. Nella sua gioventii , sendo confinato Co- 

simo , e restato messer Agnolo , venne uno di a pa- 

role con uno de' primi di quello governo , e vennono 

in tanta difFerenza , cbe messer Agnolo fu preso e man- 

dato al capiiano ; ed avendo tenule molte praticbe co' 

fuorusciti , lo feciono collare pcr P ufficio degl' otto 

della balia al capitano. Cbe se non fussc stata la pru- 

denza d' uno fratello de]Ia donna sua , cbe subito cbe 

lo vidde preso , monto a cavallo ed ando a una sua pos- 

sessione cbe si cblama monte Paldi , ed entrato in uno 

scrittojo di messef Agnolo, prcse tutte le lettcre e scrit- 

lure ebe v' erano e gittolle in sul fuoco ; eranvi let- 

tere di Cosimo e di piii confinati , e praticbe tcnute 

con loro. Cbe sc la fortuna non I' avesse ajutato , co- 



460 AG!^OLO 

nie e detto , con quesle lettere lo facevano male capi- 
laro. Non V ebbe si losto Glacomlno gittate sul fuoco , 
cbe il mazziere venne dipoi lui por avcre queste scrit- , 
ture. Andato a vedere , ritorno alla Siguoria e disse 
come non v' era scrittura ignuna. ]Non avendo donde 
qli potessino formare il processo , lo confinorono in 
Cefalonia. L' essere Giacomiiio persona savia e diligea- 
te fu cagione di salvar la vita a messor Agnolo. Fu 
confinato in Cefalonia per essere terra di sua parenti 
quella , cd Atene e Tebe e piii terre di Grecia , delle 
quali aveva gia avuto il governo mosser Donato. 

2. Quando venne a Firenze di Grecia , uno dl ca- 
valcando a' conGni della Turcbia , fu preso e mcnato 
al Turco : o cbe egli non dicesse cbi egli si fusse , o 
come egli si facesse , il Turco lo fece mettere in pri- 
gione ; e col mezzo di uno fiorentino , cbe era con lui , 
uno di si fuggi lui col suo compngno , e porto grau- 
dissimo pericolo. Dissemi gia lui , questa sua libera- 
zione essere piii tosto cosa miracolosa cbe altro. Ave- 
va messer Agnolo molte laudabili condizioni , per le 
quali r onnipotente Iddio lo libero da molti pericoli. 
La prima condizione si era , cbe era molto piatoso in- 
verso i poveri , e faceva assai limosine. A casa sua non 
andava mai persoua ignuna cbe non avesse limosina , 
fusse cbi si volesse ; e per lo cammino dove egli an- 
dava , a tutti i poveri cbe trovava dava limosine. Sen- 
do Donato Acciajuoli in sua compagnia , andando con 
messer Agnolo a iNTilano , e teneiido i sua danari , dette 
per 1* amor di DIo da Firenze infino a Milano circa 
a ducali quaranta , e sempre persevero in dare questc 
limosine. Aveva nn' altra laudabile condizione d' esse- 
re molto volto alla sua religione , e con orazioni e di- 
giuni , e non mancava raai cbe nou si lcvasse a mezza 



ACCIAJUOLK ''l^GI 

nottc a dlre le siia orazioni c suo iifHcio , e slava prcs- 
so a dui ore a dirlo , cd ogiii matiina udiva mcssa ; 
ed usava dire clie pcr qucslo mezzo era stato lil)crato 
da molti casi avversi. Condnato messer Agnolo nel 
trentatre , c ritornato Cosimo dc' Medlci ncl trcnla- 
quattro , fu rivocato mcsser Agnolo , e rltorno a Fi- 
renze in grandlssimo stnto pcr molti rispelti , per es- 
sere di nobilissima famiglia e molto afFczionalo di Co- 
simo. Fu de* principali del trenlaquattro , e nella cilla 
poteva qucllo clie volcva , e cominciorono a mandarlo 
per ambasciadorc in piii degni luoglii fuori di Italia» 
3. Ritornando alla singular fede cbe aveva semprc 
avuta ncir orazioni e ne' digiuni e nelle limosine , an- 
dando ambasciadore al Re di Francia nel tempo di 
verno , come intcrvicne al piii delle volle nelle muia- 
zioni de' tcmpi di verno cbe non istanno mai fcrmi , 
cavalcando uno di passata la Savoja , dove erano bo- 
scbi per lo cammino , innanzi cbe giugnessino in que- 
sto luogo , era uno di uno bellissimo tcmpo e sole , e 
circa a ora di vespro si comiucio a mutare , e comin- 
cio subito a nevicarc , in modo cbe si perdc la via , e 
non sapevano dove s' audarc. Gapitorono in uno bosco 
circa la sera cbe era grandissimo freddo e nevicava 
forte , e non v' era ignuno cbe sapesse la via. Giunti 
in questo bosco , la notte ve gli sopragiunsc. A mes- 
ser Agnolo ed a tutti parve essere condotti in luogo , 
cbe la nolte giudicavano doversi morire in quello bo- 
sco , si per lo smisurato freddo cbe faccva loro , il si- 
mile percbe del continovo nevicava forte. Fcrmoronsi 
sanza sapere cbe si fare , e smontorono , ed ognuno lc- 
go il suo cavallo a uno albero ; e non solo si stavano 
malc gP uomini , ma i cavalli cbe temono il frcddo. 
Mcsscr Agnolo e lutti si giudicorono morti , ed ognu- 



462 AGNOLO 

110 attendeva a raccomandarsi a DIo il meglio che po- 
tcva , sendo prlvati di speranza per aver a star quivi la 
notte. Era tanto il freddo che sentiva ognuno , cbe non 
v' era pcrsona che parlasse. Ora , come placque a Dio 
che non abbandoua chi si fida in lui , uno suo fami- 
gllo che andava a pie , si mise sanza che persona lo 
sapesse , a cercare se quivi presso fussino casc o ville , 
che vl abitasse persona. Andato pcr spazio dl miglla 
quattro , trovo una villa dove erano piii case dl con- 
tadini ; sendo di verno , tutti erano per casa. A quat- 
tro ore di notte chlamo questi contadiui promettendo 
loro quello che volessino , ed andassino con lui sei ov- 
vero otto cou le fiaccole accese. Andorono in questo 
bosco , e come vi furono presso , quello famiglio co- 
miucio a gridare , e dlre : noi siamo campati. Pensi 
ognuuo quanta fu 1' aliegrezza che ebbono. Eglino nou 
potevano stare piii , tauto cra il freddo grande che fa- 
ceva loro alle mani ed a* piedi ed a tutta la persona. 
Glunti questi contadlni pigliorono i cavalli a raano , e 
condussono messer Aguolo a questa villa insieme cou 
la sua comp?^guia , dove furouo risuscitati da morte a 
vita. Narrava questo Agnolo per uno graude miracolo , 
ed attribuiva Iddio averlo fatto per le dua cagioni det- 
te , Jiraosiue ed orazloni. E per cerlo ella fu cosa mi- 
racolosa e per grazia di Dio. 

4. Narrava ancora che avendo un' altra volta ia 
Francla a passare uno fiume , Ingrosso in modo che 
messer Agnolo rimase in mezzo tra dui di quelll ra- 
mi , e non poteva andare ne Innanzi ne tornare in- 
drieto. Come volle Iddio . lui medcsimo non sapeva co- 
me passo quello ramo , ed ando di la dal flume sendo 
stato in pericolo d* anuegare lul e tutti quelli ch' era- 
uo iu ^ua compagnia. Parvegli che qucsto fusse uno 



ACCIAJUOLI. 4G3 

sccoiido mlracolo , e tiitto attiibulva a quello mcdesi- 
mo , che P aveva scampato dal pcricolo di sopra. Ogiii 
aniio nel prlnciplo della settlmaua santa andava a star- 
si a Gertosa , ed andava a tutti i loro ufficj ii di e la 
iiottc , e venulo il giovedi sanlo la mattina che si co- 
muiilcavano i frati , Agnolo si coraunicava cou esso lo- 
ro , e stavavi infino al sabbato santo. La sera se iie 
venlva a Firenzc per esser la matilna di pasqua al po- 
polo. In lutte le cose a' parenti dava di se buonissimo 
escmplo. Aveva messer Agnolo grandlssima riputazio- 
iie in ogni luogo dove egli andava. Sendo mandato am- 
bascladore alla maesta del Re di Francia per fare una 
lcga dove i Fiorentlni intervenissino con sua Maesta , 
conchlusela cou grandissimo onore della sua citta ; seii- 
do oppressata dalla maesta del re Alfonso , giovo que- 
sta lega loro assai pcr riputazione. 0^0! lempo che stet- 
te messer Agnolo in Francia appresso del re Garlo a 
praticare la lega , la sua Maesta fece fare uno bellis- 
simo fornlraento da tavola d' ariento di grandisslma va- 
luta. Messer Agnolo quando la macsla del Re fcce ve- 
nire quesli arienti , gli guardo c non volle se non dua 
fiaschl d' aricnlo che v' erano , il resto rimando,' i qua- 
li dua fiaschi venendo dipoi a Milano al duca Fran- 
cesco , glieli dono. Pote assai nel duca Francesco , e 
r amo assai , sendosi allevato con la sua Signoria e 
stimandolo assai. 

5. Ora nel tempo che i Fioreniinl avevano falto 
tanto col duca Francesco , che avuto ch' egl' ebbe Mi- 
lano , per quello che gl' avevano fatto i Viniziani , di 
non gl' osservare cosa che gl* avessino permesso , rup- 
pe loro la guerra e condussegli in luogo che dctte lo- 
ro da pensare. Avcndo i Viniziani soldato il Marchese 
di Moiifcriaio , che e a' coufini dcUo stato di M lano , 



/|G4 AGNOLO 

davano grandlssimo Impcdimento all' impresa clie ave- 
va fatto contro a loro , perclie corrcva presso Milaao , 
ed eravi drento il danno e la vergogna. Ora andando 
esaminando i rimedii che vi sarebbono , avendo fatla 
questa impresa di sblzzarrire i Vinizlani , e fargli sta- 
re a termini loro , fu parere del duca Francesco e di 
quelli che governavano a Firenze di mandare messer 
Agnolo ambascladore in Provenza alla maesta del re 
Rinieri , ed operare che passasse in Lombardia cou 
grandisslma provisione in favore del duca Francesco , 
mostrandogli che termlnato questo , si potrebbe atten- 
dere a' faiti del reame. Andato messer A^nolo in Pro- 
venza , sendo con la maesta del re Rinleri , e sponendo 
quanto aveva di commesslone , era con lui Giovanni 
Coscia che aveva ancora lui a conforlarlo per qucllo 
medeslmo per la speranza detta del reame. Sposta mes- 
ser Agnolo la sua ambasclaia , in quello princlpio tro- 
v6 il Re molto alieno dal volere passare in Italla. Co- 
mlncio messcr Agnolo con la sua solita prudenza a 
persuaderlo a dover farlo , mostrandogli per infinite 
ragioni che faceva per lui ed alla rlputazlone , ed a 
consegultare V effctto che desiderava del reame. Ado- 
pero in modo che fu conlento passare , che fu al Duca 
ed a' Fiorcntinl grandisslmo onore. Passo con buonis- 
simo eserclio , e sublto glunto in Monferrato fcce ac- 
cordare il Marchese , perche era costretto a accordarsi 
o perdere lo stato. Levo al duca Francesco V accordo 
di questo Slgnore grandlssimo impedimento , in modo 
che i Viniziani comlnciorono a dubitarc assai dello 
stato loro. Venuto di poi a conglungersi con Ic genti 
del duca Francesco , gli trovo che erano a campo a 
Pontevico. Sublto i sua cominciorono a scalare ed en- 
trare in quello castcUo animosamcnte , e non tcmeva- 



ACCIAJUOLI. 4G5 

110 queHl franciosl poricolo ignuiio. Coudiissoiisi i Vi- 
iiiziatii in Inogo , tra la gente che aveva il duca Fran- 
cesco , c quelli del re Punieri , clie se non fusse che 
al duca Francesco manco il provedimento del danaro , 
i Viniziani erano in manifesto perlcolo , perche a Fi- 
renze non ressono a tanta spesa. Questa passata del re 
Kinicri , e questo favorc clie ebbe il duca Franccsco 
da quello , tutto si poteva atirlbuire alla prudcnza di 
messer Agnolo ed all' aiitorita ch' egl' avcva con que- 
sto principe. 

6. Era attissimo messer Agnolo a conduccre ogni 
cosa. Innanzi che fusse questo caso del re Rinieri , il 
duca Fillppo che non poteva slare in pace , mando 
Nicolo Piccinlno a' dannl de' Fiorentini nel princlplo 
della prlmavera a' templ che i Fiorentini non aveva- 
no se noii Piero Gianpagolo. Nicolo passo con poten- 
tlssimo esercito , e venne prcsso alla citta a poche mi- 
glia. Sendo aiidato mcsser Agnolo per levare il mar- 
chese Borso di Ferrara , nel venire in Toscana si volse 
alla via dl Lombardla , e dlsse di non volere venire. 
Vediitosi messer Agnolo pvlvato di questa speranza , 
subito se n' ando in Romagna , e fece tanto ch' egli 
condusse il signor Giiidaco (i) di Faenza cou buona 
somma di cavalli e fanti ed altri signori di Romagna , 
in modo che col suo mezzo e con 1' autorita ch' egli 
aveva riparo a uno evidcnte pericolo de' Florentiui , in 
modo che salvorono la liberta. Sendo i Fiorentini in 
lega co' Vinizlani , e scndo ogni di molestati dal dnca 
Filippo , determinorono maiidarvi arabasciadori da Vi- 

(i) Cioe Guidanlonio fratello di Astorre de' ManfreJi , aignori 
di Faenza. Vedi la cronaca dell' Arzurrini |>resso il Mittarelli 
R. F. S. p. 541 , dovc p«r altro si dice chc i due fialclli erauo 
coiilro Fircnisu. 

3o 



A66 AGNOLO 

negla e da Flrcnze , che fu messcr Agnolo pcr essere 
molto noto al duca Filippo. Andatl a Milano feciono 
assapere al Duca la loro venuta. Diputo il dl , ed an- 
dati a visitarlo ed isposta la loro ambasciata , fcce il 
Duca grandissima raccoglienza a messer Agnolo per 
essergli noto , ed appresso di lui essere in buona ripu- 
lazione ; al viniziano ne pcr riverenza della sua Si- 
gnoria , ne per suo rispetto , se ne passo molto di leg- 
gieri ; e dalla prima volta in la , ogni volta che mes- 
ser Agnolo v' andava in compagnia dell' ambasciadore 
viniziano , mai poteva avere udienza ; ogni volta cbe 
v' andava solo , aveva udlenza a sua posta. Dispiaceva- 
no al Duca tante cerimonie quante fanno i Viniziani , 
cbe sono molto cerimoniosi , e non banno dcl pratico 
come aveva messer Agnolo cbe s' era allcvato da plc- 
colo fanciullo in corte di signori. Questo viniziano uon 
poteva avere pazienza , vedendo cbe ne per rlverenza 
della sua Signoria ne per essere lui ambasciadore il 
Duca non voleva vederlo , e messer Agnolo era da lul 
tanto onorato. Era tra' Viniziani e il duca Fillppo uno 
odio naturale per tenere i Viniziani tante terre delle 
sua , e non vi poteva avere pazienza , ed era di natu- 
ra cbe dimostrava in buona parte 1' animo suo. Istati 
gl' ambasciadori piii di appresso il duca Filippo , qucl- 
lo cb' ebbono a praticire con lui , di risposta cbe vo- 
lesse fare , non volle" mai cbe 1' ambasciadore vinizia- 
no v' intervenisse a nulla. Dette commessione a uno 
de' sua che rispondesse all' ambasciadore vinizlano ed 
al nostro circa la loro commessione. L' ambasciadore 
viniziano se n' ando a Vinegia , dove riporto quanto 
poca stima il duca Fib'ppo aveva fatto delle loro Si- 
gnorle e della sua persona ; e 1' opposlto fece messcr 
Agnolo a Fircnze del grande onore cbe gl' avcva fatto. 



I 



ACCIAJUOLI. A(S1 

Sonipre dovc ando mosscr Agnolo pcr am])asciadore , 
nc riporto grandisslmo onorc alla sua citta. 

j. La mattina clic si parti papa Eugcnio da Fi- 
renze cra stata grandissima disputazione di lasciarlo o 
non lasciarlo partirc , perchc i Vinizlaiii faccvano qucl- 
lo che polcvano clie i Fi(n'cntini Jo ritcncssino per for- 
za. I piii de' cittadini dcl governo non volevano chc 
per nnlla si ritcncssc , fra' quali era mcsser Agnolo , 
ch' era moJto noto a papa Eugenio , ed a messer Fran- 
ccsco di Padova , ed a quelli chc lo govcrnavano. La 
mattina chc pnpa Eugenio doveva partire , tutta la not- 
te s' era disputato da lasciarlo partirc o non lo lascia- 
re. In fine accordandosi tutti i principali dello stato , 
che si lasciasse andare liheramente , commisono a vnQs- 
ser Agnolo che la mattina a Luona ora andassc dalla 
sua Santlta e dicesse che liberamentc andasse dove vo- 
lesse. Aspettava il Papa e tutti quclli ch' erano presso 
alla sua Santita la risposta. Giunto messcr Agiiolo a 
santa Maria novella presso alla camcra dcl Papa , se 
gli fcce incontro mcsser Fraucesco da Padova , e do- 
mandollo s'erano prigioni. Mcsscr Agnolo rispuose che 
s' eglino fussino prigioni , non vi sarehbe venuto lul , 
mai un' altro cittadino , il quale non e bene a nomi- 
narlo , che aveva consigliato che si ritenesse. E gia il 
Papa sapeva ogni cosa , ed avevalo fatto cavalicre con 
ginramento come si fanno. Litcso il Papa quello che 
gli dissc mcsser Agnolo , rlngrazio assai lui e la Si- 
gnoria , e subito monto a cavallo con tutta la cort(! , 
ed ando alla via dl Sicna. Partitosi non molto benc 
disposto dnlla citta , ed avendo fatta h-ga col re AI- 
fonso e col duca Filippo , pareva a' Fiorentini essere 
in cattivo luogo , c per questo ordinorono che messer 
Agnolo andasse a Siena pcr vedere di mitigarlo ; e ve- 



//08 AGXOLO 

nuto a Sleiia , era clel coiitiiiovo appresso della siia Saii- 
tila e dl tiitto il collegio de' CardiuaH , co* quali avc^va 
graiidisslma notizia , e mnssime col Cardinale di saiita 
Croce cli' era deir ordine di Certosa , col quale stava 
inaestro Tomaso da Serezana. Ebbe buonissimo mezzo 
colla sua Santita , e placollo , e massime adoperandovi 
jl Cardinale di santa Croce il quale aveva buonissima 
fede apprcsso il Pontefice. 

8. Adempiuta ]a sua commesslone , s\ torno a Fi- 
renze , e papa Eugenio se n' ando a Roma. E passato 
non molto tempo , come piacque a Dio , papa Eugenio 
si mori , e fu fatto papa Nicola col quale messer Agno- 
lo aveva grandissima notizia. Avendosi a eleggere am- 
basciadori uella sua creazione a dargli 1' ubbidienza , 
fu eletto messer Agnolo Acciajuoli , messer Giannoz- 
zo Pitti , messer Alessandro degli Alessandri , messer 
Giannozzo Manetti , Neri di Gino Capponi , e Picro di 
Cosimo de' Medici. Andorono con cento veuti cavalli 
molto bene a ordine ; furono molto onorati e dal Pon- 
lefice e da tutla la corte di Roma ; e dimostrogli il 
Papa slngulare amore ; in modo cbe per cose impor- 
tantissime ed apparlenenti alla sedia aposlolica ando 
messer Agnolo alla maesta del Re di Francla , e sod- 
disfe' moko per quello cbe l' aveva mandato il Pon- 
tefice. Avendo messer .Agnolo avute tutle le degnltii 
che si possono avere in una citla cosi drento come 
fuori ; di fuori ando egli a tuttl i principi de' crlstlani 
ed a Pontefici , e plu volte commcssarlo in campo. 

9. Avendo avuto il duca Francesco Milano , e fat- 
ta V impresa papa Pio ed il duca Francesco d' ajutar 
la niaesla del re Ferdinando contro al duca Giovan- 
ni , sendo stato messcr Agnolo infinlte volte dal duca 
Francesoo per ambasciadore c commcssario , P avcva in 



ACCIAJUOLT. 4C0 

grandissima ripntaziono , volle cli' egl* andasso a iNti- 
lano , dove istclte col duca Franccsco con grandissima 
provisione e molto onorato. Scndo mcsscr Agnolo a 
IVIilano , ed avcndo il duca Francesco perseverato ncH' 
imprcsa dcl reamc piii lcmpo , dovc spendeva assai , ed 
enranvi infiniti dcl suo consiglio clie dannavano quclla 
impresa , infino a madonna Bianca , clie per esscr don- 
na di grandissima autorita appesso del Duca ancora clla 
la dannava ; avuto il Duca uno di tutto il suo consi- 
glio , dove intcrvenne madonna Bianca , scndo ragu- 
iiati , il Duca propose volere essere consigliato s* egli 
dovessc scguitaro ncll' impresa dcl rcame ; tutti s' ac- 
cordorono unitamcntc di no per infinite ragioni , e ma- 
donna Bianca v' era piii calda d' ignuno. INIessor Agno- 
lo veduto nno cosl unito consiglio , non volle parlare , 
ma finito che ebbe ognuno , il Duca si volse a messer 
Agnolo e sl gli disse : voi non dite nulla ? Qui non 
resta sc non voi ed io ; tutti gl' altri sono contro ; clie 
dite voi ? Messcr Agnolo disse : io non sarei ardito , 
veduto uno consiglio si unito , di parlare contro a tanti 
dogni uomini ; ma io come Agnolo diro il mio parere ; 
dipoi la Signoria vostra pigliera il partlto cbe gli parra 
niegllo. E quivi mostro per infinite ragioni, cbe avendo 
fatto il duca Fra^ncesco quello cbe avova fatto infino 
al presente di , cbe gli pareva cbe per bene dello stalo 
suo , e cbe per V universale bene di tutla Italia , que- 
sta improsa non fusse per nulla da lasciare , e cbe non 
meno imporlava alla slato della sua Signoria cbe si fa- 
cesse alla macsta del re Fcrdinando , avendo i Vini- 
ziani a' confini , sendo si potcnti nimici come sono ; 
e cbe la difesa dello stato suo e del figliuolo , e cbe 
per la sua Eccellenza faceva cbe la maesta del re Fer- 
dinando si libcrasse dalle mani del duca Giovanni ; cd 



470 AGNOLO 

avesse qiiello regno libcro ,* e di poi collrgarsi queste 
tre potenze insicme , la maesta del Re , il dnca Fran- 
cesco , cd i Fiorentini ; perche altro riniedio non c' era 
alla conservazione de' comuni slati ,* e per ogni rispetto 
faceva per lo stato suo , sendovi ancora congiunto per 
parentado. Venneci messer Agnolo gagliardo a qucsta 
difesa per piii rispetti , iu prima perclic egli sapeva 
clie quella era la volnuta del duca Francesco , T altra 
perclie egli conosceva cssere la salute del re Ferdinan- 
do , la terza per lo Lcne universale della sua citta. 
Ijene che il duca Francesco andasse , come e detto , a 
quella via , aveva tanti e nelle terre sua ed in Firenze 
ed altrove clie andavano ad altre vie , clie tutti ave- 
vano per male clie messer Agnolo stesse appresso dcl 
duca Fraucesco , ch' era per giovare assai. Tutta la 
parie dcl duca Giovanni stavano di mala voglia , cbe 
messer Agnolo stesse a Milano. Fu di grandissimo fa- 
vore la stanza di messer Agnolo a Milano al re Fer- 
dinando , ed in l)uona parte fu cagioue di tenervi fcr- 
mo il duca Francesco per tante opposizioni quante 
aveva a Milano ed a Firenze per quelli che tenevano 
la parte del duca Giovanni che messer Aguolo non vi 
stesse. Aveva il re Ferdinando grandissimi ohlighi con 
lui , de' quall none fu punto ingrato , perche gli dette 
una terra che si chiamava Quarauta , che gia era stata 
de' loro passati , e mandovvi lacopo suo figliuolo a sta- 
re dua anni innanzi che fusse la mutazlone dcl ses- 
santasei. 

lo. Sendo stato messer Aguolo a Milano tanlo che 
il Re era in pacifica possessione della maggior parte 
del reame , confortato dagl' amlci e da' parenti , che 
egl' era bene a ritornare a Firenze , veduto il caso 
della maesta del Re , che bisognava dubitare , si lascio 



ACCIAJUOLf. 471 

consigliare bcnclic fassc raal consigllato di tornare a 
Firenze» Torno a Fircnzc ; e scmpre clii s' impaccia di 
cose ecclcsiasticlie non andaudo al vcro fine clie si deb- 
be andare , scguitano grandissim.i inconvenienti. E cosi 
seguito di (juesta ; per che cadcndo mcsscr Agnolo in 
grandissima indegnazlone , non si stava moUo bene 
conlentOe Non passo molto tcmpo che Gosimo de' Me- 
dici mori. Morto Coslmo , la cilta si divise in dua par- 
ti , una parte si volse a messer Luca Pitti , 1' altra si 
volse a Plero di Cosimo de' Medlci ; ed ognuno al- 
tendeva a favorlre la parte sua ; e presono modo di 
far soscrivere ognuno delle parti , e che fu cagione e 
principio dclla rovina della citta , perche da ogni parte 
erano uomini di condizionc» Messer Agnolo sendo iu 
quello isdcgno , i parenti ed amlci sua lo confortavano 
che si voltasse alla parte di messer Luca ; con gran- 
dissima istanza gl' erano appresso , in modo che sendo 
stato fuori della citta , e non avendo molta notizia delle 
cose di Firenze , per non vi essere stato molto terapo 
fa , ne conoscendo la duplicita ed inganno de' cittadi- 
ni , in quesla divisione lo volsono alla via di messer 
Luca , e levossi per alcuno sdegno da quella parte , 
come e detto , per la quale aveva avuto T esiglio. II 
Cavaliere suo congiunto fu quello che lo volse con la 
sua grande sollecitudine e diligenza ; mostravagli quel- 
la parte essere in condizione che lo stato era loro ; e 
pensoronlo male. Dissono a messer Agnolo per farlo 
inducerc , come dalla parte di messer Luca erano so- 
scritti seccnto citladini , e mostrorongli il quaderno 
dove erano soscrltti di loro mano. E per loro e per 
altro ando alla via della sua rovina , lasciandosi vin- 
core alla passione. 

II. Scndo andato a quesla via , ed alterandosi le 



/|72 AGNOLO 

cose nel niille qnattroceuto sessantasel , 1' una parte e 
r altra presono V arme. Sendo state fra loro varie pra- 
ticbe simulate d' ajnlare la piii forte , seudo la partc 
di Piero piii forte , qucsti di messer Luca comincioro- 
no a ritirarsi e posare V arme. lu qnesto mezzo erano 
tvatti i Siguori; tutti gli amici di Piero vennono. Come 
vidono tratta la Siguoria , la parte di messer Luca sLi- 
gottissi assai. Piero di Cosimo mando una sera a mes- 
ser Agnolo a parlargli che fusse coutento d' entrare 
di mezzo , ed acconciare le cose cioe le difFercnze che 
erano tra loro. ]\Iesser Agnolo clie credeva ch' egl' an- 
dassino a buona via , disse che ue farehbe ogni cosa , 
ma che non si avvezzassino piii , che un' altra volta 
non se n' impaccerehhe. Vedesi come messer Agnolo 
ci audava dreuto al hujo , ed era volto a buona via 
ed a fuggire gli scaudali quanto avesse potuto. Gia 
avevano ordiuato il parlamento , e la parte di messer 
Luca aveva posto giii 1' arme , e restava a discrezionc 
di Piero e della parte sua. Rovino loro addosso pro- 
prio per voluula di Dio , ch' egliuo uon se n' avvido- 
noo E duhito che il mescolare loro le cose divine , e 
con quelle commetterci de' mancamcuti che vi cora- 
messono , fusse cagioue che le cose avessino quello flue 
che ebbono ; pigliando tra i priuii dell' una parle e 
deir altra il sacratissimo corpo di Cristo iuuauzi che 
il caso fusse , e quello dividessino pcr mano del sa- 
cerdote alla messa in pezzi , ed oguuuo ne pigliasse 
uuo pezzo , a fine che quello fussc per fede che sa- 
rebbono una medesima cosa , e non iugaunerebbono 
r uno r altro. Donde si procedesse il romperlo , nou 
lo so ; ma chi fu cagioue , n' ara avuta la convenieute 
pena. Entrati i Siguori e fatli gl' otto della balia , que- 
sti di messer Luca vidouo la totalc loro distruzioue. 



ACCIAJUOLT. AT3 

Messer Agnolo infino all' ultimo ando a biiona fede , 
e non se ne avvlde mai , se non quanJo vide ordinato 
il parlamento. Molte circostanze ci sarebbono da dire , 
le quali lascio a chi scrivera le storie de' tempi ; e 
percbe s' offenderebbe cbi non c bene , e il meglio la- 
sciarle stare , pcrcbe il piii delle volte il dire il vero 
non e sanza odio. In questo luogo basta intendere la 
innocenza di messer Agnolo , cbe ci fu condotto non 
lo conoscendo. 

1 1. Vcdute le cose dove erano condotte , usci di 

Firenze , e partissi lo infelice Cavaliere , ed andonne la 

scra a stare a casa di Nicodemo , cbe era molto suo 

amico* Giunto a lui , lo conforto , conosciuto cbe non 

c' era peccatore. Gli disse cbe aspcttasse quivi , lanto 

cbe andasse a Piero di Cosimo , cbe sapendo cbe non 

si teneva gravato da lui quanto dagl' altri , egli lo sal- 

verebbe , e di quello ne slesse sopra di lui , cbe sapeva 

quale era la sua volunta. E certo , come ebbe dipoi a 

dire Piero piii volte , se messer Agnolo laceva qnello 

cbe gli disse Nicodemo , egli non era mai confinato. 

Dubilo y e per quello la notte si parti ed andossene alla 

Certosa alla via di Siena per tragetti fuori di strada , 

per avere fatto piii volte qucllo viaggio. Come s' inte- 

se per piii persone degne di fede , se messer Agnolo 

aspettava la tornata di Nicodemo da Piero di Cosimo , 

egli non si partiva mai , e non arebbe avuto I' csiglio , 

percbe innanzi circa a venti di cbe Piero di Cosimo 

morisse, pensando pure alla innocenza di messer Agno- 

lo , aveva avuto a se piii cittadini del reggimento , e 

volle cbe v' intervenisse messer Marino , ambasciadore 

della maesta del re Ferdinando , ed erano riraasti d' ac- 

cordo di levare a messer Agnolo I' esiglio , e cbe lor- 

nasse nella sua patria. Fatta quesla deliberazione per 



Ali AGltOLa 

metterla a esccuzione , infermo , dclla qnale inlirmita 
mori ; non vi sendo dipoi clii la sollccitasse , si stette 
e non cbLe la sua perfezionc. Tutte qucste cose dimo- 
strano la innoccnza di messcr A<2fnolo. 

i3. Era andato egli a' confini a Barletta. Dipoi ri- 
cliiamato in Toscana da alcuni di quelli che erano in 
esiglio , spcrando di potere tornare nclla patria clie e 
desiderio naturale , partitosi da Barlctta n' ando a Na- 
poli dalla maesta del Re il quale lo persuadeva a os- 
servare i confini. Sollecitato con lettere e mandatarii 
proprii , venne a Koma a papa Pagolo. Ghi gli aveva 
fatto fare il primo errore , gli fece fare il sccondo , 
mostrandogli con potentissime ragioni questa csscre la 
via a tornare a Firenzc. Lasciossi tlrare alle loro vane 
parole , perche di via ordinarla , sendoci stato , era ri- 
chiamato a Firenze , e non era rubello , e salvava le 
sua possessioni. Fatto questo secondo errore , ogni cosa 
gli riusci a rovescio di quello che gl' era stato mostro. 
Beato a lui , se avesse seguitato la volunta della maesta 
del Ee , che ne fcce ogni cosa a fine che non rom- 
pesse i confini I Nella giunta sua conobbe megllo P er- 
rore fatto , ed il suo cattivo consiglio che gl' aveva 
dato chi era stato autore del primo. Partitosi da Roma 
e venuto in Romagna , quando vidde passare le genti 
di Bartolomeo da Bergamo , sendo uomo spertissimo 
nella disciplina militare, conobbe ancora piii ringamio 
che gP era stato fatto , dandogli a intendere una cosa 
per un' altra. Sendo a Vinegla ed andando gP autori 
di questi errori a visitarlo , e domandandolo comc egli 
stava , rispuose : io starci bene, se voi m' aveste lasciato 
stare a Napoli , e non m' aveste condotlo qui. Segui- 
tonne di questa sua pratlca molti mali , in prima P es- 
sere egli rubello e perdcre tutto quello ch' egP aveva 



ACCIAJUOLT. 475 

in qiicllo di Fircnzc. II Re gli dlssc e scnsossi clie non 
osservando i confini , gl' era nccessarlo torgli Qiiaran- 
ta , c cosi fece partlto clie fu , pcr obligo dclla lega clie 
avcva co' Fiorenlini. Vedutasl perduta ogni cosa cd a 
Firenze ed a Napoli , considcri ognuno dove si trovava 
r infelice Cavaliei^c. O raiseria umana ! quanto sono 
varii i casi dclla fortuna , e quanto rimane ognuno in- 
gannalo sotto queste vane spcranze .' Sendo messcr 
Agnolo andato vagando ora qua ora la , determino por- 
re fine a ogni cosa , spcrando in Dio e nella maesta 
del re Ferdinando , alla quale egli aveva servito nell* 
impresa dcl rearae con tanta diligonza , cli' egli in suo 
avverso caso dclla fortuna non lo abbandoncrebbe. 

i4« Venuto a Napoli , la sua Maesta non s' aveva 
dimenticati punto i beneficj ricevuti da lui , che lo ri- 
cevette onoratissimaraente , ed ordinogli una provisione 
di ducati cento il mese , la quale gl' era pagata ogni 
capo di mese. Istava a Napoli onoratissimamente , e se- 
guitava 1' ordine suo delle orazioni e limoslne , e slrac- 
co da' fastidil dcl mondo comincio a allenarsi da ogni 
cura del secolo , cd andavasene ogni mattina ed ogni 
di air ufficio a uno luogo di frati di Gertosa ch' era a 
Napoli. II plii del tempo clie aveva lo consumava in 
questa religione , ed erasi in lutto allenato da ogni co- 
sa , ed avuta tanta grazia da Dio di saper pigliar que- 
sto partito di voItai'si alla vera via. Credo che le sua 
orazioni e digiuni e limosine tanto lungo tempo osser- 
vale fussino cagione che 1' onnipotente Iddio gli desse 
tanta grazia in questo ultlmo dclla vita sua. Istato al- 
cuno tempo a questo modo , Icvatosi da ogni cura delle 
cose dcl mondo , parve ch' egli prevedesse la sua vo- 
cazlone , perche ammalando di fcbre , scndo gla d' eta 
assai matura , fece in questo suo transito tutti gl' atti 



476 AGNOLO ACCIAJUOLT. 

e modl che fanno quelll clie hanuo vero pentimento 
de' sua peccati , perche ebbe tutti i sacramcnti della 
Chiesa , i quali prese con grandissima devozlone, e fece 
grandissimo segno nel cospetto di Dio del pentimento 
de' sua peccati con lagrime e pianti , e voUc nelle sua 
braccia uno crocifisso , il quale leneva a braccio e lutto 
bagnava di Irtgrime, domandando perdono delle sua 
ofTese ; e cosi con questo crocltlsso in mano rende lo 
splrito al suo Redentore. Quello ch' io ho scritto di 
messer Agnolo, parte n' ho veduto , e parte n' ho avuto 
da uomini degnisslml di fcde ; e tutto ho fatto perche 
veduta la varieta della sua fortuna , ognuno clie leg- 
gera queste cose plgH esemplo di lui, ed impari a es- 
sere contento al poco , e volare basso , e tema de' colpi 
della fortuna , veduto V esemplo di messer Agnolo che 
1' ha sperlmentaia assai ,* ed imlti \e. sua vita nell' ora- 
zioni dlgluni e Ilraosine , col qual mezzo egli scampo 
mohi casi avversi della fortuna , e dlpoi fece il degno 
fine ch' egli fece , che e conceduta a pochi una simile 
grazia. 



60. AGNOLO MANETTI. 



I. Ai 



.gnolo di messer Glannozzo Manetti ebbe uno 
degnissimo padre , e fu allevato lungo tempo sotto la 
discipllua paterna. Ebbe Iniona notizla delle lettere la- 
tine e greche , perche il padre volle che ne' sua leneri 
anni cominclasse a imparare V una bngua e 1' altra , 
e volle che , oltre alla dottrlna di tulte dua , nella sua 
puerizia egli imparasse a scrivere in tre lingue in cbreo 
in greco od in latlno , e di tutte tre queste lingue di- 
vcnto bellisslmo scrittore ; latlno , areYa pochi la sua 
eta che scrivessiuo come lui ; ebreo , diveuio si per- 



AGNOLO MAJCKTTI. ^^^^ 

fetto scrltlore , quaiito imo cLrco il qualc fece batlez- 

zare suo padre niesscr Giannozzo , clie si chlamo Gio- 

van Francesco , clic fu il piii Lello scrillore che aves- 

sino gl' ebrel. Agnolo piii volte scrisse tre o quattro 

versi in eLreo , e V eLreo altrettanti , e non era ignuno 

che vi sapesse giudlcare difTercnza ignuna dell' una all* 

altra lettera. Le lettere grecLe non era ignuno che scri- 

\esse mefflio di lui. Aveva in cta d' anni dodlcl notizia 
o 

di tulte queste llngue. Non gli lasciava mai il padre 
pcrdere terapo, Lcne che il glovane n' aveva fatto TaLi- 
to , in modo che non pigliava piacere di nulla se noii 
di studiare , o alle volte scrivere il di dua ore, Era di 
prestantisslnio ingcgno naturalmcnte. 

2. Avcndo perizia delle sopradette cose , messer 

Giannozzo volle che a Luona ora egli acqulstasse la 

pratlca , e comlncio in eta di iredici anni a menarlo 

seco in tutte le legazloni dove egli andava , ed in Lreve 

tempo lo fece sperto in modo che V eta sua non aveva 

il simile , nel quale fussino tante laiidaLIIi condizioni 

quante erano in lul. Era modestissimo , la qual rao- 

destia aveva arrecata seco dalla natura , grave c di po- 

cLe parole, e quelle cLe diceva le mlsurava molto Lene. 

Quando Lisognava parlare , era eloquentisslmo , ed era 

di prestantlssimo gludicio e di savissimo consiglio. 

Aveva una universal notizia d' ogni cosa , e poche era- 

no di che egli non sapesse raglonare. Era stato in corte 

de' Ponteflci non d' uno ma di plii , e di Re e d' Im- 

peradori ed a Vinegia ed in tultl i luoghi d' Italia. 

Aveva grandisslma grazia con tutti quelli che lo praii- 

cavano. In cta d' anni quattordici , sendo messer Gian- 

nozzo cnpltano a Pistoja fu eletto amLasciadore nella 

creazlone di papa Nicola , lascio Agnolo in suo scam- 

Lio a Pistoja. Portossi iu dua mesi , che il padre stette 



478 AGNOLO 

tra andare e tornare , in modo che fu toniito una ma- 
raviglia da ogniino in uno giovane di 81 poca ela tanta 
gravita e tanta modestia, Comincio a buona ora a di- 
mostrare le sua singulari virtii, Era in lui tutla la spc- 
ranza del padre. Ebbe grandissima grazia nello scri- 
vere , e quello cbe si vide fu giudicato essere eloquen- 
tissimo e di assai giudicio. Gl' avversi casi della for- 
tuna del padre gli tolsono assai tempo cb' egli arebbe 
vacato allo studio delle lettere , cbe non pote ; pcrcbe 
dove il padre ando , Agnolo non lo abbandono mai , 
ma sempre ando con bii. Comincio cbe era molto gio- 
vane a provare de' colpi della fortuna , percbe dopo 
tanti avversi casi del padre , venne Li morte sua trop- 
po presto al bisogno per avere a attendere alla cura 
famigliare , e non potere dare opera allo studio delle 
lettere ; nientedimeno tutto il tempo cbe gl' avanzava , 
vacava alle lettere. 

3. Morto il padre gli bisogno andare a Napoli , ' 
percbe parte delle loro sustanze erano rimaste quivi. 
Ebbe a fare col Re , e piii volte gli parlo dolendosi 
cbe non gl' era fatta ragione , e miselo al consiglio , 
ed il siniile ebbe piii volte a parlare al consiglio , al 
quale parlo virilmente , e sapeva molto bene difendere 
le sua ragioni. Sendo piii volte andato al Re ed al 
consiglio pcr suo caso , in fine dopo una lunga dispu- 
tazione ebbe dal consiglio in suo favore la sentenza 
ed acquistovvi grandissima riputazione ; ed avendo a 
fare col grande Siniscalco , il Re a sua petizione non 
lascio alla ragione avere il luogo suo , e blsogno cbe 
avesse pazienza. Veduto questo Agnolo , sendo il Re 
discosto da Napoli a cacciare , V ando a trovare dove 
egl' cra , ed in presenza di pareccbi signori si dolse del 
torto cbe gP era fatto. Parve al Re essere impacciato , 



I 



MANETXr. 479 

non sapondo che si risponJcre ; dlsscgri che fusse a 
Kapoli , e clie fareLbe cosa clie gll piacesse. Era d' uno 
generosissimo animo , non inforiore al padre , ed era 
di natura che per cosa ignuna non si sarcbbe sotto- 
messo a persona fuori dell' ordlnario per cosa che n* 
avesse a aspettare. Amava assai la sua patria , e per 
quella arebbc fatta ogni cosa. 

4. Ne' maestrati ch' egl' cbbe nella citta , fu de' Si- 
gnori molto giovane ; si porto in modo che non fu 
ignuno che non se ne maravigliasse , e non parve che 
fusse nuovo a nna simile degnita. In tutti i partiti che 
s' ebbono a pigliare , v' erano pochi chc andassino dove 
andava Agnolo. Aveva da natura uno mirabile giudi- 
cio : come egli intendeva una cosa di qualche parte che 
combattessino insleme , era pazientissimo uditore ; ed 
iidite le parti , subito diceva chi aveva la raglone e chi 
aveva il torto ; e di quello che fusse giusto , non era 
persona che V avesse potuto mutare. Fu piii volte tratto 
del ricorso alla mercanzia , ed era cosa mlrabile il giu- 
dizio cli' egl' aveva e di mercanzie e d' ogni cosa ; di 
fare conti era maravigHoso aritmetico. Trovaimi uno 
di con uno uomo dabbene il quale ebbe a capitare a 
Agnolo per uno suo ricorso d' una diiFerenza che avcva 
con certi sua parenti ch' era durata anni quattordici , 
ed andava ad arbltrati e ricorsi , e mai s' era potuta 
acconciare. Sendosi tratti alla mercanzia gl' uomini del 
ricorso , fu tratto Agnolo. Ando questo cittadino a lui 
a casa ; non lo spaccio per lo generale come fanno i 
piii , ma disse : vieni meco nello scrittojo , e glunto 
quivi s' arreco innanzi fogli e penne e calamajo , e 
\oIIe intendere tutte le sua ragioni , ed ebbe pazienza 
di stare con lui parecchi ore , e tutte le sua ragioni 
noto in sur uno foglio. Venuto innanzi agl' uomini dcl 



480 AGNOLO 

rlcorso , ed inlese le parti , Agnolo comincio a mo- 
strare a* sua compagni le raglonl di questo cittadino e . 
deir avversario , e clilamata drento una parte e poi 
raltra, e lasclato dire ognuno le sua ragioni ; fatto 
questo t perche Agnolo aveva voluto durare questa fa- 
tica , furono contenti ch' egli vedesse d' acconciargli , 
perclie ognuno si leva volentieri fatica e carico da 
dosso. Agnolo intendendo le loro dlfFerenze benisslmo , 
fece in modo clie gl' acconcio di loro consenlimento , 
e pose perpetuo sllenzlo tra loro che mai plii se ne 
parlasse. Importava questo caso parecchie mlgllaja di 
fiorini , e mai s* acconclava se Agnolo non plgllava 
questa cura lui , come prese. Andava poi predlcando 
coslui per tutto Firenze quello che Agnolo aveva fatto , 
sendo cuglno di raesser Agnolo degl* AccIajuoH. 

5» Avcva con messer Agnolo Acclajuoli grande fa- 
mlgllarita , e volentieri stava questi a udlre i sua giu- 
dicii ; e se ultlmamente messer Agnolo Acciajuoli in- 
nanzi che andasse a' confini avesse fatto quello che gli 
aveva delto Agnolo Manetti , ch' era maturo consigllo , 
non andava mai in eslglio : non gli pareva chc la vla 
che aveva presa fusse la salute sua , ma la via della 
sua rovlna. GT uomlni sono menati alle volte a fare 
quello che non vorrebbono. Non ando mai Agnolo ia 
ufficio ignuno fuori della citta , se non a Camplglia , 
dove si porto In modo che tutti quelli uomini predi- 
cavano le sua virtii. Era nel tempo della guerra , e 
levo vla infinlte differenze che v' erano , e tuttc T ac- 
concio. Sendo Piomblno a' confini di questo luogo , so- 
levano nascere infinlte dlfTerenze tra quelli di Piom- 
bino e quelll di Campiglia ; tuttc quelle che vi furono 
a suo tempo Ic volle intendere , e tutte T acconcio con 
voluula delle parti , e fece iii modo che lascio qucllo 



MANETTI. 481 

luogo m buonlssinio termine. Accoslossi piii volte col 
signore di Piombino per certe difTcrenze che v' erano , 
soddisfe' mirabilraente a quello signore , iii: modo che 
egli usava dire , che s' egli avesse uiio uomo di quella 
qualita appresso di se , non dubiterebbe mai di nulla 
dello stato suo. E dove i piii de' capitani , che v' erano 
stati , sempre avevano avuta qualche dissensione col sl- 
gnore e con gl' uomini sua , egli fece tutto T opposito , 
e non ebbe mai difFerenza ignuna ignuno de' sudditi 
del comune co' suddlti del signore , ch' egli non 1' ac- 
conclasse ,* ed il simile fece col signore. Fece in modo 
ch' egli v' ebbe grandlssima grazia , quanto uomo che 
vi fusse stato gia e lungo tempo. 

6. Veduti i portamenti d' Agnolo ,. e conosciuto da 
quelli del governo quanto egli fussc suiEcIento a man- 
darlo in ogni degno luogo , sendo stato Donato Ac- 
ciajuoli ambaseladore al re Luigi dl Francia per la 
reslltuzione di certe robbe di mercadanti fiorentlni , 
le quali erano state lolte ne' porti di sua Maesta , ebbe 
Donato tanta grazla col Re che gli fece dare uno as- 
segnamento in Llnguadocca deila restltuzione di que- 
sti danari inflno a uno tempo , tanto che fusslno re- 
slituiti dello intero che erano fiorinl trenta mila. Ora 
sendosi avuti alcuni anni questi asseguamentl , dlpoi 
come fanno i prinelpi grandi che sl mulano , 1' asse- 
gnamento fu levato. A questi che avevano a avere pa- 
reva strano , e richiesono la Signorla di mandarvi uno 
ambasciadore. Furono contenti. Esaminato con Donato 
Acclajuoll , ch' era uso nel paese , chl gli pareva di 
mandare , disse che se Agnolo Manetll volesse andare , 
cli' egli sarebbe aliissimo. Aveva molte condizloni che 
gli facevano onore a uno simile esercizlo , prima nato 
di una buona casa e d' uno degnissimo padre litterato , 

3i 



/»82 AGNOLO 

sapeva parlare latino come la sua llngua propvla ; cra , 
come e detto , pratico e universale , e sapeva ragionare 
d* ogni cosa c d' una buonissima maniera, Ando or- 
natissimamente e di cavalli e di famigli , c giunse ap- 
presso di quello principe ch' era strauo , come e noto 
a ognuno , ed ebbo buonissima grazia con la sua Mae- 
sla e con tutti quelli che gP erano appresso ; e seppe 
fare si bene , ed usovvi tanta arte e tanta diligenza , 
cb' egli ottenne la medesima grazia cbe aveva avuta 
Donato Acciajuoli, e furongli renduti gl' assegnamenti, 
de' quali se ne riscosse infino a cbe visse la sua Mae- 
sta , e si ritrasse quello cbe avevano a avere i raer- 
catanti. Parve a ognuno cb' egli avesse fatto quello cbe 
non si stimava , d' avere avuto questo assegnamento. 

7. Inlendendosi di qua da questi del governo quel- 
lo -cbe aveva fatto , e la buona grazia cbe aveva con 
sua Maesta in nome del popolo di Firenze , e comc 
avvisava di per di le cose cbe occorrevauo , subito lo 
rielessono per dua mesi per lo consiglio del conto , e 
scrissongli cbe si restasse, ed avvisasse di per di quello 
cbe occorreva. Agnolo subito ebbe lettere dalla Signo- 
ria e da privati cittadini , cbe gl' avvisavano quello cbe 
avesse a fare. Tutte le lettere cbe nel tempo cbe fu 
in Francia scrisse alla Signoria particolarmente d' ogni 
cosa , erano stimate assai , e scritte con • una grande 
priidenza. Ora conosceva Agnolo la natura del Re di 
Francia quanto ella era istrana , e quanto egli era so- 
spettoso cbe persona non sapesse ignuno suo fatto , e 
bisognava andare eol Re molto a punto a non volere 
cbe gl' intervenisse qualcbe caso , come era interve- 
nuto a degl' altri , ed ogni di intervcniva , secondo la 
fantasia cbe gli veniva. Di pocbi di innanzi cbe ve- 
nisse quesla commessioae a Agnolo , v' era venuto uno 



MANETTI. 483 

ambasciadore dcl Papa , ed era stato piii di quindici 
di , che non aveva potuto averc udienza , pcrclie il Re 
aveva fantasia che costui fusse araico del duca di Bor- 
gogna, Aspetto uno dl il Re di dargli udienza alla 
campagna dovc erano molti signori. Venuto alla sua 
presonza , gli disse come egli era mandato dal Papa , 
e le difficulta che aveva avute per venire alla sua Mae- 
sta , e per neve c per ghiaccio aveva passato i monti. 
l\irlato ch' ebbe , il Re gli fece una risposta strana , 
e disse che aveva graudissimo piaccre d' ogni disagio 
ch' egl' aveva preso per venire da lui , sapendo quanto 
egli era buono servitore del Duca di Borgogua. Dipoi 
si volse in su , e cavalco via , c non gli disse altro ; 
in modo che ali' ambasciadore parve essere vituperato , 
veduto il sospetto ch' egl' aveva preso ; e non era per- 
sona che potesse con lui ne dirgli nulla ne rimuoverlo 
da opinione che avesse. 

8. Avendo veduto Agnolo e di queslo e d' altri 
ambasciadori e signori che faceva simili atti , dubitava 
assai dell' onore della sua patria , e per questo scrisse 
alla Signoria che non era bene che vi stesse , avendo 
ottenuto quello che voleva , e che per buona cagione 
era bene che lo rivocassino , e quando sarebbe qui di- 
mostrerebbe loro essere bene averlo fatto per ogni ri- 
spetto. Avute le lettere , subito lo rivocorono. Fucci al- 
cuno a chi di questo aveva domandato licenza, al quale 
non piacque che tornasse a Firenze con onore e ripu- 
tazione. Dimostro le cagioni che 1' avevano mosso a do- 
mandare licenza , chc era , come e detto , rispetto alla 
varieta del prlncipe ed al sospetto che aveva d' una mi- 
nima cosa. Fu lodato il suo partito da' piii ,* cd inter- 
venne alcuna cosa rispetto alla natura d' Agnolo che 
imitava le vesligie del padre , di andare drieto alla via 



484 AGNOLO 

iisitata da lui e dagr altri ; e dilliclle sarebbc stato a 
potcrlo miilare , percbe era persoiia cbe non bisognava 
cbe ignuno si mettesse a volergli far fare cosa fuori 
deir ordinario , cbe non 1' arebbe fatta. Merita Agnolo 
per le sua laadabili condizioni d' essere messo nel nu- 
mero d' ogni degno cittadino ; percbe s' egl' andava 
per vita , dimostrava ogni di piix la gcnerosita dell* 
animo suo. 

9. Tornato di Francia e voltosi a' sua usati escr- 
cizi delle letterc , sendo la citta in graudissima per- 
turbazione di guerra e col Papa e col re Ferdinando , 
ed avendo perduto piii castella , ed ogui di andando 
perdendo , per avere a fare con dui potentissimi prin- 
cipi , dubitavano di non perdere Campiglia , cb' era 
in luogo strano ed abitato da' Gorsi e da gente di mala 
condizzone. Ora sapendo quanto Agnolo aveva auto- 
rita in quello castello , rispetto a quello cbe v' aveva 
fatto quando cbe vi stette , mandoronvelo i dieci della 
Lalia , e dettongli lutta 1' autorita cbe si poteva dare 
a uno commessario , e cosi scrissono letlere cbe fusse 
ubbidito come le loro Signorie. Giunto a Gampiglia , 
attese a vedere quello cbe vi bisognava , e provide a 
ogni cosa , e teneva quella terra in tanta ubbidienza 
quanto ignuna cbe n' avesse il popolo di Firenze , per- 
cbe faceva fare ogni cosa per amore con ]a sua pru- 
denza. Fu Agnolo quello cbe salvo quello luogo. Ora 
come fanno gl' avversi casi della fortuna , nel caslello 
vi s' appicco il morbo crudele , e morirongli famigli in 
casa. Nientedimeno dubitando cbe partendosi , quello 
luogo non portasse pericolo , istette fermo sanza par- 
tirsi. Infine come volle la fortuna , egli vi ammalo c 
morissi di morbo in salute della sua patria. S' egli fusse 
vivuto , Firenze non aveva molti cittadini della qua- 



MANETTI. 485 

llta d' Agnolo , 1 quali avcssc potuto aJopcrare fuori 
per ambasciadore , e nella citta per ogni caso che fusse 
bisognato , scndo in lui le condizioni che erano. 

6i. PIERO DE'PAZZr. 

I. iVlesser Piero di messer Andrea de' Pazzl fa- 
niiglia noblle ed antica nella citla di Firenze , ebbe 
assal buoua notizla delle lettere latlne : dette opcra alle 
grecbe , ma non ne seppe molte. La cagione che mes- 
ser Piero dette tardi opcra alle lettere , si fu che sendo 
figlluolo dl messer Andrea , e sendo giovane dl bellis- 
simo aspetto e dato molto a' piaceri e diletti del mon- 
do , alJe lettere non pensava perche 11 padre era merca- 
dante , e come fanno quelll che non n' banno notlzia , 
non le stlmava , ne pensava che II figlluolo vi desse 
opera ; arebbe plu tosto voluto che fusse mercadante. 
Sendo In Flrenze Nicolao Nicoll , che era un' altro 
Socrate e un' altro Catone dl contlnenza e dl vlrtii , 
passando uno di mcsser Plero , sanza che mai gl' avesse 
favellato , nel passare dal palazzo del podesta lo chlamo 
vedendo uno glovane dl si bello aspetto. Sendo Nlcolao 
uomo di grandlssima rlputazione , sublto venne a lui. 
Venuto , come Nlcolao lo vide , lo domando di chi egli 
fusse figlluolo. Rlspuosegli, dl messer Andrea de'Pazzi. 
Domandollo quale era II suo esercizlo. Rlspuose , come 
fanno i giovani , altendo a darmi buon tempo. Nicolao 
gli dlsse : sendo tu figliuolo di chi tu sei e di buono 
aspetto , egl' e una vergogna che tu non ti dia a Im- 
parare le lettere latine che tl sarebbono uno grande 
ornamento ; e se tu non le imparl , tu non sarai sti- 
mato nulla ; passato 11 fiore della tua gloventii , tl tro- 
vcral saiiza virtii ignuna. Messer Piero udlto questo 



486 PIERO 

da Nicolao , snl)ito guslo c conobbe cli' cgli diceva il 
vero , e si gli disse clie volenticri vi darebbe opera , 
qiiando egli avesse nno precettore , che si lascierebbe 
consigliare a lui. Nicolao gli disse clio dcl preceltore 
e de' libri cbc ci lasciasse pensare a lul cbe lo pro- 
vederebbe d' ogni cosa. A messer Piero parve cbe gli 
fnsse venuta una grande ventura. Dettegli Nicolao uno 
dottissimo uomo cbe si cbiamava il Pontano , peritis- 
simo in greco cd in Latino , e ricolselo raesser Piero 
in casa , dove lo tencva onoratissimamente servito cou 
una famiglio e con saiario di cento fiorini V anno. 
Lascio andare messer Piero infinite lascivie e volutta 
alle quali egl* era volto , e detlesi in tutto alle lettere , 
cbe il di e la nctte non attendeva ad altro , in modo 
cbe non passo molto lempo cbe scndo messer Piero 
di prestautissimo ingegno , ed avendo uno dottissimo 
precettore , comincio a avere buonissima notizia delle 
lettere batine , delle quali egli acquisto grandissimo 
onore e n' ebbe grande riputazioue. 

2. Col mezzo delle lettere prese amicizia co' primi 
della citta , e massime con Piero di Gosimo de' Medici , 
il quale gli voUe uno grandissimo bene ; in modo cbe 
sendo la casa de' Pazzi sanza stato , o ributtati e molto 
offesl dalle gravezzc , avendo fama d" essere riccbi , co- 
me erano , male si potevano difendere , per mezzo di 
messer Piero si fece il parentado di Piero di Cosimo ; 
cbe se non fusse stata 1' amicizia di Piero di Cosimo 
con messer Piero , il parentado non si faceva mai , ma 
solo per questa cagione si fe' ; col quale mezzo eglino 
ebbono lo stato , valsonsi della gravezza ; cbe il slmile , 
se questo mezzo non fusse stato , non lo facevano mai. 
Puossi dire cbe questo parentado fusse quello che ri- 
levasse la casa loro , e donde ella ba avuto lo stato e la 



de' PAzzr. 487 

riputazlonc. E sc incsscr Picro fusse vlvuto , ch' era 
d' altra discrezione clic non cra ignuno di quella casa , 
iion scguitava mai lo inconvcnicnle clic scguito , donde 
ebbe origine la rovina dclla casa loro e dclla citta, 

3- Ritornando a messcr Piero , in lui furono molte 
Luone condizioni ; fu molto liberale , e serviva gl' ami- 
ci quando era ricliiesto ; era donatore ; tencva in casa 
sua una splcndida vita , e spesso convitava otto o dicci 
per voha a desinare ed a cena tutti i principali gio- 
vani dclla citta lctterali e dati alle virtii , i quali rgli 
amava assai ed onoravagli. Fu molto onorato nclla re- 
publica delle degnita che si danno a uno cittadino e 
nclla citta e fuori. De' primi ufGcj cbe avcsse , dove 
egli potesse dimostrare le sua virtii, fn di collcga, dovc 
recito in publico una elegantissima orazione de insti- 
tia , la quale fu molto lodata , percbe v' intervennono 
tutti i lettcrati di Firenze e tutti i principali dello 
stato. Gomincio a dimostrare non avere indarno impa- 
rate le lettere latinc. Furono le lettere latine qucllc 
cbe onororono lui , del quale onore ne participo tutla 
la casa. Fu gonfalonicre di giustizia , il quale maestra- 
to tenne con grandisslma riputazione , ed acquistovvi 
assai. Ebbe piii degnita nella citta , dclle quali fu assai 
lodato e commendato per i sua buoni portamenti. 

4« Sendo creato il re Luigi re di Francia , e man- 
dando tutta Italia a rallegrarsi della sua assunzione , 
vi mandorono i Fiorentini mcsser Filippo de' Medici 
arcivescovo di Pisa , e messer Piero de' Pazzi , e Bo- 
nacorso Pitti. Andovvi messer Piero molto bene a or- 
dine. Potrei dire cbe ne' di mia non uscirono mar am- 
basciadori fuori di Firenze , cbe andassino con tanta 
pompa quanto ando messer Piero , e per la persona sua 
infinite vcste e gioje , ed il similc per i famigli e ra- 



488 PTERO 

gazzi c moltlssimi cavalli e bellissimi qiianto sl potreb- 
bono trovare. Credo che universalmente d' ogni cosa 
non si potesse far piii che fece Ini ; in modo che in- 
lesosi per questi del governo , vollono che andassino 
per la citta , a fine che il popolo vedesse tanta pompa 
quanta era quella non mai piii veduta. Richiese Do- 
nato Acciajuoli che andasse con lui , e cosi fece , e por- 
to la vita di Carlo magno al re di Francia composta 
da iui. Fu messer Piero di la dalla maesta del Re mol- 
to onorato e da tutta la corte , si per essere di casa 
nohile e nota in quello paese , il simile pcr essere di 
bellissima presenza , ed aggiuntovi per essere letterato 
ed eloquente. Aggiungevasi 1' essei^ si bene a ordine , 
che mutava ogni di una veste o dua tutte ricchissime , 
ed il simile la famiglia sua ed i giovani che erano con 
Uii. Fuvvi Donato Acciajuoli molto onorato per la no- 
bilta del!a casa ch' era notissima al Re ed a tutta la 
corte , il siraile per la fama della sua virtii. La maesta 
del Re di Francia in uno di solenne , prcsenti tutti i 
signori della corte e tutti gl' ambasciadori , fece cava- 
liere messer Piero de' Pazzi con grandissima pompa ed 
onore suo e della patria. Fatto cavaliere , fu accom- 
pagnato a casa da infiniti signori ed ambasciadori. 
Dono messer Piero si per la comunita come in sua 
proprieta a tutti quelli della corte del Re , in modo 
che non vi fu piii ignuno ambasciadore che facesse 
quello che fece raesser Piero , e nella partita ne ri- 
porto grandissima fama ed onore. 

5. Avendo adempiuta 1' ambasciata loro , appresso 
alla maesta del Re di Francia , se ne vennono a Fi- 
renze. Nell' entrata che fece messer Piero in Firenze 
gli vennono incontro tutli gl' uomini di condizione 
della citlk. Parve nella sua entrata che tutta la citta se 



de' PAZzr. 489 

ne rallegrassc , pcrclic cra molto benc volulo da tutti 
per cssere umanissimo e libcrale con ognuno , c sapeva 
molto bene usare quello cbe si convcniva a uno cit- 
ladino cbe voglia cssere amato in una citta. Entrato in 
Firenze con grandissimo onore , tutte le strade e le 
finestre erano piene di gente , che aspcttavano la sua 
entrata. Entro con la famigb'a sua tutta vestita di nuo- 
vo ornatissimamente in cappe di sela , con perlc alle 
manicbe ed al cappcUo di grandissima valuta, Non si 
ricorda mai entrare ignuno cavaliere in Fircnze con 
maggior pompa di lui , ne meglio a ordinc , cbe dctte 
alla casa sua grandissima riputazionc. Entrato nclla 
citta n' ando a scavalcare secondo la consuetudinc alla 
porta del palazzo , ed ando su nel palazzo della Signo- 
ria a pigliare la bandiera secondo la consuetudine di 
quelli cbe tornano cavalieri. Partito di palazzo monto 
a cavallo ed ando alla parte guelfa a pigliare il scgno 
della parte , dove era Piero Acciajuoli de' capitani , clie 
gli fece una degnissima orazione vulgare ncl cospctto 
d' infiniti uomini cbe aspettavano per udirla. Fatta 
1' orazione e preso il segno della parte e quella del pa- 
lazzo , se n' ando a casa accompagnato , come e detto , 
cd in casa si fece grandissima festa , e piii di vi si 
lenne come corte bandita. Tenne questa dcgnita con 
tanta riputazione quanto cavaliere cbe sia stato a Fi- 
rcnze gia e lungo tempo. 

6. In messer Piero non si poteva blasimare quello 
cbe si biasima ne' piii d' essere avaro , ma piii tosto di 
essere troppo liberale e grandlssimo spenditore quanto 
ignuno n' avesse T eta sua. Meritavane piii tosto bia- 
simo cbe commendazione d' andare all' altro estremo. 
Da lui non aveva se non cbi non gli domandava. Nella 
morte dcl padre avendosi a dividere i fratelli , sendo 



AOO PIERO 

Alamanno Salvlati ed altri lor parenti alla divisa , tro- 
vorono messer Piero quando il padre mori avere ^eso 
dodici mila fiorini di qnello che non se ne vedeva 
nnlla. Fu giudicato cbe cbi avesse speso , avesse tutto 
quello cLe spese , perclie lo spese in mngnificenze ed in 
li])eralita. Era tornato infino a quello tempo che mori 
messer Andrea , e serapre stato alle sua spese egli con 
lutla la sua famiglia. L' abbondanza de' beni temporali 
lo fece trascorrere in quelle cose neile quali trascor- 
rono i piii per non si sapere temperare. Vero era che 
i danari ch' egl' aveva speso , tutti o la maggior parte 
erano in cose onorevoli secondo il mondo , come gio- 
stre o simili cose delle quali non fo menzione. 

y» Era messer Piero , per venire alle doti della na- 
tura , ch' egl* aveva , mirabile. Era di grandissima me- 
moria e di maraviglioso ingegno. Della memoria fece 
pruova che imparo tutta ]' eneide di Virgilio a mente , 
e molte orazioni di Livio in soluta orazione, per spasso 
andando a uno suo luogo cbe aveva che si chiamava 
il Trebbio , il quale era con piii possessioni che gli 
consegnorono pcr la sua parte , che rendevano circa 
a cinquecento fiorini ; ed ebbe piu possessioni messer 
Piero in parte , perche sendo spenditore , quelle stes- 
sino ferme. Andava spesso a pie a spasso col precet- 
lore che teneva a' figliuoli e famigli , e partivasi a pie 
da Firenze ed andava- per la via di Fiesole e da santo 
Cbimenti , e per la via per spasso imparava trionfi del 
Pctrarca , in raodo che in brevissimo terapo gl' imparo 
lutti. Pronunziava in versi ed in prosa maravigliosa- 
menle con buonissimo modo , servivalo la voce ed il 
peito che aveva larghissimo. E se il tempo ch* egli per- 
de come fanno i piii in cose disutili , 1' avesse messo 
nelle lettcre laline , arebbe avuti pochi che gli fussino 



DE* PAZZI. ^l9i 

andati iiinanzi. Fecc farc moltissimi bclli libri , c scm- 
pre aveva scrittori dove spese molti danari in libri c 
di scrittura e di miniatura ; tutti gl faceva fare per 
eccellcnza , in modo chc alla sua morte aveva una bel- 
lissiraa libraria. 

8. Aveva messer Piero in specialla grandisslma 
amicizia col duca Giovanni , cbe bene cbe la casa sua 
r avessino avuta col re Rinieri e con tutla la casa , e 
cbe il re Rinieri nella venuta sua a Firenze quando 
venne del reame battezzasse a messer Piero Renato , 
venendo di poi il duca Giovanni in Fircnze , quando 
il re Kinieri passo in Lombardia , nello stare cbe fccc 
il duca Giovanni in Firenze , sendo messer Piero de- 
strissimo cortlgiano , il duca Giovanni gli pose singu- 
lare amore , in modo cbe mentre cb' egll stctte in Fi- 
renze , messer Piero si partiva poco dalLa sua Signoria. 
Andando dipoi nel reame ritenne quell' amieizia con 
messer Piero , per modo cbe s' egli otteneva il regno , 
messer Piero era de' primi uomini cb' egl' avesse ap- 
prcsso di lui. Sendo nei reame , scrlveva spesso a mes- 
ser Piero , e fecelo servire da' sua di buona somma di 
danari , e fegli prestare a Giovanni di Cosimo de' Me- 
dici fiorini dua mila. Ora andando prosperando il duca 
Giovanni , messer Piero molto lo favoriva e con le pa- 
role e co' fatti. 

9. Iscadde cbe uno di trovando uno , messer Plero 
cb' era molto suo amico , si gli disse : e' non sara oggi 
a quindici dl cbe il duca Giovanni sara re del reame 
sanza ignuna contradizionc. Aspettando questi quin- 
dici di , il Principe di Rossano , lacopo da Gaviauo , 
e Deifebo , cb' erauo nimici del Re ed amici del duca 
Giovanni , feciono dire al Re cbe se la sua Maesta vo- 
leva perdonare loro , cbe verrebbono a cbicdergli per- 



492 piERo 

dono , e dipol sarebbono a' sua servlgl. II Re cbe in 
questo caso gli pareva acquistare assai , disse essere 
contento , e che diputasslno il luogo e 1' ora. La mae- 
sta del Ke venne al luogo diputato , e con lui cra uno 
conte Giovanni Ventimiglia ciciliano , uomo grave e 
prudente , e dlsse alla maesta del Re , cbe vedesse quel- 

10 cbe faceva , cbe costoro erano uomini da non si 
fidare di loro. II Re ditermino di andarvi , e meno 
seco quattro squadre di cavalli ed il conte Giovanni , 
ed ando armato di tuttc arme , e giunto presso al luo- 
go diputato , lascio discosto a una mezza balestrata il 
conte Giovanni e le quattro squadre con ordine cbe 
s' eglino sentlssino nulla , subito andassino a soccor- 
rerlo. Partlto il Re ando dove erano questi tre , i quali 
giunto il Re si gittorono per terra ginoccbioni per far 
segno di fargli riverenza e domandargll perdonanza. 

11 Re porse la mano. Fatto questo atto , subito si gitto 
uno di loro con uno coltello in mano per voler pi- 
gliar la redina del cavallo e dare al Re di quello col- 
tello. II Re cbe era beue a cavallo , subito veduto que- 
sto atto dette di speroni al cavallo cb' era velocissimo 
corsiere , e salto in modo cbe gl' usci delle mani , e 
cadde ii coltello a colui cbe gli volle dare. Veduto il 
conte Giovanni questo , subito si gltto lui con tutte le 
squadre cbe v' erano a soccorrere il Re , e quelli tradi- 
tori si fuggirono e lasciorono il coltello , il quale il Re 
fece ricorre , e provo se v' era suso medicame addosso 
a uno cane , il quale subito locco il sangue casco mor- 
to , cb' era avvelenato , cbe si vede cbe questi traditori 
vennono per fare a fatto. Ora scoprendosi questo tra- 
dimento di costoro fra il tempo di qulndici di , cbe il 
duca Giovanni arebbe il reame, lo trovo , e si gli disse : 
messere , questa noii era fede di quello Principe d' ave- 



de' pazzi. 493 

re uno regno por quesla via ; non e questa la consuotu- 
dine de' reali di Francia ; avendo fatto per forza d' ar- 
me , di qnesto ne meritava graudissima loda e commen- 
dazione , ma per via di tradimento no ; e qucsto , mcs- 
ser Piero , non si puo negarc , cli' cglino non abbino 
preso quosta via chi 1' ba avuto a fare , percbe si con- 
corda con le parole vostre de' quindici di , cbe il Duca 
arebbe il reame sanza ignuna contradizione ; ma questo 
atto solo sara cagione ch' egli non 1' ara , perche l' on- 
nipotonte Iddio non Liscia quesie cose impunite. 

lo, Iscadde dopo questo caso che Giovanni Goscia 
gentiluomo napobtano ch' era stato ed era a servio-L 
del diica Giovanni , sendo domandato uno di dopo Ja 
rotla di Troja chi egli credeva che avessc a teuere il 
reame , fece una gentile risposta , che fu in questo ef- 
fetto , che mentre che i peccati ]oro pesavano piii che 
quelH degl' avversarii , il reame sarebbe loro. Segui- 
torono dopo questo caso molti casi avversi al duca Gio- 
vanni , che sempre ando all' ingiii , inflno a tanto che 
fu costretto a partirsi del reame , e lasciare tutto quello 
che aveva preso , ed ogni cosa si muto in poco tempo , 
e parve che tutto fusse per volunta di Dio che dopo 
questo tradimento ogni cosa andasse loro a traverso ; 
di natura che il Re sendosi condotto in luogo che non 
gli pareva avere rimedio ignuno , sendosi ribcllati la 
maggior parte de' signori , e non avendo nc gente ne 
danari , dopo questo caso la maesta del Re ando all' 
insii , ed in poco tempo si puo dire ch' egJi s' insi- 
gnorisse del reame , come si vide. Ritornando a messer 
Piero, si potrebbono dire di lui moltecose, dell' es- 
sei-e andato ambasciadore in altro luogo , e dolla am- 
ministrazione degl' ufficj che ebbe nella cilta , ma que- 
sto basti per uno brieve ricordot 



494 



62. LORENZO RIDOLFI. 



I. iVXesser Lorenzo Ridolfi fu degnissimo cltta- 
dino di Firen2ie e di onorati parenti. Furono in lui 
molte laudabili condizioni ; fu d'' una huonisslma co- 
scienza ; e bene che nella republica fusse di grandissi- 
ma autorita e potcssevi assai , fu simile a quelli antichi 
romani per la sua nettezza , e si vede che volle vivere 
del suo , ed ebbe tenuissime sustanze. Sendo singula- 
rissimo dottore in iure civile e canonico , non lo volle 
esercitare , parendogli ch' egli non si potesse fare con 
buona coscienza. Fu uomo di grandissimo consiglio , fu 
molto adoperato nella republica , e nella citta e fuori ; 
ando in tutte le degne legazioni che si possono avere , 
e di tutle rlporto grandissimo onore. La lega che si 
fece co' Viniziani nel mille quattrocento venticlnque la 
fece messer Lorenzo Ridolfi , avendo rotto guerra il 
duca Filippo a' Fiorentini in Romagna contro alla pace 
fatta con loro ; dove messer Lorenzo e tutti i princi- 
pali della citta , quando il Daca mando a cliiedere la 
pace , erano di parere che non si facesse , allegando 
buonissime ragioni , che la sua ambizionc di fare la 
pace co' Fiorenlini era solo per avere Genova ; e sa- 
rebbe bene prestare favore a' Genovesi a fine che con- 
sumasse il tcmpo nell' acquisto di Genova , perche co- 
me egli T ara avuta , si yolgera a' danni de' Fiorenti- 
ni , bene che vada predicando di volere istare in pace. 
E questo consiglio dava messer Lorenzo e gl' altri cit- 
tadini , savissimo consiglio , e previdono quello che se- 
guito , perchc attese fatta la pace co' Fiorentini alP ac- 
quisto di Genova , ed acquistatala , subito ruppe guerra 
a'Fiorentini in Romagna , e furono rotti in uno anno 
tre volte , di natura che li coudusse iu cattivo luogo. 



LORENZO RIDOLFI. 495 

2. Di qni proccdette la manJata di messer Lorenzo 
a Vinegia , e fece la lega con le condizioni che si fe- 
ciono per necessita , sendo il Duca signore potentissi- 
mo e ciipido di gloria. Parve a quelli che governavano 
la citta iu quello tcmpo mandarvi messer Loreiizo Ri- 
dolfi solo , sendo V uomo dell' autorita cli' egl' era. Nel 
medesimo tempo v' aveva ambasciadori a papa Martino 
a praticare colla sua Santita clie si mettesse di mezzo 
a fare pace tra il Duca ed i Fiorentini. I Viuiziani 
avevano in questo tempo pace con il duca Filij>po fatta 
pcr piii anni , ch' era assai difllcile a potergli persua- 
dere a entrare in guerra. Messer Lorenzo per poten- 
tissirae ragioni dimostrava a' Viniziani la infidelta del 
tiranno ch' egli non osserverebbe cosa ch' egli pro- 
mettesse loro. A Roma si sollecitava la pace per mezzo 
di papa Martino , e V una cosa ajutava 1' altra ,* niente- 
dimeno i Viniziani istavano fcrmi. lutervenne in que- 
sto tempo che messcr Lorenzo praticava la pace c T ac 
cordo co' Viniziani , che il conte Francesco Garmi- 
gnuola si fuggi dal duca Filippo c venue ne' terreni 
de' Viniziani , e rivelo loro il segreto del duca Filippo, 
ch' era che tolto ch' egl' avesse lo stato a' Fioreutini , 
lo torrebbe loro. Lo intendere questo dal conte Gar- 
mignuola gli niosse alquanto della loro opinione , ma 
non in modo che volcssino cedere. Sollecitavano a Ko- 
nia gl' ambasciadori ch' erano a papa Martino , perche 
praticava la pace col duca Filippo , e 1' aveva ridotla 
in buono luogo , in modo che arebbe avuto efletto. 
Quesla pratica di Roma fece che i Viniziani dottono 
qualche speranza della lega. li dnca Filippo faceva 
quello che poteva che la pace di B.oma si concliiudes- 
se , a fiue che la lega non avesse luogo. Veduto qucsto, 
raesscr Lorcnzo taglio le loro lunghezze parlaudo loro 



496 LORENZO 

\ivamente , moslramlo che facendosi la pace a Roma 
col diica Filippo , eglino restavano a sua discrezione , e 
che la pensassino bene , che non voleva essere tenuto 
piii in parole ; e che non facendosi altra conclusione 
che si vedesse , aveva concessione dalla sua Signoria di 
partirsi subito , e cosi farebbe , ed assegno loro uno 
brevissimo tempo , e mostro loro con potenti ragioni 
quali erano le condizioni del duca Filippo. Adopero in 
modo che subito gli indusse alla lega ; e tutto si fece 
con r autorita e fede di messer Lorenzo ; e parve a 
Firenze ch' egli avesse fatta cosa degna di grandissima 
commendazione , sendo in pace col duca Filippo , aver- 
gli indotti a romperla , benche i Viniziani volessino i 
capitoli a lor modo , e cosi gli acconsentirono questi 
del governo rispetto alle condizioni dove si trovavano ; 
e conoscendo che se la pace fusse fatta col Duca , du- 
bitavano della inosservanza sua come altre volte aveva 
faito , e per questo elessono de' dua raali il minore» 

3. In ogni luogo dove ando messer Lorenzo arreco 
grandlssimo onore alla sua patria, Ebbe sempre rispet- 
to alio universale bene della sua citta , e della sua pro- 
sperita non vi penso mai nulla , antiponendo I' onore 
di Dio e del mondo a ogni propria utilita. Conoseesi 
la nettezza sua e della sua coscienza per quello libro 
che fece intitolato cle usuris , dove tratta de' contratti 
leciti e delle restituzioni. E stato questo libro di tanta 
autorita per tutto il mondo , che non fu mai riprovato 
in cosa ignuna. L' arcivescovo Antonino V allega spesso 
nella somma de' contratti e restituzioui , e non discor- 
da mai in cosa ignuna da messcr Lorenzo , ma sempre 
r aliega come se fusse il testo dello evangelio. Vedesi 
clie in questa opera egli duro grandissima fatica ed 
una graudissima diligenza , perche ogni cosa va alla 



niDOLFi. 497 

rngionc cJ alla antovita, e vidc LiiLtl gli scrittori che 
irattano dc' casl dclla coscicnza ; dl cambii e di con- 
tratti non giustl , tutti gli gctla per terra , e danna lutti 
i caml)ii , da' reali in fuora , scrvatc ancora le dcbitc 
circostanze. Dcl monte di Fircnze non c' c ignuno clie 
ne scriva con piii ragioni e plii sodamente , e non se 
ne ingatina comc fanno i piii. Fu uomo scvcrissimo 
in Ogni C3sa , c ncUa sua rcpublica non si lasdo mai 
muovere delle cose giuste ed oneste , e non potcva in 
lui se non la raglonc. 

4» Fu niolto rcligloso e volto al divlno culto , e rct- 
tamentc sentlva della rellglone sua , come dlmostrano 
1' opere sua. Infra I' altre sua dcvozioni cb' egl' avcva 
era in santo Girolamo , del quale si veile cbe diligen- 
tisslmamente raguno tutte T epistolc sua , ed avevane 
piii numero lui cbe se ne trovasse in Italia e fuori. 
Vi sono alcune epistole dclla intcrprctazlone dcl sal- 
tero e d* altre difTerenze di traslazloni dove sono molti 
testi greci ed ebrei , i quall vi ba fatti mettcre di mano 
d' ebrei e di mano di greci accuratlsslmamente, cio cbe 
denota la sua grande diligenza. Vedesi cbc non solo 
fu iurista c canonista , ma cb' egl' ebbe grandissima 
perizia dellc lettere sacre , e con quelle persevero iu 
sino aUa fine , come debbe fare ogni fedeje e buono 
cristlano. II llbro delle epistole di santo Girolamo ri- 
dotto in uno bello vohime volle cbe si mcttesse nella 
Jibrarla di santo Spirito per utillta di cbi lo volcsse 
vedere , e donollo alla sua fine a quelli frati. Non fu 
messer Lorcnzo in vcruna cosa infcriorc a ignuno cit- 
tadino cbe abbia avuio la cltla di Firenzc ne' sui\ tempi 
quando fioriva di uomini singuLari ; ma metterebbesi 
per de' prlml per molte ragioni cbe ci sono , le quali 
per non offondcrc pcrsona si lasciano , e masslmc si 

32 



498 LORENZO RIDOLFI. 

converreLbe a clil avesse a scrivere la vita sua. Qiiesto 
solo si e fatto per uno brieve ricordo come de^V altri 
uomini degni , i quali ha avuto la citia donde era nato. 
5. Protrebbesi aggiungere a tutte queste lode di 
messer Lorenzo una singulare loda , la quale e stata 
in pochi , e quesla e che per novita che avesse la sua 
republica , come hanno dato le condizioni de' tempi 
passati , sempre fuggi la via degli scandali , ed ando 
alla buona e giusta ed onesta , e fu universale amico 
di tulti i buoni cittadini ; e volle che la condizione 
che aveva nella sua cltta , avesse origine da' sua buoni 
portamenti. Non volle essere grande per dare esiglio 
a' cittadini , o per fare mutazione nella ciita , perche 
sempre ne fu nimico ,* e seppe usare si bene questa 
autorita e degnita , che parimente fu amico di ognuno ; 
ed era la sua autorita tanto grande che non sarebl>e 
istato ignuno nella cltta che T avesse richiesto se nou 
di cose gluste ed oneste , conoscendo ch' egl' era dl nH' 
lura che non V arebbe fatte altrimenti. Questo sia per 
memoria di si degno uomo , e per esemplo di quelli 
che lo vorranno imltare. 

63. SER FILIPPO DI SER UGOLim 

I. I3er Filippo si chiamo di ser Ugolino ; benche 
egli non fusse suo figliuolo , allevosselo come (iglluolo , 
non avendone ignuno proprio , e fecelo studiare in la- 
lino ed in greco , dove dlvento doltlssimo, come ap- 
presso si dira. U padre fu poverisslmo uomo da Ver- 
tine di Chianti. Furono in ser Filippo tante virlu , che 
ne la eloquenza di Tullio ne quella di Demostene sa- 
rebbono sufTicienll a poterle narrare. Fu di santissinia 
\ita c costumi in tutte le parti , ed in raodo che su- 



SER FILIPPO DI SER UGOLINO. 499 

pero assai e degl' antlciri e J(?' inoclcvni. Fu dolto iii 
tutte a sette 1* arti liberali , ed ebbe grandissima .pe- 
rizia delle lcttere grecbe , e fu singularissimo teologo. 
Ebbe grandissinia pcrizia della scrittura santa , dilet- 
lossi assai e di astrologia e di geomctria e d' arltmcti- 
ca , dove ne fece scrivere piii libri , e comperonne ia 
ogni faculta , come si puo vedere in santo Marco infi- 
niti volumi cbe vi sono cbc furono sua , c mohisslmi 
libri in teologia cbe egli lascio al monistero di Seltimo 
cbe ancora oggi vi sono. Era uomo modestissimo e di 
pocbe parole , e quellc cbe diceva erano tulte sentenzc. 
2t Volle ser Ugolino cbe fusse notajo ; e molto 
giovane pcr le sua virtii gli furono date le informa- 
gioni corae al piii degno uomo cbe avesse 1' eta sua , 
percb^ si davano queste degnUa alle virtii e non agli 
uomini come si vede cbe feciono a ser Filippo , cbe si 
vede che non fu data per degnila di parentado , ne per 
igniina altra cagione ; il quale luogo tenne con gran- 
dissima autorita , sendo luogo donde ba a venire tutto 
il bene o male della citta , secondo le leirsi cbe vi si 
fanno. Non vi lasclava passare legge , cbe non vi fusse 
drento il bene universale dclla citta ; e quando fusse 
andato a lui alcuno di questi del governo per volere 
fare qualcbe legge cbe non fusse secondo la glustizia , 
ne diceva largamente il parere suo , e non voleva clie 
elle andassiuo coperte <:b' elle non s' intendesslno mol- 
to bene ,• e quando pure 1' avesse avuta a mettere cbe 
non potesse ovvlarla, aveva de' modi a fare cb' ella non 
passasse. Era di tanla fede ed autoritk appresso del po- 
polo e di tutta la citta , cbe mai non g]' aveva ingan- 
nati , cbe quando scr Filippo voleva cbc vincesse , su- 
bito cbe la leggeva , diceva in modo cbe subito letta , 
ella si vinccva ; quando avesse avuto a metterla cb' egli 



500 SER FILIPPO 

non voleva clic si vincesse , faceva in modo cli' egl' era 
inteso di subito , e non aveva fava nera ; e tutto era 
questo per la sua bonla ed integrita. Quando andava 
a lui uno di questi principali per qualcbe cosa cbe non 
fusse giusta , parlalo cb' egl' aveva , se gli volgeva e 
cominciava a ridere , ed usava molto spesso questo atto 
e motto : istatti , e guai*dati dagl' imbratti ; ed onesta- 
ciente gli mostrava il suo errore. Ovvero egli usava 
un' altro motto cbe diceva , a bottega ; e questo V usa- 
va , quando si partlvano dalle cose giuste e ragione- 
voli. Eesse qucsto ufBcio delle informagioni lungbissi- 
mo tempo , e con grandissima riputazione , come si puo 
ancora vedere per le leggi cbe vi sono fatte da lui , 
e dlrizzo questo luogo maravigliosamente , e fu la citta 
nel tempo suo in grandlssima riputazione. 

3. Era di mediocre statura e di bellisslmo aspetto 
cbe rappreseniava grandlssima gravita. Vestiva tutto di 
pavonazzo col maulello infino in tcrra , e da cavare le 
mani da lato al mantello. Era molto allegro , e sempre 
pareva cbe ridesse. Fu opinione mlrabile di lui cbe 
fusse vergine. Non volle mai donna ; visse con gran- 
dissirao tlmor di Dio , ed era rellgioslssimo ed amatore 
de' buoni. Viveva in casa parcissimamente di cibi gros- 
si ; aveva una donna veccbia cbe lo governava , ed uno 
famigllo in casa. Cosi islette il tempo cbe abito in Fi- 
renze. Faceva infinite limosine segrete. I dua cblostri 
della badla di Flreuze e di sotto e di sopra fece fare 
ser Filippo , ed i dua dormentorii nuovi cbe sono allc 
campora dal lato dcIL' orto , cd in ignuno luogo non 
pose mai arme. Marito ancora delle limosine cbe fa- 
ceva plii fanclulle ; dava per Dio plii della meta del 
suo salarlo cbe aveva ; come si poteva vcderc per il 
libro del moute donde aveva il suo salarlo ; da qucllo 



DI SER UGOLINO, 504 

in fuora chc voleva iii casa dove viveva parclssima- 
menle , ed i libri cbe comperava , liitto il rcsto dava 
per Dio. Non accetto mai presente ignnno. Intervenne 
uno di che uno pisano , il quale era stato molto per- 
seguitalo , e ser Filippo 1' aveva del continovo ajutato j 
parendogli essergli molto oLligalo , gli mando una mat- 
tina certi pesci mai*ini. Giunto a casa e trovati questi 
pesci , glieli rimando a casa per il suo famiglio. Ve- 
ncndo dipoi il pisano a lui , lo trovo molto alterato , 
e si gli disse , che non lo richiedesse piii di nulla , che 
non lo servirehbe , e ch' egli non era uomo da pre- 
senti , e che egli non lo conosccva bene. 

4« Aveva uno animo generoso , non come uomo 
iiato di Yilissima condizione , ma come fusse nato di 
nobilissimi parenti. Non ayeva paura di persoua delle 
cose giuste ed oneste. Biasimava molto gl' imperiti delle 
lettere , e massime quelli che avevano il governo della 
republica , e per questo mi disse come sendo venuto 
uno arcivescovo ambasciadore dello imperadore ch' era 
anticamente de'Gherardini, il gonfaloniere era de'Vec- 
chiti , e non sapeva lettere ne lui ne ignuno de' com- 
pagni. Avendo 1' arcivescovo csposto la sua ambasciata 
latina , ed avendogli fatto rispondere al cancelliere , e 
dato il di ch' egl' avesse a venire per risposta , sendo 
venuto e scndo in su la sala per aspettare questa ri- 
sposta , e non vi sendo il cancellicre , non se gli po- 
leva rispondere. AI gonfaloniere pareva essere impac- 
ciato. Dolendosi che quella Signoria avesse quella ver- 
gogna , dissc ser Filippo che arebbe pagato bcne assai 
a avere saputo il gonfaloniere tanto che solo gl' avesse 
saputo rispondere , e poi 1' avesse dimenticato. Vedesi 
di quanio onore e frutto sono le lettere per la vergo- 
gna che glipareva chc avesse quclla Signoria quello di. 



502 SER. FILIPPO 

Gli esercizi di ser Filippo erano qncsti : come e detto , 
era sobrissimo nel mangiare e riel bere , e di qucllo 
poco usava solo per la necessith» Tutto il tempo che 
gl' avanzava del palazzo in fuori , atlendeva a studiare 
opere sacre , e del continovo aveva scrittori , a' quali 
egli faceva scrivere e opere di santo Girolamo e di san- 
to Agoslino e di tutti i dottori della Cbiesa. La mattina 
air ave Maria del di andava a udire messa , dipoi udito 
messa n' andava a palazzo , ed era de' primi cbe v' an- 
dassino per attendere a' fatti del comune , dove usava 
grandissima diligenza. II di , desinato cb' egl' aveva , 
se n' andava agl' Agnoli a visitare frate Ambrogio , e 
quivi istava alquanlo ; di